Il 31 marzo torna l’Orchidea UNICEF , di Lia Tommi

Alessandria today @ Web Media Network - Pier Carlo Lava

UNICEF: i prossimi 30 e 31 marzo torna l’Orchidea in 2.400 piazze in Italia con 11 mila volontari per salvare i bambini malnutriti
Testimonial dell’iniziativa lo storico Ambasciatore dell’UNICEF Italia Lino Banfi.

I prossimi 30 e 31 marzo, l’UNICEF torna – con la partecipazione di 11.000 volontari – in oltre 2.400 piazze di tutta Italia con l’iniziativa dell’Orchidea, a sostegno della campagna “Ogni bambino è vita” per salvare i bambini colpiti da malnutrizione, che è co-responsabile ogni anno della morte di circa 3 milioni di bambini. Per il suo decimo compleanno l’orchidea si moltiplica: a fronte di un contributo minimo sarà possibile scegliere tra quattro tonalità di colore disponibili.

Testimonial dell’iniziativa sarà lo storico Ambasciatore dell’UNICEF Italia Lino Banfi.
“Ritornare a casa con un’orchidea UNICEF vuol dire aiutare un bambino a sopravvivere. Nell’arco di questi 10 anni, grazie al sostegno di tante persone abbiamo raccolto 13 milioni di euro che…

View original post 243 altre parole

Un dolce pochi carboidrati e tante proteine

Creando Idee

Cosa c’è di meglio di un dolce a  basso contenuto di carboidrati e alto contenuto di proteine Se siete anche voi alle prese con il rush iniziale prima della prova costume o  seguite una dieta da mesi e siete sull’orlo di una crisi sognando pizze, torte e bomboloni ogni notte? Se la risposta è sì, questo è il dolce ideale che fa per voi! Il diet-friendly banana è una rivisitazione della classica ricetta statunitense, senza zuccheri aggiunti: 100 grammi contengono 18 g di proteine, 31 g di carboidrati e 10 g di lipidi per un totale di 282 kcal.Se state seguendo un regime alimentare ipocalorico se siete sportivi, due fette (circa 90 g) di questo banana dolcetto sono perfette per la prima colazione oppure come spuntino, ed è anche super buono. Ecco le dosi 125 g di farina di avena integrale,45 g di farina di mandorle,60 g di proteine…

View original post 123 altre parole

La segretaria

Il Blog di Roberto Iovacchini

index

Titolo: La segretaria

Autore: Renée Knight

Editore: Piemme

Traduzione: Rachele Salerno

Renée Knight è alla sua seconda prova come autrice di thriller psicologici. La segretaria è narrato in prima persona dalla protagonista e la scelta aumenta la presa sul lettore che viene coinvolto subito dalla trama accattivante del romanzo

Christine Butcher è una giovane segretaria di 25 anni, ha voglia di imparare, è ambiziosa, vorrebbe fare carriera, ma non ha una preparazione adeguata, non si sente all’altezza delle migliori. Ma quando ha la possibilità di diventare assistente personale di Mina Appleton, la carismatica e potente figlia del proprietario dell’omonima catena di supermercati della Gran Bretagna, non si lascia sfuggire l’occasione e trova la grinta ed il coraggio per essere scelta.

Mina Appleton è una donna forte e determinata negli affari, quando deve raggiungere uno dei suoi obiettivi non si lascia condizionare dai sentimenti o principi ma la sua immagine pubblica…

View original post 612 altre parole

La Cittadella di Alessandria.

by Andrea Guenna. Alessandria

Con i suoi 74 ettari la Cittadella di Alessandria è il più fulgido esempio di fortezza militare moderna al mondo. Costruita tra il 1732 e il 1808, è stata lo scenario di alcuni dei più importanti eventi nella storia italiana ed europea, dal periodo napoleonico, in cui era una delle più importanti fortezze, all’Unità d’Italia dove divenne il simbolo del Movimento Risorgi- mentale.

