Mamma.

Mamma insegnante di vita…

Mi nutro del tuo amore

ogni giorno

come un pianta mi accudisci

e mi proteggi

con le tue mani fermi i miei pianti

e li trasformi in gioia…

Mamma i tuoi sorrisi

e i tuoi consigli

sono dolcissimi bisbigli d’ amore

mi stai accanto dolcemente

senza far rumore…

Mamma ascolti le mie parole

e le accompagni dentro di te

conservandole nel cuore

mentre mi scende una lacrima dal viso

tu la cancelli con il tuo

amorevole  sorriso.

un modesto poeta

46493764_543036022828781_183825639650885632_n

Sono un modesto poeta

mercante di parole

che mi escono dal cuore…

Sono magie incomprensibili

un dono di cui

mai chiederei perdono

sgorgano come scintille dal cielo

mistero gaudente di cui

mi sento fiero

parlo d’ amore e di speranza

e non ne avrò mai abbastanza

di scrivere dalla mia stanza

un mare di parole che

fuoriescono dal cuore

un mare di versi che nell’aria

non sono dispersi…

 

 

 

La nuova Giunta comunale di Novi Ligure, di Lia Tommi

Novi Ligure: la nuova Giunta comunale

GIAN PAOLO CABELLA – Sindaco
Mantiene la rappresentanza in seno all’A.S.L- AL, le competenze in materia di Bilancio, Finanze, Patrimonio, Economato, Trasparenza, Comunicazione, Partecipazione, Servizi informatici, nonché residue competenze non delegate espressamente
Nato a Valenza (AL) il 29.6.1944

DIEGO ACCILI – Vice Sindaco
Deleghe: Lavori Pubblici, Trasporti, Protezione Civile, Piano Energetico, Servizi Cimiteriali, Trattamenti Sanitari Obbligatori (TSO)
Nato A Roma l’11.1.1965

ROBERTA BRUNO
Deleghe: Gestione del Territorio, Urbanistica, Attività Produttive, Ambiente, Agricoltura, TSO
Nata ad Alessandria l’8.2.1967

COSTANZO CUCCURU
Deleghe: Cultura, Pubblica Istruzione, Formazione Professionale, Sport e Promozione Sportiva, Turismo, TSO
Nato a Bosco Marengo il 3.5.1943

GIUSEPPE DOLCINO
Deleghe: Commercio, Promozione Economica, Rapporti con i cittadini, TSO
Nato a Castelletto d’Orba il 10.10.1946

MARISA FRANCO
Deleghe: Sicurezza, Polizia Municipale, Viabilità, Personale e Organizzazione, Affari Sociali, Disabilità, TSO
Nata a Serravalle Scrivia il 5.4.1956

Il fiume della mia vita

60651702_642937402838642_7662998113136672768_n

 

Il fiume della mia vita, le sue correnti

mi portano lontano nello spazio

mi ricordo da bambino

campi di fiori e sorrisi

dispersi su petali di fiori

e tanta serenità,

il fiume vaga velocemente

nella mia mente

una corrente d’ amore

fa breccia dentro il mio cuore

ed ora regnano pace

e sentimento…

è finito

il tormento…

 

 

Senza di te…

 

Morto il sindaco “eroe” di Rocca di Papa, di Lia Tommi

È morto sindaco di Rocca di Papa Emanuele Crestini.

“Il sindaco di Rocca di Papa – si legge in una nota della Asl Roma 2 – è deceduto. Nelle ultime ore le sue condizioni si erano aggravate a causa di una sopraggiunta crisi respiratoria e dal quadro derivante dalle infezioni delle lesioni riportate dovute alla lunga permanenza nel luogo dell’incendio. Si esprime un sentimento di profondo cordoglio ai famigliari e tutta la comunità di Rocca di Papa”.

Il sindaco Crestini era ricoverato da giorni al centro Grandi Ustioni dell’ospedale Sant’Eugenio di Roma, dopo l’esplosione di dieci giorni fa che aveva coinvolto il palazzo del municipio. Crestini aveva riportato ustioni sul 35% del corpo. Con coraggio e vero senso del dovere era stato l’ultimo a lasciare l’edificio dopo l’incidente, preoccupandosi prima di aver fatto evacuare tutti i dipendenti, consiglieri e cittadini.

I pm della procura di Velletri indagano per disastro colposo. Durante alcune trivellazioni, gli operai hanno causato la rottura accidentale di una conduttura del gas che ha saturato gli ambienti del palazzo comunale e generato l’esplosione. Dipendenti, consiglieri e cittadini erano scappati dall’edificio del Municipio dopo l’esplosione. Sedici i feriti, tra quelli soccorsi sul posto e i ricoverati in ospedale.

Terremoto in Francia, di Lia Tommi

Scossa di terremoto nell’ovest della Francia nel giorno d’inizio della stagione estiva: il sisma ha messo in allarme la popolazione.

Una scossa di terremoto magnitudo 5.2 ha colpito l’ovest della Francia. Non sono stati rilevati gravi danni ma il sisma, con epicentro nel dipartimento della Maine e Loira, è stato avvertito dalla Bretagna all’Aquitania.
L’evento tellurico, registrato alle 08:50, è stato localizzato a 29 chilometri a nord di Bressuire (Deux-Sevres).

Il sisma ha messo in allarme la popolazione da Bordeaux fino a Rennes, passando da Tours.
Nessun danno alle persone è stato rilevato, solo qualche crepa negli edifici, senza conseguenze.

“Questo tipo di sisma è poco frequente, senza essere eccezionale“, ha dichiarato a France Presse, Jerome Vergne, fisico all’Ecole et observatoire des Sciences de la Terre (Università di Strasburgo/Cnrs). Fenomeni del genere si verificano in genere ogni “4 o 5 anni” in Francia, ma con una certa variabilità.

GARBAGNA: INAUGURATA IERI LA MOSTRA “SACCAGGI CENTOCINQUANTA + UNO”, di Bruno Volpi

Alla presenza del Sindaco, Fabio Semino, e del Presidente della Fondazione della Cassa di Risparmio di Tortona, Dante Davio, si è svolta nel tardo pomeriggio di ieri, nello spazio eventi antistante la sala polifunzionale di Garbagna, la cerimonia di inaugurazione della mostra “Saccaggi centocinquanta + uno”, che presenta tredici importanti opere del pittore tortonese, tutte provenienti dalle raccolte della Fondazione CRT.

La mostra, frutto della collaborazione tra il Comune di Garbagna e la Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona, viaggia sull’onda del successo della mostra «Da Pellizza a Cuniolo. Visioni di paesaggio», che, come è stato sottolineato dal sindaco Semino nel saluto introduttivo, lo scorso anno aveva portato a Garbagna un migliaio di visitatori in tre fine settimana. Curatrice dell’evento 2019 è la Prof.ssa Manuela Bonadeo, con la collaborazione del Prof. Mauro Galli, annoverato come massimo conoscitore di Cesare Saccaggi e del suo percorso artistico.

