Il caso Sea Watch continua: Carola Rackete querela il ministro Matteo Salvini!

Una denuncia per diffamazione portata avanti assieme all’avvocato Alessandro Gamberini

Non sembra avere fine il caso Sea Watch-3, che ha visto in pochi giorni l’arresto e il rilascio del comandante Carola Rackete. Dopo le dichiarazioni di Salvini, arrabbiato e deluso dalla decisione della magistratura, arriva anche “la beffa” per il vice primo-ministro. La comandante infatti, insieme all’avvocato Alessandro Gamberini, ha deciso di sporgere denuncia per diffamazione al ministro dell’interno.

Lo stesso avvocato ha parlato ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta” su Radio Cusano Campus, emittente dell’università Niccolò Cusano, affermando che:

“Come Sea Watch-3 noi abbiamo già preparato la querela nei confronti del ministro Salvini. Non è facile raccogliere tutti gli insulti che Salvini ha fatto in queste settimane, assieme alle forme di istigazione a delinquere nei confronti di Carola, cosa che è ancora più grave se fatta da un ministro dell’Interno”

“Abbiamo vinto una battaglia…

View original post 274 altre parole

le ferite dell’anima

PCZen

Il tempo passava inesorabile sul suo viso, erano
sempre più visibili le rughe di quella giovinezza che ormai stava scomparendo.

Era una
donna che aveva vissuto tante difficoltà, era dovuta crescere troppo in fretta
per i vari problemi che la vita gli aveva riservato, veniva da una famiglia
umile, la madre casalinga e il padre agricoltore, anche se la sua famiglia gli
dava quasi tutto, dentro di se portava
delle ferite che non scompariranno mai.

Ogni notte
prima di andare a dormire dai cassetti della memoria riemergevano quei ricordi
che avrebbe voluto dimenticare, le mani di quell’uomo che la toccavano, inizialmente
per accarezzarla, ai suoi occhi sembrava una gentilezza, ma trascorso il tempo il
tocco di quelle mani diventava sempre più insistente e pian piano cercava di
scendere sempre più giù.

Ogni volta
aveva paura a rimanere sola con lui, perché ogni volta ci provava, e una volta
gli scostava…

View original post 1.186 altre parole

ORIZZONTI – un’ode al Monferrato di Mirella Rossi

a cura di Marina Vicario _________________

La zona del Monferrato è una delle aeree più verdi e suggestive del territorio che si estende tra l’alessandrino e l’astigiano.
Il 1º giugno 2006 presentato ufficialmente a Parigi, dalla delegazione costituita dalla Provincia di Asti, Provincia di Alessandria e Provincia di Cuneo, il dossier di candidatura per includere il territorio del Monferrato degli Infernòt, del Barbera e dell’Asti spumante assieme a quello delle Langhe, del Roero e della Valtellina, nella lista del Patrimonio Mondiale dell’umanità dell’UNESCO.
Il giorno 22 giugno 2014, durante la 38ª sessione del comitato UNESCO a Doha, è stato ufficialmente incluso, assieme a Langhe e Roero, nella lista dei beni del Patrimonio dell’Umanità. (fonte Wikipedia)

Mirella Rossi fa parte di un gruppo di Guide Unesco che raccontano la storia di Vignale Monferrato in alcuni eventi organizzati durante l’anno.

Mirella ama così tanto la sua terra che spesso ne scrive in racconti e poesie.
Quando ho letto “Orizzonti” ho pesnsato che fosse un’ode meravigliosa al Monferrato e sono lieta di condividerla con voi.

Buona lettura!

ORIZZONTI

Il mio Monferrato,
profuma di aria verde
di collina, di fiori di prato,
di fieno essicato,
di uve mature in autunno,
di grano ora tagliato.
Colora di oro, la paglia,
che il sole cocente, attanaglia,
nei boschi che han preso posto
alle vigne, odore di muffe e frescure,
sentore di funghi, di edere amare,
di terra bruna, di campi da arare.
In un azzurro di tinta marcata,
si stacca l’orizzonte dal cielo
con linea ondulata,
è dolce paesaggio, di terra incantata.

Mirella Rossi è una scrittrice, poetessa e pittrice che vive nella bellissima zona del Monferrato.
Mamma di un figlio – ormai grande – che ha cresciuto nei valori più importanti, è una donna dalle mille qualità.

È un’ottima cuoca ed è insuperabile nella preparazione di conserve e confetture – famosa è la sua gelatina alla rosa.

Ama la natura di cui ha conoscenza in tutte le sue sfaccettature.

LA PAPESSA, di Silvia De Angelis

la papessa

Protesa

verso mete espressive di saggezza

dove un azzardo

muta un’astrazione di suoni e sguardi

muove un supporto aulico

Giovanna

tramutato in sacra vocazione.

Nel concerto d’emotività pura

s’oppone un’ovvietà carnale d’amore

tardiva

nell’indugio del destino

volto a un supremo cielo d’incoronato.

E’ infiorescenza  e benessere per i fedeli

in quel regno armonico di pace.

Ma in  avversi chiaroscuri

si consuma un tranello

scalfente l’autorità della Papessa

caduta nel pallore d’un silenzio

ove l’accento d’un segreto

è inagile  placare insonni bocche…

@Silvia De Angelis 2019

Momenti di poesia. DI CHE COLORE HA GLI OCCHI QUESTA MIA FANTASIA ?, di Loredana Mariniello

Momenti di poesia. DI CHE COLORE HA GLI OCCHI QUESTA MIA FANTASIA ?, di Loredana Mariniello

di che colore.jpg

DI CHE COLORE HA GLI OCCHI QUESTA MIA FANTASIA ?

