Fish and chip

Creando Idee

Fish and chip, che pesci stiamo consumando? Non quelli che ci aspetteremmo, come merluzzo o platessa, bensì squali in via di estinzione. Questo hanno rivelato le analisi del DNA fatte dagli scienziati dell’Università di Exeter: campioni di squalo nei prodotti venduti nelle pescherie e nei negozi di del Regno Unito.La maggior parte dei campioni incriminati, etichettati con nomi generici, erano in realtà spinaroli, specie “minacciata” in Europa e considerata “vulnerabile” in tutto il mondo. A rivelarlo le analisi del Dna effettuate su 78 campioni di negozi specializzati e 39 prelevati da pescherie, per lo più nel sud dell’Inghilterra, dove questo piatto è un must dello street food. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Scientific Reports. Tra i pesci utilizzati anche il pesce martello, specie a rischio in tutto il mondo e soggetto a restrizioni internazionali per la vendita alimentare. Per questo i ricercatori hanno chiesto un’etichettatura degli alimenti più…

View original post 131 altre parole

“Alessandria.La storia “, un libro per gli alunni delle scuole primarie cittadine, di Lia Tommi

“Alessandria. La Storia”
Un libro per gli alunni delle scuole primarie cittadine

Giovedì 14 marzo, alle ore 9.45, presso l’Aula Magna della scuola primaria ‘G. Galilei’ in via Galilei, 16 verrà presentato ufficialmente il libro ‘Alessandria. La storia’, realizzato in occasione dell’850° compleanno della Città di Alessandria.
Il testo che sarà donato a tutti gli alunni della scuole primarie alessandrine racconta la storia di Alessandria dalle origini al Novecento ed è arricchito con colorate illustrazioni, box di approfondimento, curiosità e fotografie. Contiene, inoltre, una appendice dedicata al dialetto alessandrino.
In attesa che si concluda la distribuzione in tutti i plessi scolastici cittadini, il volume sarà disponibile in una apposita sezione sul sito del Comune di Alessandria dove sarà possibile consultarlo interamente.
Alla presentazione saranno presenti il vicesindaco della Città di Alessandria, Davide Buzzi Langhi, l’assessore ai Servizi Educativi e Scolastici, Silvia Straneo, e i membri del Comitato Promotore Alessandria 850.

Caffè Letterario a Casale con Paola Robotti, di Lia Tommi

Caffè Letterario: mercoledì Paola Robotti

Continuano gli incontri pomeridiani del Caffè Letterario, la rassegna che valorizza l’opera delle scrittrici, romanziere e poetesse che a Casale Monferrato sono nate, risiedono o lavorano.

Organizzata dall’Assessorato alle Pari Opportunità e dalla Consulta delle Donne di Casale Monferrato, la rassegna ha in programma il suo secondo appuntamento mercoledì 13 Marzo ore 17,30 presso i locali della Biblioteca Civica Giovanni Canna.

Ospite del pomeriggio letterario sarà la scrittrice vercellese Paola Robotti. Docente di materie letterarie, per più di vent’anni ha ricoperto il ruolo di Preside dell’ Istituto Superiore Leardi di Casale Monferrato. Giornalista pubblicista, collabora con il bisettimanale Il Monferrato con la sua rubrica, ormai decennale, “Veleni e profumi”. Nel 2005 esordisce come scrittrice di noir con il romanzo “Una soffocata Inquietudine” a cui faranno seguito “Cronaca di una morte mediatica” e “Il delitto di Capodanno e altri racconti”. Tutte le sue storie criminali, trame poliziesche, investigazioni dal ritmo serrato e incalzante trascinano il lettore in una spirale di sentimenti, scelte e aspettative fino alla soluzione finale.

Mangiare davanti alla tv non fa bene alla salute

Creando Idee

Se avete l’abitudine di mangiare davanti alla televisione e siete piuttosto attenti alla linea, sappiate che non è per niente salutare. Secondo un’indagine condotta dai ricercatori dell’Osservatorio Adi-Nestlé, è risultato che il 35% di persone che hanno questa cattiva abitudine sono obese e un altro 30% sono leggermente in sovrappeso. La fascia di età che più ha questa cattiva abitudine è quella dei bambini e degli adolescenti. Sovrappeso ed obesità risultano essere infatti le patologie che più colpiscono i giovani.A  causarle non è solo la cattiva alimentazione, ma anche un’eccessiva sedentarietà. Capita spesso anche che le due cose finiscano per combaciare e in quel caso gli effetti sono più dannosi. Un bambino che passa più di due ore davanti la televisione è portato anche a fare merenda più volte a mangiare snack  non per fame, ma per noia. In questo caso i genitori svolgono un ruolo fondamentale: è importante non…

