Bossa nova e musica Popular brazileira da Ortozero Café; di Lia Tommi

Sabato 30 marzo 2019 ore 21
Ortozero Café p.za Santa maria di castello 6, Alessandria

Trio Bossa
presenta:
Brazilian mood.

Selene Maggio – voce, Giorgio Penotti – sax e flauto
Alberto Graziani – chitarra

Apericena a partire dalle ore 19.30
E’ gradita la prenotazione 0131/532051
Consumazione obbligatoria.

facebook_1553545035647-1421323469

Selene Maggio E Alberto Graziani collaborano dal 2016 in un progetto di ricerca intorno al repertorio, i suoni e le atmosfere della bossa nova e della musica Popular brazileira. Selene Maggio è una cantante di estrazione jazzistica che ha militato per anni nel trio Bossabarrique. Alberto Graziani è un chitarrista che nel corso degli anni ha collaborato in studio e dal vivo con importanti esponenti della musica brasiliana: Moacyr Luz, gilson Silveira, Heitor Costita Bisignani, Francesca Ajmar. A loro si aggiunge l’eclettico polistrumentista Giorgio Penotti, qui in veste di saxofonista e flautista, da sempre innamorato della musica brasiliana, il tocco di colore che serviva per completare il quadro.

Per informazioni:
333.3711638
giorgiopenotti@alice.it

A Masio per Golosaria; di Lia Tommi

La Torre ed il suo Museo sono la new entry di questa edizione: si potrà visitare la Torre e passeggiare lungo il sentiero naturalistico.
Lungo il percorso di visita, fino allo splendido panorama in cima alla Torre, i visitatori potranno gustare gli assaggi dei vini della Cantina “‘l post dal Vin” di Rocchetta Tanaro e della Cantina Buonaria di Masio assieme ai prodotti tipici della bottega Da U-Re di Abazia di Masio. La Torre resterà aperta nella giornata di domenica dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18, con visite guidate fino alle 17.30.
Ore 10.30 Partenza passeggiata con guida locale.

La terra: un pianeta che sta ansimando, di Yuleisy Cruz Lezcano

La terra: un pianeta che sta ansimando, di  Yuleisy Cruz Lezcano

A seguito condivido delle Foto, prese dal Web, che dimostrano il fatto che siamo in pericolo e che stiamo soffrendo cambiamenti climatici e ambientali pericolosi per noi e per tutte le creature viventi.

1 54225897_2079992605412435_8292827278656667648_n2 54523329_2079992522079110_3597490368343441408_n34


Da molti anni, l’essere umano si trova nella Terra cercando di vivere al meglio e di evolvere, sviluppando progresso, attraverso nuove tecnologie.
Questa evoluzione, insieme alla sovrappopolazione, allo sfruttamento esagerato delle risorse, alla non curanza e l’inquinamento che ne consegue, ha sacrificato una parte consistente di flora e di fauna, portando all’estinzione di numerose specie animali e vegetali, inquinando il mezzo ambiente.
A continuazione, le immagini mostrano come l’essere umano, senza senso della responsabilità, sta portando verso una fine infelice la vita in questo nostro pianeta terra:

Momenti di poesia. Vestita di attese, di Yuleisy Cruz Lezcano

Momenti di poesia. Vestita di attese, di Yuleisy Cruz Lezcano

 

Vestita di attese

Hanno fretta i giorni,
mi perseguitano come ombre,
loro corrono
ma io vado, lentamente.
Non voglio arrivare con la mente
dove non è arrivato ancora il cuore.
Voglio sedermi
davanti allo stupore,
ricevere l’inatteso
a mani aperte.
Con i piedi nudi
voglio lasciare che l’erba mi liberi
da pretese, che come coperte,
mi nascondono da nuove visioni.
Voglio rimanere
senza dover chiedere
e senza la presunzione
di essere capita
da chi non ascolta.
Sarà la vita la svolta
che mi farà diventare,
in mezzo al sentiero,
una donna senza pensiero
con sogni sciolti
che muovono mulini oberati
per fare affiorare
istanti scordati
che non si lasciano spiegare,
ma nutrono il vuoto dell’anima.

Y. C. L.

Momenti di poesia. Tante per un cuore, di Yuleisy Cruz Lezcano

Momenti di poesia. Tante per un cuore, di Yuleisy Cruz Lezcano

48418921_1954186801326350_7940812072609120256_n

Tante per un cuore

Tutte quelle che sono
in nessun diario, le trovo
nel volo,
fra la vida e il suo essere
sospiro di rami,
capello verde di foglie,
cieli di tormente
aperti alle tempeste.
Qualcuna è papavero
al punto di morire.
È facile morire per un papavero,
essere strappata però, ha ucciso
solo una piccola parte di me.
Ha vestito i miei vuoti
di tutto quello che cresce.
Il mio cuore disteso
in questo paese
parla di nuove radici,
brucia per nuovi amori,
apre le sue braccia
per girare nel petto del giorno.
E io qui
con le mie tante,
voglio amare tante cose
ma mi ritrovo con un unico cuore,
in cui la memoria dell’unico paradiso
mi chiama, mi sta chiamando:
Yuli, Yuli, Yuli!
Conosce di me solo il nome.

Yuleisy Cruz Lezcano

Jaime Sabines, poeta messicano, di Yuleisy Cruz Lezcano

Jaime Sabines, poeta messicano, di Yuleisy Cruz Lezcano

Un giorno come oggi, il 25 marzo del 1926, è nato a Tuxtla Gutiérrez, Chiapas, Jaime Sabines, poeta messicano, uno dei più importanti e riconosciuti poeti del Messico del XX secolo, uno fra i miei preferiti. Il suo libro “Tarumba” fu uno dei libri meno compresi nel suo paese, ma è stato, anche, il più apprezzato all’estero.
La poetica di Jaime Sabines cattura perché è quasi ipnotica. I suoi versi sono impregnati di amore, della sua mancanza; fanno riferimento alla morte, alla lotta e alla solitudine.

54522450_2088336991244663_5471010645375713280_n

Il loro contenuto ci porta a creare immagini che, fino al giorno di oggi, ci hanno ispirato come lettori, perché ci portano a pensare la poetica di Sabines come nostra, così da poterla usare a seconda i vari periodi della nostra vita, sia quando siamo di fronte a: un’amore impossibile, quando dobbiamo riconoscere gli amanti, quelli che senza porre davanti la ragione, come folli, si danno completamente tutto.

I suoi scritti ci insegnano ad amare in poco tempo, perché l’amore non sente il tempo. Si può amare qualcuno in una settimana e donare in quel poco tempo, ogni cosa, perfino uno spazio di eternità.
A seguito ho tradotto alcune delle sue poesie:

Mi auguro di poter curarmi di te

Mi auguro di poter curarmi di te fra qualche giorno. Devo lasciare di fumarti, di bere te, di pensarti. È possibile. Seguendo le prescrizioni della morale di turno. Mi prescrivo tempo, astinenza, solitudine.

Espero curarme de ti

Espero curarme de ti en unos días. Debo dejar de fumarte, de beberte, de pensarte. Es posible. Siguiendo las prescripciones de la moral en turno. Me receto tiempo, abstinencia, soledad.


Te desnudas igual que si estuvieras sola
y de pronto descubres que estás conmigo.
¡Como te quiero entonces entre las sábanas y el frió!

Te pones a flirtearme como a un desconocido
y yo te hago la corte ceremonioso y tibio.
Pienso que soy tu esposo y que me engañas conmigo.
Continua a leggere “Jaime Sabines, poeta messicano, di Yuleisy Cruz Lezcano”

Momenti di poesia. Nota del silencio, di Yuleisy Cruz Lezcano (traduzione in italiano)

Momenti di poesia. Nota del silencio, di Yuleisy Cruz Lezcano

48418921_1954186801326350_7940812072609120256_n

No es muda la noche.

