Il carrello della spesa per i centri storici e oltre…

Creando Idee

Avete problemi per portare a casa pesanti borse di verdura, o buste colme di spesa, perché la vostra casa si trova all’interno di un centro storico? O non avete un parcheggio vicino? La soluzione sta per arrivare, si chiama ‘Mobot’,  ed è carrello robotico in grado di muoversi in maniera autonoma e di portare dall’auto a casa la spesa o le merci acquistate, ideato dai ricercatori della Scuola Sant’Anna di Pisa è rivolto principalmente per chi abita in centri abitati chiusi al traffico. In particolare, il sistema è stato progettato per il paese di Peccioli (Pisa), nell’ottica della continua valorizzazione del centro storico per aumentarne la vivibilità a favore di residenti, commercianti e turisti. La sperimentazione in anteprima mondiale, in questo paese, e  se tutto andrà bene MoBot resterà di proprietà del Comune, e altre città italiane potranno beneficiare di questo elemento d’innovazione.Il funzionamento è molto semplice ed è…

View original post 93 altre parole

Le piante nemiche dei 4 zampe

Creando Idee

Le piante in casa sono facilmente accessibili al cane e, ancor di più, al gatto. Dato che gli animali non sempre sono in grado per istinto di distinguere le piante velenose da quelle che non lo sono, potrebbero finire anche in situazioni pericolose senza rendersene conto. In generale i gatti sono più predisposti a risentire degli effetti negativi del veleno delle piante rispetto ai cani ma le attenzioni valgono in ogni caso per tutti ed è bene non abbassare mai la guardia. quindi, se si ha un gatto bisogna rassegnarsi e dire addio alle piante o all’idea di abbellire la casa con i fiori? Non proprio. Si possono acquistare piante non tossiche oppure prendere una serie di precauzioni e piccole astuzie: spostare la pianta in un posto dove il gatto non possa arrivare o comunque riparata; proporre sempre l’erba gatta fresca e un tira graffi per garantire un diversivo al…

View original post 194 altre parole

Voldemort: Origins of the Heir – La mia opinione sul film fan made

Il Lettore Curioso

Buon sabato sera a tutti!

Se siete rimasti a casa questa sera forse avete visto il film fan made Voldemort: Origins of the Heir. Se non l’avete ancora visto potete farlo qui.

Voldemort: Origins of the Heir è un film fan made, realizzato da alcuni fan italiani e prodotto dalla Tryangle films. La Warner Bros ha permesso la realizzazione del progetto, ma ne ha preso le distanze, il film è quindi UNOFFICIAL.

Il film ha una durata di 52 minuti e racconta l’ascesa di Voldemort al potere e la creazione degli Hocrux attraverso il racconto di Grisha McLaggen, erede di Grifondoro.

vol3

È stato realizzato in lingua inglese, ma sono disponibili i sottotitoli in diverse lingue. Il problema maggiore del film è forse il doppiaggio. La maggiorparte del cast ha recitato in italiano (o almeno così mi è sembrato) ed è stato poi doppiato in lingua inglese. Credo che questa scelta…

View original post 313 altre parole

The edge of seventeen [RECENSIONE]

Il Lettore Curioso

Buona domenica lettori! Oggi voglio parlarvi di un film che ho visto qualche giorno fa su Netflix: The Edge of Seventeen.

Nadine ha diciassette anni e i problemi tipici della sua età, tra insicurezze e prime cotte. Dopo la morte del padre anni prima, Nadine è entrata ancora più in conflitto con la madre e il fratello Darian, la cui perfezione la irrita profondamente. Ha però l’appoggio della sua migliore e unica amica Krista, con la quale trascorre ogni minuto libero.

Quando Krista si innamora di Darian, Nadine è devastata e il rapporto tra lei e la sua famiglia si incrina ulteriormente…

La mia opinione [NO SPOILER]

L’anno scorso avevo visto un video di promozione dedicato al film, ma non l’ho mai considerato finché non mi è capitato tra i consigli di Netflix. The edge of seventeen è iniziato con un po’ di lentezza e il timore che fosse l’ennesimo…

View original post 450 altre parole

Libri – Romanzo/5 – La magia di Belardinelli in un romanzo impegnato

Il mio giardino dei ricordi

Libri Romanzo

Il professor Giuseppe Bulgari, in viaggio per Roma dove presiederà un concorso universitario, in treno è colpito dalla somiglianza di una viaggiatrice con Giovanna Farnesi, la bellissima funzionaria ministeriale con cui aveva fatto parte di una commissione al Viminale, quindici anni prima. È lei, non è lei? Non era lei, ma il ricordo di quella lontana vicenda è talmente vivo che il professore la ripercorre in tempo reale.