Il declino è iniziato nel 2007 quando i militari hanno definitivamente abbandonato la struttura. Attualmente la minaccia maggiore viene dall’ailanto, un rampicante particolarmente invasivo che sta danneggiando in maniera profonda i muri e i tetti delle case all’interno della stessa struttura. Il completo sradicamento della pianta, che ha ricoperto la bellezza di più di 7 ettari d’area, richiede un lavoro lungo, laborioso e inevitabilmente costoso. Oltre all’ailanto la fortezza richiede lavori di messa in sicurezza e restauro.

La Cittadella di Alessandria fu eretta in conseguenza del Trattato della Lega di Alleanza, stipulato nel 1703, durante la guerra di Successione di Spagna, tra l’Imperatore d’Austria e il Duca di Savoia Vittorio Amedeo II: al Duca furono cedute le province di Alessandria e di Valenza e le terre situate tra il Po e il Tanaro, come ricompensa per essersi schierato al fianco dell’Impero Asburgico.

Solo nel 1707 la città di Alessandria fu annessa ufficialmente ai territori dello Stato sabaudo e fu chiara da subito l’esigenza, per la sicurezza della città, di costruire una cittadella fortificata, a pianta esagonale, in muratura di mattoni, il cui progetto fu affidato all’ingegnere militare Ignazio Bertola.

La_Cittadella_di_Alessandria_01

La costruzione della Cittadella di Alessandria, che sarebbe divenuta l’elemento centrale del sistema difensivo piemontese, rientrava in un vasto programma di difesa dello Stato Sabaudo che comprendeva un sistema di forti di sbarramento degli accessi alpini alla pianura: 1. il forte di Bard per controllare i valichi del Piccolo e Gran San Bernardo, 2. quello della Brunetta presso Susa, 3. quello di Fenestrelle nella Val Chisone, 4. la fortezza di Cuneo, 5. la fortezza di Saorgio, 6. il forte di Ceva nella valle del Tanaro, 7. la Cittadella di Alessandria. Continua a leggere “La Cittadella di Alessandria.”

Il ponte Meier visto dalla cittadella la fortezza di Alessandria

Il ponte Meier visto dalla cittadella la fortezza di Alessandria

ok facebook_1553715885558 copia 2

di Pier Carlo Lava

Alessandria: La nuova immagine del blog Alessandria today, il ponte Meier visto dalla cittadella la fortezza di Alessandria, ringrazio Vittorio Destro per la bellissima foto e per le molte altre che mi ha mandato…

La storia della Cittadella: https://alessandria.today/2019/03/03/la-cittadella-di-alessandria/

Solitudine.

Memorabilia

Sono stanca di essere la voce fuori dal coro, quella che se parla è sempre l’inferno. A volte mi capita addirittura di pensare a quanto avrei vissuto meglio se avessi scelto di andare ogni domenica a messa, di fare la cresima, di volere figli per farli diventare buoni figli del Signore.

Oppure a quanto avrei vissuto meglio se fossi stata piena di pregiudizi, se avessi disprezzato la diversità e se mi fossi sentita piena d’orgoglio sbandierando il motto “prima gli italiani”. Come se nascere in un posto fosse un merito e non semplicemente un fatto casuale, di Fortuna vera e propria.

Oppure a quanto avrei vissuto meglio se me ne fossi fregata degli altri, di chi soffre, di chi lavora per una miseria, senza diritti e con la vita che muore negli occhi e nei gesti robotici.

