Momenti di poesia. Dopo il viaggio, di Antonio Scarito

54799434_1678661862278007_983425357619134464_n

Dopo il viaggio
ancor mi ritrovo
fra le pozzanghere
del mio paradiso
dove ogni essere
sembra felice.
Ed io che arrivo
come straniero,
cosi com’ero
nell’ultimo istante,
penso e spero
sia tutto vero.
Però m’accorgo,
qualcosa manca e
provo a chiedere
ad altri esseri
fino a scoprire
che in paradiso
nessuno scorda
chi ha lasciato.
Cerco una scusa
per andare fuori,
magari a togliere
le scarpe sporche,
per poi tornare
come si conviene.
E quando esco
vedo la luce,
il sole illumina
la mia strada,
così mi giro
guardo attonito e
scappo via per
rimandar tutto.Ritrovo gli amori,
le solite cose e
più non bado
se son brutte,
li prendo tutte,
attento guardo,
poi corro dove
tutti m’aspettano.
Li stringo forte,
non dico niente e
pur dimentico
le cose storte,
adesso sono
solo dissapori
che nella vita
contano poco.
L’unica cosa,
quella importante,
è dare una mano
a lei che piange,
che nel vedermi
soltanto prega,
voglia il destino
pur senza fretta,
d’insieme tornare
un dì in quel posto.