Prima colazione…buona giornata

Creando Idee

L’aroma del caffè che inonda la stanza, la dolcezza fragrante di golosi biscotti fatti in casa, il pane arrostito pronto per essere spalmato con il burro e squisite marmellate…Creatività e fantasia si trasformano in simpatiche idee impresse su tazzine di ceramica, in stile classico e colorato oppure si contornano con  eleganti teiere di fine porcellana. Ecco che la mattina alzarsi con i suoi golosi sapori, accompagnati da dettagli unici e divertenti darà così inizio a una fantastica giornata

View original post

Verrà qualcuno…

Verrà qualcuno a prenderla in questi giorni,
è l’ ora, hanno detto,
è stanca di fuggire,
sceglieranno il vestito migliore
per coprire un corpo devastato
ma sarà ugualmente nuda, e senza denari,
e lo bruceranno.

Verrà qualcuno in questi giorni
che dovevano essere di festa,
e per un po’ non ci si crederà.
Qualcosa arriverà anche qui
resterà a lungo
e farà dell’ estate un buio inverno
un inverno senza chiarori di neve.

Verrà qualcuno lì in questi giorni,
e non chiederà nulla
ma dagli la mano
e fai che se ne ricordi il nome.

Questo hanno detto,
ma non si sa mai
nessuno è infallibile.
Non dovesse venire
aspetta
e aspetta.
Aspetta.

05-08-2018 (prima che arrivasse davvero)

E’ avvenuto poi l’ incontro, il 28 08 208, ed ero lì, con in tasca le parole che non le ho dato, lei non era più lì.

Ragione da vendere

Il Blog di Roberto Iovacchini

index

Titolo: Ragione da vendere

Autore: Enrico Pandiani

Editore: Rizzoli

Fine agosto, a Parigi fa caldo. Una tranquilla serata estiva a casa di Servandoni, uno dei flic comandati da Pierre Mordenti, denominati “Les Italiens”. Tutto sembra tranquillo quando per strada si sentono colpi di pistola e raffiche di mitra. Un furgone è stato assaltato, un uomo è rimasto ucciso. Servandono e Mordenti si precipitano in strada ma ormai è troppo tardi. Le indagini sull’accaduto sono condotte proprio dalla squadra “Les Italiens” che si ritrovano impegnati nel tentativo di ritrovare una preziosa opera d’arte insieme ad una compagnia ben assortita di criminali e non, tra cui un ambiguo poliziotto inglese, un ricettatore vietnamita, una donna inglese moglie della vittima della sparatoria sotto casa di Servandoni, una giovane avvocato italiana rapita la sera dell’omicidio dell’inglese e tanti altri personaggi tutti interessati alla misteriosa opera d’arte dal valore inestimabile. Per averla molti sono disposti…

View original post 359 altre parole

Cede una parte di intonaco dalla volta del porticato di via Emilia, intervengono i Carabinieri

Cede una parte di intonaco dalla volta del porticato di via Emilia, intervengono i Carabinieri

Foto1Foto2Foto3Foto4

Tortona: Questa mattina, verso le ore 07.50, i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della locale Compagnia CC sono intervenuti nella centralissima via Emilia di Tortona dove una parte dell’intonaco del soffitto della volta del porticato si era improvvisamente distaccato, finendo sul marciapiede sottostante. Fortunatamente, al momento del distacco sotto i portici non vi erano passanti e pertanto nessuno si è fatto male, così come non sono stati registrati danni agli esercizi commerciali ivi presenti.

I Carabinieri hanno prontamente circoscritto e chiuso l’area interessata, interdicendola al transito pedonale al fine di salvaguardare l’incolumità dei cittadini, in attesa delle necessarie verifiche tecniche attivate dagli stessi militari che hanno tempestivamente interessato i Vigili del Fuoco e Polizia Municipale per i successivi adempimenti di rispettiva competenza.

Ten. Col. Giuseppe Di Fonzo

Comandante Reparto Operativo Alessandria

Nota a margine

lementelettriche

– Si annoti a margine la seguente declinazione di pensiero –
non si distingua mai più fra falso o vero
non ci si tuteli nemmeno dall’ingiusto
si faccia com’è che si vuole e con gusto.

– Si proclami alla pubblica piazza l’intenzione brillante –
non si distingua affatto fra la tanta gente
non si abbiano solo due pesi né due misure
si abbondi anche nel così è perché mi pare.

– Crepi l’avarizia per questa annotazione e si colpisca senza esitazione –
non si calcoli mai più azione né reazione
non si segua più nemmeno un’emozione
si usi pure solo la tecnologia e ognuno vada via.

– Sia apposto un tasto rapido accensione e spegnimento –
a qualunque vecchio umano turbamento
a qualunque obsoleto sorridere o sentire
si faccia solo click e quel che più ci pare.

– Che l’aggiornamento valga seduta stante in modalità attiva e retroattiva –
non…

View original post 77 altre parole

A_sincronie di un’ondata

lementelettriche

A_sincronie di un’ondata
nata senza tempi stabiliti a priori
libera d’infrangersi
_a volte anomala
altre carezzevole_
ma figlia del mare
impetuosa o lieve
sospinta dalla brezza
approdata sull’arenile
l’accende di stelle marine
e gli ippocampi le sorridono.