Oppure a quanto avrei vissuto meglio se non avessi avuto nulla, nemmeno la…

View original post 247 altre parole

Fiera degli Uccelli di Primavera a Terranuova Bracciolini

Creando Idee

Questo fine settimana torna la Fiera degli Uccelli di Primavera a Terranuova. Dopo il successo registrato lo scorso anno, la manifestazione è giunta alla settima edizione .In Piazza Canevaro verranno esposti cavalli, vacche maremmane e cani da gregge, ci sarà spazio anche per spettacoli equestri, dei butteri e dei falconieri a cura dell’Associazione Dimensione Maremma. Inoltre  sarà possibile ammirare le numerose specie di uccelli e ascoltarne i canti nell’apposito spazio espositivo. Sarà un modo per trasmettere anche al pubblico dei più piccoli l’amore per una tradizione che da sempre appartiene alla comunità terranuovese Dalle 9.30 alle 19.30, il parcheggio di via San Tito (accanto  al negozio Ferrini Gift) ospiterà il mercato dell’artigianato con opere del proprio ingegno. Contemporaneamente, in Piazza Trieste gli artigiani dei vecchi mestieri faranno delle dimostrazioni dal vivo L’evento molto atteso, alle 14.30 di sabato 24, è la 3° edizione del Gran Premio delle Balze…

View original post 78 altre parole

Torino, a Porta Nuova inaugurato il Treno Verde. L’amministrazione comunale firma il Manifesto per una mobilità a zero emissioni 

Torino, a Porta Nuova inaugurato il Treno Verde. L’amministrazione comunale firma il Manifesto per una mobilità a zero emissioni 

Mobilità sostenibile: così si cambia volto alle nostre città

Galleria foto e video disponibile qui: http://bit.ly/fotoTrenoVerde2019 

É arrivato stamane alla stazione Porta Nuova di Torino il Treno Verde di Legambiente e Ferrovie dello Stato Italiane, campagna realizzata con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare. Il convoglio ambientalista sarà in sosta alla stazione del capoluogo piemontese fino al prossimo 1 aprile.

treno_verde_torino 

Un viaggio lungo i binari della Penisola per raccontare la mobilità sostenibile, ridurre l’inquinamento (secondo il principio europeo “chi inquina paga”), puntare sull’intermodalità e sull’elettrico, a partire dai trasporti pubblici e dalla sharing mobility, con l’obiettivo di dar voce ai tanti protagonisti (aziende, start up, istituzioni, associazioni e territori), esempi di buone pratiche nella mobilità sostenibile che percorrono già questa strada.

 taglio_nastro

Stamane è stata inaugurata ufficialmente la tappa torinese, alla presenza di Alberto Unia, Assessore all’Ambiente del Comune di Torino, Federico Mensio, Presidente della Commissione Ambiente di Torino, Fabio Dovana, Presidente di Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta, Davide Sabbadin, Portavoce del Treno Verde, Marco Della Monica, direttore regionale di Trenitalia, Cristian Aimaro di Amiat Torino, Domenico Rinaldini di Ricrea, Giovanni Mura e Alberto Scagliola di Enel X e Carlo Mannu di Bosch.

visita_treno 

Sul Treno Verde, autorità, cittadini, aziende e start up stanno firmando il Manifesto per una mobilità a zero emissioni, dieci impegni per cambiare volto alle aree urbane e dare avvio a questa rivoluzione, a partire dall’adozione in ogni città di ambiziosi Piani urbani di mobilità sostenibile (Pums): spostarsi con il mezzo di trasporto più utile e senza inquinare; promuovere viaggi a piedi; riconquistare zone da togliere alle auto, per ridisegnare lo spazio come bene comune, puntando innanzitutto sulla sicurezza; muoversi con più mezzi e con la sharing mobility per una mobilità socialmente sostenibile e con zero inquinamento. Continua a leggere “Torino, a Porta Nuova inaugurato il Treno Verde. L’amministrazione comunale firma il Manifesto per una mobilità a zero emissioni “

Lia Tommi legge un brano del romanzo “La violinista” di Piero Milanese

Lia Tommi legge un brano del romanzo “La violinista” di Piero Milanese

Alla biblioteca civica di Alessandria, nell’ambito degli incontri “Letture in biblioteca”, a cura dell’associazione LiberaMente è stato presentato il libro di Piero Milanese ” La violinista”, una storia d’amore e di guerra nella Val D’Ossola, hanno dialogato con l’autore il professor Pier Luigi Cavalchini e Fabrizio Priano, presidente dell’associazione stessa. Letture a cura di Lia Tommi e Cristina Saracano.

video: https://youtu.be/_O8dMwtpeT8

La violinista di Piero Milanese copia

Trama del libro “La Violinista”

“La violinista”

Conclusa la trilogia sugli anni ‘60’70, l’autore prosegue la riflessione sul Novecento spostando l’attenzione su uno dei periodi più drammatici del nostro recente passato, la Guerra di Liberazione o Resistenza, da lui ritenuto evento formativo fondamentale, pur se non direttamente vissuto, per quelli della sua generazione.