Il Prof. Galli ha ripercorso, a beneficio del numeroso pubblico presente, i diversi momenti della carriera di Saccaggi, sottolineandone l’intrecciarsi frequente con quella di Giuseppe Pellizza, suo coetaneo.

Un’enfasi particolare è stata dedicata alla presentazione dei principali capolavori esposti a Garbagna, ad iniziare da Sansone deriso dai Filistei, opera con cui, nel 1891, Saccaggi partecipò al Concorso per il Pensionato artistico nazionale, organizzato dall’Accademia Albertina di Torino, fino a giungere a La vetta del 1912, autentico capolavoro simbolista presentato alla Biennale di Venezia.

Nel percorso anche opere di dimensioni più ridotte, ma comunque di grande pregio, organizzate in due sezioni, una dedicata al ritratto e l’altra al paesaggio.

Tra i ritratti, incantevole sia nel soggetto che nella tecnica pittorica l’opera Nostalgia, come altrettanto deliziosa appare la Bimba con il soffione. Tra i paesaggi da sottolineare alcuni scenari alpini, tra cui un paesaggio di Alagna che rimanda a temi cari a Fornara e ai pittori vigezzini.

Come è stato sottolineato dalla curatrice Bonadeo, la mostra rappresenta un doveroso omaggio all’autore tortonese, forse non adeguatamente ricordato lo scorso anno, nel 150 anniversario della nascita. Anche da questo nasce l’originale titolo dell’esposizione ospitata nel suggestivo borgo della Val Grue, che rientra a pieno titolo tra i “Borghi più belli d’Italia”.

La mostra “Saccaggi centocinquanta + uno” è visitabile nella Sala Polifunzionale in Piazza Doria a Garbagna (AL) fino al 7 luglio 2019, il sabato e la domenica 10.30/12.30 e 16/19.

Questa sera, in occasione della “Notte Romantica” la mostra resterà aperta fino alle 24.

La Chiusma – Capitolo 3: Storie e suggestioni?

the red writer

«Allora!»

«Allora cosa?»

«Dai cretino! Sai di cosa sto parlando!»

«Sì, lo so… e sai già cosa ne penso. Per me è solo un pervertito che si diverte a spaventarti»

«Ahahah sempre il solito diffidente! Io l’ho trovato carino a presentarsi qui per darmi il benvenuto.»

«Ok, ma poteva evitare di raccontare quella storia»

«Perché? È fighissimo vivere in un posto dove è successo una cosa del genere!»

«Tu sei fuori come un balcone. Vabbè, dai muoviamoci, che tra tre ore devo andare a fare aperitivo con Marta»

«Come desideri fratellone!».

Finirono con l’ultimo pacco alle sette di sera. Dopodiché che Ivan prese la Panda e ritornò verso casa lasciando Camilla da sola. Nel chiaro scurire della sera estiva la ragazza comincia a organizzarsi la sua nuova casa. Ma da dove cominciare? Ovviamente dalla libreria. Ivan gli aveva detto di non mettere nessun libro fino a domani mattina, visto che…

View original post 828 altre parole

La noche en los ojos ( parte 1)

the red writer

Questo fine settimana, camminando per le strade di Udine, mi sono imbattuto in un sottopassaggio scuro, illuminato lievemente solo da alcune lampade. Non ho la minima idea di come funzioni la mia mente, ma da qui ho trovato l’ispirazione per un nuovo racconto. Buona lettura

Fabio si sveglia nel buio più completo. La sua testa gira e gira consequenzialmente dandogli dei piani di lettura del soffitto (?) di quel posto sconosciuto. Girando la testa a destra il suo naso affoga nelle acque marce che sanno di ferro, mischiato con qualche escremento, probabilmente di uomo. Respira l’acqua e si alza di scatto restando seduto su quel fiumiciattolo putrido. L’acqua sarà alta venti, trenta centimetri. Non riesce a vederla ma la sente che attraversa tutto il suo corpo. Sente quel freddo, quel lieve sentimento di freddo e malattia che impregna i suoi pantaloni e scende fino alle scarpe. Poi sente le gocce…

View original post 600 altre parole

Datemi una penna e io sarò salvato

the red writer

Oggi volevo parlarvi della mia riscoperta della scrittura.

Fin da piccolo amavo scrivere storie, inventare mondi nuovi e creare personaggi particolari. Ricordo che in prima o seconda elementare passavo ore e ore a scrivere storie, che alla fine erano solo scopiazzature di film esistenti. Per esempio una volta scrissi la storia dell’Esorcista, visto che mio padre amava spaventarmi con la storia di questo film “demoniaco” … quel film l’ho visto solo a diciotto anni, ed era completamente diverso da come l’avevo immaginato.

Però il giorno che più mi rimane impresso tutt’oggi è legato a un tema di classe sempre di prima o seconda elementare. Questo tema consisteva nel raccontare le vicissitudini di un fantasma che voleva cambiare casa perché la casa dove viveva stava cadendo a pezzi, aveva le pareti marce, le porte cigolanti e il tetto aperto. Bisognava quindi descrivere la casa dove questo fantasma sarebbe andato a vivere…

View original post 587 altre parole

MIND TRIP (Capitolo 3)

the red writer

Salgo sulla criniera della formica che mi conduce fino allo scavo. Camminiamo per secoli tra gli alberi biondi. Piano piano noto che quegli alberi diventano sempre meno alti, sempre più scuri, più marci. Un brivido mi accarezza la spalla. Poi un suono.

Prendo il volo lasciando la formica al suo destino. Volo per tutta la sua corteccia celebrale e passo di fronte allo scavo. Sembra un pentacolo rovesciato in cui il centro cade in picchiata fino al suo cervello.

Il mio corpo si colora di mille colori sconosciuti. Alzo la mia mano e stavolta la vedo. Dal suo palmo un arcobaleno indefinito fuoriesce ed entra nei miei bulbi oculari uscendo a sua volta dalle mie orecchie. Mi trovo immerso nell’antimateria, nell’universo cosmico. Immerso in me stesso.

All’improvviso tutto scompare. Non vedo niente. Mi cerco. Mi tocco il petto, le gambe, il pene… trovo solo figure assurde. Piano piano quel buio…

View original post 701 altre parole

Fiumi di colori, di Lia Tommi

Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava

E’ USCITA LA MONOGRAFIA “FIUMI DI COLORE ”: poesie di PINELLA GAMBINO e pitture di STEFANO DONATI con prefazione di MICHELE MIANO

Pubblicata la monografia FIUMI DI COLORE. Un felice connubio tra la poesia di PINELLA GAMBINO in abbinamento con i dipinti dell’artista STEFANO DONATI, edito da GUIDO MIANO EDITORE, aprile 2019, nella prestigiosa Collana PARALLELISMO DELLE ARTI diretta da Michele Miano.