View original post 29 altre parole

Incontro pubblico per il rilancio di “Alessandria Smistamento”, di Lia Tommi

Alessandria: L’Associazione “Città Futura”,insieme alla Camera del Lavoro di Alessandria, organizza per venerdì 22 marzo, ore 9,30-13, presso Palazzo Monferrato
(via San Lorenzo, 21) un incontro pubblico dedicato al recupero e al rilancio dello Scalo Merci “Alessandria Smistamento”.

Nel dibattito è previsto l’intervento di studiosi della materia ferroviaria che si occuperanno, in particolare, della critica situazione delle ferrovie nel
nord-ovest di Piemonte e Liguria, che comprende, come ben sappiamo, il nodo di Alessandria.

Il convegno non ha un carattere elettorale, ma è rivolto a tutte le forze politiche,
amministrative, economiche e sociali interessate ad impegnarsi concretamente sul tema proposto.

Come è noto, negli anni, in tema di “logistica alessandrina” non sono certo mancati i progetti, mentre le realizzazioni sono state pressochè nulle. Non interessa adesso individuare le responsabilità, numerose, ai vari livelli e politicamente trasversali, ma verificare le nuove possibilità che per il traffico delle merci si prospettano per il nostro territorio dopo i tragici fatti di Genova e le nuove potenzialità dello scalo di Vado-Savona. Cercando di dare loro concreta soluzione.

La frutta che abbassa la glicemia

Creando Idee

Il diabete è un problema molto fastidioso e chi ne soffre sà esattamente che deve prestare moltissima attenzione ai cibi che può mangiare o meno. Una delle leggende che circolano sul diabete vuole che la frutta sia da evitare per il suo contenuto zuccherino ma non è proprio così. Gli esperti, infatti, hanno scoperto che un certo tipo di frutta non solo non crea ulteriori danni ma anzi aiuta a ridurre la glicemia. Parliamo degli agrumi. Gli agrumi, infatti, sono funzionali alla dieta di chi soffre di diabete in quanto contengono vitamine, flavonoidi, fibre e antiossidanti tra cui l’esperetina, che limita alcuni zuccheri ostacolando così l’aumento della glicemia. I frutti più adatti quindi sono arance, limoni, mandarini, cedri, pompelmi, pomeli, mandaranci, bergamotti o comunque uno qualsiasi che appartiene alla famiglia del Citrus. Ci sono però degli accorgimenti da tenere a mente: è importantissimo consumarli freschi, possibilmente appena sbucciati, bisogna evitare…

View original post 34 altre parole

La vincitrice del contest “San Valentino 2019” ideato da NadaNuovoHauteCouture, di Lia Tommi

Vincitrice del contest “San Valentino 2019”, ideato dalla titolare di NadaNuovoHauteCouture prima edizione, è Sara Cortellazzo.

Sara Cortellazzo, nata a Moncalieri il 20 novembre 1993, ha sempre vissuto a Torino fino a 16 anni. Trasferita ad Asti per giocare a pallavolo, sport che pratica da quando aveva 9 anni. Ha proseguito la sua carriera a Settimo Torinese, Belluno, Torino, Milano e per un breve periodo in Sicilia. In questa stagione a Pisogne, sul lago di Iseo. Fidanzata da 6 anni. Convolerà a nozze il 20 giugno 2020. Le piace cucinare, ama viaggiare, leggere e trascorrere tranquille giornate in famiglia.

Ecco il testo inviato da Sara Cortellazzo , con cui si è aggiudicata il primo posto.