L’esperienza delle Repubbliche Partigiane sorte nell’Italia del Nord durante l’estateautunno del 1944, da cui il libro trae spunto, suscitò speranze (e illusioni) per una fine del conflitto ritenuta prossima tanto dai combattenti delle montagne quanto dalla popolazione stremata da quattro lunghi anni di guerra.
Continua a leggere “Lia Tommi legge un brano del romanzo “La violinista” di Piero Milanese”

Compagnia Carabinieri di Alessandria: Interventi a Valenza, Solero e San Salvatore

Compagnia Carabinieri di Alessandria: Interventi a Valenza, Solero e San Salvatore

Schermata 2019-03-30 a 16.36.35.png

Valenza.

È stato denunciato a piede libero per il reato di appropriazione indebita un sessantenne dipendente di una gioielleria-oreficeria del centro di Valenza. L’uomo è stato fermato dai Carabinieri della Stazione con in tasca oltre 10 grammi di oro lavorato, che erano appena stati asportati dal negozio. Il titolare dell’attività commerciale si era reso conto da qualche tempo che qualcosa non andava e che sempre più spesso registrava ammanchi di oro dalla sua società. L’attività di indagine condotta dai Carabinieri ha così permesso restringere il cerchio e recuperare nell’abitazione del dipendente oltre 100 grammi del prezioso metallo.

Carabinieri ok.jpg

Solero.

Un serbo e un macedone, entrambi 32enni già noti alle Forze di Polizia, sono stati denunciati a piede libero dai Carabinieri della Stazione di Solero. I due stavano percorrendo la S.P.50 a bordo della loro autovettura, quando sono stati controllati da una pattuglia dei Carabinieri. La verifica dei documenti ha permesso di accertare il possesso di permessi di soggiorno scaduti da quasi tre anni, non rinnovati dalla Questura di Alessandria per mancanza dei requisiti.

San Salvatore Monferrato.

Arrestato un uomo di 50 anni per estorsione e maltrattamenti nei confronti dei genitori.

P.A., agricoltore senza precedenti penali, è stato associato alla casa circondariale “Cantiello e Gaeta” di Alessandria dopo l’ennesima aggressione nei confronti del padre e della mamma ottantenni conviventi. Sono stati proprio loro, duramente provati dal comportamento del figlio, a rivolgersi ai Carabinieri della Stazione di San Salvatore per mettere fine a un’estenuante storia di violenze domestiche nascosta per troppo tempo.

Compagnia Carabinieri di Tortona: Interventi a Volpedo e Pontecurone

Compagnia Carabinieri di Tortona: Interventi a Volpedo e Pontecurone

Carabinieri logo

Volpedo.

Il 27 marzo, alle ore 17,00 circa, i Carabinieri della locale Stazione intervenivano presso l’abitazione proprietà del 48enne D.R., dove, per cause in corso di accertamento, M.F., impresario edile residente in Montacuto, mentre effettuava un sopralluogo sul tetto della suddetta abitazione, perdeva l’equilibrio cadendo nel sottostante terreno di pertinenza.

Il malcapitato, che riportava lesioni alla spalla, veniva soccorso e trasportato presso l’Ospedale Civile di Alessandria, dove si trova in osservazione.

I Carabinieri di Volpedo, unitamente al personale del Servizio SPRESAL, stanno effettuando il sopralluogo e i rilievi tecnici per risalire alle cause dell’infortunio.

Pontecurone.