Nella collana “Parallelismo delle Arti” l’intento è quello di accostare per somiglianza un gruppo di poeti –con la scelta di loro testi più significativi- attraverso fonti di ispirazione parallele con altrettanto gruppo di artisti. La monografia “FIUMI DI COLORE” è un felice connubio tra i testi poetici di PINELLA GAMBINO con i dipinti più significativi dell’artista STEFANO DONATI confermando la volontà di condividere il progetto editoriale di questa casa editrice in una visione più ampia.

L’obiettivo è quello di rafforzare la tensione a comuni intenti tra autore e…

View original post 319 altre parole

” Storie” di Angelo Bottiroli – recensione di Marco Candida

Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava

Recensione di Marco Candida

La letteratura non è la matematica, ma una delle poche certezze in narrativa è che quando hai difronte un libro scritto da un giornalista o da uno scrittore di fantascienza sarai al cospetto di una storia, comunque sia, ben fatta, e che faticherai a smettere di leggere. La letteratura di fantascienza non vive un momento esaltante, ma il giornalismo ha schiere e schiere di giornalisti-scrittori che dimostrano sul campo l’assunto di questa verità. I giornalisti sono bravi a scrivere. Punto. E’ un dato di fatto. Qualsiasi giornalista che si metta a scrivere un libro di narrativa scriverà un’opera degna di rispetto. Se poi questo giornalista è anche un’amante della fantascienza…

“Storie” di Angelo Bottiroli (appassionato di Isaac Asimov) è un libro di racconti brevi. I racconti sono lunghi in media quattro o cinque pagine. Ogni racconto ha come titolo il nome del protagonista del racconto stesso…

View original post 542 altre parole

Vibrazioni, di Lia Tommi

Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava

Vibrazioni – mostra della pittrice Nadia Beltramo

Museo Etnografico “C’era una volta” Piazza della Gambarina 1, 15121 Alessandria

Sabato 1 giugno alle 16.30 è stata inaugurata la Mostra personale della pittrice monferrina Nadia Beltramo, dal titolo “Vibrazioni”, presentata dal critico d’arte Piergiorgio Panelli.

Le opere dell’autrice, dipinte unicamente usando le dita come pennelli, raccontano di mondi e paesaggi solo apparentemente lontani, ma che in realtà possiamo ritrovarli dentro di noi, invitando ad andare oltre le apparenze, i giudizi e i limiti della mente razionale, alla scoperta della vasta ricchezza del Cuore, in un viaggio interiore affascinante e pieno di sorprese.

La mostra romane aperta fino al 23 giugno.

View original post

Concorso di fotografia e pittura, di Lia Tommi

Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava

Concorso di fotografia e pittura

L’Associazione MAC Monferrato Arte e Cultura indice un concorso a premi di fotografia e pittura dal titolo “SPAZIO AL TEMA LIBERO”.

L’Associazione di Promozione Sociale nata nel 2014 a Montemagno(At) ha come obiettivo quello di promuovere il patrimonio artistico storico e culturale del territorio e l’arte in tutte le sue espressioni; a tal proposito indice il concorso che è sicuramente un’occasione per parlare del Monferrato, territorio con un ricco patrimonio storico e paesaggistico oltre all’opportunità di scoprire nuovi artisti ai quali poter dare la possibilità di far conoscere le loro opere ed anche per promuoversi. L’iscrizione al concorso scade il 07 luglio e prevede una mostra collettiva presso la “Casa sul portone” a Montemagno (At) ed una premiazione secondo i termini del bando.

La descrizione dettagliata del concorso la si può trovare sulla pagina facebook: MAC Monferrato Arte e Cultura oppure si possono chiedere informazioni…

View original post 38 altre parole

Festa della Musica all’ Isola Ritrovata, di Lia Tommi

Bobby Soul & Blind Bonobos e Mauro Culotta ieri sera sono stati ospiti all’ ‘Isola Ritrovata, in via Santa Maria di castello di Castello, 8, ad Alessandria, per celebrare la festa della Musica con un magico concerto.

Le atmosfere Soul e funky di Bobby Soul si sono splendidamente fuse con le canzoni d’autore dell” ospite speciale Mauro Culotta.

Mauro Culotta è uno dei musicisti più influenti di Genova, chitarrista, per anni a fianco di Ivano Fossati, Loredana Bertè. Eugenio Finardi e tanti altri. Autore di brani per Mina che ha eseguito in versione acustica.

ANGOLO DI POESIA: TRE POESIE di MARIA ROSA ONETO

LASCIAMI ANDARE

Lasciami andare,
non ho più molto tempo
da perdere.
Vestita a fresco,
voglio respirare il mare.
Sentire il richiamo
di una conchiglia.
Guardare lontano
dove le vele
sfiorano il cielo.
Lasciami andare
a raccogliere fiori
di primo mattino.
A scambiare canti d’amore
con l’ultimo usignolo.
A immergere le mani
nella fontanella in giardino
per accarezzare
quel pesciolino rosso
vinto alla Fiera del paese.
Non ho più molto tempo
da sprecare.
Già le ombre si avvicinano
a togliere il sereno.
Lascia che vada
a sospirare altrove
la mia pena.

TI TERRÒ

Ti terrò nel palmo
della mano
per avvicinare
il cuore alla tua bocca.
Sarà d’oro puro
il respiro
che uscirà lieve
vagando su sentieri
di pietra,
su passi
mai camminati,
su frusciami d’edera
tormentati
dall’ansia di restare.
Ti terrò
accanto a questo
dolore,
come un libricino
di preghiere.
Un cerino acceso
nella notte buia.
Il pianto di una donna
che non ha
consolazione
e ancor si attarda
a chiedere amore!

SCRIVO

Scrivo
affinché la gioia
non si trasformi
in fatica.
Ore di noia
nella sabbia di una
clessidra.
Traccio parole
per far bere
il cuore.
Ho bisogno
di mani amorose
e di un’alcova
d’aprile,
gialla di fiori,
per lasciar
risorgere
l’anima
intorpidita.
Scrivo
senza spegnere
la malinconia,
che si dipana
in gomitoli
di seta intrecciati.

Maria Rosa Oneto

Tutti i diritti riservati all’autrice

La cosa giusta

Racconto breve di Marina Vicario – Fatti e persone sono puramente casuali.

