Il sole al mattino

36589_3800860267319_1451674653_3342208_1060722701_n

Sei come il sole al mattino
ogni volta che mi alzo
il mio primo pensiero sei tu
ogni volta che guardo dalla finestra
il mio sguardo volge a te
sei una cosa intramontabile

dentro il mio cuore
un vento che agita i miei pensieri
di oggi di ieri di tutti i giorni
mi infiammi il cuore mio dolce amore
i tuoi occhi penetrano

dentro il mio animo
come dei raggi di sole
che scaldano i miei sensi e i miei sogni
amore mio sei come una stella
che col suo luccicare illumina
la nostra strada diretta verso l’ amore
sei la mia stessa ombra

che con suo dolce viso
mi accompagna verso la felicità.

A mio fratello.

6448_1136565586988_1612817734_347730_3424673_nFratello

ogni volta che attraversi la stanza

mi si apre il cuore

la mia mente viaggia tra i ricordi

quando giocavamo a pallone

spensierati e felici

sembravamo in volo

come due fenici…

Ora siamo cresciuti

dentro il mio cuore rimangono

quei ricordi pieni d’ amore

sei mio fratello

mi sciogli col tuo calore…

 

ER ROSPO SFIGATO, di Silvia De Angelis

rospo5

Ce sta ‘n’rospo drento ‘n’acquitrino zozzo e mermoso

che je piace de sguazzacce drento

ner crepuscolo quanno er zole sta pe’ sparì der tutto.

E nun je pare vero d’adocchià ‘n’verme conzistente

che je fa’ solleticà er gargarozzo.

Allora s’apposta quatto quatto

e co’ ‘no scatto d ‘a mandibbola

tira fora ‘a lingua biforcuta

pe’ ‘n’ghiottì ‘sta preda golosa

e ‘nvece de godè da matti

‘sto verme maledetto je se mette

de traverzo e je fa rimpiagne

d’avè fatto queo scatto che nun je servito a gnente

TRADUZIONE

IL ROSPO SFORTUNATO

C’è un rospo dentro un acquitrino opaco e melmoso

a cui piace sguazzarvi dentro

al crepuscolo quando il sole sta per scomparire completamente.

E non gli sembra vero di adocchiare un verme consistente

che gli fa solleticare il gargarozzo.

Allora s’apposta silenzioso

e con uno scatto della mandibola

tira fuori la lingua biforcuta

per inghiottire questa preda golosa

e invece di godere tanto

il verme maledetto  gli si mette

di traverso e gli fa rimpiangere

di aver fatto quello scatto che non è servito a niente

@Silvia De Angelis

Momenti di poesia. Sogno, di Anna Giancarlo

Momenti di poesia. Sogno, di Anna Giancarlo

sogno.jpg

Sogno

E’ lontano il di’.
L’umidita’ invade
la notte profonda,
un forte sibilo
arriva improvviso,
il vento spazza via
le nubi che s’erano
addensate.
Sferza con forza
ogni cosa che incontra
sul suo cammino…
Passi affrettati,.
vocii indistinti
in cerca di un
sicuro riparo.
Fra le tue braccia
mi rannicchio
cercando ragion
d’amore e sicurezza
cosi’ non germinano
gli incubi,
cosi’ non penetrano
come lame nella mente.
Tu dormi beato con
un volto angelico e
di nulla t’avvedi ma
le tue braccia dolcemente
m’avvolgono e’
inconsapevole il tuo agire.
Soltanto bellissime
emozioni salgono al cuore,
sento la tua essenza
e bacio le tue calde labbra.
Il vento s’e’ placato,
sorrido e guardo il cielo:
le stelle appaiono come
splendenti diamanti e
sogno…perche’ la vita e’
un sogno che anche di
notte si vive…

Anna Giancarlo

DUE NUOVE PAGINE FB INTERESSANTI, di Roberto Busembai

Ho creato due nuove pagine dal mio profilo FB, dopo una ponderata ricerca interiore , perchè sono due pagine che a prima vista potrebbero sembrare agli antipodi come tematica e come pensiero, ma se si analizzano sotto certi aspetti che non siano quelli “a prima vista”, sono due pagine somiglianti e per certi versi quasi comuni.

66482434_334755444142964_1744193911192027136_n

La prima ” Fabulae e Fiabe” riguarda tutto il mondo delle fiabe, favole e racconti antiche e moderne, che ampliano un vasto interesse non solo ai ragazzi , come potrebbe sembrare, ma anche e soprattutto agli adulti, perchè queste “favole ” possono ancora insegnare.

