GLI ARTISTI

Gli artisti són pèrdabali:
ui piàs nénta andè
ant la fàbrica a travajè.

Gli artisti són tüc lùch:
spasìgiu a nóc fónda,
con el stéili fòn la rónda.

Gli artisti vón a piè ’l cafè:
‘l bar a l’è bèl e pén,
ma lùr cunòssu anzën.

Gli artisti són espèrt:
fòn sugnè a óg druèrt:
musicista, poeta, pitùr
pàrlu tüc d’amùr.

L’arte a l’è na sugestión,
na cosa seria dabón.
L’arte la fa uardè luntón
e regala sémper emusión.

GLI ARTISTI

Gli artisti son perdaballe,
che non vorrebbero lavorare in catena,
o timbrare il cartellino,
o chiedere il permesso per andare a un funerale.

Gli artisti son tutti matti:
son matte le loro case,
disordinate, impolverate di quella roba lì: l’arte.

Passeggiano alle dieci del mattino:
si fermano al bar,
vanno, vengono, salutano tutti,
ma non riconoscono nessuno perchè sono artisti.

C’è chi suonerebbe tutta la notte, fino a svegliare i vicini,
chi dipinge volti più belli delle fotografie,
un altro gira con foglio e matita in tasca e scrive poesie all’angolo della via:
quanti scossoni in corpo, quante emozioni!

Gli artisti son specie protetta
perchè l’arte va salvaguardata, mai disprezzata
è come una carezza, o un abbraccio,
è un atto d’amore.