È arrivato il momento.
sono qui nella sala d’attesa della clinica svizzera.
Ci è costato un occhio della testa.
Sento freddo…
Vorrei scappare.
Ho una crisi mistica dell’ultimo minuto:
Se il buon Dio non ha voluto darmi un figlio naturalmente un motivo ci sarà.
Beh! Ma forse Dio non esiste, io sono parte dell’universo.
Sì ok, ma se l’universo non mi ha portato un figlio che cosa devo fare? Lo devo cercare?
Eh sì … l’universo mi ha messo a disposizione anche i mezzi per farlo, certo a pagamento…
Pago.
Beh, ma io ho l’istinto materno, quello è antropologico … arriva… perché allora non sono in grado di avere figli?
Ah no, io sono a posto è mio marito che ha un problema.
Quindi è lui che dovrebbe farsi questa domanda, ma sono io che mi sto massacrando per dargli questo erede.
È qui seduto vicino a me sta ‘spipplando’ con il cellulare – come direbbe mio nipote di 15 anni.
Con chi sta chattando? No, tranquilla fa scorrere solo la home di facebook.
Si sofferma su una foto di una moracciona con tutte le forme ben distribuite. Io faccio finta di leggere una rivista, ma con la coda dell’occhio sbircio.
Sono così insicura… è la quarta volta.
Ho iniziato a mangiare smodatamente da quando le prime inseminazioni inspiegabilmente non sono andate bene. Mi sento io inadeguata e lui guarda donne procaci. Posso capire che sia naturale posare lo sguardo sulle belle donne, è un uomo, è nella sua natura.
Ma in questo momento lo trovo inopportuno.
Ma con chi sto facendo un bambino?
Sì all’inizio mi amava, mi faceva sentire la sua mogliettina perfetta poi, quando ha scoperto di non essere in grado di inseminarmi, è diventato scontroso, spesso violento a parole e sempre con lo sguardo sul cellulare, anche a tavola.
Momenti di tenerezza e intimità ormai sono diventati inesistenti, come se io fossi diventata un involucro da riempire con contenuti estranei.
Mi sento così in colpa per non riuscire a rimanere incinta, che non chiedo più niente, non propongo più niente, intanto non mi ascolta. Continua a leggere “La cosa giusta”

Ricorsi avversi sanzioni per infrazioni al Codice della strada, di Lia Tommi

Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava

GLOBOCONSUMATORI
Associazione Nazionale Consumatori

RICORSI AVVERSI SANZIONI PER INFRAZIONI AL “CDS: INIZIO SETTIMANA MOLTO SODDISFACENTE PER LA GLOBOCONSUMATORI ONLUS
18/06/2019
Dopo l’accoglimento di venerdì scorso da parte del GDP di Alessandria relativamente ad irregolarità riscontrate sui nuovi impianti “Autovelox” della Provincia di Alessandria, nonché di lunedì 17 c.m. per due verbali annullati sempre dal GDP di Alessandria per divieto di sosta, questa mattina il GDP di Voghera, ha accolto un ulteriore ricorso presentato dalla Globoconsumatori Onlus per conto di un suo associato.
Il ricorso del quale sopra era fondato sulle palesi irregolarità, soprattutto di carattere “tecnico” che, quasi tutte le P.A., applicano sugli impianti semaforici “Vista Red”, installati nei centri abitati.
Anche in questo caso il GDP predisponeva l’annullamento del verbale contestato, compresa la decurtazione dei punti patente che nella fattispecie erano 6.
La Globoconsumatori Onlus, sempre molto attenta al rispetto delle norme imposte dal CDS, è a disposizione di…

View original post 52 altre parole

Provvedimenti viabili, di Lia Tommi

Provvedimenti viabili

23 giugno 2019
Processione del Corpus Domini
Cascinagrossa di Alessandria
Per permettere il transito della Processione del Corpus Domini programmato dalla Parrocchia San Rocco di Cascinagrossa la mattina del 23 giugno 2019, in data 23/06/2019 dalle ore 11:15 alle ore 11:45 circa e comunque sino al termine della processione, durante il passaggio del corteo le strade facenti parte e/o interferenti con lo stesso potranno essere temporaneamente inibite alla circolazione, secondo il seguente percorso del sobborgo di Cascinagrossa:
 partenza dalla Chiesa Parrocchiale di piazza San Rocco
 via Matteotti sino all’intersezione con via Molinara
 ritorno su via Matteotti sino alla Chiesa.

dal 24 giugno 2019
Lavori di ripristino del manto stradale a seguito di scavi
per posa fibra ottiva
via Marsala/piazza Vittorio Veneto – Alessandria

Per permettere lo svolgimento dei lavori di ripristino della pavimentazione stradale a seguito di scavi per realizzazione rete fibra ottica FTTH in Via Marsala, dalle ore 08.00 alle ore 18.00 dei giorni 24-25-26 giugno 2019 e comunque fino a termine lavori, è vietata la sosta con rimozione forzata e il transito, come da relativo cronoprogramma previsto ed esposto sulla segnaletica mobile di cantiere ivi presente, in via Marsala/Piazza Vittorio Veneto, da Corso Lamarmora a via Tripoli (1° Tratto C.So Lamarmora/Via Machiavelli – 2° Tratto Via Machiavelli/Via Tripoli). Continua a leggere “Provvedimenti viabili, di Lia Tommi”

Territorio&Monumenti. Casalbagliano e il suo castello (Alessandria). Servizio fotografico a cura di Maurizio Coscia.

Casalbagliano e il suo castello

 

Questa presentazione richiede JavaScript.

Lo storiografo Carlo Avalle ci fa sapere che una certa famiglia Bagliani era in Palestina, antica regione storica della Turchia asiatica, e vi aveva sede circa mezzo secolo prima che sorgesse Alessandria (Alessandria sorse una trentina di anni prima il 1200). Di quei tempi, gli Ascalonesi, cioè gli abitanti della città palestinese di Ascalon, i più turbolenti della zona, si trasferirono a Roma per certa loro propaganda di culto. A reprimere ogni cosa, quelli di Palestina, fecero sorgere un castello nella pianura romana, come vedetta a luogo di azione.

Lo diedero alla custodia a certo Bagliano il Vecchio, mandato espressamente dall’Asia in Italia. E costui svolse, con valore e autorità, il suo compito. Quando morì, il castello passò a suo figlio Bagliano il Giovane.

Dalla famiglia di questi, si originò poi la ricchissima famiglia dei Bagliani alessandrini, che diede sviluppo verso il 1280, ai casolari sparsi fuori dell’antica Porta Genova, per costituire il così detto Casale dei Bagliani. I casolari sparsi prima del 1200, quasi tutti, erano non troppo lontani gli uni dagli altri, sulla riva destra del Tanaro, lungo una via che andava alla romana Villa del Foro.

Quell’agglomerato abitato veniva chiamato Casale della Fontana, e, come Cantalupo, era in mezzo ad una fitta boscaglia. Gli Alessandrini vi si recavano per una via che costeggiava il fiume, seguendone le curve capricciose. Aveva inizio alla porta Sottella (oggi scomparsa, in fondo a via Tiziano, al sottopassaggio della strada ferrata per Asti-Torino). Ora, quella è detta strada dell’Asfalto, perché lungo essa esisteva, un tempo, una rudimentale fabbrica di asfalto. Continua a leggere “Territorio&Monumenti. Casalbagliano e il suo castello (Alessandria). Servizio fotografico a cura di Maurizio Coscia.”

Premiazione del Pierce 14 Subbuteo Club, di Lia Tommi

Premiazione del Pierce 14 Subbuteo Club

Avrà luogo mercoledì 3 luglio alle 16,30 nella Sala Consiliare del Palazzo Municipale, alla presenza del Sindaco Federico Riboldi, la premiazione del Pierce 14 Subbuteo Club, società casalese nei mesi scorsi protagonista in Belgio della Youth Champions League (unico club italiano a partecipare con due formazioni).