Annebbiato, mi sei caduto dentro lo schermo fumoso di un sogno
Dov’è che ti ho già visto? Tutt’oggi mi domando,
può darsi io ti abbia incontrato dietro un ricordo obliquo,
ma non ti ho mai vissuto o, forse, non ti ho riconosciuto
protagonista di un déjà vu obliato.
Ascolto la tua voce nel silenzio, presenzio all’avventato artifizio
cercando beneficio in quanto non è che la malia di un maleficio
Come un tattoo s’incollano i miei occhi sulla tua pelle,
costellazione di miriadi di scintille che prende forma
riunendo i punti di miliardi di stelle
Mi immergo in una assenza totale di parole,
mi hai già escruciato il cuore, senza lasciarti sentire,
raccolgo dall’asfalto un bel soffione
e in nuove scene dall’immaginazione mi faccio trasportare
Dov’ è che andrò a cascare ?
Dov’è che un giorno, non lontano,ti potrò rincontrare?
Forse in una poesia, nel testo di una canzone ?
Cos’ è che non voglio scordare ?
E ti ricamo nell’ordito di una sinfonia,
t’incastro in un mosaico di musica e follia ,
che mi trivella l’anima, titilla la mente mia,
che ti riporta a me tutte le volte che vai via.
Dimmi, provvidenziale bugia :
” Di che colore ha gli occhi questa mia fantasia ? “

Momenti di poesia. Silentio abituros minantur…di Anna Giancarlo

Momenti di poesia. Silentio abituros minantur…di  Anna Giancarlo

Silentio.jpg

Silentio abituros minantur…

Nel silenzio assordante,
nella rosata alba
che abiura al sole
sorgente
si compie il miracolo
di ogni giorno:
nasce l’astro,
“silentium est aurem”,
in quest’attimo tutto
si compie, tutto tace
la riva e’ solitaria,
lo sguardo si volge
all’infinito oltre
l’orizzonte,
cessa ogni pensiero,
soltanto l’emozione
sorge in quell’istante
sospende il respiro
turba l’equilibrio
sconvolge l’animo
il tutto si compie…

Anna Giancarlo

Momenti di poesia. OGNI COSA, di Sabry

Momenti di poesia. OGNI COSA, di Sabry

ogni cosa.png

La musa folle

OGNI COSA

Tu sei luce dai cieli,
il mare di dolore
dei giorni passati
si dissolve nel tuo sole.
Si prosciuga il rancore.
E la fiamma che rincuora
un ostinato ghiaccio
a sciogliersi senza timore,
effonde amorevole calore.
Si acquieta il mio essere.
Si rannicchia in un abbraccio,
protetto come nel ventre caldo
di una madre.
Poi si apre come un fiore,
Tu diventi campo e terra dolce
dove mettere radici,
Ti fai acqua alla mia sete
e pioggia buona.
Tenera brezza quando serve,
Morbida carezza.
Ti trasformi al tramonto
in necessaria luna
a veglia del mio sonno.
Anche quando non ti mostri.
Sei presente in ogni cosa.
anche nella paura maledetta
di un’assenza.
Canto e silenzio.
Sei ogni cosa.

Sabyr

Foto Pixabay

Momenti di poesia. SI VIVE, di Vittorio Zingone

Momenti di poesia. SI VIVE, di Vittorio Zingone

logo-alessandria-today-ok-copia copia

SI VIVE

Si vive a contatto strettissimo
con esseri innumeri,
ci si fastidia a vicenda,
ci si compenetra a volte,
ci si soccorre
e s’ignora il miracolo.

Il tempo d’un batter di ciglia,
d’un frullo d’ali di rondine,
d’un fuoco fatuo si vive in esilio
su questa magica, magnifica terra;
ci si materializza qual candida nube
nelle azzurrità in un giorno di luglio;
si svanisce in un attimo
oltre il limite dell’infinità.

Momenti di poesia. IL CIELO È SEMPRE BLU, di Mirella Ester Pennone Masi

Momenti di poesia. IL CIELO È SEMPRE BLU, di Mirella Ester Pennone Masi

IL CIELO È SEMPRE BLU.jpg

IL CIELO È SEMPRE BLU

Passano gli anni
e quella strada di sassi
non mi appare più così grande
La vecchia fontanella
è ancora là, sulla piazzetta
e il numero di casa è lo stesso,
Il fiume Ticino è sempre azzurro;
blu blu… il cielo di sera è sempre blu!

Ricordi amica mia?

Uno… due… e tre…

Fai come me, con la fantasia
si può tornare bambini
e guardare la luna stupiti,
possiamo fare le corse e i giochi,
attardarsi nella sera d’estate
per catturare le lucciole,
poi… lasciarle andare

Uno… due… e tre…

Saltare alla corda tocca a te!
Bacio lettera o testamento?
Ma se ci penso, è strano:
a baciare toccava sempre a me!

Mirella Ester Pennone Masi

foto web

Operazioni dei Carabinieri, di Lia Tommi

Compagnia Carabinieri di Acqui Terme:

Carpeneto: un denunciato in stato di libertà per omissione di soccorso
Nella giornata di ieri i Carabinieri della Stazione di Carpeneto, al termine di una immediata attività investigativa hanno deferito in stato di libertà, con l’accusa di omissione di soccorso e lesioni personali stradali D.B. 48enne della Provincia di Savona.
L’attività investigativa ha avuto inizio nella scorsa settimana quando i carabinieri di Carpeneto erano intervenuti nei pressi della Frazione Retorto di Predosa per un incidente stradale. Intervenuti sul posto avevano trovato un giovane motociclista a terra che, prima di essere condotto in ospedale per le numerose lesioni, aveva riferito di essere stato investito da un’autovettura che, ad un incrocio, non aveva rispettato la precedenza.
L’urto aveva comportato lo sbalzo del motociclista dal suo mezzo e una serie di traumi e lesioni poi refertate con una prognosi di 30 giorni.
Gli immediati rilievi effettuati dai carabinieri sul posto permettevano di rinvenire parti di uno specchietto retrovisore esterno evidentemente staccatosi dall’autovettura coinvolta nello scontro. Un’immediata analisi merceologica, corroborata dalle dichiarazioni della parte offesa (che parlava di un generico monovolume) permettevano di identificare l’autovettura in una Volkswagen Touran. Venivano pertanto richieste le telecamere di videosorveglianza che, seppur a distanza dal luogo dell’impatto, potevano essere state utilizzate come via di fuga.
Ed effettivamente, in orario compatibile con l’incidente, veniva identificata una Volkswagen Touran in uso al 48enne del savonese.
Un controllo effettuato all’autovettura permetteva di verificare la presenza, ancora a distanza di giorni, di numerosi segni sulla fiancata nonché l’assenza dello specchietto retrovisore, segnali chiari di un incidente stradale.
D.B., messo di fronte alle proprie responsabilità, ha immediatamente ammesso di essere stato lui a condurre l’autovettura e, effettivamente, di aver avuto l’incidente con il motociclista.
Pertanto è stato deferito in stato di libertà con l’accusa di omissione di soccorso e lesioni personali stradali.
L’autovettura e la motocicletta coinvolte nel fatto sono state poste sotto sequestro. Continua a leggere “Operazioni dei Carabinieri, di Lia Tommi”

Protocollo di legalità per la realizzazione del Terzo Valico dei Giovi, di Lia Tommi

Sottoscritto il 4 luglio, presso il Palazzo del Governo di Genova, il Protocollo di Legalità per la realizzazione del Terzo Valico dei Giovi, che aggiorna e rafforza l’articolato impianto di misure volte a garantire che i lavori di realizzazione della linea ferroviaria possano essere condotti in una solida cornice di sicurezza, mitigando i rischi di interferenze criminali.