_________________________________________

La mia storia con Luca inizia sette anni fa, quando grazie alle nostre più grandi passioni ci conosciamo..
Io pallavolista, lui calciatore.. un palazzetto il luogo in cui tutto ha inizio.
Ci si incrociava sempre prima e dopo i rispettivi allenamenti ed un giorno, grazie ad un’amica comune ci troviamo insieme a fare due chiacchiere e da lì nasce la nostra frequentazione.
Fin qui una storia come tante: qualche cena, week end fuori porta, tante serate passate a chiacchierare fino a notte fonda.. ma ora arriva il bello..
E’ giugno, da poche settimane siamo tornati da una bellissima vacanza a Roma, ma la nostra storia non è ancora ben definita; io ricevo una proposta per andare a giocare a Napoli, un anno lontana 800 km da casa, e questo sembra voler dire solo una cosa: fine di questa storia..
Qui, la prima vera grande svolta.. Luca mi dedica una canzone, ‘Ti scatterò una foto’, dicendomi che quelle parole gli avrebbero ricordato me, pensandomi a centinaia di km di distanza.. e poi aggiunge: “immaginarti così lontana è qualcosa che al momento mi toglie il respiro, vorrei che restassi, ma qualunque scelta farai, sarò dalla tua parte”
Decisi allora di rimanere, trovai squadra a Torino, così vicina ad asti, così vicina a lui..
E’ settembre e le nostre stagioni ricominciano, la nostra storia continua senza sapere che da qui ad un mese tutto sarebbe cambiato per sempre, il nostro legame sarebbe diventato indissolubile.
Prima giornata di campionato, 21 ottobre: dopo la partita inizio a sentire il braccio che formicola, la vista che si appanna.. una sensazione terribile e mai provata prima. Un ictus a 20 anni, difficile da accettare, doloroso da scrivere, figuriamoci da vivere.
Mia mamma avverte Luca in piena notte che appena legge il messaggio si precipita all’ospedale e da quel momento rimane con me, SEMPRE; 48 ore di fila senza dormire, non ne vuole sapere di andare via.. C’è quando non riesco a toccarmi il naso, c’è quando arrivano i medici, c’è quando le infermiere servono i ‘gustosissimi’ pasti dell’ospedale, c’è quando di notte piango per il dolore. C’è e non se ne andrà più.
Da quel giorno cambia tutto, la mia vita sembra non essere la stessa, manca la terra sotto i piedi e tutte le mie sicurezze sembrano di colpo sparite, tranne due: la mia famiglia e la mia storia d’amore.
Scriverlo è un po’ come ripercorrere tutti quei giorni, come riviverlo da zero.. mi vengono i brividi.
I giorni e i mesi successivi scorrono via velocemente, presa dalla riabilitazione e la voglia di tornare ad essere quella di prima.
Dopo un anno torno a giocare, vinco il campionato e conquisto la serie A, il sogno di una vita.. ma la vita, appunto, riserva sempre sorprese.. ed eccone pronta un’altra: unica giocatrice non riconfermata della squadra, il che significa dover trovare nuovamente una sistemazione.
Vado a giocare a Belluno, 500 km da Asti; Luca viene a trovarmi ogni week end, alle 4 di mattina riparte e alle 9 è a lavoro.. è pesante, stancante, ma mi dice sempre che lo fa volentieri, che la mia felicità è la sua felicita.. da qui la nostra frase: la distanza non è lontananza.
La squadra di Belluno fallisce e mi ritrovo ad ottobre senza squadra, quindi senza la Continua a leggere “La vincitrice del contest “San Valentino 2019” ideato da NadaNuovoHauteCouture, di Lia Tommi”

Momenti poesia. TUTTO HA UN INIZIO, di Giusy Finestrone

Momenti poesia. TUTTO HA UN INIZIO, di Giusy Finestrone

53832721_2208500642529566_1506054514547884032_n

E continuo a spegnere l’ennesima sigaretta
Mentre il tempo scorre sempre più in fretta
I pensieri si accavallano come pagine ingiallite
I ricordi tagliano l’anima con profondissime ferite

Una domanda dopo l’altra senza risposta alcuna
Brancolo in un buio dove non c’è neanche la luna
La strada è tetra,tortuosa, gli ostacoli infiniti
E tutti i sogni e i desideri sembrano svaniti

Detesto i giorni in cui metto tutto in discussione
In cui il dolore sembra la mia unica emozione
Ogni azione del mio passato, del mio presente
Come polvere le tramuto in un niente

Nessuna luce intravedo nel futuro
Sono in quel tunnel dall’aspetto oscuro
E chiudo gli occhi perché mi manca il fiato
E cerco l’attimo in cui tutto è iniziato !!!