Spesso incontra la scogliera
e vorrebbe poterla abbracciare
spruzzi schiumosi
_non è mai stanca
impatta ancora_
ma raggiunge la battigia
con sassolini o conchiglie
aiutata dal buon vento
lambisce anche la riva
la colora di pietre nuove
e il suo ciclo somiglia all’infinito.

17/03/2019

P. Cingolani

foto ultime 541

View original post

snodo

Cipriano Gentilino

snodo cotone e corda

di lacrime trattenute

dall’erba della collina

dove scroscia il dirupo

delle esistenze incerte

odisseo di fantasmi

folli e ombre vuote

nel nulla del tempo

irrisolto dal dubbio

snodo fili di corda e

seta di amori finiti

odisseo di essenza sono

pioggia controvento

per il grano

della sacca di penelope

                         ⒸCipriano Gentilino

View original post

Momenti di poesia. DESTINO CRUDELE, di Giusy Finestrone

Momenti di poesia. DESTINO CRUDELE, di

Se fossi una poetessa.

54257895_2215310901848540_1650152660193509376_n

DESTINO CRUDELE

In fondo all’anima raccolgo il mio dolore
Non lo esterno, è troppo il mio pudore
In silenzio accarezzo le ferite
Troppo profonde per essere guarite

Il destino ha giocato le sue carte
Ed ha scavato dentro da parte a parte
Nell’istante stesso in cui la bramosia
E’ diventata rabbia e non più poesia

Magari era troppo ardua la meta
Bastava che fosse un po più discreta
Io che ambivo da sempre all’infinito
Ed adesso mi resta solo un cuore ferito

E vado avanti da sola per la mia via
Metto da parte la mia fantasia
Anche se so che sarò sempre affamata
Da una vita che mi renda estasiata !!!

Si riserva ogni uso e utilizzo@copyright di Giusy Finestrone

Momenti di poesia. Tempeste Notturne, di Marcello Comitini – Poesie

Momenti di poesia. Tempeste Notturne, di Marcello Comitini – Poesie

Il quadro “Tempeste notturne” di Beatrice Borroni e la mia poesia:

384081_526835677354739_758163524_n

Tempeste Notturne

Tu con gli occhi chiusi
nella tempesta di lenzuola sfatte
e di sogni fermi nel tuo volto amaro
impaurita dal tuo stesso sguardo
da tutti i sì che hai dato.
Avvolta nel calore delle braccia
evanescenti provvisorie del dio
dal corpo amato carezzato – acuminato
a trafiggerti il cuore
a dirti sempre amore – e poi dimenticata.
E tutti i no tornati indietro
come ceffoni di uomini violenti
che le lenzuola scuotono a bandiere
d’imperfette vittorie
Nella notte urlando il disamore
scarne carezze hai dato alle speranze
le tue
più desiderate amanti.

Racconti: Ci sono uomini che ti affascinano anche solo a sentirli parlare, di Ale Theia

Racconti: Ci sono uomini che ti affascinano anche solo a sentirli parlare, di Ale Theia

Ci sono uomini che ti affascinano anche solo a sentirli parlare e che ti possono incuriosire.
Li osservi, li ascolti e pensi che sono belli, nel senso pieno della parola..
Sono uomini pieni di passione…lo percepisci dallo sguardo, dal sorriso, dall’entusiasmo, dalla fantasia…

20992627_173984263147172_8222402630178671858_n


Li vedi con braccia robuste, ideali ad abbracciarti, a sostenerti…perché una donna, anche la più forte, vuole sentirsi protetta da quel tipo di braccia.
Sono uomini generosi e indipendenti…ma anche attenti e sensibili.
Sono uomini che conoscono bene le donne, che le sanno amare e far sentire amate…
Ma poi li ascolti e magari c’è altro…
Scopri che hanno amato, sì… amato così tanto da perdersi..
Che hanno posseduto interamente e che sono stati posseduti altrettanto interamente.
Che hanno perso quell’amore…ma che prima di capirlo o rassegnarsi, hanno lottato strenuamente per molto tempo, magari arrivando ad umiliarsi, ad incolparsi, a massacrarsi, tentandole tutte, inutilmente, in nome di quel paradiso che avevano toccato con mano…
Allora li osservi ancora un po’ meglio…
Scopri che hanno sviscerato quel dolore così a lungo e così tanto da conoscerlo fin troppo bene.. da farlo diventare quasi cronico..
Loro sanno tutto… perché, come, quando…
Analizzano e si psicoanalizzano.
L’amata perduta…. è lei la malattia cronica, di cui conoscono prognosi e diagnosi, ma della quale aspettano sia una cura che una spiegazione ad essa, perché il motivo della fine, in fondo, non lo capiscono mai.
Continua a leggere “Racconti: Ci sono uomini che ti affascinano anche solo a sentirli parlare, di Ale Theia”

Per cambiare il mondo muovi un primo passo. Dal divano sono rare le rivoluzioni…

alessandrasolina

Bla, bla, bla. Noi italioti siamo i più bravi oratori della storia (antichi romani docent), anche i moderni non sono affatto male. E noi godiamo assai ad ascoltare tutti quei sonagli e campanelli. Dal sofà, dalla panchine, dalle sedie dei bar. Ma non chiedetici di muover un dito. Finchè la pancia sarà piena, ” non sa’ da fa’”.