L’altra pagina “Il libro” è una mia rivisitazione del libro della Bibbia, soprattutto del Vecchio Testamento, una rivisitazione che non vuole assolutamente interferire, ne giudicare, ne insegnare, ma soltanto aiutare a capire, a facilitare alcune parti di questo libro mondiale, che oltre ad essere un libro sacro per la religione cristiana, è anche un libro per chi non ha fede e per chi non pratica quel tipo di religione. La bibbia è una “favola” di vita e di amore che ognuno dovrebbe conoscere e scoprire.

Un giorno, trovandomi a far compagnia a un gruppo di anziani, volontariamente, che si trovavano in un centro di soccorso pubblico, proposi loro se nei giorni che io mi trovavo presso di loro, avessero gradito che gli leggessi qualche cosa, tanto per passare il tempo diversamente e trovare magari sbocchi per parlare insieme.

Meravigliosamente, risposero soddisfatti di si, anzi alcuni mi parvero quasi eccitati dall’idea, e quando chiesi cosa avrebbero gradito che gli leggessi, non mi sarei immaginato che insieme e quasi fossero stati d’accordo, risposero: “La Bibbia”. Continua a leggere “DUE NUOVE PAGINE FB INTERESSANTI, di Roberto Busembai”

Momenti di poesia. DOMANI, di Gregorio Asero

Momenti di poesia. DOMANI, di Gregorio Asero

DOMANI

Domani forse ucciderò mio fratello.
E quando finalmente sarà nudo
e senza più odio, ne amore,
riuscirò a prendergli le mani
e a batterle come fanno i mercanti
quando vendono la loro falsa merce.

Io vedo la mia disperazione,
essa sarà l’ultimo canto
di questa sfida a oltranza,
e il poema che io canto,
avrà il pensiero della passione
che brucia come fuoco
la mia tormentata anima,
e la sua ira spingerà la mia coscienza
verso il mondo finito.

Ecco,
il sole come un vulcano perenne
mi porge la lama,
e mi chiede ch’io non sia più un vile.

Oh donna che hai capito!
Quando ti parlai di mio fratello
non vedesti che mi parlavo allo specchio?

Non vedesti
che mentre urlavi
che non ti diedi amore
io ti amavo?

Era un amore diverso
per gente folle.
Non mi accorsi che tu non sei folle.
Forse sei solo speciale.
.
da “POESIE SPARSE”
di Gregorio Asero
copyright legge 22 aprile 1941 n. 633

Rassegna teatrale estiva di “Borgo del Teatro “, di Lia Tommi

Alessandria today @ Web Media Network - Pier Carlo Lava

Borgo del Teatro: il primo spettacolo della rassegna estiva

L’Associazione BlogAL, con il contributo della Fondazione SociAL e in collaborazione con La Compagnia Gli Illegali e il Chiostro Hostel and Hotel, propone la rassegna teatrale estiva di “Borgo del teatro”, che si svolgerà da giugno a settembre 2019 nel cortile del Chiostro di Santa Maria di Castello.

Dopo l’esperienza della rassegna invernale che ha visto la collaborazione entusiasta da parte di attività imprenditoriali e associazionistiche del quartiere, ripartono gli appuntamenti della rassegna teatrale: il primo appuntamento è sabato 22 giugno 2019 con lo spettacolo “Dentro le emozioni!”, con l’Associazione Centro Down Alessandria. Le acconciature dello spettacolo saranno curate dalle allieve del percorso Operatore del benessere – Acconciatura, 2^ annualità dell’ente di formazione professionale Enaip – Alessandria.

Programma della Rassegna nella foto.

View original post

Il Bradipo e la Carpa, di Lia Tommi

Venerdì 19 luglio 2019
ore 21.30
Chiostro di Santa Maria di Castello,
Piazza Santa Maria di Castello 14, Alessandria

Compagnia Carnevale
“Il Bradipo e la Carpa”
una storia di sport e amicizia

drammaturgia e regia di Antonio Carnevale
con Antonio Carnevale e Riccardo Stincone
adattamento per la scena di Due Eroi in Panchina
di Roberto Quartarone edito da InContropiede.

Premio miglior drammaturgia Settimia Spizzichino e gli Anni Rubati
Premio miglior interpretazione ConCorto 2018
Finalista al Minimo Teatro Festival 2018
Finalista al Palio Poetico Musicale Ermo Colle 2018

