https://bonvinifranco.wordpress.com/2019/04/06/la-ragazza/

 

La ragazza è venuta da me
in una notte lontana
la ragazza è venuta da me e si è rifugiata negli occhi.

La ragazza è venuta qui
e somigliava all’ infanzia
furono giochi e canti, e sembrava felice.

Le ho detto spogliati, guardati
forse sei la poesia?

La ragazza era scritta nel sangue, negli incroci delle vene.
Certo si possono descrivere, le curve i seni i fianchi,
le gambe affusolate e quel sedere che porta in giro
certo si può descriverlo, anche senza guardare.

La ragazza stava ritta e altera
quasi arrogante allo sguardo
Posso chiudere gli occhi e passarci a memoria su quelle curve,
e accarezzarle ancora, e ancora , e ancora
perchè è la poesia.

La ragazza ora dorme, in qualche luogo là fuori
La ragazza è con me, dorme quieta al centro del cuore
e da lì si espande ovunque,
ovunque c’è da sognare..

 

728316