Casale, i quartieri, le frazioni: Terranova, di Lia Tommi

ELEZIONI AMMINISTRATIVE COMUNALI – CASALE MONFERRATO – 26 MAGGIO 2019
Casale nel Cuore – meglio Gioanola Sindaco
“La mia Casale, la nostra Casale è soprattutto nel cuore”
LUCA GIOANOLA – CANDIDATO SINDACO DELLA COALIZIONE DI CENTROSINISTRA E DELLE LISTE CIVICHE

Casale, i quartieri, le frazioni: Terranova

Un’ottima risposta da parte della comunità di Terranova al terzo dei ben 14 incontri nei quartieri e nelle frazioni proposto da Luca Gioanola insieme ai candidati delle liste della coalizione “Casale nel Cuore – meglio Gioanola Sindaco”.

Una tavola rotonda molto partecipata dove si è entrati nel merito delle questioni, delle problematiche e delle opportunità per la cittadinanza di Terranova.

Si sono affrontate in un susseguirsi di tanti appassionati interventi sia le esigenze più piccole e quotidiane sia criticità e opportunità più grandi: le condizioni di abbandono dell’edificio della ex-scuola, il traffico veicolare pesante in transito anche se non consentito, il sistema di raccolta rifiuti, la manutenzione del parco, la pulizia e il decoro, la sicurezza stradale e l’illuminazione, i marciapiedi da realizzare, i trasporti con la città da migliorare. Su tutto si è parlato di disuguaglianza, di solitudine, di un impoverimento progressivo delle relazioni e dell’identità della comunità. In Terranova mancano le occasioni, i luoghi e gli spazi per stare insieme. Per questo sono state particolarmente benvenute da parte della comunità di Terranova le proposte del candidato sindaco Luca Gioanola e dei candidati consiglieri di “Casale nel Cuore – meglio Gioanola Sindaco” dei progetti “Comitati Civici”, “Adottiamo una Via”, “Operatori di quartiere”, di impegno in una riqualificazione urbana e di progettazione di una nuova mobilità cittadina che parta dalle reali esigenze di risoluzione dei problemi di disuguaglianza e solitudine.

Gli incontri pubblici proseguono vivaci, il 3 maggio, con i cittadini di Santa Maria del Tempio, nei locali dell’Oratorio e il 5 maggio, alle ore 18, l’appuntamento sarà al Bar Sant’Anna, insieme ai cittadini dei quartieri Agro-Callori e Sant’Anna.

Settimana di studi sulle Autonomie locali; di Lia Tommi

Apre il 6 maggio ad Alessandria l’XI Settimana di studi sulle Autonomie locali
Tema dell’edizione 2019 “Regioni, enti locali e ambiente”

Si terrà dal 6 al 10 maggio l’ormai tradizionale Settimana di studi sulle Autonomie locali, che nel 2019 giunge all’undicesima edizione.

Promossa dal Dottorato di ricerca in autonomie locali dell’Università del Piemonte Orientale, la Settimana affronta quest’anno il tema della protezione dell’ambiente, con particolare riferimento ai poteri e alle responsabilità delle Regioni e degli enti locali.

“Questione ‘glocal’ per eccellenza – ha dichiarato Renato Balduzzi, professore ordinario di diritto costituzionale nell’Università Cattolica del Sacro Cuore e responsabile scientifico del DRASD – la tutela ambientale è tra le politiche pubbliche che più sollecitano la cooperazione fra livelli di governo, sul piano sia nazionale sia internazionale, che più implicano la collaborazione tra saperi diversi, che più necessitano di attenzione da parte tanto dei grandi attori dell’economia globale nell’elaborazione delle proprie strategie quanto dei singoli cittadini nell’adozione dei comportamenti quotidiani. Le autorità statali e locali vivono spesso una faticosa tensione tra problemi strutturali da affrontare con una prospettiva di lungo termine ed emergenze che richiedono risposte immediate, entro una dinamica in cui le seconde sono quasi sempre la conseguenza di ritardi e rinvii nelle soluzioni dei primi”.
In questo quadro, la Settimana intende dare un contributo sia alla riflessione scientifica nel proprio ambito elettivo, quello del diritto pubblico, sia al dibattito sul territorio di riferimento, in dialogo con le istituzioni e le organizzazioni economiche e sociali.

Si parte lunedì 6 maggio (ore 15, Palazzo Borsalino, Alessandria) con la prolusione affidata ad uno dei più accreditati (e dei più noti) studiosi italiani dei fenomeni meteorologici e climatici, Luca Mercalli, presidente della Società Meteorologica Italiana.
Preceduta dai saluti del magnifico rettore dell’Università del Piemonte Orientale, Gian Carlo Avanzi, del sindaco di Alessandria, Gianfranco Cuttica di Revigliasco, del prefetto di Alessandria, Antonio Apruzzese, del presidente della Provincia di Alessandria, del presidente della Società italiana di Diritto sanitario, Gian Paolo Zanetta, del direttore del Dipartimento di Giurisprudenza e Scienze politiche, economiche e sociali, Salvatore Rizzello, la prolusione aprirà un programma che si distingue anche quest’anno per qualità e intensità.

Martedì 7 maggio (ore 10, Palazzo Ghilini, Alessandria) la situazione ambientale della provincia di Alessandria sarà al centro di un convegno che vede la partecipazione di studiosi delle scienze ambientali, esponenti delle istituzioni, responsabili delle amministrazioni e delle organizzazioni economiche del territorio, i quali saranno chiamati a confrontarsi con un titolo impegnativo: “La provincia più inquinata d’Italia? Cerchiamo di capire se è vero”. Dopo i saluti del presidente della provincia di Alessandria e del direttore del DISIT-Dipartimento di scienze e innovazione tecnologica dell’Avogadro, Leonardo Marchese, interverranno, nell’ordine: Claudio Coffano (Direzione Ambiente della Provincia di Alessandria); Alberto Maffiotti (ARPA Piemonte); Chiara Bisio, Enrico Ferrero, Guido Lingua (DISIT); l’assessore all’Ambiente della Regione Piemonte; Paolo Borasio (assessore all’Ambiente del Comune di Alessandria); Susanna Cichero (Confindustria); Marco Ciani (Cgil-Cisl-Uil); Mauro Bressan (Amag). Concluderanno Balduzzi e Mercalli.
Seguirà nel pomeriggio (ore 15, Palatium Vetus, Alessandria) la presentazione di due volumi recentemente usciti per i tipi di Giappichelli: il nuovo manuale di Diritto delle autonomie locali, firmato da Roberto Di Maria, Andrea Pertici e Cristina Napoli; lo studio monografico sul diritto delle acque di Roberto Louvin, Aqua Aequa. Dispositivi giuridici, partecipazione e giustizia per l’elemento idrico.
Felice novità del 2019, la Settimana di studi visiterà anche due centri della nostra provincia, Tortona e Casale Monferrato, con due appuntamenti previsti rispettivamente per mercoledì 8 e giovedì 9 maggio.
“Si tratta – osserva Renato Balduzzi – di una innovazione assai importante nell’ottica di potenziare la consapevolezza che tutta la provincia di Alessandria è ormai parte del sistema universitario; e questa consapevolezza deve radicarsi sempre di più sia nel capoluogo sia negli altri centri del territorio provinciale”.
Il primo appuntamento vedrà l’intervento del sociologo Alessandro Rosina, direttore del dipartimento di Scienze statistiche dell’Università Cattolica e studioso di punta dei temi legati alla condizione giovanile e alla transizione scuola-lavoro. La lezione si terrà mercoledì 8 maggio dalle 10 alle 12 presso il Liceo “G. Peano” di Tortona sul tema “Giovani e ambiente: dati, analisi, prospettive”. Aprirà il saluto della dirigente scolastica, Maria Rita Marchesotti. Le conclusioni saranno affidate a Renato Balduzzi.
Giovedì 9 maggio, dalle 16,30-18,30, la sala consiliare del Comune di Casale Monferrato ospiterà una riflessione a più voci, a cavallo tra economia, filosofia, teologia e diritto, sui “Presupposti culturali della tutela dell’ambiente”. Dopo i saluti del sindaco di Casale Monferrato, del vescovo di Casale Monferrato, + Gianni Sacchi, del magnifico rettore dell’Università del Piemonte Orientale, Gian Carlo Avanzi, e l’introduzione di Renato Balduzzi, interverranno, nell’ordine: + Vincenzo Zani, arcivescovo, segretario della Congregazione per l’educazione cattolica; Riccardo Ghidella, dirigente industriale, presidente nazionale Ucid; Luciano Valle, filosofo dell’ambiente. Concluderanno Carla Rondano, presidente Ucid Casale Monferrato, e Jörg Luther, Università del Piemonte Orientale.

