Fact or Fiction #22: Answer

Hello, and welcome to my fiction site!

Samurai I apologize for the delay in posting the answer to Fact or Fiction #22. I was out of the country for a few days and didn’t get a good chance to post. Now to the post! Sakanoue no Atsunori was a real person. He was the son of Sakanoue no Mochiki. We do not know too much about him, but we do know that Mochiki’s descendants were important law enforcement officials. This is exactly the role Atsunori holds in The Shison. He is an important official in the Daizafu—the authority in charge of protecting Japan’s most important port in Hakata (near today’s city of Fukuoka).

View original post

Notre Dame De Paris

Poesie d'altre rime

Maximilien Luce – Notre Dame De Paris

Notre Dame de Paris

Cara signora

dalle snelle gambe

ti ergi nell’immensità

come tempio di preghiera

e vestigia di popoli,

mentre bruci

nel sacrificio d’amore

consumato sull’altare

la mia ombra

profuma di cenere e

in me divampa

la rabbia d’impotenza.

Poesia scritta da Massimo Romano il 17 Aprile 2019 in occasione dell’incendio che ha devastato la cattedrale Notre Dame di Parigi la sera del 16 Aprile 2019

© copyright 2019

https://poesiedaltrerime.com/

All rights reserved

View original post

La pioggia

Poesie d'altre rime

La pioggia

Tu,

con la maglietta

aderente dalla pioggia

nel giardino dei fiori

sei molto bella,

con lo sguardo

incrocio la paura nei

tuoi grandi occhi,

accarezzo le gocce

sulle tue gote rosse

e sotto l’ombrello

al suono delle catinelle

le labbra si cercano

in un turbinio dei sensi.

Poesia scritta da Massimo Romano

Il 14 Aprile 2019

© copyright 2019

https://poesiedaltrerime.com/

All rights reserved

View original post

L’alba del tramonto

Poesie d'altre rime

Van Gogh – Road with cypress and star

L’alba del tramonto

Attraversi verdi

campi di grano, distese

di gialle margherite e

di mille papaveri rossi

tra la maestria dei

muri a secco,

ascolti il fruscio del vento

tra le lunghe ombre dei

cipressi e ti piace il

timido sole di primavera

che ti scalda il cuore,

ma il cinguettio variopinto

di un solitario cardellino

mi ricorda che

ormai è sera.

Poesia scritta da Massimo Romano

il 10 Aprile 2019

© copyright 2019
https://poesiedaltrerime.com/
All rights reserved

View original post

Esiti

Elisa Falciori

20190412_192557-1

Le ore ritornano su se stesse
rondini abitudinarie
nel buio di un orologio cosmico.

Lasciano un lieve tocco, fili annodati
a un cuore di spine
circondato da profumi viola.

Da un calice dorato
rovesciato sul fianco
esce un lungo filo rosso.

Nel tempo che scorre
la pace lenisce ma poi diventa
indifferenza.

Quasi senza rumore
ricrescono guerra e odio
semi del male
e il dolore di un avvenire diverso
dai sogni fatti diventa soffocato lamento…

View original post

Nadia Presotto e Renato Luparia ospiti a Villa Giulia di Verbania a “Le stanze delle Meraviglie”

RP Fashion & Glamour News

Riceviamo e pubblichiamo

DSG_2189_RI due artisti, coniugi conzanesi, Nadia Presotto e Renato Luparia sono stati invitati dalla curatrice Marisa Cortese per Siviera a partecipare alla terza edizione della grande kermesse artistica  “Le stanze delle Meraviglie – Wunderkammer” , allestita nella splendida  Villa Giulia di Verbania, affacciata sul Lago Maggiore.
La manifestazione si svolge dal 24 aprile al 19 maggio, ed i coniugi conzanesi partecipano al primo turno, con inaugurazione alle ore 17.30 del 24 aprile 2019, fino al 5 maggio; la loro “stanza” al secondo piano della Villa, titolata “Perduti nel Paesaggio” sarà allestita con gli acquerelli di Nadia Presotto ed una nuova serie di stampe fotografiche di Renato Luparia che presenta “Paesaggi del Tempo”, superfici erose dal tempo che attraverso l’obiettivo del fotografo si trasformano in paesaggi immaginari.
Sono stampati su carta cotone, certificati, firmati e numerati.
Il…

View original post 98 altre parole

Festival Show: a Caorle dal 3 al 5 maggio si selezionano dodici nuovi talenti

RP Fashion & Glamour News

rubrica a cura di Fabrizio Capra

Photo: Pietro Rizzato © 2018 http://bit.ly/FBpietrorizzatophotoIl 3, 4 e 5 maggio si svolgeranno a Caorle (Venezia) le finali di Festival Show Casting 2019, l’annuale contest di FESTIVAL SHOW che seleziona dodici nuovi talenti, ai quali spetterà l’onore di condividere il palco della prestigiosa kermesse itinerante, organizzata da RADIO BIRIKINA e RADIO BELLA & MONELLA, con i big della musica. Svelato anche l’appuntamento estivo a Caorle dell’annuale tappa della kermesse: il 25 luglio all’Arenile Madonna Dell’Angelo!
Parafrasando un ritornello di una canzone che rimanda al favoloso decennio, si potrebbe dire “stessa spiaggia, stesso mare” perché l’antico borgo marinaro veneziano torna ad ospitare per il quinto anno le finali. La manifestazione volta a valorizzare i giovani talenti, da sempre una delle prerogative di Festival Show, si svolge in collaborazione con la Città di Caorle ed è condivisa dalla Regione Veneto.
logo casting posterDa gennaio ad oggi, sono state trenta le tappe delle audizioni di Festival Show Casting 2019…