INGRESSO UNICO 8 EURO

“Il Bradipo e la Carpa”, nuova produzione di Compagnia Carnevale, sarà in scena ad Alessandria, dopo essere stata presentata in diverse rassegne e festival nazionali, venerdì 19 luglio alle ore 21.30 nell’ambito della rassegna “Borgo del Teatro, collezione estate – autunno” organizzata dall’Associazione BlogAL con il contributo di Fondazione SociAL, presso il cortile del Chiostro di Santa Maria di Castello, Piazza Santa Maria di Castello 14, Alessandria.
Lo spettacolo – adattamento per la scena del volume di Roberto Quartarone “Due Eroi in Panchina” edito da InContropiede – è il racconto dell’amicizia tra i due allenatori ungheresi Istvan Tóth e Géza Kertész. Sullo sfondo i campi di calcio italiani degli anni ’30 – che i due hanno rivoluzionato con le loro idee (Istvan Tóth è stato anche allenatore dell’Ambrosiana Inter) – e la città di Budapest, coinvolta nelle vicende della Seconda Guerra Mondiale. I due amici si raccontano, e raccontano senza risparmiare ironia e sarcasmo, gli avvenimenti più felici della loro vita, in un crescendo che mette insieme il calcio, l’amore, la bellezza delle città italiane (Catania e Trieste in particolare), fino alla tragedia e al delirio degli ultimi anni della seconda guerra mondiale. Attraverso l’utilizzo dei differenti registri del comico e del tragico,” i due eroi” fanno divertire e commuovere; Géza e István, attraverso quella che appare una chiacchierata informale, accompagnano gli spettatori alla scoperta dei loro successi e della storia di due uomini che hanno dedicato tutta la vita alla propria passione, il calcio, fino all’ultimo istante.

Compagnia Carnevale
Compagnia Carnevale nasce nel gennaio 2016 con la prima produzione Arlecchino trasformato dall’Amore, opera francese dell’autore Marivaux, presentato all’interno di “Milano in Commedia 2016”, festival organizzato dalla stessa Compagnia Carnevale e patrocinato del Comune di Milano e da La Triennale di Milano. Nel maggio 2016, all’interno della X edizione di “A Maggio A Baggio”, debutta lo spettacolo animazione Le Belle Favole, ispirato alle favole di Gozzano, Rodari, Calvino e La Fontaine, nato con il desiderio di far conoscere i grandi classici della letteratura europea ai più piccoli. La compagnia collabora con numerose associazioni e realtà del territorio nazionale e internazionale (Francia, Belgio, Polonia), scuole, pubbliche amministrazioni, centri culturali. La Compagnia Carnevale si occupa inoltre di teatro contemporaneo e di nuova drammaturgia. Nel 2017 è l’anno di Tra’ti avante, Alichino e della partecipazione al Ravenna Festival con lo spettacolo Ricorditi di me, che son la Pia selezionato nell’ambito del bando “Giovani Artisti per Dante” in collaborazione con la Società Dante Alighieri. Nel 2018 debutta Il Bradipo e la Carpa (finalista Minimo Teatro Festival 2018, XVII Palio Ermo Colle, migliore drammaturgia Premio Settimina Spizzichino, migliore interpretazione ConCorto) adattamento per la scena del volume Due eroi in panchina di Roberto Quartarone edito da “inContropiede” e il monologo al femminile, Mirandolina.

Ingresso unico 8 euro
Per informazioni e prenotazioni
On line: http://www.illegali.it/prenota
Telefono: 335 1340361
Email: info@illegali.it

Compagnia Carnevale
Organizzazione e Ufficio Stampa
Maria Claudia Trovato +39. 348 0129127
compagniacarnevale@gmail.com
http://www.compagniacarnevale.com

Momenti di poesia. Chicchi chiari, chicchi verdi, di Daniela Cobaich Mascaretti

Momenti di poesia. Chicchi chiari, chicchi verdi, di Daniela Cobaich Mascaretti

Chicchi chiari.jpg

Chicchi chiari, chicchi verdi
illumina il sole…
Mani assetate di bellezza
si allungano verso quel nuovo giocattolo,
un grappolo d’uva!
Sospeso sull’abisso affonda rapido
il pensiero e afferra tracce galleggianti.
Bambola afflosciata, rimessa in piedi,
cade più volte nell’assurdo processo,
un ritornello triste, una canzone scritta più volte.
Nascondo il segreto, mi fermo…io posso
fermare l’attimo.
Resta il sapore di quell’acino croccante
spezzato con i denti…il succo dolce
sulla lingua assaporato come una fiaba…
Un risarcimento…?
O strana notte…qualcosa torna da laggiù…
Una bambina con il mio grappolo d’oro…
L’abbraccio…e si ferma il nostro pianto
come una pioggia d’estate…
Insieme ce ne andiamo.

Daniela Cobaich Mascaretti

Momenti di poesia. Innamorarmi, di Rossana Angeli

Momenti di poesia. Innamorarmi, di Rossana Angeli

Innamorarmi.jpg

Raccolgo un bagliore infinito
tra le mani, che cercano
di ridarmi tutto quello che ho perso
e, stando in silenzio
al mattino tra le lenzuola,
il mondo si accende di poesia.

