Dai campi alla tavola, di Lia Tommi

Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava

Il convegno “Dai campi alla tavola: un percorso consapevole”, si terrà sabato 8 giugno alle ore 15.00 presso l’Auditorium Comunale di Alluvione Piovera, organizzato dai Giovani di Confagricoltura Anga di Alessandria.

Interverranno il dott. Gabrio Secco con “La corretta alimentazione”, il dott. Giancarlo Nervi con “La sicurezza alimentare”, il dott. Stefano Bergaglio con “La valorizzazione del territorio” ed alcuni giovani di Confagricoltura Anga di Alessandria con “Vantaggi nel sostenere un’economia locale”.

Il tutto moderato dal dott. Alessandro Calvi di Bergolo, presidente dei Giovani di Confagricoltura Anga di Alessandria e membro del Comitato di Presidenza Nazionale della stessa associazione.

View original post

Le Donne di De Andrè, di Lia Tommi

Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava

Le Donne di De Andrè
Il Collettivo Teatrale conclude il Caffè Letterario

Il ciclo di incontri con autrici casalesi e monferrine organizzato dal Comune e dalla Consulta delle Donne di Casale Monferrato in collaborazione con la Biblioteca Civica “Giovanni Canna” nelle scorse settimane ha ottenuto un notevole successo. Sette incontri con la partecipazione di nove autrici (e cinque musicisti) seguiti da un pubblico numeroso e attento e ricchi di spunti di riflessione interessanti: si è parlato del “bisogno” di scrivere, dell’editoria e dei suoi problemi, della scrittura di genere, del rapporto con i lettori, delle modalità con cui ciascuna autrice “crea” il proprio lavoro.
Gli organizzatori e il pubblico si sono lasciati con un impegno: riproporre la rassegna anche il prossimo anno, con nuovi contenuti e nuove proposte.

View original post 316 altre parole

XXIX Rievocazione del Grand Prix Bordino, di Lia Tommi

Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava

XXIX Rievocazione del Grand Prix Bordino

Alessandria, le Langhe, il basso Piemonte e i territori limitrofi, saranno la cornice dell’edizione 2019 del GP Bordino. Si tratta di un evento di elevato interesse culturale e sportivo, organizzato annualmente dal Veteran Car Club Bordino di Alessandria, la cui prossima edizione si terrà dal 7 al 9 giugno 2019.

La manifestazione riunisce appassionati e collezionisti italiani e stranieri di prestigiose auto d’epoca.

Una sessantina di autovetture, di eccezionale interesse storico e collezionistico, protagoniste della storia dell’automobilismo dal 1930 al 1968, daranno vita alla 29esima rievocazione del GP Bordino. Alcuni esemplari partecipanti hanno avuto un ruolo di assoluto rilievo alle più importanti manifestazioni dell’epoca: Mille Miglia, Targa Florio, 24 Ore di Le Mans, Goodwood.

Venerdì 7 giugno, giorno della partenza, tantissimi appassionati inciteranno i partecipanti in Alessandria, che si trasformerà in una vera e propria città “d’altri tempi”, con tante animazioni e costumi d’epoca…

View original post 420 altre parole

Istinto d’artista al Caffè Alessandrino, di Lia Tommi

Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava

Martedì 4 giugno 2019 alle ore 18,00
verrà inaugurata presso il CAFFÈ ALESSANDRINO
Piazza Garibaldi, 39 – Alessandria Tel. 0131-441903
la mostra dal titolo
“ISTINTO D’ARTISTA”
di Gianna POGGIO

Fabrizio PRIANO
Presidente dell’Associazione Culturale Libera Mente-Laboratorio di idee commenta:
“Con la mostra dedicata all’Artista Gianna POGGIO proseguono gli appuntamenti del Progetto ARTE DIFFUSA, eventi dedicati all’Arte presso alcuni locali della nostra Città. Gianna POGGIO, innamorata dell’Arte in tutte le sue espressioni, dalla musica alla pittura e al teatro, appassionata di pianoforte, presenta le sue opere più significative realizzate lasciando liberi di esprimersi istinto e sentimenti”.Gianna POGGIO – Biografia
Nata a Landshut (Germania) il 26 giugno 1945
Artista eclettica con una spiccata visione intimistica, esprime la propria natura artistica attraverso diverse forme d’arte: musica, pittura, teatro.
Caratteristica è l’uso di differenti tecniche pittoriche quali acquarello, acrilico, olio, su supporti differenti quali tela, juta, faesite, legno massello.
La sua arte non segue…

View original post 16 altre parole

Tempi moderni, le canzoni nel cinema, di Lia Tommi

La Civica Scuola di Musica “Antonio Rebora” chiude il proprio anno accademico con il concerto “Tempi moderni, le canzoni nel cinema” che si terrà mercoledì 5 giugno prossimo presso il giardino della Scuola di Musica in via San Paolo alle ore 21:00.
L’orchestra, la sezione ritmica e i solisti della scuola si esibiranno in un viaggio tra le più belle canzoni create o adattate per il cinema con la partecipazione di Gian Piero Alloisio.
Tra le novità dello spettacolo c’è il debutto del neonato coro della “Rebora”.
Durante la serata saranno consegnate le borse di studio in memoria di Fred Ferrari e di Mirko Mazza concesse dal Rotary Club Ovada del Centenario e dalla Pro Loco di Ovada e del Monferrato ovadese.
L’ingresso è libero e la Cittadinanza è invitata.

Il 5xmille alla tua città

 

Il tuo 5xmille per la tua Città Aiuta la tua Città ad aiutare gli Alessandrini

Con il messaggio “Scegli Alessandria come destinataria del 5xmille”, l’Amministrazione Comunale invita gli Alessandrini a concorrere al benessere della propria Città attraverso la compilazione della dichiarazione dei redditi.
La Legge, infatti, ammette la possibilità per il contribuente di destinare una quota pari al 5 per mille dell’Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche (IRPEF) a sostegno di attività sociali svolte dal Comune di Alessandria.
Il codice fiscale/partita I.V.A. di riferimento per il Comune di Alessandria è il 00429440068.
L’invito del “5xmille per la tua Città” viene sottolineato da uno slogan appositamente coniato (“Aiuta la
tua Città ad aiutare gli Alessandrini”) che – con un parallelismo semantico incentrato sul verbo “aiutare” – sollecita la comunità cittadina a valorizzare e sostenere se stessa, anche attraverso il momento del pagamento dell’IRPEF.
La scelta potrà essere fatta utilizzando i modelli di dichiarazione (Modello Unico PF, Modello 730) oppure l’apposita scheda allegata al CUD (quest’ultima per tutti coloro che sono dispensati dall’obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi). È consentita una sola scelta di destinazione.
Nel ricordare che la scelta di destinazione del 5 per mille e quella dell’8 per mille non sono alternative fra loro, si rimanda alle ulteriori informazioni di dettaglio sulla pagina internet del sito comunale all’indirizzo: http://www.comune.alessandria.it/servizi/diritti-e-pari-opportunita/solidarieta-e-integrazione-
sociale/5-per-mille
«Negli scorsi anni – dichiara il Sindaco di Alessandria Gianfranco Cuttica di Revigliasco – i cittadini che hanno destinano il proprio 5xmille dell’IRPEF al Comune di Alessandria sono stati, in media, più di quattrocento e, grazie al loro contributo, si è concorso alla realizzazione di numerose iniziative sviluppate in collaborazione con soggetti del Terzo Settore e/o con il Consorzio socio-assistenziale
C.I.S.S.A.C.A.. Con l’iniziativa odierna, mentre intendiamo confermare pienamente questo strumento che consente ai concittadini di sostenere fattivamente importanti azioni sociali, non solo ringraziamo coloro che già annualmente optano per “aiutare Alessandria”, ma desideriamo divulgare ancora di più l’informazione relativa a questa opportunità. Da qui, l’idea di una grafica speciale e di una locandina
che invitiamo a diffondere attraverso ogni canale social che, a partire dai nostri personali smartphone, possiamo avere a disposizione. Si tratta di un piccolo gesto di generosità che, se ampiamente condiviso, potrà portare a grandi risultati per il benessere complessivo della nostra comunità locale».