Le due squadre del Pierce 14 erano state assemblate per ottenere due diversi obbiettivi, con il team A che ha centrato 8 vittorie su 8 incontri (vittoria in finale con il Rochefort), mentre la squadra B ha sfiorato il podio.
«Abbiamo preparato al meglio questa trasferta – dice il Presidente Pier Celeste Zambello – e siamo stati bravi ad essere sempre attenti nelle tappe che ci hanno portato al successo finale, i ragazzi sono stati tutti grandissimi e una parte del merito di questa vittoria va anche ai genitori il cui apporto è risultato fondamentale».
Nei mesi scorsi i giovani del Pierce 14 Subbuteo Club hanno anche dominato il prestigioso Major di Frameries in Belgio, considerato uno dei templi del “flick to kick”.
Paolo Zambello nell’open si è fermato al girone, stessa sorte per Riccardo Marangoni nell’under 19 e per Pietro Gatti nell’under 15. Sempre nell’under 15, Francesco Borgo e Christian Fricano hanno sbaragliato la concorrenza dando vita ad una finale da brividi con i supplementari terminati a favore di Christian.
Nell’under 12, Lorenzo Fricano (10 anni) al debutto assoluto in un torneo internazionale all’estero, è andato a vincere una tiratissima finale per 1-0 contro la belga Charlotte Bouchez. Per entrambi si è trattato del primo sigillo in un Major.

Promozione Brachetto: Dopo gli incontri dedicati, la Cia risponde alle proposte di azione previste 

Promozione Brachetto: Dopo gli incontri dedicati, la Cia risponde alle proposte di azione previste 

Gli associati della Cia sono consapevoli della situazione di grave crisi che da tempo interessa la denominazione Brachetto e Acqui docg. Nonostante le peculiarità qualitative di questo prodotto il trend negativo delle vendite degli ultimi anni è un dato oggettivo che non può essere ignorato.

unnamed

È necessario intervenire per scongiurare le incertezze legate alla liberalizzazione del mercato ed evitare una svalutazione del patrimonio delle nostre aziende. Per questo noi viticoltori siamo disponibili a collaborare e, anche, accettare la proposta del Consorzio del Brachetto d’Acqui docg di effettuare una trattenuta attraverso l’Erga Omnes, indirizzata alla promozione ed alla commercializzazione del prodotto.

Questo prelievo per le nostre aziende equivale ad un importante investimento e pertanto ci aspettiamo che venga ben valorizzato nella progettualità e che sia condiviso e trasparente nella sua attuazione concreta. Continua a leggere “Promozione Brachetto: Dopo gli incontri dedicati, la Cia risponde alle proposte di azione previste “

Una città poco vista dai turisti :San Diego

Una Valigia Per Quattro-consulente di viaggi

Nel mese scorso siamo tornati in California approfondendo stavolta il sud iniziando con San Diego ,a soli 30 km dal Messico.Infatti si nota la forte presenza dei messicani sopratutto in periferia.E’ una città tranquilla e non molto grande,si puo girarla in due massimo tre giorni.Abbiamo soggiornato al Paradise Cove Resort,un vero e proprio paradiso come suggerisce il nome.Un resort immerso in un grande giardino tropicale con laghi ,stagni e anatre che girano per il parco.

bigs-Hotel-Del-Coronado-wide-angle-shot-from-south-Tropical-beach-resort-CA-Large-1000x588.jpg

In centro potete andare al Gaslamp District,animato sopratutto di sera con i suoi locali di varie etnie.Un giro merita anche l’embarcadero dove si puo vedere una grande portaerei militare adibita a museo e tanti negozietti e ristoranti.A pochi chilometri da San Diego c’è un piccolo paradiso chiamato Coronado Beach ,una piccola isola alla quale si accede attraversando un ponte a pochi minuti dal centro finanziario;si arriva in questa zona residenziale ricca di boutiques,alberghi e ristoranti…

View original post 94 altre parole

Un sogno… di Cristina Saracano

Oggi, 22 giugno a partire dalle16, a Palazzo Robellini, ad Acqui Terme, esposizione di sei artisti.

Un progetto in collaborazione con Lab51 di Alessandria, perché l’arte e il sogno hanno Confini labili, noi siamo fatti della stessa materia dei sogni, per citare Shakespeare e quando hai in sogno, niente è come prima.

Espongono: Davide Damato, Mario Morbelli, Chiara Corradi, Anita Corsi, Alice Lenaz, Giorgia Scioratto.

Una giornata a Gibilterra

Una giornata a Gibilterra
Oggi Gibilterra, terra strana! Da vedere!

https://unavaligiax4.com
Passaggio nel paese prima del confine La Linea de la Conceptión, palazzi trascurati e vie piene di personaggi più disparati.

Gibilterra.jpg


Coda incredibile sotto il sole per passare la frontiera, pratica ormai dimenticata, per poi arrivare in una città diversa e lussuosa. Parcheggio carissimo ma centrale, un panino in uno dei tanti chioschetti, pagamento in euro con un cambio molto poco conveniente e poi una passeggiata per Main Street, sembra di essere davvero in un quartiere inglese con tanto di cassetta della posta, bidoni della spazzatura e cabine telefoniche in stile inglese. Abbiamo optato per il tour in taxi fino alla Rocca perché ci dava la possibilità di fare 4 tappe rispetto ad una sola della Cable Car.
Prima tappa, vista sullo Stretto di Gibilterra e sulle nebbiose coste africane e simbolico monumento delle colonne di Ercole “Pillars of Hercules”.

Continua a leggere “Una giornata a Gibilterra”

Cerimonia di Giuramento per gli Allievi Agenti della Polizia di Stato, di Lia Tommi

Cerimonia di Giuramento del 204° Corso di formazione per gli Allievi Agenti della Polizia di Stato

Alessandria, 28 giugno 2019 – ore 10

Quella di venerdì 28 giugno sarà una giornata memorabile per la Città di Alessandria.
Alle ore 10, infatti, è stata programmata la Cerimonia di Giuramento del 204° Corso di formazione per gli Allievi Agenti della Polizia di Stato.
Se già l’aspetto di solennità e di alto rilievo istituzionale è racchiuso in questa particolare cerimonia, ciò che la rende ancora più prestigiosa e significativa sotto la dimensione simbolica è la scelta del luogo in cui gli Allievi Agenti pronuncereanno il proprio giuramento: si tratta di piazza della Libertà, quale cuore istituzionale e amministrativo della Città.
Per presentare le peculiarità dell’edizione 2019 della Cerimonia di Giuramento è stata convocata la conferenza stampa , nella Sala del Consiglio di Palazzo Comunale, alla presenza di tutte le Autorità e Rappresentanti dei Soggetti istituzionali che, a partire dall’Amministrazione Comunale di Alessandria, concorrono e sostengono la piena realizzazione di questo straordinario evento cittadino.

