Statistiche Raccolta Alimentare Animali, di Lia Tommi

RAA: STATISTICHE RACCOLTA ALIMENTARE ANIMALI DEL 6 LUGLIO a seguito della Raccolta Alimentare Animali tenutasi a Casale Monferrato sabato scorso presso L’Eurospin sono state raccolte le seguenti quantità di cibo, che risultano essere in linea con quanto raccolto durante l’anno precedente:

2019 Eurospin
Cane Gatto (kg)
Secco Umido Secco Umido Totale
142,5 205,9 156 103,23 607,63ad ottobre 2018 le quantità raccolte presso lo stesso supermercato risultano essere infatti le seguenti:

2018
Cane Gatto (kg)Secco Umido Secco Umido Totale
222,78 238,40 71,30 96,18 628,66

il cibo raccolto è stato ripartito tra le associazioni che vi hanno partecipato (Rifugio di Cascine Rossi, Associazione Nonsologatti, Rifugio del Gatto, Rifugio del Cane) in modo proporzionale al numero di animali da assistere.

Un ringraziamento anche all’Associazione Croce Verde Casale che, con i suoi volontari, ha contribuito all’attività di raccolta.

Sabato prossimo (il 13 luglio 2019) continuerà la staffetta della solidarietà per gli animali presso il supermercato Novacoop ed il Centro Commerciale “La Cittadella”, dove troverete i volontari che riconoscerete dalla pettorina distintiva.

Chi sarà disposto a partecipare alla raccolta potrà acquistare a proprio carico generi alimentari per cani e gatti e donarli presso le postazioni predisposte.

Non verranno accettate elargizioni in denaro.

Gli alimenti raccolti verranno poi ridistribuiti alle associazioni che hanno partecipato al progetto e che da anni svolgono attività territoriali per la tutela, il sostentamento e la salvaguardia degli animali.

Luca Servato, Resp. di RAA per Casale Monferrato: “La solidarietà di chi ha donato e l’attività dei nostri volontari hanno permesso, insieme, di portare carichi di felicità ai nostri amici pelosetti. Grazie a tutti. Sabato prossimo saremo di nuovo in prima linea per loro. L’ingresso nei rifugi con il cibo donato è stato davvero emozionante perché avevano capito che stava arrivando la “pappa” ed era tutta per loro”.

Parigi in valigia per viaggiatori “fai da te”: le mie guide preferite.

La Casetta del Merlo

Nel blog La Casetta del Merlo tra gli articoli con più visualizzazioni ce ne sono diversi che, sul mio desktop, ho salvato nella cartella “utili” (nel senso che li ho scritti con l’intenzione di fornire delle indicazioni utili a chi legge, sperando di essere riuscita nel mio intento) e Parigi in valigia rientra sicuramente tra questi.

Quante volte ti sei recato, prima di partire per una vacanza, nella tua libreria preferita per cercare un libro che ti permettesse di scoprire qualche dettaglio in più sulla meta del tuo viaggio … per evitare, magari, una volta arrivato sul posto, di vagare un po’ perso con la sensazione di non riuscire a cogliere la vera essenza del luogo? Io credo che questo sia un timore comune a tanti viaggiatori fai da te come me e oggi vorrei raccontarti quali sono le guide turistiche che preferisco, tra le tante che hanno come…

View original post 1.437 altre parole

Le note del bel canto, un dipinto da sogno e un fantasma: c’est l’Opéra Garnier!

La Casetta del Merlo

A Parigi c’è un luogo in cui elementi apparentemente in contrasto si incontrano, dando vita ad una scenografia tra le più sconcertanti e spettacolari, nel suo genere: oggi vado alla scoperta del palazzo dell’ Opéra Garnier.

La giornata non inizia nel migliore dei modi, mentre percorro l’Avenue de l’Opéra nell’ ora di punta di un giorno feriale, con il vento e gli ombrelli aperti che rendono ancora meno piacevole la mia passeggiata …

e mi ritrovo a pensare alle mattine in cui correvo anch’io, come queste persone che mi sfiorano frettolose, per Corso di Porta Venezia a Milano. Le similitudini non finiscono qui, perché proprio come Corso Porta Venezia anche questa grande arteria parigina … non ha neppure un albero, ad alleggerire le facciate austere e imponenti dei palazzi ottocenteschi!

Opéra Garnier, Teatro dell'Opera di Parigi.Esposizione di Palais Garnier, foto di Elena Palombo

Il motivo che ha spinto il barone Haussmann, in piena fregola…

View original post 1.105 altre parole

I tetti di Parigi, La Bohème, una giornata grigia ed io.

La Casetta del Merlo

Respirer Paris, cela conserve l’âme. (Victor Hugo)

Respirare, ma anche osservare, toccare, ascoltare … Hai mai ascoltato il suono della pioggia sui tetti di zinco all’alba di una giornata grigia, a Parigi?

