Fogagnolo (M5S): serve un piano di piccole e medie opere per avere una regione efficiente

Fogagnolo (M5S): serve un piano di piccole e medie opere per avere una regione efficiente

“In Piemonte paghiamo lo scotto di una crisi congiunturale che ha penalizzato, paradossalmente, le aziende più virtuose, cioè quelle che hanno investito gli utili per innovare ed assumere nuove figure professionali. Tutto questo in uno contesto politico che non è stato in grado di stare al fianco di queste imprese. Perciò oggi, al Piemonte, serve più che mai la scossa del cambiamento”, afferma Sonia Fogagnolo, alessandrina candidata per la Regione con il Movimento 5 Stelle.

Fogagnolo

“Servono infrastrutture fisiche e digitali. Non abbiamo bisogno di opere faraoniche utili a pochi: serve un piano di piccole e medie opere per avere una Regione più efficiente, ben collegata in ogni sua parte e con il resto d’Italia. Una regione in grado di portare qui investitori stranieri, di attirarli. Senza trascurare il digitale però, che rappresenta il futuro per ogni azienda che voglia rimanere sul mercato, dalla più piccola alla più grande: dobbiamo salire sul treno della ripresa con l’industria 4.0. Ci sono aziende del territorio che stanno facendo passi da gigante su questa fronte, ma è la regione che è indietro: la copertura della banda ultralarga in Piemonte è solo del 55 per cento, in Calabria quasi del 70.

Per questo, chi prenderà le redini della Regione dovrà incentivare l’innovazione, in particolare favorendo la ricerca in tema di economia circolare, stimolando la nascita di sinergie tra mondo universitario e mondo dell’impresa. Il nostro obiettivo, come Movimento 5 Stelle, è quello di arrivare a zero rifiuti, ma per raggiungerlo serve la massima attenzione al fine vita dei prodotti”.

“L’alessandrino – prosegue Sonia Fogagnolo – è un territorio che si è fortemente impoverito negli ultimi anni, ma a cui non mancano certo forze e competenze per risollevarsi. La politica può fare molto per il suo rilancio, aiutandolo a non perdere le occasioni di finanziamento che arrivano dall’Europa e creando politiche incentivanti per insediamenti produttivi virtuosi, a basso impatto ambientale . Abbiamo un Made in Piemonte da difendere e le aziende hanno bisogno di supporti per tenere sempre alta l’asticella della qualità”.

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...