Continua a leggere “Cerimonia di Giuramento per gli Allievi Agenti della Polizia di Stato, di Lia Tommi”

Molinari (Lega): “E’ fatta: provvedimento ‘Salva Alessandria’ approvato dalla Camera”

Molinari (Lega): “E’ fatta: provvedimento ‘Salva Alessandria’ approvato dalla Camera”

“E’ fatta: è stata una maratona, ma il traguardo ora è davvero raggiunto: 20 milioni di euro per il Comune di Alessandria, risorse straordinarie grazie ai quali la nostra città potrà guardare al futuro con maggiore serenità”.

riccardo-molinari

Sono le 20.20 di venerdì sera, e Riccardo Molinari, Presidente dei Deputati della Lega, commenta così, ‘in presa diretta’, l’approvazione del Decreto Legge Crescita che contiene al suo interno il cosiddetto ‘emendamento Salva Alessandria’, fortemente voluto dallo stesso Molinari, e approvato nei giorni scorsi dalla Commissione Finanze della Camera.

La settimana prossima il testo sarà esaminato dal Senato per approvazione definitiva, ma con testo ‘blindato’, cioè non più modificabile. Per Alessandria, finalmente, una svolta positiva, e risolutiva.

Ufficio Stampa Lega Piemonte

Extinction – Il nuovo giorno, l’ultimo romanzo dello scrittore alessandrino Gianluca D’Aquino

Extinction – Il nuovo giorno, l’ultimo romanzo dello scrittore alessandrino Gianluca D’Aquino

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di pubblicare la presentazione di Extinction – Il nuovo giorno, l’ultimo romanzo di Gianluca D’Aquino.

Extinction+D'Aquino

L’ultimo capitolo della saga di Extinction è finalmente arrivato. Il nuovo romanzo distopico dello scrittore alessandrino Gianluca D’Aquino: Extinction – Il nuovo giorno, edito da Delos Books, quarto atto dell’omonima saga, chiude il cerchio aperto dai primi tre volumi Extinction – L’alba, Extinction – Il crepuscolo e Extinction – La notte.

“Attenti a non esporvi al morbo…”

Ancora loro: Ksenija, Oksana e Serhij, i nomads ai quali il tempo e il caso hanno imposto una missione senza scelta e senza certezze. Il morbo è dilagato, serve una soluzione e serve subito. Ma nello scenario di una pianeta colpito dall’R16V99 – malattia virale estremamente contagiosa – i problemi sembrano moltiplicarsi. Il crollo delle superpotenze ha allentato la pressione sugli equilibri geopolitici del pianeta. Senza i super-controllori, una nuova ondata di attacchi terroristici ha investito il mondo occidentale, con l’Europa divenuta campo di battaglia dei mujaheddin. Instabilità politica ed economica, perdita del controllo lungo molti confini difficili. Africa, Medio e Vicino Oriente sono polveriere pronte a esplodere. E un nuovo tiranno incombe su quel che resta della Russia martoriata dal morbo. Continua a leggere “Extinction – Il nuovo giorno, l’ultimo romanzo dello scrittore alessandrino Gianluca D’Aquino”

Sarà rimossa entro sei mesi l’isola sul Po, di Lia Tommi

Casale Monferrato: Sarà rimossa entro sei mesi l’isola sul Po

Il 19 giugno, il sindaco Federico Riboldi ha incontrato i vertici provinciali di AIPO (Agenzia Interregionale per il fiume Po) per discutere sul tema della rimozione dell’isola creatasi negli anni sul Fiume in corrispondenza del Circolo Canottieri e dell’Imbarcadero di viale Lungo Po Gramsci.
L’Amministrazione ha chiesto ufficialmente ad AIPO e al suo responsabile per l’Alessandrino, l’ingegner Carlo Condorelli, una rapida soluzione che dovrebbe avvenire (con la rimozione dell’isola di ghiaia, composta da circa 20 mila metri cubi di sedimenti) entro sei mesi.
«Con soddisfazione ho appreso che rispettando tutte le pratiche entro sei mesi si potrà addivenire alla soluzione di un problema segnalato da 10 anni dalle popolazioni bi-alluvionate di Oltreponte, a costo zero per i casalesi» ha commentato il sindaco.

Collage delle opere di “Dal colore al bianco e nero. Emozioni d’arte”, di Lia Tommi

Inaugurata ieri, 21 giugno, la mostra che unisce l’estro e la creatività di due artisti che operano in ambiti differenti: pittura e fotografia, ma animati entrambi da quel sentimento creativo e non, che tutto travolge, in questo caso la passione per l’arte. Si tratta della pittrice Niki Taverna e del fotografo Sergio Maranzana.

La mostra rimarrà aperta fino al 26 giugno, in Corso Roma 140, ad Alessandria.

Collage delle opere esposte di Niki Taverna:

Collage delle opere di Sergio Maranzana. Bianco e nero e due a colori.

I collage sono stati realizzati da Caterina  Zavattaro.

Gabbie Vuote ODV Firenze: Esiste solo ciò che si conosce

Gabbie Vuote ODV Firenze: Esiste solo ciò che si conosce

Dopo decine di anni dal primo segnale d’allarme lanciato dalle associazioni ecologiste, l’ambiente è finalmente venuto alla ribalta. Ambiente, parola quasi astratta, ma concretamente incisiva per ogni vita, umana, animale e vegetale.

unnamed.jpg

Abbiamo compiuto le due prime fasi che Stuart Mill aveva preannunciato parlando delle “nuove idee”: prima si ridicolizzano, poi si discutono, infine si accettano.

Noi stiamo accettando che ci siano problemi per la nostra Terra ma siamo restii a risolverli.

In questo periodo si parla molto del cambiamento climatico. Si parla appunto. Degli effetti ma non delle cause. Di tutte le cause anche di quella prioritaria degli allevamenti intensivi con le loro emissioni e la conseguente deforestazione.

Per questo, per dare spazio all’informazione negata vi sottoponiamo una relazione “Gli animali in Italia” https://www.gabbievuote.it/gli-animali-in-italia.html che può servire a illuminare ciò che resta troppo spesso, quasi sempre, dietro le quinte.

Mariangela Corrieri

Presidente Associazione Gabbie Vuote ODV Firenze

Armiamoci e partite?, di Pier Carlo Lava

Armiamoci e partite?, di Pier Carlo Lava

Molti di noi alla domanda: cosa farebbe se dovesse rinascere risponderebbe che farebbero un altro lavoro, mentre per quanto mi riguarda risponderei che rifarei esattamente lo stesso lavoro, cercando se possibile di dedicare un po più di tempo alla famiglia… .

Pier Carlo

Alessandria today, negli ultimi 20 anni della mia attività lavorativa come direttore vendite e marketing, sia per il mio carattere che per convinzione anzichè limitarmi impartire ordini nelle riunioni a venditori e ispettori su come dovevano operare, preferivo cercare di convincere chi al termine delle stesse mi sembrava poco convinto sulla presentazione di vendita da effettuare ai clienti.

