Incontro all’UPO sul regionalismo differenziato, di Lia Tommi

Nuovo incontro in tema di regionalismo differenziato
Venerdì 8 marzo Alessandria ospita una lezione del prof. Giovanni Tarli Barbieri

Giunge al terzo appuntamento il ciclo di incontri dedicato al tema del regionalismo differenziato promosso dal Dottorato alessandrino in Autonomie locali per l’anno accademico 2018-2019.

Dopo le lezioni dei proff. Matteo Cosulich (Università di Trento) e Mario Bertolissi (Università di Padova), venerdì 8 marzo (ore 14, Palazzo Borsalino) sarà la volta del prof. Giovanni Tarli Barbieri, ordinario di Diritto costituzionale nell’Università di Firenze.

Autorevole studioso della nostra forma di Stato e delle sue fonti, nonché co-autore di uno dei manuali di diritto regionale più diffusi e apprezzati nelle Università italiane, il prof. Tarli Barbieri concentrerà l’attenzione sui profili procedurali e sostanziali della c.d. legge di differenziazione, ovvero la legge che il Parlamento, approvandola a maggioranza assoluta sulla base di una intesa conclusa tra Governo e Giunta regionale, può attribuire alla Regione interessata ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia ai sensi dell’art. 116, comma 3, della Costituzione.

“Proprio il rapporto tra l’intesa e la legge attuativa, che ha iniziato ad essere oggetto anche di una accesa discussione politica, – ha dichiarato il prof. Renato Balduzzi, ordinario di Diritto costituzionale nell’Università Cattolica del Sacro Cuore e responsabile scientifico del DRASD, il quale introdurrà l’incontro – pone in modo ineludibile il problema del ruolo del Parlamento all’interno della procedura di attuazione del regionalismo differenziato. Sembra stia finalmente prevalendo l’opinione che intese così delicate non possano essere lasciate alla sola trattativa tra esecutivi statale e regionali. Sotto il profilo sostanziale, poi, sarà interessante, dopo aver ascoltato i punti di vista simmetrici di Cosulich e Bertolissi, approfondire con un giusregionalista accreditato come Tarli Barbieri la decisiva questione se il regionalismo differenziato costituisca un tertium genus di autonomia regionale, accanto a quella ordinaria e a quelle speciali, oppure sia, come sembrerebbe emergere dall’impianto costituzionale, una mera articolazione dell’autonomia ordinaria”.

Concluderà l’incontro il prof. Jörg Luther, ordinario di Istituzioni di diritto pubblico nell’Università del Piemonte Orientale e coordinatore del dottorato in “Istituzioni pubbliche, sociali e culturali” del quale il DRASD fa parte. La lezione, che si rivolge come da tradizione oltre che agli studiosi anche ai sindaci e agli amministratori locali del territorio, è aperta al pubblico previa iscrizione (drasd@uniupo.it). Si allega il programma.

Nuovo appuntamento con “Red Note”, di Lia Tommi

I concerti di Red Note

Giovedì 14 marzo 2019

ATTILIO ZANCHI – AZUL

Brani originali e musiche dal mondo.

Fausto Beccalossi: fisarmonica

Oscar Del Barba: pianoforte

Attilio Zanchi: contrabbasso

Un nuovo trio formato da tre celebri e virtuosi specialisti nei loro rispettivi strumenti.b

Svariati generi musicali influenzano la loro musica in una interessante e particolare fusione. Echi di jazz, di musica cubana, argentina e brasiliana formano uno stile personale che influenza le loro composizioni originali. Nel loro concerto suonano inoltre musiche provenienti da varie culture, in particolare nel loro repertorio vi sono brani riarrangiati appartenenti al mondo latino fra i quali “Historia de un Amor” di Carlos Almoran, “Rosa” e “Carinhoso” di Pixinguinha, “Um Anjo” di Egberto Gismonti.

FAUSTO BECCALOSSI

E’ unanimemente considerato uno dei massimi specialisti in campo nazionale e internazionale della fisarmonica jazz. Nel ’97 inizia la carriera da professionistica con alcuni gruppi italiani. Da citare Gramelot Ensemble di Simone Guiducci. Ha collaborato e registrato con alcuni fra i migliori musicisti dell’area italiana ed internazionale: K. Wheeler, R. Dani, S. Gibellini, G. Mirabassi, P. Fresu, G. Trovesi, R. Alessi, E. Friedlander, C. Speed, Maria Pia De Vito, D. Byron e Al di Meola col quale ha suonato in tournèe mondiali per 8 anni.

OSCAR DEL BARBA

Nato a Brescia nel 1968, si è diplomato in pianoforte, in jazz, in composizione ed in strumentazione per banda. Si è avvicinato a svariati generi musicali (jazz, musica cubana, argentina, brasiliana) che, unitamente agli studi classici, hanno formato uno stile personale, originale che influenza le sue composizioni oltre che le sue improvvisazioni. E’ vincitore di numerosi importanti concorsi sia di piano jazz sia di composizione classica/sperimentale e jazz. Vanta collaborazioni come pianista con il cantautore Francesco Guccini e con importanti musicisti del panorama musicale del jazz internazionale (Markus Stockhausen, Dave Liebman, Ralph Alessi, Javier Girotto, ed altri) che lo hanno portato a tenere concerti in importanti festivals in Italia ed all’estero. Molto richiesto come arrangiatore ha inciso numerosi cd a proprio nome per l’etichetta discografica Velut Luna.

ATTILIO ZANCHI

Nato a Milano nel 10 luglio 1953 ed inizia lo studio del contrabbasso nel 1978 dopo diverse vesperienze nei più diversi generi musicali. Frequenta per due anni i corsi di jazz del Conservatorio di Milano sotto la guida di Giorgio Gaslini e per tre la scuola Civica. Nel 1979 entra a far parte dell’Open Form Trio con Piero Bassini e Giampiero Prina con i quali collabora per diversi anni. Nel 1980 ottiene una borsa di studio presso la University of Fine Arts di Banff (Canada) e presso il Creative Music Studio di Woodstock (USA) dove perfeziona lo studio del contrabbasso con Dave Holland ed improvvisazione con Karl Berger, George Lewis, Sam Rivers, Jimmy Giuffré, Ed Blackwell, Lee Konitz, Kenny Wheeler, Jack de Johnette e John Abercrombie. Nel 1981 suona al Woodstock Jazz Festival con Baikida Carrol, Julius Hemphill, Ed Blackwell, Nana Vasconcellos, Collin Wallcot, Dewey Redman e Howard Johnson e con la Woodstock Workshop Orchestra. Al suo ritorno in Italia entra a far parte del Milan Jazz Quartet ed inizia la collaborazione con il gruppo di Franco D’Andrea e Paolo Fresu incidendo diversi dischi, alcuni di questi premiati dalla critica come “migliori dischi dell’anno”, e svolgendo numerose tourneé in tutto il mondo suonando nei festival jazz più importanti in Usa, Canada, Australia, Africa, Russia e in tutta Europa. Contemporaneamente suona con moltissimi celebri jazzisti namericani ed europei in tour, registrazioni, concerti e session tra i quali Lee Konitz, Tony Scott, Sam Rivers, Joe Farrel, Slide Hampton, Harry Sweet Edison, Mal Waldron, Bobby Watson, Dave Liebman, Al Cohn, Gerry Mulligan, Sal Nistico, Lew Tabackin, Jimmy Knepper, Bob Berg, Louis Hayes, Don Cherry, Roy Hargrove, Chick Corea, Peter Erskine, John Surman, Eddie Lockjaw Davis, Pierre Favre, Phil Woods, John Stowell, Steve Lacy, Gary Burton, Milt Jackson, Sheila Jordan, Mark Murphy, Trilock Gurtu, Nancy King, David Linx, Tom Harrell, Garrison Fewell, George Cables, Toninho Horta, Jay Clayton, Billy Drummond, Don Friedman, Dave Douglas. E’ stato eletto “miglior contrabbassista italiano” nel referendum indetto dalla rivista Guitar Club nel 1992. Nel 2006 fonda il trio Ars3 insieme a Mauro Grossi e Marco Castiglioni con i quali incide il cd “Distanze” e “Promemoria”. Nel 2007 fonda il quintetto Portrait of Mingus dedicato alle musiche di Charles Mingus. Nel 2012 inizia la collaborazione con Inside Jazz Quartet insieme a Tino Tracanna, Massimo Colombo e Tommy Bradascio con i quali incide due cd. Nel 2016 registra il cd “Ravel’s waltz” a proprio nome.

Il concerto Red Note si svolgerà in via Cavour 32, presso l’Hotel Alli Due Buoi Rossi.

Informazioni utili:

Per assistere ai concerti sono previste due formule:
Cena+concerto a € 30 a partire dalle ore 20.00

Drink+concerto a € 10 a partire dalle ore 21.00

E’ gradita la prenotazione allo 0131. 517171

Sponsor:

“Red Note” è un evento in compartecipazione con il Comune di Alessandria, si svolge grazie al sostegno della Fondazione Social, della Fondazione CRT, della Fondazione CR Alessandria e rientra nell’ambito del festival diffuso “Piemonte Jazz Festival” e del “Festival Identità e territorio”.