LETARGHYA di Andrea Di Bartolo, recensione, di Cristina Saracano

img_20190603_1220498113039875222747190.jpg

Una vicenda ambientata in un prossimo futuro, dove l’umanità viene sottoposta a un letargo forzato per mesi e geneticamente modificata. Questo perché le risorse mondiali del pianeta si stanno esaurendo lentamente e, a breve, mancheranno cibo e acqua per tutti.

Le persone, comunque, non reagiscono molto positivamente a questa situazione, quindi, spesso, tentano la fuga, Jonathan Bane, un poliziotto, ha l’incarico di recuperare chi cerca di sottrarsi alla pratica del letargo.

Inoltre, un’organizzazione criminale terroristica ha in pugno il destino dell’umanità intera, colpevoli le gesta del suo leader, folle e disperato…

Un romanzo di genere, indubbiamente fantascientifico, che però induce a riflessioni su problemi reali e attuali: i cambiamenti climatici, lo sfruttamento delle risorse naturali, la scarsa attenzione ai problemi ambientali, il tutto può avere conseguenze devastanti sul nostro futuro e su che cosa lasceremo alle generazioni dopo la nostra.

Una narrazione scorrevole, una parte descrittiva simile a una sceneggiatura di un film, dove tutto si può leggere, ma anche vedere, farcito di dialoghi incalzanti, il libro si legge bene e velocemente.

Andrea Di Bartolo, nato ad Alessandria nel 1970, ha scritto sceneggiature e testi teatrali, realizzato cortometraggi e video musicali, ricevendo riconoscimenti a livello nazionale e internazionale.

Il sole negli occhi.

img155

Amore senza di te

è come se mi togliessero il sole

dagli occhi…

Sei la luce che accompagna

il mio cuore ogni giorno

della mia vita

sei il mio viaggio dentro  i miei pensieri…

Come un fiore delicato spunti dentro  i miei occhi

che brillano d’amore come due stelle in cielo…

Il tuo sguardo mi penetra

come un dolce fuoco d’amore.

E questo fuoco brucerà dolcissimo

dentro i nostri animi

con un’allegra fiamma

che sorride dentro i nostri cuori

e renderà il fuoco sempre vivo

dentro di noi…

Il sole d’estate coi suoi raggi

pieni di calore

terrà per sempre al sicuro

il nostro amore.

La nuova Giunta e il nuovo Consiglio Comunale

La nuova Giunta e il nuovo Consiglio Comunale

Casale Monferrato: È stata ufficializzata oggi, lunedì 3 giugno, la composizione della Giunta del sindaco Federico Riboldi che dichiara «A distanza di soli tre giorni lavorativi dalla proclamazione, evento senza precedenti nella storia dell’Ente, la città ha la nuova Giunta; si tratta di un organo caratterizzato da un perfetto mix di esperienza e riscontro della volontà popolare».

Nuov Giunta con presidente Consiglio Casale.jpg

La Giunta del sindaco Federico Riboldi

Vicesindaco è Emanuele Capra (deleghe a Gestione Urbana e Territoriale – Manifestazioni ed eventi – Turismo – Casale Capitale del Monferrato – Rapporti con Cosmo spa). Assessori sono Vito De Luca (deleghe a Pianificazione Urbana e Territoriale – Patrimonio – Rapporti con AMC), Maria Teresa Lombardi (deleghe a Ambiente – Bonifica amianto – Ufficio bandi Europei, Nazionali, Regionali – Contenzioso legale), Giovanni Battista Filiberti (deleghe a Bilancio – Programmazione Economica, Finanziaria e Fiscale – Controllo di Gestione – Sviluppo Economico – Suap), Gigliola Fracchia (deleghe a Cultura – Istruzione), Daniela Sapio (deleghe a Pari Opportunità – Agricoltura – Comunicazione – Trasporti e Viabilità), Luca Novelli (deleghe a Gioventù – Servizi Sociali – Volontariato – Associazionismo). Continua a leggere “La nuova Giunta e il nuovo Consiglio Comunale”

FEDERICA SASSAROLI PORTA IN SCENA IL SUO SPETTACOLO PLURILINGUE “THE PRINCIPITO UND MOI. IL PICCOLO PRINCIPE ED IO”, ADATTAMENTO DI DEL CELEBRE RACCONTO DI A. DE SAINT-EXUPÉRY

FEDERICA SASSAROLI PORTA IN SCENA IL SUO SPETTACOLO PLURILINGUE “THE PRINCIPITO UND MOI. IL PICCOLO PRINCIPE ED IO”, ADATTAMENTO DI DEL CELEBRE RACCONTO DI A. DE SAINT-EXUPÉRY

ALL’AUDITORIUM DELLA SCUOLA VOCHIERI DI ALESSANDRIA

Sassaroli 2Sassaroli 3

Federica Sassaroli, attrice, regista, autrice e speaker, sarà in scena il 4 giugno in doppia replica alle ore 10.15 e alle ore 11.45 all’Auditorium della Scuola Media Vochieri di Alessandria con lo spettacolo in lingua italiana, inglese, spagnola e francese “The principito und moi. Il piccolo principe ed io”, un adattamento scritto e diretto dalla stessa Sassaroli, con l’aiuto di Marta Molinari per il movimenti scenici e con le musiche originali di Matteo Calabrò, basato sul celebre racconto di Antoine de Saint-Exupéry “Il piccolo principe”.

Lo spettacolo, organizzato in collaborazione con la scuola secondaria di primo grado Vochieri di Alessandria, è dedicato agli studenti stessi. La scuola Vochieri è molto sensibile al potenziamneto delle lingue straniere e il team delle docenti di lingue lavora all’organizzazione di progetti che rendano l’apprendimento accattivante e stimolante. Continua a leggere “FEDERICA SASSAROLI PORTA IN SCENA IL SUO SPETTACOLO PLURILINGUE “THE PRINCIPITO UND MOI. IL PICCOLO PRINCIPE ED IO”, ADATTAMENTO DI DEL CELEBRE RACCONTO DI A. DE SAINT-EXUPÉRY”

Il Teatro Massimo Bellini, spettacolo di arte e di bellezza, di Donatella Pezzino

Con la sua struttura raccolta e riccamente adorna, il Teatro Massimo Vincenzo Bellini impreziosisce l’omonima piazza nel cuore del centro storico di Catania. A differenza di altri teatri, questo edificio non affascina per le sue dimensioni, ma per la singolarità delle sue linee sinuose e la bellezza dei suoi decori.

Fino alla seconda metà dell’Ottocento, Catania mancò di un vero e proprio teatro dell’Opera. Per secoli, le opere liriche furono rappresentate in teatri privati, per lo più appartenenti a nobili e mecenati; a partire dal 1821, a questa funzione fu adibito il Teatro Comunale Provvisorio, meglio noto come “Teatro Coppola”, ricavato da un magazzino nel quartiere Civita.