View original post

La terza Arca. Nuovo su Amazon.

Non Solo Campagna - Il blog di Elena

Ho appena pubblicato direttamente con Amazon la versione cartacea di questo mio racconto di fantascienza. In realtà non pensavo minimamente di cambiare piattaforma per il self-publishing ma le cose sono andate diversamente. Il mio primo – e penso unico – racconto di fantascienza l’ho pubblicato in e-book sulla piattaforma StreetLib con il titolo I rotoli segreti di Qumran, dopo il diluvio. In questi giorni ho tentato più volte di ottenere la copia in cartaceo, ma ci sono problemi con il generatore di PDF che, al momento in cui ho deciso di fare diversamente, ancora non si risolvevano. A distanza di mesi Amazon ancora non carica l’ebook da StreetLib, che comunque  non ha responsabilità di questo. Ho scelto, allora, di utilizzare KDP Amazon. Con l’occasione ho operato una revisione e aggiornamento del testo e, dato che il titolo neanche mi convinceva, ne ho scelto un altro – La terza Arca –…

View original post 30 altre parole

Cannabis Terapeutica

dimensioneC

Breve sintesi delle patologie in cui può, dovrebbe e potrebbe essere usata la Cannabis terapeutica, in base a quelle che sono ad oggi le evidenze scientifiche e in base alle evidenze constatate sui pazienti (risposta dell’organismo in termini di benefici e miglioramento della qualità della vita). In base, infine, a quelli che sono gli studi in progress che hanno avuto un riscontro positivo, ma ancora con pochi dati

#cannabis terapeutica,
#cannabisterapeutica, #sclerosi multipla, #sclerosimultipla, #fibromialgia, #epilessia,
#tumore, #atassia, #parkinson, #autismo, #alzheimer, #neuropatia, #terapiadeldolore,
#terapia del dolore, #associazione InFioreScienza, #associazioneInFioreScienza,
#io, #medico, #arrendersi mai, #con la cannabis mi curo,  #conlacannabismicuro, #cura, #dolore,
#malattia, #medicina, #medico, #reagire, #resilienza, #rispetto, #sanità,
#speranza, #vita, #prendersi cura, #prendersicura, #vicinanza, #assistenza,
#terapia, #disponibilità, #diagnosi

View original post

A te mi rivolgo

Isabella Scotti

Dovrei   essere   contenta   per   l’ arresto   dell’ ennesimo   infame ,  che   dopo   essere   fuggito   dai   domiciliari   ad   Ercolano,   ha   raggiunto   Reggio   Calabria   col   solo   scopo   di   dare   fuoco   all’ ex   moglie.   Dovrei   essere   contenta ,  se   fossi   certa   che   in   Italia   esiste   la   ”giusta”   giustizia.   Purtroppo   non   è   così.   Gli   episodi   di   questi   giorni,   riguardanti   uomini   arrestati   a   cui   vengono   ridotte   le   pene,   grazie   a   giudici   che    interpretano   il   loro   agire   o   come   persona   in   preda   a   ”   tempesta…

View original post 518 altre parole

I miserabili – #regia di Franco Però #teatro [#recensione]

Bricolage

Questo articolo esce con molto ritardo rispetto alla visione dello spettacolo. Mi sono resa conto di quanto nel mio 2018 fosse mancante la componente di spettacolo dal vivo rispetto alla fruizione di prodotti culturali audiovisivi.

I Miserabili arriva in città a gennaio, proprio agli inizi del 2019, mentre iniziano a manifestarsi i comitati per le elezioni politiche attesissime in tutta Italia. L’Abruzzo – con i suoi atteggiamenti discordanti – è un terreno di battaglia importante e vigoroso, sul quale si è venuto a sondare il valore dello scenario nazionale. Si può dire che questo momento equivale alla tappa numero zero di un concerto, quello di una prova generale che decreterà il successo di una performance sulla quale impiantare nuove dinamiche per assettare il tiro in vista degli accadimenti nazionali dei prossimi mesi.

L’opera di Victor Hugo arriva in questa condizione in modo profetico. La regia di Franco Però si…

View original post 653 altre parole

You #serietv #netflix [#recensione]

Bricolage

In questo blog si è parlato spesso di narcisismo, almeno nel periodo che ha attraversato la mia vita tra il 2015 e il 2017. Tanto è stato il tempo per riprendermi da una brutta ferita. Vedere questa serie mi ha permesso di capire ancora una volta che le vie delle forme manipolatorie sono infinite e assumono, in base al contesto, segmenti indefiniti per poterli ridurre a una chiacchiera da bar senza valore che prende forma, in questo caso, in un racconto a puntate.