Parigi deve i suoi tetti unici e seducenti, multiforme mosaico di zinco e di ardesia  che la luce del giorno arricchisce di cangianti sfumature, a due personaggi: Daniel Dony, chimico belga, e Georges Eugène Haussmann, il prefetto noto per aver stravolto i lineamenti dell’intera città secondo il volere di Napoleone III (1852 – 1870).

L’esigenza di un rinnovamento così radicale nasce perché a metà del 1800 l’antica città medioevale, un dedalo di viuzze sulle quali si stringevano case a graticcio quasi sempre fatiscenti e prive di rete idrica e servizi igienici, era un «perenne focolaio di epidemie e insurrezioni», ovvero quanto di meno adatto si potesse immaginare per accogliere le migliaia di contadini che in quel periodo, allettate…

View original post 692 altre parole

La notte.

Memorabilia

Sai la notte?

Quando le luci si spengono e il sipario cala

su questo banale commercio di giorni, di gesti, di amori?

Su questo teatro sfatto, indebitato e con le crepe nei muri?

Su queste guance col fard e sui costumi di scena?

Ecco, la notte

quando niente è commercio e tutto è sospeso

quando il fard è rigato da una lacrima timida

quando un velo ricopre la storia puttana,

si interpreta ancora la lontana grandezza

e il teatro risplende di violenta bellezza.

View original post

Nulla da perdere.

Memorabilia

Non ho bisogno di sonno
ma di un sogno che mi tenga sveglia
ché se dormi non lo vivi
ché se lo dici non si avvera.
Vieni più vicino, parlami, mantieni viva
come il deserto la sete
come il piacere la carne
come la notte i poeti.
Stenditi qua, toccami, coglimi l’anima
conteremo le stelle
promettendo di raggiungerle
appena dopo il mare d’illusione.
Oppure dormiremo,
come non avessimo nulla da perdere.

View original post

Uno sfogo, quasi quasi vi direi di non leggerlo.

Memorabilia

Può sembrare strano il pensiero di affidare un momento di sconforto a chi non si conosce. E forse lo è nel mondo del visibile, ma non in quello dell’anima.

Ho capito quello che cercavi di dirmi, sai, anche se sono stata in disaccordo. Tentavo di difendermi dalla paura, ma la verità è che penso di credere nell’amore eterno tanto quanto so che non lo è quasi mai, quindi, al massimo, spero nell’eccezione.

Dovrei raccontare da cosa l’ho capito, ma basterà dire che non ho mai visto i miei genitori felici.

Vorrei sentirmi libera tanto quanto mi sento sicura ad avere tutto sotto controllo, ma quando ti capita di stare male a 19 anni (ovvero poco dopo averla conquistata la libertà), inizi a pensare che non sempre sono le catene a renderti schiava o le possibilità a renderti libera. A volte si tratta solo di non avere scelta.

A 24 anni…

View original post 186 altre parole

Dentro una stanza.

Memorabilia

Un insetto attraversa la stanza

come una fobia attraverso la pelle,

s’infiltra fin dove mi credevo a riparo

da ogni terrore allevato là dentro.

E una paura è come una coperta:

mi scalda nelle notti più fredde,

scatena l’inferno in quelle più calde.

Muore un sorriso

la pace si arrende

a un tarlo che scava dentro i segreti,

si nutre di angosce ma lui non lo sa

credo che presto ne morirà.

La luce filtra dalle persiane

vela i silenzi di tutte le morti

scopre i terrori di chi sa che è vivo.

Io che avevo spruzzato l’insetticida.

View original post

Pace.

Memorabilia

È solo un momento la pacificazione

di tutta una vita si nutre la tensione

se è un istinto la guerra,

è un istinto l’amore.

Tutto nasce e ritorna nel caos indistinto

di un seme, di un bacio,

di una carezza svogliata.

Ci tornerò anch’io, anche tu

persino gli avanzi di noi,

in pasto ai cani del tempo

alla memoria dei luoghi.

Ho un foglio bianco e un rancore

un rigurgito amaro,

vomito disordini seminando affetti

chissà che un giorno non raccolga

soltanto la pace.

View original post

Opinioni Librose blog #storie #libri #romanzi #scrivere #scrittura #self #autoriself

marcoscrive: Scrittura Per Passione

Buongiorno a tutti!

Oggi voglio ringraziare gli amici del Blog  OPINIONI LIBROSE   per lo spazio che mi hanno voluto dedicare segnalando il mio romanzo: In equilibrio sopra la follia002.PNG  Ecco la Segnalazione:

001.PNG

Consiglio a tutti voi di dare un’occhiata a questo interessante blog!