Nel 1870, finalmente, la città decise di commissionare all’architetto udinese Andrea Scala la costruzione di un Politeama, scegliendo come sito Piazza Nuovaluce (oggi Piazza Vincenzo Bellini). Per alcuni anni, grazie al sostegno finanziario della Società Anonima del Politeama, Scala potè portare avanti il progetto iniziale, avvalendosi della collaborazione del collega milanese Carlo Sada, futuro esponente dell’eclettismo liberty e autore di tante costruzioni di spicco dell’edilizia catanese fin de siécle (la Torre Alessi, Villa Morosoli, Palazzo Pancari Ferreri). Continua a leggere “Il Teatro Massimo Bellini, spettacolo di arte e di bellezza, di Donatella Pezzino”

Momenti di poesia. Abito … di Thomas Amadei

Momenti di poesia. Abito … di Thomas Amadei

Abito

questa casa che del cronicario
ne porta addosso l’odore,
strappata l’ombra del profilo,
si ricama schizofrenia.

Surfando l’onda anomala
che schiavizza anziché liberare,
si distorce il riflesso
di ciò che sono e non di quel che appare.

La voce si perde nella mediocrità,
ad ogni sguardo,
sorda diventa la discesa,
senza motivi, senza scuse
si abbatte il coltello nel fegato,
che già di suo si sta sciogliendo.

28/05/019
Thomas Amadei

Fiaip Piemonte domani, martedì 4 giugno, a convegno su dati di mercato e normativa

Fiaip Piemonte domani, martedì 4 giugno, a convegno su dati di mercato e normativa

 piemonte

Gli affitti brevi hanno trasformato le dinamiche della ricettività turistica tradizionale.

Con nuove modalità di accoglienza si sono rotti gli schemi tipici e si sono create ampie opportunità di guadagno con ricadute positive sul territorio e sugli investimenti dei cittadini.

Anche la città di Torino vive queste trasformazioni. I flussi turistici registrano aumenti costanti anche grazie alla possibilità di muoversi a prezzi accessibili. 

Fiaip Piemonte è stata chiamata a intervenire al convegno “Affitti brevi a Torino tra immobiliare e turismo”, che si terrà domani, martedì 4 giugno, dalle ore 16.30, al Golden Palace di Torino (via dell’Arcivescovado, 18), in quanto sigla di categoria che ha partecipato al tavolo di lavoro in Regione per il regolamento attuativo della nuova legge del turismo extralberghiero.  Continua a leggere “Fiaip Piemonte domani, martedì 4 giugno, a convegno su dati di mercato e normativa”

Surprise! (English)

SCHIZZI DI MOMENTI ORDINARI - Drawing ordinary moments

It is Saturday night.

Today it has been a very quiet and pleasant day. We are just back home after a delicious dinner and She comfortably lies on the sofa.
Maybe she intends watching Netflix or perhaps she just wants to relax for a while.

I am in the bathroom washing my hands and I am thinking about how I could continue the evening with my wife.
While I look at myself in the mirror I get an idea.

I take my clothes off and I go towards the wardrobe. From the bottom corner I take out a little plastic bag. Inside there is an erotic-fetish costume. I start to put it on but this operation is very complicated and I need time.

From the living room I hear her voice:”Honey, but what are you doing?”
“Nothing nothing…my love, I come immediately.”
After a few minutes I am ready.
I…

View original post 159 altre parole

Game over

SCHIZZI DI MOMENTI ORDINARI - Drawing ordinary moments

Day off. Ottimo! E’ il mio giorno libero, posso fare un po’ quel cazzo che mi pare. Più o meno…

Mi alzo con calma alle 10.00 e, sempre con molta calma, mi preparo la colazione.
Infine mangio, ovviamente con estrema calma.

Dopo la colazione faccio un’altra colazione. No, scherzo.

Dopo colazione comincio a sentirmi più attivo.
Inizio quindi a pulire la casa. Non è esattamente una genialata visto che potrei stravacarmi sul divano a guardare la tv oppure a cazzeggiare su ‘Hustle Castle’.

Tuttavia la casa ha bisogno di una bella sistemata e mi metto semplicemente a fare quelle cose che ogni uomo dovrebbe fare quando condivide la casa con qualcuno.

Non sto aiutando mia moglie.
Non sto servendo la mia padrona.

Sto solamente facendo la mia parte. Niente di più.

Inizio dalla cucina, riordinando e lavando i piatti. Poi sistemo un po’ il salotto ed, infine, mi dedico ai…

View original post 520 altre parole

Intermezzo 2 (English)

SCHIZZI DI MOMENTI ORDINARI - Drawing ordinary moments

Dinner. Only us. While we are eating, we talk a bit about our day, and after that we briefly discuss the results of the European elections.

Then we start watching the news… At the end of the news I get up to make coffee.

When I come back I decide to dedicate some time to her back, to my great pleasure.

Ps. I decide to continue with the ‘Intermezzi’ and publishing, from time to time, drawings of daily moments not necessarily linked to the femdom.

View original post

La mancanza (Cosa manca?)

SCHIZZI DI MOMENTI ORDINARI - Drawing ordinary moments

Breve salto nel passato.

Siamo sposati da meno di un mese. Tutto bene, anzi benissmo.
Siamo entrambi molto felici e ci godiamo tutto quello che la vita ci offre.

Non esiste noia, manco l’ombra, e con la vita frenetica che facciamo non ci annoieremo neppure dopo 50 anni di matrimonio.

Torno a casa nel tardo pomeriggio, nella nostra piccola ma accogliente dimora.
Mia moglie è rincasata qualche ora prima di me e adesso, probabilmente, si trova in cucina.

Un vento gelido mi accarezza il collo.
E’ strano, ci sono circa 38 gradi fuori e io sono ancora sulla soglia.

Panico.
Ho la sensazione che ci sia qualcosa che non va.

Entro in casa.
Zero saluti, niente abbracci e niente baci.

La mia sensazione diventa una certezza!

Lei è seduta al tavolo della cucina.
Pensierosa, accigliata. Guarda verso la finestra.

Prendo il coraggio con due mani e le chiedo: “Amore come…

View original post 568 altre parole

Politica: Ballottaggio a Novi Ligure, di Lia Tommi

Ballottaggio elezioni 2019, informazioni utili

Il 9 giugno prossimo si terrà il ballottaggio per l’elezione diretta del Sindaco.
La consultazione elettorale si svolgerà nella sola giornata di domenica 9 giugno dalle ore 7 alle 23. Si ricorda che al ballottaggio potrà votare anche chi non ha votato domenica 26 maggio.