You narra il punto di vista di uno stalker. Il suo intreccio è una relazione che lega amore, odio e amicizia, alla cui base esiste una idea di punizione.

You (serie tv), Netflix, 2019

Le vicende del protagonista sono quelle di un ragazzo che replica il suo comportamento: quello che ha subito da bambino quando veniva rinchiuso in un box di vetro per imparare alla perfezione la professione…

View original post 501 altre parole

Baby di Andrea De Sica #netflix #serietv [#recensioni]

Bricolage

Mi trovo ad aver visto una serie tv italiana che racconta i suoi tempi, capace di mostrare il senso di dispersione che provano gli adolescenti.

Baby di Andrea De Sica e Anna Negri narra la storia di un gruppo di ragazzi benestanti. Modelli che sembrano essere ispirati ai protagonisti dei film di Sofia Coppola. Un mondo americano ambientato a Roma nord – tra gli upper class – in famiglie dove figli e genitori esistono come comunità, ma appaiono come individui slegati e sgretolati l’un l’altro nella realtà.

Il racconto è una fuga, rappresenta una rottura da uno schema differente rispetto al mondo anni Novanta, quando era ancora possibile scappare da parenti opprimenti, per un’ideale, un amore, il bisogno di indipendenza; mostra una esasperazione che arriva dall’assenza, un vuoto insopportabile tra le pareti domestiche riempito dalla spettacolarizzazione del proprio vissuto.

Quello che si vede in questa serie è uno spaccato…

View original post 444 altre parole

The Rain #serietv [#netflix]

Bricolage

In mezza domenica pomeriggio, quando fuori piove e si ha poca voglia di uscire, ho deciso di seguire e finire, come una ameba incatenata alla poltrona, una serie uscita lo scorso anno e distribuita da Netflix.

The Rain è racconto ambientato in una Danimarca post-apocalittica, ha come protagonisti due ragazzi a cui viene dato l’ordine di trasferirsi in un bunker a seguito di una epidemia che si dirama attraverso la pioggia. Sei anni nascosti sottoterra per vivere come topi, senza sapere cosa accade fuori, all’aria aperta, in un territorio che ha di suo un clima sfortunato che accentua il rischio di spostamento da un punto all’altro tra città, per trovare forme di vita incontaminate e rispondere a quel comando che coincide all’essere fedeli alla regola del padre.

Nella sua prima fase la visione sembra noiosa, ma con l’aumentare degli agenti ansiogeni, sale in modo notevole l’interesse. Di base la…

View original post 517 altre parole

Itinerario alle isole Faroe | 7 giorni tra paesaggi incontaminati e natura

Viaggiare con Serendipità

Galeotto fu Instagram che più di due anni fa mi mostrò la fotografia di una magnifica cascata che si gettava a picco nel mare. Mese dopo mese, fotografia dopo fotografia, il mio interesse per le Isole Faroe aumentava inesorabilmente e nasceva un desiderio di viaggio ormai ingestibile. E così che a gennaio 2018, con sette mesi d’anticipo io e la mia compagna di viaggio, prese da un raptus di follia, abbiamo comprato i voli e prenotato uno splendido basement in quel piccolo arcipelago di diciotto isole nel bel mezzo del mare del Nord. Proprio in quel momento il nostro desiderio di fare un viaggio nelle Isole Far Oer si è trasformato in qualcosa di reale! 

View original post 2.049 altre parole

Messer Tulipano al Castello di Pralormo, per non perdere il risveglio della primavera

Viaggiare con Serendipità

L’avvento della primavera in Piemonte ha un nome: Messer Tulipano, che per la sua XX Edizione avrà ancora come sede il bellissimo Castello di Pralormo. Non conosco amici o parenti che almeno una volta non siano andati a vedere la meravigliosa fioritura dei bulbi di tulipani, famosa manifestazione floreale dal 1999, apprezzatissima dai piemontesi. Quando andare?

View original post 550 altre parole

Erika Fatland, Sovietistan. Un viaggio in Asia centrale

Il mestiere di leggere. Blog di Pina Bertoli

Negli otto mesi successivi avrei visitato cinque fra i paesi più nuovi del mondo: il Turkmenistan, il Kazakistan, il Tagikistan, il Kirghizistan e l’Uzbekistan. Nel 1991, quando crollò l’Unione Sovietica, per la prima volta nella storia questi paesi divennero stati indipendenti. (..) «Stan» deriva dal persiano e significa «luogo» o «paese». (..) Nonostante il suffisso comune, i cinque Stan quasi non potrebbero essere più diversi gli uni dagli altri. (..) Tuttavia, anche se differiscono tra loro sotto molti aspetti, questi cinque paesi condividono lo stesso destino e la stessa origine. Per quasi settant’anni, dal 1922 al 1991, hanno fatto parte dell’Unione Sovietica, un immenso esperimento sociale senza precedenti nella storia.