Escucho los panes

amargos de los días, el

canto del oscuro

alimento de los

recuerdos que no

tienen ya vida. Siento el

empobrecimiento de lo

que no se toca, los

sueños enlutados que

quiren sellar las

hendiduras del silencio.

Escucho los últimos

trenes que rondan

como pájaros

extraviados, chirrían y

me estrujan los huesos,

como puñales

abrientos, abren mi

pecho duro come il

diamante, mientras yo

hablo del cuerpo, sin

encontrar su alma. Soy

un pedazo de carne! Continua a leggere “Momenti di poesia. Nota del silencio, di Yuleisy Cruz Lezcano (traduzione in italiano)”

Differenze nell’attività cerebrale nei bambini con anedonia

ORME SVELATE

I ricercatori hanno identificato i cambiamenti nella connettività cerebrale e nell’attività cerebrale durante il riposo nei bambini con anedonia, una condizione in cui le persone perdono interesse e piacere nelle attività di cui godevano. Lo studio, condotto da scienziati dell’Istituto nazionale di salute mentale (NIMH), parte del National Institutes of Health, mette in luce le funzioni cerebrali associate all’anedonia e aiuta a differenziare l’anedonia da altri aspetti correlati della psicopatologia. I risultati appaiono nella rivista JAMA Psychiatry. L’anedonia è un fattore di rischio e un sintomo di alcuni disturbi mentali e predice la gravità della malattia, la resistenza al trattamento e il rischio di suicidio. Mentre i ricercatori hanno cercato di capire i meccanismi cerebrali che contribuiscono all’anedonia, le indagini su questa condizione si sono più comunemente concentrate sugli adulti piuttosto che sui bambini. È importante sottolineare che studi precedenti spesso non separavano l’anedonia da altre psicopatologie correlate, come il…

View original post 430 altre parole

LA DANZA DELLE OMBRE – NICKY PERSICO

Pensieri sparsi

 

I viaggi non finiscono mai e l’unica cosa che conta è che siano buoni viaggi.

Possono essere viaggi fatti in paesi lontani alla ricerca di altro da se’.

O interiori, in cui gli altri possono anche essere immaginati, oppure no.

Persico mi ha condotto in un viaggio che per la soavità delle vicende narrate, mi ha fatto sentire leggera.

Leggera e unicamente responsabile della mia vita.

L’energia che ne ho tratto è stata conferma desiderata di ciò che ho sempre considerato valore nella vita: saper vedere oltre il visibile, e cercare di essere un tutt’uno con la vita.

E così trovarsi su un treno con le mani un biglietto che porta chissà dove, mi ha fatto pensare che la vita è questo.

Possiamo fare progetti, credere di sapere dove stiamo andando e chi siamo, ma è proprio quando crediamo di averne certezza che la vita fa cadere tutte le…

View original post 78 altre parole

Vincent van Gogh – Scoperta opera

Paesaggi dell'Anima

Van Gogh: View from Arles-Montmajour, olio su tavola, 1888, ispirazione autunnale, il vero disegno modellato con il colore, luce della Provenza …

Vincent van gogh - Landscape Provenza-Alpi Vincent van Gogh, titolo: View from Arles-Montmajour, (Landscape Provence), tecnica: olio su tavola, misure: 45×64,5 cm, datazione: 1888, Collezione privata – Paesaggi dell’anima

Dettagli: opera pittorica originale-scientifica del grande maestro olandese, avanguardia dell’espressionismo, Vincent Willem van Gogh, (30 marzo 1853, Zundert, Paesi Bassi, 29 luglio 1890 Auvers-sur-Oise Francia), stato conservativo quadro: pittura non ritoccata in antica patina. (Table support: View of Amsterdam from Central Station, October 1885, Private collection, Amsterdam Nuenen, the Netherlands, oil on wood – Peasant Woman Sitting on a Chair, June 1885, Private collection, Nuenen, the Netherlands, oil on wood, Dunes August, 1882, Private collection, The Hague, the Netherlands , oil on wood – The research carried out on the wooden support, probably in walnut corresponds to the supports used by…

View original post 575 altre parole

VIDEOSORVEGLIANZA: Progetto Sicurezzà della Città

VIDEOSORVEGLIANZA: Progetto Sicurezzà della Città

La Prefettura di Alessandria ha comunicato che il Comune di Alessandria, a seguito dello scorrimento della graduatoria delle domande di ammissione al finanziamento statale in materia di sicurezza delle città, si colloca in posizione utile per ottenere fondi da impiegare per procedere a nuovi investimenti finalizzati al completamento del ‘Progetto Sicurezza’ della Città.

Telecamera.png

Il Comune di Alessandria si è collocato, infatti, alla posizione 436 su 2427 domande presentate dai Comuni italiani con un progetto che prevede un investimento complessivo di €. 230.000,00 di cui €40.000,00 a carico  del Comune.

Di fatto, alcuni degli interventi in progetto sono, in realtà, comunque stati realizzati e sono in corso di completamento, per esempio, in piazzale Berlinguer dove il sistema è in fase di installazione. Questo intervento, realizzato nell’ambito dell’accordo con l’Azienda Ospedaliera, costituisce per l’Amministrazione comunale un fondamentale elemento di monitoraggio e deterrenza verso la microcriminalità che ha minato, per anni, la sicurezza del parcheggio.

Il Sistema di Videosorveglianza attualmente esistente sul territorio comunale è stato realizzato,negli anni passati (2005-2009) mediante il posizionamento di 42 telecamere. Questo sistema, con il tempo, si è progressivamente deteriorato tanto da ritenersi necessario un totale intervento di rifacimento. Continua a leggere “VIDEOSORVEGLIANZA: Progetto Sicurezzà della Città”

Sgominata Baby Gang del Centro: la Polizia Municipale identifica i componenti

Sgominata Baby Gang del Centro: la Polizia Municipale identifica i componenti

Alessandria: L’impegno profuso dalla Polizia Municipale di Alessandria ha consentito, in breve tempo, di identificare i componenti di una ‘gang’di ragazzini minorenni che hanno commesso reati, nel centro cittadino, ai danni degli  alunni della scuola media’ A. Manzoni’ e di alcuni commercianti delle vie limitrofe.

IMG_2401.jpg


A seguito delle segnalazioni pervenute al Comando Alessandrino, è stata svolta un’attenta indagine per identificare i membri del gruppo, assumendo notizie da persone informate dei fatti e dalle vittime dei reati ed effettuando, inoltre, appostamenti, acquisizione di atti e riconoscimenti fotografici.
In breve tempo gli autori dei reati sono stati individuati: si tratta di 11 ragazzi minorenni di età compresa fra  i 13 e i 17 anni (9 di etnia marocchina, 1 di etnia albanese, 1 di etnia senegalese).
Uno dei ragazzi, il diciasettenne, era già noto alle Forze dell’Ordine perché responsabile del reato di rapina, oltraggio a pubblico ufficiale, minaccia e rifiuto a fornire le proprie generalità a danno di un operatore della Polizia Penitenziaria che era intervenuto, nonostante fosse fuori servizio, ed è responsabile in concorso con altri ragazzi dei reati di  interruzione di pubblico servizio a danno della scuola media A. Vivaldi, furto e danneggiamento.
Continua a leggere “Sgominata Baby Gang del Centro: la Polizia Municipale identifica i componenti”

Nuove prospettive per i Centri Sportivi Comunali

Nuove prospettive per i Centri Sportivi Comunali

Di imminente pubblicazione gli avvisi per la Piscina Comunale scoperta e per dodici Impianti Sportivi

Alessandria: Il tema della conferenza stampa convocata nella giornata odierna nella Sala Giunta del Palazzo Comunale di Alessandria è stato sintetizzato nel titolo “nuove prospettive per i Centri Sportivi Comunali” e di prospettive veramente innovative è appropriato parlare.

