Agriturismo rurale

Un pugno di terra

IMG-20180812-WA0013img-20180812-wa0002.jpgPer essere trasparenti e usare parole semplici, chi e’ abituato a fare vacanze in hotel o in villaggi turistici deve  comprendere che qui.. non trovera’ aria condizionata…ne frigobar,

inoltre potrebbe dover cenare a lume di candela e fare la doccia con acqua fredda.

Qui abbiamo la luce se e’ una bella giornata di sole, e ( soprattutto) se i nostri ospiti non sprecano l’elettricita per tv, telefonini, PC, ventilatori, o phoon dopo che il sole e’ tramontato.

Qui si vive cosi’, in sintonia con il tempo, la luce e la natura.

Puo’sembrare bizzarro… ma vacanza e’ anche questo per noi… disintossicarsi da facebook ..istagram.. whatsapp.. serie tv, sky, netflix, play station etc etc…

Pero’  chi arriva qui trova una natura incontaminata, ed e’ questo per noi agriturismo rurale.

Cerchiamo sempre di accontentare le vostre necessita’.

Abbiamo  zone ombreggiate per  mangiare all’aperto, una cucina da campo attrezzata,

salvia, rosmarino basilico e…

View original post 47 altre parole

HELP

Un pugno di terra

2017-10-14-11.16.34

Sta per arrivare la primavera, siamo ( come al solito) in ritardo con tutti lavori da fare prima che il caldo torrido della terra sarda ci impedisca di  fare qualsiasi cosa se non crogiolare al sole.

Siamo iscritte al sito wwoof dove di tanto in tanto chi desidera  viaggiare e soggiornare  in giro per il mondo in cambio di 6 ore di lavoro al giorno https://www.wwoof.it/it/

lo scopo principale del WWOOF è sostenere, divulgare e condividere la quotidianità in campagna secondo i principi dell’agricoltura biologica.

Possiamo ospitare  volontari che sappiano lavorare la terra .. ma anche chi sa lavorare il legno..costruire muri a secco.. dare il bianco..cucinare, abbiamo 2 roulotte attrezzate e anche la possibilita’ di montare una tenda in una o piu piazzole sufficientemente ombreggiate.

Se siete intererssati ad un esperienza di questo tipo potete scriverci qui.

grazie,

Monica

View original post

POSTI LETTO

Un pugno di terra

Questa la nostra roulotte 2+1 ( c’e’ un posto singolo nella parte posteriore della roulotte con porta che divide dalla zona giorno  e dal letto a 2 posti… provero’ in seguito a fare ed inserire una foto…

e’ sistemata nella parte piu’ alta di unpugnoditerra,  sotto una ampia veranda ombreggiata dalla stuoia ( fatta da noi!!!) sotto la quale potete sistemare tavolino sedie e…amaca per il riposino.

Questa roulotte  ha un lavandino ed una doccia “privati”.

Perche’ metto privati tra virgolette?

La doccia e’ in mezzo ai corbezzoli….ed il lavandino accanto alla roulotte sempre a cielo aperto… cio’ nonostante gode della massima privacy…

per la disponibilita’ potete chiamarmi al +39 3473154190

Monica.

Non e’ permesso fare fuochi in estate perche’ estremamente pericoloso, se volete grigliare qualcosa potete usare una piastra sul nostro fornello nella cucina da campo di cui mettero’ a breve le foto.

Periodicamente inoltre,  facciamo carne alla Sarda…

View original post 63 altre parole

Monolog : “Încă o iubire se pierde-n trecut “

thenameofloveislove

(Pe masa bogata in timp de sărbătoare,ochii plini de viata si un pahar de vin…)

Si ma inec in paharul asta de vin de parca m-as îneca in propria durere, răutate, în propriul sarcasm si umor negru . Si ma înec in paharul asta de vin de parca ar fii marea iar eu stau la suprafață, plutind spre neant si visând, gandindu-mă la propriile regrete ,la propria mea fericire , la propriul meu egoism infam . Si simt ca ma înec ,ca ma scufund in propriul abis si apoi respir ….când deschid ochii imi apare in fata cerul înstelat si zâmbetul tău de om bleg , genul ala de zâmbet care oricand m-ar face sa ma topesc, iar tu esti fericit, eu sunt fericita , natura in jurul nostru e fericita ,primele jurăminte,un cer înstelat, as putea număra stele ce vor cădea. Apoi ma ridic si ma scufund in lacul…

View original post 224 altre parole

Jarek Puczel

dimensioneC

Atmosfere rarefatte, volti sfuggenti, colori tenui e una visione che parte dalla tela per correre lontano… Jarek Puczel, l’artista della materia che diventa concetto.
Nelle sue opere, cerca di coniugare la rappresentazione con il concetto rappresentato, andando oltre ciò che si vede a prima vista, scandagliando ciò che si cela dietro un’apparente illusione. Nelle sue opere, apparentemente lineari e nitide, si coglie la fuggevolezza degli attimi, l’incapacità di dare un volto univoco a sentimenti complessi come l’amore, si sente il silenzio, si intuiscono gli sguardi anche dove i volti appaiono vuoti di lineamenti…
Jarek Puczel è un artista polacco, classe 1965, con alle spalle studi accademici all’Università di Varsavia e un’espressione artistica multidisciplinare: graphic designer, pittore, regista..

Per quanto mi riguarda, queste opere mi lasciano un senso profondo di amore, per le linee aperte, i volti incompleti dei suoi amati senza volto. Sembra che l’amore non abbia confine e si…

View original post 84 altre parole

RETROUVAILLES

Alexandra Bastari

Il saluto è il rito iniziatico
soffiato sulle bocche degli infanti;
l’insipida e allentata abitudine
delle otto negli uffici.
Ma talvolta dal saluto
si srotola il testimone peggiore
di certe mancanze
che si ornano di un cenno
in fondo all’asse delle strade.

È lì che ti raggiungo
dove si condensa tutto
dentro un unico centro
come un punto di fuga
come il fondo denso
d’una tisana all’arance,
dove si ricuce la pelle
attorno a steli d’ossa
e si rimpolpano pure i melograni.

E della tempesta sul Tamigi
il mio sole più grande.