Si riserva ogni uso e utilizzo@copyright di Giusy Finestrone

Momenti poesia. Verrà l’aurora, di Giuseppe Pippo Guaragna

Momenti poesia. Verrà l’aurora, di Giuseppe Pippo Guaragna

54436205_3166250653400396_4578326805575892992_n

Verrà l’aurora

Sai? L’ho poi trovato
quel verso che andò perso nella sera,
era tra i fior di luna e le verbene
confuso e disperato,
chiedeva solo d’essere poesia.
Come poesia sei tu,
ora ch’è ritornata primavera
risplendi e sei come una rosa al sole,
gabbianella nel vento,
e Venere che luce a mezza sera.
Sai? Io ti rivedo,
stella tra stelle in questa notte illune,
con l’oro dei capelli tra le mani,
impazienti, le mie,
ti stringono in un nodo di passione.
Verrà poi l’aurora,
e con un soffio tenue come brezza
asciugherà le perle sul tuo seno,
e come per magia
sarà quel soffio tenera carezza.

9 marzo 2019

Elleboro

https://bonvinifranco.wordpress.com/2019/03/11/elleboro/

 

E poi ti accorgi che non è come nelle poesie.

Un giorno sali alle colme,
al grande prato sul limitare del bosco dei ciclamini,
il prato tanto cantato,
il prato dove correvi nel sole
tra api e farfalle
e le bambine erano belle,
i fiori tanti,
le freccie rimbalzavano agli alberi,
e un’ armonica riempiva l’ aria.

Un giorno sali alle colme dicevo,
e scopri che il grande prato non è poi così grande,
come se il bosco fosse avanzato a prenderselo
ma nel bosco non ci sono ciclamini,
e allora cerchi la scusa della stagione,
l’ inverno è quasi finito,
ma anche al prato non ci sono fiori,
nè api o farfalle..
sarà che non è stagione.

C’è solo un elleboro,
dove il prato finisce e scivola ripido a valle
se ne stà lì, col suo verde sfacciato, e ride,
come a dirti inutilmente povero illuso,
vieni giù dal pero.

Inutilmente, appunto,
perchè era un nocciolo dove mi arrampicavo,
perchè non è pazzia,
io li ho visti i narcisi, e i ciclamini,
non era un sogno,
si sente una fisarmonica suonare.

Forse più su, alla prossima colma.
Più su, la prossima volta,
devo solo smettere di fumare per arrivarci,
non di scriverne.

20190310_155504

Festa della Donna, Polizia di Stato: Show-Cooking del Chef Stellato Jumpei Kuroda

Festa della Donna, Polizia di Stato: Show-Cooking del Chef Stellato Jumpei Kuroda

Alessandria: In occasione della “Giornata Internazionale della Donna” celebrata l’8 Marzo è stata organizzata dal Questore di Alessandria, per il secondo anno consecutivo,  un particolare evento riservato  alle donne della Polizia di Stato e  dell’Amministrazione Civile dell’Interno in servizio presso gli Uffici della Provincia volto ad evidenziare, ancora una volta, la passione e la dedizione di chi spesso opera sacrificando la sfera personale e familiare.

DSC_0052DSC_0066

L’evento, per questo secondo anno,  ha visto l’esibizione dello Chef Stellato Jumpei Kuroda in un singolare Show-Cooking in cui ha insegnato  a più di 150 ospiti presenti come realizzare  la sua famosa Battuta di Fassona condita con maionese di ostriche e rabarbaro.

Nel corso dell’evento il Questore di Alessandria, Dott. Michele Morelli ha consegnato in riconoscenza una targa allo Chef Kuroda ed all’organizzatore Piero Pippo nonché al sig. Gianni Nacleto che si è occupato dell’intrattenimento con  musica dal vivo per le presenti.

DSC_0103DSC_0202DSC_0216DSC_0225

Lo show- cooking è stato reso possibile grazie alla preziosa partecipazione della organizzazione “Piero Pippo catering team” della Trattoria “il Paladino” presso la splendida cornice del Salone “Gino Amisano” di piazza Garibaldi in Alessandria ed alla amichevole collaborazione di:

Caffè Boasio, Eclissi Soc. Cop. Impresa Edile Francesco Scanavino, Forlini Arborum, Centrale del Latte di Alessandria e Asti, Associazione Italiana Sommelier di Alessandria e Acqui, DoppiaG Caffè e Servizi Fratelli Carrone, Ristorante Ai Due Buoi Rossi.