FIORE RECISO, di Miriam Maria Santucci

03 Fiore reciso
FIORE RECISO
di Miriam Maria Santucci
Ti ho visto lì,
seduto tra le foglie,
tra gli aceri d’un viale senza fine,
come un petalo rimasto chissà come.
In mano reggevi le tue scarpe
e un orsettino che chiamavi “Amore”.
Petalo vivo tra le foglie morte…
Occhi perduti in un punto lontano
e nel tuo sguardo ho letto il tuo dolore,
nel tuo silenzio ho udito il tuo richiamo.
Ho poggiato la mano sul tuo viso
e il tuo calore mi ha marchiato il cuore.
Tu mi hai fissato pieno di stupore
e hai lasciato un attimo le scarpe.
Fiore reciso, senza più parole…
Fiore reciso, senza più un affetto…
Petalo vivo tra le foglie morte…

Poesia tratta dalla raccolta “Le Impronte della Vita”.
© Copyright 2015 – Miriam Maria Santucci.

Eventi della Mostra di San Giuseppe a Casale Monferrato, di Lia Tommi

Mostra di San Giuseppe dal 15 al 24 marzo 2019 a Casale Monferrato

– QUALE CULTURA NEL 2020 ?

Una conferenza nella Sala Eventi
Per i 25 anni di Arteinfiera

In occasione dei venticinque anni di ‘Arteinfiera’, la rassegna di arte contemporanea che si ripete ogni anno all’interno della Mostra Reginale di San Giuseppe, giovedì 21 marzo, alle ore 21, si terrà la conferenza “Quale cultura nel 2020 ?”. L’iniziativa è promossa dalla Consulta Cultura del Comune di Casale Monferrato, e dall’ideatore di ‘Arteinfiera’, Piergiorgio Panelli, artista e critico d’arte. Sarà condotta dalla giornalista Veronica Iannotti, a vi prenderanno parte Giuliana Bussola, critico d’arte, lo stesso Panelli, Ilenio Celoria, artista ed insegnante, Massimo Iaretti, giornalista, Roberto Coaloa, scrittore e storico. Nel contesto della serata si ricorderà la ‘Giornata della poesia’ con un intervento poetico di Iris Devasini, Paola Casulli, Pierluigi Porta.

Per informazioni

D&N Eventi Srl
Corso Valentino 72 – 15033 – Casale Monferrato (AL)
Tel. 335.7404114.
Posta elettronica: commerciale@deneventi.it

_______________________________________________________________________________________

– Valcerrina, percorsi di natura, di Fede e di arte cristiana

Nell’ambito delle iniziative collaterali della edizione numero 73 della Mostra Regionale di San Giuseppe, l’Unione dei Comuni della Valcerrina – che è presente anche quest’anno con un proprio stand – organizza una serata dal tema ‘Valcerrina, percorsi di natura, di Fede ed arte cristiana’

mercoledì 20 marzo alle ore 21.15 in Sala Eventi

I lavori verranno introdotti da Fabio Olivero, presidente dell’Unione dei Comuni della Valcerrina.
Intervengono Augusto Cavallo di Cammini DiVini e Nordic Walking Valcerrina che si soffermerà sulle potenzialità naturalistiche della Valle, Massimo Iaretti, consigliere delegato al turismo dell’Unione dei Comuni Valcerrina e Chiara Parente, insegnante, scrittrice e collaboratrice della rivista ‘Medioevo’ alla quale ha dedicato un itinerario incentrato proprio sulla Valcerrina.
“Nell’occasione – dice Massimo Iaretti – verrà illustrata una nuova proposta di itinerario, che coinvolge la Valle, oltre che nella parta Alessandrina, anche in quelle Astigiana e della Città Metropolitana di Torino, peraltro già ben tracciato dall’articolo di Chiara Parente, uscito nell’agosto dello scorso anno. E non si tratta di una sovrapposizione né alla Superga – Crea, né alla ciclovia Vento, bensì è una ulteriore proposta di valorizzazione del patrimonio artistico e culturale esistente”.
Casale Monferrato, 5 marzo 2019

Per informazioni

D&N Eventi Srl
Corso Valentino 72 – 15033 – Casale Monferrato (AL)
Tel. 335.7404114
Posta elettronica: commerciale@deneventi.it

Il plauso dell’Amministrazione Comunale all’Accademia Kodokan per i successi di Modena, di Lia Tommi

Alessandria: Mercoledì 13 marzo 2019 ,alle ore 18.30 , all’ ACCADEMIA KODOKAN ALESSANDRIA,
via Plana 104 – Alessandria, incontro dell’Assessore allo Sport Pier Vittorio Ciccaglioni, in rappresentanza dell’Amministrazione Comunale, con gli atleti kendoki alessandrini dell’Accademia Kodokan che si sono confermati primi in Italia.

Ai recenti Campionati nazionali di Kendo svoltisi a Modena (3-4 marzo), la prestigiosa Accademia alessandrina ha infatti conseguito il titolo tricolore a squadre.
La Medaglia d’oro è stata infatti conferita alla squadra composta da Fabrizio e Francesco Mandia, Alberto Sozzi, Alessandro Ricaldone e Gabriele Ventura. Presenti, a completamento del team, anche Alessandro Gallina e Andrea Giacobbe.

Anche per quanto riguarda le gare individuali, l’Accademia Kodokan Alessandria è risultata brillante a Modena con Alberto Sozzi per la prima volta in carriera campione italiano nella categoria Seniores del Torneo individuale.

All’incontro di mercoledì 13 marzo – a cui sono invitati anche i rappresentanti della stampa locale – l’Amministrazione Comunale intende portare il saluto e il plauso della comunità cittadina per questo ulteriore riconoscimento conquistato a Modena dall’Accademia Kodokan.

È un plauso meritato e trova la propria ragione nella consapevolezza di quanto l’Accademia di via Plana 104 sia “cuore” di una eccellente formazione sportiva che nel corso degli anni sta continuando a forgiare campioni di prim’ordine, a livello nazionale e internazionale.

‘Alessandro Fioraso e la sua arte centrata col cuore’, a cura di Yuleisy Cruz Lezcano

Finché il cuore sarà il tuo ramo,
l’albero stupirà
illuminato da frutti colorati.
(autocitazione)

La pittura raccoglie in sé il mondo e abbandona il proprio mondo, a beneficio di quello già esistente. E’ proprio questo che si coglie nelle opere pittoriche di Alessandro Fioraso, un artista che riesce a fluire con il proprio pennello.

Alessandro attraverso la sua pittura percorre il suo viaggio, un viaggio intenso e ricco di emozioni. Ed è un piacere oltreché un onore poter parlare con lui di questo viaggio.

Nella sua espressione artistica è implicito l’elemento ritmico che gioca con la natura dei colori. L’idea di tempo, di movimento, di divenire, ha nei suoi dipinti, un destino transitorio, cosmico, onirico. Le sue opere sono capaci di comunicare la sua interiorità, le percezioni del mistero e dell’astrazione del proprio pensiero. Comunica concetti complessi che portano in sé un concepire, uno spiegare il mondo interiore ed esteriore, in modo onirico.

I temi che Fioraso rappresenta, non sono mai unitari. Ogni opera è diversa dall’altra. Ciascuna racchiude però tre elementi: colore, energia, intelligenza, che producono nell’osservatore un effetto immediato e sorprendente.

Le sue tele sanno raccontare come la materia di ogni cosa sia immanente, ma raccontano anche, che ogni cosa si accomuna alle altre attraverso un filo di connessione eterno, che comporta l’evoluzione delle forme, ma non l’evoluzione dell’essenza.

Esiste una dimensione surreale nell’astratto che ci mostra l’immateriale leggerezza dell’energia intelligente. Nella visione delle opere di questo artista, i sogni oltrepassano, come per magia, tutte le sovrastrutture e barriere mentali. È facile cogliere la ricerca coraggiosa di nuove domande. L’inconscio si misura con i pennelli, rende consapevole, a chi ammira i suoi quadri, come la centratura delle emozioni coincidano con il cuore, come portano alla sintonia illuminata fra sogno e realtà. Continua a leggere “‘Alessandro Fioraso e la sua arte centrata col cuore’, a cura di Yuleisy Cruz Lezcano”

Mostra Vidua a Casale Monferrato, di Cristina Saracano

img_20190306_2046598046659314670857992.jpg

Casale Monferrato: Mostra Vidua: le attività da marzo a giugno

Il Museo Civico prosegue con le attività di valorizzazione della mostra “Carlo Vidua, una vita in viaggio. Dal Monferrato all’Estremo Oriente 1785/1830” con una serie di visite accompagnate in calendario nei weekend da marzo a giugno 2019 a cura della
Solidarietà e Lavoro.
Ecco l’elenco dei prossimi appuntamenti:
– domenica 17 e sabato 30 marzo
– domenica 7 e sabato 27 aprile
– domenica 5 e sabato 18 maggio
– domenica 2 e sabato 15 giugno
Le visite accompagnate inizieranno sempre alle 16,30 e avranno la durata di un’ora circa; non è necessaria la prenotazione.
Biglietto: € 2,50 per la visita guidata + biglietto di ingresso al Museo (intero € 5, ridotto € 3,50, gratuito per i possessori di Abbonamento Musei e tessera Momu).
La sala ipogea che ospita l’esposizione non è accessibile ai disabili motori. Per ovviare a questa difficoltà, al primo piano della Pinacoteca, accessibile con l’ascensore, è stato predisposto un monitor con le immagini in alta definizione degli 800 oggetti che costituiscono l’intera collezione e il video dedicato “Carlo Vidua un peregrino sulla terra”. Continua a leggere “Mostra Vidua a Casale Monferrato, di Cristina Saracano”

NOMOFOBIA (“no-mobile-phone”-fobia)

Blog Site of Gabriele R.

angel

Lo smartphone è diventato il nostro oggetto inseparabile, forse anche più del portafogli, considerando che ormai alcune cose al supermercato si pagano persino con il cellulare.