Piantina Piscina Comunale scoperta_AlessandriaIMG_2392

Ad illustrare nel dettaglio gli aspetti peculiari delle “novità” attese nell’ambito dell’importante componente del patrimonio comunale rappresentata dai Centri Sportivi Comunali sono stati gli Assessori Comunali Giovanni Barosini (con delega ai Lavori e Opere Pubbliche e Valorizzazione del Patrimonio comunale) e Piervittorio Ciccaglioni (con delega allo Sport e Impiantistica sportiva), accompagnati dall’arch. Pierfranco Robotti, Direttore del Settore comunale competente (Urbanistica e Patrimonio), insieme a Nadia Albarello, Responsabile del Servizio comunale Impiantistica Sportiva, e alle altre componenti del Servizio stesso.

Quali sono, dunque, queste “nuove prospettive”?

Ruotano attorno a due fulcri: da un lato, quello della Piscina Comunale scoperta di Lungo Tanaro San Martino 16 e, dall’altro lato, quello riferito ai primi dodici Impianti Sportivi Comunali.

IMG_2384IMG_2386

«L’attenzione posta dall’Assessorato ai Lavori Pubblici e alla Valorizzazione del Patrimonio comunale – ha dichiarato l’Assessore Giovanni Barosiniè stata forte su questi temi, nella consapevolezza che la Città e l’intero suo territorio comunale meritino di essere valorizzati anche dal punto di vista della fruizione di queste importanti strutture sportive di proprietà del nostro Ente. Vi è tuttavia una ragione in più che ci fa guardare a questa conferenza stampa come ad un momento significativo dove vengono preannunciate, in piena sintonia con il Sindaco e la Giunta Comunale, nuove prospettive e nuovi approcci di interlocuzione con i Soggetti attivi del nostro territorio. Mi riferisco in particolare alla scelta di avvalerci di quanto indicato dalla Legge per favorire al massimo, relativamente alla Piscina Comunale scoperta e ai dodici Impianti Sportivi Comunali, il coinvolgimento e il vero e proprio protagonismo delle associazioni o società sportive senza fini di lucro interessate a riqualificare e gestire Impianti Sportivi Comunali». Continua a leggere “Nuove prospettive per i Centri Sportivi Comunali”

ALESSANDRIA FILM FESTIVAL – Terza edizione

ALESSANDRIA FILM FESTIVAL – Terza edizione

22, 23, 24 marzo 2019

Si respira tanto entusiasmo a poche ore dalla chiusura della terza edizione dell’ALFF, il festival di cinema indipendente organizzato da uno staff di giovani alessandrini che sta raccogliendo sempre maggiore consenso in città.

IMG_6378 (1)WhatsApp Image 2019-03-25 at 09.44.51

La manifestazione, che si è svolta dal 22 al 24 marzo presso le belle sale di Cultura e Sviluppo, ha infatti coinvolto quasi 1500 spettatori in tre giorni, superando i numeri delle edizioni precedenti. Un flusso costante, che ha toccato sia le serate di punta che i pomeriggi di questo assolato fine settimana, con punte di tutto esaurito in occasione dell’incontro con il maestro Pupi Avati, spettatori in piedi e una saletta allestita ad hoc con la proiezione in live streaming dell’evento per chi è arrivato tardi.

Oltre alle proiezioni delle opere in concorso e fuori concorso, il Festival ha ospitato incontri con professionisti del mondo cinema (il regista Carlo Ausino, l’attore alessandrino Gualtiero Burzi, il maestro d’armi Walter Siccardi) e appuntamenti per i più giovani: più di 150 studenti delle scuole superiori, laboratori per bambini con posti esauriti e incontri tra cinema e teatro tenuti dal collettivo teatrale Officine Gorilla. Continua a leggere “ALESSANDRIA FILM FESTIVAL – Terza edizione”

Paola Ferrari. Tav: “Ma a fino a quando alla Lega sarà permessa la strategia dei due forni?”

“Ma a fino a quando alla Lega sarà permessa la strategia dei due forni?”

“Riccardo Molinari mente sapendo di mentire!”. È quanto sostiene la coordinatrice provinciale di Alessandria di Scelta Civica del Fare Paola Ferrari, a proposito della Tav.

Il capogruppo della Lega alla Cascina Marchesa, nel quartiere Barriera di Milano di Torino, aveva detto che “i bandi sono partiti e che alla fine il ritardo si limita a un paio di mesi”.

SCelta Civica del fare

“È vero che Telt ha fatto partire i bandi, ma è altresì vero che il Governo di Di Maio e Salvini ha espressamente scritto che dopo le elezioni europee si ridiscuterà tutto. La Tav continua pertanto ad essere a forte rischio.

Questo Molinari lo sa bene e vuole solo tenere tutti calmi in vista delle elezioni regionali per non danneggiare la Lega. Questo è semplicemente prendere in giro gli elettori” aggiunge Ferrari.

chiamparino-e-ferrari

Che conclude: “I toni usati da Molinari nei confronti del Governatore Chiamparino sono in sintonia con quel clima di considerazione sprezzante che i leghisti hanno per le istituzioni. Ma a fino a quando a Matteo Salvini sarà permessa la strategia dei due forni: a Roma con il M5S e alle regionali e comunali con il centrodestra? La vicenda Tav ne è una conferma”.

Coordinamento provinciale Alessandria

Alegas, cresce la partnership con Cia: lo sportello di Valenza dell’azienda gas+energia elettrica del Gruppo Amag ospita il Caf della Cia-Agricoltori Italiani Alessandria

Alegas, cresce la partnership con Cia: lo sportello di Valenza dell’azienda gas+energia elettrica del Gruppo Amag ospita il Caf della Cia-Agricoltori Italiani Alessandria

Sempre più stretto il sodalizio fra Alegas e Cia-Agricoltori Italiani Alessandria al servizio del territorio. 

Constatato il successo della partnership al quartiere Cristo (dove la sede Cia di Corso Acqui 76, angolo piazza Ceriana, tutti i martedì e venerdì mattina ospita lo sportello Alegas), le due realtà hanno deciso di consolidare la loro collaborazione anche a Valenza.

sdrsdr

La sede Alegas di Valenza (Corso Garibaldi n. 78) ospita infatti tutti i lunedì, mercoledì e giovedì mattina addetti della Cia, che sono a disposizione dei loro iscritti sul territorio per un’ampia serie di servizi: dall’assistenza fiscale necessaria per la compilazione della dichiarazione dei redditi ad ogni altro supporto riguardo al calcolo di Imu, Tasi, Isee, ecc.

In sede, oltre all’addetto Cia, sarà presente anche il personale Alegas, per offrire consulenza su come risparmiare su bollette e fatture di luce e gas. I consulenti Alegas sono a disposizione anche per fornire assistenza nelle pratiche per il bonus sociale.

A Valenza dunque il Caf Cia non sarà più presente nei locali Ipercoop Valenza, ma solo presso la sede Alegas di Corso Garibaldi n. 78. Continua a leggere “Alegas, cresce la partnership con Cia: lo sportello di Valenza dell’azienda gas+energia elettrica del Gruppo Amag ospita il Caf della Cia-Agricoltori Italiani Alessandria”

Scelta Civica del Fare risponde al Pd alessandrino

Scelta Civica del Fare risponde al Pd alessandrino

Alessandria: “Noi, sia chiaro, non siamo in alcun modo il Pd e rivendichiamo la nostra autonomia e non vogliamo entrare nelle loro evidenti criticità e lacerazioni. Noi non vogliamo assolutamente essere il loro alibi per giustificare il loro malessere interno” risponde così Paola Ferrari, coordinatrice provinciale di Alessandria di Scelta Civica del Fare, al Pd alessandrino dopo la recente presa di posizione riguardante la figura dell’ex consigliere comunale Mario Bocchio nel movimento che alle prossime elezioni regionali appoggerà il Governatore uscente Sergio Chiamparino.

