Raggio di Sole

Giorgia aveva assolutamente bisogno di premiarsi. Come ogni mese era stata dalla dietologa e il suo peso scendeva regolarmente di qualche etto. Vicino allo studio medico c’era una pasticceria tradizionale. La vetrina era la stessa da trent’anni, l’insegna illuminata al neon era sottile con un font simile a quello anni cinquanta. Le lettere C avevano un tondino in fondo ad una lineetta e uno alla base e anche la Erre formava un riccio in cima. Molto vezzoso.

All’interno il controsoffitto aveva più o meno vent’anni e le lucine piatte erano state sostituite da luci al led più economiche ma molto evidenti, formando una serie di viti luminose incastrate sul soffitto.

Mobili frigo al centro mettevano in bella mostra torte gelato di tutte le grandezze, divise tra quelle ricoperte di cioccolato e quelle con base al biscotto. Ognuna guarnita di coni piccolini, cialde rosse o verdi o cannoli al cacao. Alcune…

View original post 291 altre parole