Il documento, siglato dai Prefetti di Genova e di Alessandria, da RFI, in qualità di soggetto aggiudicatore, da Italferr, direttore dei lavori e titolare delle funzioni di alta sorveglianza, e dal Consorzio Cociv, contraente generale per la progettazione e la costruzione, sostituisce il precedente accordo, siglato nel 2012, che viene arricchito e integrato con nuove previsioni, in conformità al nuovo schema di protocollo di legalità relativo all’affidamento dei lavori di realizzazione di infrastrutture strategiche, approvato con delibera CIPE del 6 agosto 2015.

Tra le novità del nuovo protocollo si segnala la più precisa individuazione della filiera di imprese soggetta alle disposizioni pattizie, nonché l’obbligo di comunicazione a Cociv, da parte delle stesse, dell’eventuale variazione dei rispettivi assetti societari.
E’ inoltre prevista l’istituzione, presso le Prefetture, di una “cabina di regia”, allo scopo di effettuare, mediante incontri periodici, un monitoraggio congiunto ed una valutazione complessiva della situazione ovvero di specifiche problematiche ritenute di rilievo. Continua a leggere “Protocollo di legalità per la realizzazione del Terzo Valico dei Giovi, di Lia Tommi”

Modifiche viabilità da lunedì 8 luglio, di Lia Tommi

Il Comando di Polizia Locale del Comune di Casale Monferrato informa che nei prossimi giorni ci saranno alcune variazioni alla viabilità per consentire lo svolgimento di lavori nel centro.

Casale comune

Il primo intervento riguarda il Pqu (Piano di Qualificazione Urbana) denominato Percorsi del Commercio: riqualificazione urbana di via del Duomo, via Volpi, piazza Coppa e parte di via Lanza: da lunedì 8 a mercoledì 31 luglio 2019 (salvo necessità derivanto dall’attività di cantiere) saranno chiusi al traffico un tratto di via Lanza, tra piazza Coppa e via Paleologi, e quello di via Paleologi compreso tra via Alerami e via Lanza.

Queste le modifiche alla viabilità conseguenti: i veicoli provenienti da via Paleologi, e diretti in via Lanza, dovranno svoltare in Via Fratelli Caire, mentre sarà consentito proseguire fino al cantiere solo ai residenti ( quindi nel tratto compreso tra via Caire e via Alerami). Continua a leggere “Modifiche viabilità da lunedì 8 luglio, di Lia Tommi”

La mostra ‘Under Water’ al Filatoio di Caraglio (Cn), di Maura Mantellino

Il 28 giugno si è inaugurata negli spazi del Filatoio di Caraglio in provincia di Cuneo  la mostra ‘Under Water’ a cura  di Daniela Berta e Andrea Lerda. L’evento è stato organizzato dal Museo della Montagna di Torino ed è la prosecuzione del progetto ‘Post Water’, presentato al Museo Montagna nei mesi passati. Si possono ammiare i lavori di trenta artisti:Andreco, Georges-Louis Arlaud, Pablo Balbontin, Olivo Barbieri, Walter Bonatti, Calori&Maillard, Mircea Cantor, Carolina Caycedo, Nuno da Luz, Marjolijn Dijkman & Toril Johannessen, Simon Faithfull, Mario Fantin, Bepi Ghiotti, Cesare Giulio, Jeppe Hein, Frank Hurley, Invernomuto, William Henry Jackson, Adam Jeppesen, Peter Matthews, Elena Mazzi, Arno Rafael Minkkinen, Ryts Monet, Pennacchio Argentato, Laura Pugno, Ernesto Samaritani, Studio Negri, Silvano Tessarollo, Helen Mayer Harrison & Newton Harrison, Gaston Tissandier, Julius von Bismarck, Thomas Wrede.

Si possono ammirare video, fotografia, pittura, disegno, installazione e scultura.

Come ha spiegato Andrea Lerda,  il percorso espositivo «decide di non soffermarsi unicamente sulle problematiche idriche legate all’Antropocene e a quelli che possono essere gli scenari di un futuro “post-water”. Piuttosto, di compiere una riflessione sul concetto di “under water”, da intendersi come capacità dell’uomo di risintonizzarsi con i ritmi naturali e di agevolare un processo di mitigazione del cambiamento climatico».

La mostra è dal 29 giugno fino al 29 settembre 2019 presso il Filatorio di Caraglio in via Giacomo Matteotti 40 (Caraglio. CN)

Il sole negli occhi.

12522972_10207350914403752_2088538100100811375_n

Amore senza di te

è come se mi togliessero il sole

dagli occhi…

Sei la luce che accompagna

il mio cuore ogni giorno

della mia vita

sei il mio viaggio dentro  i miei pensieri…

Come un fiore delicato spunti dentroi miei occhi

che brillano d’amore come due stelle in cielo…

Il tuo sguardo mi penetra

come un dolce fuoco d’amore.

E questo fuoco brucerà dolcissimo

dentro i nostri animi

con un’allegra fiamma

che sorride dentro i nostri cuori

e renderà il fuoco sempre vivo

dentro di noi…

Il sole d’estate coi suoi raggi

pieni di calore

terrà per sempre al sicuro

il nostro amore.

 

La mostra ‘Under Water’ al Filatoio di Caraglio (Cn), di Maura Mantellino

Il 28 giugno si è inaugurata negli spazi del Filatoio di Caraglio in provincia di Cuneo  la mostra ‘Under Water’ a cura  di Daniela Berta e Andrea Lerda. L’evento è stato organizzato dal Museo della Montagna di Torino ed è la prosecuzione del progetto ‘Post Water’, presentato al Museo Montagna nei mesi passati. Si possono ammiare i lavori di trenta artisti:Andreco, Georges-Louis Arlaud, Pablo Balbontin, Olivo Barbieri, Walter Bonatti, Calori&Maillard, Mircea Cantor, Carolina Caycedo, Nuno da Luz, Marjolijn Dijkman & Toril Johannessen, Simon Faithfull, Mario Fantin, Bepi Ghiotti, Cesare Giulio, Jeppe Hein, Frank Hurley, Invernomuto, William Henry Jackson, Adam Jeppesen, Peter Matthews, Elena Mazzi, Arno Rafael Minkkinen, Ryts Monet, Pennacchio Argentato, Laura Pugno, Ernesto Samaritani, Studio Negri, Silvano Tessarollo, Helen Mayer Harrison & Newton Harrison, Gaston Tissandier, Julius von Bismarck, Thomas Wrede.