Così comincia Il Mago, secondo romanzo di Sergio Belardinelli, filosofo e sociologo dell’Università di Bologna (Cantagalli, pagine 184, euro 17,00). Il professore, sposato e con figli, era rimasto folgorato dalla bellezza, dall’intelligenza e dal coraggio di Giovanna, al punto di ingelosirsi quando scopre che Giovanna e Oreste Longoni, terzo componente della commissione, erano amanti.

Il compito della commissione, ferreamente diretta dal prefetto Marini, capogabinetto del ministro, era di vagliare una serie di intercettazioni che avrebbero potuto avere attinenza col terrorismo: si era…

View original post 337 altre parole

Il Santo del giorno/3 marzo – Santa Cunegonda

Il mio giardino dei ricordi

santacunegonda

Non c’è prestigio a questo mondo che valga quanto una vita vissuta nella fedeltà al Vangelo e alla persona amata. Oggi santa Cunegonda ci consegna proprio questo messaggio con la sua storia.

Era nata attorno al 978 e nel 998 sposò Enrico IV, duca di Baviera, che nel 1002 fu incoronato re di Germania. Cunegonda divenne regina e seguì poi il marito a Roma, dove entrambi vennero incornati imperatori nel 1014.

Secondo alcuni cronisti, Cunegonda era sterile ma Enrico non la ripudiò (come avrebbe potuto fare), rinunciando così alla discendenza per essere fedele al matrimonio. Insieme costruirono la Cattedrale di Bamberga e un monastero. Cunegonda partecipò anche al governo dell’impero in assenza del marito, il quale morì nel 1024. Un anno dopo Cunegonda si ritirò nel monastero di Kaufungen, dove morì nel 1033.

Matteo Liut, «Il suo matrimonio fu più forte del diritto», in “Avvenire”, sabato 3 marzo 2018, p…

View original post 1 altra parola

Alda Merini

Astro Orientamenti

E se diventi farfalla

nessuno pensa più

a ciò che è stato

quando strisciavi

per terra

e non volevi le ali

Alda Merini, versi tratti dalla poesia “Se avess’io”

Alda Merini nacque a Milano il 21 marzo del 1931.  Morì il 1° novembre del 2009 nella stessa città di Milano. E’ stata una poetessa, aforista e scrittrice italiana.

E’ stata considerata una delle penne più belle e pungenti della letteratura e della poesia italiana.

View original post

Carnevale tempo di festa

Creando Idee

Tempo di Carnevale: lo spirito del travestimento, dell’allegoria, del diventare altro ha la sua legittimazione culturale. Il Carnevale diverte i bambini ed appartiene anche agli adulti. L’Italia è un paese carnevalesco: Venezia, Viareggio, Putignano e tanti altri. Ma anche in altri paesi, come  Rio de Janeiro il più famoso, è una ricorrenza da celebrare con la massima giocosità trasgressione. Santa Cruz vanta il più “brasiliano” dei carnevali europei: per due settimane la città è invasa da folkloristiche parate. Quest’anno il tema della festa sarà “Il mare e le profondità marine” Si eleggerà la regina della festa, e si proseguirà con le sfilate della “Cavalcata” Nonostante tutto il Mercoledì delle Ceneri,verrà effettuata la “Sepoltura della Sardina” lo spirito del Carnevale, rappresentato da una sardina di cartapesta, venga bruciato, la conclusione vera e propria ha luogo solo nel fine settimana, tra spettacoli, sagre dolci e ulteriori sfilate.

View original post

Racconti: IL NOSTRO DOLORE, di Gregorio Asero

Racconti: ìIL NOSTRO DOLORE, di Gregorio Asero

1 52784451_579876425859939_8543136499493765120_n copia

IL NOSTRO DOLORE
Quando cerchiamo di far partecipi gli altri dell’universalità del nostro dolore, quando lo descriviamo, ci sentiamo un poco consolati dal fatto che pensiamo in maniera….direi ….universale. Nel senso che si ha l’illusione che il nostro dolore sia il dolore di tutti.

Io, illudendomi di essere uno scrittore, ho la presunzione di avere un compito maggiore assegnatomi dalla vita, nel senso che sono “preposto” a renderlo comprensibile a tutti.

A dire il vero non mi piace questa idea, io credo che la verità suprema della vita sia la ricerca della felicità, per questo motivo la mia indagine si orienta sempre verso la ricerca dell’amore, un amore a volte confuso e velleitario.