Per agevolare il raggiungimento dei seggi da parte degli elettori diversamente abili, il Comune di Novi Ligure, in collaborazione con il C.I.T. (Consorzio Intercomunale Trasporti), ha predisposto un servizio gratuito di trasporto pubblico a chiamata che sarà attivo nella seguente fascia oraria:
• domenica 9 giugno dalle ore 9,30 alle 11,30.
Per usufruirne è necessario rivolgersi all’Ufficio Anagrafe al numero telefonico 0143 772379.
Possono usufruirne le persone diversamente abili residenti nel territorio comunale. Per la legge (art. 3 L. 104/92) “È persona handicappata colui che presenta una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione”.
Lo stato di disabilità deve risultare da apposita certificazione; a tal fine sono da ritenersi validi il certificato di invalidità civile o il certificato handicap, che dovranno obbligatoriamente essere esibiti al conducente. Continua a leggere “Politica: Ballottaggio a Novi Ligure, di Lia Tommi”

Il Mercato Coperto di Campagna Amica si trasforma in aula didattica, di Lia Tommi

Alessandria: Domani mattina a partire dalle ore 10 con la scuola media “A.Manzoni”
Il Mercato Coperto di Campagna Amica si trasforma in aula didattica. Aperto il martedì e il sabato dalle 8 alle 14, via Guasco angolo via Savonarola

“Il giorno dell’inaugurazione avevamo anticipato che il nuovo Mercato Coperto di Campagna Amica di Alessandria sarebbe diventato un luogo dove organizzare eventi di formazione e informazione. Il primo in calendario sarà domani, 4 giugno, e avrà come protagonista il mondo della scuola. Il mercato si trasformerà in un’aula didattica dove i docenti saranno i produttori, con i quali i ragazzi potranno interagire. Dedicare a quelli che saranno i consumatori di domani una lezione sulla qualità e stagionalità crediamo sia il modo migliore per insegnare il valore del made in Italy e del km0”.
Così il presidente provinciale Coldiretti Alessandria Mauro Bianco nel presentare l’iniziativa in programma domani mattina, a partire dalle 10, con gli alunni della scuola media “A. Manzoni” di Alessandria che visiteranno il mercato coperto.
“Coinvolgere i giovani pensiamo sia il modo migliore per divulgare e far crescere le opportunità legate ai progetti di filiera e continuare un percorso che sta dando risultati sorprendenti in una provincia di Alessandria tra le protagoniste della “svolta green”. – ha aggiunto il direttore provinciale Coldiretti Alessandria Roberto Rampazzo – E’ sempre un onore e un piacere poter collaborare con le scuole, l’idea di organizzare momenti didattico-formativi è scaturita dal fatto che i giovani hanno capito che per far crescere il territorio si deve puntare sulla distintività, garantendo un valore aggiunto nella competizione globale che vedono al centro, turismo, cultura, arte, cibo e cucina”.
Ricordiamo che il Mercato Coperto di Campagna Amica è aperto ogni martedì e sabato dalle 8 alle 14 in via Guasco angolo via Savonarola ad Alessandria.

Momenti di poesia. Per i nonni , di Andrea Patrone

Momenti di poesia. Per i nonni , di Andrea Patrone

Per i nonni

Il vento e la foglia ( filastrocca )

Dal ramo spunta una gemma rosa,
respira forte poi s’apre e si riposa.
Lei è sola, si guarda intorno, non ha
sorelle quel primo giorno.
È un ramo pigro molto lontano, ha
poca linfa e rimane nano.
Lei è sola, si guarda intorno, non
ha sorelle il secondo giorno.
Sale fischiando dentro a quel ramo
un forte vento, sembra contento
mentre accarezza la gemma rosa
dai petali aperti la chiede in sposa.
Lei è sola, si guarda intorno, c’è
solo il vento quel terzo giorno.
L’unico ramo così lontano e nano le
dice con voce forte: “attenta, il
vento è la tua morte.”
Lei è sola, si guarda intorno, ma vede
solo il secco ramo ancora nano.
E al vento dice: “lascio il ramo se mi
porti lontano e finché ho il petalo
rosa sarò la tua sposa.”
A quelle parole il vento subito si ferma,
lei così ferita cade e….muore nell’erba.

Andrea

Momenti di poesia. Là dove il mare cancella… di Renato Papaccio

Momenti di poesia. Là dove il mare cancella… di Renato Papaccio

61382108_1094948274039755_7894150551472963584_n

Là dove il mare cancella
le orme impresse sulla
sabbia.stai tu , pensando
ai sogni.

Quelli che resteranno impressi
nella mente per essere realizzati
Così hai deciso per la vita ,
agli amori che non vorrai far svanire

Tutte le parole che avresti voluto
dirmi e forse non le avrei voluto
sentire

Chiudo gli occhi per ascoltarle
nel silenzio tutto quello che
vuole il mio cuore

Nel silenzio sento il tuo profumo
anche quello che devi avere
filtrato nella tua anima

Renato Papaccio

NOTRE DAME RITORNERA’ COME PRIMA – Maura Mantellino

… Il restauro della cattedrale di Notre-Dame procederà su progetto di conservazione storica. Il Senato francese ha messo fine a mesi di frenetiche speculazioni su come gli architetti avrebbero potuto modificare radicalmente l’esterno della chiesa colpita dall’incendio del 15 aprile, che aveva fatto collassare il tetto e distrutto la flèche. Dal supergiardino alle superfici specchianti, praticamente tutti gli studi d’architettura del mondo, da Foster + Partners a Studio NAB e Studio Fuksas, avevano avanzato la loro proposta, più o meno realistica ma ora c’è l’ufficialità: la Cattedrale verrà restaurata per tornare esattamente come era prima. 

Poco dopo l’incendio, il primo ministro francese Edouard Philippe lanciò l’idea di un concorso internazionale per ricostruire la cupola del duomo, aprendo a proposte «conformi alle tecniche e alle sfide dei nostri tempi». L’annuncio attirò subito le critiche dei conservazionisti, in effetti non a tutti i torti, considerando l’eccentricità di alcune proposte avanzate. Attraverso il voto, il Senato ha esercitato la propria autorità sui piani di restauro del governo come misura di supervisione. Oltre a salvaguardare l’integrità della struttura storica di Notre-Dame, l’organismo legislativo ha stabilito che ogni cambiamento nell’utilizzo di materiali dovrà essere motivato da uno studio. E nonostante numerosi esperti abbiano affermato che il restauro di Notre-Dame richiederebbe almeno un decennio, il Senato ha anche sostenuto il programma quinquennale proposto dal presidente Emmanuel Macron. Giusto in tempo per le Olimpiadi di Parigi del 2024.

Ma gli esperti che hanno esaminato le macerie di Notre-Dame temono che il danneggiamento della struttura di pietra causato dall’eccessivo sbalzo di temperatura possa aver destabilizzato l’intero edificio. Alcuni hanno addirittura sostenuto che la chiesa è così instabile che un forte vento potrebbe abbatterla. Indipendentemente da ciò, gli sforzi per portare avanti la ricostruzione sono motivati da diverse ragioni politiche, economiche e culturali. Per il momento, più di un miliardo di dollari è stato promesso come fondo per la ricostruzione, donato da alcun delle famiglie più ricche della Francia come gli Arnault e i Pinault. 

Tra tutte le proposte, ce n’è una che forse potrebbe incontrare il favore del Governo. La società di design olandese Concr3De aveva avanzato l’idea di ristampare i Gargoyle e le Chimere di Notre-Dame con il materiale ricavato dalle macerie. Usando complessi modelli digitali di Notre-Dame, i Gargoyle ristampati sarebbero molto somiglianti agli originali, con più o meno gli stessi materiali. Con questa tecnologia sarebbe possibile anche creare una sorta di facsimile del tetto e della guglia, per una nuova struttura il più visivamente fedele possibile.

Fonte: Hyperallergic

Grazie per la brutta esperienza che…

Anime di Passaggio

I miei ringraziamenti più sentiti, oggi, vanno a tutti coloro che sentono di avere la verità in tasca che permette loro di poter giudicare a cuor leggero tutto e tutti…
…senza sapere…
…senza conoscere…
…senza capire…
…ma arrogandosi il diritto di sentenziare con supponenza.

