A Tortona stasera si parla di ambiente e salute, di Lia Tommi

Tortona: Saranno presentati alla cittadinanza lunedì 8 aprile 2019, alle ore 21.00 presso il Palazzo Comunale di Tortona, in Sala Romita, i dati dello Studio epidemiologico della popolazione di Tortona.
Il documento è stato prodotto con la collaborazione dell’ASL AL nell’ambito del progetto finanziato dall’Amministrazione Comunale di Tortona e realizzato in rete tra diverse importanti realtà di settore.
Ai saluti delle autorità presenti seguiranno gli interventi e le relazioni del Consigliere Regionale Domenico Ravetti, dell’Assessore alla salute e all’ambiente del Comune di Tortona Dott.ssa Maria Grazia Pacquola, del Presidente dell’Osservatorio Ambientale Comunale Dott. Carmelo Ciniglio, del biostatistico sanitario Dott. Gerardo Bonomo ed il Direttore del Dipartimento territoriale Piemonte Sud Est di Arpa, Dott. Alberto Maffiotti; moderatrice del dibattito sarà la giornalista Alessandra Dellacà.
Lo studio prende in considerazione i dati di mortalità e morbosità della popolazione del Comune di Tortona per il periodo 1980-2014 e ha come finalità la verifica e la valutazione dello stato di salute dei residenti attraverso l’analisi delle diverse cause di malattia.
I dati risultano di primaria importanza nella sorveglianza dello stato di salute della popolazione e, conseguentemente, nella programmazione di idonei interventi di medicina preventiva.
“Il mondo è un bel posto e vale la pena lottare per esso (Ernest Hemingway)”…lottare con l’obiettivo di garantire la salute, diritto tutelato dall’art. 32 della Costituzione Italiana. La prima tappa di questo percorso è conoscere la situazione, la nostra situazione – dichiara l’Assessore alla Salute e all’Ambiente del Comune di Tortona Maria Grazia Pacquola; a questo servono i due studi epidemiologici, Istantanea 048 che ha riguardato 9 Comuni della Bassa Valle Scrivia e l’analogo studio ripetuto sulla popolazione di Tortona. Leggiamo i numeri, cerchiamo di capirli per fare tutti insieme le scelte giuste. La posta in gioco è la vita, la nostra, non scindibile da quella del pianeta”.

Il Principe Della Nebbia di Carlos Ruiz Zafòn

Il Principe Della Nebbia di Carlos Ruiz Zafòn

Il Principe Della Nebbia

Il Principe Della Nebbia 

di Carlos Ruiz Zafòn

In fuga da…

Un’indagine che porterà a…

1943

La famiglia di Max si trasferisce verso lidi più sicuri a causa della guerra.

Nessun posto potrà essere peggiore di quello che hanno abbandonato, un luogo di morte e dolore, di dramma e speranza che sembra svanire come neve al sole.

La nuova dimora sembra garantire pace e sicurezza, eppure…

C’è qualcosa di strano, qualcosa che l’inquieta.

Un esempio?

Un giardino colmo di statue che definire inquietanti sarebbe un eufemismo.

Ad “abbellire” il tutto, la notizia della scomparsa del figlio dei precedenti inquilini.

A questo punto l’inquietudine dovrebbe farla da padrona, eppure la curiosità è decisamente più forte…

Assieme all’amico Roland e ad Alicia, sua sorella, Max inizierà un’indagine che lo porterà a scoprire che… Continua a leggere “Il Principe Della Nebbia di Carlos Ruiz Zafòn”

UN GRANDE CLASSICO SUL PALCO DELLA JUTA

UN GRANDE CLASSICO SUL PALCO DELLA JUTA. IN SCENA LA COMPAGNIA CRAB TEATRO – MULINO AD ARTE

Al Teatro della Juta di Arquata Scrivia è tempo di grandi classici.