Tuttavia mi chiedo se uno scritto di cui gli altri non hanno coscienza o conoscenza è per il destino dell’umanità, o più prosaicamente per chi mi conosce, una cosa per cui valga la pena essere letto.
Gregorio Asero

 

Momenti di poesia. COME ONDA.. Rita Frasca Odorizzi

Momenti di poesia. COME ONDA.. Rita Frasca Odorizzi

COME ONDA..

Come onda, io mi insinuo
di acuminato amore,
tra gli anfratti luttuosi,
in te, anima trafitta,
da un ‘inquietudine lenta
smarrita, senza approdo,
nel vagare lento di un mare
senza identità..
Ma un che di assoluto,
senz’occhi e cuore sta,
dove l’alba nasce e muore
con la notte, di malinconia,
nel sole del mattino,
per la gloria del giorno,
che ci prenda per mano,
e ci conduca fuori..
fuori..dall’oscurità.

Momenti di poesia. Germoglio di rosa, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. Germoglio di rosa, di Cesare Moceo

…è nata la prima rosa rossa nel giardino della nostra villetta al Mareluna Village…

53150426_1926939510765286_8770609636916068352_n.jpg

Germoglio di rosa

Come un neo acceso

stai

meraviglia in mezzo al verde

coi tuoi petali rossi
e il tuo occhio lascivo

Foglie aguzze
carezzano il tuo vivere

germoglio di bellezza

cantato dai padri
e dai padri dei padri

Tu regina di vita
nella ragione dei tempi cambiati

a donare al Poeta

insolenze e corbellerie

ispirazioni e poesie
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

La Vergine delle ombre (opera di Agostino Arrivabene) Dario Menicucci

La Vergine delle ombre (opera di Agostino Arrivabene) Dario Menicucci

https://www.oggiscrivo.it/opere/poesia.php?idopera=58174

53311902_715998592129925_1360843302357696512_n

La Vergine delle ombre (opera di Agostino Arrivabene)


Immagino che l’autore del quadro abbia nascosto nelle tenebre il volto della Vergine per lasciarlo all’immaginazione di chi guarda. E’ chiaro che l’oscurità che caratterizza l’ambientazione predisponga a pensieri lugubri in netto contrasto con le vesti immacolate della figura e con il titolo dell’opera. Il quadro è attualmente esposto al Museo della Follia a Lucca. Esiste un’altra versione del quadro con lo stesso titolo: in questa le vesti della Vergine non sono bianche.

Nella strofa finale ho descritto cosa io ho immaginato guardando l’opera


La Vergine delle ombre (opera di Agostino Arrivabene)

Niente…

eppure
vivono
le tenebre.

Gelidi
sospiri
di rocce
e luci avvizzite
di stelle
mai nate.

Non è
l’oscurità
il male
ma l’uomo
che se ne
ciba.

Immagino
nel brusio
della follia
dolcissimo
il volto
dell’amore

Dario Menicucci

Momenti di poesia. DUPLICITÀ, di Mariangela Ottonello Matteo Vigo

Momenti di poesia. DUPLICITÀ, di Mariangela Ottonello Matteo Vigo

53305615_574877509684958_8027579568858595328_o.jpg

DUPLICITÀ

Sono una coppa colma nelle mani
possenti di un variabile destino.
Bevuta in un sol fiato sarò presto,
oppur sprecata andrò, finendo a terra.

Son la chitarra che non è accordata,
eppure si trattiene tra le braccia.
Sono la brevità della giornata
e della notte sono il lungo affanno.

Sono il pane che nutre e sono l’acqua,
ma digiuno d’amore mi avvizzisce.
Sono il pianto sommesso e il grido forte.
Le stelle ho dentro agli occhi e il buio fondo.

Mariangela Ottonello 03/02/2019

Momenti di poesia. Amore infinito, di Ambramarina – Maria Di Loro

Momenti di poesia. Amore infinito, di Ambramarina – Maria Di Loro

Amore infinito

Guardo i miei sogni in alto che si trasformano

e allora cammino a piedi nudi per sentire la sabbia sotto i miei piedi

e sentire tutti gli odori e assaporare bene tutti i ricordi..

per non dimenticare niente…

mentre le nuvole in alto si trasformano

e sembrano conchiglie coniche… a spirale senza fine.

Come il mio dolore.. senza fine.

amore mio ti ho amato a dispetto di tutto e di tutti anche se non eri più mio

ma io lo so tu eri mio e lo sei e lo sarai per tutta la vita.

