Intervista ad Arsenio Siani, di Fioralba Focardi

Ho incontrato Arsenio Siani l’Autore di “Quello che le Donne non dicono” alla Libreria Mondadori di Siena per la presentazione del suo libro. Così è nata l’intervista, di lui si può dire che ha la faccia del bravo ragazzo, ma sopratutto sa che la parola violenza ha tante sfumature, tante possibili ferite, tante vittime ognuna con una sua personale mole di cicatrici. Ascoltiamo quello che ha da dirci Arsenio Siani.

 

Arsenio tu ti occupi oltre che di scrittura, anche dell’ascolto delle Donne in difficoltà. Quando una Donna ti chiede aiuto, cosa chiedi a Te stesso come Uomo che lavora su pazienti che hanno patologie che sono conseguenze di violenze subite? E quali domande ti poni? 

Quando una donna mi chiede aiuto mi domando innanzitutto perché lo ha chiesto proprio a me. Poi mi domando quale aiuto posso offrirle, infine mi domando cosa posso dire o fare affinché lei possa convincersi che può farcela.Aiutare è diverso da salvare, se ho l’impressione che una donna chieda di essere salvata, ovvero che qualcuno cerchi di risolvere il problema al posto suo, faccio in modo che si renda conto che nessuno può fare un lavoro del genere per qualcun altro. Ognuno deve assumersi la responsabilità della sua vita.

La tua risposta è per la parte professionale, ora ti chiedo per la tua parte Umana, quella di Uomo che vive nel quotidiano: che reazioni ti portano questi gridi d’aiuto?

Mi portano dapprima rabbia e dolore per la consapevolezza del male che c’è nel mondo. Un male di cui sono stato e sono tuttora testimone, che a volte mi spaventa e mi demotiva. Poi emerge il desiderio di fare qualcosa, di dare un contributo al cambiamento. Cerco di alimentare la speranza in me stesso che ci sia sempre un’alternativa.

Arsenio credi che si possa arrivare a cambiare le cose? E se sì, in che maniera?

Io credo che si possa cambiare, ma è necessario farlo partendo dall’educazione. Educare per favorire un cambio di mentalità, affinché i nostri figli e i figli dei nostri figli abbiano un’alternativa di pensiero.

 

Arsenio Siani

Ti ho posto questa domanda. sperando in questa risposta: credo anche io che l’educare possa portare solo buoni frutti. Ora ti faccio una domanda forse provocatoria, ma a mio parere realista. Dipende anche dalle Donne il cambiamento? E se sì, in cosa dovrebbero cambiare?

Sicuramente dipende anche da loro. Dal loro coraggio di denunciare se subiscono violenze. Dal desiderio di aiutare un’altra donna a cambiare. Dall’ educazione che danno alle loro figlie, dalla capacità che hanno di trasmettere loro coraggio, dignità e forza.

Quanto può servire comprendere il passato, comprendere che quello che ci ha strumentalizzato, relegandoci a comparse riproduttive, quel metterci sempre dietro a una cortina d’imperfezione, ci può aiutare a renderci più consapevoli nel ruolo che oggi ci appartiene?

Credo che non sia poi così importante comprendere il passato, le cause che possono aver portato a quella condizione. Rischia di essere fuorviante per due motivi: innanzi tutto può portare le persone a credere che gli è tutto dovuto perché hanno sofferto, come una sorta di ricompensa per ripagare il dolore subito. Un ragionamento che rischia di sfociare in atteggiamenti egocentrici ed egoistici. In secondo luogo, concentrarsi sul passato rischia di depotenziare una persona, che rischierebbe di scivolare nel vittimismo e nella passività per l’incapacità di affrontare lucidamente quel dolore. Credo che il ragionamento più sano sia chiedersi cosa si può fare in questo momento, qui ed ora, con le risorse a disposizione, per migliorare la mia condizione? Al di là di ciò che è stato, penso che valga la pena concentrarsi sul presente.

Parlaci del Tuo Libro Quello che le Donne non dicono.        

Lo definirei “Quello che le Donne non dicono” come un romanzo-inchiesta, un libro che attraverso storie e racconti, cerca di narrare un fenomeno emblematico di ciò che si muove negli abissi dell’animo umano

Ti pongo l’ultima domanda, anzi no, parlaci in breve di te, di come sei e di ciò che vuoi per il tuo futuro.

Mi ritengo una brava persona che vuole essere d’aiuto agli altri, dare un contributo ad un possibile cambiamento, consapevole che un piccolo contributo da parte di un piccolo uomo può determinare l’inizio di un circuito virtuoso che porti ad una vera e propria rivoluzione all’interno della società. Nel mio futuro vedo il proseguimento di questo percorso, una lotta per raccontare, denunciare e provare a cambiare.

Tutte le Opere di Arsenio Siani “Roba degli altri mondi”, edita nel 2013 per Officine Editoriali. “Il prezzo della conoscenza”, edita 2015 per Officine Editoriali b “Due anime”, edito come autopubblicazione nel 2015 “Fuga dagli altri mondi”, edito nel 2016 da Montecovello editore. “Quello che le Donne non dicono” edito nel 2018 da Titani Edizioni per Le Collana di Accademia Edizioni ed Eventi. https://store9093240.ecwid.com/QUELLO-CHE-LE-DONNE-NON-DICONO-p101460842

Fioralba Focardi

One thought on “Intervista ad Arsenio Siani, di Fioralba Focardi”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...