Gabriele Fredianelli, “Storia e storie della scherma”

La poesia e lo spirito

Testo introduttivo e intervista di Giovanni Agnoloni

Storia e storie della scherma. 600 anni di sfide, assalti,duelli, di Gabriele Fredianelli (ed. Odoya), giornalista fiorentino, è un libro che è di per sé un viaggio, nel tempo e nel mondo (geografico e dello sport), e delinea il percorso evolutivo che dai duelli d’onore ha portato alla nascita della scherma come disciplina olimpica.

Il saggio, dal gradevolissimo taglio divulgativo-narrativo e dall’ottima scrittura, comprende una nutrita lista di profili biografici di grandi campioni e maestri di questo sport.

Ho posto a Gabriele alcune domande che credo vadano al cuore dei temi trattati nell’opera. Prima, però, questo estratto, dalle suggestioni decisamente letterarie, in quanto ha al centro il genio di Jorge Luis Borges.

View original post 1.583 altre parole

Mario Novaro in spagnolo e danese

La poesia e lo spirito

Mario Novaro (foto tratta da Wikipedia)

A seguito dalla pubblicazione di alcune poesie di Mario Novaro (1868-1944) in italiano e in inglese, proponiamo oggi, sempre insieme ai testi originali, le relative traduzioni spagnola e danese, a opera di Martha Elias, linguista danese che vive a Copenaghen.

Dal 2001, Martha lavora su progetti di carattere multilinguistico, nel settore delle lingue, dell’arte e della comunicazione, arrivando a coinvolgere otto lingue europee. Attualmente sta preparando un progetto interdisciplinare che coinvolge le espressioni lirico-poetica, dell’arte visiva e della musica. Il suo rapporto con la parola scritta si basa su un approccio trans-estetico e sull’impiego versatile delle lingue danese, inglese, spagnola, italiana e francese.

View original post 592 altre parole

STAMPO

Alexandra Bastari

Cerchi nuove forme
per scampare al noto
di certi visi: indugiano troppo
nella croce degli occhi
e si coricano sfacciati
nel rumore fitto delle cose
semplici.

Lo stridio del ferro
duplica la chiave
mai con la stessa limatura.
Fuggi dall’illusione:
ci sono angoli invisibili
in cui si annida ciò
che resta del modello
e avverrà – credo,
in una notte d’estate
la sorpresa della serratura nuova
divenuta inespugnabile
per tanta collisione
di trafugamenti.

(3 aprile 2019)
Giuditta Michelangeli

View original post

PICCOLI MOMENTI D’ESSERE

Alexandra Bastari

Troverò una vecchia donna
davanti allo specchio,
no – non una donna
ma un essere asessuato
ed ermafrodito.

Gli dirò:
– hai trovato il simmetrico
senso? Il gesto finale
in cui converge il perimetro
di una formula eterna?
Mi risponderà: – no,
ma ho lucidato quel paio
di scarpe lasciate alla porta
dopo l’uggiosa tormenta
di giugno,
avevo l’inguine stanco
per tanta corsa.
Erano accanto
all’ombrellino di seta blu
che portava gli occhi
di mia madre
come un serto nuziale
di stelle.

Solo questo ora so.
Ricordo il non nitido,
il momento d’essere
non accessoriato,
l’inutile rivolgersi sempre
allo stesso sole
e sentirlo accecante solo
un’unica vera volta
inaspettata
come un graffio di epifanica
rivelazione sulla pelle.

(08 aprile 2019)
Giuditta Michelangeli

View original post

Le minoranze linguistiche su Telefriuli

friulimultietnico

downloadIeri sera durante la trasmissione “Lo scrigno” di Telefriuli hanno presentato le diversità linguistiche del Friuli:le 3 minoranze linguistiche della regione slovena ,tedesca e friulana.La trasmissione è stata allietata dai cantori dei cori friulani e tedeschi che indossavano il costume tradizionale.Per la minoranza slovena era presente Walter Bandelj della SSO (Svet Slovenskih Organizacijah / Confederazione organizzazioni slovene)ezimba12775296657403

Peccato che alla minoranza slovena è stato dato solo un minuto,meritava una maggior visibilità.In Friuli pochi conoscono la realtà della minoranza slovena,non per vantarmi,ma ne parlo più io nei miei blog e in fb che la Tivù italiana regionale!

Speriamo che le cose cambino…olgited

View original post

Escursionisti “per caso”

ladimoradelpensiero

Come Syusy Blady & Patrizio Roversi in “Turisti per caso” (ci può stare il mio confronto con lei, “pandorosa” ma simpatica, “una tipa”, come direbbe qualsiasi gentiluomo, meno con lui, perché Luca è parecchio avvenente … “Ragazze, per 50 euro, mi prodigo per rimediarvi una cena con lui e spendo parole buone affinché vi valuti come possibili fidanzate! Eh … eh … eh … mandatemi una mail”), io e il mio compagno di “ficcanasaggine” abbiamo deciso di regalarci, quando è possibile, delle “incursioni” in luoghi abbandonati, coinvolgendo altri amici interessati a trascorrere qualche ora all’aperto, in compagnia di pensieri leggeri.
Dopo il Borgo, a me è venuto in mente di fare una sorta di mappatura del sud dell’isola, per avere un’idea di tutte le realtà da visitare, soprattutto quelle venute a morire con la chiusura delle attività minerarie.
La prossima meta dovrebbe essere una piccolissima frazione del comune di Gonnesa…

View original post 79 altre parole

L’alba del tramonto

Poesie d'altre rime

Van Gogh – Road with cypress and star

L’alba del tramonto

Attraversi verdi

campi di grano, distese

di gialle margherite e

di mille papaveri rossi

tra la maestria dei

muri a secco,

ascolti il fruscio del vento

tra le lunghe ombre dei

cipressi e ti piace il

timido sole di primavera

che ti scalda il cuore,

ma il cinguettio variopinto

di un solitario cardellino

mi ricorda che

ormai è sera.

Poesia scritta da Massimo Romano

il 10 Aprile 2019

© copyright 2019
https://poesiedaltrerime.com/
All rights reserved

View original post

Mirko Božić, poesia e prosa del dolore dal cuore della Bosnia

La poesia e lo spirito

Testo introduttivo e traduzione degli estratti di Giovanni Agnoloni

Mirko Božić è un giovane poeta e narratore originario di Mostar, luogo-simbolo della Bosnia-Erzegovina. È emerso inizialmente per i suoi componimenti in versi, ma è stato riconosciuto come una delle voci giovani più interessanti del panorama letterario di lingua croata grazie al suo romanzo Kristalno Zvono (“La campana di vetro”), edito da Fraktura. Su tutta la sua produzione aleggia il tema del dolore e della morte, legato alla tragica eredità di guerra della sua città e al dramma della prematura perdita di sua madre.

View original post 755 altre parole

Paste bio: dalle Marche le nuove tendenze. Interessante confronto a Tipicità Festival

RP Fashion & Glamour News

Riceviamo e pubblichiamo

Enrico MazzaroniResi noti i risultati del primo contest “MarcheinpastaBio”, l’interessante confronto che si è svolto nel corso della 27ª edizione di Tipicità Festival.
Un’ulteriore crescita del 10% nelle vendite, secondo il rapporto della Commissione Europea sull’agricoltura biologica, è la performance dei cibi biologici che continuano incessantemente ad acquisire uno spazio sempre maggiore nelle preferenze dei consumatori.
E le Marche, culla già trent’anni fa delle prime paste biologiche, alimentano questa corsa con una crescita costante delle superfici condotte a biologico.
A Tipicità 2019, uno dei Festival più significativi dello Stivale per la valorizzazione delle identità locali e dei nuovi stili di consumo, si è svolto un concorso che ha voluto evidenziare la crescita qua-litativa e la varietà delle paste biologiche.
Nell’ambito del Salone “Orizzonte Bio” ha avuto luogo il primo contest Marcheinpastabio. Protagoniste le diverse tipologie di paste affidate a chef in…

View original post 264 altre parole

Il suo profumo

TYT

rosa-1838148__340

Se pensi di farti bendare e farti mettere di fronte a 100 uomini o a 100 donne  che devi annusare , pensi di essere in grado di riconoscere il profumo , ovvero l’odore di chi ami ? Io sono sicura che ci riuscirei…perché, con il senso dell’olfatto ,si riescono a percepire olezzi che stimolano ricordi, emozioni, bisogni o necessità, inoltre ognuno si contraddistingue per avere un proprio naturale profumo e..il gioco è fatto: chimica + memoria olfattivi…e il partner è riconosciuto.