Momenti di poesia. Tutt’uno, di Yuleisy Cruz Lezcano

Momenti di poesia. Tutt’uno, di Yuleisy Cruz Lezcano

53766585_620303831740598_3361636014559854592_n

Per chi crede nella

compenetrazione di tutte le cose viventi, l’intero

mondo è come un unico

corpo: la rosa può

muovere il suo fusto e

risultare come una 

galassia che fa ruotare la

spina dorsale delle

nuvole; il passero può

muovere le sue palpebre

ed essere come un mare

illuminato dalla luna; il

tempo di un bambino può

essere come il granchio

pizzicato dalla gioia, o

come uno sbuffo di cielo,

dove il sorriso può essere

occhi. Gli occhi di farfalla Continua a leggere “Momenti di poesia. Tutt’uno, di Yuleisy Cruz Lezcano”

RECENSIONE: VIOLA E VERDE, PAMELA DELLA MINA

recensione pamela-della-mina-12-copy

RECENSIONE: VIOLA E VERDE, PAMELA DELLA MINA

Titolo: Viola e Verde
Autore: Pamela Della Mina
Editore: Antonio Tombolini Editore
Modalità di acquisto: 
Amazon | IBS | Antonio Tombolini
Trama: Futura ha vent’anni, parla poco e osserva molto, affacciandosi al mondo da dietro i suoi occhi viola e verdi. Conserva le emozioni ben schedate in un archivio, nell’armadio di fianco al letto. Le ha messe in ordine alfabetico, ma solo per il gusto di aprirle a caso. Intrappolata in una relazione insana, si logora e crogiola nel dolore, vittima di una dipendenza affettiva dalla quale sembra non vedere né volere vie di scampo. Come si può desiderare l’amore se non si sa riconoscerlo? Saranno le amiche d’infanzia a spronarla a reagire e rituffarsi nella vita, dopo alcuni timidi tentativi di farla finita. Viola e verde è un racconto di rabbia indomabile e amore inevitabile, dal finale a sorpresa, ambientato in una grigia Milano annoiata. Un incantesimo che fa rimbalzare il lettore tra i propri estremi, in un percorso a ostacoli verso l’accettazione di se stessi, una vita a due colori, a più velocità. Che sia per tutti una bicromia da esprimere come sinfonia e non come assoli stonati. O forse no… continua su: https://bookchickscafe.com/category/recensione/

“Meet me on a sunless day” – Nayana Nair

it rains in my heart

the sun is so much brighter than it used to be
it makes me wonder if i remembers my days correctly.

has it always been like this,
when did my eyes start creating its own darkness.

(is there a word for it?
like their is word for plants creating food from the drops of sun)

were you always this beautiful?
were you always looking at me with those kind eyes?

my broken mind only remembers cruel gazes.
why did it never take your image in?

how is it so easy to not see?
why is it so easy to believe the worst?

what if i walk over to you, try to smile with you
and call what i feel love

how long will my new vision stay with me?
do you know how to love a blind bitter person?

i am asking since i am always not like this
i…

View original post 26 altre parole

“Remaining Life” – Nayana Nair

it rains in my heart

Hand me back my fear.
Remove all signs of caution.
Anyway, I am dying slowly.
I don’t want to know more.
I don’t want to know better.
Come into my mind.
Here there is no better.
There are only picture frames that do not break
even when they have lost the images they lived for.
It is not the persisting lack in me that makes me feel hollow.
It is the life remaining in my dying organs,
all the reasons that I have for living,
my willingness to invent a reason if needed.
All the substance that hides my lacking
highlights the vacancy in me.

View original post

“What I Remember (11)” – Nayana Nair

it rains in my heart

beauty may be only skin deep
but lack of it goes deeper than that.
so deeper
that you end up learning to want things
that you wouldn’t otherwise even think about.
i wish i could remember every face
that was surprised to know
that i am okay with looking older than i am,
surprised that i do not want to exorcise fats
especially when i have got so much of it.
every morning i wake up
they hover over me like faceless shadows
with black markers, drawing over my body
showing me all that is wrong,
giving me tips so that i can become easy to look at,
hiding their superficiality under the wraps of concern,
whispering how thick-skinned i am when i don’t listen
and wondering what is wrong with the ones who love me.
it made me wonder
that maybe going under the knife
wouldn’t be as bad…

View original post 174 altre parole

My love

forgottenmeadows

My love for you
goes beyond all silver linings
from the darkest storm
it stretches like the wind
to glorious sunlit days
beyond all seasons…
it waves at the universe
with the constant rhythm
of being alive,
of being in love…
My love for you
folds like a gentle prayer
in silent waves
of the vast ocean
that does not question
the emotions
of the heart
rising and falling
like the tides…

My love for you…
is endless hope
with infinite dreams
and peaceful sleeps
of holding you close
in my heart.

poetry nad image copyright neha 2019

View original post

Equine Therapeutics: Using Biochemic Tissue Salts in Healing

A Horses View

Tissue or cell salts may sometimes be thought of as the “red-headed stepchild” in holistic therapeutics. They are triturated yet they are not true homeopathic remedies, and in fact they work within the Law of Opposites, not the Law of Similars. They are not really understood by many naturopaths, and many ‘classical’ homeopaths shun them because they are outside the context of the “totality of symptoms” approach. Yet these little tablets of twelve various mineral salts can be invaluable in certain therapeutic situations…we simply have to understand what they are and know when to use them.

