Incontro all’UPO sul regionalismo differenziato, di Lia Tommi

Nuovo incontro in tema di regionalismo differenziato
Venerdì 8 marzo Alessandria ospita una lezione del prof. Giovanni Tarli Barbieri

Giunge al terzo appuntamento il ciclo di incontri dedicato al tema del regionalismo differenziato promosso dal Dottorato alessandrino in Autonomie locali per l’anno accademico 2018-2019.

Dopo le lezioni dei proff. Matteo Cosulich (Università di Trento) e Mario Bertolissi (Università di Padova), venerdì 8 marzo (ore 14, Palazzo Borsalino) sarà la volta del prof. Giovanni Tarli Barbieri, ordinario di Diritto costituzionale nell’Università di Firenze.

Autorevole studioso della nostra forma di Stato e delle sue fonti, nonché co-autore di uno dei manuali di diritto regionale più diffusi e apprezzati nelle Università italiane, il prof. Tarli Barbieri concentrerà l’attenzione sui profili procedurali e sostanziali della c.d. legge di differenziazione, ovvero la legge che il Parlamento, approvandola a maggioranza assoluta sulla base di una intesa conclusa tra Governo e Giunta regionale, può attribuire alla Regione interessata ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia ai sensi dell’art. 116, comma 3, della Costituzione.

“Proprio il rapporto tra l’intesa e la legge attuativa, che ha iniziato ad essere oggetto anche di una accesa discussione politica, – ha dichiarato il prof. Renato Balduzzi, ordinario di Diritto costituzionale nell’Università Cattolica del Sacro Cuore e responsabile scientifico del DRASD, il quale introdurrà l’incontro – pone in modo ineludibile il problema del ruolo del Parlamento all’interno della procedura di attuazione del regionalismo differenziato. Sembra stia finalmente prevalendo l’opinione che intese così delicate non possano essere lasciate alla sola trattativa tra esecutivi statale e regionali. Sotto il profilo sostanziale, poi, sarà interessante, dopo aver ascoltato i punti di vista simmetrici di Cosulich e Bertolissi, approfondire con un giusregionalista accreditato come Tarli Barbieri la decisiva questione se il regionalismo differenziato costituisca un tertium genus di autonomia regionale, accanto a quella ordinaria e a quelle speciali, oppure sia, come sembrerebbe emergere dall’impianto costituzionale, una mera articolazione dell’autonomia ordinaria”.

Concluderà l’incontro il prof. Jörg Luther, ordinario di Istituzioni di diritto pubblico nell’Università del Piemonte Orientale e coordinatore del dottorato in “Istituzioni pubbliche, sociali e culturali” del quale il DRASD fa parte. La lezione, che si rivolge come da tradizione oltre che agli studiosi anche ai sindaci e agli amministratori locali del territorio, è aperta al pubblico previa iscrizione (drasd@uniupo.it). Si allega il programma.

Nuovo appuntamento con “Red Note”, di Lia Tommi

I concerti di Red Note

Giovedì 14 marzo 2019

ATTILIO ZANCHI – AZUL

Brani originali e musiche dal mondo.

Fausto Beccalossi: fisarmonica

Oscar Del Barba: pianoforte

Attilio Zanchi: contrabbasso

Un nuovo trio formato da tre celebri e virtuosi specialisti nei loro rispettivi strumenti.b

Svariati generi musicali influenzano la loro musica in una interessante e particolare fusione. Echi di jazz, di musica cubana, argentina e brasiliana formano uno stile personale che influenza le loro composizioni originali. Nel loro concerto suonano inoltre musiche provenienti da varie culture, in particolare nel loro repertorio vi sono brani riarrangiati appartenenti al mondo latino fra i quali “Historia de un Amor” di Carlos Almoran, “Rosa” e “Carinhoso” di Pixinguinha, “Um Anjo” di Egberto Gismonti.