Tu, cosa ne pensi?

View original post

Ognuno ha i suoi tempi

TYT

suitcase-1167697__340

La difficoltà per me ,che sono molto attiva, organizzata e dinamica, è aspettare i tempi di tutti quelli o meglio di molti che mi sono intorno….molto rilassati…e bradipi. Ma se non me lo impongo rischio di fare tutto io e questa cosa mi innervosisce e mi frustra ancora di più…anche attendere i tempi degli altri per me è faticoso, ma è l’unico modo per non farmi dare per scontata, per permettere agli altri di crescere in autonomia e dividere quasi equamente i compiti..ma non fa molto parte della mia natura, pratica, veloce e per niente perditempo. Devo imparare a “prendere il mio tempo” , giusto?

View original post

Memoria cellulare

TYT

blood-1813410__340

Senza apparente motivazione, da un gesto o una parola più o meno tranquilla che qualcuno di caro mi fa, ecco che mi scaturisce il mondo…mi innervosisco, rispondo in maniera scontrosa, mi richiudo in me stessa, un dolore interno mi attanaglia…gli altri mi guardano con sguardi interrogativi senza capire il perchè del mio cambiamento improvviso ed io pure. Una spiegazione però c’è e sono riuscita a capirla dopo molto pensare: la memoria cellulare che solo con il tempo (e molto) può svanire (forse)…si attiva in base ai ricordi delle mie esperienze precedenti e mi fa rivivere nel presente traumi o dolori riferiti al passato. E’ come se risvegliasse la paura, la sofferenza vissute senza fare distinzione tra l’adesso e il ieri. Con la consapevolezza, inizio a darmi delle risposte che mi aiutano a diventare una nuova Stefania, più forte e più sicura di me.

View original post

Colori estivi: dal beige all’arancio

Sta arrivando l’estate e, con la bella stagione, anche i colori più caldi! Pantone ha eletto il corallo come colore dell’anno 2019, ma sulle passerelle è stato presente anche il beige, con le sue mille sfumature.

Ad esempio, il look color fondotinta è perfetto per ogni momento della giornata, dalla mattina alla sera. Il beige è il colore di punta delle nuove collezioni di Chanel, Max Mara, Roberto Cavalli, per citarne alcuni. I colori vitaminici, invece, sono protagonisti delle collezioni di Stella McCartney, Ferragamo, Valentino, Fendi e Max Mara.

Che ne dite, ottimo diremmo!

https://www.ansa.it/

View original post

Il ballo dell’ippocampo: dolcissimo antidoto

Le parole sanno di

antidoti allo stress, coccole, ballo, spensieratezza del bello, ippocampo, cavalluccio marinoL’ippocampo è una creatura particolare da molti punti di vista: ne esistono di colori stupendi e trasparenze inaspettate, hanno un’eleganza invidiabile quando si muovono insieme nell’acqua intrecciando le loro code. Sì perché queste creature hanno l’abitudine di ballare assieme e di farsi un sacco di coccole. Non è straordinario?

E poi è il maschio che tiene le uova dopo che sono state espulse dalla femmina, le conserva nel suo “marsupio” finché non si schiudono. I cavallucci marini sono la metafora della condivisione e della collaborazione, anche durante il periodo delicato della maternità: uno scambio continuo di aiuto e un’equa distribuzione dei compiti. La natura sorprende sempre.

Ad un certo punto infatti escono tanti cavallucci trasparenti dalla pancia del papà! Guarda questo video che riprende il parto dell’ippocampo maschio.

Ti confesso che a me piacciono sia il ballo che le coccole e scoprire che questo piccolo animale è…

View original post 284 altre parole

Rivelazioni.

Diario di una psicopatica sentimentale

Per 40 anni ho vissuto nell’assoluta convinzione di essere una persona sensibile, anzi, troppo sensibile. Poi, come spesso accade, poche parole accennate dalla persona giusta, buttano a gambe all’aria le credenze una vita.
Nel mio caso le parole non sono state proprio vaghe, per correttezza le riporto “Ti è mai capitato di avere la sensazione di vivere sotto l’effetto di LSD? Ma cosa le dico a fare a te queste cose che sei sensibile come una mexxa!”.
Tralasciando l’argomento della conversazione e le modalità espressive… cazzo, mi è caduto il mondo addosso, soprattutto perché aveva ragione; così ho pensato: o ne vado a parlare con uno bravo (ma conoscendo la mia capacità di attenzione e di tolleranza verso il prossimo avrei sprecato soldi), oppure vomito tutto su una pagina bianca e lo lancio nel web… ci saranno altri psicopatici sentimentali come me con cui parlare, o sono la sola?!?

View original post

Lei, sovrana non risparmia.

I pensieri di Hamaika

Arriva silenziosa

Raggira furbamente

Estranei così all’improvviso

Tutto tace

Scivola sulla sedia l’ultima speranza

Vana la luce di una candela accesa

Pugnala atrocemente le viscere

Nulla fa più male

Per sempre lontani

Universi infiniti per sempre frapposti tra noi

Rauco il canto di un usignolo orfano

Una primavera stroncata alla nascita

Gelido inverno riveste gli arti

Impietriti, che senso ha ormai tutto?

Un eco sordo invade la gola

Un crostone gigante schiaccia la schiena

Maschere pallide coprono l’animo

Un carnevale di fantasmi

È tutto finito.

Hamaika

View original post

RINTOCCHI DI CAMPANE, di Miriam Maria Santucci

RINTOCCHI DI CAMPANE
di Miriam Maria Santucci

Dalla finestra vedo le montagne
da dove scorgo il sole tramontare,
un nugolo di case e un campanile
che puntuale segna le sue ore.
Sussulto ad ogni tocco di campana
e rimango attonita e smarrita.
Da tempo non frequento più una chiesa
e nessuno chiederà chi mai io sia,
ma i rintocchi per me suoneranno 
nell’ora mesta dell’Ave Maria.