View original post 742 altre parole

The Voice of Italy 2019: la sesta edizione dal 23 aprile su Rai2

RP Fashion & Glamour News

rubrica a cura di Fabrizio Capra

image001Il fantasmagorico studio che da martedì prossimo, 23 aprile, ospiterà “The Voice of Italy 2019” ci ha accolti per la conferenza stampa di presentazione del programma, una conferenza stampa molto “viva” che ha visto presentarsi e dialogare con i giornalisti i protagonisti di questa sesta edizione: Simona Ventura, Gigi D’Alessio, Elettra Lamborghini, Morgan e Gué Pequeno unitamente al responsabile del Centro Produzione TV Rai di Milano, Enrico Motta, del Vice Direttore di Rai2, Fabio Di Iorio, e di un defilato ma attento Carlo Freccero, Direttore Rai 2.
Una squadra, da quanto si è percepito nel corso della conferenza stampa, decisamente diversificata nei generi musicali e nella personalità, però molto coesa e complice; una frase molto bella di Gigi D’Alessio riassume questo spirito: “La musica non ha barriere”.
Interessante il buon proposito di far si…

View original post 1.288 altre parole

Lago di Candia (To): firmato un accordo per una maggiore visibilità e fruibilità

RP Fashion & Glamour News

Riceviamo e pubblichiamo

lago_candia2_gGiovedì 18 aprile la Città Metropolitana di Torino e i Comuni di Candia Canavese, Mazzè e Vische hanno firmato l’accordo con cui si avvia la costituzione della Comunità consultiva del Parco del lago di Candia, secondo quanto previsto da uno schema di convenzione che l’Ente di area vasta ha formalizzato con un decreto della Sindaca metropolitana nel novembre del 2018.
La convenzione stipulata dalle amministrazioni comunali e dalla Consigliera metropolitana delegata all’ambiente, alla vigilanza ambientale, alle aree protette e alla tutela della fauna e della flora ha come obiettivo la promozione della visibilità e della fruibilità pubblica del Parco del Lago di Candia, da perseguire attraverso azioni di informazione e di coinvolgimento della popolazione locale.
canottaggio_Lago_Candia_18_04_2019_3 La convenzione è lo strumento scelto dalla Città metropolitana e dal Comune di Candia per salvaguardare il patrimonio di esperienze e di sinergie tra Enti e associazioni del territorio e proseguire nell’applicazione di standard qualitativi e quantitativi…

View original post 674 altre parole

IN MATERIA

I tesori di Amleta

Mostre: la magia dell'Opera dei Pupi al Quirinale

Ciò che rabbrividisce e non ti sfiora,
ciò che avvolge e non odora.
Somiglia allo spazio tra le dita,
all’anima quand’è annichilita.
Sa di anice, sa di glicine,
sa di lacrime.

Immateria è il ricordo,
Immateria è il pensiero.
E’ il sogno che ti sveglia la notte,
è il respiro che consuma a poco a poco.

E’ l’urlo quand’è muto,
è il sonno quand’è temuto.
Immateria è il giorno mai arrivato,
Immateria è ciò che non viene mostrato.

Sa di mare,
sa di ferro, sa di sale.
Somiglia al cielo quando piove,
alla parola quando commuove.
Ciò che sanguina e non cola,
ciò che scandisce e non consola.

Sbiadisce col passare dei pensieri. Svanisce col diradare dei misteri.

E tutte le teorie rimangono annegate in una stanza dei giochi da tavolo antichi. Pedine spostate e gioco rimasto bloccato lo stesso.

View original post

L’AMORE ETERNO

I tesori di Amleta

Il dottore entrò nella grande sala e disse ai presenti:

“Finalmente potrete prendere la pillola per l’amore eterno.”

E continuò sorridendo:”

“Questa pillola sprigiona mille nanorobot che entreranno nel vostro cervello.”

E sempre più soddisfatto di sè aggiunse:

“Così non avrete più la visione della bellezza dell’altro o del suo peso o della sua età e potrete amare liberamente e in eterno. ”

Tutti i presenti applaudirono e dopo si misero in fila per ricevere la pillola.

Ma uno di loro si staccò all’improvviso dalla fila e correndo via gridò:

“Io voglio conoscere una bella gnocca!”

Nessuno tentò di fermarlo.

Ognuno si sceglie il proprio triste destino, sussurrò uno della fila a quello davanti.