Venerdì 12 aprile alle ore 21 andrà in scena un’opera di Edmond Rostand che divenne il simbolo dei sentimenti e delle passioni umane

CYRANO, nell’adattamento di Crab Teatro/Mulino ad Arte.

cyrano_mulino-ad-arte_foto-francesco-calabrò-1-780x520cyrano_mulino-ad-arte_foto-francesco-calabrò-2-780x520cyrano2

Cyrano è uno scontroso spadaccino dal lunghissimo naso, scrittore e poeta dall’irresistibile vitalità. Leggendaria la sua abilità con la spada, almeno quanto la sua passione per la poesia e per i giochi di parole, con i quali ama mettere in ridicolo i suoi nemici, sempre più numerosi grazie al suo carattere poco incline al compromesso e al suo disprezzo verso potenti e prepotenti. Spaventoso e inarrestabile con una spada in mano, nutre un candido ed impossibile amore per la bella Rossana, sua cugina. L’animo di Cyrano inizia a parlare allora per mezzo del bel Cristiano: in fin dei conti i due si completano, uno bello ma senza talento l’altro con un grandissimo talento ma brutto. 

Due sentimenti fondamentali come l’amore e l’amicizia trovano la loro estrema sublimazione sotto molteplici aspetti ed alla fine è l’amicizia sincera, totale e virile nata tra Cyrano e Cristiano che sembra prendere il sopravvento, mostrandosi più forte anche dell’amore stesso. Continua a leggere “UN GRANDE CLASSICO SUL PALCO DELLA JUTA”

EVENTI: “Verseggiando a Sovico” e la sorprendente forza espressiva di Roberto Durkovic (cantautore)

(By I.T.Kostka)

La prossima puntata del programma ciclico culturale itinerante “Verseggiando sotto gli astri” di Sovico, sarà ricca di illustri Ospiti Speciali, tra cui potremo rivedere con immensa gioia il tanto amato cantautore Roberto Durkovic. L’artista già ben conosciuto al pubblico del Verseggiando regalerà con il suo breve recital numerosi momenti di profonda emozione, felicità e poetica riflessione.

Biografia di Roberto Durkovic e i “Fantasisti del metrò”:

Uno dei più originali cantautori italiani, Roberto Durkovic è riuscito a creare un linguaggio altamente poetico in cui unisce la tradizione della canzone d’autore più colta e raffinata con le sue origini slave. Coadiuvato dai Fantasisti del Metrò – un gruppo di musicisti così chiamati proprio perchè scoperti mentre si esibivano in metropolitana, Durkovic trasforma ogni suo concerto in un gioco divertente e fantasioso che mescola i colori della musica balcanica con i ritmi del flamenco, della melodia tzigana e del jazz; una miscela di note e di culture diverse che attraverso il linguaggio universale della musica vuole comunicare anche un importante messaggio sociale.

I “Fantasisti del metrò”, sono i bravissimi musicisti rom che Roberto Durkovic ha ha visto suonare nelle stazioni della metropolitana milanese molti anni fa. Da allora sono passati sette album, molti successi vincitori di 3 premi nazionali 2010, musica sulle aie 2011, premio Amnesty International e successivamente “Suoni senza confine”, due generazioni di musicisti straordinariamente virtuosi e, per il 2016 il nuovo tour “Oltre il Ponte”.

Bosnea Mitica un autentico fuoriclasse del clarinetto- Massimilano Alloisio segnalato dalla critica tra i migliori chitarristi Italiani-Florin Marinel cymbalon strumento meraviglioso suonato da un grande -Luigi Scuri batterista completo e virtuoso, Florin Cercel con la sua magica fisarmonica e si sono aggiunti Edward, Stefan, Juke Dumitru che appartengono alla seconda generazione e sono tre virtuosi del violino. Spettacolo Durkovic di “Fantasisti del metrò” in Praga (Gipsy classica), Bucarest (follie tzigane ), Siviglia (flamenco) (Milano ) musica d’autore le nostre composizioni omaggi Guccini ,De Andre e altri, un incrocio di destini in un grande spettacolo per la bellezza dell’interazione come ricchezza reciproca.

QUANDO e DOVE:

Sabato 13 aprile 2019 ore 17.00 presso Sala Aldo Moro, viale Brianza 4, Sovico (MB).