Poesia tratta dalla raccolta “Oltre l’Orizzonte”
© Copyright 2018 – Miriam Maria Santucci
foto di Patrizia Minervini

Music. Vinci il tuo sogno! Ultima tappa, di Lia Tommi

Music. Vinci il tuo Sogno!
Sabato 13 aprile quinta e ultima tappa all’Osteria del Borgo di Borgo San Martino

Music. Vinci il tuo Sogno, la manifestazione canora ideata e organizzata da Giorgio Mengato, Elisabetta Stango e Giorgio Pagnotta, farà tappa sabato 13 aprile in Borgo San Martino, in provincia di Alessandria, all’Osteria del Borgo (Via San Francesco, 2), con inizio alle ore 21.
Quella di sabato è l’ultima selezione del concorso.
La semifinale è in calendario al Circolo La Casetta di Alessandria l’11 maggio mentre la finale, con sede de difinire, è fissata per sabato 8 giugno.
“Music” coinvolge quattro concorsi del territorio perché, come sottolinea Giorgio Mengato, “la musica unisce”: Gazebo Voice, Il Carrozzone Musicale – Una Canzone per te, Il Microfono d’oro e Emozioni con parole e musica
Due saranno le categorie coinvolte: i giovani (dai 14 ai 35 anni) e gli over (oltre 35 anni) che si sottoporranno al giudizio di una giuria qualificata e selezionata, i cui componenti provengono da varie estrazioni e competenze musicali, affinché il giudizio sia sempre espresso con competenza.
Tanti i premi messi in palio in ogni selezione.
Innanzitutto il primo classificato di ogni categoria vedrà aprirsi le porte per l’accesso diretto alla Finale della manifestazione oltre a poter accedere alla finale dei concorsi partner.
Inoltre, sempre i primi classificati, riceveranno un gioiello e un buono sconto di Cinzia Stango Extensions Parrucchiera. I secondi e i terzi classificati per ogni categoria e il Premio della Critica accedono direttamente alla Semifinale di “Music”. Nulla vieta che possano partecipare alle selezioni successive perché in caso di vittoria di tappa accederanno direttamente alla finale.
Il Premio della Critica consiste in uno sconto sulla mensilità per i corsi della Real Music Institute di Asti mentre la rivista RP Fashion & Glamour News mette in palio per un cantante in gara, indistintamente dalla categoria, il “Premio Immagine – Music. Vinci il tuo sogno” consistente in un servizio fotografico con fotografo, direttore artistico ed elaborazione personalizzata delle pose.
Premio speciale quello offerto dall’associazione Riders on the road (un gruppo di motociclisti che si mette in gioco per aiutare chi ha bisogno), riconoscimento che consente al premiato di accedere direttamente alle semifinali del concorso. New entry tra gli sponsor La Nuova Ducale di Valenza che, sposando il progetto di Riders on the road, mette in palio dei buoni sconti e la scuola di ballo Eclisse che, per la finale, assegnerà un trofeo.
Il vincitore della finale otterrà tra i vari premi un inedito, un live in un locale e l’intervista per una rivista nazionale.
Ricordiamo gli sponsor della manifestazione: Baby Boom abbigliamento bimbi Valenza; Cinzia Stango Extensions Acconciature Alessandria; Naturale Armonia benessere estetica Alessandria di Valentina Stango, Real Music Institute Scuola di Musica Asti, Riders on the Road, La Nuova Ducale di Valenza, la scuola di ballo Eclisse di Alessandira e RP Fashion & Glamour News.
.
Informazioni e prenotazioni contattando Giorgio Mengato o Elisabetta Stango sulla pagina Facebook di Music. Vinci il tuo sogno.

A “Deus absconditus” si parla di Martin Scorsese, di Lia Tommi

Alessandria: Cinema in Biblioteca: lunedì 15 aprile Scorsese

Nella quinta e ultima serata in Biblioteca Civica di “Deus absconditus. Rappresentazioni dell’incorporeità nella storia del cinema” lunedì prossimo, 15 aprile alle ore 21, Simone Spoladori parlerà di Martin Scorsese.
La carriera di Scorsese è ormai cinquantennale: il primo dei suoi 25 lungometraggi è infatti del 1967 (“Chi sta bussando alla mia porta”); l’ultimo – “Silence” è del 2016.
Che cosa ha a che fare il cinema di Scorsese con il sacro?
«Quando si è stati allevati a Little Italy, che cosa diventare, se non gangster o prete? Ora, io non potevo essere né l’uno né l’altro», così, in un frammento autobiografico, il regista racconta la tematica essenziale del suo cinema: la violenza che alberga nell’uomo e il suo rapporto con la colpa, il peccato, la grazia e la redenzione.
Le sue più potenti parabole – da “Taxi Driver” (1976; Palma d’oro a Cannes) a “Toro scatenato” (1980; al quarto posto nella classifica dei migliori film americani di sempre), da “L’ultima tentazione di Cristo” (1988) da “Quei bravi ragazzi (1990; Leone d’argento per la regia a Venezia)” a “Casinò” (1995) e molti altri – trattano magistralmente e in modo molto complesso temi religiosi, anche se sovente in modo indiretto.
Ha recentemente dichiarato Scorsese: «Io sono ossessionato dallo spirituale. Sono ossessionato dalla domanda su ciò che siamo. E questo significa guardarci da vicino, guardare il bene e il male di noi. Possiamo nutrire il bene in modo che, a un certo punto futuro nell’evoluzione del genere umano, la violenza, forse, cesserà di esistere? Comunque sia, per il momento, la violenza è qui. È qualcosa che facciamo. Mostrarlo è importante. Così non si fa l’errore di pensare che la violenza sia qualcosa che fanno altri, che fanno “le persone violente”. “Ovviamente io non potrei mai farlo”. E no: invece, in realtà, potresti».
Gli incontri di questo ciclo, a ingresso libero e aperti a tutti, sono validi anche come corso di formazione per insegnanti e avranno validità di credito formativo per gli studenti delle scuole superiori della città.
Simone Spoladori è, oltre che insegnante, critico cinematografico e autore per cinema, radio (suo “Destini incrociati” su Radio24), televisione e teatro.
Ha pubblicato: “Tim Burton. Il gotico delle meraviglie” (2010), e “Paolo Sorrentino. Le conseguenze di un autore” (2014). Ha in preparazione un libro su Christopher Nolan.

Caffè Letterario a Casale Monferrato, di Lia Tommi

Caffè Letterario: mercoledì 17 Maura Maffei

Continuano gli incontri pomeridiani del Caffè Letterario, la rassegna che valorizza l’opera delle scrittrici, romanziere e poetesse che a Casale Monferrato sono nate, risiedono o lavorano. Organizzata dall’Assessorato alle Pari Opportunità e dalla Consulta delle Donne di Casale Monferrato, la rassegna è al suo quarto appuntamento che si terrà mercoledì 17 Aprile alle ore 17,30 presso i locali della Biblioteca Civica Giovanni Canna.
Ospite del pomeriggio sarà la scrittrice Maura Maffei, ligure di nascita ma piemontese d’adozione. L’autrice condurrà gli ascoltatori in un appassionante viaggio sui retroscena del romanzo storico, ossia sulle ricerche che richiede e su come costruirlo, partendo chiaramente dall’esempio dei suoi numerosi romanzi a sfondo storico ambientati prevalentemente nell’Irlanda medioevale.
Specializzata in testi in lingua irlandese, ha collaborato per sette anni con la rivista Keltika firmando oltre 200 articoli monografici sulla storia, la cultura, la letteratura e la musica in Irlanda, Scozia, Cornovaglia, Bretagna e Galizia.
Tra i suoi numerosi romanzi storici ricordiamo la trilogia “Dietro la tenda” ambientata nel Connemara del XVIII secolo. Il primo volume “La fragilità della farfalla” è seguito dal secondo volume “L’ala del corvo” e dal terzo episodio “L’astuzia della volpe”. La poderosa opera è stata scritta con il coautore irlandese di madrelingua gaelica, Rónán Ú. Ó Lorcáin e ha visto l’autrice impegnata per cinque anni.
Introduce e coordina l’Assessore Ornella Caprioglio. Letture a cura di Roberta Caretti e Ilaria Casadei.

Incontro con Fabrizio Priano, candidato alle elezioni regionali, di Lia Tommi

Alessandria: Abbiamo incontrato Fabrizio Priano, candidato alle elezioni regionali nella lista di “Fratelli d’Italia “.

video: https://www.youtube.com/watch?v=W_qj6kzIynY

Priano , tra i fondatori di Forza Italia ad Alessandria, ha poi militato nel PDL, e ora, dopo aver ricoperto un ruolo importante nel CdA della Fondazione CRAL, conclusa la legislatura, torna in campo in politica , spinto dal forte amore per il nostro territorio e la nostra città.

