Momenti di poesia. Ammiro l’infinito, di Grazia Denaro

31056853_1610961892315120_7147046286028439552_n.jpg

Ammiro l’infinito

Stamattina
dalla finestra ammiro l’infinito:
un fremito mi coglie
come se un’ala di gabbiano
m’accarezzasse il petto.

Porto ancora in me
i sogni della notte
che mi sorridono
con trasparente levità.

Osservo gli spazi azzurri
che sanno d’immensità
cingendo di luce intensa
le striature rosa dell’alba:
– pizzi e merletti pregiati –
ad esaltare la magnificenza del cielo
che culla aliti d’armonia
adagiati tra le fronde
ch’elevano la loro voce
al cuore delle cose
in un linguaggio arcano
che è cantico di tenera melodia
di un sentire levigato
che ogni asperità nell’anima mia
ha cancellato.

@Grazia Denaro@