NEL DESERTO, di Silvia De Angelis

nel deserto1

Marta ha appena terminato il corso di dizione, per eliminare le sue inflessioni dialettali ed è davvero euforica perché ha ottenuto un ottimo punteggio all’ esame.

Ha una bella presenza, e ha già fatto piccole parti come comparsa in qualche film notevole, ma sta aspettando un’ occasione importante, per farsi conoscere e diventare un’ artista di rilievo.

I produttori e i registi ormai la conoscono e la donna spera, in cuor suo, di ricevere una proposta allettante che le permetta, finalmente, di “ svoltare” nel settore desiderato.

In un gelido giorno d’ inverno, squilla il suo telefonino, e Giorgio, un amico della ragazza, le comunica che agli studi di Cinecittà stanno facendo dei provini per un film storico, alla ricerca d’ una affascinante protagonista femminile.

Marta non se lo fa ripetere due volte, e dopo essersi truccata accuratamente, e vestita in modo appariscente si reca a Cinecittà per vedere se riesce a inserirsi fra le ragazze in lizza per la parte. Continua a leggere “NEL DESERTO, di Silvia De Angelis”

Momenti di poesia. ROSEO MATTINO, di Mirella Ester Pennone Masi

Momenti di poesia. ROSEO MATTINO, di Mirella Ester Pennone Masi

roseo.jpg

ROSEO MATTINO

Mi basta un battito di ciglia

e catturo questo roseo mattino,

il tempo sembra fermarsi.

Azzurrognoli fragili fiordalisi

si piegano docilmente alla brezza,

pulsa un verso di fremiti irruenti

in questo vociare quiete tra i larici;

un volo di farfalle sui fiori

sulle erbe, foreste per coccinelle,

un assiolo aleggia lontano…

Nell’aria c’è un sentire di passi

ma non vedo nessuna presenza;

il ricordo dei volti lontani

risveglia sensazioni accorate

e turba questo mio attimo fugace.

Mirella Ester Pennone Masi 6/06/2019

photo web

Momenti di poesia. ASCOLTAMI SE PUOI, di Giuliano Saba

Momenti di poesia. ASCOLTAMI SE PUOI, di Giuliano Saba

ascoltami.jpg

ASCOLTAMI SE PUOI

Resta accanto a me mentre ti amo,
senza misure e senza tempo,
quando il freddo della mancanza si trasforma in rabbia;
guarda dentro ai miei occhi,
lì troverai scritto tutto l’amore che vorrei darti.
Vivimi nei miei silenzi,
perché è lì che sto ascoltando le voci del tuo cuore.
Sì, vivimi se vuoi, fallo adesso se puoi.
Ora vorrei essere accanto a te,
mentre t’appresti a rivestire di ricordi quella temuta nostalgia,
donarti il mio sorriso
nel quale tu possa rispecchiarti e cancellare ogni traccia di dubbio e di tristezza.
Io per te saprò essere
Acqua,
affinché tu possa dissetarti di gioia e d’amore,
terra,
da cui raccogliere i frutti oramai maturi di questo nostro sentimento.
Fuoco,
col quale far ardere le fiamme del tuo desiderio.
Se il tuo corpo danzerà col mio, la mia anima canterà con la tua,
se i nostri occhi esulteranno insieme,
solo allora
sarà soavemente dolce trovare le parole per dar voce al mio silenzio.

Momenti di poesia. “Tutti sono insegnanti e allievi”, di Ely Chio

Momenti di poesia. “Tutti sono insegnanti e allievi”, di Ely Chio

tutti.jpg

“Tutti sono insegnanti e allievi”
Non abbiamo tutti le stesse esperienze
non siamo tuttologi
per questo dovremmo
imparare l’onestà intellettuale
l’accogliere una possibile
opinione divergente.
Non fermarci ai cliché della vita.
Una persona è piccola e si crede
che non ti possa comunicare
né insegnare nulla
o un bambino non possa
in qualche modo stupirti.
Non è cosi!
Tanto ti può deludere
una persona adulta, tanto
ti può affascinare o trasmettere
o comunicare un bambino.
Mai fermarsi ad un primo approccio
mai limitarsi alla prima occhiata
tutto può semplicemente ingannare
la realtà dei fatti
siate abili nell’andata oltre.
siate capaci di stupirvi
siate elastici per consentire
agli altri crescita.
Siamo fonte di ricchezza
l’un per l’altro solo che
a volte facciamo finta
di non rendercene conto.
Non si deve aver paura del diverso
si deve temere
la visione generale distorta
che esaltata l’ignoranza.
Ely Chio © diritti riservati
Buona Giornata Spiriti Guerrieri

Momenti di poesia. Estasi, di Amos Grilli

Momenti di poesia. Estasi, di Amos Grilli

Estasi.