Ebbene oggi vorrei ringraziarli di tutto cuore perché mi hanno risvegliato da un torpore che mi avvolgeva e non mi faceva comprendere come…
…come tutte le mie imperfezioni siano state la mia salvezza…
…come tutti i miei sbagli siano stati una protezione essenziale…
…come tutti i miei dubbi e tutte le mie insicurezze siano stati uno scudo fondamentale…

… per…

…per non divenire insensibile alle altrui debolezze che, alla fine, sono anche le nostre.

GRAZIE, grazie davvero.

View original post

Oggi…💙

Anime di Passaggio

L’attesa del domani ci riempie di desiderio, ma il domani non è altro che il nostro oggi diventato realtà…
…il nostro presente è il risultato di quello che ieri speravamo con il cuore…
…non ci resta che lavorare bene oggi per poterne godere domani…
…ed essere fieri del nostro ieri…oggi.

Diciannovesimo incontro di ELEVAZIONE VIBRAZIONALE UNIVERSALE
Sabato 18 Maggio 2019
dalle ore 11.00 alle ore 11.30

E come sempre…
…grazie a tutti

View original post

Mi sono innamorata…💙

Anime di Passaggio

《I suoi occhi sorridevano divertiti, per il gran trambusto della festa…
…danzava al ritmo della musica di sottofondo, senza preoccuparsi del giudizio dei presenti…
…e se ignoravi il suo sguardo curioso e indagatore, si allontanava senza rabbia e senza rancore…
…fragile e senza difese si affidava con fiducia, a chi le si avvicinava, con un delicato e spensierato ottimismo…
…non conosco neppure il suo nome, ma mi è bastato osservare la luce che emanava tutt’intorno per provare la dolcezza dell’Amore puro…
…e sì…
…è proprio così…
…mi sono innamorata.》
Dopo aver partecipato a una festa di compleanno…
…la visione di una piccola bimba mi aveva rapito…
…una dolce creatura, definita dalla comunità come affetta dalla sindrome di down…
…piccola e indifesa, si avvicinava, a coloro che aveva intorno, senza diffidenza e senza paura…
…la sua sensibilità era tangibile anche standole solo accanto…
…e la voglia di proteggerla dalle brutture del…

View original post 134 altre parole

Momenti di poesia. AMORE, di Renato Papaccio

Momenti di poesia. AMORE, di Renato Papaccio

amore.jpg

AMORE

un vento caldo ti invade , raggiunge la tua pelle
come un onda ma non è il mare

un brivido improvviso ti emoziona
resta con te e non ti lascia più

Con una voce bassa e con poca luce , ti
sussurra amore

Ti da carezze infinite ,ti porta luce trasparente
ignora la confusione.

Il tuo cuore brucia se non ha certezza sincera
bacia la tua pelle e la sensazione di lussuria.
dell’amore per sempre.

Renato Papaccio

ANGOLO DI POESIA: Tre poesie di PASQUALINA DI BLASIO

(by I.T.Kostka)

Sensibilità e maturità diventate poesia, saggezza e umanità diventate donna. In poche parole la poetessa Pasqualina Di Blasio che con grande piacere presento ai nostri lettori. La personificazione dello spessore artistico rinchiuso nei pensieri di una madre guerriera. Buona lettura!

IL SOGNO SVELATO

Una fiamma di sterpi e lentiggini chiare
la visione di te
un tratturo di fuoco nel mondo a venire
sotto i lunghi ginocchi , in alto la gonna scozzese
che con spilla su fianco chiudeva .

Il dorso di me denudato fu lo stesso per te.
Non si poteva sbagliare il Sogno svelato.
Eri la figlia di Eva prima del sibilo striscio
del morso di mela.
E fosti tremore nei frusti calzoni.

A confetti in agosto posammo il destino.
Nessun rimpianto a ferire.

PIANTO PER IL MONDO CONTADINO

Oh quanto poco ho camminato in questa valle
su cui la torre è assisa, sentinella scura d’altri tempi
quando Libertà era servigio e contavano i notabili
le case padronali ,il capriccio e campi a mezzadria.

E io saltavo su ciottoli bruniti e erbe abbarbicate
che ai muri a maggio facevano ricamo e a rondini
provvisorio nido mentre lontano migravano i fratelli
che di radici soffrivano, ma non volevano morire

All’opera sudavano i braccianti e il padre mio
nel campo suo latrava un motore a scoppio incaponito
ché di partire non voleva sapere e lui santiava
con la bava al petto e occhiaie al ciel levate e forti
quando il maligno i grani castigava e non tremava.

Oh , papà mio ,anche tu sei passato nella storia della valle!

E ti i ricordano i pochi che la sorte ancor non chiama
testimoni d’una terra trucidata, inalberata e uguale
quando spaginar passato non s’alloca e non governa saggio.
Sorti progressive, diceva il poeta. Sorti mal gestite le trafiggo io.
E piange in me l’esiliato mondo contadino.

UN RESPIRO DAL MONDO

Dove andare, dove parare
a prendere distanza
e uscire ancora innocente
dal morbo grugnito del mondo?

Non sonnellino d’estate
un’ostia calata nel sale
una sospensione in opale
ma un rito, un rito… ablativo

A pelo sull’acqua e più sotto
dove guizza il colore dei pesci
audaci a fronteggiare l’abisso
fin dove l’ossigeno fora.

E risalire con pinne leggere
appena a toccare lo scoglio
sì che steccate servili utopie
sgravino ali da afasiche acromie. Continua a leggere “ANGOLO DI POESIA: Tre poesie di PASQUALINA DI BLASIO”

Un modesto poeta…

52038529_595982040867512_4348446025451569152_n

Sono un modesto poeta

mercante di parole

che mi escono dal cuore…

Sono magie incomprensibili

un dono di cui

mai chiederei perdono

sgorgano come scintille dal cielo

mistero gaudente di cui

mi sento fiero

parlo d’ amore e di speranza

e non ne avrò mai abbastanza

di scrivere dalla mia stanza

un mare di parole che

fuoriescono dal cuore

un mare di versi che nell’aria

non sono dispersi…

 

 

Concerto per la città, di Lia Tommi

Giovedì 6 giugno – Offerto dai Club Service

Concerto per la città

La dodicesima edizione del Concerto dell’Orchestra Sinfonica del Conservatorio “A.Vivaldi” di Alessandria offerto dai Club Service alla città si terrà giovedì 6 giugno alle ore 21 al Teatro Alessandrino.

