Momenti di poesia. L’illusione d’un incontro, di Stefania Pellegrini

Parole nomadi

L'illusione.jpg

L’illusione d’un incontro

Il magnetismo colto
nei suoi occhi
la profondità dello sguardo
e la magia per l’incontro
catturavano la mente
in artifici
della fantasia.
Davanti al telefono muto
immaginavi giorni
di limpidi sorrisi
di sguardi trasognati
avviluppata in un anelito
di spume frizzanti
di conturbanti e accesi
abbandoni.
Ma ti trovavi ad inseguire
parole tra nuvole di fumo.
Attese fluttuavano
sopra un suo gesto,
stagnavano
su parole mai dette,
su un’attenzione dispersa
nell’aria.
Altero lo sguardo,
guardava oltre.
Stefania Pellegrini ©