(27 aprile 2019)

Giuditta Michelangeli

View original post

Un ‘app con il vocabolario italiano/friulano per smartphone e tablet

friulimultietnico 🇮🇹 🇸🇮 🇦🇹 🇪🇺olgited

Consulte i contignûts dal Grant Dizionari Bilengâl talian-furlan in timp reâl ancje di smartphone e tablet: cemût? Graciis ae APP!📱
Se ancjemò no tu lu âs fat, dicjamile daurman di Google Play o di Apple store dal to telefonut!🙃

Consulta i contenuti del Grande dizionario bilingue italiano-friulano in tempo reale anche su smartphone e tablet:come fare?Scarica l’app 📱

Se ancora non l’hai fatto scarica subito da Google Play o Apple store sul tuo telefonino.

da fb

View original post

In riva al mare

ladimoradelpensiero

Oggi pomeriggio ero sul mare, da sola, desiderosa di sfogliare i pensieri, nella pace più assoluta, di sentirmi granello di sabbia o goccia d’acqua nel mare, parte di una immensità che ti offre grandi braccia e s’accontenta di un sorriso che le sussurri “grazie”, quando il suono di un messaggio mi ha riportata alla realtà.
Mi ha raggiunta Ale e, così, gli ho fatto posto sul mio asciugamano e gli occhi pieni di bellezza sono diventati 4!
Per un po’ siamo rimasti in silenzio, seduti, viso al sole, con gli occhi chiusi, come pannelli solari che accumulano energia per poi rilasciarla a tempo debito e, solo in seguito, si è aperta la porta delle confidenze più intime, quelle che quasi nascondi, per il timore che nel prossimo scatenino una risata o, peggio ancora, suscitino pena.
Mi è stato domandato, con la purezza tipica dei bambini, quale è stato il gesto…

View original post 178 altre parole

Sapore d’amare

Poesie d'altre rime

Il sogno di Henri Rosseau

Sapore d’amare

Inseguo tra le tamerici

delle dune

il tuo profumo,

ti intravedo nel riflesso

del mare a

specchiarti nuda

mentre al frusciare lento

delle onde balli

la danza dell’amore

e mi perdo

nell’immensità del cielo

senza capire il perché.

Poesia scritta il 30 Aprile 2019

da Massimo Romano

.

.

.

@massimo1romano

© copyright 2019

https://poesiedaltrerime.com/

All rights reserved

View original post

Poi

Elisa Falciori

rosaaprile192

Poi la rinuncia diventa dolce
santità giustificata
ricorda il disfarsi dei semi
nel passo fondo, verso l’acqua
a primavera.

Poi sai che non c’è motivo
per essere amati
né per essere odiati o dimenticati
e sai che unisce più la voglia di guerra
che quella dell’amore.

Poi c’è l’allegria
che sospende
la traduzione del commiato imbarazzato
e tende la mano
allo spazio vuoto che scintilla…

View original post

Alessandria: domenica 5 maggio in Cittadella ALEcomics organizza Cosplay Photo/Pic Nic

RP Fashion & Glamour News

di Fabrizio Capra

Cosplay Cittadella Pic Nic“Siete cos player o fotografi?
Volete passare una giornata in compagnia?
Questo è l’appello lanciato nell’evento creato su Facebook dagli organizzatori di ALEcomics .
Domenica 5 maggio, dalle ore 10 l’appuntamento è in Cittadella, ad Alessandria, per l’iniziativa “ALEcomics – Cosplay Photo/PicNic”.
Si tratta di un raduno (a ingresso libero), nato da un’idea del fotografo Andrea Serafini, dove gli organizzatori si pongono l’obiettivo di far incontrare Cosplayer e fotografi che intendono passare una domenica dando “libero sfogo” alla propria passione.
Insomma un grande photoset con pausa ristoro.
Si perché essere Cosplayer  è una passione, un impegno, la voglia di trovare un’altra dimensione; ci vuole impegno per “interpretare” i personaggi amati, creare i costumi e poter dimostrare all’esterno la propria capacità e il proprio spirito, condividendo con molte altre persone questa loro scelta.
Pertanto i Cosplayer vanno osservati come artisti che si…

View original post 226 altre parole

Festival Show 2019: Anna Safroncik è la presentatrice. Dal 3 al 5 maggio a Caorle il Casting per selezionare nuovi talenti

RP Fashion & Glamour News

rubrica a cura di Fabrizio Capra

Anna Safroncik (2) BScoperta da Carlo Verdone, ormai affermata nel mondo della tv e del cinema, l’attrice ucraina naturalizzata italiana Anna Safroncik, per la prima volta vestirà i panni della conduttrice live proprio sul palco di FESTIVAL SHOW 2019, otto tappe, a partire da Padova il 30 giugno fino a Piazza Unità d’Italia a Trieste il 7 settembre, con i big della musica italiana e con migliaia di spettatori ogni sera.
Anna Safroncik riceve il testimone da Bianca Guaccero, che aveva condotto la kermesse nel 2018, e si prepara a salire sul palco di Festival Show per un’edizione fondamentale: quella dei 20 anni del festival organizzato da Radio Birikina e Radio Bella & Monella. Sul palco sarà affiancata da Paolo Baruzzo, da sempre protagonista del festival itinerante.
Festival Show 2017_Jesolo b«Conosco Paolo da tanti anni, le nostre strade si sono incrociate più volte e finalmente è arrivata l’occasione…

View original post 567 altre parole

Fil Bo Riva special guest dell’unica data italiana degli Imagine Dragons

RP Fashion & Glamour News

rubrica a cura di Fabrizio Capra

fil bo riva 3A renderlo un diamante allo stato grezzo, non è la sua rarità ma la sua totale unicità.
È Fil Bo Riva, giovane artista italo-tedesco dall’animo nobile, scelto da Imagine Dragons come special guest per l’unica data europea il 2 giugno a Visarno Arena, Firenze.
Dopo una nomination agli European Music Talent Awards 2019, tre tour europei sold out, la partecipazione ai più importanti festival  internazionali, Fil Bo Riva ha pubblicato lo scorso 22 marzo il debut album  Beautiful Sadness, tredici brani di rara bellezza tra cui L’Impossibile, che è subito entrato nella  TOP 40 radio in Italia.
FIL BO RIVAÈ poi recentemente uscito Different But One , incantevole short film di nove minuti – diretto da Marie Schuller – perfetta sintesi del debut album, seducente viaggio tra musica e immagini.
Un universo artistico capace di trasportare in un non-luogo e in un non-tempo tra sonorità inaspettate e intense: ecco Fil Bo Riva dal vivo. Un’esperienza…

View original post 153 altre parole

Torino: Viva chi migra. Asta benefica di libri del Novecento a favore di Refugees Welcome

RP Fashion & Glamour News

Riceviamo e pubblichiamo

10 maggio VivachiMigra1_astalibri 10maggioViva chi migra, asta di libri dell’editoria del Novecento a favore di Refugees Welcome, associazione per la promozione dell’ospitalità in famiglia di persone con lo status di rifugiati.
Il blog di editoria e critica letteraria “FN” (federiconovaro.eu), diretto da Federico Novaro, organizza venerdì 10 maggio, alle 19, nella sede di Frame Eventi (via Giuseppe Baretti, 31 – Torino), una vendita di libri, tra cui prime edizioni di collane con progetti grafici che hanno segnato la storia dell’editoria italiana, il cui ricavato verrà devoluto all’associazione per i rifugiati.
Una base d’asta di 3 euro per volumi di edizioni non più ristampate, con collane come “I nuovi Coralli” e “Nuovo PolitecnicoEinaudi e i volumi con copertine d’artista, da Munari ad Armando Testa.
10 maggio VivachiMigra_astalibri 10maggioIl blog “FN” ha organizzato negli anni eventi pubblici e mostre di…

View original post 142 altre parole

NO FOOD SERVICE

I tesori di Amleta

food.jpeg

Roma città bellissima e grandissima. Sono le 10:19 di una stupenda giornata di sole. Ieri sera ovviamente abbiam fatto tardi e stamattina il frigo è vuoto (staremo qui solo pochi giorni) e quindi mi accingo a provare le meraviglie della nuova tecnologia che ti fa ordinare cibo da casa e che te lo porta dove stai.

