M5S Alessandria: Mozione modifica regolamento servizi manifestazioni

La prossima settimana andrà probabilmente in discussione una mozione che chiede una modifica al regolamento erogazione servizi a favore di terzi resi dalla polizia locale.

L’esigenza di modifica nasce dalle richieste di numerose associazioni no-profit che hanno grossi problemi a pagare centinaia di euro per la presenza, resa obbligatoria dal decreto Minniti, dei vigili urbani durante le manifestazioni senza scopo di lucro negando di fatto il diritto a manifestare. Manifestazioni come il carnevale del Cristo, il premio Bordino, Bimbinbici e moltissime altre rischiano di saltare visto che non hanno scopo di lucro e budget molto bassi.

movimento_5_stelle

Chiediamo con questa mozione, sulla base di una delibera della corte dei conti emiliana, che il comune di norma non faccia pagare le associazioni tranne in casi motivati dalla giunta (es. effettivo scopo di lucro).

Gruppo Consiliare MoVimento 5 Stelle

Al Presidente del Consiglio Comunale Alessandria 18/02/2019

MOZIONE

OGGETTO: Modifiche al “Regolamento per l’erogazione dei servizi a favore di terzi resi dalla polizia locale”

Premesso che il 10 Dicembre 2018 è stato approvato il nuovo regolamento per l’erogazione dei servizi a favore di terzi resi dalla polizia locale con deliberazione n. 138/333/499/18030

Accertato che i costi per la presenza delle forze dell’ordine, obbligatoria, incide notevolmente sulle manifestazioni senza scopo di lucro organizzate da associazioni rendendole di difficile realizzazione, visti i budget molto ridotti delle associazioni stesse.

Considerato che la delibera della corte dei conti sezione Emilia Romagna n. 123/2018/PAR esprime un parere in merito alla corretta applicazione della normativa onde evitare la restrizione di attività con finalità di interesse pubblico recita : “ In sostanza è l’assenza di un qualsiasi interesse pubblico, e non lo scopo di lucro o altro, a rendere private le diversificate tipologie di possibile considerazione per l’applicazione della disposizione” con riferimento all’interpretazione degli articoli 43, comma 3 e 4 della legge 27 dicembre 1997, n. 449 e 22, comma 3-bis del d.l. n. 50 del 2017. Aggiungendo inoltre che : “ Non è fuori luogo soggiungere che, durante tale complesso esercizio, l’ampiezza del criterio di discrimine potrà lasciare spazio a casi in cui non risulterà agevole distinguere fra il pubblico ed il privato; in tali circostanze sarà necessario motivare adeguatamente le eventuali esclusioni, in maniera che, ad esempio, la sola, asserita rilevanza sociale di una iniziativa non divenga una vuota clausula di stile e strumento di agevole elusione del portato dispositivo della norma all’esame. Del pari, potrà essere più che opportuno esplicitare, nel medesimo contesto, quali siano i criteri posti a base della concessione del patrocinio dell’ente ad eventi e manifestazioni, e principalmente se a tale statuizione venga direttamente correlata, o meno l’esclusione dal pagamento”

Per le motivazioni sopra espresse

IMPEGNA Il Sindaco e la Giunta entro 30 giorni dall’approvazione della mozione:

A emendare il “Regolamento per l’erogazione dei servizi a favore di terzi resi dalla polizia locale” sostituendo la lettera g) riferibile all’art 3 comma 1 con la seguente:g) prestazioni che riguardano eventi a carattere storico culturale e di sensibilizzazione su tematiche di interesse pubblico o riferibili ai principi statutari dell’ente, la Giunta comunale attraverso provvedimento motivato esclude dal beneficio dell’esenzione le manifestazioni che non soddisfano a pieno i presupposti richiesti.

Michelangelo Serra Francesco Gentiluomo