Tissue salts were developed by Dr. Wilhelm Heinrich Schϋssler in Germany during the mid to latter part of the 19th century. Dr. Schϋssler was born and raised during a peak time of conflict between natural science and the burgeoning materialistic approach to science. He was both a homeopath and a medical doctor (for humans)…

View original post 1.891 altre parole

Vaccinosis in Animals

A Horses View

Publishing a post on vaccine damage is something akin to walking into fire.  However, I felt prompted to write this particularly as a result of a recent discussion where someone asked if it could really take seven years of non-vaccination to produce a ‘clean’ litter (specifically referring to natural-rearing breeding – of any domestic species, although dogs were the primary subject) through species appropriate diet; my response was, not necessarily.  I intimated that via the use of homeopathic “clearing remedies” vaccinosis could be reversed.  I think it was a response not particularly understood and likely created more confusion as other things (primarily essential oils) were suggested as being able to do the same regarding clearing the vaccinosis.  This post then is my in-depth response as I did not feel it appropriate to do so within that group.  In order to understand this to the depth it needs to be, several…

View original post 3.444 altre parole

New Places, New Projects

A Horses View

AHorsesView blog is going to be taking an indefinite break.  I am going to be working with my friend Chiara Marrapodi, founder of The Society for Animal Consciousness.  This will be a online platform in which I can indulge my desires to help develop knowledge of the human/animal relationship as it is approached through Goethean science.  Consciousness in animals is now ‘officially’ recognized, yet with many questions remaining; therefore many misunderstandings exist as we oftentimes attempt to apply our own human centrism to the animal.  The consciousness of the animality can be ascertained in a true manner, and by using a participative approach to science given to us by Johann Wolfgang von Goethe and as further elucidated by Rudolf Steiner as well as others past and present, not the least of which are Henri Bortoft, Owen Barfield, Mark Riegner, and Craig Holdrege, we are able…

View original post 305 altre parole

Una canzone medio-allegra, di V.R.

Una canzone

di V.R.

Ho amato un uomo
e questo uomo mi ha lasciata.
Trallallero trallallá
Poi però è ritornato
e allora l’ho ignorato.
Trallallero trallallá.
Poi c’ho ripensato,
l’ho ripescato e lui mi ha evitato.
Trallallero trallallá.
Poi c’ha ripensato,
ha preso un treno ed è venuto.
Trallallero trallallá.
Allora l’ho fatto entrare,
mangiare e ubriacare.
Trallallerò trallallá.
E con l’alcol mi ha detto tanto cose:
che mi ama, che mi pensa, ma che in realtà è sposato.
Trallallero trallallá.
E con l’alcol gli ho detto tante cose:
che lo amo, che lo penso e che non mi sono accorta che
Trallallero trallallá
Forse avevo esagerato con la dose di arsenico nel suo vin brûlé.

Tanto che dal divano non si svegliò più.
Tanto che dal divano non si svegliò più.

Trallallero Trallallá

https://raccontiondivaghi.wordpress.com

Sognando sulla spiaggia. poesia di Lia Tommi

Il respiro della risacca
che s’ infrange sulla spiaggia
e sugli scogli,
gabbiani che volano
in un sogno perduto
d’immenso,
il cielo infinito
d’un azzurro che smarrisce
ed entusiasma
e laggiù
sulla linea dell’orizzonte
si unisce al mare.

Sale sulle labbra
profumo di mare nei capelli
occhi assetati di gioia,
che tentano di afferrare
le illusioni sospese nel vento, come ali che vanno spiegandosi.

E il vento
che trasporta
i sogni lassù
verso il cielo irraggiungibile
e il sole incendiato
domani
risorgendo
li restituirà intatti.

Tra le costole ed il cuore, di Ink Addiction

Tra le

di Ink Addiction

Chiudo gli occhi ed immagino

le stelle ed il mare

in un realtà di cemento e cattedrali.

In una città affannata dalla vita veloce,

mi fermo, immobile

respiro.