Alessandria, 11 Marzo 2019

Nel Gabinetto delle Stampe antiche e moderne in mostra alcune delle opere di Pietro Villa, Guido Botta, Franco Sassi e Cino Bozzetti

Nel Gabinetto delle Stampe antiche e moderne in mostra alcune delle opere di Pietro Villa, Guido Botta, Franco Sassi e Cino Bozzetti

Alessandria: Mercoledì 13 marzo, alle ore 17, sarà inaugurata presso il Gabinetto delle Stampe Antiche e Moderne di Palazzo Cuttica la mostra “Paesaggi d’autore” che raccoglie opere di Pietro Villa, Guido Botta, Franco Sassi e Cino Bozzetti.

L’esposizione rimarrà aperta al pubblico dal 13 marzo al 15 giugno 2019.

invito copiamanifesto_fiori copia

La mostra nasce dall’idea dei tirocinanti, Matteo Pugliese e Simona Steffan, con l’ausilio dei ragazzi del Servizio Civile Nazionale, per valorizzare le opere custodite nel Gabinetto delle Stampe antiche e moderne di Palazzo Cuttica: tratto comune a tutte le opere in mostra è la rappresentazione, con la tecnica dell’acquaforte’ del paesaggio piemontese, in particolar modo del Monferrato e della Città di Alessandria.

La mostra, ad ingresso libero, sarà aperta nei seguenti orari: fino al 5 maggio da martedì alla domenica dalle ore 16 alle 19; dall’11 maggio al 16 giugno al sabato e alla domenica dalle ore 16 alle 19.

Rosso (Fdi): “Appendino promise periferia come centro. Sì, ma massacrando centro, non migliorando periferia”

Rosso (Fdi): “Appendino promise periferia come centro. Sì, ma massacrando centro, non migliorando periferia”

Torino: “Via Sacchi è abbandonata, degradata. Quando Appendino, in campagna elettorale, promise di voler portare la periferia al livello del centro avrebbe dovuto essere più precisa.

Perché sta mantenendo la promessa, ma non migliorando la periferia: lo sta facendo rovinando e degradando il centro, che di questo passo farà diventare come Falchera e Vallette”: dichiara Roberto Rosso capogruppo in  Comune di Fratelli d’Italia.

Roberto Rosso

“È scoppiata in questi giorni la protesta dei commercianti di via Sacchi, sempre più abbandonati, sempre meno aiutati dal Comune, con i progetti per il lato ferrovia chiusi colpevolmente in un cassetto”, sottolinea Rosso. 

“Intanto Appendino e la sua giunta di dilettanti allo sbaraglio, vogliono chiudere la Ztl tutto il giorno, stanno facendo la guerra ai dehors, chiedendo oltre 140 chiusure. I portici sono ormai bivacco per disperati, le serrande si abbassano per sempre.

Almeno in periferia, dopo la campagna elettorale, l’Appendino non si è più vista, questo è un vantaggio, perché dove passa Appendino non cresce più l’erba: vero, non ha fatto nulla di quanto promesso in campagna elettorale, ma almeno con loro non si è accanita in una guerra senza sosta come sta facendo con il centro”.

Idda, il libro di Michela Marzano

di Marie Morel

Idda è il nuovo libro di Michela Marzano, pubblicato da Einaudi, stile libero.

Idda, Michela Marzano

Alessandra era giovanissima, aveva dei progetti per il futuro e dei sogni che si infrangono improvvisamente, quando la mamma, Giulia, muore in un tragico incidente.

Devastata da questa perdita, la ragazza decide di fuggire, taglia ponti con la famiglia e si rifà una vita a Parigi dove trova un lavoro e incontra Pierre, l’amore della sua vita.

Alessandra ora ha quarant’anni, conduce un’esistenza ordinata,metodica, in cui tutto è incasellato, secondo regole che la donna si è data per contenere il dolore.

Ma la verità è che la vita se ne frega delle regole e fa il suo corso, inesorabilmente.

Così, quando idda ( lei), sua suocera Annie, si ammala di demenza senile, Alessandra si ritrova inaspettatamente a fare i conti con quei con i ricordi e con quel passato che aveva creduto di potersi lasciare alle spalle.

Mentre Annie perde via via pezzi del suo passato, Alessandra tenta di rimetterli insieme e nel farlo comincia a ricucire anche il suo, perché all’improvviso dinanzi ai suoi occhi si palesa un gigantesco interrogativo: cosa resta di noi, se non ricordiamo chi siamo stati, se il passato viene inghiottito dall’oblio?

Continua a leggere “Idda, il libro di Michela Marzano”