È una cosa fattibile? Io pensavo di sì e forse ogni turista che viene a Roma e che si svegli affamato la mattina tardi pensa di poter ottenere.

Ma niente di tuto ciò. Provo con Justeat e il ristorante cinese che consegna più presto apre alle 11. Tutti gli altri aprono dalle 11:30 in poi.

Provo con Ubereats e sorpresa! Il servizio Uber non fornisce questa zona (siamo in zona Flaminia e non sul pianeta Venere).

Allora ditemi voi cosa devo pensare di tutta questa decantata tecnologia che vanta di potervi portare cibo dovunque…

View original post 110 altre parole

Le 5 tendenze in stile Coachella

Tra pochi giorni si entrerà nel moodCoachella, siete pronti?

Il The Coachella Valley Music and Arts Festival, è un evento musicale che si tiene ogni anno a Indio, in California, poco fuori da Palm Springs. L’edizione 2019 si svolgerà dal 12 al 14 aprile e nel weekend successivo dal 19 al 21. Tra le star che si esibiranno sul palco Ariana Grande e Childish Gambino. 
È una tra le manifestazioni più glamour, a cui vi partecipano influencer, personaggi noti e ragazzi che hanno voglia di ascoltare buona musica , di ballare e divertirsi a creare look appositi, stravaganti e con tanto sparkling! Si passa dallo stile hippie, al boho chic fino al country.

Di seguito vi descriviamo e vi diamo qualche idea sulle tendenze ispirate proprio al Coachella e che possiamo adattare al nostre occasioni quotidiane:

  • 1) Frange– Super di…

View original post 503 altre parole

Una persona per bene..

istanti

buongiorno amici,

oggi mi sento di suggerirvi la lettura di un libro, Indipendenza emotiva, scritto da Giacomo Papasidero, che mi ha aperto gli occhi sulla realtà.

come vi descrivereste se vi chiedessero di autoanalizzarvi? io fino a qualche giorno fa senza troppa presunzione avrei risposto ” bah, una brava persona” oggi invece mi ritrovo a mettere in discussione tutte le mie convinzioni.

il libro mi ha portato ad un’autoanalisi che mi ha fatto passare da una persona per bene ad una teppista della peggiore specie, una dittatrice temibile,presuntuosa,arrogante, un individuo da tenere alla larga.

praticamente in qualsiasi rapporto che abbiamo con gli altri noi ci aspettiamo qualcosa, se io ti tratto bene pretendo che tu faccia altrettanto e se così non fosse io rimango delusa dalle mie aspettative e prendo le distanze.

non aggiungo altro poichè è un peccato non leggere il libro, è davvero un percorso introspettivo valido e…

View original post 125 altre parole

Jane Austen, A to Z: eXperience

Chasing Destino

http://By Source, Fair use, https://en.wikipedia.org/w/index.php?curid=26199514

So if you wanted to have a vacation that would be considered the ultimate Jane Austen eXperience, where should you go? First of all, you’ll have to get a passport and head to England.

There are some places that Jane Austen herself was associated with personally. Other places are museums devoted to Austen. A few locations were where some of the movies based on her novels were filmed.

If I were going on a Jane Austen based vacation, I would visit:

  1. Jane Austen’s House, Chawton, Hampshire
  2. The Jane Austen Centre, Bath
  3. The Jane Austen Festival, Bath
  4. Bath Assembly Rooms
  5. Chatsworth House
  6. Winchester Cathedral
  7. Learning how to dance at Mrs. Bennet ‘s Ballroom

Where would you go on your Jane Austen eXperience? If you need some ideas, visit the following links:

11 Jane Austen Locations

22 Places in the UK that are a must see…

View original post 15 altre parole

Una riflessione su “Il Lupo della Steppa” di Hermann Hesse

Serial Escape

L’ultima mia lettura, in ordine di tempo, è stata “Il Lupo della Steppa”, romanzo del 1927 dello scrittore tedesco Hermann Hesse.

illupo

A dispetto di una lettura quanto mai faticosa, oggi voglio condividere con voi alcune mie riflessioni, che penso possano dare adito a spunti interessanti.

Prima di tutto, però, bisogna contestualizzare l’argomento e descrivere il libro, la trama e le ragioni che possono (potrebbero) aver portato l’autore a scrivere un simile romanzo.

Il Lupo della Steppa ruota attorno alla storia di un pensatore, Harry Haller, un uomo in crisi con se stesso e con i suoi tempi. Harry abita una camera in affitto e conduce una vita perfettamente conformista che, tuttavia, poco lo aggrada e poco lo rappresenta. Si limita, però, a contestare la società in cui vive e il modo in cui pensa soltanto per il tramite di qualche articolo, di tanto in tanto. I suoi pensieri e…

View original post 539 altre parole

Facciamo chiarezza su The Long Night: Capolavoro o Flop?

Serial Escape

Game of Thrones è diventato così popolare nel nostro Paese che si stanno iniziando a sentire gli effetti tipici del tam tam mediatico. Si sta descrivendo l’ultimo episodio un po’ come si suole descrivere le partite della nazionale di calcio, e, quindi, se, in quel caso, ci trasformiamo tutti in allenatori e commissari tecnici, in questo, ci siamo trasformati tutti in registi, direttori della fotografia e sceneggiatori.

Non che sia un male. Tutte le opinioni, nel calderone, sono utili a darci l’impressione che Game of Thrones ha davvero fatto il suo dovere, riuscendo a farsi apprezzare da un pubblico variegato e molto appassionato.

Ciò che mi piace meno dei commenti di questi giorni, tuttavia, è il fatto che sembra non ci siano mezzi termini. L’ultima puntata – quella dedicata alla battaglia fra vivi e morti, fra l’esercito di Daenerys e Jon e gli Estranei – viene considerata, da alcuni, un…

View original post 960 altre parole

ESAPOLIS

Miketrevis

Come ha potuto ammirare chi è riuscito a visitare la grande bilbioteca della città marittima di Radnassil, guardano le numerose cartografie esposte nelle svariate e silenziose stanze, Il regno dell’Ovest è il più piccolo dei quattro regni di Urval e si sviluppa lungo la costa del Mare Omayena che nell’antica lingua locale significa “infinito, eterno” ma anche “misterioso, in quanto inconcepibile nella sua totalità”.

