Gli «Occhi autunnali» di Sergio Melchiorre alla Biblioteca di Luino

Sabato 1° giugno, alle ore 17.00, presso la Biblioteca Civica di Luino – Villa Hussy, in Piazza Risorgimento 2, avrà luogo la presentazione dell’ultimo libro del poeta cuvegliese Sergio Melchiorre: «Occhi autunnali», edito dalla Casa Editrice «Librintasca» di Lecce.

gli occhi LOCANDINA.png

L’evento culturale aprirà ufficialmente il Festival della poesia «Tramontana di versi 2019»organizzato dall’associazione A.I.S.U. di Luino (VA).

Converserà con l’autore la Professoressa Patrizia Martino.

Leggerà alcune poesie tratte dal testo Walter Longobardi.

Sergio Melchiorre, docente di lingua francese presso I.S.I.S. «Città di Luino-Carlo Volonté», è artista versatile, infatti, oltre che poeta, è anche sceneggiatore, paroliere e scrittore di racconti brevi.

La sua pagina personalizzata (http://sergiomelchiorre.scrivere.info/) ha raggiunto 2.500.000 visualizzazioni.

Ha ottenuto numerosi premi in ambito nazionale ed è spesso Giurato in Premi Nazionali.

Il libro è una raccolta di liriche caratterizzate da versi liberi.

Le tematiche affrontate variano da un componimento all’altro, toccando i temi che vanno dalla poesia d’amore a quella introspettiva, dalla poesia civile a quello dell’impegno sociale.

Patrizia Grazioli, nella prefazione scrive: «Se l’abisso nel quale a tratti, prendendoci per mano, ci conduce Sergio Melchiorre con alcune sue poesie, è attraente quanto vertiginoso, la speranza di una continuità oltre la vita, oltre l’incomunicabilità amorosa, si apre improvvisa non come vana illusione ma come certezza inalienabile […]Incontriamo in questa antologia di poesie l’esperienza di un uomo che ha scelto di rilanciare all’infinito la ribellione a quelle chimere che svaniscono con la luce dell’alba.»

Vincenzo Capodiferro, in un articolo su «Insubria Critica»,ha definito l’autore «Poeta della sensibilità e dell’essere discontinuo».

“Nelle sue liriche, si può trovare una parte, forse non ancora conosciuta, di noi stessi[…]Il viaggio esteriore si intrinseca/interseca con quello interiore, ma quello interiore,[…]è più arduo e difficile, perché risponde alla domanda dell’umanità, ecco perché può riguardare tutti, ognuno di noi[perché]lo sguardo si rivolge alle stagioni dell’anima.”

Buffet al termine della presentazione.