( Copyright della storia di Amleta Bloom)
( Foto di Janey Belle cosplay)

View original post

Karl Lagerfeld

Karl nasce ad Amburgo nel 1933, figlio di Elisabeth e di Christian Lagerfeld. Era un bambino ribelle, e già negli della sua prima infanzia amava essere elegante ed indossava camicie in seta e grandi colli. La casa in campagna, dove viveva, cominciava a stargli stretta, così decise di trasferirsi a Parigi insieme alla madre. Proprio lei è stata la sua fonte d’ispirazione, da cui ha preso l’ironia tagliente che lo contraddistingue .

Per tutta la vita mi sono sentito dire da mia madre: mi assomigli ma in peggio

Riproduzione cappotto presentato al Concours de la laine.

Nel 1954 partecipa al prestigioso “Concours de la laine“, sponsorizzato dal Segretariato Internazionale della Lana. Questo concorso lo si può definire il battesimo di KL nella moda, infatti lo vinse presentando il bozzetto di un cappotto di lana gialla insolito per l’epoca. Probabilmente fu questo a colpire la giuria. Questa…

View original post 1.213 altre parole

New York: vietata vendita pellicce

New York, una delle principali Capitali della moda, valuta il divieto di vendita delle pellicce, dal punto di vista legislativo.

Il futuro dell’iniziativa sarà certo, eventualmente, solo nei prossimi mesi. Le polemiche sono già iniziate, poichè si perderebbero, solo a New York, circa 1.100 posti di lavoro.

Gli animalisti, d’altro canto, sono soddisfatti, secondo i quali “la crudeltà non può essere confusa con lo sviluppo economico“.

Il commercio delle pellicce è fondamentale per New York, in quanto lo scorso secolo si produceva l’80% dei cappotti in pelliccia Made in Usa.

Attendiamo i prossimi mesi per conoscere la decisione dei legislatori.

https://www.ansa.it/

View original post

Tendenze moda donna primavera-estate 2019

Eccoci, finalmente, alle tanto attese tendenze primavera-estate 2019. Pronte ad annotarle tutte? Tre, due, uno… Via!

TOTAL DENIM: dalla testa ai piedi, jeans everywhere, camicia di jeans, gonna di jeans o pantalone, jumpsuit, borse, accessori; da abbinare a tacchi, sneakers, trench, blazer, chiodo in pelle

TAILLEUR OVERSIZE: giacca/blazer e pantalone a vita alta oversize, in tutti i colori classici o tonalità pastello

STAMPE: pois e animalier sono le stampe più trendy per la primavera-estate 2019, oltre al classico floreale

JAMPSUIT/TUTA: ma quanto è bella la tuta per una cerimonia da abbinare a tacchi e pochette o, in alternativa, in un tessuto fresco e sportivo, da abbinare a sneakers o sandalo basso?

STREETWEAR: le passerelle hanno sdoganato, da qualche stagione ormai, lo streetwear sporty-chic, per mixare insieme capi sportivi, come tute o felpe, a pezzi più chic ed eleganti, come le décolleté

CICLISTI: amati e odiati, più odiati…

View original post 357 altre parole

Prada vola a Shangai per la sfilata uomo SS2020

Il calendario della prossima fashion week milanese dedicata alle collezioni uomo, non vedrà sfilare l’uomo di Prada. Il brand ha deciso, infatti, di
far sfilare la collezione uomo primavera/estate 2020 a Shanghai il prossimo 6 giugno.

Miuccia Prada spiega la scelta:

“La Cina ha sempre occupato un posto di rilievo nell’immaginario di Prada: in particolare Shanghai e la sua ricca vita culturale. L’attitudine e l’identità di questa città, la sua dinamica capacità di far interagire il passato con il presente, il vecchio con il nuovo, sono fonti di costante scambio e interesse”.

Inoltre proprio quest’anno cade il 40/o anniversario del gemellaggio tra la città cinese e Milano, pertanto la presentazione vuole essere “l’emblema di un dialogo tra le due realtà, diverse ma complementari”

La MFW si svolgerà dal 14 al 16 giugno e Prada sarà comunque presente con due appuntamenti: un evento musicale live il 14 giugno alla Fondazione…

View original post 10 altre parole

Ti amo

soloparole

Ti amo

per avermi sorriso

in un triste mattino

e aver dato un colore alla vita

ti amo

per avermi guardato

quando io ti cercaro

e volero venirti vicino

ti amo

Per averni parlato

Quando un lungo silenzio

Aspettava soltando una voce

Ti amo

Per aver accettato

Un incerto domani

Per restare ad attenderlo Insiene

Ti amo

E perché non ho niente

Per poter ricambiare

Tutto il bene che ho avuto da Te

Di te dico tutto di me

Con tutta la forza che ho

Io ti amo Ti amo

Ti amo

S. Endrigo

View original post

Sul coraggio

Le parole sanno di

essere coraggiosi, ci vuole coraggio, il barone rampante, citazioni

Stamattina, leggendo in classe Il barone rampante , mi sono imbattuta in una frase che non avevo mai considerato le mille volte in cui l’ho letto. Invece oggi mi ha colpito. Ci sono descrizioni molto più pregnanti e suggestive, come pure tante riflessioni del protagonista. Eppure.