FAUSTO BECCALOSSI

E’ unanimemente considerato uno dei massimi specialisti in campo nazionale e internazionale della fisarmonica jazz. Nel ’97 inizia la carriera da professionistica con alcuni gruppi italiani. Da citare Gramelot Ensemble di Simone Guiducci. Ha collaborato e registrato con alcuni fra i migliori musicisti dell’area italiana ed internazionale: K. Wheeler, R. Dani, S. Gibellini, G. Mirabassi, P. Fresu, G. Trovesi, R. Alessi, E. Friedlander, C. Speed, Maria Pia De Vito, D. Byron e Al di Meola col quale ha suonato in tournèe mondiali per 8 anni.

OSCAR DEL BARBA

Nato a Brescia nel 1968, si è diplomato in pianoforte, in jazz, in composizione ed in strumentazione per banda. Si è avvicinato a svariati generi musicali (jazz, musica cubana, argentina, brasiliana) che, unitamente agli studi classici, hanno formato uno stile personale, originale che influenza le sue composizioni oltre che le sue improvvisazioni. E’ vincitore di numerosi importanti concorsi sia di piano jazz sia di composizione classica/sperimentale e jazz. Vanta collaborazioni come pianista con il cantautore Francesco Guccini e con importanti musicisti del panorama musicale del jazz internazionale (Markus Stockhausen, Dave Liebman, Ralph Alessi, Javier Girotto, ed altri) che lo hanno portato a tenere concerti in importanti festivals in Italia ed all’estero. Molto richiesto come arrangiatore ha inciso numerosi cd a proprio nome per l’etichetta discografica Velut Luna.

ATTILIO ZANCHI

Nato a Milano nel 10 luglio 1953 ed inizia lo studio del contrabbasso nel 1978 dopo diverse vesperienze nei più diversi generi musicali. Frequenta per due anni i corsi di jazz del Conservatorio di Milano sotto la guida di Giorgio Gaslini e per tre la scuola Civica. Nel 1979 entra a far parte dell’Open Form Trio con Piero Bassini e Giampiero Prina con i quali collabora per diversi anni. Nel 1980 ottiene una borsa di studio presso la University of Fine Arts di Banff (Canada) e presso il Creative Music Studio di Woodstock (USA) dove perfeziona lo studio del contrabbasso con Dave Holland ed improvvisazione con Karl Berger, George Lewis, Sam Rivers, Jimmy Giuffré, Ed Blackwell, Lee Konitz, Kenny Wheeler, Jack de Johnette e John Abercrombie. Nel 1981 suona al Woodstock Jazz Festival con Baikida Carrol, Julius Hemphill, Ed Blackwell, Nana Vasconcellos, Collin Wallcot, Dewey Redman e Howard Johnson e con la Woodstock Workshop Orchestra. Al suo ritorno in Italia entra a far parte del Milan Jazz Quartet ed inizia la collaborazione con il gruppo di Franco D’Andrea e Paolo Fresu incidendo diversi dischi, alcuni di questi premiati dalla critica come “migliori dischi dell’anno”, e svolgendo numerose tourneé in tutto il mondo suonando nei festival jazz più importanti in Usa, Canada, Australia, Africa, Russia e in tutta Europa. Contemporaneamente suona con moltissimi celebri jazzisti namericani ed europei in tour, registrazioni, concerti e session tra i quali Lee Konitz, Tony Scott, Sam Rivers, Joe Farrel, Slide Hampton, Harry Sweet Edison, Mal Waldron, Bobby Watson, Dave Liebman, Al Cohn, Gerry Mulligan, Sal Nistico, Lew Tabackin, Jimmy Knepper, Bob Berg, Louis Hayes, Don Cherry, Roy Hargrove, Chick Corea, Peter Erskine, John Surman, Eddie Lockjaw Davis, Pierre Favre, Phil Woods, John Stowell, Steve Lacy, Gary Burton, Milt Jackson, Sheila Jordan, Mark Murphy, Trilock Gurtu, Nancy King, David Linx, Tom Harrell, Garrison Fewell, George Cables, Toninho Horta, Jay Clayton, Billy Drummond, Don Friedman, Dave Douglas. E’ stato eletto “miglior contrabbassista italiano” nel referendum indetto dalla rivista Guitar Club nel 1992. Nel 2006 fonda il trio Ars3 insieme a Mauro Grossi e Marco Castiglioni con i quali incide il cd “Distanze” e “Promemoria”. Nel 2007 fonda il quintetto Portrait of Mingus dedicato alle musiche di Charles Mingus. Nel 2012 inizia la collaborazione con Inside Jazz Quartet insieme a Tino Tracanna, Massimo Colombo e Tommy Bradascio con i quali incide due cd. Nel 2016 registra il cd “Ravel’s waltz” a proprio nome.