Nonostante la sua dimensione è il regno più ricco, grazie al commercio che attraverso il mare prolifera, non soltanto con gli altri regni di Urval, ma con tutti i regni che si affacciano su Omayena. Accordi economici e scambi commerciali con il regno del Nord consento una costante entrata di legname per la realizzazione e riparazione delle navi mercantili. In base agli accordi successivi alla Guerra Polare, al Regno dell’Est era affidata anche la gestione della Flotta Urvaliana, una spesa obbligatoria non indifferente e garantita da…

View original post 650 altre parole

VITE

Miketrevis

Una delle numerose leggende di Urval racconta di un uomo che per costruire la sua casa la dovette rifarla sei volte prima di riuscire a realizzarne una che durasse per tutta la vita che nel frattempo gli restava da vivere. Prima un alluvione, poi un terremoto, radici nel sottosuolo, infestazioni e così via. L’ultima casa era il risultato delle esperienze accumulate, e la settima vita dell’uomo, la vita in quella casa, sarebbe stata l’ultima durante la quale avrebbe realizzato se stesso, sarebbe diventato qualcuno.

Cosí nei quattro regni la credenza popolare vuole che ogni uomo e donna, prima di realizzarsi, affronti sei grandi cambiamenti: la morte di un genitore, un trasloco, una storia d’amore, una nascita.

Tripos sapeva di essere alla sua settima vita. E in quel momento tutte e sei le precedenti scorsero velocemente nella sua testa impedendogli di trovare una soluzione veloce. Il primo amore, gli studi di…

View original post 805 altre parole

The Fate Paradox

letterstospecialretards

I hate the word “fate.” Birth, encounters, partings, success and failures, fortune and misfortunes in life. If our lives are already set in stone by fate, then why are we even born? There are those born to wealthy families, those born to beautiful mothers, and those born into the middle of war or poverty. If that’s all caused by fate, then God is incredibly unfair and cruel. Because, ever since that day, none of us had a future and the only certain thing was that we wouldn’t amount to anything.

.

.

.

.

I love the word “fate”. Because, you know how they talk about “fated encounters”? A single encounter can completely change your life. Such special encounters are not just coincidences. They’re definitely fate. Of course, life is not all happy encounters. There are many painful, sad moments. It’s hard to accept that misfortunes beyond your control are…

View original post 36 altre parole

ASSEFA Alessandria – evento Green Week

ASSEFA Alessandria – evento Green Week

Carissimi, vi ricordiamo che l’Associazione è una delle protagoniste dell’evento “Alessandria Green Week” che avrà luogo presso il Giardino Botanico di Via Monteverde Alessandria dal 2 al 12 Maggio.

unnamed.jpg

Venerdì 3 Maggio alle ore 21,00 sempre presso il Giardino Botanico, saremo tra gli ospiti al “Salottino Botanico” condotto dal giornalista Massimo Brusasco.

Vi aspettiamo per condividere con voi un simpatico evento.

Saranno esposti disegni di alcuni bambini sostenuti a distanza che frequentano le scuole Sarva Seva sul tema del rispetto della natura e delle piante.

Saranno inoltre esposte molte fotografie di bambini, bambine e insegnanti delle scuole Sarva Seva mentre disegnano sui pavimenti i Kolam (Mandala)

Anche noi, disegneremo un kolam di benvenuto all’entrata del giardino botanico in occasione dell’inaugurazione.

Franco e Rosanna

Marco Galvagni “I sottili pensieri di canto”

Marco Galvagni “I sottili pensieri di canto”

Poesie

I sottili pensieri copertinalight copia.jpg

Prefazione di Valeria Bianchi Mian

Se non è facile scrivere storie d’amore, ancor più complesso è tessere i sentimenti in versi per cantare la poetica del desiderio.

Tradurre i dettami della passione in metafora non è un procedere per sublimazione; si tratta piuttosto di cogliere al volo una sensazione impellente, la necessità immediata del volto e del corpo dell’altro, per offrire le mani alla propria terra animica e scavare, aprendo varchi. Si tratta di lasciar emergere immagini ancora in abbozzo, affinché l’intuizione si possa far strada nel buio del ‘non ancora’. È così che la poesia d’amore nasce, cresce e, attraverso l’innamorato, parla un linguaggio universale.

Il poeta in amore è colui che con Eros opera trasformazioni, colui che rimescola la Prima Materia delle emozioni, della volontà imperante, dell’istinto, e ne fa componimento affettuoso dedicato all’oggetto amato – ché il soggetto è lo stesso poeta riflesso nel volto dell’altro/a.

Non è facile per me, per il mestiere che svolgo in questo spazio-tempo, leggere poesie amorose senza aprire le pagine della favola di Eros e Psiche. Faccio danzare i due protagonisti nella mia mente, li osservo prendere forma attraverso le parole di Marco Galvagni, un poeta capace di intrecciare il filo della terra al cielo, dando il via a un ballo-duello appassionato di farfalle in volo e onde in tumulto. Leggo le sue poesie e vedo l’anima – Psyché – alla ricerca di un Dio, quell’Amore che si cela nel non detto tra le parole e poi per incanto si mostra. Il lettore di questa silloge viene attratto dal percorso che si va delineando tra un uomo e una donna destinati all’incontro.

L’anima invece è candida,
nutre il corpo di luce trasparente che l’occhio irradia”.

Evocata Psiche, la fanciulla che ha perduto il proprio innamorato, altre immagini si aprono come un libro. Continuo a leggere le poesie di Marco Galvagni e mi lascio cullare dal ‘dolce stil novo’ che è ode alla donna amata, attualissima eppure antica, un’eco che risuona di beatitudine ma anche di timore. La silloge è dedicata a una fanciulla in carne e ossa, Elisa, ma chi può dire veramente che Elisa non sia la proiezione del desiderio umano? Alzo gli occhi verso la cima della torre alla ricerca di una Dulcinea per la quale combattere contro i mulini a vento. Poi mi sembra di scorgere quel sorriso che a Lancillotto donò la forza per affrontare le imprese cavalleresche in onore di Ginevra. Rievoco l’idea di una Beatrice lucente, guida dell’Io-poeta oltre le mura infernali, verso il Paradiso. La donna amata è Angelo che con la sua lanterna indica la via. Il poeta è cercatore di bellezza oltre la notte oscura. Che lei lo porti alla “pronuncia azzurra”, dunque: che ne faccia parola che si libra, i “sottili pensieri di canto”. Continua a leggere “Marco Galvagni “I sottili pensieri di canto””

Il poeta Marco Galvagni si presenta ai lettori di Alessandria today

Il poeta Marco Galvagni si presenta ai lettori di Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori la biografia e le poesie del poeta Marco Galvagni.

Marco Galvagni 20151208_120122-e1463418203305 copia.jpg

Note biografiche

Nato a Milano. Residente tuttora a Milano ma domiciliato a Lanzo D’intelvi (CO).

Ha conseguito la maturità classica per poi frequentare un anno a Lettere Moderne all’Università Statale di Milano e l’anno successivo a Lettere e Filosofia all’Università di Pavia, seguendo contemporaneamente le lezioni di psicologia dell’Università di Padova.