Con il patrocinio della Provincia e della Città di Alessandria, il concerto è diventato un appuntamento tradizionale al termine dell’anno accademico. Per il secondo anno Inner Wheel,Lions Club Alessandria Host, Lions Club Alessandria Marengo, Lions Club Marengo S.Croce, Rotary Club, Soroptimist e Zonta Club insieme, sostengono il Conservatorio, eccellenza locale, e assegnano due borse di studio ad allievi dell’Istituto di Alta formazione musicale. La cerimonia di premiazione avverrà all’interno del concerto.
Anche quest’anno a dirigere l’Orchestra Sinfonica sarà il Maestro Marcello Rota.
Ingresso libero per godere di un programma che spazierà da Beethoven ( Overture op.62, Sinfonia n.9), a Mozart con il solista Federico Scarone, Bruch con la solista Margherita Succio, e ancora brani di Bramhms, R. Schumann e Berlioz.
L’Orchestra Sinfonica del Conservatorio cittadino è composta da oltre cinquanta elementi e riunisce gli studenti dei Corsi Ordinamentali e di Laurea di I e II livello. Da alcuni anni, in occasione del certo di fine anno accademico, sono presenti giovani strumentisti della University of Georgia con cui si svolge abitualmente un proficuo scambio con il Conservatorio. Continua a leggere “Concerto per la città, di Lia Tommi”

ARMONIA DENTRO, di Silvia De Angelis

armonia dentro8

Quella felicità ricercata dai più, in realtà si trova in fondo alle pieghe dell’anima, ma sono in pochi soggetti,  a saperla catturare, e a tenersela stretta nei momenti del giorno, così effimeri e sfuggenti, nella ande del tempo che tutto toglie, con il suo rincorrere velocemente albe nuove.
Siamo sottoposti, con il nostro andare, a un’essenza assai effimera…che può estinguersi, da un momento all’altro,  a nostra insaputa, per un motivo impensabile. Dunque, dovremmo essere tutti in grado di  apprezzare  ogni respiro di preziosa vita, che sa donarci emozioni ineguagliabili e irripetibili, in grado di forgiare il nesso  della nostra personalità, malleabile come un vaso d’argilla.
Le intense impressioni che ci dona la natura, hanno un carattere di variabilità…sta a noi captarne, di volta  in volta, l’aspetto migliore, quello che più si confà alle nostre peculiarità interiori, valutando la sostanza di ogni  creazione dell’universo e ponendoci a diretto contatto con essa, per riuscire a farne parte completamente.
In un’ottica di vita ampliata si riesce a dare un significato davvero grande a ogni manifestazione d’esistenza, nel  suo porsi ai nostri occhi, riuscendo ad imprimergli un maggior valore, vedendo anche negli eventi che ci risultano, ad un primo impatto, negativi, la parte positiva….più celata, ma sempre esistente!
Infatti in ogni intervento che ci viene posto, nel cammino, esiste una doppia manifestazione, che la nostra maturità dovrebbe saper captare sia per la parte buona, che per quella, fra le righe, più inquieta….
Armonia, ed equilibrio interiore, permettono a tutti noi di procedere, il più possibile, in un percorso assennato, in cui sgradevoli sorprese saranno rare  e in ogni caso, ci  troveranno temprati ,a un disagio, che sapremo  combattere con armi ben affilate!

@Silvia De Angelis

Il fiume della mia vita.

46493764_543036022828781_183825639650885632_n

 

Il fiume della mia vita, le sue correnti

mi portano lontano nello spazio

mi ricordo da bambino

campi di fiori e sorrisi

dispersi su petali di fiori

e tanta serenità,

il fiume vaga velocemente

nella mia mente

una corrente d’ amore

fa breccia dentro il mio cuore

ed ora regnano pace

e sentimento…

è finito

il tormento…

 

Momenti di poesia. I miei pensieri, di Antonella Commendatore

Momenti di poesia. I miei pensieri, di Antonella Commendatore

i  miei.jpg

I miei pensieri

Quante volte fisso un punto dell’universo
e nei pensieri vedo passare la mia vita
come le scene di un film

Tratti belli brutti
di gioia o di disperazione
di vuoto o di felicità

Tanti momenti vissuti
che non torneranno
ma aspetto quelli che verranno
che saran di certo migliori

Pensieri e ricordi che affiorano alla mente
alcuni da cancellare
altri da tenere nel cuore

Amori passati vissuti
amori goduti altri mai avuti
Amori che torneranno
Amori che resteranno
Amori ancora da assaporare
Amori da tenere
Continua a leggere “Momenti di poesia. I miei pensieri, di Antonella Commendatore”

Amarti, di Stefano Polo

59588547_633394163792966_1874743183070461952_n

Amarti è come stare sulle nuvole

sognare ed essere felici e adoranti…

Sei come un frutto maturo

pronto da raccogliere e baciare.

Il tuo viso così sognante e radioso

si riflette dentro me

come dentro un lago pieno d’ amore

e felicità…

Sei come un’alba dentro me

che luccica tra i mie sensi…

Il tuo sguardo amore mio

farà sempre parte di me

come il mio cuore vivrò

solo del tuo amore.

Continua a leggere “Amarti, di Stefano Polo”

SANDRO  PENNA  e il PRIDE, recensione (2) di Elvio Bonbonato

SANDRO  PENNA  e il PRIDE, recensione (2) di Elvio Bonbonato

Felice chi è diverso

essendo egli diverso.

Ma guai a chi è diverso

essendo egli comune.

(1938)

penna

Sandro Penna (1906-1977) è ritenuto il più grande poeta lirico italiano del ’900 (Cesare Garboli e non solo). Questo è un epigramma (poesia breve concisa rapida, che esprime una riflessione concettuale in tono sentenzioso): una quartina di settenari canonici, con la parola chiave in rima-identica tre volte: “diverso”, e “comune” in ossimoro.

L’unico verbo: “è/essendo” (poliptoto) è replicato alternativamente nei 4 versi; anafora di “chi” e di”egli”.  L’avversativa “Ma” è rafforzata dall’esclamazione ammonitoria “guai”, non polemica, bensì a guisa di avvertimento/constatazione. 

Penna era omosessuale, come Pasolini, viveva a Roma.  Pensiamo a cosa significasse in quei decenni. 

Qual è il senso della lirica? In primo luogo l’invito a non vergognarsi della propria diversità e di viverla come un arricchimento, di non cercare la normalità (ipocrita) per essere accettati dalla società, di essere orgogliosi del proprio essere.  E anche, a un livello più alto: chi è diverso trova (o almeno ci prova: Leopardi) la propria felicità nella diversità.  Qualora, oltre a essere diverso, cercasse di essere comune (uguale gli altri), la propria felicità si muterebbe in dannazione.  Tale splendida osservazione di Penna vale per tutti, non solo per gli omosessuali.

Poiché il fascino delle poesie brevi di forte intensità semantica consiste nel prestarsi a molteplici interpretazioni, simili e dissimili nel contempo, aggiungo due commenti non miei. “Interpreterei la seconda parte come un monito: non fare della diversità un vessillo.  Non necessariamente dobbiamo apparire “diversi”; ”guai” a chi non è se stesso, sia diverso sia comune” (Lorella Torti).

“Va bene essere diversi, ma, siccome la diversità non è un handicap (e ci mancherebbe), a mio parere essere “comuni” significa: essere come gli altri nella propria diversità. Ecco  il valore che si dovrebbe trasmettere in manifestazioni come il Pride” (Maria Teresa Damiano).

Amarti

Forse amarti è questo:
Trovarti in un lilla di rose che si scaldano al sole
e non sono le mie rose.
Portare a mente un colore, a casa.
Pensarti in un lilla di rose, nella stanza in penombra
con insolita allegria.
E farsi l’ amore
come i ragazzi.
E non basta ancora.

lilla

Ascolta il mio cuore.

46493764_543036022828781_183825639650885632_nAscolta il mio cuore
che sente un senso di vuoto

ogni volta che ci lasciamo…
Mi si addormenta, si assopisce
e si spegne al chiarore della luna.
Ascoltalo…

Sente il bisogno di te
dei tuoi occhi che splendono
come perle d’ostrica…
Il mio senso svanisce
quando ci lasciamo
il mio animo piange…
Solo quando rivedrò il tuo volto
sorriderò di nuovo
come un’alba intramontabile.
Sei in me
ti appartengo amore mio
senza di te mi sento
un volatile disperso.
Con te il mio cuore
solo vedendoti
tornerà a sorridere
come una margherita
appena sbocciata.