Il concerto Red Note si svolgerà in via Cavour 32, presso l’Hotel Alli Due Buoi Rossi.

Informazioni utili:

Per assistere ai concerti sono previste due formule:
Cena+concerto a € 30 a partire dalle ore 20.00

Drink+concerto a € 10 a partire dalle ore 21.00

E’ gradita la prenotazione allo 0131. 517171

Sponsor:

“Red Note” è un evento in compartecipazione con il Comune di Alessandria, si svolge grazie al sostegno della Fondazione Social, della Fondazione CRT, della Fondazione CR Alessandria e rientra nell’ambito del festival diffuso “Piemonte Jazz Festival” e del “Festival Identità e territorio”.

FIORE RECISO, di Miriam Maria Santucci

03 Fiore reciso
FIORE RECISO
di Miriam Maria Santucci
Ti ho visto lì,
seduto tra le foglie,
tra gli aceri d’un viale senza fine,
come un petalo rimasto chissà come.
In mano reggevi le tue scarpe
e un orsettino che chiamavi “Amore”.
Petalo vivo tra le foglie morte…
Occhi perduti in un punto lontano
e nel tuo sguardo ho letto il tuo dolore,
nel tuo silenzio ho udito il tuo richiamo.
Ho poggiato la mano sul tuo viso
e il tuo calore mi ha marchiato il cuore.
Tu mi hai fissato pieno di stupore
e hai lasciato un attimo le scarpe.
Fiore reciso, senza più parole…
Fiore reciso, senza più un affetto…
Petalo vivo tra le foglie morte…

Poesia tratta dalla raccolta “Le Impronte della Vita”.
© Copyright 2015 – Miriam Maria Santucci.

Eventi della Mostra di San Giuseppe a Casale Monferrato, di Lia Tommi

Mostra di San Giuseppe dal 15 al 24 marzo 2019 a Casale Monferrato

– QUALE CULTURA NEL 2020 ?

Una conferenza nella Sala Eventi
Per i 25 anni di Arteinfiera

In occasione dei venticinque anni di ‘Arteinfiera’, la rassegna di arte contemporanea che si ripete ogni anno all’interno della Mostra Reginale di San Giuseppe, giovedì 21 marzo, alle ore 21, si terrà la conferenza “Quale cultura nel 2020 ?”. L’iniziativa è promossa dalla Consulta Cultura del Comune di Casale Monferrato, e dall’ideatore di ‘Arteinfiera’, Piergiorgio Panelli, artista e critico d’arte. Sarà condotta dalla giornalista Veronica Iannotti, a vi prenderanno parte Giuliana Bussola, critico d’arte, lo stesso Panelli, Ilenio Celoria, artista ed insegnante, Massimo Iaretti, giornalista, Roberto Coaloa, scrittore e storico. Nel contesto della serata si ricorderà la ‘Giornata della poesia’ con un intervento poetico di Iris Devasini, Paola Casulli, Pierluigi Porta.

Per informazioni

D&N Eventi Srl
Corso Valentino 72 – 15033 – Casale Monferrato (AL)
Tel. 335.7404114.
Posta elettronica: commerciale@deneventi.it

