Momenti di poesia. QUANDO VEDO TE, di Mirella Ester Pennone Masi

Momenti di poesia. QUANDO VEDO TE, diMirella Ester Pennone Masi

57377491_1181421692017463_4810485378655977472_n.jpg

QUANDO VEDO TE

È giunta la primavera
la dolcezza si espande,
ma nell’animo mio triste non c’è serenità.
Nei campi tra il verde maggese
i fiori inventano nuovi colori,
negli orti, prima velati dalla nebbia,
maturano lentamente i ciliegi
e il timido pesco,
vanno e vengono gli uccelli in volo,
e tu mi guardi ancora…

Quando guardi me
gli occhi tuoi scavano nel profondo,
e gira, gira tutto d’intorno
il bosco e gli alberi sembrano toccare il cielo.
Quando io vedo te
vorrei morire cantando
come fa l’allodola verso l’alto
poi, esausta precipita giù.
Sei l’azzurro di una stanza,
l’astrale universo mai finito,
un violetto di serenata,
note nuove nell’assenza di gravità
che danzano come se
un refolo d’ambra e miele
ci avvolge in un abbraccio infinito.
Quando,
alla luce di cristallo
delle stelle pulsanti
temeremo il tramonto d’amaranto
che lento ci acqueta,
ricorderemo i verdi lauri;
allora sapremo
che l’importante era cogliere l’attimo
di un giorno senza fine.
Quando poi,
dalla sabbia spunterà un giglio di marea,
nell’ultima asprezza di quel sale,
ancor più inquieto sarà il sospiro
della nostra primavera
che dilegua,
ed il mondo non ci apparterrà più.

Mirella Ester Pennone Masi 20/04/2019

photo web

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...