Pagine bianche di un quaderno

vuoto,

custode di macigni,

di farfalle,

righe leggere e pesanti:

inchiostro incisore delle mie condanne. Continua a leggere “Tra le costole ed il cuore, di Ink Addiction”

Bianco Letale

Il Blog di Roberto Iovacchini

index

Titolo: Bianco Letale

Autore: Robert Galbraith

Editore: Salani

Traduzione: Valentina Daniele, Barbara Ronca, Laura Serra, Loredana Serratore

Il giovane Billy entra nell’agenzia investigativa di Cormoran Strike, parla in modo confuso, ha un aspetto sporco e trasandato, è pieno di tic nervosi. Nessun comportamento che contribuisca a dargli credibilità. Racconta un fatto accaduto tanti anni fa, quando era ancora bambino. Afferma di aver assistito ad un omicidio ma non è in grado di fornire altri particolari utili a capire meglio cosa stia dicendo. Cormoran si convince che ci sia un fondo di verità nel racconto dello strano personaggio ma non riesce ad interrogarlo perché Billy si dà alla fuga quando scopre che che sta per arrivare la polizia, chiamata da una segretaria dell’agenzia.

Cormoran Strike gestisce l’agenzia di investigazioni con la socia, in passato assistente, Robin Ellacott.  I due lavorano con grande intesa professionale mentre il loro rapporto personale è molto…

View original post 417 altre parole

VOLTI ANIMALI – LA TORRE, ESTRATTO 2, di rebeccastories

Volti animali rebecca-lena-polaroid-sx-70-doppia-esposizione

di rebeccastories

Visto i recenti dibattiti sulla sperimentazione animale – scaturiti dal cosiddetto “caso Caterina”- e ispirata da alcuni spunti di riflessione che propone il biologo Roberto Cazzolla Gatti attraverso questo articolo, ho voluto pubblicare un estratto mai letto del racconto “La Torre“, non tanto col fine di far emergere la mia posizione in proposito, quanto per invitare a riflettere nuovamente su alcuni concetti – che scoprirete fra le righe – ma soprattutto su quella strana equazione inconscia(istintiva?) a cui ragionevolmente crediamo da millenni: piccolo=inferiore?

Milo guadava attentamente un tagliaforbice, chinato sul suo piazzale, lo osservava scalare con fatica le dune delle piastrelle rigate. Provò a stuzzicargli le tenaglie col dito indice, per vedere se lo attaccava, ma pareva troppo impegnato per litigare. Gli piaceva quella bestiolina, e non durò nemmeno il breve tempo con cui avrebbe potuto veramente affezionarsi a lui. A pochi centimetri dal suo viso, con un movimento deciso – ben consolidato nel tempo – un infradito rosa d’improvviso lo strisciò via, lasciandone solamente una lunga sgommata davanti agli occhi increduli di Milo. Continua a leggere “VOLTI ANIMALI – LA TORRE, ESTRATTO 2, di rebeccastories”

Finzioni – I, di Lorenzo Cusimano

Finzioni.jpg

di Lorenzo Cusimano

Finzioni. Sono solo finzioni.
Ogni parola. Ogni nostro abbraccio.
Voluto avresti un amore reale,
ma sono un attore e le finzioni
scorrono come linfa vitale.
Necessita d’un palco ogni istante,
poi che nulla si recita senza
maschera. Finzioni sono in corpo.

Incoraggiano la sua salute
e per questo identico motivo
ingannano le felicità vane.
Così anche il futuro si rivela
una rete di finzioni senza
regole e fuori controllo: più non
è quello che voi avete creduto
nel momento in cui l’avete fatto.

Lorenzo Cusimano

https://qsimano.wordpress.com/

Matteo Renzi. Enews 569 Sabato 2 marzo 2019

Matteo Renzi. Enews 569 Sabato 2 marzo 2019

Se vuoi leggere le altre Enews, clicca qui

Enews straordinaria giusto per un breve saluto su primarie, Governo e libro.

unnamed

1. Primarie. Oggi si vota per le primarie del PD. Auguri ai tre candidati: Martina, Zingaretti, Giachetti. Mi fa piacere che tutti e tre abbiano escluso accordi coi Cinque Stelle e ritorni al passato. Chiunque vinca non dovrà temere da parte mia alcuna guerriglia come quella che io ho subito. Alcuni media dicono che si deve andare a votare “contro Renzi”. Io penso che sia il riflesso condizionato di chi a sinistra combatte da sempre il Matteo sbagliato. Le primarie del PD sono per l’Italia; al massimo sono contro Salvini e Di Maio. Ok, anche se votasse meno gente dell’altra volta non significa nulla: il PD è l’unica forza politica che si affida alla democrazia, altro che piattaforma Rousseau. Grazie ai volontari dei gazebo!!