Segnalato a soli 15 anni nel prestigioso Premio Internazionale Mosè Bianchi (Milano).

Autore di sei libri di poesia:

Nel 2001 Nel labirinto (Montedit), prefazione di Olivia Trioschi, secondo classificato nel Premio Nazionale Emma Piantanida, Legnano (MI). Commento 5/5 su www.ibs.it

Nel 2002 L’arcobaleno (Montedit), prefazione di Massimo Barile, secondo classificato al Premio Nazionale alla memoria di Maribruna Toni, Piombino (LI). Secondo classificato nel Premio Nazionale Emma Piantanida, Legnano (MI). Menzione d’onore al Premio Nazionale Pinayrano (TO).

Nel 2003 Nel germoglio vergine (Montedit), prefazione di Massimo Barile, vincitore assoluto del Premio Nazionale Falesia, Piombino (LI). Terzo classificato nel Premio Nazionale Peter Russell (NA).

Nal 2010 Il gomitolo dei sogni (ilmiolibro), quinto classificato nel Premio Nazionale Peter Russell (NA). Continua a leggere “Il poeta Marco Galvagni si presenta ai lettori di Alessandria today”

TORTONA – Continuano i controlli dei Carabinieri: tre arresti in flagranza

TORTONA – Continuano i controlli dei Carabinieri: tre arresti in flagranza

In questo periodo di feste, i Carabinieri hanno incrementano la proiezione esterna di pattuglie per fornire ai cittadini una adeguata cornice di sicurezza, con evidenti risultati.

Carabinieri ok

Nel pomeriggio di ieri, le pattuglie delle Stazioni di Sale e di Villalvernia hanno arrestato in flagranza tre cittadini rumeni: due uomini e una donna, dopo che avevano commesso un furto al supermercato LIDL di Tortona.

Inizialmente, i due uomini, FODOR Cristian Sebastian, 39enne, e GIURA Marius Sergiu, 31enne, hanno avuto accesso al LIDL con la chiara intenzione di verificare la presenza di allarmi, provando a lasciare l’area di vendita con il carrello affinché si attivasse il sistema che ne blocca le ruote. Nella circostanza, dichiaravano di avere commesso un errore e sono tornati sui propri passi, aggirandosi per oltre mezzora tra gli scaffali, ponendo vari prodotti nel carrello. Continua a leggere “TORTONA – Continuano i controlli dei Carabinieri: tre arresti in flagranza”

Momenti di poesia. IL MIO CIELO, di Marco Galvagni

Momenti di poesia. IL MIO CIELO, di Marco Galvagni

Marco Galvagni

IL MIO CIELO

Il mio cielo è un reticolo colmo di fameliche aquile.
Nell’ocra crepuscolo è una nuvola di pane raffermo.
I sui colori sono figli del vento.
Identici all’anelito alle tue forme sinuose.
Hai labbra di velluto ed occhi di quarzo-
fai vivere in me infinite, ovattate visioni di sogni.

Nell’orbita delle stelle brilla uno spicchio di luna.
Notti di stelle silenziose, delle tue ciglia asciutte
come, nel rosa del dì, in ogni sentiero ornato di glicini.
In te il sogno è ogni giorno:
sei come la brina in un campo di corolle-
penetri l’orizzonte con l’indelebile presenza.

Hai acceso il mio cuore con una lampada,
quella delle mie orbite ti fa rosei i piedi di velluto.
Fanciulla giunta da distanze siderali,
i tuoi occhi bruniti sfavillano fra gli astri.
Monsoni stanchi passano sopra al mio cuore,
dai sepolcri si son trasmutate le tue radici.

Bimba con le spighe dorate dei capelli,
sei colei che soffia di brezza marina illuminando le foglie,
profumata dai piedi alle radici di petali di rose.
E’ ora di percorrere altra via, in cui lei s’apra in un canto.
Ah seguire la strada che s’avvicina alla sua anima candida
con i suoi occhi aperti fra la rugiada.

Momenti di poesia. QUANDO INCROCIO I TUOI OCCHI, di Marco Galvagni

Momenti di poesia. QUANDO INCROCIO I TUOI OCCHI, di Marco Galvagni

Marco Galvagni

QUANDO INCROCIO I TUOI OCCHI

Capelli corvini come il cielo che accosta
quando incrocio i tuoi occhi d’ambra
finestre spalancano le braccia
tovaglie di neve sfavillano.
Si schiudono i desideri dell’infanzia
per la mia bramosia cantata in sordina.

Quando incrocio i tuoi occhi
ogni ombra di tema svanisce,
si dissolve il veleno dell’erba dei campi.
Dai rovi nelle ruderi dei templi
sortiscono frutti di fuoco vermigli,
il mosto della terra annega le api.

Quando incrocio i tuoi occhi
si svuota lo spazio siderale,
le onde lambiscono i bagnasciuga
i leoni, le cerve, le colombe
tiepidi d’aria pura
mirano nascere la nostra primavera.

Quando incrocio i tuoi occhi
le pareti scottano di nuova vita
dentro il nostro letto di natura
è eretto d’innocenza-
sempre più nuda e schiava
d’un eterno gioco di foglie.

Momenti di poesia. La mia poesia, di Amos Grilli

Momenti di poesia. La mia poesia, di Amos Grilli

La mia poesia.

Non è avvezza.
a far smancerie all’amore
eterno
o alla bellezza
della vita
non fa di una rosa
il più bel fiore
ne del giglio la purezza
non prende essenza
da baciate rime
che con dolcezza
dolore
e sofferenza
han legame.
Non è alchimia tra realtà
e sogno
di felicità
non ha mania
e la notte non è preludio
di speranza
del nuovo giorno.
Non plaude a sorrisi
e a sentimenti
mascherati dall’ipocrisia
dei falsi
che illusi e ignoranti
fa contenti.

Amos.

Momenti di poesia. La mia poesia, di Amos Grilli

Momenti di poesia. La mia poesia, di Amos Grilli

La mia poesia.

Non è avvezza.
a far smancerie all’amore
eterno
o alla bellezza
della vita
non fa di una rosa
il più bel fiore
ne del giglio la purezza
non prende essenza
da baciate rime
che con dolcezza
dolore
e sofferenza
han legame.
Non è alchimia tra realtà
e sogno
di felicità
non ha mania
e la notte non è preludio
di speranza
del nuovo giorno.
Non plaude a sorrisi
e a sentimenti
mascherati dall’ipocrisia
dei falsi
che illusi e ignoranti
fa contenti.

Amos.

Acqui Terme, un denunciato per truffa

Acqui Terme, un denunciato per truffa

I Carabinieri della Stazione di Acqui Terme hanno denunciato in stato di libertà, con l’accusa di truffa, un 61enne foggiano, già residente nel cuneese.