Torna in campo aderendo al progetto di “Fratelli d’Italia”, di cui approva la scelta di Giorgia Meloni di apertura ai conservatori europei, che di fatto configura questa formazione politica come vero partito conservatore italiano.

Gli chiediamo cosa pensa dell’azione dell’attuale governo: ritiene adeguata la politica sull’immigrazione , sulla sicurezza e anche riguardo alla cosiddetta “quota 100” per le pensioni; anzi, avrebbe addirittura realizzato un intervento più incisivo di smantellamento della Legge Fornero. È invece contrario al reddito di cittadinanza, in quanto ai giovani bisognerebbe offrire un lavoro, non assistenza, che andrebbe riservata alle persone anziane o con problemi di salute. Non ritiene assolutamente che si debbano bloccare i lavori del Terzo Valico, ma andrebbero invece potenziate le infrastrutture, che sarebbero di grande aiuto per rinforzare il PIL.

Veniamo ora al Governo della Regione: Priano lamenta il fatto che la Provincia alessandrina non abbia un Assessorato e quindi non sia rappresentata in Giunta, con una ricaduta negativa sul territorio. Trova discutibile un atteggiamento eccessivamente “Torinocentrico “, che crea situazioni di sofferenza nel resto della Regione.

Alla domanda di rito: ” Perché gli elettori dovrebbero votarla?” , risponde che Alessandria dovrebbe contare di più, creando una maggiore attenzione soprattutto nei settori della cultura e del turismo, che da soli sarebbero già una grossa opportunità di sviluppo, avendo zone riconosciute come patrimonio Unesco.

Questo anche per quanto riguarda l’Amministrazione comunale, che, pur facendo intravvedere qualche progresso, deve investire uno sforzo maggiore per potenziare la cultura, con una struttura museale più efficiente e soprattutto colmando la mancanza di un teatro. Tutto questo renderebbe anche in termini economici.

Ringraziamo Fabrizio Priano per la cortese disponibilità e la puntualità delle sue risposte.

Discorso del Questore di Alessandria alla Festa della Polizia di Stato

Discorso del Questore di Alessandria alla Festa della Polizia di Stato

Sicurezza assoluta e vita tranquilla sono sempre desiderate, ma mai raggiunte né raggiungibili se non attraverso una lotta di tutti i giorni, una fatica sempre rinnovata” (Luigi Einaudi)

26-01-2015 BELLUNO NUOVO QUESTORE DI BELLUNO MICHELE MORELLI

(Comandante, dia pure il riposo)

Oggi ricorre il 167^ anniversario della Polizia di Stato, Istituzione tra le più apprezzate della nostra Italia, che con orgoglio rappresento nella provincia alessandrina. Ma lungi da me  tramutare questo momento in apologia di se’ stessi, un errore che ognuno di noi poliziotti deve evitare, essendo ognuno di noi non la Polizia, bensì “parte” della Polizia.

E’ la Polizia, e non l’individualismo, a costituire il nostro eadem sentire e al concetto, non ai soggetti, dobbiamo ricondurre il nostro modo d’agire. Ora, poiché la forza della nostra Amministrazione è – tra le altre – il  sapersi proiettare nell’innovazione rimanendo sui solchi della tradizione, è del pari da rifiutare il refrain per il quale la Polizia di Stato è solo quella “di una volta”, o che lo sia oggi solo un settore per quanto importante. Sono retaggi nostalgici  ed antistorici, che non hanno ragione d’essere.

La Polizia di Stato era ed è, e comprende chi ne ha fatto parte, chi ne fa parte e chi si approccia a farne parte, come gli Allievi Agenti del 204^ Corso di formazione che, in rappresentanza, sono qui tra noi. A loro, che sono il nostro futuro, come ai neo Sovrintendenti, chiedo di riflettere sui concetti testé esposti, sicuro di trovarne terreno fertile. A tutti i presenti, chiedo di condividere un pensiero, commosso e sentito, nei riguardi di coloro che hanno sacrificato la propria vita per il bene comune primario della collettività al pari della libertà, ossia la Sicurezza. Sacrificio e fatica, parafrasando la frase d’apertura di Luigi Einaudi, hanno percorso i 167 anni della storia della Polizia di Stato, e sacrificio e fatica non hanno rumore: ad essi va portato rispetto, col silenzio… Continua a leggere “Discorso del Questore di Alessandria alla Festa della Polizia di Stato”

Tutto il personale della Polizia di Stato unito nelle celebrazioni del 167^ anno dalla data della fondazione, nel motto: “Esserci Sempre”!

Tutto il personale della Polizia di Stato unito nelle celebrazioni del 167^ anno dalla data della fondazione, nel motto: “Esserci Sempre”!

Questura di Alessandria: Nella mattinata di lunedì 10 aprile, presso il Teatro Comunale di Casale Monferrato ha avuto luogo la cerimonia del 167^ Anniversario della Fondazione della Polizia di Stato (10 aprile 1981, data di pubblicazione della L. n. 121), il cui tema celebrativo è stato anche quest’anno, “Esserci Sempre”.

La prima parte della cerimonia ha avuto luogo, a partire dalle ore 09.45,  all’interno del cortile della Caserma “Franzini” sede della Questura, ove sono stati resi gli onori ai caduti della Polizia di Stato mediante la deposizione, da parte del Questore, di una corona d’alloro al monumento loro dedicato. Alla deposizione, erano presenti il Prefetto di Alessandria, i responsabili degli uffici, rappresentanze del personale nonché il Presidente dell’A.N.P.S. unitamente ad una rappresentanza della Sezione con Bandiera o Labaro.

questura-polizia copia

Il momento commemorativo, è stato celebrato dal Cappellano della Polizia di Stato, Don Augusto Piccoli che si è soffermato con i presenti per una breve meditazione spirituale.

Alle successive ore 11.00 la manifestazione, alla quale hanno preso parte le Autorità Istituzionali e religiose  della provincia, fra cui il Prefetto, il Sindaco, il Vescovo, il Presidente del Tribunale, il Procuratore della Repubblica ed i Comandanti Provinciali dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, della Polizia Penitenziaria, del Corpo Forestale e dei Vigili del Fuoco, è proseguita presso il Teatro Comunale di Casale Monferrato.

Quest’anno alla manifestazione erano presenti anche gli alunni dell’Istituto Superiore Cesare Balbo di Casale Monferrato.

Per sottolineare la continuità degli ideali di sacrificio e di abnegazione degli appartenenti alla Polizia di Stato alla cerimonia sono stati, altresì, invitati,  i familiari delle Vittime del Dovere Continua a leggere “Tutto il personale della Polizia di Stato unito nelle celebrazioni del 167^ anno dalla data della fondazione, nel motto: “Esserci Sempre”!”

Europa, quale futuro per la “casa” comune? La leader Cisl Annamaria Furlan interviene al dibattito organizzato ad Alessandria

Europa, quale futuro per la “casa” comune? La leader Cisl Annamaria Furlan interviene al dibattito organizzato ad Alessandria

“La costruzione di questa casa va completata, aggiungendo al pilastro economico anche il pilastro politico e soprattutto sociale. Da qui, oggi, vogliamo rilanciare questo messaggio, altrimenti corriamo il rischio che il sistema si inceppi ed entri in crisi”.