La Settimana terminerà venerdì 10 maggio ad Alessandria, tornando nella sala del Consiglio provinciale e aprendo lo sguardo al confronto dell’ordinamento italiano con altre realtà nazionali e con il diritto europeo e internazionale.
Dalle 9 alle 16,30 si terrà il convegno di studi “Regioni, enti locali e ambiente. Profili di diritto pubblico italiano e comparato”.
D’eccellenza il panel dei relatori: Paola Bilancia (Università di Milano); Luca Antonini (giudice della Corte costituzionale); Raffaele Bifulco (LUISS “Guido Carli”, Roma); Alain Boyer (Université de Toulon); Jörg Luther (Università del Piemonte Orientale); Mauro Renna (Università Cattolica del Sacro Cuore); Giulio M. Salerno (Università di Macerata); Rodrigo Mìguez Nùñez, Roberta Lombardi, Eugenio Bruti Liberati e Luca Geninatti Satè (Università del Piemonte Orientale).
Gli organizzatori della Settimana ringraziano la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria e la Fondazione Social per il sostegno dato all’iniziativa.

L’arte di non farsi soli, di Lia Tommi

Alessandria: Il gruppo politiche di genere in collaborazione con FLC , SPI CGIL e UIL , in preparazione del PRIDE del primo giugno, organizza una iniziativa sul tema della solitudine degli anziani e in particolare degli anziani appartenenti a categorie discriminate.
L’iniziativa, fortemente sollecitata dall’associazione Tessere le Identità, si terrà presso l’Istituto Saluzzo di Alessandria che parteciperà con alcuni alunni.

foto e pensieri sparsi

E crediamo di avere tempo ma è il tempo ad avere noi. Ci trascina una vita intera per i capelli come polpi moribondi in mano ad un pescatore, fino a quando i loro tentacoli non serviranno più a niente, come a noi le promesse finte. Le parole non dette per dirle poi, gli incontri rimandati per vedersi dopo, i domani diventati già passato prima di ancora di essere vissuti. È questo il momento perfetto per dirselo. Tacerselo è un rischio.

I papaveri sussurrano al tramonto © Wanda Lamonica .

View original post

“Atman Festival 2019” Live by Mantravine

Free Trip Downl Hop

ambient chillstep downtempo electronic happy psychedelic alternative rock ska upbeat world Singapore

Free Download (name your price):
https://mantravine.bandcamp.com/

Continue your visit to Free Trip Downl’Hop, More than 1000 publications:
https://freetripdownlhop.wordpress.com/
Notifications on fb:
https://www.facebook.com/freetripdownlhop/

View original post

Momenti di poesia. LA PERDITA, di Tiziana Valori

Momenti di poesia. LA PERDITA, di Tiziana Valori

LA PERDITA

Sul cell tengo Valeria: “Scusa, insisto”
ed è rabbiosa: “Giorgio è lì. Lo neghi?”
“Sei matta, Vale? Io Giorgio non l’ho visto.

Con lui è finita che saran tre mesi.
Sto con Antonio, adesso. Te lo passo?”
Sento lacrime assieme a nervi tesi

e a consolar mi metto la collega
per quell’accadimento che un po’ tutti
hanno subìto. Tanto a lei mi lega.

“Vale, quell’individuo non è mica
da matrimonio e penso ben sia stato
tu l’abbia perso prima che…” L’amica

s’è sganciata. La posso immaginare
disperata e infelice a più non posso.
Per me c’è Antonio e più non ho da amare

ma, un po’ decente e appena un tanto sveglio,
un qualsivoglia maschio respirante
di quell’infame pur sarebbe meglio.

Tiziana Valori

(Grazie a chi ha voglia e tempo di leggere. Se clicchi sulla foto a fianco al nome potrai visionare quanto ho postato finora sul gruppo)

Momenti di poesia. Ti raccolgo, di Rossana Angeli

Momenti di poesia. Ti raccolgo, di Rossana Angeli

Ti raccolgo.jpg

Ti raccolgo
di Rossana Angeli

Ti raccolgo
nella quiete
di un battito
del tempo
e ti tengo
stretto al mio cuore,
cerco di darti
tutto l’amore
che meriti,
tra rivoli di cielo
che spezzano
la vita con
il suo andare
veloce come un lampo.
Oh Amor mio, mentre
la vita corre
tu donami
un po’ del tuo amore
ed io saró il manto
verde che brilla di sole
nei tuoi occhi.

Momenti di poesia. Questa mattina… di Anna Fiorillo-Clavelli

Momenti di poesia. Questa mattina… di Anna Fiorillo-Clavelli

Buona domenicaquesta.jpg

Questa mattina
è la danza che
bussa nei miei pensieri.
La danza classica
è un’arte stupenda!
L’anima si libera,
al punto di volare
nel vuoto dell’aria,
come il vento,
liberando lo spirito
dalle delusioni,
lacrime,
dai dolori
che tormentano.
La danza è poesia,
è sorriso,
è felicità
è quel linguaggio universale che
non ha bisogno
di interpreti.
I ballerini hanno
il dono di saper
danzare, regalando
emozioni meravigliose.
Chi invece
non è ballerino ,
sono sicura che
con la fantasia
fa ballare l’anima.

Meravigliosa giornata
amici tutti
dal mio cuore ♥️
al vostro cuore ♥️

05/05/19
Anna Fiorillo
Clavelli

Ancora respirerai la vita.