No, Mino, portamici! – feci io,- non devi avercela con me per le lumache, erano schifose, ma io non ne potevo più di sentirli gridare!

Chissà quante volte non abbiamo il coraggio di dire o fare qualcosa perché temiamo le conseguenze, per poi pentirci perché ci credevamo in quella cosa. Come Cosimo (detto Mino) che, stanco di trangugiare lumache, magari cucinate in modo assurdo da sua sorella Battista, ha detto NO. E se n’è andato per sempre sugli alberi. A pronunciare quelle parole è Biagio, il fratello minore, dispiaciuto per non aver avuto lo stesso coraggio di Mino e per aver ceduto al…

View original post 138 altre parole

Autostima e paillettes

Le parole sanno di

paillettes, autostima, decisioni, brillare sempre

Giorgia stamattina guardandosi allo specchio ha pronunciato queste parole: “Autostima o prendere decisioni?”. E poi si è anche data una risposta, ovvero: “Preferisco di gran lunga prendere decisioni”. Sì, ha detto proprio “di gran lunga”. Comunque, non è questo il punto. Il punto è che ha detto due cose con cui tutti noi prima o poi abbiamo a che fare e mi ha fatto sorridere perché in fondo sono due obiettivi molto belli da raggiungere e si prova una grande soddisfazione quando si possiedono. Ma un pensiero così pronunciato da una bambina mi è parso quasi buffo e ridimensionato nella sua pesantezza.

Ho sorriso e poi mi è venuto in mente che proprio qualche settimana fa ha concluso un progetto a scuola sulle life skills e queste espressioni devono esserle rimaste bene in mente. Non le ho chiesto nulla, in fondo non mi ha interpellato, parlava da sola! Come…

View original post 371 altre parole

Risposta brillante ma fuori tempo? Io mi ispiro a Cosimo

Le parole sanno di

esprit d'escalier, risposte brillanti, il barone rampante, leggerezza, libri che ispirano

Ci sono storie che mi hanno appassionato e poesie che non dimenticherò mai, però ho un libro che posso dire preferito: Il barone rampante. È strano perché è una storia che a intervalli irregolari mi rapisce, è come se mi parlasse e avesse da dirmi qualcosa che la volta precedente aveva dimenticato. Ogni volta poi mi dico che è l’ultima, che ormai lo so a memoria. Eppure.

Non voglio raccontare la trama e non serve conoscerlo per capire quello che sto per dire. Voglio soltanto raccontarti quello che la lettura di un piccolo passo mi ha ispirato e come mi ha fatto pensare all’esprit d’escalier, anche se scommetto che lo hai provato anche tu almeno una volta.

Capitolo VIII: Cosimo ormai vive sugli alberi e suo padre è andato a trovarlo e gli parla da sotto insù. Chi racconta è Biagio, fratello di Cosimo:

L’avvertì il…

View original post 537 altre parole

La curiosità che piace

Le parole sanno di

alice nel paese delle meraviglie, la sana curiosità, conoscere i poeti, essere curiosi, conoscenza

Curiouser and curiouser!

Sono le parole che pronuncia Alice nel capitolo secondo del Paese delle Meraviglie, che potremmo tradurre con un “Sempre più stranissimo!”. Sì lo so è sgrammaticato, ma lo è anche nella lingua originale, perché Alice è talmente sorpresa da aver dimenticato le regole del parlar bene. Infatti, dopo essersi pappata la minuscola torta nella scatola di vetro, ha cominciato ad allungarsi a dismisura. La curiosità le ha tirato un brutto scherzo? Direi piuttosto che le ha aperto un mondo che anche noi abbiamo potuto conoscere.

Curiosità e curiosità

Essere curiosi ha i suoi vantaggi, ma c’è un modo di esserlo che fa male a se stessi e agli altri. Qualche esempio? Eccoli.

Il vicino di casa o la signora con il cane che, non appena metti piede fuori dalla porta, si appostano come allocchi: non si curano della loro sfacciataggine, poiché devono soddisfare la loro morbosa sete di…

View original post 472 altre parole

Spauracchi e noia? No, grazie.

Le parole sanno di

didattica, lezioni divertenti, motivazione

Da studente pensavo che non sarei mai diventata come certi miei insegnanti, non tutti eh. Non farei questo lavoro se qualcuno non mi avesse fatto amare la scuola al punto da non lasciarla neanche da grande. Però ho stampato nella mia mente gli atteggiamenti che non apprezzavo: insegnanti privi di umanità, qualcuno sadico prima e durante l’interrogazione, qualcuno capace di umiliare con una battuta infelice o di mettere in imbarazzo i più timidi obbligandoli per esempio a cantare davanti a tutti.

Ecco, io sapevo che non sarei mai stata così e penso proprio di esserci riuscita. Non è presunzione, è senso di giustizia.

