Diario di una psicopatica sentimentale

Per 40 anni ho vissuto nell’assoluta convinzione di essere una persona sensibile, anzi, troppo sensibile. Poi, come spesso accade, poche parole accennate dalla persona giusta, buttano a gambe all’aria le credenze una vita.
Nel mio caso le parole non sono state proprio vaghe, per correttezza le riporto “Ti è mai capitato di avere la sensazione di vivere sotto l’effetto di LSD? Ma cosa le dico a fare a te queste cose che sei sensibile come una mexxa!”.
Tralasciando l’argomento della conversazione e le modalità espressive… cazzo, mi è caduto il mondo addosso, soprattutto perché aveva ragione; così ho pensato: o ne vado a parlare con uno bravo (ma conoscendo la mia capacità di attenzione e di tolleranza verso il prossimo avrei sprecato soldi), oppure vomito tutto su una pagina bianca e lo lancio nel web… ci saranno altri psicopatici sentimentali come me con cui parlare, o sono la sola?!?

View original post