_______________________________________________________________________________________

– Valcerrina, percorsi di natura, di Fede e di arte cristiana

Nell’ambito delle iniziative collaterali della edizione numero 73 della Mostra Regionale di San Giuseppe, l’Unione dei Comuni della Valcerrina – che è presente anche quest’anno con un proprio stand – organizza una serata dal tema ‘Valcerrina, percorsi di natura, di Fede ed arte cristiana’

mercoledì 20 marzo alle ore 21.15 in Sala Eventi

I lavori verranno introdotti da Fabio Olivero, presidente dell’Unione dei Comuni della Valcerrina.
Intervengono Augusto Cavallo di Cammini DiVini e Nordic Walking Valcerrina che si soffermerà sulle potenzialità naturalistiche della Valle, Massimo Iaretti, consigliere delegato al turismo dell’Unione dei Comuni Valcerrina e Chiara Parente, insegnante, scrittrice e collaboratrice della rivista ‘Medioevo’ alla quale ha dedicato un itinerario incentrato proprio sulla Valcerrina.
“Nell’occasione – dice Massimo Iaretti – verrà illustrata una nuova proposta di itinerario, che coinvolge la Valle, oltre che nella parta Alessandrina, anche in quelle Astigiana e della Città Metropolitana di Torino, peraltro già ben tracciato dall’articolo di Chiara Parente, uscito nell’agosto dello scorso anno. E non si tratta di una sovrapposizione né alla Superga – Crea, né alla ciclovia Vento, bensì è una ulteriore proposta di valorizzazione del patrimonio artistico e culturale esistente”.
Casale Monferrato, 5 marzo 2019

Per informazioni

D&N Eventi Srl
Corso Valentino 72 – 15033 – Casale Monferrato (AL)
Tel. 335.7404114
Posta elettronica: commerciale@deneventi.it

Il plauso dell’Amministrazione Comunale all’Accademia Kodokan per i successi di Modena, di Lia Tommi

Alessandria: Mercoledì 13 marzo 2019 ,alle ore 18.30 , all’ ACCADEMIA KODOKAN ALESSANDRIA,
via Plana 104 – Alessandria, incontro dell’Assessore allo Sport Pier Vittorio Ciccaglioni, in rappresentanza dell’Amministrazione Comunale, con gli atleti kendoki alessandrini dell’Accademia Kodokan che si sono confermati primi in Italia.

Ai recenti Campionati nazionali di Kendo svoltisi a Modena (3-4 marzo), la prestigiosa Accademia alessandrina ha infatti conseguito il titolo tricolore a squadre.
La Medaglia d’oro è stata infatti conferita alla squadra composta da Fabrizio e Francesco Mandia, Alberto Sozzi, Alessandro Ricaldone e Gabriele Ventura. Presenti, a completamento del team, anche Alessandro Gallina e Andrea Giacobbe.

Anche per quanto riguarda le gare individuali, l’Accademia Kodokan Alessandria è risultata brillante a Modena con Alberto Sozzi per la prima volta in carriera campione italiano nella categoria Seniores del Torneo individuale.

All’incontro di mercoledì 13 marzo – a cui sono invitati anche i rappresentanti della stampa locale – l’Amministrazione Comunale intende portare il saluto e il plauso della comunità cittadina per questo ulteriore riconoscimento conquistato a Modena dall’Accademia Kodokan.

È un plauso meritato e trova la propria ragione nella consapevolezza di quanto l’Accademia di via Plana 104 sia “cuore” di una eccellente formazione sportiva che nel corso degli anni sta continuando a forgiare campioni di prim’ordine, a livello nazionale e internazionale.

‘Alessandro Fioraso e la sua arte centrata col cuore’, a cura di Yuleisy Cruz Lezcano

Finché il cuore sarà il tuo ramo,
l’albero stupirà
illuminato da frutti colorati.
(autocitazione)

La pittura raccoglie in sé il mondo e abbandona il proprio mondo, a beneficio di quello già esistente. E’ proprio questo che si coglie nelle opere pittoriche di Alessandro Fioraso, un artista che riesce a fluire con il proprio pennello.

Alessandro attraverso la sua pittura percorre il suo viaggio, un viaggio intenso e ricco di emozioni. Ed è un piacere oltreché un onore poter parlare con lui di questo viaggio.

Nella sua espressione artistica è implicito l’elemento ritmico che gioca con la natura dei colori. L’idea di tempo, di movimento, di divenire, ha nei suoi dipinti, un destino transitorio, cosmico, onirico. Le sue opere sono capaci di comunicare la sua interiorità, le percezioni del mistero e dell’astrazione del proprio pensiero. Comunica concetti complessi che portano in sé un concepire, uno spiegare il mondo interiore ed esteriore, in modo onirico.