2. Sono ottimista sul futuro dell’economia mondiale perché penso che Usa e Cina faranno l’accordo sul commercio. Sono preoccupato invece sul futuro dell’economia italiana perché il PIL scende (e il debito sale, occhio alle agenzie di rating please), il lavoro arranca, l’industria dell’auto rischia, la fiducia stenta. E il Governo? Il Governo dorme. In questo scenario il premier Conte annuncia un piano anti dissesto idrogeologico che era un piano realizzato da noi cinque anni fa (Italia sicura) e su cui nessuno ricorda che proprio Conte, come primo atto, aveva chiuso la nostra unità di missione e liquidato il progetto Casa Italia. Hanno fatto perdere otto mesi e tanto PIL all’Italia con la loro incompetenza. E adesso vediamo che cosa si inventano per giustificare la marcia indietro sulla Tav. Continua a leggere “Matteo Renzi. Enews 569 Sabato 2 marzo 2019”

CHAT, LE NUOVE SOLITUDINI

Povertà e Ricchezza

L’uomo di oggi è in crisi: è sempre più solo, si rifugia online, è meno istruito, non sa stare al passo con la donna e ha una ridotta aspettativa di vita.

Così dice uno dei tanti studi che si possono leggere sul web. Difficilmente cliccando CHAT sul google vengono fuori risultati come “luogo virtuoso per incontrare la tua anima gemella o specie di luna park gratuito dove tutti si divertono in gioia e armonia”

la CHAT…alzi la mano chi non ha mai passato un paio d’ore in chat, lasciamo perdere quelle con gli amici, o presunti tali, sul perfido Facebook. Quelle in cui cerchiamo un po’ di sano divertimento durante il noioso tran tran quotidiano, magari in ufficio, oppure in treno, in bosco, sul romantico sentiero che al tramonto segue la linea del mare e delle onde che si infrangono sulla battigia. Si, anche lì va benissimo. Metti una bella…

View original post 475 altre parole

ESTATE AMORE

Povertà e Ricchezza

E’ una cosa logica, scientifica e matematica che in questo strano fine febbraio, con questo sole e questo tempo mite, non su finisca con il pensare all’estate.

Succede che…fissando il paesaggio che corre veloce davanti gli occhi dai finestrini del solito treno regionale, ti accorgi, ancora scioccato dalla levataccia inumana delle 5 di mattina, che qualcosa sta cambiando rispetto ai primi giorni di gennaio, per esempio. (Terribile il passaggio dalle festività natalizie al nulla invernale senza luci).

Succede insomma che noti che si fa sempre più chiaro, da est il sole sorge prima e illumina il profilo delle montagne e più lontano la costa del mare. Le nevi ancora presenti sulle vette fanno bella mostra di sé, lo scintillio del mare pure anche se non lo si vede distintamente. Ma lo si può immaginare.

Ieri, all’ora di pranzo, mentre mi mangiavo un panino nel giardinetto accanto la chiesa, nell’ora di libertà..libertà sempre parola…

View original post 411 altre parole

Cari amici di Ischia Ponte

Al tavolo di Amalia

Sono stata ben felice di partecipare la scorsa settimana all’assemblea per la costituzione del Comitato “Salviamo Ischia Ponte” e ho constatato con gioia che la sala era stracolma. L’opera in eterna costruzione all’ingresso del Borgo, che – almeno da quanto è dato sapere – prevedeva una sala congressi e un super parcheggio interrato, ha causato oltre che danni immensi all’occhio e all’ambiente, anche disagi talmente forti da smuovere – finalmente  – le coscienze.

Le reazioni entusiastiche di diverse persone all’apertura dei lavori – sì, ci furono – si sono trasformate in un boomerang. Non so se quelle persone allora entusiaste si siano ricredute o se sono soltanto deluse perché l’opera megagalattica non è stata – ancora – portata a termine.

Io non ho aderito al Comitato, e vorrei spiegare le mie ragioni. Credo che Ischia Ponte abbia innanzitutto  bisogno di trovare comunione d’intenti, di superare antiche divisioni tra…

View original post 600 altre parole

La conferenza di Galimberti a Ischia. Riflessioni personali

Al tavolo di Amalia

Umberto Galimberti a IschiaMentre aspettavo che iniziasse l’attesa conferenza del prof. Galimberti nella sala del Polifunzionale di Ischia, ho avuto il piacere di incontrare alcune vecchie amiche. Annamaria, ad esempio, oggi è l’anima della Pro Loco Lacco Ameno e un tempo era impegnata nella ProCasamicciola. Proprio con Annamaria parlavamo di quanto sia importante per noi, sessantenni o quasi, la vita associativa, il gruppo, il lavoro a stretto contatto con le persone. È un tipo di vita che ancora oggi ci piace condurre e che, nel nostro piccolo, speriamo di trasmettere.