Si possono ammirare video, fotografia, pittura, disegno, installazione e scultura.

Come ha spiegato Andrea Lerda,  il percorso espositivo «decide di non soffermarsi unicamente sulle problematiche idriche legate all’Antropocene e a quelli che possono essere gli scenari di un futuro “post-water”. Piuttosto, di compiere una riflessione sul concetto di “under water”, da intendersi come capacità dell’uomo di risintonizzarsi con i ritmi naturali e di agevolare un processo di mitigazione del cambiamento climatico».

La mostra è dal 29 giugno fino al 29 settembre 2019 presso il Filatorio di Caraglio in via Giacomo Matteotti 40 (Caraglio. CN)

Minaccia due giovani con un coltello: denunciato, di Lia Tommi

Compagnia Carabinieri di Novi Ligure:

Novi Ligure: minaccia due giovani con un coltello. Denunciato.
I carabinieri della Stazione di Gavi hanno denunciato in stato di libertà un gaviese R.L., dell’età di 64 anni, reo di aver minacciato due giovani con un coltello. L’uomo di notte è sceso in strada con un coltello da cucina sulla base dell’errata convinzione che due giovani presenti all’interno di una piazza del centro di Gavi fossero responsabili del furto di un i-phone di proprietà della figlia, ivi localizzato, ma verosimilmente smarrito dalla stessa. I Carabinieri della Stazione di Gavi, liberi dal servizio, sono intervenuti per delle richieste di aiuto provenienti dalla citata piazza, ove hanno rintracciato e denunciato in stato di libertà l’uomo alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Alessandria il quale dovrà rispondere di minaccia aggravata e porto abusivo d’arma.

Sono arrivati i saldi estivi ad Alessandria, di Lia Tommi

Alessandria today: Al via da oggi, anche in provincia di Alessandria, i saldi estivi. Secondo le stime dell’Ufficio Studi di Confcommercio, quest’anno per l’acquisto di capi scontati ogni famiglia spenderà in media poco meno di 230 euro, circa 100 euro pro capite, per un valore complessivo intorno ai 3,5 miliardi di euro. Le famiglie che acquistano in saldo sono infatti 15,6 milioni su 26 milioni. Secondo il Codacons gli acquisti saranno però frenati dall’incertezza economica e il concomitante periodo di partenza per le vacanze.

Ecco i 10 consigli per non incappare in brutte sorprese:

1 Conservate sempre lo scontrino: i capi in saldo si possono sostituire, se il prodotto acquistato è danneggiato o non conforme. Il negoziante è obbligato a sostituire l’articolo difettoso, anche se dichiara che i capi in saldo non si possono cambiare. Per quanto riguarda il difetto di conformità il consumatore può denunciarlo al venditore entro il termine di due mesi dalla data in cui ha scoperto il difetto.

2 Attenzione ai fondi di magazzino: la merce posta in vendita sotto la voce ‘saldo’ deve essere l’avanzo di quella della stagione che sta finendo e non fondi di magazzino di anni e stagioni precedenti. Alla larga da quei negozi che avevano gli scaffali semivuoti poco prima dei saldi e che poi si sono improvvisamente riempiti dei più svariati articoli. Diffidate anche di quei negozi che, a fine stagione, hanno per ogni tipo di prodotto il completo assortimento di taglie e colori. Continua a leggere “Sono arrivati i saldi estivi ad Alessandria, di Lia Tommi”

La mia adolescenza.

12522972_10207350914403752_2088538100100811375_n

Fredde stanze

nella mia vita

frustate di vita

nel mio animo

solo grigio

e paure insonni…

La mia adolescenza scorreva

come un fiume di acque stagnanti

il mio cuore era impietrito dai timori

il mio viso sembrava fatto di marmo

come bloccato da un fotofinish

il mio cuore pulsava come se fosse

un treno in partenza senza meta

la mia adolescenza

era un mare impervio

dove il mare era inquieto

pieno di vento portando via

il mio passato

dando nuova vita a me stesso…

l’uomo che sono adesso.

 

 

Io, Chiara e lo Scuro

Parola di Medea

Correva l’anno 1982, il film di Marcello Ponzi “Io, Chiara e lo Scuro”, consacra Francesco Nuti, il quale collabora alla stesura del soggetto, già reduce del successo dell’anno precedente con il film d’esordio “Ad Ovest di Paperino”, come migliore attore protagonista al David di Donatello del 1983. Il film, dalla trama semplice e non particolarmente avvincente, vanta numerosi punti di forza: in primis la simpatia quasi surreale di Nuti, la bellezza scaltra di Giuliana De Sio, che dà corpo e anima alla sassofonista Chiara (ricordiamo che, inizialmente, per interpretare la protagonista fu scelta Donatella Rettore), e un racconto fluido che va giù come un bicchiere d’acqua. Protagonista della vicenda un uomo qualunque, Francesco Piccioli detto “il Toscano” per la sua provenienza geografica, che trascorre le sue giornate tra il portierato in un residence e la sala di biliardo, passione ereditata dal nonno. E’ proprio alla sala, dove Francesco si reca…

View original post 319 altre parole

Pietrangeli femminista e avanguardista.

Parola di Medea

Antonio Pietrangeli e Stefania Sandrelli in una scena emblematica
di
“Io la conoscevo bene”

Oggi vi parlo di un regista scomparso 51 anni, un regista che molto ha dato al cinema italiano, soprattutto nel delicato passaggio dal neorealismo alla commedia all’italiana, intesa come filiazione e naturale prosecuzione del primo, e troppo presto dimenticato. Antonio Pietrangeli paga, in primis, lo scotto di essere un insofferente alle rigide categorie, tanto necessarie alle majors, e per questo risulta, ancora oggi, difficile etichettare il suo cinema. Ma il talento, la grandezza e la professionalità vanno oltre tutte le possibili categorie e definizioni. Per questo vale la pena avvicinarsi al cinema di questo grande regista che, mezzo secolo fa, riusciva ad avere una visione nitida e chiara della psicologia umana e dei meccanismi sociali che regolavano la vita di ieri come quella di oggi. Quello che colpisce è il modo in cui Pietrangeli riesce, con…

View original post 310 altre parole

Che il viaggio abbia inizio

Parola di Medea

WELCOME

“Scegliere la libertà è il regalo più bello che possiate farvi.”