Furlan convegno Europa Cisl Alessandriaconvegno europa cisl ad alessandriaconvegno europa Cisl al

Così Marco Ciani, Segretario generale Cisl Alessandria-Asti, aprendo l’iniziativa del 9 aprile “(Ri)costruire la casa comune. Per l’Europa delle persone e del lavoro” promossa dalla Cisl Alessandria-Asti e Piemonte presso l’Associazione Cultura e Sviluppo di Alessandria, un dibattito a più voci che ha visto l’intervento di Annamaria Furlan, leader Cisl.

sala platea convegno europa cisl al.jpg

L’iniziativa nasce come stimolo alla riflessione e al dibattito incentrato sul futuro politico, economico e sociale dell’Unione alla vigilia delle elezioni per il rinnovo del Parlamento europeo, in un momento complicato per la nostra casa comune indebolita da attacchi populisti, derive sovraniste e mancate riforme che ostacolano il completamento del progetto europeo, insieme alla costruzione di un’unione politica che possa dare impulso al dialogo sociale ed allo sviluppo. “Il percorso fatto fino ad oggi ha portato ad un evidente allontanamento delle cittadine e dei cittadini dal progetto europeo come comunità di Paesi e popoli che hanno una storia, una strada ed un traguardo comune. Serve un atto di coraggio: questa “casa” non va abbattuta ma completata, rimettendo al centro la persona ed il lavoro come sinonimo di dignità e creatività”, aggiunge Ciani. Continua a leggere “Europa, quale futuro per la “casa” comune? La leader Cisl Annamaria Furlan interviene al dibattito organizzato ad Alessandria”

M5S. Novi Ligure: “SINDROME DA INAUGURAZIONE COMPULSIVA”

M5S. Novi Ligure: “SINDROME DA INAUGURAZIONE COMPULSIVA”

“Caro Novese, hai ristrutturato casa? Vuoi inaugurare le piastrelle nuove e tanto desiderate??? Chiama Rocchino, che inforcando la sua fascia tricolore, ti inaugura pure le porte nuove!”.

m5s.jpg

A parte gli scherzi, Novi in periodo elettorale sembra pervasa da una sindrome compulsiva da inaugurazione, per certi versi abbastanza ridicola e grottesca.

Il “Teatro Marenco” inaugurato di gran carriera prima della tornata elettorale dove però, anche a cercarle col lanternino, mancano sia le poltrone che la scena. E qui la domanda nasce spontanea “Ma un teatro come fa ad assolvere alle sue funzioni se è monco di parti fondamentali?”

Un’inaugurazione che si rispetti di un cotanto gioiello cittadino, presuppone una “Prima” di un certo livello, invitando magari una compagnia teatrale del luogo, il “Ballo Excelsior” e chi ne ha più ne metta.

Ci hanno detto che la stagione teatrale avrà inizio a settembre, difficile, diciamo noi, visto quello che manca.

Passiamo poi al “campo in sintetico” inaugurato a dicembre in una giornata nevosa, dove tutt’oggi mancano sia le luci che gli spogliatoi Continua a leggere “M5S. Novi Ligure: “SINDROME DA INAUGURAZIONE COMPULSIVA””

Ultime news dai Carabinieri di Tortona e Acqui Terme

Ultime news dai Carabinieri di Tortona e Acqui Terme

Carabinieri ok

Compagnia Carabinieri di Tortona:

Volpedo.

Il 10 aprile, i Carabinieri della Stazione di Volpedo hanno denunciato in stato di libertà B.L.M., pensionato 74enne di Pozzol Groppo, responsabile di avere omesso la denuncia dell’asserito smarrimento di un fucile calibro 22.

Compagnia Carabinieri di Acqui Terme:

Acqui Terme.

I Carabinieri della Stazione di Acqui Terme hanno deferito in stato di libertà due cittadini della provincia di Salerno con l’accusa di truffa.

L’attività ha avuto inizio da una querela sporta da un cittadino dell’alessandrino che lamentava di avere aderito all’offerta di vendita di diverse monete da 500 lire poste su un noto sito internet di e-commerce. Continua a leggere “Ultime news dai Carabinieri di Tortona e Acqui Terme”

Premio “Vivaio Eternot”: si scelgono i vincitori

Premio “Vivaio Eternot”: si scelgono i vincitori

Casale Monferrato: Domani, giovedì 11 aprile, il comitato organizzatore del Premio Vivaio Eternot si riunirà per valutare e scegliere i vincitori della terza edizione del riconoscimento destinato a un massimo di dieci tra Enti, Amministrazioni o singoli cittadini che si siano distinti per l’impegno profuso nella cura, la ricerca, la diffusione dell’informazione, in importanti e significative azioni di bonifica, nelle battaglie sociali e legali legate ai danni causati dall’amianto.

Premio Eternot cerimonia 2018.jpg

A loro sarà consegnata una pianta di Davidia prodotta all’interno del Vivaio Eternot, monumento vivo del Parco Eternot. L’assegnazione del premio si inserisce all’interno del più ampio progetto “Arte Pubblica per il Parco Eternot” che ha visto la realizzazione del monumento a cura dell’artista Gea Casolaro: un vivaio di Davidia Involucrata, anche detta “albero dei fazzoletti”. Le davidie del Vivaio Eternot sono un omaggio alla lotta che il territorio casalese ha realizzato negli anni e che continuerà a portare avanti in tema di amianto. Dove sorgeva lo stabilimento Eternit oggi c’è il Parco Eternot e dal suo vivaio nascono piantine pronte “a volare lontano per sviluppare profonde radici di giustizia” come un vero e proprio “Oscar” della lotta all’amianto. Continua a leggere “Premio “Vivaio Eternot”: si scelgono i vincitori”

“167^anniversario dalla Fondazione della Polizia di Stato”

“167^anniversario dalla Fondazione della Polizia di Stato”

Questura di Alessandria: La Polizia di Stato celebra domani il 167° anniversario dalla fondazione, alla presenza delle più alte cariche dello Stato.

questura-polizia copia

Sarà la splendida “Terrazza del Pincio”, a Roma, ad ospitare l’evento, che si svolge il 10 aprile, data di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della Legge n. 121 del 1981 che ha delineato l’organizzazione ed i compiti della Polizia di Stato.

#Essercisempre, il popolare hashtag della Polizia di Stato, ben identifica lo scopo dell’iniziativa: condividere la ricorrenza con i cittadini, ai quali è rivolto l’operato quotidiano delle donne e degli uomini della Polizia di Stato.

Durante la cerimonia verranno consegnate le onorificenze e le ricompense ai poliziotti caduti in servizio, a quelli che hanno portato a termine importanti attività operative, nonché agli sportivi olimpici del Gruppo Fiamme Oro che hanno conseguito importanti risultati sportivi nel corso dell’anno. Continua a leggere ““167^anniversario dalla Fondazione della Polizia di Stato””

Carabinieri: Arresto di un pregiudicato per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale, danneggiamento aggravato e ubriachezza.

Carabinieri: Arresto di un pregiudicato per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale, danneggiamento aggravato e ubriachezza

Carabinieri di Tortona: Ieri pomeriggio, verso le 15:00, i Carabinieri di Viguzzolo venivano inviati presso il supermercato CARREFOUR di via Postumia a Tortona, dove un uomo in preda ad un forte stato di agitazione minacciava e spaventava con il proprio comportamento aggressivo gli avventori ed il personale preposto alla sicurezza che cercava invano di calmarlo.

Carabinieri Alessandria (2)

All’arrivo dei Carabinieri, l’esagitato si scagliava anche contro di loro, minacciandoli e ingiuriandoli, opponendosi strenuamente, sferrando loro a più riprese calci e pugni, all’azione di contenimento tentata dai militari, che l’uomo cercava persino di mordere.

Nella circostanza, sferrava calci anche all’auto di servizio, danneggiandone una fiancata. Alfine bloccato e condotto in Caserma, l’uomo continuava a manifestare uno stato di agitazione tale che, ancorché fosse verosimilmente in preda ai fumi dell’alcool, i militari ritenevano opportuno richiedere l’intervento di personale sanitario per verificarne le condizioni psicofisiche.