Sovietistan, di Erika Fatland, Marsilio editore 2017, traduzione di Eva Kampmann, pagg. 534

Fatland autografoHo divorato l’interessantissimo libro di Erika Fatland in pochi giorni: un volume che è il suo diario di viaggio risalente al 2014, nonché un reportage…

View original post 923 altre parole

Hadieh Shafie, “Passion”

Il mestiere di leggere. Blog di Pina Bertoli

Un paio di giorni fa, ho iniziato a leggere il romanzo “Io non sono un albero” di Maryam Madjidi, scrittrice nata in Iran ma vissuta fin da bambina in Francia. Come spesso mi accade, sono rimasta colpita dall’immagine in copertina e sono quindi andata a cercare informazioni in merito all’opera riprodotta e all’artista che l’ha realizzata.

Hadieh Shafie Saayeha10-SideDetail dettaglio

Si tratta di Hadieh Shafie, artista nata a Teheran, Iran, nel 1969 ed emigrata all’età di tredici anni negli Stati Uniti, dove ha compiuto i suoi studi artistici.

Shafie usa accuratamente la carta tinta a mano e arrotolata per formare superfici dense. In alcune opere, ogni gruppo di cerchi concentrici ha una profondità uguale, creando piccoli piani nella topografia del pezzo finito. La sua serie “Spike” presenta coni a spirale affilati che sporgono verso lo spettatore. Oltre al bordo colorato, la calligrafia è incorporata anche sui rotoli di carta…

View original post 368 altre parole

Book Pride 2019. Ogni desiderio

Il mestiere di leggere. Blog di Pina Bertoli

Si è aperta ieri a Milano, presso la Fabbrica del Vapore, la Fiera Nazionale dell’Editoria Indipendente. Proseguirà anche domani. Una kermesse ricca di proposte libresche, incontri, dibattiti. Una bellissima occasione per parlare con gli editori, pronti ad elargire consigli per acquistare libri che soddisfino ogni tipo di lettore, per assistere a presentazioni e per trovarsi vis a vis con gli autori che amiamo.

Questa mattina l’ho dedicata a fare un giro per gli stand e scegliere le mie prossime letture. Ecco il risultato di queste fantastiche ore!

Bookpride edicola

Stand di Edicola Edizioni, in compagnia degli editori Alice e Paolo. Di questa casa editrice che si muove su due continenti amo tutto. Qui sul blog trovate recensioni di loro libri e la storia della CE.

Questi i libri che Alice mi ha consigliato e di cui presto vi parlerò:

bookpride edicola acquistibookpride safara

Stand di Safarà Editore, un’altra casa editrice di cui ho…

View original post 153 altre parole

Verso l’Udienza Papale con AIDO : le mie emozioni ; di Lia Tommi

Sono donatrice, una donatrice consapevole e convinta della necessità di rendersi disponibile a salvare vite umane. Sono orgogliosa del tesserino di AIDO che porto sempre con me.

Sono convinta dell’importanza dei progetti di AIDO, primo tra tutti quello che insegna a mantenere sani stili di vita, se desideriamo che un giorno il nostro corpo possa essere utile per un trapianto .

Come insegnante, ho frequentato un corso di formazione realizzato da AIDO , su donazione e solidarietà , due concetti molto importanti da diffondere nelle scuole, e abbiamo sviscerato il tema sotto l’aspetto sociale, psicologico e legislativo.

Ora, con grande gioia, mi appresto a vivere uno dei momenti culmine delle celebrazioni per i 40 anni di AIDO Alessandria: mercoledì 20 marzo una nostra delegazione parteciperà all’Udienza Generale di Papa Francesco in Vaticano , e io sarò con loro.

Porteremo in dono al Papa l’opera ” Con il cuore ” dell’ artista Fabio Gagliardi, mio caro amico, un’opera che è stata recentemente in mostra, sempre per AIDO, all’Ospedale civile di Alessandria , insieme ad altre opere dedicate ai cuori , di questo artista.

Sarà un lungo viaggio notturno, in cui porterò nel cuore quello che ho espresso in quei pochi versi, che a mia volta donero’ al Papa: la speranza di un’umanità in cui i valori dell’amicizia , dell’amore, della comprensione e della solidarietà siano fondamentali , durante e oltre la vita. Sempre. Persone che si impegnano per le altre persone.

Con il cuore.

Cinzia Lumiera: Definizione agevolata delle controversie tributarie

Definizione agevolata delle controversie tributarie

Definizione agevolata delle controversie tributarie: dopo l’approvazione dell’estensione dell’applicazione, la pubblicazione  sul sito internet del Comune della modulistica per la presentazione delle domande

cinzia-lumiera

Recentemente il Consiglio Comunale di Alessandria – su proposta della Giunta – ha deliberato (con atto n. 29/13/19/18060 del 19/02/2019) l’estensione dell’applicazione della definizione agevolata delle controversie tributarie prevista dall’articolo 6 del D.L. 119/2018 (convertito dalla Legge 17 dicembre 2018 n. 136) alle controversie riguardanti i propri tributi.    

