Assegni di ricerca

Pubblicati due bandi per 16 assegni di ricerca, finanziati dalla Fondazione per 400.000 euro
Vercelli/Torino, 15 marzo 2019 — Fondazione CRT ha stanziato un contributo di 400.000 euro per attivare
16 assegni di ricerca su tematiche sviluppate dai dipartimenti dell’Università del Piemonte Orientale.
Prosegue così la storica collaborazione tra la Fondazione e l’Ateneo per lo sviluppo della ricerca e per la
valorizzazione dei giovani talenti.
Sono due i nuovi bandi pubblicati dall’UPO che scadranno il prossimo 1° aprile (online alla pagina
http://www.uniupo.it/it/ricerca/assegni-di-ricerca/bandi): un bando riguarda 8 assegni che rientrano nella
Macroarea scientifica; il secondo bando è relativo ad altri 8 assegni nella Macroarea umanistico-
economico-giuridico-sociale. «Questa elargizione da parte della Fondazione CRT – ha dichiarato il rettore Gian Carlo Avanzi – fa parte di
un progetto che vorremmo continuasse e si intensificasse nei prossimi anni. I finanziamenti delle fondazioni
che vanno ad alimentare la presenza di giovani ricercatori nel nostro Ateneo hanno valore doppio perché
rappresentano da una parte un volano per l’economia dell’UPO, le ricerche che questi assegnisti
condurranno potranno infatti utilmente inserirsi in progetti più ampi e più complessi in modo da generare
dati ed idee per ulteriori finanziamenti ottenuti su bandi competitivi, ed inoltre rappresentano un utile
percorso finalizzato anche alla selezione di futuri ricercatori»
«Le risorse della Fondazione CRT rinsaldano la collaborazione con l’Università degli Studi Orientale e rappresentano un vero e proprio investimento per il futuro, perché contribuiscono a rafforzare l’attrattività
formativa dell’Ateneo e della regione – sottolinea il Vice Presidente vicario della Fondazione CRT Anna
Chiara Invernizzi –. La ricerca e l’istruzione sono asset fondamentali per sostenere il processo di trasformazione tecnologica, di crescita e di sviluppo sociale e culturale del territorio: è con questa convinzione che Fondazione CRT ha investito finora circa mezzo miliardo di euro per l’innovazione e la formazione del capitale umano in Piemonte e Valle d’Aosta».
Sono numerose le linee di ricerca che rientrano nelle due aree del bando: per l’area scientifica si va dalla Fisica delle interazioni fondamentali alla Chimica dei polimeri, dalla Biologia animale ed ecologia ai Metodi analitici applicati a campioni alimentari, ambientali, di beni culturali, biomedicali e clinici, dallo Studio
dell’invecchiamento alle Patologie neoplastiche. Nell’area umanistico-economico-giuridico-sociale rientrano tematiche come la Regolamentazione finanziaria e crisi bancarie; la Strategia, organizzazione e managerializzazione delle imprese familiari; i Diritti fondamentali della persona, La filosofia e le questioni
della società globale, le Dinamiche evolutive territoriali e sviluppo locale.
Tutti gli assegni di ricerca sono conferiti per la durata di 12 mesi e sono eventualmente rinnovabili per il
proseguimento della stessa ricerca.
Sono ammessi alla selezione coloro che sono in possesso di un dottorato di ricerca o un titolo equivalente conseguito all’estero o, per i settori interessati, una specializzazione di area medica corredata di un’adeguata produzione scientifica. Non possono candidarsi coloro che abbiano un grado di parentela o di affinità, fino al quarto grado compreso, con il Rettore, il Direttore Generale o un componente del Consiglio
di Amministrazione dell’Ateneo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...