Chiamparino e Ferrari

Aggiunge: “Scelta Civica del Fare è nata dall’esigenza di aggregare, come contenitore in cui possono confrontasi uomini e donne, dialogare con tutte le componenti del tessuto sociale ed economico per cercare di dare risposte al malcontento generato da una classe politica trasversale che sta mancando davanti alle proprie responsabilità. Il risultato della scomparsa dei partiti tradizionali è una politica che non è più credibile, fatta solo di slogan, paure, fuffa, menzogne e non di uomini, donne e programmi”.

Ed ancora: “Se la politica del Piemonte vuole continuare ad essere la politica del fare e dei sì, il programma giusto è quello di Chiamparino, al di là delle ideologie, che in questo caso a nostro avviso non contano, perché a noi preme solo sostenere il pragmatismo di una persona preparata che parla in maniera chiara e concreta. La scelta è sulla persona e sul programma”. Continua a leggere “Scelta Civica del Fare risponde al Pd alessandrino”

Momenti di poesia. Abbraccio, di Rosaria Magnisi

Momenti di poesia. Abbraccio, di Rosaria Magnisi

Impulsi selvaggi dell’anima ღ Poesie & Dipinti di Rosaria Magnisi

Buongiorno e felice Lunedì a tutti!

55811506_2115448645177139_2080016824245682176_n

Abbraccio

Un abbraccio è intimità,
fremito e cura
di un fratello.
Un abbraccio è desiderio,
sorriso e pianto
tra palpiti di pelle.
Un abbraccio è alba,
una donna da inventare
un cielo da baciare.
Un abbraccio è notte
tra le piume del calore
e il tremore di una vita.
-Rosaria Magnisi-
Impulsi selvaggi dell’anima ღ Poesie & Dipinti di Rosaria Magnisi
Copyright © 2019 Rosaria Magnisi tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. Poco importa… di Stefano Capasso

Momenti di poesia. Poco importa… di Stefano Capasso

55554571_275866066678904_1201587207807172608_n

Poco importa
l’epilogo finale

Chi,
con malcelata invidia,
si strugge così tanto
per la Mia Felicita’
forse crede
d’esser stato derubato
di quella
che non ha mai avuto ?

Sto da un po’
volando,
come fossi un’Angelo
su colorate nuvole,
nel seno
di una Bella Favola ,
assieme
ad un’Amore Virtuale.

Non chiedetemi
se il Futuro
sarà con me gentile
perché
poco importa
qualunque sia
l’epilogo finale.

Solo Dio sa
come Vorrei
averla accanto,
per sentirmi stordito
e del tutto ubriacato.

Tutti i diritti riservati
@ copyright

Momenti di poesia. MA QUANTO E’ BELLO IL MARE, di Roberto Busembai Errebi

Momenti di poesia. MA QUANTO E’ BELLO IL MARE, di Roberto Busembai Errebi

54798219_2429443530617407_5632139723624415232_n

MA QUANTO E’ BELLO IL MARE

Ma quanto è bello il mare
che bagna ora il mio sopore
di lento pensare,
ma quanto è grande questo immenso
che sulla spiaggia cede rumorosamente
trascinato,
ma quanta vita appare
oltre il confine
da non poter carezzare
e fermare come le onde,
ma quanta passione sorge
oltre il limite del cuore
da far fiorire una rosa
su una spiaggia erosa.
Ma quanto è bello il mare
se lo sai assaggiare,
e quanto sale dovremmo
ancora bere,
se della rosa non conosciamo
che le spine.
Ma quanto è bello il mare
e niente altro lo sarà mai più
eguale.

Roberto Busembai (errebi)

Immagine web

Momenti di poesia. Dopo il viaggio, di Antonio Scarito

Momenti di poesia. Dopo il viaggio, di Antonio Scarito

54799434_1678661862278007_983425357619134464_n

Dopo il viaggio
ancor mi ritrovo
fra le pozzanghere
del mio paradiso
dove ogni essere
sembra felice.
Ed io che arrivo
come straniero,
cosi com’ero
nell’ultimo istante,
penso e spero
sia tutto vero.
Però m’accorgo,
qualcosa manca e
provo a chiedere
ad altri esseri
fino a scoprire
che in paradiso
nessuno scorda
chi ha lasciato.
Cerco una scusa
per andare fuori,
magari a togliere
le scarpe sporche,
per poi tornare
come si conviene.
E quando esco
vedo la luce,
il sole illumina
la mia strada,
così mi giro
guardo attonito e
scappo via per
rimandar tutto. Continua a leggere “Momenti di poesia. Dopo il viaggio, di Antonio Scarito”

Riaprire con la forza delle immagini gli spazi chiusi di una città

Riaprire con la forza delle immagini gli spazi chiusi di una città

IlFotografo.it:

Riaprire con la forza delle immagini gli spazi chiusi di una città: Ferrara è pronta a ospitare la terza edizione di ‘Riaperture’, il festival di fotografia in programma dal 29 al 31 marzo e dal 5 al 7 aprile 2019. Autori da tutto il mondo, incontri e presentazioni, proiezioni e workshop, per una formula confermata dopo il successo nel 2018 con 3200 presenze, e che presenta diverse novità, tra i luoghi riaperti e gli autori in mostra a Ferrara.

unnamed

Il tema della terza edizione è il ‘Futuro’, che sarà sviscerato in molteplici direzioni grazie alle storie di autori nazionali e internazionali. Saranno presenti in mostra al festival: Gianni Berengo Gardin, Francesco Cito, Elinor Carucci, Simon Lehner, Claudia Gori, Mattia Balsamini, Fabio Sgroi, Eugenio Grosso, Tania Franco Klein, Ettore Moni, Claudio Majorana, Zoe Paterniani, Marika Puicher e Giovanni Cocco.

Annichilito da prospettive curve su sé stesse, riposto in un asintoto irraggiungibile, ignorato da una realtà concentrata solo su ciò che è, atrofizzato da una narrazione contemporanea dove “il peggio” deve ancora venire, Riaperture ha scelto di (ri)portare al centro della scena il tempo che deve ancora arrivare, per raccontare scenari in arrivo o già presenti nella nostra società. Continua a leggere “Riaprire con la forza delle immagini gli spazi chiusi di una città”

LIBRI

Pensieri sparsi

Quando capirai veramente nel profondo del cuore
che il mondo si esprime in cicli e tutto ritorna,
che tutto è congiunto, che gli opposti sono unità
e quello che tu ritenevi la soluzione è il quesito,
che il bene non può esistere senza il male,
né l’alba senza il tramonto
o il sorriso senza la lacrima.
Se questo lo capirai, non con la mente,
ma nel profondo del tuo cuore,
all’inizio dispererai
perché ti sembrerà di non avere più ideali,
niente per cui combattere.
I tuoi castelli franeranno rovinosamente
come le tue certezze,
e imprecherai contro la tua voglia di andare fino in fondo,
desidererai chiudere gli occhi
e dimenticare quello che hai capito.

Ma, prima o poi, prenderai le tue decisioni.
Potrai far fina di niente e difficilmente ti riuscirà,
potrai rinunciare ai tuoi desideri e la via sarà lunga,
potrai vivere come se la vita fosse un gioco,

View original post 182 altre parole

Un Segreto Tra Noi di Mariangela Camocardi

Un Segreto Tra Noi di Mariangela Camocardi

Un Segreto Tra Noi

Un Segreto Tra Noi di Mariangela Camocardi

Un segreto non è mai per sempre.

Sentimenti che cozzano tra loro.

Loretta e la sua fine misteriosa.

Una morte tragica, una morte prematura.

Una morte misteriosa.

