ELEZIONI AMMINISTRATIVE COMUNALI – CASALE MONFERRATO – 26 MAGGIO 2019
Casale nel Cuore – meglio Gioanola Sindaco
“La mia Casale, la nostra Casale è soprattutto nel cuore”
LUCA GIOANOLA – CANDIDATO SINDACO DELLA COALIZIONE DI CENTROSINISTRA E DELLE LISTE CIVICHE

L’incontro con Cia – Agricoltori italiani: un incontro molto positivo

Venerdì 3 maggio alle 17 presso l’Ufficio di Zona di Casale Monferrato si è tenuto l’incontro con Cia – Agricoltori italiani.

Presenti per la coalizione “Casale nel Cuore – meglio Gioanola Sindaco”, il candidato sindaco Luca Gioanola, il candidato alla carica di consigliere nella lista civica Casale Insieme, prof. Giancarlo Durando, stimato e conosciuto insegnante dell’Istituto Agrario Luparia, e Davide Costanzo, libero professionista, perito agrario (conseguito al Luparia) e tecnico superiore responsabile delle filiere cerealicole e risicole, che figura tra i giovani candidati consiglieri della lista Casale Futura. Si occupa di risicoltura (sperimentazione, gestione processi produttivi e amministrativi) e lavora attualmente con il Comune di Rosignano per il progetto di censimento terreni e associazionismo fondiario. Si occupa inoltre di contributi europei per l’agricoltura.

Erano presenti per Cia – Agricoltori italiani, il presidente provinciale Gian Piero Ameglio; il vice direttore provinciale Germano Patrucco; la referente dell’ufficio di Casale Monferrato Silvia Patrucco; il risicoltore Marco Deambrogio, membro della giunta dell’ufficio di Casale Monferrato; il tecnico agronomo Fabrizio Bullano.

Un incontro molto positivo durato oltre due ore e mezza di vivace e concreta discussione su diverse tematiche.

Si è parlato della necessità di definire un progetto di manutenzione infrastrutturale del territorio, con alcune priorità:
– Messa in sicurezza dei territori e un’attenta programmazione del futuro nelle aree rurali e interne. Una messa in sicurezza che possa coinvolger egli agricoltori nello svolgere servizi di manutenzione territoriale in sienrgia e convenzione con l’amministrazione e altri enti. Una programmazione capace di tenere conto anche le infrastrutture tecnologiche e dell’informazione (come il collegamento internet) e di una nuova visione urbanistica e architetturale basata sul verde, sulla bioedilizia, sulle diverse funzioni ddel verde urbano.
– Prevenzione dei disastri ambientali, mantenimento della biodiversità, gestione del suolo, valorizzazione del patrimonio forestale. Tali azioni saranno tanto più forti quanto all’agricolturà sarà riconosciuto oltre al ruolo di produzione alimentare anche quello di governo del territorio
– Promozione di politiche di filiera corta a forte vocazione territoriale per dare vita a vere e proprie “reti di impresa territoriale” con proecssi di innovazione sostenibile, anche sociale
– Gestione in modo più incisiva della fauna selvatica, i cui danni hanno raggiunta una dimensione insostenibile
– Attivare un’azione efficace sui fondi strutturali europei

In relazione a queste priorità Luca Gioanola, insieme a Giancarlo Durando e Davide Costanzo hanno potuto presentare le proposte di governo per la città e il territorio già messe a programma per la coalizione “Casale nel Cuore – meglio Gioanola Sindaco” come il rafforzamento della filiera locale e la concretizzazione del marchio Monferrato, con il preciso impegno amministrativo nel promuovere attraverso “reti di impresa territoriali” l’apertura di un centro di Effe Corta (filiera corta) capace di promuovere in modo innovativo, sostenibile e competitivo i prodotti locali. Un esempio può essere quello della filiera del pane e in particolare della “grissia monferrina”. Come la promozione nell’ambito del Marchio dell’unicum monferrino a livello nazionale di Terra del Riso e del Vino, in particolare il Grignolino. Con la crescita delle nocciole, e l’affermarsi dei latticini, dei cereali, dell’orticola. E delle altre molteplici funzionalità dell’agricoltura: manutenzione del territorio, agri-industria, vendita, agriturismi, fattorie didattiche, allevamenti. Altrettanto centrale per l’amministrazione Gioanola sarà la promozione delle Denominazioni Locali (De.Co); l’attuazione di processi per premiare la creazione di valore, la sostenibilità economica e sociale delle attività; la definizione di premialità per quelle attività di ristorazione che promuoveranno i “Menu del Monferrato” con prodotti di vera e comprovata filiera corta territoriale.

Nel merito della fauna selvatica, particolari problematiche sono legate agli ungulati (cinghiali e caprioli), ai roditori (in particolare le nutrie) e ai volatili, in particolare i colombi. Sarà cura e impegno dell’amministrazione aprire un tavolo con gli agricoltori, la Provincia, le Amministrazioni locali, l’ente Parco, l’ATC per trovare in sinergia le soluzioni più adeguate, strutturate e durature.

Riguardo alle necessità di promuovere in modo chiaro il Monferrato e di attuare un’efficacie azione rispetto ai fondi strutturali europei, sarà cura dell’amministrazione Gioanola dare vita a un assessorato del Monferrato e a un assessorato ai fondi regionali, nazionali ed europei. Peer concretizzare una nuova capacità di fare sintesi nel territorio e un’altrettanta attenzione a intercettare fondi per promuovere una politica organica territoriale per non diventare periferia del Piemonte, ma cuore pulsante di una Regione, del Nord d’Italia.

Deve essere prioritaria la missione e la visione dell’amministrazione nello stimolare e concorrere a determinare azioni e progetti in grado di creare valore. Ad esempio, tramite il censimento dei terreni incolti e boschivi, per reindirizzarli e rigenerarli con progettualità che tengano in conto della biodiversità.

La missione comune sarà quella di determinare un territorio bello che chiamerà sempre più altro bello, per concretizzare un “Monferrato, concreta realtà e storia di bellezza”, opportunità, lavoro, eccellenze locali, turismo.

Nel dettaglio della riapertura della linea Casale – Mortara si è discusso dell’importanza di verificare la situazione dei passaggi a livello.

In conclusione si sono trattati i seguenti temi: la burocrazia, che deve ritornare quanto più possibile legata al “buon senso”; la bonifica dei grandi capannoni che per avere un’ulteriore importante accelerazione deve trovare una rinnovata strategia di modalità ed erogazione dei contributi sui piccoli e sui grandi manufatti.

– Un incontro di oltre due ore e mezza che ha messo in evidenza una profonda sintonia sui temi, sulle criticità e sulle opportunità. Con una visione di sviluppo territoriale sostenibile, con al centro l’agricoltura nelle sue diverse declinazioni multifunzionali si può rinnovare, per non dire rivoluzionare, il futuro di questo nostro straordinario territorio: il Monferrato. Noi ci siamo, siamo pronti, per farlo, un passo dopo l’altro, insieme. – Luca Gioanola, candidato Sindaco.