Suoni diversi beccati sul mio cuore

Foto nikon rosanna fiori

Adoro stare qui circondata dalla pioggia
che rende il mio respiro più normale
nell’attesa che il sole distrugga l’inverno
e il campo si rivesta di verde fra i rami
ancora spogliati e grigi ogni mattino

il picchio risuona il suo verso
sui muri ingialliti della casa
tutto si ferma

e continua a vivere nel sogno della notte
questa mia lunga esistenza
che ho messo in attesa

avvamperà sotto la quercia questa estate
quando l’olivo fiorito scoppierà
e maturerà l’uva in grappoli accesi di sole
così meravigliosi e dolci d’ebbrezza

quando la sorseggerai a piccoli sorsi
ancora respirerai la vita e la sua illusione.

View original post

Se il senso della vita …

Suoni diversi beccati sul mio cuore

 Ho piantato cespugli di rose in giardino
nel terreno rosso d’argilla resteranno
stecchi senza colore fino a primavera
con l’apice a bacche e spine appuntite
cosparsi di pioggia autunnale
fra l’erbe misere affioranti nei solchi
tracciati sul campo d’olivi e l’odore
del legno bruciato affiora il mio unico
silenzioso canto come quello del picchio
assetato fra i rami contorti umidi
del mio bosco incantato dalla mia malinconia.
Se il senso della vita fosse semplice
come un battito d’ali o come il tuo battito
scoprirei la vita e ancora, la vita.

View original post

Se guardo nel ricordo

Suoni diversi beccati sul mio cuore

Quando per la prima volta ho visto la nostra casa, aveva l’aspetto del tempo passato, del tempo che distrugge, ma lascia la storia, del tempo che consuma, leviga, ammorbidisce, scolora…

Foto rosanna fiori

Se guardo nel ricordo
vedo finestre scricchiolanti
aperte sull’immensità dei campi
e sento i profumi dell’uva
scaldata dal sole
e vedo lo sfarfallio del verde degli ulivi
mossi dal vento.
Il silenzio della sera scendeva
come il sole rosso giù a valle
spezzato dal canto delle cicale
e dal ronzio stanco dei calabroni
intorno al glicine.

View original post

L’EROTISMO

"...e poi Letteratura e Politica"

donna che mostra calze e si volta

Quel che Philip Roth scrive, nel 1988, a p. 119 de I fatti, a proposito dell’intensità che gli è rimasta nelle vene… la casta, pulita intensità fanciulla della sua vita nel quartiere di Newark, dove imparò che essere se stessi è soprattutto non smettere col coraggio e con la gioia, quel che scrive lì è questo: mi era stato infuso “…un salutare appetito per il divertimento e la sperimentazione intellettuale”.

Ecco, con queste stesse parole di P. Roth io definisco cosa intendo per erotismo…un salutare appetito per il divertimento e la sperimentazione intellettuale. Una ricerca infinita, come aveva detto Bataille, che si spegne solo con la nostra fine. Una ricerca infinita che assomiglia all’amore ( se solo sapessi cos’è, e mi accontento di immaginarlo come una poesia scritta bene, il taglio di un abito che non fa una grinza, “tu che esci nuda dal bagno senza nemmeno notarmi” – questa è di…

View original post 1 altra parola

La “Tosca” a Casale Monferrato, di Lia Tommi

Casale Monferrato: TOSCA – VISSI D’ARTE, VISSI D’AMORE
di Ostinata Passione

Sabato 11 maggio 2019 alle ore 21,00 il gruppo artistico alessandrino Ostinata Passione presenta al Teatro Municipale di Casale Monferrato il musical “TOSCA – VISSI D’ARTE VISSI D’AMORE” con musiche di Giacomo Puccini e Lucio Dalla e la regia di ERMES BELTRAME. Presenta KATIA ISGRO’.
Il gruppo artistico Ostinata Passione questa volta ha deciso di devolvere parte dell’incasso all’Associazione PULMINO AMICO di Casale Monferrato, Un attività di volontariato che si occupa di trasporto volontario e gratuito di malati soprattutto oncologici verso i centri di diagnosi e cura regionali ed extraregionali.
In questa versione l’orologio del tempo della vicenda di Tosca – che ricordiamo ambientata nel periodo delle guerre napoleoniche – viene spostato in avanti collocandola nel 1939 all’indomani della firma del Patto d’Acciaio stretto tra l’Italia fascista e la Germania nazista. Il fulcro degli eventi narrati rimane comunque la storia d’amore tra la cantante Floria Tosca e l’artista Mario Cavaradossi contrastata dal malvagio Scarpia, qui trasformato in feroce ufficiale nazista. In questa innovativa versione vengono inseriti e mescolati più ingredienti che vanno dal teatro ai balletti non convenzionali, dal musical allo show e dove la melodia pucciniana ha modo di rivivere grazie alle due celebri romanze “VISSI D’ARTE” ed “E lucevan le stelle”. La scenografia è caratterizzata da un forte impianto geometrico e futurista e parte integrante ne sono i videoclip, foto artistiche e mostra fotografica realizzati da FABIO PIERI, che danno modo allo spettatore di entrare nello spazio temporale dell’opera.
In scena ALESSANDRA ARCA (Tosca) – GABRIEL BRAGGION (Cavaradossi) – GIANNI BRAGGION (Scarpia) – MONICA BURSI (Sidonia) – SEBASTIANO SICARDI (Angelotti) – RENATO RIZZA (Spoletta) – GIAMPIERO CAMPESE (ufficiale nazista) – CARMINE PASSALACQUA (Podestà) – ANTONELLO DAVITE (cardinale).
Coreografie e balletti: ALICE AMISANO
Ballerini: Alice Amisano e Valentina De Martini.
Trucco e parrucco: Monica Fracchia e Hair Style di Grazia Mangione
Roberta Fasolo con Ryan della Decima MAS cane da lavoro UD utilità e difesa.
Eleonora Grillone Aiuto regia.
Elsa de Leonardis nell’Arte per i quadri di scena.
Fonal Luci-audio
Ringraziamento speciale a tutte le comparse per l’ambientazione epocale ed i ragazzi della Easy Company 101: Fabio Arrobbio, Giancarlo Bonato, Fabrizio Cumugnan e la Partecipazione straordinaria del Military Advisor Mario Grassi e Roberto Biondi ed il suo gruppo.

In scena Silvia Agnolin, Francesca Alineri, Brigitte Castelli, Silvano Cappelletti, Monica Carraro, Katia Ciuccio, Elsa de Leonardis, Davide Garrone, Serena Givonetti, Gianluigi Gusmara, Alessandro Locci, Emanuele Locci, Grazia Mangione, Moreno Mantoan, Loredana Martino, Angelo Parrilla, Francesca Parrilla, Juan Pablo Polizzotto, Alice Ravelli, Teresa Saba, Paolo Villa.