Eppure nel suo intervento il prof. Galimberti ci ha ricordato tra l’altro quanto manchi oggi ai ragazzi la possibilità di confrontarsi. Sono eroi fragili e soli, chiusi negli aggeggi elettronici fin da tenera età, seduti davanti a uno schermo a lavorare da posizione remota. L’invasione della tecnologia ha prodotto disastri nella vita quotidiana, impedendo…

View original post 371 altre parole

Racconti di vita quotidiana

La vita scritta letta e cancellata

Racconti di vita quotidiana

Genere Narrativa
http://www.pluriversumedizioni.it/prodotto/racconti-di-vita-quotidiana/

Racconti di vita quotidiana in uscita a Dicembre

DESCRIZIONE
Un libro con un titolo dal sapore familiare: l’autore presenta una serie di racconti di vita quotidiana sullo sfondo della mitica amabile Siena, con i suoi monumenti, la sua storia, le sue usanze, la sua gastronomia, in un affresco sublime e caratteristico. Il linguaggio è semplice, eppure in grado di riconsegnare vicende e riflessioni profonde che s’intrecciano con maestria narrativa alle illustrazioni disseminate nel testo che accompagnano piacevolmente la lettura.

L’AUTORE

Sono di Casciano di Murlo (SI) e nato nella città del palio, da padre toscano di Siena e madre campana di Benevento. Ho lavorato come aiuto cuoco e gommista. Amo la musica, ballare e scrivere per passatempo. Mi piace fare lunghe passeggiate per ammirare la natura, in tutta la sua essenza. Amo anche gli animali, specie i cani e i gatti…

View original post 32 altre parole

Carnevale in provincia, di Cristina Saracano

Appuntamento, oggi alle 14,30 a Cassano Spinola in piazza XXV aprile, con il carnevale: sfilata di carri, pentolaccia, animazione con Pazzanimazione e polenta e salamini per tutti.

A Mirabello Monferrato, sempre dalle 14,30, sfilata di carri, distribuzione di dolci con offerta libera, e un carro speciale per i bambini che distribuiranno coriandoli e stelle filanti. A cura di Pro Loco e Comune

Dermopigmentazione paramedicale dell’aureola

cuoreruotante

Dopo l’ultimo intervento di ricostruzione, nell’ottobre del 2017, non mi mancava di attendere che la ferita guarisse per poter poi rimettere tutto al posto giusto, e, finalmente, chiudere un cerchio e andare avanti come se nulla fosse mai successo. Il chirurgo mi disse di aspettare tre mesi prima di occuparmi delle cicatrici, ma io decisi di far passare un po’ più di tempo ed utilizzarlo per riprendermi e per coccolarmi con unguenti e creme a base di aloe vera, burro di cacao e olio di oliva al fine di ammorbidire la ferita e renderla meno visibile possibile. Dopodiché ho iniziato a cercare una persona adatta ad eseguire questo tipo di lavoro. Mi era già stato anticipato che il costo sarebbe stato intorno ai 600 euro, una cifra davvero esorbitante, soprattutto considerando il fatto che non si è trattato di un intervento di vanità estetica e che non è certo stata…

View original post 679 altre parole

Good Bye, Lenin! – Wolfgang Becker (2003)

Morirò quando la vita mi lascerà senza parole

Christiane: <<Io vi ho mentito in tutti questi anni. Le cose non stanno come credete voi. […] Vostro padre…vostro padre non è fuggito a causa di un’altra donna. Questa è una bugia. E anche quando vi dicevo che non scriveva…vi ho mentito di nuovo. Mi ha scritto molte lettere e anche a voi due. Sono nascoste nel mobile in cucina. Gli stavano rendendo la vita impossibile perché non era iscritto al partito. Era un inferno. Lui non lasciava trapelare nulla in casa ma io mi accorgevo di tutto. Però non sono stata in grado di aiutarlo. Finché non dovette andare a quel congresso a Berlino Ovest. Avevamo solo due giorni per organizzarci. L’idea era che lui si sarebbe fermato là e noi l’avremmo raggiunto successivamente. Confesso. Mi è mancato il coraggio. Ero letteralmente in preda al terrore. Voi non avete idea di cosa significhi chiedere un visto per un viaggio…

View original post 65 altre parole