I temi che Fioraso rappresenta, non sono mai unitari. Ogni opera è diversa dall’altra. Ciascuna racchiude però tre elementi: colore, energia, intelligenza, che producono nell’osservatore un effetto immediato e sorprendente.

Le sue tele sanno raccontare come la materia di ogni cosa sia immanente, ma raccontano anche, che ogni cosa si accomuna alle altre attraverso un filo di connessione eterno, che comporta l’evoluzione delle forme, ma non l’evoluzione dell’essenza.

Esiste una dimensione surreale nell’astratto che ci mostra l’immateriale leggerezza dell’energia intelligente. Nella visione delle opere di questo artista, i sogni oltrepassano, come per magia, tutte le sovrastrutture e barriere mentali. È facile cogliere la ricerca coraggiosa di nuove domande. L’inconscio si misura con i pennelli, rende consapevole, a chi ammira i suoi quadri, come la centratura delle emozioni coincidano con il cuore, come portano alla sintonia illuminata fra sogno e realtà. Continua a leggere “‘Alessandro Fioraso e la sua arte centrata col cuore’, a cura di Yuleisy Cruz Lezcano”

Mostra Vidua a Casale Monferrato, di Cristina Saracano

img_20190306_2046598046659314670857992.jpg

Casale Monferrato: Mostra Vidua: le attività da marzo a giugno

Il Museo Civico prosegue con le attività di valorizzazione della mostra “Carlo Vidua, una vita in viaggio. Dal Monferrato all’Estremo Oriente 1785/1830” con una serie di visite accompagnate in calendario nei weekend da marzo a giugno 2019 a cura della
Solidarietà e Lavoro.
Ecco l’elenco dei prossimi appuntamenti:
– domenica 17 e sabato 30 marzo
– domenica 7 e sabato 27 aprile
– domenica 5 e sabato 18 maggio
– domenica 2 e sabato 15 giugno
Le visite accompagnate inizieranno sempre alle 16,30 e avranno la durata di un’ora circa; non è necessaria la prenotazione.
Biglietto: € 2,50 per la visita guidata + biglietto di ingresso al Museo (intero € 5, ridotto € 3,50, gratuito per i possessori di Abbonamento Musei e tessera Momu).
La sala ipogea che ospita l’esposizione non è accessibile ai disabili motori. Per ovviare a questa difficoltà, al primo piano della Pinacoteca, accessibile con l’ascensore, è stato predisposto un monitor con le immagini in alta definizione degli 800 oggetti che costituiscono l’intera collezione e il video dedicato “Carlo Vidua un peregrino sulla terra”. Continua a leggere “Mostra Vidua a Casale Monferrato, di Cristina Saracano”

NOMOFOBIA (“no-mobile-phone”-fobia)

Gabriele ROMANO 📎 bLOG

angel

Lo smartphone è diventato il nostro oggetto inseparabile, forse anche più del portafogli, considerando che ormai alcune cose al supermercato si pagano persino con il cellulare.

Ed ecco che tra i nuovi neologismi c’è la parola nomofobia che sarebbe l’acronimo inglese di no-mobile-phone-fobia, cioè la paura di non avere più la connessione con internet o il telefono scarico.

Una fobia che ci isola del tutto dai contatti reali e umani che man mano si stanno sempre più perdendo… rimando dipendenti persino nel comunicare nelle situazioni sentimentali.

Addirittura la nomofobia ci costringe a tenere il cellulare acceso anche di notte, con ripercussioni anche sulla nostra salute fisica oltre che mentale. I dati più significativi si registrano nello stato mentale nel quale si perdono la concetrazione e l’attenzione mentre svolgiamo mansioni di qualsiasi tipo.

La dipendenza dallo smartphone è seconda sola a quella dell’hashish.

