Paola Ferrari: “Dopo la scelta del candidato del Centrodestra si deve porre una duplice questione: di metodo e di etica”

Queste le dichiarazioni della coordinatrice provinciale di Alessandria di Scelta Civica del Fare Paola Ferrari, dopo l’ufficializzazione della candidatura di Alberto Cirio a presidente della Regione Piemonte per il Centrodestra.

schermata-2019-03-06-a-15.52.20

“Salvini si accorda con Berlusconi e la Meloni per il candidato alle prossime elezioni regionali del Piemonte – afferma Ferrari – Continua la telenovela del fedifrago: nelle Regioni e nei Comuni il leader leghista va con il Centrodestra, in alleanza con Forza Italia e Fratelli d’Italia, ma a Roma, conferma che resta ben fermo al Governo con il M5S. Tutto questo è l’emblema della confusione politica dell’Italia, senza più partiti e senza più culture politiche di riferimento. Serve ripartire dai nostri fondamentali democratici per costruire una seria alternativa di governo a misura degli interessi delle classi popolari e dei ceti medi produttivi”.

chiamparino-e-ferrari-1

Conclude Ferrari: “La candidatura di Cirio, coinvolto nello scandalo della Rimborsopoli regionale e in attesa di sapere se sarà rinviato a giudizio oppure no, implica anche una doverosa questione etico-morale sul persistere in generale nella politica di personaggi macchiati da guai giudiziari contro la Pubblica amministrazione. Al contrario, proprio per ridare credibilità alla stessa politica, si eliminare quel sistema che ripropone ‘i soliti noti’, puntando su persone nuove, credibili, radicate e con un’etica incrollabile. Ci vuole un impegno chiaro sulla carta valoriale, non solo a parole, ma soprattutto nei fatti”.

Coordinamento provinciale Alessandria