Marco

SE NON LO AVETE ANCORA FATTO, ASCOLTATE ORA LA CANZONE TRATTA DAL MIO RACCONTO “QUEL GIORNO IN CUI FARO’ RITORNO”:

 Finchè ho fiato

 Scritta da Luca Gatti

Ispirata al racconto “Quel giorno in cui farò ritorno”

di Marco Conti

Musiche di Beppe Bornaghi

Video di Marco Conti

In equilibrio sopra la follia

Cover.jpg

Aspettando l’alba

NEW-COVER.jpg

L’anima non si arrende

Copertina

TUTTO QUELLO CHE C’E’ DA SAPERE SU marcoscrive…IN UN CLICK

View original post

“Il conquistatore di Hispaniola” #storie #libri #romanzi #scrivere #scrittura #self #autoriself

marcoscrive: Scrittura Per Passione

Scrivere un romanzo è cosa assai complicata. Una storia qualunque, anche se inventata di sana pianta, deve avere una base di credibilità; chi scrive deve fare in modo che ciò che accade abbia un senso, una pertinenza. Se si scrive un romanzo storico, la difficoltà è doppia. Questa è una delle ragioni per cui ho davvero apprezzato il romanzo di cui vi parlo oggi.

Giovanni Mandruzzato, oltre ad avere una grande passione e innegabili doti di scrittura, ha anche ottime conoscenze storiche e geografiche. Questa combinazione, come una sorta di alchimia, proietta il romanzo a livelli davvero alti. La storia del Duca Francisco de Mendoza, ambientata agli inizi del 500, nasconde fra le sue pieghe mille spunti di riflessione sulla vita, sulle amicizie e perché no anche sul valore della scoperta di nuovi mondi e sull’esperienza dell’esplorazione.

Capture.PNG

Francisco protagonista e trascinatore della storia, è molto ben caratterizzato, come del resto…

View original post 359 altre parole

Semplicemente Dislessia: Storia di una ragazza come me #storie #libri #romanzi #scrivere #scrittura #video #racconti

marcoscrive: Scrittura Per Passione

copertina .jpgNel titolo di questo bel romanzo di Sara Tricoli, c’è il senso del messaggio che questa scrittrice vuole trasmettere. Semplicementedislessia quasi a voler dire che non è da considerarsi una cosa complicata da accettare e la seconda parte: storia di una ragazza come me perché proprio di questo stiamo parlando, di ragazzi normali che vanno solo capiti e incoraggiati. In questo romanzo Sara è riuscita a far emergere attraverso i dialoghi molto frequenti e ben strutturati, le emozioni, le difficoltà e soprattutto le frustrazioni di Clara la protagonista, ma anche degli altri personaggi che con lei condividono un tratto del cammino della vita, quello più difficile: l’adolescenza. Ed è proprio durante un’escursione che Clara tende la mano all’amico Morris che la vuole aiutare nel tratto più difficile, così come deve essere anche nella vita. Senza farne colpa ai genitori che non capiscono e che non sanno come aiutare i figli di fronte alla diagnosi di…

View original post 483 altre parole

Un tuffo nell’anima #storie #libri #romanzi #scrivere #scrittura #video #racconti

marcoscrive: Scrittura Per Passione

“Non è una cosa che accade molto spesso, bisogna ammetterlo, in questo Conti è bravissimo, scrive storie emozionanti che profumano di realtà…”

“Questa storia mi ha lasciato qualcosa dentro”

Queste parole sono tratte dalla recensione de  IN EQUILIBRIO SOPRA LA FOLLIA che il blog IL MONDO DI CRY ha pubblicato. Sono parole che mi danno coraggio, che mi fanno capire che devo andare avanti, che posso scrivere storie appassionanti, interessanti ma soprattutto che lascino qualcosa in chi legge una volta che anche l’ultimo capitolo è terminato.

Capture.PNG

Voglio ringraziare Cristina per questa bellissima recensione e farle i complimenti per il suo BLOG  che vi consiglio di visitare e che già aveva pubblicato la RECENSIONE di ASPETTANDO L’ALBA (che appare ancora con la vecchia copertina) e la RECENSIONE per L’ANIMA NON SI ARRENDE

Ecco la RECENSIONE de IN EQUILIBRIO SOPRA LA FOLLIA

Marco

Il blog marcoscrive ha recentemente iniziato una nuova collaborazione  Capture.PNGcol…

View original post 158 altre parole

Gli effetti chimici della musica nel nostro corpo

Musica e Anima - Lo sconfinato mondo musicale

Nelle nostre conferenze abbiamo spesso parlato dei legami chimici e neurologici che la musica sviluppa dentro di noi

Un articolo approfondisce il rapporto chimico tra la musica, la ricompensa e i meccanismi fisici.

brai

Di seguito ecco un estratto di un articolo che apparve in Trends in Cognitive Science.

Abbiamo trovato prove convincenti che gli interventi musicali possono svolgere un ruolo di assistenza sanitaria in situazioni che vanno dalle sale operatorie alle cliniche familiari “, dice il prof Levitin del Dipartimento di Psicologia della McGill University. “Ma ancora in modo più importante, siamo stati in grado di documentare i meccanismi neurochimici con cui la musica ha un effetto in quattro settori: gestione dell’umore, dello stress, dell’immunità e come aiuto per il legame sociale”.

Prima di quest’articolo, nessuno aveva davvero avuto il tempo di considerare ciò che tutti i nuovi elementi di prova suggerissero.

In effetti, la musica…

View original post 901 altre parole