Invito alla lettura (2)

"...e poi Letteratura e Politica"

alfabeto poli

…posso solo dire che, per me, è una lettura da crepapelle. Il testo esce (2013) quattro anni prima della scomparsa di questo incredibile giocoliere di parole e costumi. Lo pubblica Einaudi ed è curato da Luca Scalini, che si è divertito a raccogliere battute, gag, esternazioni, motti di spirito, profonde riflessioni, spesso, nascoste dentro una drammatica, ma felice, ironia…

“DIO. Anche se non ci credete, ditegli di sì, che gli fa tanto piacere” (p. 34)

“ITALIANO. In Italia non abbiamo neanche una lingua italiana, ma un romanzo con dei contadini comaschi che parlano fiorentino”. (p. 63)

“LEGAMI. …il matrimonio muore per la continua presenza del partner. Invece svolazzando qua e là c’è una varietà: l’uomo è onnivoro, non può mangiare solo una cosa” (p. 65)

“LETTERATURA. Sono sempre stato fidanzato con i libri, perché l’amore passa, ma l’arte rimane…”. (p. 66)

“LETTURE. …C’è più perfidia nei Fiori del male che in…

View original post 110 altre parole

Invito alla lettura (2)

"...e poi Letteratura e Politica"

alfabeto poli

…posso solo dire che, per me, è una lettura da crepapelle. Il testo esce (2013) quattro anni prima della scomparsa di questo incredibile giocoliere di parole e costumi. Lo pubblica Einaudi ed è curato da Luca Scalini, che si è divertito a raccogliere battute, gag, esternazioni, motti di spirito, profonde riflessioni, spesso, nascoste dentro una drammatica, ma felice, ironia…

“DIO. Anche se non ci credete, ditegli di sì, che gli fa tanto piacere” (p. 34)

“ITALIANO. In Italia non abbiamo neanche una lingua italiana, ma un romanzo con dei contadini comaschi che parlano fiorentino”. (p. 63)

“LEGAMI. …il matrimonio muore per la continua presenza del partner. Invece svolazzando qua e là c’è una varietà: l’uomo è onnivoro, non può mangiare solo una cosa” (p. 65)

“LETTERATURA. Sono sempre stato fidanzato con i libri, perché l’amore passa, ma l’arte rimane…”. (p. 66)

“LETTURE. …C’è più perfidia nei Fiori del male che in…

View original post 110 altre parole

Invito alla lettura (2)

"...e poi Letteratura e Politica"

alfabeto poli

…posso solo dire che, per me, è una lettura da crepapelle. Il testo esce (2013) quattro anni prima della scomparsa di questo incredibile giocoliere di parole e costumi. Lo pubblica Einaudi ed è curato da Luca Scalini, che si è divertito a raccogliere battute, gag, esternazioni, motti di spirito, profonde riflessioni, spesso, nascoste dentro una drammatica, ma felice, ironia…

“DIO. Anche se non ci credete, ditegli di sì, che gli fa tanto piacere” (p. 34)

“ITALIANO. In Italia non abbiamo neanche una lingua italiana, ma un romanzo con dei contadini comaschi che parlano fiorentino”. (p. 63)

“LEGAMI. …il matrimonio muore per la continua presenza del partner. Invece svolazzando qua e là c’è una varietà: l’uomo è onnivoro, non può mangiare solo una cosa” (p. 65)

“LETTERATURA. Sono sempre stato fidanzato con i libri, perché l’amore passa, ma l’arte rimane…”. (p. 66)

“LETTURE. …C’è più perfidia nei Fiori del male che in…

View original post 110 altre parole

LA VOGLIA

"...e poi Letteratura e Politica"

Come qualcosa che non ti aspetti

Come sei fatta tu: di grandi appetiti

Come son fatto io che mi aspetto di tutto

 

Lo sai vero? Lo sai: ci si è messa di mezzo la malizia

fra me e le tue gambe

Ci si è messo di mezzo l’azzardo e il coraggio

Fra i nostri cuori

Sopra la nostra pelle

 

Ah, questa voglia di femmina come aprire

un libro erotico a caso e a caso da lì prendere

due o tre parole

2 o 3 mica di più, tanto basta per viverci sopra

senza ritegno.

Perennemente e senza appello.

Senza giudizio di secondo o ultimo grado.

 

Sentirsi a casa fra quelle parole

con questa femmina che aveva dimenticato qualcosa

chissà dove, chissà in quale cassetto,

sì, che aveva dimenticato la voglia

ma che è rimasta femmina.

Sempre.

 

Nascosta in chissà quali segreti e paure e attese

aperta…

View original post 68 altre parole

…E MI SONO DETTO…

"...e poi Letteratura e Politica"

Mi sono detto una cosa banale e vitale

Mi sono detto che oggi è proprio un giorno

Che la vorrei nel letto

Navoni, qual è il giorno che non la vorresti lì

Qual è il giorno per non volere una donna così?

 

Mi sono detto che non ci sono femmine del Nord e del Sud

Mi sono ripetuto, come in una magistrale lezione,

come in un trattato sulla specie, che ci sono solo femmine.

Di due tipi

Quelle che fanno stare bene gli uomini

Quelle che li fanno scemi

Lei è del primo tipo

 

Mi sono detto che anche se non torna l’età della spavalderia

Mi sono detto che se anche non torna quella voglia di buttarsi via

Eh, mi sono detto che faccio bene a affidarmi alla mia malizia

Alla sua

 

Mi sono detto che qui e ora

Staremo in lotta e in pace

Staremo caldi…

View original post 7 altre parole

MI PIACCIONO LE FEMMINISTE… MALAFEMMINA

"...e poi Letteratura e Politica"

atotò

Eh, sì…ho detto sì…

Ho detto che mi piacciono le femministe

L’ho detto…sì l’ho detto a proposito dell’urlo

Eh, che cosa devo aggiungere?

In teoria, ma anche in pratica, non si dovrebbe…

Cos’è che non si dovrebbe?

Non si dovrebbe spiegare…tipo L’ora d’arte di Montanari

(o ci arrivi tu oppure lascia stare)

E che c’entra l’urlo?

C’entra perché l’arte erotica è arte…

E l’urlo?

E’ meglio, e loro lo sanno, dell’urlo in una piazza

(legittimo, hanno subito per secoli)

l’urlo (in un letto) a 2 piazze…a 3 piazze…

prima che nessuno ti offra più un letto

View original post

GALANTERIE

"...e poi Letteratura e Politica"

gftr0donna-leg-show0166-nylons-naughty-02

Ti ho mandato una canzone e

te la sei dimenticata.

Ti ho scritto 34567 poesie e

mi hai detto che me ne faccio.

Ti ho regalato una guepiere e

mi hai detto sei malato.

Ti ho prenotato un viaggio per quell’isola che sai e

mi hai detto ci ha già pensato un altro.

Ti ho vista in un privé e

mi hai abbaiato che ci fai tu qui.

Ti  ho presentato un proletario e

hai detto non è elegante.

Ti ho presentato un borghese e

mi hai detto sembra mio marito.

Ti ho fatto una foto e

hai detto e le altre?

Ti ho detto che ti adoro e

hai sputato una sentenza: dove sono i soldi?

E poi ti arrabbi se guardo una partita, faccio il bullo e

uso la playstation di un amico?

Cazzo, ma viva quelle là

View original post

DAVVERO L’AVRESTI PENSATO?