Carabinieri ok

L’attività iniziava a seguito di una querela sporta da un cittadino acquese che lamentava di aver aderito all’offerta di vendita di un paio di scarpe su un noto sito internet di e-commerce. Purtroppo, secondo un ormai abituale clichè, dopo aver provveduto al pagamento dell’oggetto il pacco con quanto acquistato non gli era mai pervenuto.

Tuttavia, a differenza di tanti altri casi simili in cui il reo faceva perdere le proprie tracce, in questo i contatti tra la vittima e il truffatore proseguivano, e, in tale contesto, il 61enne, iniziava a lamentare le proprie difficili condizioni di vita e di salute, raccontando, falsamente, di avere grandi problemi economici. In questo modo, nell’arco di poche settimane, riusciva a farsi corrispondere oltre 9500 euro, finche’, accortosi di essere stato raggirato, l’acquese sporgeva regolare denuncia querela.

Gli accertamenti successivi dimostravano così che il 61enne non era affatto malato e che, con quella scusa, aveva impietosito la controparte, raggirandola.

Il Sottosegretario di Stato alla Giustizia in visita a Palazzo Comunale, accolto dal Sindaco di Alessandria

Il Sottosegretario di Stato alla Giustizia in visita a Palazzo Comunale, accolto dal Sindaco di Alessandria

Il Sindaco della Città di Alessandria ha accolto  a Palazzo Comunale il Sottosegretario di Stato alla Giustizia Jacopo Morrone per una breve visita di carattere istituzionale.

visita IMG_3075.JPG

Il Sottosegretario Morrone è stato precedentemente impegnato nel corso della giornata odierna in una visita sia del Carcere di San Michele che del Carcere di piazza Don Soria di Alessandria.

Durante l’incontro con il Sindaco, il Sottosegretario ha avuto modo di confrontarsi con il Primo Cittadino di Alessandria sulle peculiarità, sugli aspetti positivi e sulle criticità dei due carceri alessandrini, senza dimenticare la questione legata all’organico e all’esigenza di dotare le due strutture carcerarie di personale numericamente idoneo a svolgere al meglio il servizio nei confronti della popolazione carceraria: un servizio che deve rimanere coerente non solo alla dimensione della doverosa espiazione della pena, ma anche a quella di offrire opportunità di rieducazione e reinserimento dei detenuti nel contesto della società civile. Continua a leggere “Il Sottosegretario di Stato alla Giustizia in visita a Palazzo Comunale, accolto dal Sindaco di Alessandria”

Buon 1 Maggio, poesia di Lia Tommi

Lavoro è
autostima,
valore sociale,
dignità,
sogni e progetti
realizzabili.
Lavoro pesante,
lavoro malpagato,
lavoro precario,
lavoro senza diritti,
lavoro senza più vita
propria,
lavoro negato
perché sei una donna,
lavoro alienante,
lavoro che ti allontana
dalla famiglia,
lavoro che non c’è…
Oggi e sempre
non vada perso il diritto
a un lavoro giusto ed equo
senza discriminazioni,
umano e sicuro.
Non è vita
non si può essere felici
senza un lavoro.

Buon 1 maggio da Lia Tommi.

facebook_1556713967345

Traduzioni e le sue difficoltà, di Yuleisy Cruz Lezcano

Mi chiedo come si può valutare la qualità di una traduzione se non c’è il testo tradotto a fronte?
Credo che i libri tradotti che presentano i due testi abbiano qualche requisito di qualità in più.
Secondo me la traduzione è un’attività interdisciplinare, perché serve non solo per conoscere una lingua, per fare conoscere autori, ma anche come attività didattica e autodidattica.

img-20190429-wa0016.jpg


La traduzione è, a tutti gli effetti, una professione che richiede eccellente perizia, serietà e ricerca, oltre al fatto che per il poeta che traduce un altro poeta, la traduzione, è vissuta come una sensibilità esistenziale. Per il poeta al centro della traduzione non c’è soltanto la riflessione originale del tema e della letteralità nel tradurre, ma il poeta che traduce un altro poeta, vive una nuova storia, si cala nelle emozioni di un altro autore e cerca con lui una fedeltà, un legame a doppia fiamma: linguistico ed esistenziale.


Vorrei partire dall’idea che non è possibile parlare di traduzione, in senso stretto, quando si mira alla semplice restituzione del significato letterale linguistico, alla semplice ricerca di equivalenti, senza scontrarsi integralmente con il peso corporeo della scrittura. Tuttavia la letteralità viene spesso confusa con “calco servile” e così si perde l’integrità musicale e lessicale, oltre che lo stile e le emozioni originali.

Tradurre è raccogliere un testo da una riva e portarlo a un’altra riva, ma non con l’intento di tradire, ma con le buone intenzioni di dargli un’altra vita.

Quando traduco i testi, io mi innamoro di loro attraverso la loro etimologia, da lì cerco di salvare l’amore di chi crea, e nel rispetto di chi ha creato, in punta di piedi e senza eccessiva invadenza. Continua a leggere “Traduzioni e le sue difficoltà, di Yuleisy Cruz Lezcano”

Tortona: Week End di controlli dei Carabinieri. Un arresto e una denuncia

Tortona: Week End di controlli dei Carabinieri. Un arresto e una denuncia

I Carabinieri del Comando Compagnia di Tortona, nel corso dei predisposti servizi del fine settimana hanno arrestato un uomo, denunciandone  un altro, in due distinti episodi.

Carabinieri ok

L’arresto di B.R., italiano 68enne è avvenuto la sera di sabato a Viguzzolo. L’uomo, del quale si sono già recentemente occupate le cronache a seguito del danneggiamento dell’autovettura della nuora a colpi di badile, si è presentato nuovamente presso l’abitazione del figlio, iniziando a inveire, ingiuriare e minacciare la moglie che si era recata in visita ai famigliari.

Non pago, il 68enne ha incominciato a lanciare oggetti e danneggiare alcuni vasi: veniva così richiesto l’intervento dei militari dell’Arma, i quali una volta giunti sul posto hanno sentito i testimoni e ricostruito la dinamica degli eventi che, collegati  a quelli precedenti, hanno permesso loro di dichiarare l’uomo in arresto, ritenendolo responsabile di “maltrattamenti in famiglia”, traducendolo alla casa Circondariale di Alessandria, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Continua a leggere “Tortona: Week End di controlli dei Carabinieri. Un arresto e una denuncia”

Lino Balza: Davide e l’eredità di Francesca

Lino Balza: Davide e l’eredità di Francesca

balza-lino2.jpg

Alessandria: Leggo che Davide Buzzi Langhi si definisce “orgoglioso erede di Francesca Calvo.” Su Il Piccolo scrissi un elenco delle memorabili imprese della sindaco in otto anni di Giunta. Il titolo “Assurdo la Calvo candidato ulivista” non fu mio, io avevo suggerito: “Mica tanto assurdo la Calvo candidata ulivista” in quanto mi riferivo  alle dichiarazioni dell’inossidabile Gianni Ghè, segretario cittadino dei DS che avrebbero inteso la Calvo in appoggio all’ex parlamentare Renzo Penna quale candidato sindaco 2002. Di seguito, quanto pubblicò Il Piccolo.