Ingresso libero.

Change. org: Distruggere la natura?

Change. org: Distruggere la natura?

in Val di Mello, provincia di Sondrio, è previsto un progetto regionale per adeguamento dei sentieri per persone disabili. Un progetto che stravolgerebbe il naturale ambiente alpino, dove le ruspe allargheranno sentieri alpini per farli diventare piste. I primi ad essere contro sono proprio i disabili, tra cui l’alpinista rimasta paralizzata in seguito ad un incidente, Eleonora Delnovo. Le barriere architettoniche non vanno confuse con la bellezza della natura. Firma per chiedere alla Regione Lombardia di non approvare il progetto. 

unnamed

Petizione diretta a Regione Lombardia, Riserva Val di Mello, Comune Val Masino, Ersaf Lombardia

@RegLombardia : Fermiamo un devastante progetto nel cuore della Riserva Naturale della Val di Mello

Non possono essere i 400.000 euro di soldi pubblici un buon motivo per svilire la Val di Mello – in provincia di Sondrio, Lombardia – per scardinarne la sua mitica naturalità.
Per imporre un circuito per disabili che nessuno vuole, nessuno desidera, nessuno lo chiede ma avvilente per tutti, disabili per primi.
Un circuito recinto proprio dove ogni anno già transitano migliaia di bambini alla ricerca del contatto diretto, libero, profondo con l’ambiente naturale come dev’essere in una Riserva. Quel luogo è un giardino nel centro della Valle, di una bellezza folgorante, di facile accesso, commuovente nella sua delicata naturalità.
Nella orrenda scheda progetto, la pietra, il muretto, il gradino diventano insidie da abbattere, il tronco-ponte per passare un ruscelletto un pericolo da eliminare e arginare con un ponte cementato e collaudato, la vegetazione … verde infestante da sradicare, la delicata traccia da seguire nell’erba sostituita da una segnaletica a prova di non vedente …
Andate a vedere le schede che ci hanno illustrato all’Ersaf e rimarrete a bocca aperta …e il sasso dove si gioca arrampicando? Diventerà un sasso in Sicurezza…ma quale sicurezza? Boh, basterà scriverlo su un cartello in braille: masso di arrampicata per ciechi/disabili in sicurezza …aberrante!

Come si fa a progettare così male?
Come si fa a confondere BARRIERE ARCHITETTONICHE che giustamente vanno abbattute nelle scuole, ospedali, edifici pubblici… e DIFFICOLTÀ NATURALI, necessarie per confrontarsi con i propri limiti e parte inscindibile del paesaggio naturale in particolar modo di una Riserva.
400.000 non sono euro ma le persone che ogni anno transitano in Val di Mello, che la amano e che da questa meravigliosa Valle traggono il senso di bellezza, totalmente assente nei progettisti di questo stupro-casalingo.
Donne e uomini tenacemente pronti a difenderla e ad opporsi con forza ad ogni forma di stupidità, a maggior ragione se promossa da chi istituzionalmente dovrebbe difenderla.
LA VAL DI MELLO NON È DI ERSAF, NON È DEL COMUNE DI VAL MASINO, MA UN BENE COMUNE DI TUTTI.
Il progetto Ersaf per disabili è aberrante, fuori luogo, incomprensibile; è la bandiera di come non si deve intervenire in una Riserva Naturale. “Le buone pratiche” sono state quelle tramandate dai contadini che l’hanno da sempre mantenuta.
Chiediamo una firma per fermare questo aberrante progetto, per farci ascoltare dalla Regione Lombardia.
La Val di Mello deve restare bella così com’è.
Il comitato per la tutela della Val di Mello.  Continua a leggere “Change. org: Distruggere la natura?”