Ascolta il mio cuore.

amore

59588547_633394163792966_1874743183070461952_n

 

Amore

senza di te

è come se mi togliessero

il sole dagli occhi.

Sei la mia luce

che accompagna il mio cuore

ogni giorno della mia vita

sei il mio viaggio

dentro i pensieri.

Come un fiore delicato

spunti dentro i miei occhi

che brillano d’ amore

come due stelle sopra il cielo.

Il tuo sguardo mi penetra

come un dolce fuoco

e questo fuoco d’ amore

brucerà dolcissimo

dentro i nostri animi

come un’ allegra fiamma

che sorride dentro i nostri cuori e renderà

il fuoco vivo sempre dentro di noi.

Il sole d’estate con i suoi raggi

pieni di calore

terrà  per sempre al sicuro

il nostro amore.

 

 

 

Il mio amore.

Cinema&Spettacolo. Maria Regina di Scozia, un film di Josie Rourke. Recensione di Maurizio Coscia.

Maria Regina di Scozia, bel film che tratta del confronto storico di tipo politico, militare e religioso di due donne, accomunate dallo stesso sangue e da eguali possibilità di aspirazione ad un trono che unifichi le corone di Scozia ed Inghilterra (in particolare). Due donne in lotta, l’una contro l’altra, ma consapevoli, comunque, di potersi voler bene ed amare come “sorelle”, nonostante la ragion di stato e le divisioni religiose, perché Maria di Scozia è assurta ad essere simbolo regale femminile del Cattolicesimo, mentre Elisabetta, del Protestantesimo. Dietro di loro, vi sono intrighi di corte che, inevitabilmente, le rendono nemiche e “schiave” di interessi di parte che le cristallizzano in posizioni di potere da cui sono costrette, loro malgrado, a prendere determinate decisioni…. e, alla fine del film, con il sottofondo delle lacrime sincere e spontanee di una Elisabetta, regina dignitosa ed austera, ma, in primo luogo, donna tradita da un amaro destino in quella che era la sua aspirazione, di fondo, ad essere fertile e ad avere un degno consorte, cade la testa di Maria Stuart, la regina rivale, sotto il colpo d’ascia del boia, per scelta “obbligata” di Elisabetta stessa… (Anno 1587)

Maria regina di Scozia

 

L’autore di questo articolo è Maurizio Coscia, scrittore del libro “Il Viaggio di Simone

Pagina facebook del libro: https://www.facebook.com/Evan-Jung

GARDELLA visto da Gardella – p. 2°

 

JacopIgna 150

Memoria sulla Conferenza “Architettura di Ignazio Gardella in Alessandria prima e dopo il secondo conflitto mondiale” tenuta dal prof. arch. Jacopo Gardella per l’inaugurazione della Sede dell’Ordine Ingegneri “Casa Ex Impiegati Borsalino”

ing. Gregorio Marafioti presidente dell’Ordine (2005-2009)

LINK introduttivo → GARDELLA visto da Gardella

Anni ’30 – Abbandono della tradizione e avvento di una nuova architettura basata sulla fiducia nella ragione e sulla certezza del progresso universale.
Architettura accademica e architettura razionalista in Alessandria

Parte Prima: Sede dell’ex-Camera di Commercio e Palazzo delle Poste

Jacopo Gardella inizia il suo intervento mettendo a confronto tre opere pubbliche che, pur essendo quasi contemporanee (anni trenta), presentano differenze enormi, facilmente riscontrabile anche agli occhi di un profano:

da una parte, la sede dell’Ex-Camera di Commercio progettata dall’ing. Chevalley, esempio di architettura accademica, tradizionalista, modellato sugli stili architettonici del passato”. Tra le architetture degli anni ’30 “modellate sugli stili del passato” c’è la “Casa del Mutilato”, sede (ultimo piano) dal 1992 al 2007  dell’Ordine Ingegneri. L’edificio è stato progettato dall’ingegnere alessandrino Venanzio Guerci, autore di numerosi progetti di edifici pubblici non tutti realizzati: curiosamente, tra quelli rimasti sulla carta c’è un progetto per il nuovo “Palazzo Poste e Telegrafi” (1932), poi affidato all’ing. Petrucci;

dall’altra parte, il Palazzo delle Poste progettato dall’ing. Petrucci ed il padiglione del Dispensario Antitubercolare progettato dall’ing. Ignazio Gardella, esempi di architettura moderna, considerata allora di avanguardia, e derivata dalla scuola tedesca del Bauhaus di Weimar, cioè dalla scuola del più ortodosso movimento moderno”.

Palazzo MonferratoA 500Or.jpg

La sede dell’ex-Camera di Commercio progettata dall’ing. Chevalley (anno 1932) è un  “Esempio lodevole di architettura accademica e tradizionalista. Il palazzo adotta forme tratte dal passato e rielabora uno stile barocco-palladiano; ma la sua costruzione in cemento armato – realizzata con pilastri in calcestruzzo, solai in cemento e laterizio, e con doppie murature perimetrali di tamponamento – è realizzata con una tecnica interamente moderna”.

La “Casa del Mutilato” progettata dall’ing. Guerci (1937) è conforme al modello di architettura di regime, contraria ai nuovi orientamenti “esterofili” (Le Corbusier e Bauhaus di Gropius), a cui Ignazio Gardella aveva aderito sin da studente.

“Il rimprovero che facevano i giovani architetti razionalisti agli architetti accademici verteva, tra l’altro, sulla incapacità da parte di questi ultimi di realizzare nuove forme usando nuove tecniche. Le forme rese possibili dall’uso del cemento, dall’impiego dei manti impermeabilizzanti, dalla introduzione delle tapparelle, dal ricorso al vetrocemento, erano forme che la tecnica tradizionale della costruzione – basata su muri portanti continui in mattoni, a sostegno di volte in laterizio o di travi in legno – non avrebbe mai potuto realizzare. Perché, si domandavano i giovani architetti razionalisti, continuare a rifare forme antiche e superate dal momento che le più recenti tecniche costruttive, universalmente usate, consentivano di adottare forme nuove, fino ad allora impossibili da immaginare e da realizzare?” Continua a leggere “GARDELLA visto da Gardella – p. 2°”

Istinto d’artista, di Cristina Saracano

Martedì 4 giugno 2019 alle ore 18,00 verrà inaugurata presso il CAFFÈ ALESSANDRINO
Piazza Garibaldi, 39 – Alessandria Tel. 0131-441903
la mostra dal titolo
“ISTINTO D’ARTISTA”
di Gianna POGGIO

Fabrizio PRIANO
Presidente dell’Associazione Culturale Libera Mente-Laboratorio di idee commenta: “Con la mostra dedicata all’Artista Gianna POGGIO proseguono gli appuntamenti del Progetto ARTE DIFFUSA, eventi dedicati all’Arte presso alcuni locali della nostra Città.

Gianna POGGIO, innamorata dell’Arte in tutte le sue espressioni, dalla musica alla pittura e al teatro, appassionata di pianoforte, presenta le sue opere più significative realizzate lasciando liberi di esprimersi istinto e sentimenti”.

Gianna POGGIO – Biografia
Nata a Landshut (Germania) il 26 giugno 1945
Artista eclettica con una spiccata visione intimistica, esprime la propria natura artistica attraverso diverse forme d’arte: musica, pittura, teatro.
Caratteristica è l’uso di differenti tecniche pittoriche quali acquarello, acrilico, olio, su supporti differenti quali tela, juta, faesite, legno massello.
La sua arte non segue schemi definiti, ma si sviluppa prevalentemente in modo estemporaneo assecondando l’istinto e l’espressione dei sentimenti .

