foro romano

Quer capitello mozzo

de Roma vecchia

‘ndo s’embizzarì

er cervello d’Augusto

è ‘ncora degno

d’en gran rispetto

fra ‘n portico e ‘na piazza

Tra resti scompenzati de circhi

e templi de  divinità

se tramanneno

avanzi de storia

e gesta ‘ndimenticabbili

de Cesare ne ‘e conquiste

de tere lontane

mete che solo lui

seppe toccà co’mano

e fa d’impero ‘na dittatura

che ‘nfine jè costò cara

pe’ quer complotto

che segnò a ‘ fine sua

@Silvia De Angelis

T R A D U Z I O N E

NEI FORI DI ROMA

Quel capitello monco

della vecchia Roma

in cui lavorò la mente d’Augusto

è ancora degno

di grande rispetto

fra un portico e una piazza

Tra resti rovinati di circhi

si tramandano

tratti di storia

e gesta indimenticabili

di Cesare nelle conquiste

di terre lontane

mete che solo lui

seppe toccare da vicino

e fare d’un impero una dittatura

che infine gli costò cara

per quel complotto

che segnò la sua fine