Ed ecco che tra i nuovi neologismi c’è la parola nomofobia che sarebbe l’acronimo inglese di no-mobile-phone-fobia, cioè la paura di non avere più la connessione con internet o il telefono scarico.

Una fobia che ci isola del tutto dai contatti reali e umani che man mano si stanno sempre più perdendo… rimando dipendenti persino nel comunicare nelle situazioni sentimentali.

Addirittura la nomofobia ci costringe a tenere il cellulare acceso anche di notte, con ripercussioni anche sulla nostra salute fisica oltre che mentale. I dati più significativi si registrano nello stato mentale nel quale si perdono la concetrazione e l’attenzione mentre svolgiamo mansioni di qualsiasi tipo.

La dipendenza dallo smartphone è seconda sola a quella dell’hashish.

Lo studio ha rilevato che quasi il…

View original post 163 altre parole

SCHOOL OF EXCELLENCE ALL’UPO di Cristina Saracano

logo

AL VIA LA SECONDA EDIZIONE DELLA SCHOOL OF EXCELLENCE DELL’UPO
Il tema della seconda edizione sarà: “The future of humanity, the future of the earth”.
Grazie al contributo della Compagnia di San Paolo, Torino, l’Università del Piemonte
Orientale rilancia nel 2019 l’esperienza della School of Excellence, una settimana di studio e
discussione comune dal 22 al 26 luglio a Novara, aperta agli studenti iscritti al penultimo anno di
laurea magistrale di tutti i Dipartimenti dell’Ateneo. Il tema di questa seconda edizione è “The future of humanity, the future of the earth”.
Attraverso l’interazione con quattro docenti di grande rilievo internazionale, attivi nella
ricerca all’estero, sarà possibile condurre un approfondimento mulidisciplinare sulle diverse dimensioni della trasformazione geofisica, socio-economica e morale che stanno influenzando il globo.
Ciascun esperto presenterà il tema dalla propria prospettiva scientifica e professionale in
una lezione e un seminario, seguiti nel pomeriggio da una discussione guidata di valutazione critica. I docenti sono i professori Martin Visbeck (GEOMAR – Helmholtz Centre for Ocean Research Kiel – Germania), Antoon de Baets (University of Groningen – Paesi Bassi), Conchita D’Ambrosio (University of Luxemburg – Lussemburgo), Leo van Wissen (University of Groningen –
Paesi Bassi).
L’ultima giornata sarà dedicata al perfezionamento delle soft skills in particolare
nell’ambito della comunicazione, grazie alla competenza di Felicity Jensz (University of Münster –Germania).
Come sottolinea il professor Edoardo Tortarolo, per il secondo anno Direttore della Schoolof Excellence: «L’obiettivo è mettere a contatto studenti altamente motivati con una modalità innovativa di apprendimento e rielaborazione delle conoscenze ad ampio spettro. L’esperienza estremamente positiva della prima edizione ha premiato l’aspetto aggregativo della settimana residenziale dando evidenza e conferma di come la “contaminazione” di idee e competenze diverse abbia risultati tangibili. Confidiamo che anche questa seconda edizione faccia emergere spunti di riflessione e confronto inaspettati grazie all’interdisciplinarietà degli studenti e alla grande professionalità dei docenti invitati».
La School of Excellence si svolgerà nelle aule del Complesso Perrone (via Perrone 18,
Novara); il bando di partecipazione è stato pubblicato nei giorni scorsi e scadrà il 28 marzo.

I giovedì del libro nella Biblioteca Civica ” Francesca Calvo”; di Lia Tommi

Presentazione libro in Biblioteca

Giovedì 7 marzo, alle ore 17, nella Sala Bobbio della Biblioteca Civica “Francesca Calvo” di Alessandria, il prof. Giulio Guderzo presenterà il suo ultimo volume ‘Ferrovie nel Piemonte preunitario. Storia e immagini’
Il volume ricostruisce la storia della diffusione della Ferrovia in Piemonte contestualizzandola nella cornice dell’Europa della Rivoluzione Industriale, con le sue ripercussioni nel resto della Penisola.
L’album di immagini che accompagna il testo aiuta a comprendere come in un piccolo Paese, segnato da aspri ostacoli naturali, si poterono concepire e realizzare sogni altrove ritenuti impossibili.
Al termine dell’incontro il collezionista Tony Frisina illustrerà alcune immagini storiche della stazione e della rete ferroviaria di Alessandria tratte dalla sua ricca raccolta.

Eliminate ciò che non vi serve

Creando Idee

Si tratta di eliminare dalla vostra vita tutti quegli oggetti che non vi servono più; non vi piacciono più; non vi rendono più felici; vi eravate dimenticati che esistessero. Iniziate dal cassetto della biancheria, con i calzini bucati e le mutande che non mettete da anni ma che continuano ad occupare spazio. Quanti calzini/mutande indossate regolarmente? L’importante è che, mentre rispondete a questa domanda, siate il più possibile onesti con voi stessi. Tenete quello che vi serve veramente ed eliminate tutto il resto. Dal cassetto della biancheria passate poi agli altri cassetti dell’armadio, dalla libreria di camera vostra a quella del salotto, dalla cucina al temutissimo Garage. Questa operazione, se fatta come si deve, vi porterà via diversi giorni. Una volta terminata, però, vi sentirete soddisfatti come non mai e vi sembrerà di aver recuperato quella chiarezza mentale che pensavate fosse scomparsa col passare degli anni. Via, via, via! Buttate…

View original post 34 altre parole

Premio “La forza di esserci ” a Novi per la Festa della Donna ; di Lia Tommi

FESTA DELLA DONNA, 8 MARZO 2019
Prima edizione premio “La forza di esserci”

In occasione della festa della donna, venerdì 8 marzo 2019, l’Assessorato agli Affari Sociali della città di Novi Ligure in collaborazione con la Consulta delle Pari Opportunità e con il Consorzio per la formazione professionale For.al, festeggia la le donne con una premiazione alle ore 18,30 presso il Salone di Rappresentanza del Palazzo Pallavicini, via Giacometti 22.
Verranno premiate 5 donne novesi che si sono distinte nel mondo del lavoro e in campo sociale: Ersilia Repetto per il commercio, Elisa Trucchi per lo sport, Fiammetta Trucco per il volontariato, Rosanna Valentini nel campo della scuola e Anna Belperio, operaia della Pernigotti.

La scelta delle donne novesi premiate è stata presa dall’Assemblea della Consulta delle Pari Opportunità. Il premio che verrà loro consegnato sarà un gianduiotto incastonato di zirconi, creato dai ragazzi che frequentano il For.al di Valenza.

La giornata prevede anche un momento serale di convivialità con una cena presso il Ristorante Viaggiatori di Novi Ligure, Corso Marenco 86, alle ore 20.00.

Carte d’ identità: come prenotarsi per il rilascio e il rinnovo; di Lia Tommi

Carte di Identità:
come prenotarsi per ottenere il rilascio o il rinnovo

Come noto, in adempimento alle disposizioni ministeriali, presso l’Anagrafe del Comune di Alessandria, non vengono più rilasciate le carte di identità in formato cartaceo, ma solo le carte di identità elettroniche.
La procedura per il rilascio è più complessa rispetto alla precedente perché presso l’Ufficio Anagrafe vengono acquisiti i dati anagrafici e biometrici (impronte digitali e foto), mentre la produzione e la spedizione del documento (entro 6 giorni lavorativi) sono a cura del Poligrafico dello Stato; i tempi risultano pertanto dilatati e l’accesso allo sportello per ottenere il rilascio è solo su appuntamento.
Soprattutto in vista dell’inizio del periodo estivo, in considerazione del fatto che il rinnovo della carta di identità può essere richiesto a partire dal centottantesimo giorno antecedente la sua scadenza naturale, si invita la cittadinanza a programmare per tempo la prenotazione per ottenere il rinnovo, analogamente a quanto avviene con altri documenti, come la patente o il passaporto.
Si invitano pertanto i cittadini a tenere sotto controllo la data di scadenza della propria Carta di Identità per evitare di trovarsi sprovvisti del documento in caso di necessità.
I tempi di attesa per avere un appuntamento si attestano al momento su quattro/cinque settimane e si stima che aumenteranno nel periodo estivo a causa delle crescenti richieste da parte degli utenti e della diminuzione del personale in servizio presso l’Ufficio Anagrafe (ferie e pensionamenti).
Per fissare un appuntamento, occorre rivolgersi all’URP presso il Palazzo Comunale, lato sinistro, piano terra, di piazza della Libertà 1, presentandosi di persona oppure tramite posta elettronica all’indirizzo e-mail dell’URP:
urp@comune.alessandria.it
Gli orari dell’URP per fissare appuntamento: lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 8.30 alle ore 12.30; martedì e giovedì dalle ore 8.30 alle ore 15.30 con orario continuato.