Momenti di poesia. SCARPETTE ROSSE ( A Giulia Ballestri ) di Loredana Mariniello

Momenti di poesia. SCARPETTE ROSSE ( A Giulia Ballestri ) di Loredana Mariniello

SCARPETTE ROSSE ( A Giulia Ballestri )

Squarci di luce bucano questa notte nera, senza stelle,

chiuse per sempre sono le mie pupille,

un pallido spicchio di luna illumina una lacrima

che brilla sull’ umidità delle mie ciglia

Passeggiando nel vicolo ristretto del tuo pensiero contorto,

slogandomi la caviglia ho rotto le belle scarpe rosse con il tacco

che ho indossato quel giorno maledetto

in cui ho scoperto l’atroce verità sul nostro rapporto

Col vetro dello specchio infranto dal pugno assassino,

perì insieme alla speranza anche il sogno

di poter vivere una favola da sballo

e uscì fuori da quel frantumato cristallo

l’evanescente spettro che temevo già da tempo:

non vi era nessun principe in quel bel castello,

fu un orco travestito da agnello a regalarmi con l’inganno

la rosa e poi il gioiello, ma solo per rinchiudermi in uno scrigno

e usarmi a suo piacere a mo’ di orpello

come medaglia d’oro da appendere al collo

Denudasti della sua natura la profumata rosa purpurea,

spogliandola di dignità e cultura,

la condannasti all’esilio di una crudele esistenza amara,

mi ribellai a quella vita grama,

sconfitto mi uccidesti nella tua villa strana Continua a leggere “Momenti di poesia. SCARPETTE ROSSE ( A Giulia Ballestri ) di Loredana Mariniello”

Momenti di poesia. Pistoia ( Al Colle ) di Stefania Melani

Momenti di poesia. Pistoia ( Al Colle ) di Stefania Melani

56664725_10216666111982816_7257064613504614400_n.jpg

Pistoia ( Al Colle )

Nel tuo eclettico mosaico
a lungo
mi sono cullata
fra api
e rosse corolle di papaveri,
negli oceanici intervalli
fra semine di grano
e fieno secco
al sole.

Una folle voglia
di correre
prendeva le gambe…
Era così bella
la libertà
di perdere il fiato
senza fermarsi….
…..
Dal fondo del sentiero
sembrava lontana
la casa…
Non lo sapevo allora
ma
la felicità
era
nel vento….

Stefania Melani @

Dieci poesie di Ada Negri, di Donatella Pezzino

Pensiero d’autunno

Fammi uguale, Signore, a quelle foglie
moribonde, che vedo oggi nel sole
tremar dell’olmo sul piú alto ramo.
Tremano, sí, ma non di pena: è tanto
limpido il sole, e dolce il distaccarsi
dal ramo, per congiungersi alla terra.
S’accendono alla luce ultima, cuori
pronti all’offerta; e l’agonia, per esse,
ha la clemenza d’un mite aurora.
Fa ch’io mi stacchi dal piú alto ramo
di mia vita, cosí, senza lamento,
penetrata di Te come del sole.

*

Il risveglio

Senza sonno la notte e senza pace
fu. Pulsava alle tempie, ai polsi il sangue
torbido, in colpi sordi; e mi parea
rispondesse al mugghiar cupo del mare.
E tra il mugghio del mare e il martellìo
del sangue il mio dolor con le memorie
più fonde in cuor si rinnovava, tutta
addentandomi dentro: ero soltanto
quel dolor, quel dolore; e il resto nulla.
Ma venne, a un tratto, verso l’alba, il sonno.
Breve esso fu, come una morte breve;
e mi svegliai che il sol, già alto, in fasci
di raggi entrava dal quadrato azzurro
della finestra. Vi balzai. M’immersi
nella luce, non più vita pensante,
ma solo vita: bevvi la freschezza
del mattino nel salso odor del mare,
mare e cielo divenni, e immenso riso
senza memoria.

*

Orgoglio

Soffri in silenzio. Non chiamar nessuno
a numerar le lacrime degli occhi
tuoi. Sia pur grave il colpo che ti tocchi,
chieder coraggio ad altri è inopportuno.

Conta nel tuo segreto ad uno ad uno,
se vuoi, curva e prostrata sui ginocchi,
i singhiozzi del cor—ma non trabocchi
la piena mai, per la pietà d’alcuno.

È un’orribile cosa esser compianti.
Conquista in te, con la tua forza sola
di volontà, l’oblio del tuo cordoglio.