Sento dirmi t’amo
e in estasi va`
il cuore mio.
Mentre nel sogno
m’adagio
e destarmi non voglio
se cagion d’amore è
Tutto d’intorno tace
e questo silenzio
il mio pensiero sublima.
So` del venir d’un alba nuova
e il sole con il suo cocente
raggio
il mio estasiar brucia.
In una realtà che ogni bellezza
infrange

Amos

Momenti di poesia. Notte in Blues, di Mirella Ester Pennone Masi

Momenti di poesia. Notte in Blues, di Mirella Ester Pennone Masi

Notte in Blues

Notte in Blues

Risvegli un vociare dolente

Scorri il vento tuo in angoli bui

Accedi nei miei pensieri

E mi liberi dall’intrico notturno

Da inumane sofferenze.

Colmi il segreto dei boschi

E di stelle pulsanti

Tra spirali di resurrezioni

A quel sentore di anime vicine

Bisognose di luce.

Dell’intima mia inquietudine

Rendi mite questa insonnia

Alla luce furtiva di un lampione.

Sopra il tetto, in alto nel cielo

È tutto un vernissage d’autore

La bellezza emozionante

Di questa notte!

Cade una stella

Ma non chiedo la felicità eterna.

Ora tutto tace

Tace l’infinito;

Adesso soltanto il mio cuore

Urla un Blues.

(Mirella Ester Pennone Masi 5/06/2019)

photo web

Non ho resistito!

Incredibile a dirsi ma nel mio ingresso non c’è spazio per un classico appendiabiti, e non è carino poggiare cappotti e giacche su divani e poltrone. 🤔🤔 come faccio?
Ok, non perdiamoci d’animo, una soluzione ci sarà…devo solo trovarla!
Internet….immagini….et voilà! Trovata!

Bella, molto bella, ma adesso mi tocca realizzarla!
Organizziamoci: ho comprato tre assi di acero lunghe 1 metro e larghe 10 centimetri; non potendo fissare al muro l’appendiabiti all’altezza che desideravo ho pensato di lasciarlo sospeso con una catena di metallo che simulasse il ferro battuto, ne ho comprate 2 da un metro l’una. Per fissarle ho acquistato dei tasselli di metallo a goccia, comunemente usati per fissare il cartongesso.

Oltre a viti e chiodi sottili ho anche preso dei Fischer ad uncino da fissare alla parete ai quali appendere la catena.

In ultimo, per scurire il legno d’acero ho utilizzato prima del mordente mogano, e poi una…

View original post 253 altre parole

Momenti di poesia. FUOCO ACCESO.. di Rita Frasca Odorizzi

Momenti di poesia. FUOCO ACCESO.. di Rita Frasca Odorizzi

FUOCO ACCESO…

I tuoi occhi
sono fessure di tempo,
ora che il guizzo
si è appannato, trasceso..
addormentato fra le mie braccia.
Albero di carne lo possiedo,
e lascio
che l’ultima vampa,
l’ultimo lapillo
di questa lava incandescente,
che ci ha pervaso, anime e corpi,
si rifugi nell’attesa,
che un sentimento si risvegli
dal suo sonno
e scateni un fuoco
che bruci ogni giogo, ogni traccia
di un passato, che ci travolse
entrambi e ci serro’,
infanti d’amore, per restituirci
creature degli abissi,
dove regna il cuore di un vulcano
acceso
di delicatezza e tremore,
.per approdare..
ad un luogo segreto, anche ai sogni..

Consigli per una vita migliore (io ve l’ho detto, poi fate come vi pare)

: kaizenology :

afwasCosì come mi occuperò la settimana prossima di dispensare consigli di pragmaticità alla figura dell’italico medio (ok, non me l’ha ordinato nessuno ma questo è quello che avete; mi spiace), adesso vorrei rasserenarvi – o compatrioti – con una serie di suggerimenti di cura del dettaglio rivolti alle popolazioni nord europee. Così, tanto per sorridere e pensare che, in fondo, non è poi tutto sempre e solo sbagliato. Sì, certo, a ‘sbagliato’ siamo messi alla grande, meglio che nel rugby per esempio, o nei lavori pubblici, ma ci sono anche cose belle che costellano le nostre esistenze sparse lungo lo stivale. E’ che bisogna trovarle… Piccoli gioielli dalla luce cristallina sepolti da strati di polvere.

Dunque, cari amici europei dalla carnagione pallida e dai troppi centimetri di altezza. Scandinavi, anglosassoni, mitteleuropei, francofoni, fiamminghi. Siete fantastici quanto a progettazione e senso civico. Siete equilibrati, pragmatici e fondamentalmente onesti. Curate la ‘cosa comune’ tanto quanto quella privata, filtrate…

View original post 799 altre parole

Ode al bidet

: kaizenology :

Non bramo celare una punta di commozione, nel vergare queste umili parole elettroniche dedicate all’oggetto più importante della mia vita. Sì, è vero, ho sempre detto di non provare affetto per le cose materiali, di volere meno oggetti possibili, vi ho rotto le palle all’infinito nel fare il figo che schifa il benestare, il lusso, i soldi, il PIL e tutto quanto non suoni irresistibilmente radical. Verissimo.

View original post 443 altre parole

Come fa la mucca?