Emma, sua sorella, non crede alle coincidenze e decide di partire lancia in resta verso la casa della povera sorella. E indagare.

Con la scusa di occuparsi del nipote Markus, Emma si “piazza” a casa del cognato, il Visconte Alexander Lippi Monzani.

E inizia a farsi domande su colui che, in teoria, amava e avrebbe dovuto proteggere la sua dolce sorella.

Lei e Alexander sono come due metalli che si sfregano e sprigionano scintille.

Questa lotta alla pari affonda in un odio così profondo da tramutarsi quasi in attrazione.

Ho detto quasi?

Tra un segreto e l’altro i protagonisti di questa vicenda dolce e amara scopriranno che l’amore è un sentimento potentissimo. Continua a leggere “Un Segreto Tra Noi di Mariangela Camocardi”

Una Tranquilla Disperazione di Luigi Guicciardi

Una Tranquilla Disperazione di Luigi Guicciardi

Una Tranquilla Disperazione

di Luigi Guicciardi

La morte colpisce a caso?

Morti sospette.

Lea è bella, giovane, in carriera.

Tutto finalmente procede per il meglio, cosa mai potrebbe andare storto?

La morte della madre, per esempio.

Un infarto, nulla di così eclatante o sospetto.

Vista l’età, è una conclusone accettabile.

Però…

Nei giorni successivi una scia di morte inizia a colpire persone che hanno avuto a che fare con lei, in un passato che sembra voler tornare prepotentemente a galla.

Come sulla settimana enigmistica, se si inizia a unire i punti viene fuori un disegno inquietante che…

Lea si trova davanti a un’unica soluzione: chiedere aiuto al proprio superiore, ovvero il Commissario Cataldo.

A dire il vero il nostro Cataldo ha già diversi pensieri in testa ma il crimine è il suo lavoro, quindi… Continua a leggere “Una Tranquilla Disperazione di Luigi Guicciardi”

MANN-hunter di Romano De Marco

MANN-hunter di Romano De Marco

Roberto Baldini

MANN-hunter di Romano De Marcoe Marco Un “piccolo” furto..

MANN-hunter

Una bella vacanza…

Ah, le vacanze, che belle!

Si mangia, si beve, si va in giro… insomma, ci si rilassa.

E poi ci sta anche un bel giro in un museo, per rilassarsi e imparare qualcosa.

Il Museo Archeologico Nazionale, per la precisione.

Un tour culturale e poi una bella pizza, una delizia che, come la fanno a Napoli

Cosa potrà mai andare storto?

Beh, tutto. O quasi.

Un allarme che suona, un furto che si scopre forse troppo tardi, ipotesi che si accavallano tra loro e che alla fine mostreranno il disegno nella sua semplice complessità…

Romano De Marcoscrive in poche pagine una storia densa di mistero e tensione, parole scritte con acume che stregano e non lasciano andare nemmeno dopo il raggiungimento dell’ultima parola scritta.

Una storia che prende subito e che porta a un epilogo che… beh, lo vedrete da voi. Continua a leggere “MANN-hunter di Romano De Marco”

Momenti di poesia. L’ESILE RAGAZZA DI VIA FULVIO TESTI, di Vito Sorrenti

Momenti di poesia. L’ESILE RAGAZZA DI VIA FULVIO TESTI, di Vito Sorrenti

L’ESILE RAGAZZA DI VIA FULVIO TESTI
Di notte
in Via Fulvio Testi
un’esile ragazza
inchiodata all’asfalto coi tacchi del profitto
mette in mostra i suoi acerbi frutti.
E’ certo
quell’esotica bellezza
che offre i suoi frutti col lutto nel cuore
è estranea al mio cuore.
Eppure
ogni volta che la vedo salire
sull’auto elegante della lussuriosa opulenza
penso a lei, all’adolescente costretta
al viscido tocco di tentacoli sinistri.
Penso a lei e ai suoi guizzi impediti
dal ceppo schiavista.
Penso a lei e al suo sguardo di cerbiatto
che cerca
fra i mesti palazzi d’un’attristante edilizia
il prato fiorito dell’infanzia perduta
la remota ombra dei palmizi
l’assente lussureggiante foresta.
Penso a lei e ad altri:
ai delicati virgulti afflitti da gelida sferza
ai gracili passerotti trafitti dagli sparvieri della notte
ai derelitti alla deriva nel mare della miseria
ai fulgidi fiori avvizziti sulle navi negriere…
e a molte altre e a molti altri ancora.
E l’ira mi morde il petto
e il sapore amaro del fiele mi sale in bocca
e il flutto della commozione m’inonda gli occhi.
E impreco contro questo cielo diaccio
e maledico questa terra guercia
ché l’uno non ode l’urlo che agghiaccia
e l’altra non vede il dolore la miseria il lutto.

Tratta da “Vagando con la mente”, Edizioni Helicon, 2002

Lawrence Ferlinghetti, 100 anni fra beat, libri e poesia, di Donatella Pezzino

(AP Photo)

Newyorkese di nascita, bresciano d’origine, artista poliedrico e rivoluzionario. Ha appena compiuto 100 anni Lawrence Ferlinghetti, uno dei padri della Beat Generation e grande protagonista della San Francisco Renaissance.

Nel suo interesse per la poesia, il teatro, la musica, la pittura e la scoperta di talenti, Ferlinghetti è sempre stato guidato da un concetto di base: l’arte come ampio respiro,  rottura degli schemi, “urlo” in grado di trovare (o creare) frattura e difformità all’interno dell’ordine e della continuità. L’arte di Ferlinghetti, in altre parole, accoglie intimamente la complessità e gli opposti, in una visione gioiosa che pacifica l’uomo con la vita e con le sue contraddizioni; allo stesso tempo, è libertà totale, di pensiero e di espressione.

Oltre che al poema-scandalo “Urlo” (1956) firmato da Allen Ginsberg e divenuto manifesto della Beat Generation, il nome di Ferlinghetti viene spesso collegato al suo più celebre progetto: la City Lights Books. Nata a San Francisco nel 1953 come libreria, questa realtà è stata anche la casa editrice con la quale il poeta si è fatto promotore e divulgatore di tutti i più importanti nomi della Beat Generation, da Kerouac a Ginsberg.

Autore di una delle raccolte poetiche di maggior successo del Novecento ( A Coney Island of the Mind , 1958), Ferlinghetti annulla i confini tra parola e immagine, creando un singolare poesia “pittorica” dalla eccezionale potenza espressiva. I suoi versi sono irriverenti, psichedelici, ma soprattutto visivi, sensoriali:  e, come il senso, sono costantemente aperti al cambiamento, pronti a plasmarsi sulla realtà lasciandosi allo stesso tempo plasmare da essa, in una reciprocità che illumina l’anima e la libera.

“Ho sognato | che mi erano caduti tutti i denti | ma la mia lingua sopravviveva | per raccontare la storia. Perché io sono un distillatore | di poesia. | Sono una banca del canto. | Sono una pianola | in un casinò abbandonato | sulla riva del mare | in una densa nebbia | che sta suonando ancora.”