"...e poi Letteratura e Politica"

abc

Tu l’avresti mai pensato?

Dai, dì la verità!

L’avresti pensato…

Non ci posso credere.

L’avresti detto! Davvero?

Davvero avresti pensato che un uomo ti avrebbe

detto, un giorno, uno qualsiasi…

“Tu sei troppo…

sei troppo per una passeggiata

sei troppo per una sfilata

sei troppo per il mio cuore

sei troppo per un uomo solo…e…

…ed è poco, pochissimo una notte sola”

View original post

Premiazione di “Insegnanti a scuola di alimentazione”, di Lia Tommi

Alessandria: “INSEGNANTI A SCUOLA DI ALIMENTAZIONE” DOCENTI/SCUOLE PREMIATE

A conclusione del corso di formazione “Insegnanti a scuola di alimentazione” tenutosi nel periodo ottobre/novembre 2018, a cui è seguito il concorso per l’individuazione di buone pratiche, ringraziando i partecipanti per l’interesse dimostrato ed esprimendo soddisfazione per la qualità dei lavori presentati, comunichiamo , a nome di tutti gli organizzatori, i nominativi dei docenti, le cui classi saranno premiate con il voucher per una visita ad una fattoria didattica:

INFANZIA
ROTA MARIA GIUSEPPINA Scuola dell’infanzia “A. Menada” di Pecetto di Valenza Premio: voucher per visita a Cascina “La Fornace” di Alessandria

PRIMARIA
MORI CINZIA Scuola PRIMARIA “DON MINZONI” di Valenza
Premio: voucher per visita a Podere “La Rossa” di Morsasco

SECONDARIA DI I GRADO
ROBERTO FABIO Scuola secondaria di I grado “Parini” di Portacomaro
Premio: voucher per visita a Azienda agricola “La Pederbona” di Spinetta Marengo (AL)

SECONDARIA DI II GRADO
LAPENTA EGIDIO FRANCO I.I.S. SALUZZO – PLANA di Alessandria Premio: voucher per visita a Azienda “La Casaccia” di Ponzano

I docenti vincitori sono pregati di prendere contatti con la dott.ssa Rossana Sparacino al numero 0131 43151 per prendere accordi in merito alla visita alla fattoria didattica.

La cerimonia di premiazione si svolgerà il 6 MAGGIO 2019 alle ORE 17 presso l’AULA
MAGNA dell’I.C. GALILEI.
A partire da tale data saranno scaricabili dalla piattaforma SOFIA gli attestati di partecipazione, previa compilazione del questionario online di fine corso.
Il 6 maggio verranno anche consegnati, brevi manu, gli attestati cartacei ai docenti a tempo determinato, non iscritti su SOFIA.

Le migliori buone pratiche scaturite dal concorso saranno oggetto di pubblicazione in una raccolta che verrà presentata all’inizio della nuova edizione del corso del prossimo anno scolastico.

Il 6 maggio, durante la cerimonia, verrà presentata la pubblicazione “Grappolina e l’alimentazione” contenente i migliori lavori dello scorso anno .

La stessa pubblicazione verrà presentata al Salone Internazionale del Libro di Torino il 9 maggio alle ore 12 in Sala Arancio.

Casale, i quartieri, le frazioni: le persone nel cuore. di Lia Tommi

ELEZIONI AMMINISTRATIVE COMUNALI – CASALE MONFERRATO – 26 MAGGIO 2019
Casale nel Cuore – meglio Gioanola Sindaco
“La mia Casale, la nostra Casale è soprattutto nel cuore”
LUCA GIOANOLA – CANDIDATO SINDACO DELLA COALIZIONE DI CENTROSINISTRA E DELLE LISTE CIVICHE

Casale, i quartieri, le frazioni: le persone nel cuore

La coalizione “Casale nel Cuore – meglio Gioanola Sindaco” ha definito il fitto calendario degli incontri itineranti nei quartieri e nelle frazioni: gli incontri utili con i cittadini.

Un’altra tessera del puzzle della grande mobilitazione messa in atto da Luca Gioanola, candidato sindaco, insieme alle quattro liste che fanno parte della coalizione: Casale Insieme, Partito Democratico, Progressisti per Casale, Casale Futura. Unitamente ai partiti e ai cinque gruppi che vi sono confluiti: Articolo Uno – MDP, Socialisti – Uniti per Casale, Patto con i Cittadini, Più Europa, Italia in Comune, e unitamente alla prevalente adesione di persone della componente civica che si sono avvicinate, sposando questo progetto, per la prima volta, all’attività politica cittadina.

Un altro passo, un’altra tessera che realizza sempre più quanto annunciato da Luca Gioanola nella conferenza stampa di inizio della campagna elettorale: “ogni giorno più incontri, ogni incontro una nuova tessere del puzzle”.

Così dopo le due cene promozionali, a Oltreponte e al Ronzone; le piattaforme web della coalizione e delle liste; l’apertura quotidiana sette giorni su sette della sede in via Roma 148; la presenza, tutti i sabati, nei Gazebi nel centro storico; gli incontri già in corso con associazioni ed enti; le due cene di promozione a Oltreponte e al Ronzone; ecco partire il fitto calendario di ben quattordici incontri pubblici dedicati interamente ai cittadini nei quartieri e nelle frazioni.

Luca Gioanola insieme ai candidati delle liste della coalizione “Casale nel Cuore – meglio Gioanola Sindaco” inizierà a incontrare i cittadini di Roncaglia, il 29 aprile, nella sede Proloco, ex Scuole, alle ore 21. Il 30 aprile toccherà ai cittadini di Borgo Ala e del quartiere Stazione e giardini, al Mutuo Soccorso, alle 21. Il 2 maggio si svolgerà l’incontro pubblico con la comunità di Terranova, al Centro Civico, alle ore 21. Il 3 maggio, ci sarà l’incontro con i cittadini di Santa Maria del Tempio, nei locali dell’Oratorio. Domenica 5 maggio, alle ore 18, l’appuntamento sarà al Bar Sant’Anna, insieme ai cittadini dei quartieri Agro-Callori e Sant’Anna. Il 6 maggio, si svolgerà l’incontro con la cittadinanza di Casale Popolo, presso il Centro Ricreativo Popolose, alle ore 21. Il 7 maggio, sarà la volta dei quartieri del Valentino e Priocco, che Luca Gioanola con i candidati incontreranno alla Scuola Dante. L’8 maggio, l’appuntamento sarà con i cittadini di San Germano, al Bar Centrale, alle 21. Il 9 maggio, alle ore 21, la coalizione si sposterà in collina, al Centro Civico ex Scuola di Vialarda, per incontrare le comunità di Rolasco e Vialarda. Il 10 maggio, si ritornerà, dopo la cena promozionale, al Circolo Amici di Oltreponte, per l’incontro pubblico con i cittadini di Oltreponte. Il 12 maggio, alle ore 21, presso la sede della coalizione, in Via Roma 148, si svolgerà il primo dei due incontri dedicati ai residenti del centro storico, zona Via Roma/Via Lanza verso Piazza Castello. Il 14 maggio ci sarà l’incontro pubblico con le comunità di Porta Milano e Nuova Casale, presso il Circolo Sporting Club. Il 15 maggio, si svolgerà il secondo incontro con i cittadini del centro storico, zona Via Roma/Via Lanza verso Piazza Battisti, alle ore 21, presso la sede della coalizione, in Via Roma 148. E il 16 maggio, alle ore 21, al Circolo Lavoratori Ronzonesi, si concluderà l’itinerario cittadino degli incontri pubblici, con il ritorno, dopo la cena promozionale del 27 aprile, al Ronzone.