Presentazione del libro “Senza più valore- Un’ indagine sui salari e le retribuzioni in Italia ” ; di Lia Tommi

Presentazione libro “Senza Più Valore – Un’indagine sui salari e le retribuzioni in Italia”, di Davide Serafin

Perché il salario è scomparso dal dibattito dell’opinione pubblica italiana ?
In un fiorire di ipotesi di riduzione di tasse, per imprese e per persone fisiche, la retribuzione langue nella stanca ripetizione di una contrattazione collettiva bloccata dalla profonda parcellizzazione del mercato del lavoro. Lavoro che sempre più spesso è mero sfruttamento, nascosto nelle pieghe di un algoritmo studiato per «mettere in contatto» committenza e prestazione d’opera.
Sabato 9 marzo, alle 17.30 presso la Libreria Il Labirinto di Casale Monferrato, invitato dall’ANPI locale, Davide Serafin presenta il suo libro, “Senza più valore”: un’indagine sul lavoro e i salari in Italia (edizioni People). Serafin ha composto un’opera che transita dalla descrizione puntuale della cosiddetta Nuova Economia della condivisione, diventata economia dei lavoretti, alle forme più consolidate di sfruttamento, collegando idealmente mondi lavorativi distanti e sordi.
Il libro si dipana in racconti più o meno brevi di situazioni lavorative, descrizioni del nuovo capitalismo digitale che nuovo non è, accompagnando la narrazione con dati statistici aggiornati. Mentre i giovani ciclo-fattorini vengono dipinti sui siti internet delle società del settore Food Delivery come persone felici di impiegare il proprio tempo libero in questo modo, i braccianti delle pianure del profondo nord restano schiacciati dal peso del potere della Grande Distribuzione Organizzata.

Il libro proviene da una esperienza di crowdfunding, durante la quale una parte dei proventi sono stati indirizzati al sostegno dei braccianti di Castelnuovo Scrivia, al fine di pagare le spese legali per difendersi dalla causa intentata dall’azienda agricola che li sfruttava e li manteneva in condizioni lavorative inadeguate.
Lo sfruttamento è comune a diverse categorie di lavoratori. Colpisce soprattutto le lavoratrici, doppiamente penalizzate dalla retribuzione – sistematicamente più bassa di quella dei colleghi maschi, sin dalla nascita del primo figlio – e da lavori a bassa qualificazione a cui hanno dovuto concedere tutto il proprio tempo libero e soprattutto quello festivo. Ne parleremo proprio in concomitanza con la Festa della Donna.

Appuntamento a sabato 9 marzo, ore 17.30, per discutere insieme all’autore di lavoro, giusta paga e disparità retributiva. Aderiscono le sigle sindacali CGIL, CISL e UIL.

L’autore
Davide Serafin (Alessandria), è analista delle materie economiche e del lavoro. Ha scritto gli ebook “80 euro di Ingiustizia Sociale” (2016), “V come Voucher – La nuova frontiera del precariato” (2016) e “Il Volo dei Gufi” (2018), e per i Quaderni di Possibile negli anni (2015-2018) in cui è membro del Comitato Scientifico.

Misure del PSR per sostenere l’imprenditoria giovanile; di Lia Tommi

È di prossima apertura, nel giro di pochi giorni, il bando della Regione Piemonte del PSR 2014-2020, una delle ultime pubblicazioni per questa programmazione, relativo alla Misura di miglioramento aziendale (Misura 4.1.1) che prevede finanziamenti a favore delle strutture agricole. Le domande riguardano sia le attrezzature mobili sia le strutture fisse ed è un bando che è particolarmente attento al rispetto dell’ambiente, inteso come razionalizzazione dei consumi idrici ed energetici, all’impatto ambientale e al consumo del suolo.
Spiega il responsabile Sviluppo Impresa Cia Alessandria Franco Piana: “La Regione Piemonte esprime la volontà di valorizzare le aziende agricole anche in zona montana, assegnando una quota significativa del bando a chi opera in zone marginali del territorio”.
Le caratteristiche e i criteri di valutazione non varieranno rispetto ai bandi analoghi pubblicati in precedenza in questa programmazione; la Regione si riserva, alla presentazione delle domande, di determinare i punteggi relativi ad ogni criterio.
Collegato al bando di Miglioramento c’è quello relativo all’Insediamento Giovani (Misura 6.1.1).
Per informazioni e presentazione delle domande, contattare le sedi territoriali Cia (www.ciaal.it).

Danni da fauna selvatica: un basta a lungaggini e inefficienze da Coldiretti; di Lia Tommi

All’incontro organizzato da Coldiretti Piemonte per fare il punto sui danni da fauna selvatica ha partecipato una delegazione di Coldiretti Alessandria, è stata l’occasione per denunciare, ancora una volta, una situazione ormai insostenibile che, tra lungaggini e burocrazia, continua a mettere a dura prova il reddito delle aziende.

“Noi agricoltori chiediamo, in sostanza, di fare il nostro mestiere, di essere liberati dalla “calamità” rappresentata dalla fauna selvatica, non di essere indennizzati. – ha sostenuto il Presidente Coldiretti Alessandria Mauro Bianco – Nonostante la Regione abbia erogato i fondi, un numero significativo di ATC, per una loro palese inefficienza, ritardano gravemente a risarcire le aziende, vittime di questo sistema. Basti pensare che nel 50% dei casi si superano i 3 anni per liquidare gli indennizzi agli imprenditori agricoli. Un sistema talmente farraginoso che si sta verificando un apparente paradosso: in un momento in cui il numero dei cinghiali e dei danni che provocano, mettendo anche a rischio l’incolumità dei cittadini, aumentano si sta registrando, rispetto al passato, un calo del numero di denunce anche per effetto della rinuncia a coltivare porzioni sempre più vaste del territorio collinare. Gli imprenditori non hanno più fiducia ed evitano, addirittura, di far denuncia”.
E’ fondamentale individuare nuove modalità di gestione delle procedure che un’impresa agricola è tenuta ad adottare per ottenere il riconoscimento e risarcimento dei danni subiti; anche in questo caso è essenziale una semplificazione.
“Sono necessarie – ha aggiunto il Direttore Coldiretti Alessandria Roberto Rampazzo – tempistiche certe a partire dalla fase di accertamento del danno, oltre a modalità di rendicontazione e liquidazione efficienti e trasparenti. Chiediamo, a tal proposito, di poter accedere ai dati degli ATC relativi ai danni accertati, da risarcire e risarciti. Basta ad azioni che, in alcuni casi, si sono rilevate irregolari, con lentezze ed inefficienze: a pagare tutto questo, anche in termini di redditività, sono i nostri imprenditori che continuano col loro lavoro a presidiare territori altrimenti disabitati convivendo con gli attacchi dei selvatici, sempre più all’ordine del giorno”.
L’obiettivo principale è quello di esporre la posizione e le richieste del settore, riguardo ad alcune tematiche che da anni interessano molto da vicino gli imprenditori agricoli e che ancora non trovato adeguate risposte.

Momenti di poesia. Da tempo ti attendo… di Anna Giancarlo

Momenti di poesia. Da tempo ti attendo… di Anna Giancarlo

Da tempoAnna Giancarlo

Da tempo ti attendo…
Un libro e un bicchiere
i miei compagni nella
spasmodica attesa.
Le ore lentamente
scorrono,
la monotonia incombe
ma non cede la speranza,
non cede questo desiderio
di te che sempre piu’
incalzante e stringente
attanaglia il mio cuore…
Resto qui nell’attesa
sapendo che presto
all’orizzonte apparirai…

Anna Giancarlo

Dieci poesie di Amalia Guglielminetti, di Donatella Pezzino

 

Una voce

Una voce nell’ombra ha qualche volta
la morbidezza calda d’una cosa
tangibile. Non s’ode e non s’ascolta,

ma sul cuor che l’accoglie quasi posa
le sue parole ad una ad una come,
quando langue, le sue foglie una rosa.

Se invoca piano, in ansia, un caro nome
par che vi tremi il mal represso ardore
d’un bacio non osato fra le chiome.

E di soverchia intensità essa muore
soffocata ed il pianto che l’assale
sembra il principio dolce dell’amore

ed è l’inizio acerbo del suo male.

*

Le seduzioni

Colei che ha gli occhi aperti ad ogni luce
e comprende ogni grazia di parola
vive di tutto ciò che la seduce.

Io vado attenta, perchè vado sola,
e il mio sogno che sa goder di tutto,
se sono un poco triste mi consola.

In succo io ho spremuto ogni buon frutto,
ma non mi volli sazïare e ancora
nessun mio desiderio andò distrutto.

Perciò, pronta al fervor, l’anima adora
per la sua gioia, senza attender doni,
e come un razzo in ciel notturno ogni ora

mi sboccia un riso di seduzïoni. Continua a leggere “Dieci poesie di Amalia Guglielminetti, di Donatella Pezzino”

Paola Ferrari, Scelta Civica: Il Reddito di cittadinanza è una misura di puro assistenzialismo

Paola Ferrari, Scelta Civica: Il Reddito di cittadinanza è una misura di puro assistenzialismo

Schermata 2019-03-06 a 15.52.20

Alessandria: “Anche se il ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio ha più volte sostenuto che il Reddito di cittadinanza non è e non sarà ‘una misura di assistenzialismo’, bensì ‘il più grande investimento in capitale umano della storia d’Italia’, nei fatti finirà per non essere così.

Secondo l’Istat. infatti, solo un terzo dei beneficiari della misura ‘anti povertà’ dovrà sottoscrivere un patto per il lavoro, gli altri due terzi potranno usufruire del sostegno economico senza alcun vincolo lavorativo.

Questo sarà vero e sacrosanto assistenzialismo”, ad affermarlo è Paola Ferrari, coordinatrice provinciale di Scelta Civica.

Che aggiunge: “Ma come farà la Lega a far digerire, soprattutto agli imprenditori del Nord, il Reddito di cittadinanza. Siamo davanti all’ennesima contraddizione”.