BASTA! free shopping delle imprese italiane, di Pier Carlo Lava

BASTA! free shopping delle imprese italiane, di Pier Carlo Lava

Alessandria today: Sono anni che il nostro paese è diventato preda da cacciare delle multinazionali che che non trovano nessun ostacolo a fare acquisti di imprese in ogni settore merceologico, siano esse società di piccole, medie o grandi dimensioni, arrivano fanno la loro offerta e acquistano.

Pier

Il numero delle imprese italiane sopratutto nei grandi brand conosciuti e affermati nel mondo, per qualità dei prodotti, innovazione e design finite in mano a società estere ormai non si conta più come se non facesse notizia.

A volte poi succede come nel caso della Pernigotti di Novi Ligure un antica e rinomata società italiana del settore dolciario famosa per il torrone, i cremini, i gianduiotti, le uova di Pasqua e i preparati per gelateria che viene acquistata da una società turca, strapagata e malgestita al punto che in pochi anni accumula milioni di euro di perdite e poi decide di chiudere lasciando sul lastrico centinaia di lavoratori.

Oppure come nel caso del Mercatono UNO che recentemente era stato acquisito da una società che in solo otto mesi ha accumulato perdite enormi e ora di colpo ha deciso di chiudere senza preoccuparsi della situazione di migliaia di lavoratori e delle relative famiglie e ovviamente nessuno Governo compreso si è preoccupato di verificare chi era la società acquirente… Continua a leggere “BASTA! free shopping delle imprese italiane, di Pier Carlo Lava”

A LETTO SENZA CENA, di vittoriano borrelli

A LETTO SENZA CENA, di vittoriano borrelli

67… 68… 69 … Non sono numeri da giocare al lotto.

72… 73… 74…  Non è la sequenza di un codice segreto.

81… 82… 83…  Non è la rievocazione degli anni ottanta.

A LETTO SENZA CENA

Che cosa sarà mai?

Se siete arrivati a questo punto della lettura sarete forse delusi di scoprire che si tratta di qualcosa di molto banale: la conta delle pecore, rimedio per antonomasia che si pratica quando non si riesce a dormire.

L’insonnia, si sa, è una gran brutta bestia. Secondo il Censis (Centro Studi Investimenti Sociali) oltre quattro milioni di italiani ne soffrono in maniera cronica ma è un dato destinato a crescere se si sommano i periodi più o meno lunghi di insonnia transitoria.

Le cause sono molteplici: stress, stile di vita disordinato, ansia o preoccupazioni mal gestite, un concentrato di fattori singoli o concomitanti che incidono non poco sulla qualità della nostra esistenza. Ma i rimedi a volte sono peggiori del male. Continua a leggere “A LETTO SENZA CENA, di vittoriano borrelli”

I docenti competenti non parlano di pdp

Gifted and Talent: tra realtà e quotidianità

Ho fatto alcuni incontri con i docenti e interventi in delle.scuole per parlare di alto potenziale cognitivo… da questi incontri cosa ho imparato?

Che i docenti veramente interessati, competenti e passionali del loro lavoro e seri non parlano mai di PDP ma di…Formazione!!! Ed e’ quello che hanno fatto con me: non mi hanno chiesto se un pdp potesse essere la.gousta via da seguire ma mi hanno chiesto Formazione!

Perche’ hanno compreso che per i nostri figli non serve tanto un pdp,peraltro esteso senza conoscenza o con un copia incolla uguale per tutti o senza obiettivi corretti oppure seguendo consigli genitoriali o di psicologi che potrebbero confondere ancora di piu’, ma l unico modo per aiutare di facto questi bimbi e’ conoscere la loro complessità, il loro lato emotivo e quello intellettuale e come poterli supportarli in modo adeguato secondo il loro modo unico e personale di essere…quindi Formarsi…

View original post 24 altre parole

Scuola elementare: troppo lunga per i bambini dotati? (Documento tradotto da Manuela Peduzzi)

Gifted and Talent: tra realtà e quotidianità

Considerato che non si smette mai di imparare come di scoprire e di comprendere nuove informazioni, metto a disposizione ogni documento utile alla comprensione dell’argomento Plusdotazione che ho, per avere sempre piu’ chiaro cosa significhi fino in fondo Essere un Plusdotato.

Pertanto, oggi propongo questo documento che scaricai da Internet 2 anni fa, appena seppi delle caratteristiche di mia figlia.

La scuola elementare sarebbe un calvario per i bambini dotati” Arielle Adda si interroga.
I bambini dotati capiscono naturalmente l’importanza del sapere per crescere e progredire al meglio, così come ne hanno da sempre il più vivo desiderio.
Ciò detto, si adeguano più o meno facilmente alla lentezza e alle ripetizioni dell’insegnamento parsimonioso che si dispensa loro.

Le possibilità di sfuggire a questa scomodità sono abbastanza ridotte: i genitori si sentono disarmati di fronte all’imperativo dell’anno di nascita e, anche se percepiscono il vago malessere del proprio figlio…

View original post 1.464 altre parole

2e e Flash Parr

Gifted and Talent: tra realtà e quotidianità

Riporto l intero post scritto

Twice Exceptional – La storia dei bambini incredibili

cFgv7
“Tutti sono speciali, che sarebbe come dire che non lo è nessuno”. (Flash Parr) – Tratto da “Gli incredibili, una normale famiglia di supereroi”

Prendetevi il tempo per leggere questo articolo, perché ognuno di noi ha una particolarità e un’unicità. Non saperlo vuol dire gettare un’occasione, e in molti casi, in questo tempo e in questa vita, è l’unica che avete…

Quante volte avremmo desiderato essere diversi, speciali, con i migliori superpoteri!

La verità è che anni di Goku, Ken il guerriero, Sailor-moon, Super-man, Batman e il successivo decennio di Spiderman, X-men, Capitan America, Iron man e chi più ne ha più ne metta, ci hanno fatto capire (o costretti a capire) quanto è importante essere diversi e che questo migliorerà sicuramente la nostra vita. L’amara verità, ciò di cui non ci accorgiamo da bambini…

View original post 2.039 altre parole

La psicologa: «Genitori state attenti, non dovete identificarvi con il figlio-genietto»

Gifted and Talent: tra realtà e quotidianità

«I bambini molto dotati sono spesso fragili sul piano emotivo»

Da un articolo del Corriere:

La psicologa Anna Oliverio Ferraris

La psicologa Anna Oliverio Ferraris«Avvocato, 40 anni, iscritto al Mensa (il club delle persone brillanti, con quoziente intellettivo più alto del 98% della popolazione mondiale,ndr), la scuola non gli era mai piaciuta: diceva che lo consideravano un ritardato. Rispondeva, i voti c’erano. Però si distraeva facilmente: “è intelligente ma non si applica”, gli dicevano i professori». Non essere riconosciuto: ecco il rischio più grande – e più frequente – per i bambini con potenziale cognitivo elevato. Di ex bambini con un’intelligenza fuori dal comune, come l’avvocato a cui «la scuola proprio non piaceva», ne ha esaminati a decineAnna Oliverio Ferraris, psicoterapeuta e docente di Psicologia dello Sviluppo alla Sapienza di Roma, autrice tra l’altro del libro «Le età della mente», in cui ha indagato come nasce e si sviluppa l’intelligenza nei…

View original post 730 altre parole