In questi anni ho imparato a dire più spesso “come stai oggi?” “ben tornato” e “bravissima!”,  “sai creare cose bellissime, ma come fai?”, “che bel lavoro”, “te la senti di parlare?”. Ho cercato insomma di dare importanza al lato umano che in tanti anni di…

View original post 457 altre parole

Teniamoci le maschere: un modo per restare fedeli a se stessi anche nel cambiamento

Le parole sanno di

maschere, metamorfosi, fedeli a se stessi, coraggio di cambiare

Sai da cosa deriva la parola Carnevale? Dal latino carnem levare: cambiare pelle. E infatti quel giorno diventa occasione per fingere di essere un altro, giocare con l’identità, trasformarsi. Il motivo per cui ci si veste a Carnevale è legato alla tradizione cristiana della purificazione, ma anche a quella pagana: il travestimento è un gesto superstiziosoche tiene lontani gli spiriti maligni; in più, dopo le proverbiali scorpacciate di dolci, ci si purifica e ci si trasforma. O almeno si dovrebbe.

Da piccola mi piaceva travestirmi: cercavo costumi originali, mi divertiva fingere di essere qualcosa o qualcuno diverso da me, almeno per un giorno. Un’amica di mia madre era bravissima a truccarmi e a trovare gli abbinamenti perfetti. Mi piaceva tutto questo, anche quando la preparazione richiedeva tempo. Questa tradizione l’ho amata a lungo, fino a quando, dopo un’ interruzione di qualche anno, con la scusa di avere…

View original post 433 altre parole

Nostalgia della bellezza con WALL·E

Le parole sanno di

nostalgia della bellezza, WALL E, parole belle, ispirazioni

Delusa da due mancate esperienze al cinema, nello specifico Ralph Spacca Internet e Bohemian Rapsody (per mancanza di tempo e per esaurimento posti), ieri con i miei bambini ho guardato per la prima volta Wall·E. L’ho trovato stupendo.

L’avevo sempre snobbato, un po’ per i colori dell’ambientazione, tristi e poco accattivanti, un po’ per il mio scarso interesse per la fantascienza. Ma ho dovuto ricredermi.
Per prima cosa mi sono innamorata di quel tenerissimo robottino che ha gli occhi e la voce più dolci del mondo. Su un pianeta Terra devastato dai rifiuti e abbandonato dagli esseri umani, lui continua a fare il suo lavoro di accatastamento di lamiere in una gigantesca discarica. Durante la sua raccolta, conserva per sé chincaglierie e pezzi di ricambio che porta nella sua casetta, costituita dal rottame di un camion dei rifiuti.
Ora basta spoiler, anche se in realtà credo di essere…

View original post 304 altre parole

Domenica delle Palme

I pensieri di Hamaika

C’era una volta la domenica delle palme quando ancora le famiglie si riunivano .

Anzi quando le famiglie esistevano.

Quando esisteva la fede e la fiducia.

Quando si parlava.

Quando si telefonava per fare gli auguri.

Quando si pregava sempre perché si credeva e la domenica delle palme aveva la d maiuscola.

Forse è perché ero più piccola… perché alla pace ci credevo davvero, addirittura riuscivo ad esprimere un desiderio pensando alla sua esistenza… era si un nome astratto ma era realizzabile. Gli auguri avevano una voce, ora viaggiano virtualmente… e per messaggio volano colombe, ramoscelli, traguardi, esistenze, vita. Esattamente vola tutto. Tutto con un click è per tutti e con la stessa velocità non lo è più, basta cancellare un nome dalla lista e dimenticare quel volto e quelle parole. Le parole. Non hanno più un suono, un colore, un tono. C’è omogeneità. E quindi…. whatsapp? Beh… è davvero…

View original post 10 altre parole

Venezia Vogando

Gottotrip

Camminando per Venezia e incrociando le molteplici espressioni della gente, pensi o meglio cerchi di immaginare come stiano…la cosa ti crea un’inspiegabile angoscia di quanti mondi abitano in ognuno di noi; le cuffiette come colonna sonora di quei volti, sguardi, parole che sfuggono…Venezia è tutto questo, tanti mondi dentro un altro mondo colorato anche nei giorni grigi.

Prendo il remo e vado…si apre un’altro universo dove preoccupazioni, paure, soddisfazioni, ambizioni, sogni, pensieri discorsi si fanno da parte e lasciano il posto a…mente libera, cuore leggero…e nient’altro da aggiungere.

“Vecchi, come state?

Vi state godendo la festa?

Io non lo so mica, mi manca il respiro ed a tratti mi gira la testa

Mi hanno educato per vivere in bilico

Mai sentito del pensiero liquido? Io te lo amplifico, voglio innovare

Oso pensare a un pensiero gassoso, molecolare

Tra le molecole zero legame, basta guardare il tessuto sociale

Capisci perché stiamo…

View original post 138 altre parole

Agognato Veglione

Gottotrip

Dopo anni in cui ci si organizzava mesi prima per festeggiare alla grande con Party dal tramonto all’alba, dopo quelli in cui significava lavorare doppio e brindare dopo le due, con l’arrivo dei figli il massimo dell’organizzazione per il Veglione di Capodanno si riduce a 24 ore prima scongiurando pestilenze improvvise.