T’insegnerò, per disseccare i pianti
fiacchi e cangiarli in riso entro la gola,
un peccato magnifico: l’Orgoglio. Continua a leggere “Dieci poesie di Ada Negri, di Donatella Pezzino”

Momenti di poesia. AMANTI, di Rita Frasca Odorizzi

Momenti di poesia. AMANTI, di Rita Frasca Odorizzi

AMANTI..

Mi sento..
Come il vento fra gli alberi
quando ascolta un suono,
sul suo cammino alato:
il canto della terra, pregna
di radici, semi, germogli
come il mio cuore antico
che percorre sentieri amati,
ormati, e arati
del mio amore per te..
amante crudo, corrucciato
del tuo sguardo astrale,
del tuo animale magnetismo..
scoglio..dove si infrangono
tutte le onde del mio mare,
dove ogni volta affogo
di rimpianti mai sopiti..
dove ripercorro
con le mani nei tuoi capelli
nella tua chioma d’argento,
tutte le ritrose che invano
ingenuamente,
ho tentato di raddrizzare,
percorrendole con amore,
sfiorandole lungo il sentiero
del tuo cuore azzurro
per restituirti parte di me volata via,
come uccello senza approdo,
che ricerca il suo vecchio nido
per deporvi l’uovo sacro
della nuova identità..
agnello sacro al Divino..

Momenti di poesia. ANIMA, di Donatella Barbieri

Momenti di poesia. ANIMA, di Donatella Barbieri

56526758_350070342521752_6100203142123618304_n.jpg

ANIMA

Povera piccola
anima mia….
che a volte
perdi la
speranza.
E devastante
perdere
l’amore quando
si fa sera.
Senti nel cuore
latrati di dolore
mentre l’anima
affoga in folli
sogni.
A volte la mia
anima cambia
la realtà della
vita,solo per
regalarsi
momenti di
felicità.

@ Barbieri Donatella
7.04.2019

EVENTI: “Verseggiando a Sovico” – tra gli Ospiti Speciali il M° Francesco Parravicini

Francesco Parravicini

(By I.T.Kostka)

Tra gli Ospiti Speciali del prossimo incontro organizzato nell’ambito del programma culturale ciclico itinerante “Verseggiando sotto gli astri…”, tra numerosi importanti personaggi del mondo artistico avremo piacere di ammirare e ascoltare il talentuoso e raffinato pianista cresciuto a Sovico, il M° Francesco Parravicini. La sua preziosa partecipazione all’evento sarà sicuramente molto apprezzata e attesa con grande entusiasmo, aggiungendo alla kermesse culturale un tocco di sublime bellezza.

In seguito la breve nota biografica dell’artista.

FRANCESCO PARRAVICINI ha iniziato lo studio del pianoforte presso la scuola media “G. Paccini” di Sovico (MB).
Dopo un periodo di studi presso il Liceo musicale “V. Appiani” di Monza, la Scuola civica di musica “G. Donizetti” di Sesto san Giovanni, il Conservatorio “G. Verdi” di Milano dove ha anche conseguito la maturità artistica ad indirizzo musicale, ha completato gli studi di composizione presso l’Istituto musicale “G. Donizetti” di Bergamo nonché il diploma di pianoforte presso il Conservatorio “A. Boito” di Parma.
Ha al suo attivo numerose esecuzioni in pubblico sia in veste di solista che di accompagnatore nei più svariati ambiti e contesti musicali.
Insegna pianoforte, teoria, armonia, propedeutica presso l’Accademia Musicale Italiana di Monza e presso l’Associazione Voci Bianche di Agrate Brianza (MB), nonché come libero professionista.
È inoltre organista e voce di basso presso la parrocchia “Cristo Re” e Associazione Corale “Laudamus Dominum” di Sovico.
È anche autore di una raccolta di lezioni di propedeutica per i più piccoli.

QUANDO e DOVE:

Sabato 13 aprile 2019 ore 17.00 presso Sala Aldo Moro, viale Brianza 4, Sovico (MB).

Ingresso libero.