Infatti con taluni mi fermavo per colloqui individuali per cercare di capire cosa non li convinceva della mia presentazione nella riunione appena terminata e dialogavo con ulteriori argomentazioni per risolvere il problema al fine di migliorare la loro operatività nel canvass di vendita che sarebbe iniziato dal giorno dopo, alfine di metterli nelle migliori condizioni possibili per raggiungere i target assegnati.

Se al termine dei colloqui taluni non mi parevano ancora persuasi ad adottare i metodi suggeriti, gli chiedevo di uscire in accompagnamento per visitare i clienti della propria zona e se al termine della presentazione di vendita mi rendevo conto che ancora non seguivano i metodi indicati, al cliente successivo (ovviamente se non mi conosceva come direttore vendita della società in questione) mi facevo presentare come un nuovo venditore in training e facevo io stesso la presentazione di vendita. Continua a leggere “Armiamoci e partite?, di Pier Carlo Lava”

Letture in biblioteca

Alessandria: PROGETTO “LETTURE IN BIBLIOTECA”
Fabrizio Priano Presidente dell’Associazione Culturale Libera Mente-Laboratorio di Idee presenta il progetto “Letture in Biblioteca” con il quale si intende promuovere la lettura di libri semplificandone la comprensione attraverso l’incontro con i relativi Autori nel luogo maggiormente deputato alla lettura : la Biblioteca Civica “Francesca Calvo” di Alessandria.
Gli incontri calendarizzati per l’anno 2019 vedranno susseguirsi di diversi Autori i quali presenteranno i propri libri , ciascuno con argomenti di genere diverso.
Giovedì 27 giugno 2019 alle ore 17,00 nuovo appuntamento del progetto
“Letture in Biblioteca “ con la scrittrice Liliana ANGELERI
Letture a cura di Lia TOMMI e Cristina SARACANO
presso la Sala Bobbio della Biblioteca Civica “Francesca Calvo” di Alessandria in
piazza Vittorio Veneto, 1.

Fabrizio PRIANO commenta “Liliana ANGELERI ha esordito con un racconto ambientato nell’Ottocento, scritto in un linguaggio proprio di una sceneggiatura cinematografica. In attesa che questa e altre sue sceneggiature diventino lungometraggi continua a scrivere storie ispirate da personaggi e luoghi del territorio nel quale vive”.

LILIANA ANGELA ANGELERI è nata ad Alessandria, sposata con il noto pittore GIGI Coppo, dipinge anche lei tele a olio.
Pensionata delle Poste e Telecomunicazioni, la sua vicenda è molto singolare, non ha cercato la letteratura, ma è stata una fortissima intuizione a “ordinarle” di scrivere una sceneggiatura per un film tratto da un romanzo ottocentesco. Lei non conosceva come si compone una sceneggiatura, si è informata, ha scritto, ha trovato subito finanziamenti e una produzione di una fiction per la Rai, tutto era pronto per andare in onda…ma…gli eredi degli autori del romanzo originario, dopo un anno di estenuanti trattative hanno rifiutato di cedere i diritti d’autore (?!?). Non si è persa d’animo e ha scritto altri sei scripts! In attesa che le sue sceneggiature diventino film scrive romanzi ispirati dagli stessi scripts.

Continua a leggere “Letture in biblioteca”

“Fammi volare”, poesie di Luca Debiti

“Fammi volare”, poesie di Luca Debiti Copyright di Luca Debiti 2017

Fammi Volare, Luca Debiti.jpg

Prefazione a cura di Maurizio Salici

Luca Debiti nasce a Mosca nel 1968 da genitori italiani in servizio presso l’ambasciata italiana.

È romano di adozione e vive ad Ariccia (provincia di Roma ) lavorando come operaio in una ditta che si occupa di manutenzioni idriche per conto di Acea (gestore acque della capitale ).

La sua passione per la poesia nasce in concomitanza di esperienze negative e non, che segnano e formano il suo essere uomo,facendo crescere dentro di lui un’importanza sempre più grande nei confronti dell’amore .

Nei suoi versi si possono leggere delusioni,emozioni,passioni;vissute e poi scritte per trasmettere con estrema semplicità l’importanza di ogni suo sentimento , la stessa semplicità che lo distingue e contraddistingue da altri poeti.

Luca è se stesso in qualsiasi sua parola e ognuna di queste ha un senso veritiero e profondo che enfatizza qualunque suo scritto. Continua a leggere ““Fammi volare”, poesie di Luca Debiti”

Racconti: CONSIDERAZIONI SUL “LEGGERE”, di Roberto Busembai

Racconti: CONSIDERAZIONI SUL “LEGGERE”, di Roberto Busembai

Rileggendo

CONSIDERAZIONI SUL “LEGGERE”

C’è uno stereotipo (errato) eterno che caratterizza la figura di colui che legge, e cioè inteso come un rachitico uomo che ha abbandonato il suo vivere quotidiano dedicandosi alla noiosa e insulsa materia della letterura e con la quale poi non ha realizzato niente, perchè (e continua ancora la descrizione) niente poteva realizzare con il suo sapere e conoscere soltanto di fogli e di scritture, d’inchiostro e di figure.

Roberto Busembai.png


Lo so che inorridite a leggere queste cose e già vedo alzare tra alcuni di voi spade affilate e minacce gridando all’untore, che non è vero ciò che dico, che invece oggi colui che legge è quella persona intellettualmente intelligente e acuta, ecc. ecc. , ma signori miei non ho detto quello che io penso, ma soltanto ho espresso in parole quello che la nostra società odierna crede e vuol far credere ( per interesse proprio) di come sia inetto e insulso e addirittura insignificante colui che legge.
Questa premessa era per far capire, invece, quanta importanza ha la lettura in generale, non importa che si leggano classici dell’ottocento o romanzi d’appendice o saggi filosofici o storici, l’essenziale è leggere, continuamente,instancabilmente, sempre!
Siamo in un mondo ormai dove tutto scorre veloce e tutto è marginale, si scrive e si legge su dispositivi tecnologici e subito si cancella quello scritto e pure quello letto, perchè non assorbiamo più, non abbiamo il tempo e nemmeno siamo più abituati a farlo; siamo in un epoca dove persino le amicizie, le conoscenze, le contrattazioni, gli acquisti, le vendite, sono esclusivamente virtuali e come tali noi li riconosciamo, oggi posso interferire amichevolmene con una persona e domani cancellarla così come un niente dal mio social preferito, oggi posso acquistare un oggetto e farmelo recapitare a casa e magari domani che l’ho visto dal “vivo” non mi interessa più.

Continua a leggere “Racconti: CONSIDERAZIONI SUL “LEGGERE”, di Roberto Busembai”

Nei miei panni, di Steve Fortunato

Nei miei panni, di Steve Fortunato

True story

Le relazioni, i rapporti, le amicizie sono come le piante. Non vivono per sempre, troppa acqua, poca acqua, troppa luce, poca luce, non si riesce mai a capire quale sia la situazione ideale e duratura per favorirne la continuità.