Diciamo la verità, dopo i trenta e con bambini piccoli il massimo della festa è arrivare al countdown di mezzanotte senza essersi addormentati prima.

Noi, non volendo arrenderci al divano e rinunciare ai piaceri della buona tavola e sopratutto della buona compagnia, abbiamo organizzato al volo una cena con amici nella nostra stessa condizione genitoriale.

Non si può dire che sia stato un cenone tranquillo, spesso i decibel raggiungevano livelli da Rave Party tra schiamazzi e giochi rumorosi dei nostri figli ma siamo riusciti ad arrivare al Brindisi di mezzanotte senza morti e feriti, un buon risultato.

Il menù…

View original post 222 altre parole

Gottotrip le origini

Gottotrip

Sono un calice di vino, preferibilmente rosso anzi, come si dice in Veneto, un gotto de nero che viaggia cercando il buono e il bello che lo circonda.

Il viaggio non è sempre fisico ma spesso mentale, degustando vini e azzardando ricette e abbinamenti. Qui nascono i trip, le foto su Instagram, i pensieri che volano, il desiderio di condividerli non solo con amici e familiari ma con un pubblico più vasto.

Sono sommelier, dopo aver conseguito il diploma nel 2014 ho continuato a studiare e ad informarmi per accrescere la mia professionalità nonostante il tastevin appeso ad un chiodo per due gravidanze ravvicinate e la mia azienda che assorbe tempo ed energie.

Sono viticoltore e allevatore, famiglia e lavoro sono tutte ben mescolate in una ratatuille dove spesso un ingrediente prende il sopravvento ed è quasi sempre l’aglio, il lavoro, ed è qui che è nata l’esigenza dei trip…

View original post 79 altre parole

►Greek Mythology: “Mnemosyne” / “Collaboration with Resa McConaghy and Christy Birmingham” 💫.-

⚡️La Audacia de Aquiles⚡️

mnemosyne1

guarda_griega1_7

“Mnemosyne” by Dante Gabriel Rossetti (1881) .- “Mnemosyne” by Dante Gabriel Rossetti (1881) .-

guarda_griega1_7

____________________________________________________________________________________________________________

Mnemosyne/ Μνημοσύνη (Roman equivalent: Moneta(0)) was a Titaness, goddess of Memory (1) and the inventor of Words (2)

Mnemosyne was also a goddess of time. She represented the rote memorisation required, before the introduction of writing, to preserve the stories of history and sagas of myth. She was the daughter of Uranus (Heaven) and Gaia (Earth). Uranus and Gaia were the parents of the first generation of Titans, consisting of twelve elder gods/goddesses, being Mnemosyne included among them.

____________________________________________________________________________________________________________

Genealogy of the Olympians in Greek mythology, Mnemosyne among them.- Genealogy of the Olympians in Greek mythology, Mnemosyne among them.-

____________________________________________________________________________________________________________
She was also lover of the Ruler of Gods, Zeus
After Zeus led the war against the Titans and established himself as the leader of the Olympians, he feared that, even though he might be immortal, his great victories and decisions might soon be forgotten.

Longing for a…

View original post 2.204 altre parole

Tu postura habla de la historia de tu vida

~ Feldenkrais Barcelona®~Esther Niego

Si en numerosas ocasiones has pensado a qué se debe que después de las clases de Feldenkrais te sientes con mejor postura y notas que algo en tu mente también ha cambiado, en este articulo tienes la respuesta.

El proceso de mejorar tu postura no debe pretender cambiar sólo el cuerpo, sino también tu cerebro, mejorando la conciencia de ti mismo.

Mejorar la postura no es una tarea fácil. Las frases “siéntate bien” y “ponte derecho” siguen agotando y frustrando a muchos adultos y niños , porque la postura aunque podemos razonarla y explicarla, es necesario sentirla.

Son millones de años de evolución los que han permitido el desarrollo de la postura en bipedestación humana, incorporándonos sobre una mínima  superficie de apoyo (los pies) manteniendo el centro de gravedad del cuerpo elevado (permite almacenar energía para iniciar el movimiento en cualquier dirección) manteniendo la mirada al frente y los miembros…

View original post 497 altre parole

► “Athena, Goddess of Knowledge” / “Athena, Art Gown by Resa McConaghy” 🦉.-

⚡️La Audacia de Aquiles⚡️

 “Athena, Goddess of Knowledge” /

“Athena, Art Gown by Resa McConaghy”🦉:

Athena. Art Gown by Resa McConaghy©2018.

__________________________________________________________________________________________________________________________________________________

This is another post on the series of Tarot, featuring Resa McConaghy´s excellent gown “Athena”

To recapitulate: in previous posts, I have digged into Tarot: Major and Minor Arcana. Furthermore, in the last post, also written in collaboration with Resa, we´ve analyzed how certain Tarot cards  somehow define “archetypes”, and could, therefore, be related to The Hero´s Journey and Mythology.

In this new post, I´ll present Resa´s majestic gown “Athena”.

Before that, I ´ll introduce some facts and information concerning Athena, the Greek Goddess of Wisdom. 