Come i non vedenti percepiscono il colore

ORME SVELATE

Cosa ne pensi quando pensi a un arcobaleno? Se lo hai già visto, probabilmente stai immaginando i colori che si irradiano nel cielo subito dopo la pioggia. Ma che dire di qualcuno che non può vedere un arcobaleno? In che modo la conoscenza congenita di un arcobaleno da parte di una persona – o anche qualcosa di apparentemente semplice come il colore rosso – differisce da quella di un non vedente? La risposta è complicata: ci sono somiglianze ma anche importanti differenze. Un nuovo studio suggerisce che, sebbene li vivano in modo diverso, i vedenti e i ciechi sono ancora in grado di condividere una comprensione comune dei fenomeni visivi astratti come arcobaleni e colore. Lo studio è descritto in un documento di dicembre pubblicato su Nature Communications. La domanda qui è come rappresentiamo cose che non hanno una realtà fisica esterna – qualcosa che non possiamo toccare o annusare?…

View original post 744 altre parole

Fare il deserto: incontrare Dio nel silenzio e nella solitudine!

OpinioniWeb-XYZ

gesu-deserto

In occasione della Quaresima ripubblicò questo post che riassume il mio pensiero relativamente a questo importante periodo: un’occasione per “fare il deserto” e rimanere soli nella propria intimità in ascolto della divinità!

Con il Mercoledì delle Ceneri inizia il tempo della Quaresima, un tempo in cui l’uomo dovrebbe impegnarsi a fare il deserto in sé stesso per entrare nel silenzio! Nel libro del Qoelet c’è scritto: “C’è un tempo per parlare e un tempo per tacere”, perché nell’esprimere la propria sapienza l’uomo deve poi essere illuminato dalla grazia e creare così un equilibrio in vista dell’unità tra uomo e Dio! Ci sono teologi che dicono che la Bibbia è il libro del silenzio di Dio perché è nel silenzio che la Parola deve essere ascoltata nell’anima.

Nella Bibbia la permanenza nel deserto e il silenzio a questo collegato segnano prima il rapporto tra Dio e il popolo d’Israele, successivamente le…

View original post 328 altre parole

Less, il libro di Andrew Sean Greer

Su “Less” di Andrew Sean Greer, libro vincitore del premio Pulitzer per la narrativa dell’edizione 20018, avevo letto di tutto e il contrario di tutto, critiche entusiastiche ed altre tranchant.

Sono stata, dunque, a lungo in dubbio sul leggerlo oppure no.

Mi sono convinta a farlo per due motivi: la motivazione della giuria che l’ha premiato e che l’ha descritto come “un libro generoso, musicale nella prosa e ampio in struttura e portata, sul diventare grandi e sulla natura essenziale dell’amore” e il fatto che sia stato amato od odiato, ma non abbia lasciato nessun lettore indifferente.

Arthur Less è uno scrittore che ha avuto in passato un discreto successo di pubblico e critica, con un unico libro.

Successo che non è più riuscito a replicare ed è, ormai, squattrinato e privo di speranze.

Per anni è vissuto nell’ombra del suo più celebre compagno Robert Brownburn, apprezzato scrittore di fama internazionale.

Sebbene siano passati oltre 10 anni dalla fine della loro storia, Less continua a vivere di ricordi nella casa che hanno condiviso e che li ha visti felici.

Nel frattempo, ha intrecciato con Freddy, molto più giovane di lui, una lunga relazione, che si è conclusa a causa della stessa immaturità che aveva condotto alla fine anche quella con Robert.

Ora è completamente solo a dover affrontare tre eventi che lo terrorizzano e ai quali vorrebbe sottrarsi: il suo ormai prossimo cinquantesimo compleanno, l’imminente matrimonio di Freddy col suo nuovo compagno e la malattia terminale di Robert.

Cosa resta da fare se non fuggire lontano?

Continua a leggere “Less, il libro di Andrew Sean Greer”

C’entra o centra? In contro o incontro? Facciamo un po’ di chiarezza

Aquilone di pensieri

ripassiamo_italiano_3

Gli errori più comuni nella grammatica italiana
– parte 3

Eccoci qui con la terza parte de “gli errori più comuni nella grammatica italiana”.
In questo articolo ci concentremo soprattutto su dubbi di natura ortografica, dunque andremo a chiarire come si scrivono correttamente alcune parole. Vedremo che l’aggiunta di un apostrofo può cambiare totalmente il significato di un termine (c’entra o centra?), così come scrivere una parola attaccata o staccata determinerà se parliamo di un avverbio o un sostantivo (in contro o incontro?). Scopriremo che, mentre in alcuni casi non è da considerarsi errore scrivere in un modo piuttosto che in un altro, in altri, come già detto, potremo avere un cambiamento di significato, ma soprattututto vedremo che alcune grafie non sono da considerarsi delle alternative bensì dei veri e propri errori da evitare di commetterePronti? Cominciamo!

1. Si scrive c’entra

View original post 631 altre parole

EQUITAZIONE e festa in maschera a Gavazzana – di Marina Vicario

Festa di Carnevale il 9 marzo 2019 alle ore 15:30: festa in maschera per bambini e ragazzi – visita della scuderia – battesimo della sella – animazione – pentolaccia – premio per la più bella maschera più bella – merenda – biglietto 10,00 € a bambino/ragazzo

Gara in maschera il 10 marzo 2019 alle ore 10:00 – concorso sociale di salto ostacoli in maschera – categoria da barriere a terra fino a B110
costo di iscrizione € 25,00

Se volete ulteriori informazioni sulla struttura, prenotare una lezione di equitazione oppure iscrivere i bambini alla festa di Carnevale contattateci: +39 349 619 6255 Stefania +39 345 062 4176 Sara

Il centro ippico “Il Cavallino d’Oro”, ideato dalla giovane amazzone Stefania Fida, si trova immerso nel meraviglioso contesto naturale del Comune di Gavazzana.

Scopo della ASD Il Cavallino d’Oro é l’insegnamento della monta inglese e delle sue specialità agonistiche: il salto ostacoli e il dressage.

Tenendo sempre presente che l’obiettivo principale è il benessere degli animali e l’armonia tra cavallo e cavaliere.

La scuola di equitazione è attiva tutto l’anno e si rivolge sia agli adulti che ai bambini a partire dai 4 anni di età.
Inoltre si organizzano meravigliose passeggiate a cavallo adatte sia a principianti sia a cavalieri più esperti con sentieri e difficoltà che variano in base al livello dei partecipanti.
I bambini a partire dai 4 anni possono avvicinarsi all’equitazione attraverso l’attività ludica, trovando nei nostri ponies dei veri e propri compagni di gioco con i quali i bambini imparano a rapportarsi e ad interagire assimilando le basi dell’equitazione attraverso esperienze uniche e varie come passeggiate nella natura, volteggio, pony games, horseball, gare di presentazione e simulazioni di percorsi di salto ostacoli!
I nostri campus sono indirizzati a bambini (dai 4 anni) e ragazzi amanti della natura e dei cavalli. I più piccoli hanno l’occasione di trascorrere intere giornate immersi nella natura, divertendosi e facendo ogni giorno nuove esperienze.
Imparano a rapportarsi in sicurezza con gli animali presenti nella struttura, apprendono le basi dello sport equestre montando i nostri bravissimi pony e si divertono con le attività ludiche propedeutiche all’equitazione vera e propria.
Sono seguiti durante la giornata da un’istruttrice per la pratica in sella e da un’animatrice professionista che ha lo scopo di stimolare la socializzazione attraverso attività mirate.

L’ultimo giorno grande festa finale, i bambini mostrano a parenti ed amici quello che hanno imparato durante il campus con una piccola dimostrazione a cavallo al termine della quale l’istruttrice consegna gli attestati di partecipazione. I campus vengono organizzati durante le vacanze scolastiche invernali, primaverili ed estive ed ogni primo sabato del mese.

A disposizione di bambini e ragazzi ci sono anche la piscina e il campo da tennis. Il centro ippico organizza frequentemente feste dedicate ai più piccoli, durante le quali i bambini possono provare l’emozione di salire a cavallo per la prima volta e sono seguiti da un’animatrice professionista che propone diversi giochi, balli e attività da fare insieme; alla fine non manca mai la merenda per grandi e piccini!

Presso la struttura é anche possibile organizzare una festa di compleanno indimenticabile per i bimbi, con battesimo della sella, animazione e tanti momenti di gioco insieme ai nostri pony.

 

 

ANGOLO DI POESIA: “Trittico sul dolore” di Izabella Teresa Kostka

(by I.T.Kostka)

La sofferenza è condizione della vita umana esistente fin dall’inizio del nostro tempo. A volte paralizzante, a volte costruttiva, plasma la storia influenzando tutti gli esseri viventi in ogni luogo della Terra. Ispira e fa paura, arricchisce e rende più forti, spezza e ricostruisce, affetta la realtà come un bisturi affilato. La sofferenza si addormenta per essere ancora più forte al prossimo risveglio, ci insegna i valori della vita stessa.