Gli anziani non siano bancomat dello Stato, di Lia Tommi

Pensioni, ANP Cia: “Gli anziani non siano bancomat dello Stato”

C’era anche una delegazione di alessandrini all’assemblea nazionale ANP Cia – Associazione nazionale pensionati, svolta a Bologna, incentrata su pensioni, sanità e aree rurali, cittadinanza, anziani e società. Alessandria era rappresentata, tra gli altri, dal presidente provinciale Anp Vittorio Tallone. Fra i relatori ospiti: Paolo De Castro, Vicepresidente Commissione Agricoltura e Sviluppo rurale Ue; Elisabetta Gualmini, Vicepresidente e Assessore alle Politiche di welfare della Regione Emilia-Romagna e l’Onorevole Antonella Incerti, Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati.
Durante l’Assemblea, Anp-Cia ha espresso la sua preoccupazione per il perdurare della crisi economica, perché nella Legge di bilancio 2019 non si ravvisano scelte politiche capaci di rilanciare il Paese e far crescere l’occupazione, condizione fondamentale per rafforzare il welfare. Questo è confermato in particolare dalla “Pensione di cittadinanza” che il Presidente Anp-Cia, Alessandro Del Carlo, considera: “un provvedimento insufficiente e inadeguato”, chiedendone una profonda revisione “affinché gli aumenti relativi alle pensioni minime (attualmente 513 Euro) possano ricomprendere la totale platea degli agricoltori (700.000 circa), che ne sarà quasi interamente esclusa a causa dei criteri anacronistici previsti: 30.000 Euro di proprietà immobiliari e 6.000 Euro di mobiliari. Inoltre non si fa distinzione fra chi ha lavorato e versato i contributi e chi non lo ha fatto. Questa potrebbe essere un’ulteriore beffa dopo l’ultima riforma, che non ha incluso l’agricoltore tra i mestieri usuranti, impedendo l’accesso all’APE Sociale e obbligando molti a lavorare la terra oltre i settant’anni, senza creare il ricambio generazionale necessario nelle campagne italiane”.
Secondo Anp-Cia, le pensioni integrate al minimo di 513 Euro devono essere adeguate al trattamento minimo previsto dalla Pensione di cittadinanza e, comunque, non inferiore al 40% del reddito medio nazionale, come previsto dalla Carta Sociale Europea. Anche per quanto riguarda i nuovi pensionati, che hanno iniziato a lavorare in agricoltura dal 1° Gennaio 1996, Anp-Cia propone di istituire una pensione base di 650 Euro, cui andrà sommata la quota maturata con i contributi versati all’Inps negli anni di lavoro. Anp-Cia non condivide, inoltre, la norma contenuta nelle Legge di bilancio 2019, che disciplina l’indicizzazione delle pensioni sopra i 1.520 Euro lordi e propone l’adozione di un paniere che tenga conto dei reali consumi degli anziani, ovvero beni alimentari, trasporti, spese sanitarie e servizi.
Anp-Cia rileva, infine, come nelle politiche del Governo sia insufficiente la strategia in materia di Sanità e Servizi sociali, in particolare per ciò che riguarda i territori delle aree interne del Paese, non creando le condizioni per favorirne il rilancio e la competitività economica, la tenuta sociale e il ruolo fondamentale nella difesa del territorio. Commenta Vittorio Tallone: “L’auspicio è che le forze politiche operino con maggiore responsabilità, recuperando uno spirito positivo verso il Paese, anche attraverso l’apertura di un dialogo periodico e permanente con le Rappresentanze delle forze sociali, dalle quali arriva un’indicazione sulle problematiche autentiche delle persone e sulla ricerca delle soluzioni condivise”.

“FELICITA” TRILUSSA, di Silvia De Angelis

1-trilussa

 “C’è un ape che si posa
su un bottone di rosa:
lo succhia e se ne và…
Tutto sommato, la felicità
è una piccola cosa.”

trilussa felicità

Un piccolo cantico, che d’impatto potrebbe apparire solo inusuale per la sua brevità, ma che riletto attentamente, sa racchiudere un profondo significato, non agibile a tutti.

Infatti, in molti, non riescono ad essere appagati dalle piccole gestualità del quotidiano, che, nel loro insieme ci permettono di condurre una vita piuttosto agiata, fatta di comodità  e di tutti quei particolari che rendono gaie le ore del nostro giorno.

Gli individui, in genere, spesso sono alla ricerca di cose astruse, al di fuori della  loro portata, per appagare un ego incontentabile e insoddisfatto, causa spesso, di forme di depressione.

Eppure basta osservare l’intensità del cielo e del mare, per appropriarsi d’un’infinita gioia di vivere, accompagnata da tanti piccoli particolari del contorno, che nel loro insieme, ci permettono di condurre un percorso abbastanza soddisfacente e in grado di mettere da parte, l’energia necessaria, per superare quei momenti complessi che la vita, prima o poi, riserva.

Quindi , tornando ai versi del Trilussa, cogliamone il senso più appropriato, cercando di catturare quella felicità dell’attimo, che abbiamo a portata di mano (@Silvia De Angelis)

 

Da un racconto di Tonino Guerra, di Patrizia Caffiero

tonino guerra-5

“Da un po’ di tempo mi sembra che le indicazioni più importanti della mia vita arrivino dall’ignoranza; cioè da persone che per ragioni di povertà e di lontananza dai centri più importanti, sono carichi di una personale visione del mondo. Insomma molto vicini a una vita animale…
I loro chiarimenti per un vivere giusto sono il frutto di esperienze maturate nell’ambito del nucleo familiare e spuntano da tortuose riflessioni personali.
Consigli e intendimenti che fioriscono sotto tempeste d’acqua e di neve. Pensieri che si muovono nel fango ma restano piantati nel cervello.
E’ come quando trovi il languore di una tinta rosa inimitabile sulla crosta di un legno rotolato sulla spiaggia.
Cerco verità nascoste con sempre maggiore insistenza e magari qualcosa di luminoso che può arrivarmi da questa gente sottomessa anche al vento. “

Tonino Guerra, “Racconti”

As noites podem até ser longas. (Le serate possono essere lunghe)

As noites podem até ser longas

Por Negaadee em sexta-feira,

A vida nunca será um mar de rosas. Iremos nos decepcionar inúmeras vezes, mas isso não pode mudar aquilo que acreditamos. Todo mundo passa por momentos difíceis, seja lá qual for o motivo, todo mundo se sente triste em alguma fase da vida. Vai ter horas que você vai desejar chorar, que seu quarto será pequeno, e os lenços serão poucos para conseguir segurar o rio de lágrimas que escorrerão livremente pelo seu rosto, mas acredite, a melhor solução para a dor é essa.