Then comes Resa´s gown. By then, we´ll see how some symbolic details she has chosen could be associated with Mythology, Tarot and Astrology. 

Finally, aside from Athena and to conclude, I wanted to spotlight some sketches that Resa did

View original post 2.157 altre parole

De Mancey à la roche d’Aujoux, avec Fanfan et Joël

Monty guidon

Aux premiers jours du printemps, nous sommes allés guidés par Fanfan et Joël  marcher de Mancey à la roche d’Aujoux.

Ici en Saône et Loire  on est si bien, oui si bien en Bourgogne du Sud.

Par les chemins de traverse, qui peuvent s’envisager tant à pieds, à cheval  ou vélo.

Paysage préservé, nature gorgée de vie, air pur et joie de l’instant, c’est promis.

Les grincheux diront que ce n’était pas un jour de pluie et je leur répond que oui, ce n’était pas un jour de pluie. Et alors?

On peut se douter que si la vie exulte ici, c’est bien par la bonne grâce de la rosée du matin, l’ondée, l’averse ou la giboulée.

Peu après le premier bon raidillon qui permet de vérifier la forme au sortir de l’hiver, un grand champ où s’abrite à flanc de talus une Cadole.

Cette cabane de vigne en pierre sèche non…

View original post 547 altre parole

Tortona – Arrestato rapinatore seriale: deve scontare la condanna definitiva

Tortona – Arrestato rapinatore seriale: deve scontare la condanna definitiva

Carabinieri di Tortona: Nel primo pomeriggio di sabato, i Carabinieri della Compagnia di Tortona hanno provveduto alla traduzione in carcere del 27enne GRIFONE Anthony per scontare la condanna definitiva di tre anni e quattro mesi di reclusione emessa dal Tribunale di Alessandria.

Carabinieri logo

Del giovane, che attualmente era sottoposto agli arresti domiciliari per la stessa causa, se ne erano occupate le cronache quando gli stessi Carabinieri di Tortona, nel maggio 2018, al termine delle indagini coordinate dalla dottoressa Lisa IOVANE, erano riusciti a identificarlo e arrestarlo perché ritenuto autore di rapine a tre donne, commesse in diverse zone di Tortona il 21 febbraio dello stesso anno.

In quella serata, l’uomo aveva agito in via Bandello, in via Visconti e nella centrale piazza delle Erbe, strappando le borsette alle vittime, travisandosi con una felpa con il cappuccio rialzato. All’epoca, due delle tre vittime avevano riportato ferite nel tentativo di opporsi allo scippatore, che non aveva esitato a colpirle con violenti calci e a trascinarle sul selciato.

GRIFONE aveva confessato i delitti, spiegando di avere agito in quanto sofferente di ludopatia.

Ten. Col. Giuseppe Di Fonzo

Comandante Reparto Operativo Alessandria

Il Tributo agli Alpini dall’Associazione Jamm’mo

Report-age

“Agli Alpini rivolgo un caloroso ringraziamento a nome del direttivo di Jamm’mo e mio personale per aver scelto la valle Peligna  e Sulmona per le operazioni di Elliot the Dragon, dedicate alle esercitazioni di Protezione civile in situazioni di emergenza che hanno coinvolto centinaia di volontari, adesso ancora più preparati” è il riconoscimento che vuole tributare all’Esercito italiano il presidente  dell’associazione di promozione sociale e culturale Peligna Giuseppe Massaro.

View original post 279 altre parole

Elliot the Dragon. Continuano alla Grande le Esercitazioni per le Emergenze in valle Peligna

Report-age

Valle Peligna (Aq). Comunicazione in situazioni di emergenza e con il seminario mattutino è entrata nel vivo l’operazione Elliot the dragon, patrocinata dal Comune di Sulmona e organizzata dal IX Reggimento Alpini dell’Aquila che domani, con la Protezione civile regionale, sarà in alta quota e su diverse aree del monte Morrone per nuove esercitazioni.

View original post 492 altre parole

Emergenze. Con Elliot the Dragon in valle Peligna esercitazioni di Protezione civile

Report-age

La valle Peligna, dall’8 all’11 aprile, sarà quartier generale di Elliot the Dragon, operazione dedicata alle esercitazioni di protezione civile in situazioni di emergenza che coinvolgerà 160 persone e comprenderà mostre, convegno, simulazioni riguardanti aree del Morrone, ricadenti anche nei territori comunali di Sulmona, Pacentro, Pratola Peligna e Roccacasale.

View original post 332 altre parole

Al via Elliot The Dragon. In valle Peligna formazione e cultura di Protezione Civile

Report-age

Sulmona (Aq). Attività di prevenzione di Protezione civile, in questi giorni, in valle Peligna con gli Alpini che grazie alle esercitazioni dell’operazione Elliot The Dragon sta garantendo un importante contributo per la formazione e la diffusione della cultura di Protezione civile.