TRITTICO SUL DOLORE

I

Curativo è il pianto
che resetta il dolore

putrida bava di parole
pallottole
che s’incarnano nel cervello

lenta agonia
ove da tempo non fu la vita

cucite son le palpebre
che fingono di non vedere

straccio
di una dignità muta

II

Ho versato il sangue
sull’altare dell’ignoranza
ho spezzato l’ostia invano

ride Lucifero
perché ingenue son le pecore
– non sanno indietreggiare –

È morto l’ulivo
non ha conosciuto la pace

III

Indigeste scuse
sputate come lava
per zittire la coscienza

– indosso l’indifferenza –

È troppo tardi
per far resuscitare la mia Pompei

Izabella Teresa Kostka
2018, diritti riservati, edita

Le fasi emotive che ho attraversato da aspirante scrittrice

Il Lettore Curioso

Buongiorno lettori! Siccome il mio post di qualche mese fa (Self publishing: 5 cose che avrei voluto sapere prima di autopubblicare il mio romanzo) vi era piaciuto, torno a parlare della mia esperienza da aspirante scrittrice. In particolare voglio parlarvi delle fasi emotive che ho attraversato dalla pubblicazione di Somnium. 

Vi porterò in un viaggio psicologico sui miei sentimenti nelle varie fasi del progetto, dall’idea ai giorni attuali.

Creatività

giphy (9).gif

La prima fase è stata ovviamente la fase creativa, che ha riguardato la stesura di Somnium, durata un anno e mezzo. Questo è stato forse il periodo più tranquillo, perché la mia testa non era ancora affollata dai pensieri riguardanti il marketing e tutti i problemi che sarebbero poi sopraggiunti.


Stanchezza

giphy.gifDopo la stesura è arrivata la fatidica fase di editing, durata parecchi mesi. In quel periodo ho riletto tantissime volte il mio libro (io, Gloria e la mia fantastica…

View original post 444 altre parole

Il canale Carlo Alberto. Cenni storici

Il canale Carlo Alberto. Cenni storici

Alessandria 850 #alessandria850 #alessandriadascoprire

Il canale Carlo Alberto prese il posto del preesistente canale Betale scavato nel XIV secolo e pressochè abbandonato dopo il XVIII secolo.

52029373_2090701167643524_273765952795967488_o

Venne derivato dalle acque del fiume Bormida e fu costruito da una società di azionisti tra il 1833 ed il 1839, sotto il re Carlo Alberto da cui prese nome.

Partiva da Cassine e sboccava nel Tanaro presso Casalbagliano attraversando sei Comuni (Castelnuovo, Sezzadio, Gamalero, Frascaro, Borgoratto e Alessandria) ed aveva lo scopo di consentire sia l’irrigazione delle campagne sia l’azionamento di mulini ed opifici situati entro l’abitato della città di Alessandria.

In quanto canale demaniale dipendeva dall’Amministrazione generale dei canali demaniali di irrigazione (canali Cavour) con sede a Torino e le concessioni per l’uso delle sue acque erano assoggettate al pagamento di un canone.

Nel corso del Novecento il canale, perdute ormai le sue antiche funzioni, venne colmato e ricoperto nelle zone interne alla città ed oggi di esso sopravvivono solo alcune tracce.

Reddito di cittadinanza, Berutti (FI): “è una misura completamente sbagliata che realizza male uno slogan del Movimento cinque stelle”

Reddito di cittadinanza, Berutti (FI): “è una misura completamente sbagliata che realizza male uno slogan del Movimento cinque stelle”

Roma, 6 marzo 2019 – “Il reddito di cittadinanza è stato presentato come una misura a garanzia del diritto al lavoro e di contrasto alla povertà, alla disuguaglianza e all’esclusione sociale. In verità, è una misura meramente assistenzialistica, che realizza male uno slogan errato del Movimento 5 stelle.

massmo-berutti

Inoltre, come testimoniato in audizione al Senato da Caritas e Comunità di Sant’Egidio la misura non contrasterà la povertà e, anzi, rischia di scatenare una guerra tra poveri e di penalizzare chi versa in condizioni di povertà estrema”.

Così, in una nota, il senatore di Forza Italia Massimo Berutti, che prosegue: “Il reddito di cittadinanza non ha alcun effetto benefico sulla produttività e sui consumi ed è disincentivante per la ricerca di lavoro. Determina un massacro burocratico e un utilizzo del debito che creerà un buco difficilmente colmabile”.

Un insieme di perplessità cui si aggiungono quelle relative alla platea dei beneficiari. “Dai quasi 6 milioni di beneficiari promessi in campagna elettorale, la platea del reddito si è ristretta a circa 1,2 milioni tra singoli e nuclei familiari. Inoltre, il Governo ha scelto di penalizzare le famiglie numerose e di ignorare i disabili”. Continua a leggere “Reddito di cittadinanza, Berutti (FI): “è una misura completamente sbagliata che realizza male uno slogan del Movimento cinque stelle””

Migliori software di editing immagini/foto

Blog Site of Gabriele R.

editing

Ecco una lista dei migliori software (sia free che a pagamento) dei migliori software per l’editing di immagini e foto con le quali potete effettuare modifiche, ritocchi, disegni etc…

01] PAINT.NET [free]

https://www.getpaint.net/download.html

paint.net

Sebbene il nome possa illudere sulla sua semplicità in realtà è un valido software con il quale disegnare o anche effettuare operazioni di foto ritocco. E’ possibile scaricare anche dei plug-in facilmente installabili con i quali applicare particolari effetti grafici.

02] KRITA [free]

https://krita.org/en/download/krita-desktop/

krita

Uno dei migliori software per disegnare. Forse non sarà paragonabile ai software adobe ma per essere un software free è più che soddisfacente.

03] GIMP [free]

https://www.gimp.org/downloads/

gimp

Un software dalle potenzialità immense. E’ possibile utilizzarlo sia per il disegno che per il fotoritocco tranne per la grafica vettoriale. Unica pecca è che potrebbe risultare un pesante nella farlo girare su qualche PC.

04] inkscape [free]

https://inkscape.org/it/release/inkscape-0.92.4/

inkscape

E’il software per la grafica vettoriale…

View original post 84 altre parole

Matteo Renzi Enews 570 Martedì 5 marzo 2019

Matteo Renzi Enews 570 Martedì 5 marzo 2019

Se vuoi leggere le altre Enews, clicca qui

Buon lavoro, Nicola
Nicola Zingaretti è il nuovo segretario del PD dopo aver vinto in modo netto le primarie. Grazie a Maurizio Martina, Bobo Giachetti e a tutti i volontari per aver reso possibile questo festival della democrazia. Al Segretario l’augurio più affettuoso di buon lavoro. La mia speranza è che adesso non si ricominci col fuoco amico, che io ho conosciuto bene come vittima. Si faccia politica, dunque, lasciando il Pd fuori dalle beghe di cortile delle correnti interne.

unnamed

Un’Altra Strada
Continuiamo a viaggiare in tutto il Paese presentando il libro Un’Altra Strada (quisu Amazon). Il libro sta andando oltre ogni più rosea previsione. E se la nostra battaglia educativa e culturale prosegue, dobbiamo dire grazie alle centinaia di persone che ogni volta affollano le nostre sale. E anche a chi mi scrive i propri commenti qui: matteo@matteorenzi.it.

Prossime tappe:

  • Mercoledì: Seregno (MB), ore 18.30, L’Auditorium, Piazza del Risorgimento; Varese, ore 21, Istituto De Filippi, via Brambilla 15
  • Giovedì: ore 8.30, ospite di RTL 102.5
  • Venerdì: ore 18 Empoli e ore 21 Prato
  • Sabato: ore 15 Città di Castello, ore 17:30 Macerata, ore 19:30 Ancona, ore 21:30 provincia di Pesaro
  • Domenica: ore 10 Pescara e poi ore 14.30 ospite di Lucia Annunziata a In Mezz’ora su Rai 3.
  • Lunedì: dalle ore 11 sarò ospite di Myrta Merlino a “L’aria che tira” su La7

La crisi economica
In soli 6 mesi di governo la gestione M5S-Lega ha riportato l’Italia in recessione. Il ciclo internazionale difficile non c’entra, perché sia nel terzo che nel quarto trimestre la domanda estera ha continuato a spingere il Pil italiano. Si sono invece paralizzati i consumi privati mentre gli investimenti tecnici sono addirittura crollati.
Continua a leggere “Matteo Renzi Enews 570 Martedì 5 marzo 2019”

…Qualcosa è cambiato…

Ilblogdinucciavip

Qualcosa è cambiato da quel lontano 2015…

Fino a qualche tempo fa, non conoscevo nei minimi particolari i meccanismi della mafia… Tutto è cominciato da un incontro con Giovanni Impastato (il 15 maggio 2015 presso la facoltà di Scienze Politiche di Bari) che ha raccontato la storia di suo fratello Peppino, davanti a tutti noi studenti, non solo: ha descritto per filo e per segno come ha conosciuto due grandi magistrati come Falcone e Borsellino, delineando i rispettivi caratteri… passando poi per spiegare cosa fosse l’AGENDA ROSSA e la relativa funzione: un diario personale dove PAOLO BORSELLINO scriveva quello che gli accadeva giorno per giorno.. poi dopo la sua morte, dell’agenda non c’era più nessuna traccia…

Spinta dall’emozione e dalla curiosità, inizio a seguire il percorso “antimafia”, (entrando nell’associazione) e scopro di essere attratta da articoli, Notizie, servizi giornalistici, video che vertono sul fenomeno mafioso.. da li sboccia la mia…

View original post 177 altre parole

REALTÀ BARESI

Ilblogdinucciavip

“Non si tratta di una barzelletta o una scena di un film comico ma più semplicemente la comicità dei classici baresi nelle spiagge delSalento durante l’estate;

…Perché i Baresi si riconoscono subito nelle spiagge Salentine:

1) “Tonia..Vado ad arricciare il polpo con Angelo, vuoi venire”?

