Momenti di poesia. VORREI CERCARTI, di Mirella Ester Pennone Masi

Momenti di poesia. VORREI CERCARTI, di Mirella Ester Pennone Masi

55524774_1166962636796702_2302952169805971456_n

VORREI CERCARTI

Predominava l’impulso
nel lento incedere del tempo,
con la tenerezza frivola della nostra età
nella furia dei baci e della passione.
Poi, c’era quel silenzio, che era solo mio,
e vi percepivo il tempo
che inanella i sogni, e la diffidenza.

Ti cercavo
nel verso di una tua canzone
che il vento, sfacciato, si è portato via,
nello sciabordio delle onde brillanti,
nel volo instancabile dei gabbiani,
nelle notti velate da una triste luna,
nel polline di una stagione riarsa.

Vorrei cercarti
perché a volte mi sorprendo a pensarti,
ed è pesante il silenzio che mi circonda.
S’insinua l’onda di un amarti, oscuro:
che brutto è l’egoismo e l’ego futile
di chi sublima sé stesso, con avidità,
e non riconosce il soggetto del suo amore.

Adesso, ti cercherei ancora,
ma il mio sarebbe soltanto un frullo d’ali,
un tenue fiotto di luce che sparpaglia
nel bagliore di un orizzonte che sfuma
a quel tuo sguardo che, traccia ed esplora
l’involontario tremito delle mie labbra,
dove il pianto ha una sua ricchezza.

Mirella Ester Pennone Masi
29 marzo 2017

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...