Lo studio ha rilevato che quasi il…

View original post 163 altre parole

SCHOOL OF EXCELLENCE ALL’UPO di Cristina Saracano

logo

AL VIA LA SECONDA EDIZIONE DELLA SCHOOL OF EXCELLENCE DELL’UPO
Il tema della seconda edizione sarà: “The future of humanity, the future of the earth”.
Grazie al contributo della Compagnia di San Paolo, Torino, l’Università del Piemonte
Orientale rilancia nel 2019 l’esperienza della School of Excellence, una settimana di studio e
discussione comune dal 22 al 26 luglio a Novara, aperta agli studenti iscritti al penultimo anno di
laurea magistrale di tutti i Dipartimenti dell’Ateneo. Il tema di questa seconda edizione è “The future of humanity, the future of the earth”.
Attraverso l’interazione con quattro docenti di grande rilievo internazionale, attivi nella
ricerca all’estero, sarà possibile condurre un approfondimento mulidisciplinare sulle diverse dimensioni della trasformazione geofisica, socio-economica e morale che stanno influenzando il globo.
Ciascun esperto presenterà il tema dalla propria prospettiva scientifica e professionale in
una lezione e un seminario, seguiti nel pomeriggio da una discussione guidata di valutazione critica. I docenti sono i professori Martin Visbeck (GEOMAR – Helmholtz Centre for Ocean Research Kiel – Germania), Antoon de Baets (University of Groningen – Paesi Bassi), Conchita D’Ambrosio (University of Luxemburg – Lussemburgo), Leo van Wissen (University of Groningen –
Paesi Bassi).
L’ultima giornata sarà dedicata al perfezionamento delle soft skills in particolare
nell’ambito della comunicazione, grazie alla competenza di Felicity Jensz (University of Münster –Germania).
Come sottolinea il professor Edoardo Tortarolo, per il secondo anno Direttore della Schoolof Excellence: «L’obiettivo è mettere a contatto studenti altamente motivati con una modalità innovativa di apprendimento e rielaborazione delle conoscenze ad ampio spettro. L’esperienza estremamente positiva della prima edizione ha premiato l’aspetto aggregativo della settimana residenziale dando evidenza e conferma di come la “contaminazione” di idee e competenze diverse abbia risultati tangibili. Confidiamo che anche questa seconda edizione faccia emergere spunti di riflessione e confronto inaspettati grazie all’interdisciplinarietà degli studenti e alla grande professionalità dei docenti invitati».
La School of Excellence si svolgerà nelle aule del Complesso Perrone (via Perrone 18,
Novara); il bando di partecipazione è stato pubblicato nei giorni scorsi e scadrà il 28 marzo.

I giovedì del libro nella Biblioteca Civica ” Francesca Calvo”; di Lia Tommi

Presentazione libro in Biblioteca

Giovedì 7 marzo, alle ore 17, nella Sala Bobbio della Biblioteca Civica “Francesca Calvo” di Alessandria, il prof. Giulio Guderzo presenterà il suo ultimo volume ‘Ferrovie nel Piemonte preunitario. Storia e immagini’
Il volume ricostruisce la storia della diffusione della Ferrovia in Piemonte contestualizzandola nella cornice dell’Europa della Rivoluzione Industriale, con le sue ripercussioni nel resto della Penisola.
L’album di immagini che accompagna il testo aiuta a comprendere come in un piccolo Paese, segnato da aspri ostacoli naturali, si poterono concepire e realizzare sogni altrove ritenuti impossibili.
Al termine dell’incontro il collezionista Tony Frisina illustrerà alcune immagini storiche della stazione e della rete ferroviaria di Alessandria tratte dalla sua ricca raccolta.

Eliminate ciò che non vi serve

Creando Idee

Si tratta di eliminare dalla vostra vita tutti quegli oggetti che non vi servono più; non vi piacciono più; non vi rendono più felici; vi eravate dimenticati che esistessero. Iniziate dal cassetto della biancheria, con i calzini bucati e le mutande che non mettete da anni ma che continuano ad occupare spazio. Quanti calzini/mutande indossate regolarmente? L’importante è che, mentre rispondete a questa domanda, siate il più possibile onesti con voi stessi. Tenete quello che vi serve veramente ed eliminate tutto il resto. Dal cassetto della biancheria passate poi agli altri cassetti dell’armadio, dalla libreria di camera vostra a quella del salotto, dalla cucina al temutissimo Garage. Questa operazione, se fatta come si deve, vi porterà via diversi giorni. Una volta terminata, però, vi sentirete soddisfatti come non mai e vi sembrerà di aver recuperato quella chiarezza mentale che pensavate fosse scomparsa col passare degli anni. Via, via, via! Buttate…