Chiara

Questo blog, dopo vari rinvii, dubbi e tentennamenti, nasce oggi per prepotente voglia di venire al mondo. La vita passa mentre attendiamo il momento giusto che, forse, nemmeno esiste. Non ci sono momenti giusti o sbagliati, ci sono semplicemente esigenze che col tempo diventano incontenibili. La voglia di comunicare e condividere hanno preso il sopravvento e quindi… eccomi qui a spalancare la mia finestra sul mondo per avviare quello che spero sia uno scambio di idee, passioni e sorrisi continui. Una finestra che affaccia su un coloratissimo campo di fiori, ognuno col suo colore e profumo. Il blog nasce con l’idea di parlarvi di letteratura e cinema; due filoni differenti ma profondamente intrecciati che continuano a regalarci vite infinite perché, diciamocelo, una non basta a nessuno.

Buon viaggio,

Chiara.

View original post

Eventi del Comune per la Notte Bianca di Casale Monferrato, di Lia Tommi

Alessandria today @ Web Media Network - Pier Carlo Lava

Anche il Comune di Casale Monferrato organizza una serie di iniziative in occasione della prossima Notte Bianca di sabato 6 luglio 2019.

L’Assessorato alle Manifestazioni, in collaborazione e con il contributo di Energica srl, presenterà, al numeroso pubblico che vorrà festeggiare l’inizio dei saldi estivi in città, una serie di eventi per animare il centro cittadino dalle ore 19.00 alle ore 21.30.

Come ha spiegato il vice sindaco, con la delega alle Manifestazioni, Emanuele Capra: «Nonostante il poco tempo a disposizione abbiamo voluto dare immediatamente un piccolo segnale di cambiamento alla Notte Bianca, partecipando in parte alla sua organizzazione. Sabato sera a partire dalle 19,00, per poi lascaire il giusto spazio agli eventi organizzati dagli esercenti, il centro storico sarà animato da micro spettacoli, anche itineranti, che daranno colore e intrattenimento alle vie della città, invogliando le gente a passeggiare e a gustare un po’ di musica. È solo l’inizio…

View original post 842 altre parole

Amarti.

774124_10200472866133018_94843635_o

 

Amarti è come stare sulle nuvole

sognare ed essere felici e adoranti…

Sei come un frutto maturo

pronto da raccogliere e baciare.

Il tuo viso così sognante e radioso

si riflette dentro me

come dentro un lago pieno d’ amore

e felicità…

Sei come un’alba dentro me

che luccica tra i mie sensi…

Il tuo sguardo amore mio

farà sempre parte di me

come il mio cuore vivrò

solo del tuo amore.

Alessandria today facebook, le news con un semplice click…

Alessandria today facebook, le news con un semplice click...

logo-alessandria-today-ok-copia

La pagina facebook Alessandria today nasce in sinergia con l’omonimo blog Alessandria today, viene quindi messa a disposizione la possibilità di leggere le news se e quando si desidera farlo e nel modo preferito, perchè come sappiamo ognuno di noi è fatto diversamente da tutti è unico, esclusivo e non replicabile, quindi seguiteci e scegliete liberamente quello volete leggerle… e grazie per la vostra cordiale e preziosa attenzione.

Pier Carlo Lava

https://www.facebook.com/alessandriatoday.piercarlolava/?modal=admin_todo_tour

Botte a coetaneo: condannati per tortura, è la prima volta Sono quattro quindicenni accusati di aver segregato e picchiato un coetaneo in un garage di Varese 

Botte a coetaneo: condannati per tortura, è la prima volta Sono quattro quindicenni accusati di aver segregato e picchiato un coetaneo in un garage di Varese 

logo-alessandria-today-ok-copia.png

Leggi anche di Pier Carlo Lava: “L’arroganza del baby ciclista e l’atteggiamento diseducativo del padre” a questo link: https://alessandria.today/2019/07/06/larroganza-del-baby-ciclista-e-latteggiamento-diseducativo-del-padre/

310x0_1474896829198.rainews_20160926153226618

Quattro anni e sei mesi al capo-banda e quattro anni ad altri tre della stessa banda: sono le condanne inflitte oggi in abbreviato dal Tribunale per i Minorenni di Milano a quattro quindicenni accusati di aver segregato, picchiato e torturato un loro coetaneo, in un garage di Varese lo scorso novembre.

Una condanna destinata a fare storia in Italia perché si tratta della prima sentenza per il reato di tortura, come ha confermato il procuratore del Tribunale per i minorenni Ciro Cascone.

La condanna più alta è stata inflitta dal giudice al minore ritenuto la ‘mente’ del sequestro e del pestaggio del quindicenne, legato e picchiato con un bastone di ferro in un box di Varese.

A quanto è emerso era pronto a lasciare l’Italia con la madre prima di essere arrestato. L’accusa aveva chiesto condanne per un totale di 21 anni di carcere, sostenendo che tutti e quattro i giovani imputati non abbiano mostrato segni di ravvedimento ed empatia con la vittima.

Le difese avevano chiesto per i giovanissimi la messa in prova a cui la Procura minorile si è opposta, posizione sposata anche dal giudice. – See more at: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Botte-a-coetaneo-condannati-per-tortura-e-la-prima-volta-4149b6f3-c401-42db-bbf1-acb04d3e942c.html

L’arroganza del baby ciclista e l’atteggiamento diseducativo del padre

L’arroganza del baby ciclista e l’atteggiamento diseducativo del padre

di Pier Carlo Lava

Educare i figli sin da piccoli prima che sia troppo tardi.

Alessandria todayAd onor del vero bisogna altresì ricordare che spesso i ciclisti transitano sul marciapiede poiché non hanno altra scelta data la pericolosità delle nostre strade e i pedoni a loro volta transitano sulle piste ciclabili (quando esistono) costringendo i ciclisti  a circolare sulla strada per non investirli e tutto ciò alla fine dimostra che si tratta di una guerra fra “poveri” (ovvero fra i soggetti deboli della strada) e che comunque tutto questo potrebbe essere tranquillamente risolto usando buonsenso, educazione e rispetto reciproco.

Pier Carlo

«Abbiamo lasciato che la neuropsichiatria sostituisse l’educazione e la pedagogia»: è l’allarme lanciato dal celebre pedagogista Daniele Novara nel suo ultimo libro, «Non è colpa dei bambini» (Rizzoli).