Questa norma riguardante le controversie in cui è parte l’Agenzia delle Entrate ha rimesso all’autonomia decisionale degli Enti territoriali la facoltà di estendere o meno tale definizione agevolata alle controversie riguardanti i tributi locali: facoltà da esercitare entro il 31 marzo 2019. Tale norma, tuttavia, non concede “spazi di manovra” agli Enti Locali, considerando che il comma 16 stabilisce solo che «Ciascun Ente territoriale può stabilire […] l’applicazione delle disposizioni di cui al presente articolo alle controversie attribuite alla giurisdizione tributaria in cui è parte il medesimo Ente o un suo Ente strumentale». Continua a leggere “Cinzia Lumiera: Definizione agevolata delle controversie tributarie”

Avvio e prospettive del Progetto Mesotelioma; di Lia Tommi

“Il progetto mesotelioma. Avvio e prospettive ” è il titolo del Convegno che si terrà il 23 marzo, dalle 9,30 alle 12,30, nella Sala d’Onore del Castello dei Paleologi, in Piazza Castello a Casale Monferrato .

PROGRAMMA

APERTURA LAVORI
Concetta Palazzetti, Sindaco di Casale Monferrato; Presidente del Comitato
strategico regionale Amianto
Giuliana Busto, Presidente AFeVA

INTRODUZIONE DEL PROGETTO Bruno Pesce, Referente sanità AFeVA

TAVOLA ROTONDA
Lo stato della ricerca oggi
modera: Daniela Degiovanni, Vitas
Giovanni Apolone, Direttore Scientifico Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei
Tumori Milano
Federica Grosso, Responsabile SSD Mesotelioma ASO AL
Maurizio D’Incalci, Dipartimento Oncologia IRCCS Mario Negri, Milano
Corrado Magnani, Professore Associato di Statistica Medica Dipartimento di
Medicina Traslazionale Università del Piemonte Orientale – Responsabile SSDipDU
Epidemiologia dei Tumori AOU Maggiore della Carità di Novara e CPO Piemonte
Irma Dianzani, Professore Ordinario di Patologia Generale Dipartimento di
Scienze della Salute Università del Piemonte Orientale
Luisella Righi, Professore Associato di Anatomia Patologica – Università di Torino
Dipartimento di Oncologia
Angelo Delmonte, Responsabile gruppo di Patologia Toracica – Istituto Scientifico
Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori (I.R.S.T.) Meldola
Roberta Volpini, Direttore Amministrativo ASO AL
Massimo D’Angelo, Responsabile Centro Sanitario Amianto
Antonio Brambilla, Direttore Generale ASL AL
Giacomo Centini, Direttore Generale ASO AL

CONCLUSIONI
Antonio Saitta, Assessore alla Sanità Regione Piemonte

Fotografia… di Maria Di Loro

Fotografia… di Maria Di Loro

Fotografia.JPG

L’occhio, macchina fotografica dell’anima, col suo chiudersi e aprirsi, cattura luce colori, che trasporta nell’anima… i ricordi, pellicola della mente, conservano l’immagine di eterno, il pensiero per ricordare momenti preziosi, momenti colorati della nostra vita, fotogramma per fotogramma, nella pellicola, nostra mente.  

Maria Di Loro

Mia foto Sicilia 2O12

Futuro, di Maria Di Loro

Futuro, di Maria Di Loro

Futuro

Ambramarina

Viviamo di ricordi scrissi un giorno…

Senza di essi non potremmo avere un futuro, noi siamo l’essenza dei ricordi

nostri compagni di avventura…

A volte il nostro sguardo si perde nel vuoto, che vuoto non è anzi…

mai spazio è più coperto di immagini suoni e odori,

e ci devono chiamare più volte per riportarci nella realtà di tutti i giorni!.

Mia foto Mia grafica

Maria Di Loro – Ambramarina

Io i ricordi li immagino “Farfalle”Immagini ferme flash.

Vieni

Vieni
dicevi come in sogno,
andiamo a dormire.
Vieni
dove i desideri partoriscono sogni
e le anime si abbracciano silenziose.

E così sono venuto,
la mano sul viso
la testa sul seno
e l’ anima a illudere la presenza.

Al risveglio, una gran solitudine,
ma c’è un corpo nel letto
proprio qui a fianco.
Invita ad accarezzarlo,
così la mano sale,
dal polpaccio alla curva dei glutei,
dove un tempo si sarebbe fermata,
e continua,
timorosa e leggera
sale fino al seno.

Le basta solo un piccolo rassicurante movimento,
un respiro.
E poi il sonno può riprendere tranquillo.

 

scultura Christina Botwell

Christina-Bothwell-Cast-Glass-00

Il bordo vertiginoso delle cose, di Gianrico Carofiglio

Il bordo vertiginoso delle cose, di Gianrico Carofiglio

https://www.lafeltrinelli.it

Il bordo

Enrico Vallesi è un uomo tradito dal successo del suo primo romanzo. Un giorno decide di salire su un treno e tornare nella città dove è cresciuto. Comincia in questo modo un viaggio di riscoperta attraverso i ricordi di un’adolescenza inquieta, in bilico fra rabbia e tenerezza.