Il 28 marzo, i Carabinieri della Stazione di Pontecurone, a conclusione degli accertamenti di rito, denunciavano in stato di libertà per guida in stato di ebbrezza M.G., 21enne del luogo, che il 24 marzo, alle ore 5:00 circa, alla guida di autovettura Toyota Yaris, causava un sinistro stradale con feriti lievi in Tortona, lungo la S.P. 10, andando a collidere contro l’autovettura Opel Astra condotta da C.F., 52enne di Voghera (PV), che riportava lesioni giudicate guaribili in dieci giorni. All’esito degli accertamenti medici, è emerso che il giovane, all’atto del sinistro, aveva un tasso alcoolemico pari a 1,90 g/l.. Per questo motivo gli è stata immediatamente ritirata la patente di guida.

Compagnia Carabinieri di Acqui Terme: Interventi a Cartosio e Molare

Compagnia Carabinieri di Acqui Terme: Interventi a Cartosio e Molare

Carab Acqui Terme

Cartosio.

Nella giornata di ieri, i Carabinieri della Stazione di Ponzone hanno deferito in stato di libertà, con l’accusa di lesioni personali, un 39enne marocchino residente in Acqui Terme.

Quest’ultimo, diversi giorni prima, si era presentato presso il magazzino di proprietà della ex ragazza, dove, oltre alla stessa, aveva trovato anche il nuovo compagno di lei.

Gli animi si sono accesi e in breve tempo dalle ingiurie si è passati alle mani, con il 39enne che ha violentemente colpito l’uomo procurandogli lesioni al volto e alla mano, giudicati guaribili in una quindicina di giorni. La donna, intervenuta per separare i due, ha riportato distorsioni alle dita delle mani, con circa dieci giorni di prognosi. Entrambi gli aggrediti hanno sporto regolare denuncia-querela.

Molare.

I Carabinieri della Stazione di Molare, congiuntamente ai colleghi dell’Aliquota Operativa del NOR, hanno deferito in stato di libertà, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio, un 50enne italiano residente nella zona di Molare.

Gli accertamenti dei Carabinieri sono un ideale seguito degli arresti degli scorsi giorni. Comprendendo, infatti, come i due marocchini arrestati alcuni giorni fa con 300 grammi di hashish fossero probabilmente in zona alla ricerca di clienti, i Carabinieri hanno avviato una serie di accertamenti al fine di verificare eventuali viavai di tossicodipendenti della zona. Ed effettivamente gli accertamenti permettevano di giungere all’abitazione di M.G., 50enne già noto alle forze di polizia, che, sottoposto a perquisizione personale e locale, è stato trovato in possesso di oltre 26 grammi di hashish. L’uomo è stato deferimento in stato di libertà.

Carabinieri di Balzola, attività investigativa e risultati su diffamazione sui social-network

Carabibieri di Balzola, attività investigative e risultati su diffamazione sui social-network

Compagnia Carabinieri di Casale Monferrato

Balzola.

I Carabinieri della Stazione di Balzola, a conclusione degli accertamenti a seguito di una querela presentata da una 30enne balzolese, hanno denunciato in stato di libertà per diffamazione e molestie un 31enne incensurato del luogo.

Carab Balzola.png

Il 31enne avrebbe postato sul social-network Facebook delle fotografie raffiguranti la 30enne e la sua famiglia, accusandoli di vari reati, tra cui maltrattamento di anziani e danneggiamento di auto in sosta. Inoltre il 30enne avrebbe molestato un’altra componente della famiglia, una ragazza 20enne, richiedendoli con dei messaggi su Facebook delle foto licenziose.