Nei miri panni, Steve Fortunato.jpg

Capitolo 1 Viale Monza

Viale Monza fino a piazzale Loreto e ritorno su via Pado- va. O viceversa. Cammino, o passeggio dovrei dire piuttosto vista la mia andatura, guardando intorno, le bottiglie vuote di birra, i resti di pizza, di kebab e le cartacce abbandonate per strada, infilate negli anfratti dei cancelli, intorno a cestini dell’immondizia stracolmi.

Guardo le nuove vetrine, le attività che stanno preparan- do l’apertura, quelle appena aperte, quelle aperte da tempo. E ad ognuna assegno un tempo di vita. Durerà, non durerà, cosa propone di nuovo, cosa la differenzia dalle altre. Mi soffermo a pensare quali strategie commerciali potrebbe adottare per vendere di più. La maggior parte delle volte ci azzecco sul tempo che ci metteranno a chiudere. Prima solo i cinesi e gli arabi non fallivano mai. Ora anche loro non reggono più, tirano giù la serranda e chiudono bottega.

Cammino e guardo senza vedere.

I miei pensieri sono sempre incombenti sulla realtà che mi circonda e non cerco di sovrastarli o modificarne il livello di suggestione. Li assecondo. Se anche provo a concentrami su quello che ho intorno, sulle persone che incrocio, dura poco, i pensieri prendono il sopravvento e torno a perdermi nel mio mondo parallelo.

Mi capita lo stesso durante le conversazioni. Mi distraggo dopo poco e non ascolto più quello che mi stanno dicendo, non seguo più il filo del discorso se sono in compagnia.

goto:https://books.google.it

Cittadella di Alessandria: le chiavi nelle mani di una Pro loco, le autorizzazioni (quando esistono) sono datate e la Soprintendenza è in attesa del nuovo responsabile

Cittadella di Alessandria: le chiavi nelle mani di una Pro loco, le autorizzazioni (quando esistono) sono datate e la Soprintendenza è in attesa del nuovo responsabile

Date: 19 giugno 2019 Author: Enrico Sozzetti https://160caratteri.wordpress.com

Cittadella 1454939_10207864409278038_1136540693140844123_n copia

Nella Cittadella di Alessandria c’è qualcosa che non va. E non da poco tempo. Ma evidentemente, secondo la classica regola italiana del “tanto si è sempre fatto in questo modo” che trasforma la consuetudine in legge, va bene così, almeno fino a quando qualcuno non se ne accorge una volta per tutte.

È accaduto durante laCommissione Consiliare Affari Istituzionali e Partecipazione convocata per discutere due punti all’ordine del giorno: il primo, tecnico, relativo alla discussione e al parere sulla «Conferma degli organismi collegiali di competenza del Consiglio Comunale» e il secondo alla mozione “Regolamento comunale per l’utilizzo temporaneo e continuativo della Cittadella di Alessandria”, presentata dal Movimento 5 Stelle (illustrata da Michelangelo Serra) e sottoscritta da Maurizio Sciaudone di Forza Italia.

Ed è qui che si è acceso lo scontro politico fra Sciaudone ed Enrico Mazzoni del Pd e si è scoperto che diverse cose non vanno. La prima che non torna è la tempistica del tanto auspicato regolamento per gestire la Cittadella in modo corretto e con regole uguali per tutti: è ‘solo’ dal novembre 2017 che se ne parla. Continua a leggere “Cittadella di Alessandria: le chiavi nelle mani di una Pro loco, le autorizzazioni (quando esistono) sono datate e la Soprintendenza è in attesa del nuovo responsabile”

Momenti di poesia. IL SENSO ULTIMO DI UN’EMOZIONE VERA, di Loredana Mariniello

Momenti di poesia. IL SENSO ULTIMO DI UN’EMOZIONE VERA, di Loredana Mariniello

Loredana Marinielo.jpg

IL SENSO ULTIMO DI UN’EMOZIONE VERA

” Trattengo il fiato “

nell’attimo prestabilito

da un dolce e delicato fato

e allo spirito mio di brace nulla chiedo,

se non poter mirare ancora e ancora

lo sguardo tuo luminoso e lieto

in cui si specchia la storia

di una giovane signora,

di seta non è più lo spettro

dell’eterna mia paura,

muore in una passione

pudica e imperitura. Continua a leggere “Momenti di poesia. IL SENSO ULTIMO DI UN’EMOZIONE VERA, di Loredana Mariniello”

Un’opera d’arte può essere più misteriosa di un thriller? “Misteri ed Enigmi – Nell’archeologia e nell’arte” di Claudio Saporetti – Edito da La Lepre Edizioni.

IMG_1289.jpg

IMG_1290.jpg

A cura di Manuela Moschin

Sulla quarta di copertina del saggio di Claudio Saporetti si trova un quesito piuttosto accattivante: Un’opera d’arte può essere più misteriosa di un thriller?”. 

Vediamo perché:
E’ uscito da poco un saggio che racchiude in un unico volume l’analisi di una serie di opere d’arte trattate dall’assirologo, archeologo e storico dell’arte Claudio Saporetti, oltre che direttore della nota rivista Geo-Archeologia. Il volume rappresenta uno straordinario viaggio all’interno delle opere, dove l’autore si concentra esaminando alcuni misteri appartenenti sia all’ambito archeologico e sia a quello artistico.
La particolarità di questo libro è che l’autore non si sofferma ad analizzare i capolavori soltanto da un unico punto di vista ma ne coglie le svariate sfaccettature. La partecipazione attiva da parte del lettore e la condivisione di ipotesi, pensieri, riflessioni e analisi proposte dallo scrittore sono il fiore all’occhiello di quest’opera.
E’ estremamente utile perché stimola a interrogarsi sulla natura delle opere, immergendo il lettore all’interno di un museo virtuale.

Woher_kommen_wir_Wer_sind_wir_Wohin_gehen_wir.jpg
Paul Gauguin “”Da dove veniamo? Chi siamo? Dove andiamo?” 1897 olio su tela cm.139×374.5 Museum of Fine Arts, Boston

Paul Gauguin “Da dove veniamo? Chi siamo? Dove andiamo?” 1897 olio su tela cm.139×374.5 Museum of Fine Arts, Boston

Ma che cos’è un’opera d’arte? L’artista cosa desiderò simboleggiare? Osservando ad esempio, il celebre dipinto di Paul Gauguin intitolato “Da dove veniamo? Chi siamo? Dove andiamo?”, ci chiediamo a cosa stava pensando l’artista quando lo dipinse, oppure cosa ha voluto simboleggiare? Perché ha dipinto un bambino sdraiato sulla schiena? Qual è il significato di quella signora anziana accovacciata? A cosa allude il titolo del dipinto? Questi e molti altri enigmi vengono analizzati dall’autore, entrando in punta dei piedi, perché la sua è una ricerca meditata che considera anche le tesi dei grandi studiosi del passato.

Continua a leggere “Un’opera d’arte può essere più misteriosa di un thriller? “Misteri ed Enigmi – Nell’archeologia e nell’arte” di Claudio Saporetti – Edito da La Lepre Edizioni.”