Momenti di poesia. Accomiatante addio, di Ezio Crivellin

Mio,gatto manifesto

51939056_817073678629464_6349619739907588096_n.jpg

Accomiatante addio

Spengente è l’accomiatante addio.
Non v’è più forza nelle membra stanche,
nella testa l’udire ovattato
e
confuso,
passanti e illimitati pensieri,
quietante e sciante respiro verso l’oblio
e son battiti lenti,
qual sarà l’ultimo verso
o
risuono di voce,
l’istante riflesso negli occhi,
la luce prima del nulla cosmico.
Liberante è
l’anima dall’affannoso vivere,
fluttuante e leggera sopra l’inerme corpo
senza più vincoli di spazio
ne di tempo…

Ezio Crivellin