Donatella Pezzino

(Foto da: https://longreads.com/2019/03/22/lawrence-ferlinghetti-at-100)

“Il mio capolavoro” al Circolo del Cinema; di Lia Tommi

Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria

STAGIONE 2018-2019
UNA SINGOLARE COMMEDIA – THRILLER
AMBIENTATA NEL MONDO DELL’ARTE,
IN UN PAESE SOSPESO TRA ILLUSIONE E REALTA’

MARTEDI’ 26 marzo 2019, ore 21,15
proiezione del film:

“IL MIO CAPOLAVORO”
di Gastòn Duprat
con:
introduzione e commento al film
di Roberto Lasagna,
con DAVIDE MINETTI

Possono assistere alla proiezione anche i non iscritti
La proiezione unica avverrà come di consueto presso la
MULTISALA KRISTALLI

Nel corso della serata sarà possibile iscriversi al Circolo del Cinema
(Onde evitare code, si consiglia di presentarsi con qualche anticipo)

La tessera per la nuova stagione del Circolo del Cinema costa euro 12,00
Per gli studenti fino a 25 anni la tessera costa euro 6,00
Il costo del biglietto d’ingresso per i tesserati è di euro 5,00. La tessera della nuova stagione dà anche diritto alla riduzione (euro 6,00) per tutti i film della programmazione normale del Cinema Multisala Kristalli (sale Kubrick e Kurosawa) e del Cinema Teatro Alessandrino.
I non tesserati possono accedere alla visione del film acquistando il biglietto normale (euro 7,50).
In allegato, tutti i dettagli e la scheda del film.
Sito del Circolo del Cinema Ferrero: http://circoloferrero.blogspot.it/

IL PIANETA DI GRETA

Hechìzo VP

Il pianeta di Greta è un posto davvero strano: è identico al nostro in tutto e per tutto – una sorta di specchio – ma fatto di abitudini estreme e popolato di gente esageratamente sensibile a certi temi, insomma ci tengono alla pelle e a quella di tutti. Valutato ad esempio il fatto che un solo volo in aereo per coprire un’ipotetica  distanza da New York a S.Francisco produce il 20% dei gas serra emessi in un intero anno da un’automobile non catalizzata, il traffico aereo è stato interamente paralizzato fino al completo sviluppo di nuovi carburanti, manca poco comunque: da decenni i grandi colossi finanziari si sono mossi con investimenti di centinaia di miliardi di dollari/euro in energie a impatto-zero, quello che sta succedendo – con fatale ritardo – anche sul nostro pianeta dal momento in cui Goldman Sachs, JP Morgan & affini hanno deciso di proiettare i loro interessi sulle rinnovabili, d’altronde qui sono i soldi che decidono sulla nostra salute e sul destino del pianeta stesso non certo il bene supremo dell’individuo universalmente inteso, come succede là sul pianeta di Greta. Puoi figurarti come, sul pianeta di Greta, l’automobile (superata da un pezzo come mezzo di spostamento privato) fosse a suo tempo considerata una vera iattura, nessuno gongolava più per la cazzo di automobiluccia nuova… e non parliamo di internet e inquinamento elettromagnetico… sì forse esagerano, credi? A ben guardare ciò che distingue, almeno culturalmente, gli abitanti di quel pianeta da noi è un fattore su tutti: il “principio della delega”. Sul nostro pianeta infatti, o almeno in una sua parte (quella “progredita” diciamo), finché un aspetto della realtà non viene elevato su uno spettro di massa è come se non producesse effetti sulla realtà stessa, o questi effetti fossero del tutto ininfluenti. Come può una caccolina del mio naso lanciata fuori dal finestrino mentre attendo il verde del semaforo contribuire a una catastrofe ambientale planetaria? Quale processo industriale implicato nella produzione del mio “make up”, del mio vestito nuovo o del mio capuccinoecornetto può mettere in discussione il mio intero sistema di abitudini e valori? E’ così, inquini da quando sei nato e i tuoi genitori prima di te: anche il tuo respiro malato di modernità contamina l’ambiente intorno a te.  E pensare che fai una differenziata chirurgica, non mangi carne e guai a chi ti tocca i cani, per non parlare di tutti quei selfie che comprovano le tue filantropiche militanze… e cos’ altro posso fare io che non sono nessuno? Vabbè… deleghiamo a qualcuno il compito di guidarci, qualcosa inventeranno, magari gli stessi che ci hanno messo in questo casino. Fa’ finta di niente allora e prega che non si sappia troppo in giro della tuia indole inquinante, continua a essere nessuno, spera che la tua esistenza non si scolli dalla confortante e anonima realtà quotidiana per diventare uno spettacolo di massa: non avresti scampo, l’esercito di “Greta” verrebbe a cercarti e sarebbero veramente cazzi tuoi: non dal semaforo, non dalla macchina, ma dal destino della tua caccola dipenderebbe quello dell’intero pianeta Terra se il pulpito lo decidesse, esso direbbe chi sei, in cosa credere e cosa devi fare… altro che differenziata. Oppure lasciala stare quella ragazzina, non tifarle contro o a favore, ignorala, non inquinare anzitutto la tua attenzione, non distrarla da ciò che va fatto, intervieni su te stesso cioè la porzione di realtà che più ti riguarda prima che lo faccia il pulpito mediale se vuoi seriamente rendere il tuo pianeta almeno simile al pianeta di Greta di cui, forse, fino a qualche giorno fa ignoravi persino l’esistenza: il venerdì continua ad andare a scuola o a lavoro, ma vacci in un modo diverso: ti stupirà pian piano capire che sul pianeta di Greta non esiste nessuna “Greta”, mentre qui fai ancora in tempo a prendere in considerazione le logiche conseguenze della  possibilità che esista tu e le tue abitudini assurde.

http://www.hechizovp.blogspot.com

I browser da tenere sempre sul proprio PC.

Gabriele ROMANO 📎 bLOG

browser

Eccovi una lista dei migliori browser da utilizzare anche come alternativa l’uno all’altro come per esempio per il browser TOR con il quale navigare in anonimato ma non idoneo per la navigazione quotidiana.

trasferimento (1) MICROSOFT EDGE

E’ il browser di casa Microsoft e in quanto tale siete costretti a tenerlo sul vostro Windows… potrebbe tornare anche utile nel caso gli altri browser non funzionino.

tor TOR

https://www.torproject.org/download/download

Molti non conosceranno questo straordinario browser, che è basato su firefox e consente di navigare in totale anonimato e nel modo più sicuro possibile (senza installare alcun tipo di plug-in) e consentendo di connettervi anche al deep-web che però quest’ultimo sconsiglio vivamente sia per la pericolosità, che per il materiale che vi si può trovare.

Da non avere come browser predefinito ma affiancato a qualcun’altro.

firefox_png MOZILLA FIREFOX

E’ il browser per eccellenza per molti di quelli che non utilizzano chrome. E’ un browser completo, più…

View original post 132 altre parole

Il trend della libreria arcobaleno|| I miei consigli

Il Lettore Curioso

Buongiorno lettori e buon inizio settimana! Oggi voglio parlarvi di quel trend che va tanto di moda su Instagram e che garantisce un bellissimo effetto wow alla vostra libreria. Sto ovviamente parlando della libreria arcobaleno!

In passato vi ho parlato dei modi in cui organizzare i nostri amati libri e oggi mi focalizzerò sul metodo più scenografico: dividere i volumi in base al colore della copertina.

Più le copertine dei libri sono curate esteticamente e più la vostra libreria spiccherà. Se siete soliti leggere il lingua, Barnes and Noble ha realizzato una bellissima edizione da collezione, che ripropone diversi classici con una copertina colorata e accattivante.

[Foto @bluestockingbookshelf]

I prezzi sono però abbastanza alti, con una media di 25$ a volume. Potete comunque pensare di acquistarne qualcuno da mettere in mostra sullo scaffale.
Se invece non badate a spese, il sito americano Juniper Books ricrea le copertine dei vostri…

View original post 229 altre parole

Politica: Una considerazione di Emilio Mola

Politica: Una considerazione di Emilio Mola

Il Capo della Polizia Franco Gabrielli ha detto che per lui non c’è nessun problema se Salvini se ne va in giro indossando abbigliamenti della polizia. Dice che è il Ministro degli Interni, quindi anche della Polizia, quindi va bene.

Mi permetto di ricordare al Capo della Polizia che Matteo Salvini non è solo il Ministro degli Interni (per cui il suo ragionamento, seppur tirato, potrebbe starci). Ma è anche e soprattutto il capo di due partiti politici: la “Lega Nord per l’indipendenza della Padania” e la “Lega per Matteo Salvini Premier”.