La mela

marcellocomitini

Cezanne da un suo quadro Dedicato a Paul Cezane

A luci spente ieri sera sul mio terrazzo ho allungato
una mano alla mia sinistra
verso un tavolo basso con una bottiglia di birra
scura come la notte e un vassoio rosso di mele.
Le stelle osservavano
con occhi lucidi e attenti
ogni mio più piccolo movimento. Ho pensato
che quello è il loro mestiere. Ho tirato
un sorso dalla bottiglia e ho afferrato
una mela. E allora ho pensato
agli amici che da tanto non si fanno vedere.
Mi sono venuti in mente tutti, tutti
rintanati nelle loro poltrone o nei letti
scaldati da donne che neppure conoscono.
Ho sorriso tra me di questi pensieri malvagi.
E guardando nel cielo ho addentato la mela
succosa e rossa
con sfumature di giallo
profumata come un tramonto quando il sole
discioglie i suoi raggi
nel tepore ultimo dell’orizzonte .
Con in bocca il sapore sono andato a…

View original post 18 altre parole

Il tuo cuore

Memorabilia

Si possono combattere battaglie

(litigi senza vincitori né vinti)

guerre

(quando uno vince, sì,

ma migliaia mangiano la polvere)

o scegliere la guerriglia logorante

(tutti ci rimettono,

ma alla fine qualcuno la spunta)

che funziona più o meno così:

cento soldati crepano oggi

anzi no, cento emozioni svaniscono oggi

cento domani

e dopodomani cento ancora

finché alla fine non resta

che una piccola schiera

di combattenti con qualche fucile,

un piccolo pezzo di vita

col battito afflosciato.

Un esercito sconfitto

un’anima vinta,

battuta, disastrata.

Facciamo prima a dire

vuota

e un vincitore fiero

che pianta la bandiera

proprio sul punto che diceva d’amare.

Il tuo cuore.

View original post

Oggi è un giorno speciale, questo perché

Pagine digitali

Oggi è un giorno speciale, questo perché possiamo festeggiare assieme un nuovo percorso, intenso emozionante e lirico. Un nuovo Libro!
Ringraziamo gli autori che hanno aderito all’Antologia “Granelli di Parole” 2018
Maria Virginia Consales
Margherita Dragotto
Francesca Lami
Andrea Lamoratta
Andrea Lepone
Paola Paradisi
Alberto Prandi
Nando Silvestri
Carmelo Trimarchi
https://www.kimerik.it/SchedaProdotto.asp?Id=3071

View original post

Albero…essenza di mille significati 💙

Anime di Passaggio

Ecco perché ho scelto un albero come immagine della mia ricerca costante e di me.
L’ho sempre incontrato fin dalla più tenera età ed anche ora, sia in città che fuori porta, ovunque vada lui c’è.
Alto, imponente e rigogliosamente Vivo: l’Albero.
Ed è così che attraversando un parchetto della mia cittadina, in un pomeriggio solitario,  l’ho scorto, tantissimi anni fa.
Mi sono avvicinata, l’ho osservato:
la corteccia era meravigliosamente  intagliata come solo lo scalpello del tempo può fare e, toccando il suo rugoso tronco, lo potevo “sentire”.
Le radici erano saldamente impiantate nel terreno e i rami, lunghi e robusti,si allungavano verso l’alto cercando di toccare il cielo.
L’ho guardato a lungo, quel giorno, e la mia immaginazione, da idealista sognatrice, l’ha trasformato nelle sue innumerevoli realtà del tempo:
le foglioline ancora giovani, verdi e chiare di primavera,
i fiori colorati sparsi sulla chioma,  dal profumo intenso, aperti al…

View original post 205 altre parole

La magia del cuore 💙

Anime di Passaggio

Conosco una persona che al lavoro, ogni santo giorno, puntualizza tutti i compiti che porta a termine.
Ogni santo giorno puntualizza tutte le azioni che esegue con maestria, grazie anche alla sua esperienza di lunga durata.
Ogni santo giorno puntualizza la sua prontezza nel risolvere richieste dell’ultimo minuto, quindi non preventivate.
Dalla descrizione ne risulta una persona encomiabile dal punto di vista professionale ma…
…appare come per magia un enorme e grosso MA…
La maggior parte dei colleghi con cui lavora, nonostante la sua bravura e la sua precisione, la considera piena di boria e di superbia…
…vedono in lei l’arroganza fatta persona che li giudica inetti e meno preparati di lei…
…e nel tempo prendono le distanze lasciandola sempre più sola e isolata dal gruppo di lavoro…

Ma…è davvero così?

Io ci vedo un qualcosa di molto, molto, molto diverso…

Chi cerca di mostrare sempre di saper fare è…

View original post 304 altre parole

10 regali da fare a chi ama follemente viaggiare

Viaggiare con Serendipità

Natale, anniversario, laurea, onomastico, compleanno, ricevere regali è sempre bello. Ma come dico io, piuttosto che fare un regalo non azzeccato, è meglio astenersi. Il più delle volte si ha voglia di fare un pensiero alle persone che amiamo, anche senza che ci sia una festività ingombrante di mezzo. Ma fare un regalo gradito ai viaggiatori, non è semplice come potrebbe sembrare. Quindi, eccovi un articolo che spero possa aiutarvi: tenetelo lì da parte e consultatelo quando ne avete bisogno!