2)Tipica birra Peroni, aperta con coltello e bevuta(in bottiglia) con mignolo alzato…

3)Signore truccate con capelli appena fatti dal parrucchiere + unghie triplo-smaltate con quintali di glitter sul mignolo sinistro..

4) 2 “piccoli stabilimenti” di frigoriferi portatili contenenti l’ira di Dio..

5) “f’ caz”, “panini con la Mortazza” pasta al forno, “salcicce” (così le hanno chiamate)😂 vaschette di prosciutto e bresaola le cui fettine vengono rigorosamente smistate”a mano”… “

View original post

IO C’ERO

Ilblogdinucciavip

“IO C’ERO! Io c’ero alla manifestazione del 9 aprile scorso davanti alla sede della Rai di Bari, per contestare la puntata di “Porta a Porta” nella quale era ospite il figlio di Totò Riina, su Rai uno in seconda serata.

Il fine della protesta era quello di chiedere in primis, le dimissioni dello storico conduttore e giornalista rai Bruno Vespa, ma anche di dare testimonianza di un segnale forte, ovvero che i cittadini per bene reputano inaccettabile che si possa dar voce al figlio del “capo dei capi” quello (non da solo si intende) che si fece promotore dell’anti-Stato, di una forza parallela e avversa che camminava (e cammina ancora oggi) accanto allo Stato, corrodendo i tessuti sani della nostra società.

Dov’é il problema?

Non nella scelta giornalistica dell’intervista, che, avrebbe potuto anche essere “tollerata” (sebbene non condivisa) in un paese, quale il nostro, a vocazione fortemente democratica, ma nel…

View original post 165 altre parole

La corruzione in Italia: “reato a cifra nera elevata”

Ilblogdinucciavip

L’ex pm di Mani pulite: “Il centro-destra ha condotto così male le indagini da non funzionare e il centro sinistra le ha fatte mirate a metterci in ginocchia genuflesse”.

Fermezza, disponibilità, sensibilità e un pizzico di ironia sono le qualità cucite sulla veste del magistrato Piercamillo Davigo che ha aperto il secondo appuntamento della VII edizione del Festival della Legalità di Terlizzi svoltosi presso il Chiostro Delle Clarisse al centro esatto di Piazza Cavour.

Affiancato e intervistato dal Presidente dell’Ordine dei giornalisti della Puglia, Piero Ricci, con un botta e risposta concentrato maggiormente sui temi della corruzione, che il magistrato definisce come “reato a cifra nera elevata”, disciplinato dal codice penale, agli articoli 318 – 322. Per “cifra nera”, spiega Davigo, deve intendersi “la differenza tra i delitti commessi (dai pubblici ufficiali contro la pubblica amministrazione) e quelli denunciati”; nel senso che è ancora molto basso il tasso di denuncia.

View original post 181 altre parole

La nuova scommessa di Amazon, aprire una catena di supermercati

La nuova scommessa di Amazon, aprire una catena di supermercati

Dopo aver acquisito Whole Foods del 2017, la società di Jeff Bezos punta ad ampliare la sua offerta di cibo

A24-RED  2 Marzo 201915:11 http://america24.com/

Amazon ha una nuova scommessa: i supermercati. Dopo aver acquisito per quasi 14 miliardi di dollari Whole Foods nel 2017, il colosso dell’ecommerce guidato da Jeff Bezos punta ad aprire una catena di negozi di alimentari negli Stati Uniti. La notizia arriva dal Wall Street Journal che cita fonti vicine alla vicenda secondo cui il primo store verrà aperto a Los Angeles entro la fine dell’anno.

1280px-Amazon_logo_plain.svg.png

Secondo quanto si legge sul giornale della capitale, Amazon avrebbe già sottoscritto una serie di contratti d’affitto per alcuni spazi destinati ad ospitare questi negozi. Tra le città citate dal Journal ci sono San Fancisco, Seattle, Chicago, Washington e Philadelphia. In ogni caso si tratterà di supermercati distinti da Whole Foods che punteranno ad avere un’offerta ancor più ampia e prezzi più bassi della rinomata catena di supermercati. Non è ancora chiaro, però, se i nuovi negozi avranno o meno il nome Amazon.

Dopo oltre due decenni in cui ha letteralmente rivoluzionato il commercio, spostando gli acquirenti su internet, Amazon sta investendo negli ultimi anni nella vendita al dettaglio andando a minacciare ulteriormente la sopravvivenza dei piccoli negozi. In tal senso, quest’ultima mossa rappresenta solo l’ultimo passo per aumentare la propria presenza nel commercio “fisico” e in particolare nel settore food dove mira ad ampliare un’offerta già ampia. Continua a leggere “La nuova scommessa di Amazon, aprire una catena di supermercati”

Nasce Florovivaisti Italiani

Nasce Florovivaisti Italiani

Nasce per iniziativa di Cia-Agricoltori Italiani l’associazione Florovivaisti Italiani che riunirà produttori di fiori e piante in vaso, vivaisti, ma anche organizzazioni della filiera e mondo della ricerca.

flowers-732759_960_720

“Obiettivo ambiente” è il motto scelto per condurre oltre la dicotomia che associa il verde al solo uso ornamentale per mettere, invece, in primo piano il ruolo importante che fiori e piante svolgono per l’ambiente a tutela del benessere dell’uomo.

Tra le finalità, quindi, la necessità di promuovere la multifunzionalità del settore florovivaistico, il cui apporto è centrale per esempio nella lotta ai cambiamenti climatici, migliora la qualità dell’aria in ambiente urbano ed è di supporto alla cura di importanti malattie.

L’associazione è composta da florovivaisti di tutto il Paese ed ha eletto presidente Aldo Alberto, attualmente alla guida di Cia Liguria. Ad affiancarlo come vicepresidenti, Mario Maiorana florovivaista calabrese e Lisa Trinci produttrice toscana. Sono membri del direttivo: Antonino Mandanici (Sicilia), Michele Ciccotelli (Molise), Michele Vino (Puglia), Emanuela Milone (Calabria) e Manuel Tollio (Veneto). Al suo avvio può contare su oltre 2200 aziende associate e punta a sanare un gap rappresentativo sul piano nazionale di cui il settore da tempo necessita.

http://distribuzionemoderna.info/

Martedì grasso si festeggia la fine del carnevale

Creando Idee

È questo il martedì grasso, il giorno che precede l’inizio della Quaresima, e che quindi sancisce la fine di ogni scorpacciata oggi si friggono frittelle, e dolci tipici carnevaleschi, si mangiano piatti a base di carne e si beve e balla fino a tardi.Secondo la tradizione cristiana, con il mercoledì delle Ceneri dovrebbe cominciare il periodo dell’astinenza da tutti quei cibi “grassi” di cui ci siamo riempiti nella settimana di Carnevale. Il martedì grasso è solo un’occasione per festeggiare il Carnevale. I bambini giocano nelle piazze, con maschere, coriandoli e bombolette spray. I più grandi approfittano del bel tempo di questi giorni per fare una passeggiata all’aperto, in riva al mare, con un occhio a meravigliosi carri allegorici. Ma perché ci si maschera a Carnevale?. La maschera è sempre stata considerata un oggetto misterioso e soprattutto mistico. I popoli primitivi erano soliti travestirsi con pelli degli animali durante le cerimonie…

View original post 120 altre parole

Organizzare un matrimonio….vegano

Creando Idee

Se siete alla ricerca di idee per preparare un matrimonio vegano, scoprite qualche idea originale e innovativa per il vostro giorno speciale! Dovete ammetterlo, non tutti i vostri invitati salteranno di gioia quando scopriranno che il vostro matrimonio sarà vegano. Certo, è il vostro giorno, ma gli ospiti potrebbero chiedersi che cosa mangeranno e berranno! esattamente o che tipo di ambiente li aspetterà nella location che avete prenotato: per pianificare un menù di nozze vegano e un ricevimento da sogno che possa davvero lasciare tutti a bocca aperta, ecco tre favolose idee vegane da tenere in considerazione. Servire piatti vegani deliziosi al vostro matrimonio non sarà difficile: scegliete quelle specialità più conosciute e gustose che, molto probabilmente, i vostri invitati mangiano ogni giorno ma non sanno essere vegane. Ad esempio l’hummus, assolutamente vegano, può essere servito su tartine finger food decorate con fiori commestibili: sarà un antipasto scenografico e buonissimo…

View original post 153 altre parole

Dormire nel fine settimana non compensa il debito di sonno

ORME SVELATE

Pensi che dormire nel weekend possa riparare il danno fatto da una settimana di notti insonni? Non è così, secondo la ricerca dell’Università del Colorado Boulder pubblicata su Current Biology. In effetti, su alcune misure di salute, cercare di recuperare il ritardo di alcuni giorni e poi tornare a cattive abitudini di sonno peggiora le cose. Questi risultati suggeriscono che il comportamento comune di dormire poco durante la settimana e cercare di rimediare nel fine settimana non è una strategia efficace per la salute. Ricerche precedenti hanno dimostrato che un sonno insufficiente può aumentare il rischio di obesità e diabete, in parte stimolando la voglia di uno spuntino notturno e diminuendo la sensibilità all’insulina – o la capacità di regolare la glicemia. Alcuni effetti negativi sulla salute si manifestano dopo appena una notte di sonno perduto. Dormire durante il fine settimana può aiutare il corpo a riprendersi lievemente durante quei…

View original post 526 altre parole

Silenzi

Il mio giornale di bordo

Ti amerò per come sei
ti amerò nel tempo
delle nostre stagioni
ti amerò tra gli odori del mare
tra le nevi delle montagne
ti amerò per riflettermi
nei tuoi occhi
ti amerò per starti
sempre accanto
ti amerò per un tuo bacio
e un mio palpito
ti amerò per quello
che potremmo essere
e diventare
ti amerò perché rinnovi
il mio cuore
e la mia anima
ti amerò nelle parole
che ti dirò
che ti scriverò
ti amerò perché
sei solo tu che doni
nuova vita
ai giorni miei.

