La corruzione in Italia: “reato a cifra nera elevata”

MaryannaReplay

L’ex pm di Mani pulite: “Il centro-destra ha condotto così male le indagini da non funzionare e il centro sinistra le ha fatte mirate a metterci in ginocchia genuflesse”.

Fermezza, disponibilità, sensibilità e un pizzico di ironia sono le qualità cucite sulla veste del magistrato Piercamillo Davigo che ha aperto il secondo appuntamento della VII edizione del Festival della Legalità di Terlizzi svoltosi presso il Chiostro Delle Clarisse al centro esatto di Piazza Cavour.

Affiancato e intervistato dal Presidente dell’Ordine dei giornalisti della Puglia, Piero Ricci, con un botta e risposta concentrato maggiormente sui temi della corruzione, che il magistrato definisce come “reato a cifra nera elevata”, disciplinato dal codice penale, agli articoli 318 – 322. Per “cifra nera”, spiega Davigo, deve intendersi “la differenza tra i delitti commessi (dai pubblici ufficiali contro la pubblica amministrazione) e quelli denunciati”; nel senso che è ancora molto basso il tasso di denuncia.

View original post 181 altre parole

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

One thought on “La corruzione in Italia: “reato a cifra nera elevata””

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...