Momenti di poesia. SONETTO per Aldo Civelli partigiano, di Gianfranco Isetta

Momenti di poesia. SONETTO per Aldo Civelli partigiano, di Gianfranco Isetta

Gianfranco Isetta

SONETTO per Aldo Civelli partigiano
(a quasi quarant’anni dalla scomparsa)

Aldo, vorrei parlarti. Inutilmente,
perchè non ho il dolore che risolve.
Lo so. Perchè tu taci eternamente,
pur se non è la morte che dissolve.

Io mi rivolgo a te nella finzione
di chi, genuflettendosi, riponga
la sua speranza, senza una ragione,
chè il nostro tempo ora si ricomponga.

Quel che mi muove è una commozione,
che non richiama in vita il tuo pallore,
non manifesta alcuna presunzione

sorta da un’ambizione troppo ardita
che si rivolga a te senza pudore
come memoria che si fa infinita.

Nella ricorrenza del 25 aprile, Festa della Liberazione, ho proposto questo sonetto, peraltro già pubblicato in un mio precedente libro, dedicato a ALDO CIVELLI, partigiano che dopo la guerra si dedicò all’arte dell’ imbianchino e che è stato per me un punto di riferimento e un esempio di vita.

Gianfranco Isetta aprile 2019

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...