PIANOFORTE O TASTIERA?

Davide Micoli

SPONSORIZZATO DA AMAZON MUSIC UNLIMITED

Pianoforti e tastiere

Inventato in Italia alla fine del XVII secolo, il pianoforte è stato il primo strumento a tastiera in grado di modulare l’intensità del suono: più forte è la pressione su un tasto, più forte è il suono prodotto. Deve la propria fortuna alla versatilità: su un pianoforte è possibile eseguire di tutto, dalla canzoncina per bambini alla riduzione di intere sinfonie per orchestra.

Tipi di pianoforte

Il pianoforte tradizionale, prevalentemente in legno e con corde vibranti che producono il suono, è di due tipi: a coda e verticale(o da parete).

I primi sono più costosi, più ingombranti (i grancoda sono lunghi più di due metri) e in genere hanno una qualità acustica migliore.

I pianoforti verticali sono più compatti e possono comunque garantire una buona qualità del suono. Sono i più indicati per chi vuole cominciare a suonare o per…

View original post 237 altre parole

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...