Você não precisa ser forte o tempo todo, você pode se sentir fraco as vezes, e tudo bem. Olha, o tempo ajuda, mas não é ele quem cura! Você precisa começar a olhar aquilo que te magoa e tirar do centro da sua vida, precisa abrir mão de quem desejou partir sem você, precisa acreditar que sua saúde vai ficar boa, mesmo que tudo indique que não, Deus tem poder pra curar, tem poder pra levantar, e transformar, a gente só precisa crer, a gente só precisa confirmar que o melhor já está por vir.

As noites podem até ser longas, mas quando o sol vem com toda força e permissão, até os momentos difíceis serão motivo de gratidão, pois a gente reconhece que foi nesses momentos que fomos moldados e ficamos mais f

https://tedescrevi.com

As-noites-podem-até-ser-longas-@focuscada-e1556317115655.jpg

Le serate possono essere lunghe
Di Negaadee

La vita non sarà mai un mare di rose. Ci deluderemo innumerevoli volte, ma questo non può cambiare ciò in cui crediamo. Tutti attraversano momenti difficili, qualunque sia la ragione, tutti si sentono tristi ad un certo punto della vita. Ci saranno momenti in cui vorrai piangere, che la tua stanza sarà piccola, e le sciarpe saranno poche per contenere il fiume di lacrime che scorreranno liberamente attraverso il tuo viso, ma credimi, la migliore soluzione al dolore è questa.
Non devi essere forte tutto il tempo, a volte puoi sentirti debole, e va bene. Guarda, il tempo aiuta, ma lui non guarisce! È necessario cominciare a guardare a ciò che si fa male e prendere il centro della vostra vita, dover rinunciare a chi voleva andarsene senza di te, a credere che la vostra salute sarà buona, anche se tutto indica che no, Dio ha il potere di guarire, si è potere di crescere e trasformare, dobbiamo solo credere, dobbiamo solo confermare che il meglio deve ancora venire.
Le serate possono essere lunghe, ma quando il sole arriva con tutta la forza e il permesso, anche i tempi duri saranno motivo di gratitudine, perché riconosciamo che è stato in quei momenti che ci siamo plasmati e siamo diventati più f

https://tedescrevi.com

Mensagem sua (+18) di Mauro Garcia

Mensagem sua (+18)

Mensagem-sua-@black_and_white_picturesss-e1555870480888

Por Mauro Garcia

“Oi gatinho”
Mensagem sua
Peguei o celular
Quando você fala assim
Já sei… já sei
Que vem me provocar
Me deixar louco
Desse lado do celular
Com suas mensagens
Picantes, me falando
Tudo o que quer
Vem me maltratar
Por estar longe de você
Atiçar meu corpo
Sem ao menos me tocar
Você gosta, eu sei
Gosta de me ver
Assim, caidinho por você
Me manda “aquela” foto
Só pra dizer
Que tá pensando em mim
E que não consegue
Esquecer do meu corpo
Me excita,
Contando seus desejos
Fazendo o coração disparar
Saudade aperta,
Nem a distância
Pode apagar
O prazer que me dar
Só de pensar
Em nós dois
A se amar…

https://tedescrevi.com

Ramatuelle

Isabella Scotti

Allora   miei   cari,   tutti   rientrati   o   qualche   pazzerellone   ha   allungato   le   ferie   fino   a   domenica ?   Le   mie   sono   finite   ormai   da   qualche   giorno   e   come  promesso   vi   racconto   dove   sono   stata.   Prima  in   Francia , (  lo   sapete   ormai   da   tempo   che   ci   vado   da  trent ‘  anni   e   più ),   e   poi   a   Pasqua   ,   dopo   essere   tornati   e   subito   ripartiti,   in   Veneto.   Il   tempo   a   Cannes   non   è   stato   dei   migliori   ma   tutto    sommato   eravamo   attrezzati   anche  …

View original post 1.556 altre parole

Dopo le vacanze…

Isabella Scotti

Carissimi,   finite ,   sono   le   vacanze.   Visto   che   ho   un   mare   di   cose   da   fare,   per   non   farvi   rimanere   troppo   in   attesa   del   mio   resoconto   a   riguardo,   che   arriverà   appena   potrò   scrivere,   voglio   lasciarvi   lo   stesso   qualcosa.   Poesie   come   sempre ,   tanto   per   ricordarvi   di   me.   Vi   lascio   anche   però   un   grande   abbraccio   e   se   riuscirò   a   trovare   un   po’   di   tempo,   risponderò   a   chi   ha   lasciato   traccia   del   suo   passaggio   qui.   Auguro   a   tutti   una  …

View original post 559 altre parole

In luoghi abbandonati noi costruiremo con mattoni nuovi

Isabella Scotti

“In luoghi abbandonati noi costruiremo con mattoni nuovi”
NOTRE DAME, FIRE, PEOPLE

Notre Dame sarà ricostruita. Sì, ma per essere cosa? Un museo? Un monumento nazionale? Il poeta T. S. Eliot scrisse nel 1922 un testo profetico sul bisogno di costruire una Chiesa nel deserto del mondo moderno.

Ma vieni, non lasciare che perdiamo speranza nel mondo prematuramente; il mondo non è ancora stato ceduto alla diplomazia, alle combinazioni e alla scoperta di formule. Ci sono sempre i giovani, i devoti, gli entusiasti, che rompono le catene.

T. S. Eliot

Tra le migliaia di commenti che si sono scritti da quando le fiamme nella cattedrale di Notre Dame hanno catturato la scena sulle TV di tutto il mondo, uno mi ha colpito. Sosteneva che il cristiano era l’unico spettatore capace di dolore ma non di disperazione…

View original post 2.502 altre parole

Mia primavera

Isabella Scotti

Sei tu la Primavera che io aspettavo,
la vita moltiplicata e brillante,
in cui è pieno e perfetto ogni istante.

Sophia   de   Mello   Breyner   Andresen

Visualizza immagine di origine

meioambiente.culturamix.com

Aprendo   

la   finestra,

ho   notato

che   i   rami

del   pesco

son   tutti

in   fiore.

Anche   le   margherite

si   son   moltiplicate

tra   i   fili   d’ erba.

E   le   rondini

allora ?

Come   svolazzano

nel   cielo   terso…

sì   

è   sbocciata

Primavera.

Mai

me   ne   sarei 

accorta,

se   non   fosse

sbocciata

prima   in   me.

Sono   rinata,

come   i   fiori

e   tutta   

la   natura

che  

in   questa   stagione,

torna

a   vivere. 