Nel frattempo, TULIPANO Salvatore, 44enne di Sale, pluripregiudicato e già colpito dalla misura di prevenzione dell’avviso orale, veniva tratto in arresto per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale, danneggiamento aggravato e ubriachezza. Successivamente,  il personale del 118 provvedeva a trasportarlo presso l’ospedale di Alessandria ove veniva ricoverato in stato di sedazione, a causa del suo forte e manifesto  stato di  aggressività. Piantonato dai Carabinieri, una volta rimessosi verrà condotto dinanzi all’Autorità Giudiziaria per essere processato con rito direttissimo.

Ten. Col. Giuseppe Di Fonzo

Comandante Reparto Operativo Alessandria

Province ed enti locali, Berutti Forza Italia: “Il Governo recepisca le indicazioni dell’opposizione e agisca con incisività”

Province ed enti locali, Berutti Forza Italia: “Il Governo recepisca le indicazioni dell’opposizione e agisca con incisività”

Roma, 10 aprile 2019 – Il “proroga termini” del luglio 2018 prevedeva l’istituzione presso la Conferenza Stato-città ed autonomie locali di un tavolo tecnico-politico per la redazione di linee guida finalizzate all’avvio di un percorso di revisione organica della disciplina in materia di ordinamento delle Province e delle Città metropolitane, al superamento dell’obbligo di gestione associata delle funzioni e alla semplificazione degli oneri amministrativi e contabili a carico dei comuni, soprattutto di piccole dimensioni.

massmo-berutti-1

A otto mesi dalla sua definizione, la disposizione, inserita anche grazie alle esortazioni dell’opposizione, meritava una verifica in relazione alla sua implementazione. Per questa ragione, il senatore di Forza Italia Massimo Berutti ha interrogato il Governo in modo da conoscere lo stato dell’arte sugli interventi.

“Dopo le sollecitazioni dell’opposizione, su Province ed enti locali il Governo ha iniziato a lavorarci in modo apprezzabile – commenta in una nota il senatore Berutti. Prendo atto del fatto che come sosteniamo da sempre, finalmente, si vorrebbe mettere fine a una delle riforme obiettivamente più anomale della storia della Repubblica, la cosiddetta riforma Delrio. Continua a leggere “Province ed enti locali, Berutti Forza Italia: “Il Governo recepisca le indicazioni dell’opposizione e agisca con incisività””

Mostra TAVOLE A TAVOLA, marzo – aprile 2019

Mostra TAVOLE A TAVOLA marzo – aprile 2019

Le prime iniziative nel calendario 2019

reportage eventi TAVOLE A TAVOLA marzo 2019

Con gli eventi conviviali svolti nella “cornice” della mostra, sabato 30 marzo al Castello di Frassinello Monferrato (Alessandria) e domenica 31 marzo al Castello Bolognini di Sant’Angelo Lodigiano (Lodi) è cominciata l’edizione 2019 del ciclo di esposizioni della collezione di illustrazioni dell’artista Cecilia Prete per le ricette raccolte dal gastronomo Luigi Bruni nella collana PIATTI ALESSANDRINI e di iniziative TAVOLE A TAVOLA, il cui itinerario culturale delineato sul tema CUCINA TERRITORIALE E LESSICO DIALETTALE è svolto all’insegna dell’ANNO INTERNAZIONALE DELLE LINGUE INDIGENE.

A - Castello di Frassinello - 30 MARZO 2019 - Annita Dellavalle.jpg

Ad animare entrambe le giornate sono stati i contenuti programmatici delle iniziative, per il cui svolgimento è stato profuso impegno dai tanti organizzatori, promotori, sostenitori e dai molti partecipanti, ciascuno generoso apportatore di molteplici preziosi contributi: libri e materiali documentali, prodotti eno-gastronomici e, soprattutto, conoscenze delle tradizioni di agricoltura, cucina e convivialità e della storia e dei dialetti che formano il patrimonio di eredità culturali dei territori alessandrini e lodigiani.

B - Castello Bolognini - 31 MARZO 2019 - Luigi Degano e Cecilia Prete.jpg

Conoscenze che nelle occasioni sono state condivise tra tutti i presenti, anche per conservarne e così trasmetterne ad altri il ricordo e tramandarne la memoria alle future generazioni..Allo scopo, con i patrocini di PROVINCIA DI ALESSANDRIA, di ALEXALA e di CONFAGRICOLTURA ALESSANDRIA e grazie ai contributi di SANBER di Casale Monferrato e SPALLA ORTOFRUTTICOLI di Borgo San Martino e alla collaborazione di azienda vinicola CASALONE di Lu Monferrato, caseificio VALLENOSTRA di Mongiardino Ligure, produttori del Pane Grosso di Tortona realizzato al 100% con farina di grano tenero varietà tradizionale San Pastore della Filiera Corta Nazionale Integrata CONAP,salumificio MIGLIETTA di Serralunga di Crea, gastronomia MANGÈ di Casale Monferrato e CENTRALE DEL LATTE DI ALESSANDRIA E ASTI, nelle duegiornatedi eventi conviviali il team TAVOLE A TAVOLA ha imbandito la tradizionale merenda sinoira. Continua a leggere “Mostra TAVOLE A TAVOLA, marzo – aprile 2019”

Avventura Gero e Muffa, di Nico Priano

Avventura Gero e Muffa, di Nico Priano

L’avventura di Gero e Muffa è un romanzo ambientato nella Comune hippie di Ovada-Monte Colma. Siamo nel 1971, in piena estate e Gero e Muffa sono  due adolescenti milanesi che all’insaputa dei genitori decidono di trascorrere una vacanza in quella che allora era la Comune hippie più grande del nostro Paese.

Nico Priano.jpg

Saranno giorni di scoperte di sogni e disillusioni. Con la musica di quel periodo in sottofondo. L’avventura di Gero e Muffa è il racconto di un’utopia, tra fatti di Cronaca e fenomeni di costume.

51ukAB+8WJL._SX355_BO1,204,203,200_.jpg

E’ un viaggio nel tempo, al confine tra Liguria e Piemonte tra civiltà contadina e modernismo. La prefazione è firmata da Gianpiero Alloisio e Simonetta Cerrini.

Nico Priano classe 1966, vive a Ovada ma lavora in un’azienda  genovese.

Ha scritto tre noir ambientati nell’ovadese: Come latte sul fuoco – La seconda mano- La canzone del maresciallo. Il protagonista è un maresciallo dei carabinieri omonimo dell’autore.

foto libro: https://www.amazon.it

Le pietre raccontano: il Parco Archeologico di Segesta, di Donatella Pezzino

Il Parco Archeologico di Segesta sorge sul Monte Barbaro, una suggestiva zona collinare a nord-ovest di Calatafimi, in provincia di Trapani. Il paesaggio, che alterna alture, gole e vallate, si distingue per la straordinaria bellezza della sua natura incontaminata e per gli imponenti resti dell’antica città, fra i quali spiccano il teatro greco e il grande tempio dorico.

La città fu fondata dagli Elimi, gruppo indigeno del quale Tucidide segnala l’origine troiana. Sembra infatti che questo popolo sia la risultante della fusione tra i profughi scampati alla distruzione di Troia, alcuni emigrati focesi provenienti dal Mediterraneo orientale e la locale etnia sicana. Non si conosce con esattezza la data di fondazione, ma i reperti portano ad ipotizzare che il sito fosse già abitato nel IX secolo a.C.