Per quanto riguarda l’uso dei social-network, si ricorda che la diffamazione si può configurazione nei seguenti casi:

1) l’indicazione del soggetto al quale le ingiurie sono riferite. Non necessariamente nome e cognome, basta che ci sia il riferimento a caratteristiche fisiche e che rimandino inequivocabilmente a una determinata persona e ne permettano l’identificazione; Continua a leggere “Carabinieri di Balzola, attività investigativa e risultati su diffamazione sui social-network”

La trombettina, di Corrado Govoni, recensione di Elvio Bombonato

La trombettina, di Corrado Govoni, recensione di Elvio Bombonato

Ecco che cosa resta
di tutta la magia della fiera:
quella trombettina,
di latta azzurra e verde,
che suona una bambina
camminando, scalza, per i campi.
Ma, in quella nota sforzata,
ci son dentro i pagliacci bianchi e rossi;
c’è la banda d’oro rumoroso,
la giostra coi cavalli, l’organo, i lumini.
Come, nel sgocciolare della gronda,
c’è tutto lo spavento della bufera,
la bellezza dei lampi e dell’arcobaleno;
nell’umido cerino d’una lucciola
che si sfa su una foglia di brughiera,
tutta la meraviglia della primavera.                                                                                  CORRADO GOVONI  (1924)

Govoni

Ecco un altro poeta quasi dimenticato, e di nuovo l’Italia che non c’è più.  La lirica, mirabile per la levità e la grazia che emana e per la moltitudine dei colori presenti, è visiva (mentre leggi, vedi le immagini): arriva la primavera. La bambina è scalza, povera e contenta; le basta camminare con la sua trombettina di latta, presa alla bancarella dei balocchi. 

Anche la fiera descritta è scomparsa; in elenco: gli artisti di strada, la banda di ottoni, la giostra, l’organetto… Memorabili i tre versi finali. Ho contato, all’incirca, 2 settenari doppi, 2 senari doppi, 5 endecasillabi, 3 novenari, 4 settenari.  Rime “facili” in ERA e  in INA. Piccole cose modeste, eventi minimi (Pascoli, crepuscolari) che riempiono la vita.

“Il fonosimbolismo della U nei versi finali si scioglie nell’epifania della primavera: gioia pudica nel candore di quell’atmosfera frizzantina, che solo il risorgere della natura concede” (Maximianus, Facebook).

In libreria Dossier Isabella Morra, il saggio di Giuseppe Lorin

In libreria Dossier Isabella Morra, il saggio di Giuseppe Lorin

di Michela Zanarella

Dall’11 aprile in libreria Il ritratto vero, appassionato, commovente e lancinante di una delle penne poetiche più intense del XVI secolo

Dopo il successo di “Transtiberim. Trastevere, il mondo dell’oltretomba” Giuseppe Lorin torna in libreria da aprile con “Dossier Isabella Morra” edito da Bibliotheka Edizioni, il ritratto di una delle penne poetiche più intense del XVI secolo.

Lorin

Gli scritti di Isabella Morra, riflettono il valore mediatico della Poesia stessa, che entra a far parte della linfa appartenente ad una natura troppo ricca, tanto da essere predestinata a causa del suo eccesso intatto e virginale, allo stupro e al saccheggio della sua essenza. Isabella confida che i posteri non la ricordino soltanto come fanciulla uccisa, pregandoli invece di non dimenticare i suoi lavori, le sue poesie scritte nella sofferenza di adolescente privata del padre, unico punto di riferimento in una terra amara. È nel primo sonetto, più che in altri, che si avverte la necessità di essere ricordata come poetessa, poiché, come sostiene, è la Poesia a mantenere in vita il poeta stesso.

dossier morra.jpg

E, come sempre sostengo, si tratta di un riscatto di notorietà in forza della scrittura, ovvero della poesia, unico “ponte” tra il poeta e il lettore. Hanno contribuito per questo saggio storico di Giuseppe Lorin con loro poesie originali dedicate ad Isabella Morra: Dacia Maraini, Dante Maffia, Michela Zanarella, Corrado Calabrò, Marcella Continanza, Vittorio Pavoncello, Antonella Radogna.

Giuseppe Lorin è attore, poeta, regista, critico letterario, conduttore e giornalista, ha studiato all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico”. Ha pubblicato: Manuale di dizione; Da Monteverde al mare; Tra le argille del tempo; Roma, i segreti degli antichi luoghi; Roma la verità violata; Transtiberim, Trastevere il mondo dell’oltretomba.