Nizza DOCG: Tipologie e Uve del Vino DOCG Nizza

Nizza DOCG

Schermata 2019-03-05 a 12.20.37

  1. Tipologie e Uve del Vino DOCG Nizza

Vino a Denominazione di Origine Controllata e Garantita – Provvedimento Prot. 85456 del 19.11.2014

— Confine regionale    — Confine provinciale  ♦ Zona di produzione

Nizza D.O.C.G. 

1. Tipologie e Uve del Vino DOCG Nizza 

  • Nizza (Vino Rosso)
  • Versioni: Secco
  • = 100% Vitigno Barbera
  • => 13% Vol. Titolo alcolometrico
  • Vino Rosso dal colore rosso rubino, intenso, tendente al granato con l’invecchiamento, odore intenso, caratteristico, etereo e sapore secco, corposo, armonico e rotondo.
  • Nizza Riserva (Vino Rosso Invecchiato)
  • Versioni: Secco
  • = 100% Vitigno Barbera
  • => 13,50% Vol. Titolo alcolometrico
  • Vino Rosso Invecchiato, dal colore rosso rubino, intenso, tendente al granato con l’invecchiamento, odore intenso, caratteristico, etereo e sapore secco, corposo, armonico e rotondo.
  • Nizza Vigna (Vino Rosso)
  • Versioni: Secco
  • = 100% Vitigno Barbera
  • => 13,50% Vol. Titolo alcolometrico
  • Vino Rosso dal colore rosso rubino, intenso, tendente al granato con l’invecchiamento, odore intenso, caratteristico, etereo e sapore secco, corposo, armonico e rotondo.
  • Nizza Riserva Vigna (Vino Rosso Invecchiato)
  • Versioni: Secco
  • = 100% Vitigno Barbera
  • => 13,50% Vol. Titolo alcolometrico
  • Vino Rosso Invecchiato dal colore rosso rubino, intenso, tendente al granato con l’invecchiamento, odore intenso, caratteristico, etereo e sapore secco, corposo, armonico e rotondo.

__________

(Legenda simboli: > maggiore di; < minore di; >< da a; = uguale a; => uguale o maggiore di; =< uguale o minore di).

2. Territorio e Zona di produzione del Vino DOCG Nizza

L’area geografica vocata alla produzione del Vino DOCG Nizza si estende nelle colline astigiane, in un territorio caratterizzato da clima temperato, poco ventoso e con una piovosità annuale media intorno ai 700 millimetri. Quest’area permette un adattamento ideale per la coltivazione del vitigno Barbera da cui si ottiene la migliore qualità dell’uva.

La Zona di Produzione del Vino DOCG Nizza è localizzata in:

  • provincia di Asti e comprende il territorio dei comuni di Agliano Terme, Belveglio, Calamandrana, Castel Boglione, Castelnuovo Belbo, Castelnuovo Calcea, Castel Rocchero, Cortiglione, Incisa Scapaccino, Mombaruzzo, Mombercelli, Nizza Monferrato, Vaglio Serra, Vinchio, Bruno, Rocchetta Palafea, Moasca, San Marzano Oliveto.

3. Vinificazione e Affinamento del Vino DOCG Nizza

Nelle fasi di vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche enologiche leali e costanti della zona atte a conferire ai vini le loro peculiari caratteristiche di qualità.

Le pratiche enologiche di vinificazione del Vino DOCG Nizzaprevedono, tra l’altro, che:

  • La resa massima dell’uva in vino non dovrà essere superiore al 70% per entrambe le tipologie di Nizza. Qualora tali parametri vengano superati entro il limite del 5%, l’eccedenza non ha diritto alla DOCG. Oltre detti limiti decade il diritto alla DOCG per tutto il prodotto. Nel rispetto della % di resa uva/vino e in presenza di determinati requisiti di coltivazione può essere menzionata la dizione “Vigna“.

I seguenti vini DOCG Nizza devono essere sottoposti ad un periodo di invecchiamento:

  • Nizza DOCG, almeno 18 mesi di cui almeno 6 in botte
  • Nizza “Vigna” DOCG, almeno 18 mesi di cui almeno 6 in botte
  • Nizza Riserva DOCG, almeno 30 mesi di cui almeno 12 in botte.
  • Nizza Riserva “Vigna” DOCG, almeno 30 mesi di cui almeno 12 in botte.

Qualora ne ricorrano i presupposti descritti nei relativi disciplinari, i vini destinati alla denominazione di origine controllata e garantita “Nizza”, possono essere riclassificati con le denominazioni “Barbera d’Asti”, “Monferrato rosso”, “Piemonte Barbera” e “Piemonte rosso”.

4. Produttori di Vino DOCG Nizza

Con l’utilizzo della DOCG Nizza i Produttori Vinicoli Piemontesi sono orgogliosi di presentare al consumatore un Vino di Qualità che ha più cose da raccontare rispetto ad altri: da dove proviene, come viene lavorato, le origini storiche e le caratteristiche che lo identificano in un territorio ben definito che l’appassionato o l’estimatore potrà maggiormente percepire ed apprezzare durante la Visita alle Cantine che operano nell’ambito di questa denominazione.

5. Abbinamenti gastronomici con il Vino DOCG Nizza

Carni rosse brasate e marinate nello stesso vino, selvaggina, lepre, cinghiale, spezzatino di asino, filetto di bue, formaggi a pasta dura stagionati e arrosti di carne bianca.

6. Storia e Letteratura del Vino DOCG Nizza

Sebbene diffuso in tutto il Piemonte meridionale, il vitigno Barbera è storicamente ampiamente coltivato in questa zona, dove è da sempre la varietà principale.

Il Nizza rappresenta la tipologia di vino di maggior pregio di quest’area ed i vigneti, coltivati nelle migliori posizioni, esprimono al meglio le potenzialità dell’uva Barbera. La condizione pedoclimatica ottimale permette di ottenere vini ricchi di estratto e di profumi, adatti anche al lungo affinamento, molto longevi.

http://www.assovini.it/

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...