Leggi anche://alessandria.today/2019/07/06/botte-a-coetaneo-condannati-per-tortura-e-la-prima-volta-sono-quattro-quindicenni-accusati-di-aver-segregato-e-picchiato-un-coetaneo-in-un-garage-di-varese/

Tutti quelli che appartengono alla vecchia generazione come la signora Carla di cui parleremo in seguito (quella che oggi da certi giovani adulti e non solo in politica, viene considerata obsoleta e da rottamare) da diversi anni si pongono con sempre maggiore preoccupazione una domanda: “che fine ha fatto l’educazione dei figli?”.

I media quasi ogni giorno ci riportano fatti dai quali si evince che l’educazione dei propri figli, che va fatta sin da quando sono piccoli sia ormai diventata quasi un optional e quindi patrimonio di un numero sempre più ristretto di genitori.

Non dobbiamo stupirci se poi bande di ragazzini ancora minorenni ma anche in casi singoli compiono atti assimilabili a gesta di stampo criminale, come bullismo, rapine, piccoli furti, aggressioni a coetanei per rubargli lo smartphone dopo averli malmenanati seriamente, ecc. ecc. .

Imputare questi fatti esclusivamente alla società, alla scuola e agli esempi negativi degli adulti che invece dovrebbero rappresentare un modello positivo è semplicistico e riduttivo oltre che un gravissimo errore, dato che la responsabilità maggiore è invece da imputarsi alla disattenzione o alla scarsa capacità educativa  dei genitori  che spesso preferiscono comperargli un tablet ed evitare così di compiere il loro doveri di padri e madri. Continua a leggere “L’arroganza del baby ciclista e l’atteggiamento diseducativo del padre”

Non solo Garbagna, il Festival teatrale “il borgo delle storie” coinvolge tutta la Val Grue

Non solo Garbagna, il Festival teatrale “il borgo delle storie” coinvolge tutta la Val Grue

Dal 13 al 21 luglio torna il Festival teatrale “il borgo delle storie” per la direzione artistica di Emanuele Arrigazzi e Allegra de Mandato, che quest’anno giunge alla quarta edizione.

Manifesto-Il borgo delle storie-2019-stampa.jpg

Nato a Garbagna su iniziativa del Comune di Garbagna con l’aiuto della Fondazione C.R. Tortona, che sostiene finanziariamente il progetto, il festival coinvolge anche altre località della Val Grue.

Grande anteprima ad Avolasca, sabato 13 luglio ore 21.30, con il Teatro dei Navigli che porterà in scena “ODISSEA. IL MARE DI NESSUNO” scritto e interpretato da Luca Cairati e Francesco Curatella.

Martedì 16 luglio alle 20.30 sarà la volta dell’Osservatorio Astronomico Naturalistico di Casasco, con lo spettacolo “IO LUNATICO” della Casa degli Alfieri di Asti, di e con Emanuele Arrigazzi.

Da giovedì 18 a domenica 21 luglio 2019 “il borgo delle storie IV si sposterà a Garbagna dove, in soli quattro giorni saranno presentati altri sette spettacoli, 12 se si considerano le cinque (due giovedì, due venerdì e una domenica) installazioni jukebox “ORACOLO ME STESSO HO CONSULTATO” di Paolo Musio con la progettazione sonora di Daniel Bacalov. Continua a leggere “Non solo Garbagna, il Festival teatrale “il borgo delle storie” coinvolge tutta la Val Grue”

«LA MIA VITA CON JOHN F. DONOVAN»: IL RITORNO TRIONFALE DI XAVIER DOLAN

«LA MIA VITA CON JOHN F. DONOVAN»: IL RITORNO TRIONFALE DI XAVIER DOLAN

di Francesca Cerutti  https://www.frammentirivista.it

logo-alessandria-today-ok-copia

Appena usciti dalla sala dopo aver visto un film superlativo, è sempre difficile trovare le parole per descriverlo. Troppa paura che nessuna parola possa essere all’altezza delle emozioni provate. Ci si sente un po’ così dopo aver visto La mia vita con John F. Donovan del canadese Xavier Dolan, uscito in Italia lo scorso 27 giugno.

standard_d89dac26-7ee6-4398-ad08-dd770c9caede

Leggi anche:
Xavier Dolan, “enfant terrible” del nuovo cinema francese

La locandina del film.

Un’amicizia “da lontano”

Il film ruota attorno all’amicizia nata e sviluppatasi “da lontano” tra Rupert Turner (Ben Schnetzer), un giovane attore, e John F. Donovan (Kit Harington), anche lui attore, morto di overdose undici anni prima. Perché “da lontano”? Perché i due si sono scambiati lettere per cinque anni, senza mai incontrarsi.

A soli sei anni, aiutato dalla madre (Natalie Portman), il piccolo Rupert (Jacob Trembley) scrive una lettera a Donovan, il suo idolo. A sorpresa, la star gli risponde, dando così il via a una strana corrispondenza che entrambi tengono segreta al mondo per anni. Da un lato, Rupert – americano, incapace di ambientarsi in Inghilterra – teme che possa interrompersi l’amicizia con la sola persona che sembra davvero capirlo. Da un altro, John F. Donovan sa che nessuno capirebbe perché mai un uomo di più di vent’anni scriva con assiduità a un bambino. Continua a leggere “«LA MIA VITA CON JOHN F. DONOVAN»: IL RITORNO TRIONFALE DI XAVIER DOLAN”

Il caso ‘Piastra dei servizi’ Expo. Sala condannato a sei mesi, convertiti in pena pecuniaria. L’ex ad: “Resterò sindaco”

Il caso ‘Piastra dei servizi’ Expo. Sala condannato a sei mesi, convertiti in pena pecuniaria. L’ex ad: “Resterò sindaco”

logo-alessandria-today-ok-copia

Schermata 2019-07-05 a 16.10.00.png

Il sindaco di Milano Giuseppe Sala, ex ad di Expo, è stato condannato a semi mesi di reclusione, convertiti in pena pecuniaria di 45 mila euro, nel processo milanese in cui era imputato per falso materiale e ideologico per la presunta retrodatazione di due verbali con cui, nel maggio del 2012, sono stati sostituiti due componenti della commissione di gara per l’assegnazione del maxi appalto per la Piastra dei servizi dell’Esposizione Universale del 2015.