1994. Francesca Calvo, avvalendosi della facoltà concessa a liberi professionisti, si raddoppia lo stipendio di sindaco, per questo subirà un processo da cui uscirà assolta per aver dimostrato di essere subagente di una agenzia assicurativa di Asti.

Testimone a favore della Calvo nel processo è l’ex sindaco socialista Giuseppe Mirabelliche più avanti sarà premiato direttore delle municipalizzate Amiu (rifiuti urbani) e Ata (teatro). 1995.

Continua a leggere “Lino Balza: Davide e l’eredità di Francesca”

Festa del lavoro, ma per i disabili un po’ meno: solo il 20 per cento dei disabili è occupato, di Valter Scarfia

Posto un trafiletto da il “redattore sociale” e aggiungo alcune considerazioni a margine.
Il mondo della disabilità è molto sfaccettato e articolato. In parecchi e in parecchie circostanze abbiamo potuto dimostrare che, messi in condizione di operare, possiamo dare il nostro contributo alla società. E allora perchè continuano a persistere questi pregiudizi? Cosa hanno di diverso le donne dagli uoumini nel campo lavorativo, e cosa avranno poi di diverso le donne disabili dalle donne normali? Certamente, la festa del lavoro per i disabili è meno festa che per gli altri e lo capirete anche da questo articolo.

Redattore Sociale del 30.04.2019

Festa del lavoro, disabilita’ esclusa: meno del 20% ha un impiego

Denuncia della Fish: la presenza di limitazioni funzionali continua ad esercitare un forte impatto sull’esclusione dal mondo lavorativo. Circa il 70% delle persone con disabilità è inattiva. E la situazione è più grave per le donne. Falabella: “Si emanino presto Linee guida per il collocamento mirato”.

ROMA. La Festa del Lavoro non è per tutti: secondo l’Istat, meno del 20% delle persone con disabilità tra i 15 e i 64 anni risulta occupata. Lo ricorda la Fish, alla vigilia del Primo maggio, evidenziando anche che la quota degli inattivi appare più che doppia tra le persone con disabilità rispetto a quella osservata nell’intera popolazione (quasi il 70% contro circa il 31%). La situazione si aggrava se alla condizione di disabilità si aggiunge anche la differenza di genere: le donne con disabilità risultano più discriminate nel mondo del lavoro sia rispetto agli uomini con disabilità, sia nei confronti delle altre donne senza disabilità.

Quanto alle condizioni di lavoro, l’Ottava Relazione al Parlamento sull’applicazione della legge 68/99 rileva che “i rischi a cui sono esposte le persone con disabilità riguardano l’assunzione con i contratti di lavoro precario e l’attribuzione di basse qualifiche”. E’ evidente, per la Feish, che ci sia una “urgente necessità di modificare le politiche, i servizi, gli incentivi, i controlli per una reale inclusione lavorativa”. A partire dall’emanazione delle Linee guida per il collocamento micrato, come ricorda il presidente della Fish Vincenzo Falabella, “previste dal decreto legislativo 151/2015, uno strumento di indirizzo essenziale. Ma manca anche un’altra importante attuazione di quello stesso decreto – aggiunge: la costituzione della Banca dati sul collocamento, strumento fondamentale per il controllo e per le politiche attive. Entrambi gli atti spettano al Ministero del Lavoro cui FISH si rivolge ancora una volta per sollecitarne l’adozione. Si ricerca e richiede inclusione anche per uscire dal ghetto dell’assistenzialismo – conclude – Si invoca una cultura nuova fondata sui diritti umani e sulle pari opportunità, una visione che produca effetti reali e ricadute concrete sulle condizioni di vita di migliaia di persone con disabilità”.

I vincitori del concorso “Alimentazione nel carrello della spesa” premiati con la visita alle fattorie didattiche di Agriturist

I vincitori del concorso “Alimentazione nel carrello della spesa” premiati con la visita alle fattorie didattiche di Agriturist

Corso “Insegnanti a scuola di alimentazione”

Alessandria: Lunedì 6 maggio nell’aula magna dell’I.C. Galileo Galilei di Alessandria avrà luogo la premiazione del concorso “Alimentazione nel carrello della spesa”, che conclude l’edizione 2018/2019 del corso “Insegnanti a scuola di alimentazione”.

I vincitori.png

La terza edizione del concorso era aperta ai partecipanti al corso (riconosciuto ai fini della formazione docenti) organizzato da Agriturist Alessandria, Confagricoltura Alessandria, ASL AL, Università del Piemonte Orientale e Istituto Comprensivo Galilei di Alessandria con il patrocinio dell’Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte – Ambito Territoriale di Alessandria.

“Il tema di quest’anno era ‘Le sane abitudini alimentari a scuola’. Con questo abbiamo inteso premiare buone pratiche, opportunamente documentate in formato digitale, svolte dagli insegnanti con gli alunni a partire dalla lettura delle etichette delle merendine e delle bevande consumate nell’intervallo. Il nostro obiettivo finale, come sempre, è una visibile ricaduta del percorso formativo sull’attività didattica svolta in classe” hanno dichiarato gli organizzatori. Continua a leggere “I vincitori del concorso “Alimentazione nel carrello della spesa” premiati con la visita alle fattorie didattiche di Agriturist”

I DOLCI PASTICCI DI LEONARDO, di Simona Bertocchi

I DOLCI PASTICCI DI LEONARDO, di Simona Bertocchi

SINOSSI

Ascanio Righi lavora da anni in una piccola pasticceria nel paese toscano di Vinci, gli affari vanno bene e i proprietari pensano che sia arrivato il momento d’ingrandire l’attività e trasferirsi nella più grande Firenze.

IMG-20190425-WA0013.jpg

La pasticceria, secondo le leggende, sorge dove secoli prima vi erano il forno e il mulino di famiglia di Leonardo Da Vinci e, sempre secondo le leggende, si dice anche che il suo patrigno, Piero Buti del Vacca, detto l’Accattabriga, fosse anche un talentuoso e fantasioso pasticcere.

Nel ripulire la vecchia sede e trasferire attrezzature e forniture in città Ascanio trova un antico diario ingiallito con la copertina di cuoio, ormai seccata. Le pagine, seppur ridotte a un velo, sono ancora leggibili. All’interno sono annotati pensieri confusi, conteggi delle entrate e delle uscite, tracce di disegni e diverse ricette di dolci. Sono ricette ben strane!

A leggere quanto scritto avevano il potere di riconquistare un amore, ritrovare la speranza, concludere una vendetta, sposare una persona influente e tanto altro ancora. Oltre agli ingredienti dai sapori originali, anche la forma non era comune: i dolci erano modellati in forme auree dove spirali e linee geometriche frattali si ripetevano per trasmettere energia all’infinito. Continua a leggere “I DOLCI PASTICCI DI LEONARDO, di Simona Bertocchi”

BUON VIAGGIO

Hechìzo VP

Il tuo cammino non  è fatto di passi; è un unico passo. Le molteplici immagini che compongono il viaggio producono un solo risultato: tu adesso, irripetibile; e basta un solo passo per cambiare la direzione di tutto il viaggio che è fatto di direzioni e non di mete.