View original post 34 altre parole

Premio “La forza di esserci ” a Novi per la Festa della Donna ; di Lia Tommi

FESTA DELLA DONNA, 8 MARZO 2019
Prima edizione premio “La forza di esserci”

In occasione della festa della donna, venerdì 8 marzo 2019, l’Assessorato agli Affari Sociali della città di Novi Ligure in collaborazione con la Consulta delle Pari Opportunità e con il Consorzio per la formazione professionale For.al, festeggia la le donne con una premiazione alle ore 18,30 presso il Salone di Rappresentanza del Palazzo Pallavicini, via Giacometti 22.
Verranno premiate 5 donne novesi che si sono distinte nel mondo del lavoro e in campo sociale: Ersilia Repetto per il commercio, Elisa Trucchi per lo sport, Fiammetta Trucco per il volontariato, Rosanna Valentini nel campo della scuola e Anna Belperio, operaia della Pernigotti.

La scelta delle donne novesi premiate è stata presa dall’Assemblea della Consulta delle Pari Opportunità. Il premio che verrà loro consegnato sarà un gianduiotto incastonato di zirconi, creato dai ragazzi che frequentano il For.al di Valenza.

La giornata prevede anche un momento serale di convivialità con una cena presso il Ristorante Viaggiatori di Novi Ligure, Corso Marenco 86, alle ore 20.00.

Carte d’ identità: come prenotarsi per il rilascio e il rinnovo; di Lia Tommi

Carte di Identità:
come prenotarsi per ottenere il rilascio o il rinnovo

Come noto, in adempimento alle disposizioni ministeriali, presso l’Anagrafe del Comune di Alessandria, non vengono più rilasciate le carte di identità in formato cartaceo, ma solo le carte di identità elettroniche.
La procedura per il rilascio è più complessa rispetto alla precedente perché presso l’Ufficio Anagrafe vengono acquisiti i dati anagrafici e biometrici (impronte digitali e foto), mentre la produzione e la spedizione del documento (entro 6 giorni lavorativi) sono a cura del Poligrafico dello Stato; i tempi risultano pertanto dilatati e l’accesso allo sportello per ottenere il rilascio è solo su appuntamento.
Soprattutto in vista dell’inizio del periodo estivo, in considerazione del fatto che il rinnovo della carta di identità può essere richiesto a partire dal centottantesimo giorno antecedente la sua scadenza naturale, si invita la cittadinanza a programmare per tempo la prenotazione per ottenere il rinnovo, analogamente a quanto avviene con altri documenti, come la patente o il passaporto.
Si invitano pertanto i cittadini a tenere sotto controllo la data di scadenza della propria Carta di Identità per evitare di trovarsi sprovvisti del documento in caso di necessità.
I tempi di attesa per avere un appuntamento si attestano al momento su quattro/cinque settimane e si stima che aumenteranno nel periodo estivo a causa delle crescenti richieste da parte degli utenti e della diminuzione del personale in servizio presso l’Ufficio Anagrafe (ferie e pensionamenti).
Per fissare un appuntamento, occorre rivolgersi all’URP presso il Palazzo Comunale, lato sinistro, piano terra, di piazza della Libertà 1, presentandosi di persona oppure tramite posta elettronica all’indirizzo e-mail dell’URP:
urp@comune.alessandria.it
Gli orari dell’URP per fissare appuntamento: lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 8.30 alle ore 12.30; martedì e giovedì dalle ore 8.30 alle ore 15.30 con orario continuato.