“Piastra Expo”, chiesti 13 mesi per il sindaco di Milano Sala Expo, Pm Corte dei Conti archivia Sala su fornitura alberi Inchiesta Expo, archiviata accusa di turbativa d’asta per ex commissario e ora sindaco Giuseppe Sala

La sentenza è stata emessa dai giudici della decima sezione penale.  “Questa sentenza non produrrà effetti sulla mia capacita di essere sindaco di Milano”. È il primo commento del sindaco di Milano Giuseppe Sala dopo la condanna a sei mesi nel processo Expo.   “Assicuro i milanesi – ha aggiunto – che resterò a fare il sindaco per i due anni che restano del mio mandato.

Di guardare avanti ora non me la sento”.  “Una sentenza del genere, dopo sette anni, per un vizio di forma, allontanerà tanta gente per bene dall’occuparsi dalla cosa pubblica”. Così Sala dopo la condanna. “I sentimenti che ho sono negativi – ha aggiunto – qui è stato processato il lavoro e io ne ho fatto tanto”.  Continua a leggere “Il caso ‘Piastra dei servizi’ Expo. Sala condannato a sei mesi, convertiti in pena pecuniaria. L’ex ad: “Resterò sindaco””

«NUREYEV»: TALENTO, BELLEZZA E RIBELLIONE

«NUREYEV»: TALENTO, BELLEZZA E RIBELLIONE

di  Valentina Cognini

Nureyev copertina-620x400.x57454.jpg

Rudolf Nureyev viene al mondo nel 1938 su un treno della transiberiana, nei pressi di Irkutsk. Questa nascita sicuramente atipica segnerà la sua vita, rendendolo un apolide per natura, uno spirito libero insofferente alle regole e al di fuori di ogni schema. Cresciuto in una desolata cittadina ai margini dell’Unione Sovietica, imbrigliato in una società che sembra non offrire vie di fuga, Rudolf matura un latente spirito di ribellione che lo porterà a diventare simbolo di una libertà espressiva che non conosce limiti.

Nureyev – The White Crow : il regista

Alla regia di Nureyev – The White Crow, piccola perla del cinema estivo, ritroviamo Ralph Fiennes che, al suo terzo film da regista, si ritaglia qui il ruolo dello stimato maestrodell’Accademia Vaganova Alexander Pushkin, che per primo aveva riconosciuto in Nureyev la scintilla del genio. La grande conoscenza della cultura russa sta alla base della scelta di Fiennes di recitare nella lingua originale del suo personaggio.

Figlio di una famiglia di artisti (quattro dei suoi sei fratelli lavorano nel cinema e nel teatro), Ralph Fiennes è stato l’eroe romantico Heathcliff in Cime tempestose (1992), il conte ungherese László Almásy ne Il paziente inglese (1996), il protagonista di A bigger splash (2015) e lo spietato ufficiale nazista Amon Goeth in Schindler’s List (1993). Tra le sue produzioni come regista ricordiamo Coriolanus (2011) e The Invisible Woman (2013)… continua su: https://www.frammentirivista.it/nureyev-talento-bellezza-e-ribellione/

Rifiuti a Roma. Il Presidente della regione Zingaretti: 48 ore all’Ama per ripulire Roma

Rifiuti a Roma. Il Presidente della regione Zingaretti: 48 ore all’Ama per ripulire Roma

logo-alessandria-today-ok-copia

ITALIA Firmata l’ordinanza della Regione Lazio

Schermata 2019-07-05 a 16.04.00.png

Entro 7 giorni dovrà raccogliere i rifiuti nel resto del territorio di Roma e dovrà provvedere a distribuire 300 cassonetti in 3 giorni  

Entro 48 ore l’Ama deve ripulire Roma. Lo stabilisce l’ordinanza della Regione Lazio sui rifiuti nella capitale.   Tra l’altro l’ Ama deve provvedere  all’immediata pulizia, raccolta dei rifiuti e disinfezione e disinfestazione vicino a siti sensibili come strutture sanitarie e socio-assistenziali, strutture per l’infanzia, mercati rionali, esercizi di ristorazione.

L’ordinanza  prevede anche di provvedere alla raccolta dei rifiuti e alla pulizia nel restante territorio di Roma Capitale entro 7 giorni a decorrere dalla notifica della presente ordinanza. Inoltre entro entro 7 giorni a decorrere dalla notifica della ordinanza, Ama dovrà  assicurare la provvista dei primi 300 cassonetti entro 3 giorni.   

L’ordinanza chiede ad Ama l’impiego di “mezzi per la raccolta rifiuti sia differenziata che indifferenziata, stradale o porta a porta, al fine di minimizzare la permanenza dei rifiuti per le strade, anche con l’ausilio di ditte appaltatrici, entro 7 giorni a decorrere dalla notifica della presente ordinanza”.

Il presidente della Regione Nicola Zingaretti sottolinea che il problema a Roma è legato innanzi tutto alla raccolta dei rifiuti in città. Inoltre l’Ama dovrà disporre entro una settimana dalla notifica dell’ordinanza l’attivazione dell’impianto mobile di Ostia (tritovagliatore)  

Gli impianti del Lazio dovranno operare “con decorrenza immediata al massimo della capacità di trattamento autorizzata su base giornaliera, garantendo i trattamenti anche nei festivi, secondo le richieste che Ama formalizzerà. – aontinua su: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Rifiuti-a-Roma-Zingaretti-48-ore-ama-per-ripulire-Roma-870af14c-49c3-48db-9dd1-ae9b43aba434.html?refresh_ce

COSA LEGGERE SOTTO L’OMBRELLONE? IL MEGLIO DELLA NARRATIVA ITALIANA DA (RI)SCOPRIRE QUEST’ESTATE

COSA LEGGERE SOTTO L’OMBRELLONE? IL MEGLIO DELLA NARRATIVA ITALIANA DA (RI)SCOPRIRE QUEST’ESTATE

logo-alessandria-today-ok-copia

books-1478715-1170x400.x57454.jpg

di Francesca Cerutti 

È finalmente arrivata l’estate, il momento in cui tanti di noi ritrovano il tempo per leggere la montagna di libri comprati durante l’inverno e “messi in pausa” in attesa di periodi di minor stress.

Se non avete fatto la vostra scorta di libri i mesi scorsi, non preoccupatevi. Vi proponiamo qui quelli che secondo noi sono i romanzi italiani contemporanei che vanno letti almeno una volta nella vita. Per dare qualche spunto in più agli indecisi…

PS. Questa non è una classifica! I libri che presentiamo sono in ordine sparso. Quattro storie diverse, quattro stili diversi. Per citare Daniel Pennac, «il verbo leggere non sopporta l’imperativo». Fatevi trasportare dal cuore nella vostra scelta.