E che Salvini non indossa quelle divise solo quando svolge il suo “lavoro” da Ministro, nel suo ufficio o negli incontri di lavoro, ma le indossa anche e soprattutto quando arringa le folle da segretario di partito durante i comizi, nelle ospitate in tv e nei tour in campagna elettorale. Continua a leggere “Politica: Una considerazione di Emilio Mola”

Sicurezza e territorio

unnamedDopo l’incontro con il Sindaco di Alessandria che si è tenuto lo scorso ottobre, l’Associazione Cultura e Sviluppo propone un altro appuntamento per parlare dei temi più caldi relativi alla situazione e alle prospettive della città, ospitando il Prefetto e il Questore di Alessandria.
Il Prefetto, nel ruolo di rappresentanza generale del Governo, coordina le Pubbliche Amministrazioni statali sul territorio, presiede il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica e coordina le Forze di Polizia. Nell’ambito della protezione civile, sovrintende al coordinamento degli interventi di immediato soccorso nelle situazioni di emergenza. Tra i suoi compiti vi sono anche le attività relative alla mediazione nelle vertenze di lavoro, alla garanzia dei servizi pubblici essenziali e alla concessione dello status di cittadino italiano. L’eterogeneità delle competenze impegna pertanto il Prefetto sui più campi, dall’attenzione al “sociale” alla tutela della sicurezza.
Il Questore è autorità provinciale di Pubblica Sicurezza, ha quindi la direzione, la responsabilità e il coordinamento da un punto di vista tecnico-operativo dei servizi di ordine e sicurezza pubblica. Tra le sue competenze vi sono anche quelle di emettere diffide e ordini di allontanamento, di disporre misure di prevenzione nei confronti di soggetti ritenuti pericolosi e di rilasciare permessi di soggiorno. Il Questore è responsabile per le scelte di natura tecnica nella predisposizione dei servizi di ordine e sicurezza pubblica, il Prefetto per quelle di tipo politico amministrativo.
Per incontrare le persone che rivestono questi due importanti ruoli e per discutere con loro delle problematiche del territorio alessandrino, Vi invitiamo

GIOVEDI 28 MARZO 2019
Ore 18.00-20.00

alla serata intitolata

SICUREZZA E TERRITORIO
Dialogo con il Prefetto e il Questore di Alessandria

Nostri ospiti saranno dunque

ANTONIO APRUZZESE 
Prefetto di Alessandria

 MICHELE MORELLI 
Questore di Alessandria

Il Trio dell’Isola, di Cristina Saracano

Alessandria: Torna il trio dell’Isola nella “sua” isola, in via Santa Maria di Castello 8, Circolo Arci Isola Ritrovata.

Stefano Marelli, chitarra e voce, Andrea Garavelli, basso elettrico e Gianni Nesto, batteria, con un repertorio che spazia tra i più grandi successi della musica di tutti i tempi.

Vi aspettiamo venerdì 29 marzo alle 22 per un imperdibile concerto.

AL TEATRO CONCORDIA DI VENARIA (TO) L’ATTRICE FEDERICA SASSAROLI PORTA IN SCENA IL SUO SPETTACOLO “IL PICCOLO PRINCIPE ED IO” NELLA VERSIONE BILINGUE.

AL TEATRO CONCORDIA DI VENARIA (TO) L’ATTRICE FEDERICA SASSAROLI PORTA IN SCENA IL SUO SPETTACOLO “IL PICCOLO PRINCIPE ED IO” NELLA VERSIONE BILINGUE.

Federica Sassaroli, attrice, regista, autrice e speaker genovese, piemontese di adozione, sarà in scena lunedì 25 marzo alle ore 10.30 al Teatro Concordia di Venaria (TO) con lo spettacolo in lingua italiana e inglese “Il Picccolo Principe ed io”, un adattamento scritto e diretto dalla stessa Sassaroli basato sul celebre racconto di Antoine de Saint-Exupéry “Il piccolo principe”.

sas _BPL2713_W

In questa versione dello spettacolo si entra in teatro e il sipario è spalancato, il palco è spoglio, senza scenografia: i nostri occhi vedono solo questo, buio e vuoto, in apparenza. Ma ecco materializzato il messaggio che Antoine De Saint-Exupéry ha dato nel suo libro senza tempo: “What is essential is invisible to the eye“. In scena una sola attrice farà apparire, con la magia della narrazione e di semplici elementi scenografici, storie e personaggi di una pietra miliare della letteratura. In uno spazio apparentemente vuoto gli spettatori si ritroveranno in bilico tra verità e magia , tra azione ed ascolto, tra comicità ed intimità . Una versione che restituisce tutta la magia e la forza del teatro che non ha bisogno di orpelli, per presentare una storia d’amore e d’amicizia per imparare a guardare in profondità se stessi e la relazione con gli altri.

La particolarità dell’adattamento creato dalla Sassaroli consiste nell’aver creato uno spettacolo in doppia lingua, in cui personaggi provenienti da pianeti diversi, che parlerebbero lingue diverse, per comunicare con il pubblico si accordano sull’uso della lingua inglese, la lingua internazionale degli affari, del commercio, delle trattative e delle comunicazioni, parlata da oltre due miliardi di persone.

Confrontarsi con qualcuno che non parla la nostra lingua sposta l’attenzione sull’altro, sul cercare di comprenderlo e vedere il mondo con i suoi occhi. L’esperienza del teatro bilingue ha come obiettivo quello di farsi promotore di motivazione verso l’apprendimento delle lingue straniere e di tolleranza e apertura verso gli altri. Continua a leggere “AL TEATRO CONCORDIA DI VENARIA (TO) L’ATTRICE FEDERICA SASSAROLI PORTA IN SCENA IL SUO SPETTACOLO “IL PICCOLO PRINCIPE ED IO” NELLA VERSIONE BILINGUE.”

EFAL MCL, ANMIC e Museo della Gambarina: Maria Bensi una straordinaria e stupefacente vita… normale

EFAL MCL, ANMIC e Museo della Gambarina: Maria Bensi una straordinaria e stupefacente vita… normale

Lo avevano detto la Presidente dell’ANMIC, Maria Luisa Cotroneo e il Presidente di EFAL-MCL, Alfonso Conte prima di assistere all’evento dedicato al racconto dell’esistenza terrena di Maria Bensi: “sarebbe stato un percorso tra stravolgimenti sociali, conflitti bellici, turbolenze politiche indicibili e la donna alessandrina ci avrebbe fatto rivivere tutti questi momenti, oltre a ricordarci le sue indubbie capacità e generosità”.

E così è accaduto, attraverso un viaggio nel tempo guidato da Piercarlo Fabbio, che si è fatto aiutare da reminiscenze storiche, accenni al miracolo dell’apparizione della Madonna del Pozzo, proposte agli storici di approfondimenti, musiche d’epoca ad iniziare dalla Bohème di Puccini, passando poi a “Fili d’oro” o a “Parlami d’amore Mariù” o ancora a “Solo me ne vo per la città (In cerca di te)”, e soprattutto narrando la straordinaria esistenza “normale” di Maria Bensi.

“Sì, perché Maria Bensi riesce a riempire la storia, snocciolando azioni quotidiane di grandissimo valore, nella modestia del suo incedere normale – ci dice Piercarlo Fabbio – l’operaismo, il popolarismo, l’emancipazione femminile, l’Azione Cattolica, la Resistenza, l’amministrazione pubblica (è stata la prima vicesindaco donna di Alessandria nel 1945), la politica, l’assistenza agli invalidi, il suo ritiro all’Ospedalino di Valenza per accudire le sorelle con disabilità psichica”.