Sebbene composto di gocce indistinguibili – delle più diverse forme e dimensioni – esiste solo il mare. 

Distogliendo lo sguardo dai passi puoi riuscire a vedere la direzione di quel singolo, unico passo che è la vita stessa e contemplarne l’orizzonte.

Il frammento spiega se stesso e non l’insieme, mentre l’insieme dispiega tutti i possibili significati del frammento. Da adesso buon viaggio, ma solo fino adesso. E poi buon viaggio.

VIANDANTE, SONO LE TUE IMPRONTE

IL CAMMINO, E NIENTE PIU’,

VIANDANTE, NON C’E’ CAMMINO,

IL CAMMINO SI FA ANDANDO.

ANDANDO SI FA IL CAMMINO,

E NEL RIVOLGER LO SGUARDO

ECCO IL SENTIERO CHE MAI

SI TORNERA’ A RIFARE.

VIANDANTE, NON C’E’ CAMMINO,

SOLTANTO SCIE SUL MARE.

(Antonio Machado)

http://www.hechizovp.blogspot.com

Stefano Gabriele: Convegno “Maglia etica antidoping”

Stefano Gabriele: Convegno “Maglia etica antidoping”

Novi Ligure: Nell’anno delle celebrazioni del centenario di Fausto COPPI questa Amministrazione organizza per il giorno 6 maggio alle ore 11.00 presso il Museo dei Campionissimi un convegno dal titolo “Maglia etica antidoping, un simbolo per la correttezza e la lealtà nello sport nel solco dei valori vincenti di Fausto Coppi”.

Balduzzi.png

Il convegno sarà introdotto dal prof. Renato Balduzzi, docente di Diritto Costituzionale, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

Fungeranno da relatori il generale Adelmo Lusi, comandante nazionale Carabinieri dei N.A.S. – Nuclei Antisofisticazione e Sanità ed il prof. Gianfranco Beltrami, vicepresidente vicario Federazione Medico Sportiva Italiana e delegato F.M.S.I. per l’antidoping.

Invito convegno antidoping.jpg

Il convegno è realizzato per i giovani sportivi della città.

Confidando in una Vostra partecipazione, si porgono cordiali saluti. L’evento è patrocinato dal CONI.

L’Assessore allo Sport Stefano Gabriele

Gioanola. Casale, i quartieri, le frazioni: Borgo Ala e Stazione

Gioanola. Casale, i quartieri, le frazioni: Borgo Ala e Stazione

Casale Monferrato: Al Mutuo Soccorso Luca Gioanola insieme ai candidati delle liste della coalizione “Casale nel Cuore – meglio Gioanola Sindaco” ha incontrato i cittadini di Borgo Ala e Stazione, nel secondo dei 14 incontri nei quartieri e nelle frazioni pianificati.

borgo-ala_1.jpg

Come a Roncaglia, è stata proposta la formula di sedersi tutte e tutti in cerchio. In questo clima è subito partito un dialogo appassionato che he messo in rilievo tanta speranza da parte dei cittadini di vedere il proprio quartiere rinnovato negli aspetti urbani, nella manutenzione delle strade e dei marciapiedi, nel decoro, nella pulizia. Un quartiere rilanciato con una mobilità più sicura, fruibile, priva di barriere; con maggiori servizi; con rigenerate relazioni e una ritrovata identità. Continua a leggere “Gioanola. Casale, i quartieri, le frazioni: Borgo Ala e Stazione”

Farello. ANPI: iniziativa con Cristina Cattaneo

Farello. ANPI: iniziativa con Cristina Cattaneo

Casale Monferrato: Sabato 4 maggio alle ore 16.00 in Viale Lungo Po Gramsci n.10 la dottoressa Cristina Cattaneo, professoressa ordinaria di Medicina Legale presso l’Università degli Studi di Milano e direttore del LABANOF, verrà intervistata dalla giornalista Marina Maffei sul suo ultimo libro dal titolo “Naufraghi senza volto”, edito da Raffaello Cortina Editore.

Naufraghi senza volto.jpeg

Il libro tratta del lavoro portato avanti dalla dottoressa Cattaneo e dai suoi colleghi e colleghe per cercare di dare un “nome” alle tante persone che perdono la vita nell’attraversata del Mediterraneo.

Dare un nome a quei/quelle naufraghi/e significa non solo restituire loro la propria identità, ma anche aiutare i vivi, ossia i familiari, ad elaborare il lutto. Dare loro un nome significa, inoltre, trattare quelle vite perdute come tratteremmo quelle dei nostri cari superando barriere e pregiudizi che avvelenano le nostre società.

L’iniziativa è organizzata da ANPI, CGIL, CISL, UIL, AVIS, SCOUTS, LEGAMBIENTE, ME.DEA, MIGRANTES, E-FORUM con la collaborazione della Libreria Coppo.

Gabriele Farello

Presidente ANPI Casale Monferrato

Ricordo del Bombardamento del Cristo. Gli amici del Museo della Gambarina leggono Giovanni Rapetti

Ricordo del Bombardamento del Cristo. Gli amici del Museo della Gambarina leggono Giovanni Rapetti

Alessandria: L’occasione del 75esimo anniversario del bombardamento alleato sul quartiere Cristo di Alessandria, in cui perirono 239 persone, è stata propizia alla lettura di una lunga poesia in vernacolo di Giovanni Rapetti, artista, poeta alessandrino di ricercati componimenti, che hanno trovato particolari riconoscimenti in città e non solo.

Elena e Chaco leggono Rapetti.jpg

Giovanni Rapetti, testimone oculare del bombardamento del 30 aprile 1944, racconta con trasporto ed emozione quei momenti e il 30 aprile 2019, su iniziativa del Consigliere Giuseppe Bianchini, è toccato a Elena Garneri Ulandi e a Vincenzo Chaco Marchelli presentarsi davanti alle autorità e ai bambini della scuola elementare Zanzi per offrire la loro interpretazione a due voci e bilingue (dialetto alessandrino e italiano) della poesia “Trenta d’avrì quarataquater”.

La lettura è stata particolarmente emozionante ed è avvenuta sul piazzale della scuola Zanzi, laddove è stata posta, nel 2011, una targa che ricorda i tragici fatti della seconda guerra mondiale. Nel silenzio e nell’attenzione più assoluti degli astanti, i versi di Rapetti hanno consentito la rievocazione dei fatti e la riproposizione di quei sentimenti di rabbia e di impotenza che hanno caratterizzato quei momenti e che non si sono voluti dimenticare. Continua a leggere “Ricordo del Bombardamento del Cristo. Gli amici del Museo della Gambarina leggono Giovanni Rapetti”