La storia più antica di Segesta è strettamente legata a quella della vicina Selinunte. Le due comunità, infatti, rivaleggiarono costantemente per questioni di confine e a causa delle mire espansionistiche dei selinuntini verso l’entroterra. Il conflitto entrò nella sua fase più critica nel V secolo a C.,  quando le due città, nel tentativo di sopraffarsi l’un l’altra, cercarono potenti alleati nei greci, nei siracusani e nei cartaginesi. La lunga stagione di guerre che ne scaturì portò alla sconfitta e alla distruzione di Segesta da parte del tiranno di Siracusa Agatocle, che ne cambiò il nome in Diceopoli (307 a.C.). Successivamente, la città riuscì a risollevarsi e riprese il suo vecchio nome. Continua a leggere “Le pietre raccontano: il Parco Archeologico di Segesta, di Donatella Pezzino”

Momenti di poesia. DETACHMENT., di Giuliano Saba

Momenti di poesia. DETACHMENT., di Giuliano Saba

DETACHMENT.
( Distacco).

Mi specchiai profondamente
nel mare delle tue tristezze,
dei tuoi dubbi e dei tuoi perchè.
La morsa che ne segui
mi spezzò il cuore.
Il tuo scoglio, impotente
ti rigettava nelle tempeste della quotidianità.
Togliendoti sorrisi, carezze, spazi e gioie.
Stavi pagando a caro prezzo
quel briciolo di felicità
che un’onda anomala ti aveva portato.
La luna pianse in silenzio
dietro a quei cipressi immobili
che t’avevano vista felice per un attimo.
Le braccia della realtà
ti coprirono con il mantello della nostalgia
e in rispettoso silenzio
te ne andasti via……..
Portando con te il mio ” Tutto”….
e il nostro tempo scaduto.
)( Giuliano Saba)( PortoTorres 2000..

Momenti di poesia. Re Jack (dedicata a Jay, Patrizia e Vincenzo) di Dario Menicucci

Momenti di poesia. Re Jack (dedicata a Jay, Patrizia e Vincenzo) di Dario Menicucci

56468199_736725073390610_7462068384704757760_n.jpg

Re Jack (dedicata a Jay, Patrizia e Vincenzo)

Nel velato brusio
di questa campagna
affonda il mio pensiero
e in uno scalpiccio
di passi in lontananza
ritrovo i tuoi
gioiosi e spensierati
di fronte a casa.

Ritorna forte
spesso il tuo ricordo
quando alla porta
scodinzolavi allegro
spingendo forte
per entrare prima
e poi aspettare
mille o più carezze.

Se chiudo gli occhi
rivedo il tuo profilo
sul tuo piumone
accanto alla poltrona
quando d’inverno
durante il temporale
tremando ai fulmini
cercavi le mie mani.
Continua a leggere “Momenti di poesia. Re Jack (dedicata a Jay, Patrizia e Vincenzo) di Dario Menicucci”

Luci ed ombre nell’uso dei Social Network e delle nuove tecnologie, di Lia Tommi

Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava

Così come ricordiamo il Novecento come il secolo della motorizzazione di massa, si ricorderà il nostro secolo come quello della comunicazione orizzontale di massa: si contano nel mondo a miliardi i telefoni cellulari di vario tipo e a decine di miliardi i collegamenti quotidiani. Telefonini, internet, social network vengono a costruire una nuova realtà sociale, tanta è la quantità di implicazioni che essi hanno in ambito psicologico, neurologico, pedagogico, commerciale, economico, politico. Ma accanto alle straordinarie opportunità che essi offrono, presentano anche più di un motivo di preoccupazione: produzione di nuove forme di dipendenza, effetti distorsivi nello sviluppo mentale dei più giovani, relazioni interpersonali illusorie nel mondo della realtà virtuale, creazioni di fake news e loro diffusione “virale” sui social, sfruttamento a fini commerciali e politici dei nostri accessi ad internet, nuove forme di persuasione occulta.

Nel prossimo appuntamento dei Giovedì culturali, organizzato in collaborazione con il Progetto Genitori, avremo…

View original post 166 altre parole

Lecce vista da Vittorio Bodini. Momenti di poesia

lecce2VITTORIO BODINI
* Lecce *
Biancamente dorato
è il cielo dove
sui cornicioni corrono
angeli dalle dolci mammelle,
guerrieri saraceni e asini dotti
con le ricche gorgiere.
Un frenetico gioco
dell’anima che ha paura
del tempo,
moltiplica figure,
si difende
da un cielo troppo chiaro.
Un’aria d’oro
mite e senza fretta
s’intrattiene in quel regno
d’ingranaggi inservibili fra cui
il seme della noia
schiude i suoi fiori arcignamente arguti
e come per scommessa
un carnevale di pietra
simula in mille guise l’infinito

Momenti di poesia. TU, di Donatella Barbieri

Momenti di poesia. TU, di Donatella Barbieri

56476784_351066755755444_7317672623595323392_n.jpg

TU

Vederti, sentirti
riempie i miei
sogni.
Scuoti la mia
fantasia, mi
regali la
Primavera e
l’estate
regalandomi
il tuo folle amore.
Tu….. uomo
stai saccheggiando
il mio cuore e
guardando dentro
la mia anima.
Ci hai letto tutto
l’amore che
provo per te.
E una melodia
del cuore e
delirio eterno.
Solo tu….
Potevi farmi
un dono così
grande!!

@ Barbieri Donatella
9.04.2019

“Note di viaggio” di Ermanno Librasi, Daniel Kolle e Laura Zahira: un progetto fiabesco diventato spettacolo da togliere il fiato

” Gli scienziati dicono che siamo fatti di atomi, ma un albero mi ha sussurrato che siamo fatti di sogni, un’onda mi ha detto che siamo fatti di viaggi, un bambino che gioca con le fate mi ha raccontato che siamo fatti di meraviglia”.
(cit. Fabrizio Caramagna)

Siamo fatti di viaggi e sogni fiabeschi, di fragranze speziate e magia dei Paesi lontani, dove le donne velate con le loro danze sensuali dipingono davanti ai nostri occhi immagini surreali di sorprendente bellezza e raffinatezza. Sicuramente da un grande incanto è nata una coraggiosa e preziosa idea artistica dal nome “Sharg Uldusù” che: ” … propone progetti che hanno in comune l’amore per le musiche del vicino e medio Oriente con le possibili collaborazioni che ne possono derivare”. Un progetto che “… abbraccia una vasta area geografica che parte dall’ agorà Mediterraneo, il Mare Nostrum, ricco di storia e culture che abbiamo condiviso per secoli e che oggi ci appaiono così lontane. Uno sguardo rigorosamente laico che abbraccia l’arte e la bellezza, condividendo valori estetici di un mondo che si vorrebbe migliore (…)” cit. Ermanno Librasi, fonte originale http://www.sharguldusu.it/

Proprio all’interno dell’appena menzionato “Sharg Uldusù” è nato un incantevole spettacolo dal titolo “Note di viaggio”: un incontro magico di tre personaggi di estrema sensibilità e attitudine artistica, di tre straordinari professionisti del settore uniti dalla stessa passione e voglia di far conoscere attraverso un linguaggio musicale, canoro e del corpo le antiche e moderne culture del Mediterraneo, un connubio sublime di tre grandi personalità artistiche come Ermanno Librasi, Daniel Kolle e Laura Zahira. Nessuno può rimanere indifferente alla loro travolgente arte che racconta con estrema spiritualità e carisma il pellegrinaggio dell’umanità intera dall’Oriente all’Occidente, la storia e la ricchezza culturale di popoli lontani ma, allo stesso tempo, così vicini al Mare Nostrum.

Lo spettacolo “Note di viaggio”, con la sua prima ufficiale durante il programma “Verseggiando sotto gli astri di… Fagnano Olona” organizzato nell’ambito della rassegna “Percorsi Culturali”, ha lasciato tutto il pubblico senza fiato, con i cuori battenti all’impazzata e con gli occhi lucidi e stregati da cotanta bellezza.