Ti prendo e ti porto via di Niccolò Ammaniti

«Vieni qua.»
Si avvicinò e Flora lo abbracciò forte. Pietro le mise le braccia intorno al collo e il cuore della professoressa si colmò di una tenerezza e di una pena che la fece vacillare un istante. Questo bambino doveva essere figlio mio. La gola le si strozzò. Dio mio…

È un romanzo corale ambientato in un paesino della Toscana, in cui si intrecciano le storie di diversi personaggi: Pietro, dodici anni, unico in tutta la scuola a essere stato bocciato; la sua amica Gloria, diversissima da lui ma da cui Pietro si sente inevitabilmente attratto; la loro professoressa di lettere, Flora Palmieri, la donna più misteriosa del paese;Graziano Biglia, sciupa femmine tornato in paese dopo una delusione sentimentale.– continua su: https://www.frammentirivista.it/cosa-leggere-sotto-lombrellone-il-meglio-della-narrativa-italiana-da-riscoprire-questestate/

74° Raduno Internazionale MADONNINA DEI CENTAURI, di Lia Tommi

74° Raduno Internazionale MADONNINA DEI CENTAURI

Alessandria 12,13,14 Luglio Programma

Venerdì 12.07.2019

Ore 12.00 Apertura area raduno e iscrizioni ufficiali FMI (di fronte ex Bar Marini). Per i soli iscritti al raduno, è possibile prenotare la partecipazione alla gita lunga del sabato.
Ore 16.00 Eventuale visita a piedi di alcuni punti della città di Alessandria
Ore 19.00 Chiusura iscrizioni ufficiali FMI, l’ingresso all’area del raduno rimane comunque aperto ai radunisti
In serata all’interno dell’area raduno (nel tratto di via Savona) ‘musica live’.

Sabato 13.07.2019

Ore 08.00 Apertura area raduno in Viale della Repubblica di fronte ex Bar Marini.
Ore 09.00 Apertura iscrizioni ufficiali FMI. Per i soli iscritti al raduno, è possibile prenotare la partecipazione alla gita lunga e corta.
Ore 09.45 Concentrazione e controllo partecipanti al giro turistico. Presentarsi con la prenotazione effettuata.
Ore 10.00 GITA LUNGA. Partenza per giro turistico enogastronomico-culturale di circa 120 km con prima tappa e pranzo a Castellania, paese natale di Fausto Coppi, per onorare degnamente il “campionissimo” ed i suoi luoghi nel centenario della nascita. Dopo la pausa pranzo presso la locanda “il grande airone”, dove oltre a mangiare, si potrà anche respirare l”atmosfera e la poesia della casa che ha dato i natali al Campionissimo, nel primo pomeriggio, si proseguirà per raggiungere Gavi Ligure, la località più conosciuta e apprezzata della val Lemme, dove è prevista una sosta presso il bar gelateria “da Matteo” per gustare un ottimo gelato artigianale. La gita si concluderà verso le ore 17.45 in piazza della Libertà di Alessandria per poter presenziare alla cerimonia di accoglienza delle delegazioni italiane ed estere da parte del Comune di Alessandria alla presenza delle massime Autorità. Continua a leggere “74° Raduno Internazionale MADONNINA DEI CENTAURI, di Lia Tommi”

Migranti, la sfida delle ong a Salvini: sono 3 le navi in mare

Migranti, la sfida delle ong a Salvini: sono 3 le navi in mare

logo-alessandria-today-ok-copia

Il veliero Alex & co di Mediterranea, con oltre 50 bordo.  La Alan Kurdi di Sea Eye con 65 a bordo, protagonista oggi di un intervento in acque libiche. La spagnola Open Arms. Sulla Alex il Viminale conferma l’accordo tra Italia e Malta: La Valletta accoglierà i migranti, l’Italia ne riceverà 55 da Malta. In corso l’evacuazione di “18 vulnerabili”: bambini, donne e famiglie. Quanto alla Alan Kurdi, pronto il divieto di ingresso in acque italiane.

Schermata 2019-07-05 a 15.58.33

Dopo la visita a bordo dei medici, è in corso l’evacuazione a bordo della motovedetta CP300 della Guardia Costiera delle prime 18 persone salvate dalla Alex. Lo fa sapere Mediterranea saving humans. Sono i soggetti più vulnerabili (bambini e donne) e le loro intere famiglie.

“Una buona notizia. Finalmente”, commenta la ong. I migranti, più di 50, saranno poi trasferiti a Malta, secondo l’accordo raggiunto con l’Italia, che prevede che Roma accolga contestualmente 55 migranti dalla Valletta.

Il trasbordo dei migranti a bordo della nave della Mediterranea arriva dopo ore di tensione e botta e risposta tra la ong e il ministro dell’Interno, Matteo Salvini. In un clima di sfida alla politica dei porti chiusi.

La sfida delle ong a Salvini I sequestri disposti dalla magistratura – italiana e maltese – avevano per un breve periodo reso il Mediterraneo centrale “ong-free”. Ma ora, la ‘flotta’ umanitaria in mare è forte di ben tre unità: il veliero Alex & co di Mediterranea saving humans, la Open Arms della organizzazione spagnola Proactiva Open Arms, la Alan Kurdi della tedesca Sea Eye. Continua a leggere “Migranti, la sfida delle ong a Salvini: sono 3 le navi in mare”

Momenti di poesia – Voler volare non è sognarlo, di Paola Cingolani

Lo stormo di migratori
improvviso sopra di voi

probabilmente pelagici

 

tu che stavi già volando
anzi diciamolo _ volavi _

ed era notte di luna piena

*

poi s’è svuotata di colpo
non s’è mai vista _ forse _

tu che non voli ma capisci

 

probabilmente è abitudine
passa ancora su te il nulla

un altro stormo e così sia

*

il niente nel suo trasparire
il grigio nella sua luce rara

una rete senza maglie rotte

 

e nessuna via di fuga _ no _
a te la trappola della sacca

ma gli uccelli volano in alto

*

in te prende corpo un’idea
prende sempre più forma
quel migratore dev’esserci

e sai bene che c’è _ capisci _
tu sei là presa ad osservarlo
voler volare non è sognarlo

 

17361895_10210246203803993_7525200613523269790_n

Poetry Paola Cingolani @lementelettriche 06/07/2019 – Photography Paolo Capitini