View original post 1.641 altre parole

AccioBooks: come ricevere libri nuovi ( quasi ) gratis

Viaggiare con Serendipità

I libri non sono fatti per prendere polvere, dimenticati su un comodino o in uno scaffale. I libri sono fatti per raccontare storie e se li lasciamo sempre nello stesso posto, non lo possono fare.

I siti di scambio libri non li avevo davvero mai considerati. Ma da quando ho deciso di rimettermi a leggere tanto come facevo ormai (troppi ahimé) anni fa, l’opzione di comprare libri usati o ottenerli in modo economico ha iniziato a farsi strada. Ho scoperto AccioBooks durante il viaggio in pullman che da Torino mi avrebbe portato a Venezia e da allora me ne sono letteralmente innamorata.

View original post 1.172 altre parole

Libri per bambini da regalare e da leggere | Un tuffo tra favole moderne e atlanti illustrati

Viaggiare con Serendipità

Ero una bimba troppo vispa, con gli occhietti curiosi e malinconici e una gran voglia di scoprire il mondo. Fingevo di dormire per ascoltare i discorsi dei grandi, immaginavo avventure intrepide e ogni tanto mi sembrava anche di viverle. Scrivevo storie ma preferivo ancora di più leggerle, facevo miei i nomi dei protagonisti e le vicende narrate poi, gira e rigira, tornavano nei miei temi. I libri mi hanno salvata, sempre e comunque: mi hanno dato un’ancora per pensare che il bello doveva pur esserci, mi hanno rassicurata quando mi sembrava che nessuno potesse capirmi, mi hanno fatto crescere e imparare. E io sarò sempre riconoscente a loro per questo. Il più grande dono che possiamo fare alle prossime generazioni è avvicinarli ai libri, insegnare loro ad averne cura e rispetto, spiegare che i libri sono un rifugio, non un impiccio. Io, nel mio piccolo ci provo tutti…

View original post 753 altre parole

Dimmi che città ami e ti dirò che libro leggere | New York, Parigi, Tokyo, Palermo?

Viaggiare con Serendipità

Una piccola guida ai libri che scandiscono gli aspetti più belli di luoghi lontani. Per i lettori che girano il mondo anche quando stanno a casa, sul divano, con una tazza di caffè. Dimmi che città ami e ti dirò che libro leggere: un viaggio letterario tra New York, il Nord Europa, Parigi, Tokyo e Palermo.

View original post 1.254 altre parole

Out di Natsuo Kirino: il buio dell’anima

The kindness of strangers, il blog che parla di traduzione e non

1944. Esce nelle sale giapponesi un film del regista Akira Kurosawa dal titolo Ichiban utsukushiku, da noi noto come Lo spirito più elevato, che è probabilmente tra i più propagandistici del cineasta. Le sorti del Giappone nella seconda guerra mondiale erano ormai segnate; mentre avvengono le riprese del film, l’esercito americano ha già occupato il Paese e la marina militare chiede a Kurosawa di girare un film che esaltasse il senso patriottico dei giapponesi. Tuttavia il risultato, com’era prevedibile da uno come Kurosawa, non fu una semplice pellicola votata allo spirito della dedizione alla patria, ma un film dal taglio semi-documentaristico che riuscì a insistere, grazie a un efficace montaggio di piani sempre più ravvicinati e a un uso sapiente delle luci, sulle psicologie individuali a discapito dell’atavico senso nipponico dell’appartenenza al gruppo, il cosiddetto uchi.

the-most-beautiful

Ichiban utsukushiku significa letteralmente “la più bella”, e la protagonista, l’operaia…

View original post 1.620 altre parole

Emilio Piccolo – Ulisse

Letture/Lecturas

Emilio Piccolo (Acerra, 1951 -2012)
Ulisse

Lettura di Luigi Maria Corsanico

Pat Metheny – Don’t Forget

  • immagini dal web di proprietà degli Autori

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Ulisse

Io non sono mai partito da Itaca né ad Itaca sono mai tornato.
Non ho visto Priamo piangere sul corpo del figlio, né odorato
il profumo del legno con cui erano fatte le assi del cavallo
da cui sbucarono a notte i guerrieri che avrebbero distrutto
una città e fondato l’impero di una civiltà. Non ho rubato le armi
di Aiace né mai ho convinto Circe o Calipso a donarmi
per amore il corpo o la giovinezza, l’estasi o l’oblio.
A casa non ho mai avuto Penelope ad attendermi né Telemaco
ha mai cercato il padre che non sono mai stato. Sono arrivato qui per caso,
qui dove non fioriscono gli ulivi e le mandorle non hanno il sapore
dell’estate e della sete. Ho visto…

View original post 176 altre parole