Antonio

Eng_Silences
I will love you for how you are
I will love you in time
of our seasons
I will love you in the smells of the sea
in the snows of the mountains
I will love you to reflect
in your eyes
I will always love you to stay next to you
I’m going to love you…

View original post 56 altre parole

La Donna nella Bibbia e nel Cattolicesimo ( seconda parte)

 

Difficile darle un contesto religioso, Giuditta esce dai canoni dei tempi e della visione Femminile.

Non è sottomessa, è libera anche se riservata, a differenza delle donne descritte in altri testi, è quasi una femme fatale dell’epoca, consapevole della sua bellezza, quella bellezza che le serve per circuire Oloferne che ne rimane affascinato. Ma la bellezza  non è tutta nell’aspetto fisico, e nella storia è come se fosse Dio a parlare per Lei, lei che esegue il suo compimento con ferrea disciplina, senza mai mettere in dubbio la volontà e capacità della sua missione per volere di Dio,  a differenza degli anziani. Mi soffermo su una domanda che mi sono posta, Giuditta manipolata o consapevole della sua intelligenza, esegue il suo destino? Sarebbe bello poter entrare nel contesto mentale dell’autore, comprendere se vedeva nel ruolo dell’eroina una DONNA COMPLETA, o solo una Donna da usare per lo scopo di Dio?

Anonimo Veronese XVI Secolo

22 E Oloferne le disse: «Bene ha fatto Dio a mandarti avanti al tuo popolo, perché resti nelle vostre mani la forza e coloro che hanno disprezzato il mio signore vadano in rovina.

23  Tu sei bella d’aspetto e saggia nelle parole; se farai come hai detto, il tuo Dio sarà mio Dio e tu siederai nel palazzo del re Nabucodònosor e sarai famosa in tutto il mondo. ( Sacra Bibbia Il libro di Giuditta)  

Una donna diversa forse dalle altre protagoniste della Bibbia e anche delle vicende successive

Non è questo che le Religioni tutte hanno mostrato delle Donne, anzi secoli dopo quando un’altra Donna: Artemisia Gentileschi la dipingerà eroina sensuale e dolce, molte erano considerate Streghe torturate e uccise, quasi sempre arse vive. Guardando la figura di Giuditta il mio pensiero mi riporta alle Monache di Clausura, in effetti quel vivere sola in ricordo di un marito defunto senza figli, ha quasi un aspetto monastico, e anche nel suo ritorno a Betulia, osannata e riverita persevererà il suo stato di vedova fino alla fine dei suoi anni; forse da qui l’accettazione del Libro di Giuditta nella Bibbia Latina. Continua a leggere “La Donna nella Bibbia e nel Cattolicesimo ( seconda parte)”

Nizza DOCG: Tipologie e Uve del Vino DOCG Nizza

Nizza DOCG

Schermata 2019-03-05 a 12.20.37

  1. Tipologie e Uve del Vino DOCG Nizza

Vino a Denominazione di Origine Controllata e Garantita – Provvedimento Prot. 85456 del 19.11.2014

— Confine regionale    — Confine provinciale  ♦ Zona di produzione

Nizza D.O.C.G. 

1. Tipologie e Uve del Vino DOCG Nizza 

  • Nizza (Vino Rosso)
  • Versioni: Secco
  • = 100% Vitigno Barbera
  • => 13% Vol. Titolo alcolometrico
  • Vino Rosso dal colore rosso rubino, intenso, tendente al granato con l’invecchiamento, odore intenso, caratteristico, etereo e sapore secco, corposo, armonico e rotondo.
  • Nizza Riserva (Vino Rosso Invecchiato)
  • Versioni: Secco
  • = 100% Vitigno Barbera
  • => 13,50% Vol. Titolo alcolometrico
  • Vino Rosso Invecchiato, dal colore rosso rubino, intenso, tendente al granato con l’invecchiamento, odore intenso, caratteristico, etereo e sapore secco, corposo, armonico e rotondo.
  • Nizza Vigna (Vino Rosso)
  • Versioni: Secco
  • = 100% Vitigno Barbera
  • => 13,50% Vol. Titolo alcolometrico
  • Vino Rosso dal colore rosso rubino, intenso, tendente al granato con l’invecchiamento, odore intenso, caratteristico, etereo e sapore secco, corposo, armonico e rotondo.
  • Nizza Riserva Vigna (Vino Rosso Invecchiato)
  • Versioni: Secco
  • = 100% Vitigno Barbera
  • => 13,50% Vol. Titolo alcolometrico
  • Vino Rosso Invecchiato dal colore rosso rubino, intenso, tendente al granato con l’invecchiamento, odore intenso, caratteristico, etereo e sapore secco, corposo, armonico e rotondo.

Continua a leggere “Nizza DOCG: Tipologie e Uve del Vino DOCG Nizza”

Finché c’è prosecco c’è speranza, di Fulvio Ervas

Finché c’è prosecco c’è speranza, di Fulvio Ervas

Ferragosto di fuoco per l’ispettore Stucky: in gita tra le colline del prosecco con le belle vicine di casa, si sveglia in un letto non suo, in posizione non consona. Unica certezza, le stelle. Di ritorno a Treviso, cercando conforto tra i calici, trova il suo oste di fiducia malinconico: non si capacita del suicidio plateale del conte Ancillotto, fornitore di vini d’eccellenza.

41mcZUROCYL._SX305_BO1,204,203,200_.jpg

Perché dovrebbe suicidarsi, un uomo che ama le donne, camminare, guardare il fuoco e, naturalmente, il vino? Mentre Stucky indaga a modo suo, conversando con la governante, l’amante a cottimo e il prete, piomba in paese Celinda Salvatierra, tellurica come le terre andine da cui proviene. I l’unica erede del conte Ancillotto, e semina il panico tra i viticoltori minacciando di sradicare le vigne per impiantare filari di banani a perdita d’occhio. In una notte di temporale, tre colpi di pistola si confondono con i tuoni.

L’ingegner Speggiorin, direttore del cementificio, cade nel fango per sempre. Stucky intravede i soliti intrighi mondani dietro queste morti innaturali corna, rivalità, vendetta – ma sa che la vera risposta è nei gas, nel vento. Nelle bollicine del prosecco, nella polvere che si innalza dai camini del cementificio e si posa su insalate, acque, grappoli dorati. Nella ruggine che il matto del paese gratta sulle tombe dei concittadini, impartendo benedizioni, ma anche “fra-gnoccole a destra e a sinistra con palo di robinia…”

Copertina flessibile – 27 mag 2010

https://www.amazon.it

CERIGNALE… UN MONDO A PARTE. TRA LA VAL TREBBIA E LA VAL D’AVETO

CERIGNALE… UN MONDO A PARTE. TRA LA VAL TREBBIA E LA VAL D’AVETO

Cerignale si trova sulla dorsale che divide il fiume Trebbia ed il torrente Aveto. E’ un piccolo centro montano che offre un panorama invidiabile, forse il più suggestivo dell’Appennino Ligure-Emiliano.

2 img_2346_2064_thumb

1 piazzaceri.jpg

Escursioni, funghi, cacciagione e una grande paesaggistica sono gli ingredienti di una ricetta turistica esclusiva che regala week-end, soggiorni di villeggiatura e momenti di relax ai fortunati turisti che scelgono questo luogo.

4 img_2346_2066_thumb

IL BORGO

Case in pietra , vecchi mulini, sorgenti d’acqua, un’oasi tra i monti ricoperti di maestosi castagni, faggi e querce.

Cerignale è la destinazione di un turismo speciale che unisce alle bellezze naturalistiche l’esigenza di vivere intensamente la vita di un piccolo borgo montano, lontano dalla frenesia e dalle mete del turismo di massa. Continua a leggere “CERIGNALE… UN MONDO A PARTE. TRA LA VAL TREBBIA E LA VAL D’AVETO”

La Chiesa di Santa Maria di Castello. Cenni storici

La Chiesa di Santa Maria di Castello. Cenni storici

Alessandria 850 #alessandria850 #alessandriadascoprire
La Chiesa di Santa Maria di Castello, nell’omonima piazza di Alessandria, è uno dei più antichi edifici della cittadina piemontese. L’edificio era sito nell’antico borgo di Rovereto. Si hanno notizie della sua esistenza già a partire dal XII secolo, quando l’edificio era retto dai Canonici Secolari.

52712961_2101344783245829_7311057325987463168_n.jpg

Nel 1268 l’edificio passò nelle mani dei Monaci di Santa Croce di Mortara, e dal XV secolo appartenne ai Canonici Lateranensi. Vari furono gli altri passaggi di proprietà che interessarono l’edificio, tra cui il più importante era sicuramente quello connesso all’occupazione francese.

I napoleonici utilizzarono la struttura per scopi militari; in seguito l’edificio venne trasformato anche in un ospedale. L’importanza dell’edificio è data soprattutto dalla commistione di stili architettonici riconoscibili: è possibile distinguere i vari interventi, soprattutto quelli romanici e rinascimentali. Continua a leggere “La Chiesa di Santa Maria di Castello. Cenni storici”