Momenti di poesia. Il salice piangente, di Andrea Patrone

Momenti di poesia. Il salice piangente, di Andrea Patrone

Il salice piangente

Costringo le foglie a ubbidire al
vento, a ombreggiare.. cadendo.
Costringo il ramo all’inchino, a
baciare l’erba, ad aprire i petali
della margherita perché rimasta
sola nella sua breve vita.
Sono dita di gigante le mie radici,
s’aggrappano alla terra e con la
forte mano puntano l’orizzonte
così lontano.
Sono un’albero inutile, senza
alcun rifugio, ne fiore, ne frutto,
solo perle di acqua risplendente,
sono il…….salice……piangente.

Andrea

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...