Aggiornamento

View original post 245 altre parole

Ricordando il terremoto del 6 aprile 2009: 3) Geologia e paleosismologia delle faglie abruzzesi — Reblog da INGV terremoti

I RISCHI NATURALI COMINCIANO DAL BASSO

Il terremoto del 6 aprile 2009 è stato generato dall’attivazione di una faglia normale (estensionale), denominata faglia di Paganica in quanto l’evidenza in superficie di questa struttura tettonica attraversa l’abitato di Paganica. La faglia di Paganica era, in parte, nota prima del terremoto del 2009 nella letteratura scientifica (es. Bagnaia et al., 1992; Boncio et […]

via Ricordando il terremoto del 6 aprile 2009: 3) Geologia e paleosismologia delle faglie abruzzesi — INGVterremoti

View original post

Buona Pasquetta: auguriamoci tante alluvioni e tanti terremoti

I RISCHI NATURALI COMINCIANO DAL BASSO

Siamo quasi a Pasqua. La potete passare con “chi vuoi” e sperare che la Pasquetta ci permetta la gita fuori porta. Ma meglio sarebbe, paradossalmente, auspicare un evento (sismico o alluvionale). Perchè è vero che, purtroppo, dopo ogni evento cambia poco. Ed è anche vero che pochi giorni dopo un terremoto o una alluvione si ritorna alla vita quotidiana quasi come se l’episodio potesse essere messo da parte, archiviato, cancellato con un colpo di spugna. Come se le vittime non ci fossero mai state, le città mai danneggiate, le ferite già richiuse; una specie di brutto sogno di cui al risveglio non si ha memoria. Ed è anche vero che ogni tanto qualche ciarlatano alimenta la polemica sulla previsione, distogliendo per un attimo l’attenzione dal vero problema.

Ma è anche vero che negli ultimi anni, con una accelerazione nell’ultimo decennio, è stata faticosamente recuperata  una parte di quel gap che…

View original post 331 altre parole

Più approfondimenti e multimedialità: ecco il nuovo TorinoClick

Più approfondimenti e multimedialità: ecco il nuovo TorinoClick

Allo scoccare della sua dodicesima primavera, TorinoClick cambia formula per andare incontro a una importante esigenza, in modo più efficace: raccontare come sta cambiando la città, con quali idee di fondo e con quali azioni. Essere dunque un filo diretto dell’Amministrazione con i cittadini, uno strumento informativo a portata di mano per tutti, attraverso i numerosi canali offerti dalle nuove tecnologie.

logo_new-1

Da oggi la nostra testata giornalistica, realizzata dall’Ufficio stampa della Giunta comunale, propone un approfondimento settimanale dedicato a un tema cardine dell’azione amministrativa e al centro del confronto cittadino. Trasporti, ambiente, cultura, servizi sociali, urbanistica, sicurezza, casa, territorio, e molto altro, saranno gli ambiti di cui racconteremo le azioni più importanti, le persone coinvolte, le idee di cambiamento, i problemi e le soluzioni, ponendo al centro la trasparenza dell’azione amministrativa. Continua a leggere “Più approfondimenti e multimedialità: ecco il nuovo TorinoClick”

Momenti di poesia. IN COMUNE, di Aurora Felici

Momenti di poesia. IN COMUNE, di Aurora Felici

53833963_2033357056964496_4210447626719461376_o.jpg

IN COMUNE

Non abbiamo in comune
né guaio da risolvere
né segreto da custodire
per le mie debolezze da proteggere
e le tue fierezze da mostrare,
ma possediamo
la stessa capacità di distinguerci
per mano di ciò che ci ha inventato
la stessa prontezza
nel trattenersi con riservatezza
in posti dove la folla
passa, ma non controlla
lo stesso passo netto
in un posto da nessuno disturbato
con uno sguardo che striscia
sul pavimento per pensare,
con uno sguardo che in alto
il vuoto agguanta per creare.
– Aurora Felici

#poesia #poesiaitaliana #poesiacontemporanea #scrittoriemergenti#letteratura #ioscrivo #scrivere #scrittura

Osterpinze

Willkommen bei Lis

Was wäre Ostern ohne Pinze? Das ursprünglich aus Görz stammende Gebäck gehört seit dem 19. Jahrhundert zu den kulinarischen Osterbräuchen. Die Grazer Konditormeisterin Elisabeth Philipp zeigt, wie man die Pinze bäckt.

Bild: aus dem Internet

Die Zutaten:

    500g Mehl

    1/2 Würfel Germ

    100g Milch

    60g Eier

    100g Eidotter

    80g Butter

    80g Zucker

    50g Aniswein

    Vanillearoma

    20g Rum

    1 TL Orangenschale

    1 TL Zitronenschale

    1 Prise Salz

    Ei zum Bestreichen

Zubereitung:

Ein Dampfl aus Milch, Germ, Zucker und Mehl zubereiten und gehen lassen. Dann das Dampfl gemeinsam mit den restlichen Zutaten zu einem geschmeidigen Teig verkneten. Den Teig rasten lassen. Danach portionieren und schleifen, also zu einer Kugeln mit glatter Oberfläche formen.

Die Kugel nochmals gehen lassen und zweimal mit Ei bestreichen. Für das typische Pinzenmuster etwas Öl auf die Schneideflächen einer Schere geben und die Pinze…

View original post 21 altre parole