Sono   rinata,

perchè

posso   girarmi

e   guardarti,

quando   ancora

sdraiato

sul…

View original post 99 altre parole

Qualche haiku d’amore e non solo

Isabella Scotti

”   Tu   sollevi   la   marea   su   di   me   ogni   giorno   ed   insegni   ai   miei   occhi   a   vedere   ”

Bob   Dylan

Visualizza immagine di origine

gruppi.chatta.it

Sguardi   d’intesa

mani   che   si   sfiorano

è   desiderio

Isabella   Scotti   marzo   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Visualizza immagine di origine

pinterest.es

Battito   cuore

aumenta   sempre   di   più

calda   passione

Isabella   Scotti   marzo   2019

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Ed   ora  haiku   dedicati   alla   natura

Visualizza immagine di origine

it.freepik.com

Api   volano

con   insistente   ronzio

fiore   cercano

Isabella   Scotti   marzo   2019

testo   :   copyright   legge  …

View original post 132 altre parole

I precursori della sinfonia

Isabella Scotti

A   Lipsia   esiste   un   manoscritto   del   XV   secolo   dove   si   legge   la   parola  ”  sinfonia  ”   sopra   un   brano   ”  per   tuba   ed   altri   strumenti   armonici  ”.   La   stessa   parola   dopo   questa   prima   volta,   si   ritrova   in   Luca   Marenzio,   uno   dei   più   famosi   compositori   della   sua   epoca,  definito   ”  il   dolcissimo   cigno   italiano  ”.

da   Wikipedia

Egli   chiama   ”  sinfonie  ”   alcuni   intermezzi   strumentali   inseriti   in   opere   vocali,   apparse   nel   1589.   Anche   altri   maestri   del   XVII   secolo   usarono   tale   parola   per  …

View original post 1.689 altre parole

Cucumber curry recipe🥒

LIBARAH

Hi everyone!!!

Instant cucumber curry with no added onion, tomato🍅 and ginger garlic .

Ingredients:

Cucumber -3 chopped

Boiled milk-1/4 cup

Cumin seeds-1/4 tsp

Turmeric powder-1/2 tsp

Cumin powder-1/4 tsp

Red chilly powder-1/2 tsp

Oil- 2 tbsp

Salt- to taste

Instruction:

  • Heat oil in a pan and add cumin, turmeric powder, and red chilly powder.
  • Fry it for a minute and add one cup of water into it.
  • When the water starts boiling add cucumber, cumin powder, and salt into it.
  • Now close the lid and Cook the cucumber for about 10 minutes.
  • Open the lid and add the boiled milk again cook the cucumber curry in low flame for up to 5 minutes.
  • open the lid and cook the curry in high flame for 1 minute then Switch off the flame and garnish with coriander leaves.
  • Serve hot with roti.
  • Happy cooking with liba 👩🏻‍🍳
  • View original post

    Ricordo

    Suoni diversi beccati sul mio cuore

    Su uno scoglio salato
    ho lasciato la mia impronta
    e in un biglietto diviso a metà
    il mio destino
    voglio ritrovare le mie risa
    e i miei rossori
    e i miei sogni di bambina
    forse dietro le macerie
    ancora si nascondono
    dietro le rovine del tempo
    e dell’abbandono
    sull’isola.
    Ricordo il sole e l’estate
    e la notte del tuo primo bacio
    quando le stelle
    erano così vicine
    ai tuoi occhi
    che risplendevano di verde
    come il mare
    e io le toccavo.
    Ricordo la mamma
    che giocava a nascondino
    fra i fichi neri
    o nella grande casa
    sbucava fuori all’improvviso
    con l’urlo di bambina
    poi si è nascosta per sempre
    come una lucertola
    nella sua tana dell’inverno
    e ora che c’è il sole
    non esce
    non urla di gioia né di dolore.
    Ricordo papà
    con le sue scarpe lucide e nere
    fiero della sua divisa
    e la sua risata onesta
    e…

    View original post 24 altre parole

    Il vaso di Staccioli

    Suoni diversi beccati sul mio cuore

    Foto rosanna fiori

    Mentre il mondo gira,
    colorando il mondo,
    dalle mani di un uomo
    escono gli uomini della terra
    con le gambe ancora ficcate nella mota
    ma lustri e ben vestiti
    come nel giorno della festa
    con la borsetta in mano
    e i capelli al vento
    sul tetto del mondo
    a guardare il mondo
    senz’occhi,
    nell’attesa.
    Ma non sembrano felici,
    nient’affatto sembrano felici
    nel cerchio perfetto
    imperfetti si prendono per mano,
    ma non hanno mani…

    View original post

    ARTICOLETTO 35 – La storia dell’8 settembre 1943 e del 25 aprile 1945

    Quarchedundepegi's Blog

    PER FAVORE NON SCRIVERE “MI PIACE” SE NON L’HAI LETTO TUTTO.

    LA RIPRODUZIONE DELL’ARTICOLO È VIETATA

    Negli ultimi giorni s’è parlato molto, come ogni anno, del 25 aprile 1945… che è ormai diventato storia.

    Leggo quanto avrebbe detto Oscar Wilde della storia :

     Sotto il nome di Libro di Storia noi insegniamo ai nostri figli la cronologia dei crimini del mondo.

    STATUA DI OSCAR WILDE a Dublino

    Come ben si sa Oscar Wilde nacque a Dublino.

    La sua asserzione è “terribilmente” valida.

    La Seconda Guerra Mondiale fu un folle crimine; i giovani la studiano perché è ormai diventata storia.

    Per me fu solo cronaca.

    DUBLINO

    Ormai è storia in Italia anche l’8 settembre 1943; nonché il 25 aprile 1945.

    Il 25 aprile 1945 è diventato una specie di Festa Nazionale; l’8 settembre 1943 dovrebbe essere ricordato come uno dei momenti più tragici della recente storia d’Italia.

    Li ho vissuti tutt’e due…

    View original post 2.182 altre parole

    BELLE LE BANDIERE!

    Quarchedundepegi's Blog

    Fu così che un paio di giorni fa andai, come altre volte, col solito trenino in quel di Lavena Ponte Tresa in provincia di Varese.

    IL TRENINO

    Ci vanno molti dalla Svizzera… anche per fare la spesa. Io dovevo, fra l’altro, spedire un mio libro a un’amica. Dall’Italia, anche se raccomandata, costa sensibilmente meno.

    “Perché raccomandata?” mi si potrebbe chiedere?

    “Perché” risponderei “l’onestà dei dipendenti delle Poste Italiane è irreprensibile, e dispiace quando ci si rende conto che un libro arriva a risultare “smarrito”. Rimane la speranza che il ritrovatore del plico col libro abbia potuto apprezzarne la lettura”.

    Tornando al “paio di giorni fa”, avvicinandomi al ponte che segna la “differenza” fra la Svizzera e l’Italia, essendo quel giorno piuttosto ventoso mi fece piacere vedere sventolare le bandiere… dato che ogni Nazione ne ha almeno una, perché non esibirla almeno in quel punto dove finisce il territorio?… o comincia…

    View original post 171 altre parole

    Chocolate Chip Banana Bars

    In Dianes Kitchen

    AEE775EA-A98A-434E-995D-E6163001A2A8

    These Chocolate Chip Banana Bars taste even better than they look! It is a wonderful moist banana cake full of small specks of banana, mini milk chocolate chips and topped with even more mini chocolate chips for a wonderful combination!

    Click on the link below for the step by step directions with pictures and a printable recipe card.

    http://indianeskitchen.com/2018/02/22/chocolate-chip-banana-bars

    View original post