E alcune delle sue considerazioni sono state lette da Simona Robotti: cosa vuol dire essere operaie, gli amoreggiamenti, il divorzio fino a giungere ad una educata e motivata lettera di raccomandazione. Continua a leggere “EFAL MCL, ANMIC e Museo della Gambarina: Maria Bensi una straordinaria e stupefacente vita… normale”

TI PRESENTO VITTORIANO

TI PRESENTO VITTORIANO

di vittoriano borrelli

Nel 2015. MeBook, social network che si occupa di cultura e di promozione letteraria con tanti followers al suo seguito, mi aveva proposto un’intervista che accettai molto volentieri. Oggi, nel giorno del mio onomastico, la ripubblico sperando di fare cosa gradita a tutti i lettori e amici che mi seguono.

CSC_1086

L’intervista è stata curata da Maurizio Caruso e potete rileggerla anche dal seguente link mebook-interviste-vittorianoborrelli

INTRODUZIONE 

Musicista, poeta, paroliere. Sono almeno queste tre nobili peculiarità al quale potrebbe essere affiancato il nome di Vittoriano Borrelli da Portici in provincia di Napoli. Instancabile artista al servizio delle emozioni altrui, è uno che “ama la vita dei sentimenti e sta dalla parte delle piccole cose che poi sono quelle che fanno grandi gli uomini…” 

Mebook: Cosa ti succede interiormente sin da piccolo e come si sviluppa quando compi il quattordicesimo anno di vita? 

Vittoriano Borrelli: Sono cresciuto in un ambiente familiare pieno di regole precostituite che nulla lasciavano alla libera estrinsecazione dei sentimenti. Ho quindi ricevuto un’educazione rigida che mi ha impedito, per un certo numero di anni, di spaziare e di far emergere quella parte di me che detestava ogni forma di apparenza. E’ stato quasi naturale costruirmi un mondo parallelo, immaginario, in cui potevo finalmente liberarmi da qualsiasi inibizione facendo sprigionare dal mio “contenitore” interiore tutti i migliori sentimenti possibili. La musica mi ha molto facilitato in questo percorso, a cominciare dai quattordici anni, quando mio padre mi regalò la mia prima chitarra.  Continua a leggere “TI PRESENTO VITTORIANO”

Il sindaco Gianfranco Cuttica di Revigliasco in visita a Cascina Torre a Frugarolo

Il sindaco Gianfranco Cuttica di Revigliasco in visita a Cascina Torre a Frugarolo

Alessandria: Il sindaco, Gianfranco Cuttica di Revigliasco, si è recato oggi in visita alla tenuta Torre di Frugarolo in occasione delle giornate di primavera del FAI.

“Ho vissuto con emozione questo momento che mi ha proiettato all’indietro nel tempo, a circa 21 anni fa, allorquando analogo sopralluogo si inseriva nelle operazioni propedeutiche all’acquisizione in comodato d’uso e al restauro del ciclo di affreschi dedicato al Lancillotto oggi presente nelle collezioni civiche di Alessandria ed esposto nelle Sale d’Arte – ha commentato il Sindaco-.

davhdr

Allora ero assessore della giunta  di Francesca Calvo. Nel 1999 fu realizzata una straordinaria mostra di presentazione curata dal grande storico dell’arte Medioevale, il compianto professor Enrico Castelnuovo, che ebbe un eco nazionale.

Oggi riprende un percorso di valorizzazione veramente importante. Sono contento che tale percorso sia stato avviato con il FAI, un percorso che rende possibile non solo visitare gli affreschi alle Sale d’Arte, ma anche rivivere il luogo di provenienza. Insieme all’azienda speciale Costruire Insieme il Comune di Alessandria ha realizzato un breve, ma suggestivo documentario illustrativo che vede il sindaco accompagnare gli spettatori in una visita virtuale del ciclo descrivendone l’origine e l’importanza della testimonianza artistica e storica e che regala ad Alessandria un vero e proprio unicum: la più antica camera picta in onore del Lancillotto ad oggi nota in Europa.

Tale situazione impone di andare oltre e di porre in relazione i nostri affreschi con l’analogo soggetto dipinto da Pisanello al palazzo ducale di Mantova. 

Infine sarebbe opportuno lavorare con l’Università per calare meglio, a nostra straordinaria memoria, nel clima europeo medioevale al fine di costruire attraverso un progetto Europeo una vera e propria rete dei luoghi arturiani”.

“Il ciclo oggi presente nelle collezioni civiche di Alessandria fu realizzato verso la fine del XIV secolo su committenza di Andreino Trotti, aristocratico Alessandrino che aveva la sua dimora di campagna proprio nella denominata tenuta Torre nel territorio limitrofo tra Frugarolo e Casalcermelli – ha spiegato il Sindaco-. Continua a leggere “Il sindaco Gianfranco Cuttica di Revigliasco in visita a Cascina Torre a Frugarolo”

MateriAnima

Ci sono rare cose
che si misurano diversamente:
c’è un’altra grandezza
potrei dirla ‘materianima’
– strano lemma, solo mio – 
lo cito per chi spazia
da dimensioni note, comuni
fino all’essere profondo.

***

Tu, pezzo di cuore,
ci sei dentro tutto
con le altre poche unicità
che l’universo mondo
generoso casualmente
m’ha dato per regalo.

***

Una gentile concessione
non preventivata
né scontata, anzi,
ma ci siete e m’acquietate.

***

Spero solo di meritarvi
domani, poi domani e oltre.

18765829_10212365298669206_1227223578010658286_n

 

__Paola Cingolani
25/07/2019__

Momenti di poesia. Lei era molto cattolica, di Giuliano Saba

Momenti di poesia. Lei era molto cattolica, di Giuliano Saba

Lei era molto cattolica,
Fedele e devota…
Ma un giorno in paese, arrivo’ un giovane prete..lei lo guardava con sguardi di miele..
E nei suoi sogni lo copriva di baci..
Lei si innamoro’ di lui e glielo confesso’..
Si incotrarono una sera in una chiesetta di campagna.. Dentro alla macchina di lei
Le molle del sedile posteriore,furono messe a dura prova..fecero l’amore per ore…
Lui dopo la confesso..lei disse tutti I suoi peccati,lui la perdono’ e insieme recitarono
L’ Atto di dolore…
Furono amanti per molti anni..
Dopo fatto l’ amore lei si confessava
E lui l’ assolveva….
Pregavano insieme
E poi davano la colpa
Al demonio tentatore…..
Cattolica,fedele cristiana e devota….
Che viveva un amore pulito
E senza peccato…

Momenti di poesia. DOLORE, di Ambramarina

Momenti di poesia. DOLORE, di Ambramarina

52898512_1100803530102703_8078800021685796864_n897

Entrarci dentro, riconoscerlo.        

Non diveniamogli amico, affrontiamolo… giorno dopo giorno!

Non chiudiamogli la porta in faccia per cercare di cancellarlo…

se non vogliamo che un giorno futuro venga a bussare alla vostra “porta”…

… In un giorno felice della vostra vita…

Allora potremo dirgli : 

” No dolore, ti ho pagato con lacrime amare, non ho più debito con te. Ora sono felice! “

Momenti di poesia.FUTURO, di Ambramarina

Momenti di poesia.FUTURO, di Ambramarina

54224931_1109599729223083_4943707537531731968_n876

Futuro  poesia di Maria Di Loro/Ambramarina

Noi Viviamo di ricordi scrissi un giorno…

Senza di essi non potremmo avere un futuro, noi siamo l’essenza dei ricordi

nostri compagni di avventura…

A volte il nostro sguardo si perde nel vuoto, che vuoto non è anzi…

mai spazio è più coperto di immagini suoni e odori,

e ci devono chiamare più volte per riportarci nella realtà di tutti i giorni!

Mia Poesia…Mia Foto Mia Grafica

Maria Di Loro/Ambramarina…Io i ricordi li immagino “Farfalle”Immagini ferme flash.