: kaizenology :

Dunque sono stato per parecchio tempo in una casa di campagna olandese, quasi sepolto dalla neve, isolato tra i campi sterminati e candidi del rurale est,  ai confini con la Germania. In compagnia di intrepidi merli dal becco scuro o arancione (a seconda del sesso), simpatici pony dal ciuffo biondo e dalle tonnellate di merda prodotte (sorprendente, date le ristrette dimensioni dell’animale) e lucidissime lastre di ghiaccio a ricoprire tutto: stagni, canali, sentieri, piste ciclabili e strade. In termini di mobilità, è stato come fare una vacanza nel braccio di massima sicurezza di un carcere. Solo che lì hai la tv via cavo, con ogni probabilità.

E allora vai di buon umore, musica, litri di tè caldo, stufa accesa, dolcetti, sigarette che fanno ridere, libri per bambini, fogli e pennarelli a volontà e qualche idea creativa per non soccombere sempre e comunque dinanzi alle tre femmine dal 50% minimo di sangue olandese nelle vene con cui ho…

View original post 602 altre parole

Forse non tutti sanno che…

: kaizenology :

  • anziani-che-camminano-con-le-mani-dietro-la-schienai vecchi tengono le mani giunte dietro la schiena – sì, proprio quell’immagine del vecchietto insolente a ficcare il naso nei lavori in corso per strada – per un semplice motivo fisico: con la panza non v’è altro modo dignitoso di far sostare gli arti in modo congiunto
  • la parola olandese più conosciuta al mondo è apartheid, e non è proprio una bella cosa. Diciamo

View original post 559 altre parole

Music: vinci il tuo sogno, di Lia Tommi

Music. Vinci il tuo Sogno!
Sabato 8 giugno la Finale al Circolo La Casetta di Alessandria

Music. Vinci il tuo Sogno, la manifestazione canora ideata e organizzata da Giorgio Mengato, Elisabetta Stango e Giorgio Pagnotta, è giunta al suo atto finale.
Sabato 8 giugno in Alessandria, al Circolo La Casetta (Via San Giovanni Bosco, 63), con inizio alle ore 21, avrà luogo la Finale: dopo sette mesi sapremo chi sono i vincitori assoluti, uno per la categoria Giovani e uno per la categoria Over.

Presentano la serata Elisabetta Stango e Giorgio Mengato, service curato da Giorgio Pagnotta.
Due le giurie che opereranno in modo autonomo: la prima, giuria tecnica, composta di personaggi di spicco del panorama musicale (produttore discografico, produttore di musical, talent nazionali, musicisti, insegnanti e cantanti) che decreteranno i vincitori, mentre una giuria composta dagli sponsor determinerà alcuni premi speciali.
Inoltre il vincitore della categoria giovani vincerà il passaggio diretto alla finale nazionale di un importante talent.
La provenienza dei concorrenti in gara non è solo alessandrina: Torino, Vercelli, Pavia, Savona, Genova sono solo alcune delle provincie rappresentate.
Numerosi i premi in palio tra cui quelli messi a disposizione dai concorsi partner di Music! Vinci il tuo sogno: Gazebo Voice, Il Carrozzone Musicale – Una Canzone per te, Il Microfono d’oro e Emozioni con parole e musica. Continua a leggere “Music: vinci il tuo sogno, di Lia Tommi”

Il nuovo contest di NadaNuovoHauteCouture: in palio un abito da sera, di Lia Tommi

Contest
“La BELLE EPOQUE – 10 modi per diventare una donna perfetta “
TI REGALO UN ABITO DA SERA

Vuoi scoprire come vincere e ricevere in regalo uno degli abiti della mia collezione NADANUOVOHAUTECOUTURE?
Partecipa anche tu al GIVE AWAY
(Valido solo per le prime 100 donne)
Cosa faresti se avessi la bacchetta magica?
Cosa faresti se avessi la grande opportunità di migliorarti?
Acquistando il libro puoi vincere un abito da € 450,00

Attenzione: non leggere questo libro se non sei abbastanza ambizioso e forte, se non sentì quel forte desiderio di migliorare te stessa! Quel desiderio che ogni giorno ti fa dire” ce la posso fare”

HO DECISO DI METTERE A DISPOSIZIONE
2 BONUS SPECIALI:

1 BONUS
(Valido solo fino al 30 giugno 2019)
Partecipa al GIVE AWAY “ti regalo un abito da sera”, non crederai ai tuoi occhi perché è qualcosa di pazzesco.

COME FUNZIONA?
Partecipa al concorso, verrà dichiarato la vincitrice il 4 luglio 2019, che sarà chi avrà solo acquistato il libro “La Belle Epoque- 10 modi per diventare una donna perfetta” il quale potete ordinarlo e acquistarlo scrivendoci su: info@nadanuovo.it
Basta acquistare la copia del libro (ex essere tra i primi 100 acquirenti per partecipare al concorso che mette in palio un abito da sera del valore di € 450,00
(Alla migliore frase motivante su se stessa) Continua a leggere “Il nuovo contest di NadaNuovoHauteCouture: in palio un abito da sera, di Lia Tommi”