La visione di “Note di viaggio” è un’emozione unica e imperdibile, consigliata a Tutti!

Izabella Teresa Kostka, Milano 2019

ERMANNO LIBRASI – Metal & Bass Clarinet, S. Sax, Balaban (Duduk Azerbaijan), Furulya (Flauto balcanico), Zurna (Oboe turco), EWI, Elettronica

Clarinettista di formazione classica, insegnante di Educazione musicale e organizzatore di eventi culturali e lezioni/concerto presso diversi istituti.
Si dedica successivamente allo studio della musica jazz e del saxofono esibendosi con numerosi gruppi e dirigendo la Saint Gregory Jazz Band, formazione di 21 elementi dedita allo swing.
Nei primi anni ’90 segue la svolta etnica intrapresa da molti artisti che praticano l’improvvisazione come possibile linguaggio di incontro tra culture musicali diverse. Collabora con parecchi gruppi multietnici dedicandosi allo studio di strumenti musicali appartenenti alle tradizioni araba, turca e persiana come Duduk, Zurna, Kaval, e Baglama. Compone e arrangia il repertorio del gruppo Armonia Mundi sui cd “ Cigana “ ed. Aria – 1998 e “Baladi “ ed. Mingus – 1999.
Insieme al musicista di Teheran Darioush Madani fonda l’Ensemble Karevan che, tra l’altro, accompagnerà lo scrittore Younis Tawfik nelle presentazioni del suo libro “ La Straniera “ ed. Bompiani.
Si esibisce col gruppo tedesco Embryo col quale registra una suite che vede la partecipazione del virtuoso cinese di erh-hu Xizhi Nie.
Con Zakaria Aouna, percussionista di Rabat, crea Sahara Karevan che propone musica arabo-andalusa con danza del ventre.
Nel 2002 conosce Fakhraddin Gafarov, virtuoso di Tar azero e già direttore del Conservatorio Nazionale di Baku, capitale dell’Azerbaijan. Da questo incontro nasce l’Ensemble Sharg Uldusù (Stella d’Oriente) che propone una accurata selezione di melodie del vicino e medio oriente in numerosi concerti sia in Italia che all’estero e registra i CD “Sarevan “ ed. Nuvole in Viaggio – 2004, “ Sahara Karevan “ ed. SK – 2005 e “ Ghel Ghel “ ed. SK-2008.
Il 2012 è l’anno dell’incontro con l’armonicista jazz Max De Aloe che invita l’Ensemble Sharg Uldusù al decimo Gallarate Jazz Festival.
Nasce così una proficua collaborazione che porterà alla fondazione di Sharg Uldusù 4Tet con il virtuoso di Oud Elias Nardi e il poliedrico percussionista Francesco D’Auria.

Ermanno Librasi, foto: Umberto Barbera

DANIEL KOLLE – voce e percussioni.

Nato a Douala in Camerun nel ‘69, Daniel Kollè è figlio di un pastore protestante e titolare di un diploma in filosofia e lettere. Fa le sue prime apparizioni musicali in Italia nel ‘96, collaborando con vari gruppi e associazioni di tendenze afro, etnico e tribali.
Dall’esperienza maturata nei cori delle zone centrali dell’Africa, si esibisce inizialmente come corista vocalista. Ben presto però arricchisce il suo messaggio musicale esibendosi contemporaneamente come vocalista-percussionista accompagnatore.
Nello stesso periodo approfondisce le sue conoscenze partecipando a vari corsi e seminari in prestigiosi istituti milanesi, come il C.P.M. (Centro Professione Musica) e la Civica Scuola Jazz affiancando personaggi come Giorgio PALOMBINO e Toni ARCO.
Quello di Daniel è un percorso acustico che vanta molte tappe, dalle collaborazioni con diversi ensemble musicali, alla costituzione della Bantu Band, gruppo con il quale ha partecipato a innumerevoli manifestazioni canore e Festival in tutta Italia, in Europa e in Sud America. Tra queste,una tappa di rilievo è stata il Festival in memoria di Lucio Battisti a Poggio Bustone (città natale del cantautore italiano) nel 2001, dove ha emozionato la platea con una versione afro del brano “Canto Libero“; ma anche il Tour europeo e quello brasiliano con il coro Cantosospeso, la cantante americana Liz Mc Comb, Mouna Mari della Tunisia, Angelique Kidjo del Benin, Sandro Cerino, Mauro Pagani e Luca Dell’Anna (Italia); Rubens de la Corte e Davi Vieira (Brasile), Kolon Kandya (Burkina Faso); Lazare Ohandja (Camerun); Mercan Dede (Turchia); Ermanno Librasi (Medio Oriente). Tutte situazioni nell’ambito delle contaminazioni world music. Tra i riconoscimenti ricevuti vi è il primo posto conquistato all’Extra Festival di Radio Popolare nel 2004 con i likembe, per la rivisitazione all’africana del celebre pezzo “Lo shampoo” di Giorgio Gaber.
Dal ’96 ad oggi, musicista docente, impegnato in educazione alla mondialità ed inter-culturalità in varie scuole, palestre e biblioteche sul territorio nazionale. Continua a leggere ““Note di viaggio” di Ermanno Librasi, Daniel Kolle e Laura Zahira: un progetto fiabesco diventato spettacolo da togliere il fiato”

Mobilità delle persone, dopo quella delle merci. Nasce la Commissione di Slala, intanto arrivano nuove adesioni alla Fondazione alessandrina, mentre sullo scalo ferroviario…

Mobilità delle persone, dopo quella delle merci. Nasce la Commissione di Slala, intanto arrivano nuove adesioni alla Fondazione alessandrina, mentre sullo scalo ferroviario…

di Enrico Sozzetti  https://160caratteri.wordpress.com

Alessandria: La Fondazione Slala (Sistema logistico del nord ovest d’Italia) di Alessandria allarga il campo d’azione, come aveva annunciato qualche tempo fa il presidente Cesare Rossini, e istituisce la Commissione Mobilità che si dovrà occupare di quella delle persone. «Questa è l’altra mission che ci è stata affidata e l’istituzione della Commissione – spiega Rossini – è stata suggerita dalla Prefettura di Alessandria per dare una cornice istituzionale all’attività di coordinamento delle iniziative che si occupano della mobilità delle persone».

unnamed

Una precisa indicazione in questa direzione era arrivata dal Comune di Alessandria, mentre sempre il capoluogo ha visto nascere il progetto #inunorasolativorrei per il potenziamento dei collegamenti ferroviari tra Alessandria e Milano che si è concretizzato in una consultazione popolare che si è conclusa con la raccolta di oltre 30.000 firme.

Per affrontare la complessa questione della mobilità delle persone, la Fondazione Slala ha così deciso di costituire una Commissione che ha il compito di concretizzare nell’arco di pochi mesi una serie di analisi e proposte da portare ai tavoli istituzionali.

Alla presidenza è stato indicato Alessandro Traverso, mentre i componenti sono Giovanni Currado, Vittorio Alberto Ferrari, Vittorio Gatti, Francesco Mariani, Angelo Marinoni, Luciano Pasquale, Federico Riboldi, Paolo Maria Ronchetti, Giancarlo Triggiani, Gianluca Veronesi, Fabrizio Vincis, Egidio Zoncada. Gli invitati permanenti sono i presidenti delle Province di Alessandria, Gianfranco Baldi, di Asti, Marco Gabusi, e di Savona, Pierangelo Olivieri. Continua a leggere “Mobilità delle persone, dopo quella delle merci. Nasce la Commissione di Slala, intanto arrivano nuove adesioni alla Fondazione alessandrina, mentre sullo scalo ferroviario…”