EVENTI: Protagonisti dello spettacolo “Sogni accelerati” nell’ambito di “Verseggiando sotto gli astri” a Sovico

(by I.T.Kostka)

Il prossimo incontro nell’ambito del programma culturale ciclico itinerante “Verseggiando sotto gli astri” ospiterà con gioia uno spettacolo ispirato ai testi tratti dal libro di Barbara Rabita e Antonio Laneve “Convergenze”, edito dalla casa editrice livornese CTL Editore. La musica dello straordinario e sorprendente compositore di altissimo rilievo artistico il M° Umberto Bombardelli, con la partecipazione dei talentuosi artisti di grande carisma tra cui Diego Ghisetti (attore) e Roberto Arnoldi (violino). Un’occasione imperdibile per conoscere un altro volto dell’arte, quello più contemporaneo e rivoluzionario, lontano dalla banalità del comune mercato pubblico.

Conosciamo meglio i nostri protagonisti:

• Il M° UMBERTO BOMBARDELLI (compositore)

Nato a Milano, ha studiato Organo, Direzione di Coro e Canto Gregoriano presso il Pontificio Istituto Ambrosiano di Musica Sacra. Si è diplomato in Organo e Composizione Organistica presso il Conservatorio “G. Verdi” di Milano sotto la guida di Luigi Benedetti. Ha studiato Composizione con Pippo Molino e Niccolò Castiglioni. Ha seguito corsi di Composizione Informatica con i docenti del Centro di Sonologia Computazionale (CSC) dell’Università di Padova e si è laureato in Economia delle Aziende Industriali presso l’Università “Luigi Bocconi” di Milano.

Premiato e segnalato in diversi concorsi, nazionali ed internazionali di composizione, tra i quali “Castello di Belveglio”, “V. Bucchi” e “Nuove Musiche per Strumenti Antichi”, è tra gli autori contemporanei maggiormente eseguiti in Italia e all’estero, non di rado in sale e contesti di prestigio (Auditorium di Milano, Teatro Donizetti di Bergamo, Carnegie Hall di New York, Heliconian Hall di Toronto, Symphony Hall di Osaka, State Capella Concert Hall di San Pietroburgo – solo per citarne alcuni) e da parte di interpreti e ensemble di grande rilievo come Dèdalo Ensemble, Ensemble della Società Italiana Musica Contemporanea, New MADE Ensemble, Orchestra dei Pomeriggi Musicali, Orchestra Sinfonica di Sanremo, Marco Rizzi, Paolo Carlini, Giulio Tampalini, Federico Mondelci, Mario Marzi, Gabriella Bosio, Orchestra I Solisti del’Accademia Nazionale di Musica – Astana (Kazakhstan), Orquesta de Camara de la Institucion – Messico, Ensemble Webern, ecc. Continua a leggere “EVENTI: Protagonisti dello spettacolo “Sogni accelerati” nell’ambito di “Verseggiando sotto gli astri” a Sovico”

Open Mic, di Cristina Saracano

Ritorna, venerdì 12 aprile alle 21,15, presso la Soms del Cristo, Corso Acqui 158, Alessandria, il microfono aperto, open mic.

Con tre minuti di tempo, chiunque abbia piacere, può leggere un testo suo o di un qualsiasi autore, il tutto è contornato dalla musica dei NuovaSintonia.

Conducono i simpatici, nonché bravi, Fabio Gagliardi e Franco Galliani.

Alla sera, uscite, condividete amicizia e sorrisi reali, vivi, non virtuali, quindi, venite all’open mic, ci conto!

ESSENZE DI CARMINIO

quandolamentesisveste

rosa-rossa

germina sull’enfasi d’un crogiolo ardente
la passione amorosa
rappresa in un mantice di velate sensazioni
infrange aromi inibiti
nell’ascesa emozionale
s’addentra in motivati confini
nella linea di gioco resa invincibile
eppur nel saggio
esteso a fremiti dell’anima
un frizzo inatteso di scabra crudeltà
azzarda un turbamento inaspettato…

Video della poesia “Essenze di carminio”

 

View original post