Presentazione del libro “Senza più valore- Un’ indagine sui salari e le retribuzioni in Italia ” ; di Lia Tommi

Presentazione libro “Senza Più Valore – Un’indagine sui salari e le retribuzioni in Italia”, di Davide Serafin

Perché il salario è scomparso dal dibattito dell’opinione pubblica italiana ?
In un fiorire di ipotesi di riduzione di tasse, per imprese e per persone fisiche, la retribuzione langue nella stanca ripetizione di una contrattazione collettiva bloccata dalla profonda parcellizzazione del mercato del lavoro. Lavoro che sempre più spesso è mero sfruttamento, nascosto nelle pieghe di un algoritmo studiato per «mettere in contatto» committenza e prestazione d’opera.
Sabato 9 marzo, alle 17.30 presso la Libreria Il Labirinto di Casale Monferrato, invitato dall’ANPI locale, Davide Serafin presenta il suo libro, “Senza più valore”: un’indagine sul lavoro e i salari in Italia (edizioni People). Serafin ha composto un’opera che transita dalla descrizione puntuale della cosiddetta Nuova Economia della condivisione, diventata economia dei lavoretti, alle forme più consolidate di sfruttamento, collegando idealmente mondi lavorativi distanti e sordi.
Il libro si dipana in racconti più o meno brevi di situazioni lavorative, descrizioni del nuovo capitalismo digitale che nuovo non è, accompagnando la narrazione con dati statistici aggiornati. Mentre i giovani ciclo-fattorini vengono dipinti sui siti internet delle società del settore Food Delivery come persone felici di impiegare il proprio tempo libero in questo modo, i braccianti delle pianure del profondo nord restano schiacciati dal peso del potere della Grande Distribuzione Organizzata.

Il libro proviene da una esperienza di crowdfunding, durante la quale una parte dei proventi sono stati indirizzati al sostegno dei braccianti di Castelnuovo Scrivia, al fine di pagare le spese legali per difendersi dalla causa intentata dall’azienda agricola che li sfruttava e li manteneva in condizioni lavorative inadeguate.
Lo sfruttamento è comune a diverse categorie di lavoratori. Colpisce soprattutto le lavoratrici, doppiamente penalizzate dalla retribuzione – sistematicamente più bassa di quella dei colleghi maschi, sin dalla nascita del primo figlio – e da lavori a bassa qualificazione a cui hanno dovuto concedere tutto il proprio tempo libero e soprattutto quello festivo. Ne parleremo proprio in concomitanza con la Festa della Donna.

Appuntamento a sabato 9 marzo, ore 17.30, per discutere insieme all’autore di lavoro, giusta paga e disparità retributiva. Aderiscono le sigle sindacali CGIL, CISL e UIL.

L’autore
Davide Serafin (Alessandria), è analista delle materie economiche e del lavoro. Ha scritto gli ebook “80 euro di Ingiustizia Sociale” (2016), “V come Voucher – La nuova frontiera del precariato” (2016) e “Il Volo dei Gufi” (2018), e per i Quaderni di Possibile negli anni (2015-2018) in cui è membro del Comitato Scientifico.

Misure del PSR per sostenere l’imprenditoria giovanile; di Lia Tommi

È di prossima apertura, nel giro di pochi giorni, il bando della Regione Piemonte del PSR 2014-2020, una delle ultime pubblicazioni per questa programmazione, relativo alla Misura di miglioramento aziendale (Misura 4.1.1) che prevede finanziamenti a favore delle strutture agricole. Le domande riguardano sia le attrezzature mobili sia le strutture fisse ed è un bando che è particolarmente attento al rispetto dell’ambiente, inteso come razionalizzazione dei consumi idrici ed energetici, all’impatto ambientale e al consumo del suolo.
Spiega il responsabile Sviluppo Impresa Cia Alessandria Franco Piana: “La Regione Piemonte esprime la volontà di valorizzare le aziende agricole anche in zona montana, assegnando una quota significativa del bando a chi opera in zone marginali del territorio”.
Le caratteristiche e i criteri di valutazione non varieranno rispetto ai bandi analoghi pubblicati in precedenza in questa programmazione; la Regione si riserva, alla presentazione delle domande, di determinare i punteggi relativi ad ogni criterio.
Collegato al bando di Miglioramento c’è quello relativo all’Insediamento Giovani (Misura 6.1.1).
Per informazioni e presentazione delle domande, contattare le sedi territoriali Cia (www.ciaal.it).