Il cantiere della nuvola

Morirò quando la vita mi lascerà senza parole

Momenti istintivi come la percezione del pericolo.

Arrivi senza nessuna aspettativa.

Come porte che si aprono nel nostro sonno all’improvviso.

La cura nella notte.

Arriveranno e mi faranno male, l’infermiera vecchia mi sta sul cazzo,

ricorda la cattiva di qualche film visto da bambino.

La stanza e i corridoi sono troppo bianchi.

Arrivata come cibo ai barboni.

Cerco nuova droga fatta di pelle,

e tu sei il nuovo premio Nobel alla dermatologia.

Ho passato una vita al CERN a trovare nuovi modi di far funzionare il cuore.

Ho passato anni in cardiologia.

Quando forse l’amore come per gli etruschi è nel fegato.

Anche gli etruschi non hanno capito un cazzo.

Gli etruschi erano alcolisti.

A Gossolengo bevevano da fare schifo fino a vomitare.

I Piacentini derivano dagli alcolisti ma fanno un formaggio di Cristo.

Inseguiamo la bellezza. Anche dove non c’è per tutti.

Andiamo a vedere le auto incidentate.

I…

View original post 379 altre parole

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...