In questo preciso istante
il mondo é qui, fra la pace
della luce che filtra leggera
dalle persiane
per non distubare troppo
i miei occhi, che raccontano
la voglia d’innamorarmi
ancora della vita.

Il poeta di Michael Connelly, recensione di Cristina Saracano

Il poeta

La storia di Jack McEvoy, reporter di cronaca nera, abituato a scrivere sulla morte.

Questa volta, però, la morte gli porta una storia davvero dura da scrivere, densa di un mistero che deve risolvere a ogni costo per vendicare suo fratello.

Un assassino a piede libero si diverte a uccidere firmandosi con frasi del poeta Edgar Allan Poe.

La storia si snoda in quasi cinquecento pagine che scivolano via senza fatica, catturati dalla scrittura mozzafiato e simile a una sceneggiatura di Michael Connelly: dialoghi, descrizioni di luoghi e personaggi e colpi di scena si susseguono in maniera inaspettata e perfetta coinvolgendo il lettore.

Il caso coinvolge immediatamente l’FBI, i media, tocca una nota dolente come la pedofilia: bambini e poliziotti, nell’arco di poco tempo si sono ritrovati senza vita, coi volti sfigurati e altre terribili mutilazioni ad opera del “Poeta.”

Quando ormai tutto sembra riportare gli uomini della giustizia sulla sue tracce, grazie a un piccolo dettaglio notato da Jack, il caso si rimette in discussione.

Per smascherare “Il poeta” occorrono sangue freddo, determinazione, nessun passo falso e molta astuzia.

Jack, divenuto fido collaboratore della polizia, possiede tutto ciò, talvolta, forse anche eccessivamente, anche dubitando di qualcuno a lui molto caro…

Sete di giustizia, amore e passione si legano perfettamente durante tutto il corso del romanzo.

Michael Connelly, ex giornalista di cronaca nera del “Los Angeles Times”, grande maestro del thriller, ha ricevuto nel 2000 il premio Bancarella con “Il ragno”. Ha pubblicato, inoltre, “Vuoto di luna”, Ghiaccio nero”, “Il buio oltre la notte”, “La bionda di cemento”.

Cena in Bianco a Castelletto Monferrato, di Lia Tommi

CENA IN BIANCO A CASTELLETTO MONFERRATO
SABATO 20 LUGLIO

Il Comune e la Pro Loco di Castelletto Monferrato, in collaborazione con il network BNI Capitolo Marengo di Alessandria e l’associazione Il Porcospino, organizzano la prima Cena in Bianco che si terrà a Castelletto Monferrato sabato 20 luglio, in piazza Astori.

La formula è quella ormai collaudata delle cene in bianco: il comune mette a disposizione tavoli e sedie, i partecipanti si occupano dell’addobbo del tavolo, delle stoviglie e dell’abbigliamento personale, tutti rigorosamente bianchi, e portano il cibo per i commensali del loro tavolo.
Per chi volesse dedicarsi ai soli addobbi e non al cibo sarà possibile prenotare la cena, entro il 15 luglio, alla mail spoonservicessrl@gmail.com lasciando i propri recapiti.
Fondata nel 1985, BNI® è l’organizzazione di scambio referenze più vasta e di successo a livello mondiale. I Membri sono professionisti e imprenditori che si aiutano reciprocamente ad aumentare il proprio giro d’affari grazie al Givers Gain® (chi dà riceve).
La manifestazione è dedicata alla scuola di Castelletto Monferrato, tramite Business Voices, l’iniziativa no-profit di BNI Foundation che ha l’obiettivo di aiutare, in tutto il mondo, i giovani d’oggi a diventare gli imprenditori di domani. Per la partecipazione alla serata è richiesta una donazione minima di 10 € a persona, con il ricavato verranno finanziati lavori di manutenzione dei locali scolastici.
Durante la serata è previsto intrattenimento per i più piccoli, musica e uno spettacolo di danza.
Dalle 18,30 sarà possibile accedere a Piazza Astori per l’allestimento dei tavoli.
Non resta che sbizzarrirsi nella scelta degli addobbi e degli abiti, perché durante la serata sarà presente una giuria che premierà il tavolo più bello.
L’iniziativa è sostenuta dal Centro Servizi Volontariato Asti e Alessandria.
Per prenotazioni tavoli:
Cecilia Melhem 335 140 9226
Daniela Faletti 333 287 9273
Gabriella Camurati 339 470 3096
Gianluca Colletti 338 452 7388

ARAL spa ammessa alla Procedura di Concordato Preventivo, di Lia Tommi

Alessandria today @ Web Media Network - Pier Carlo Lava

ARAL spa ammessa alla Procedura di Concordato Preventivo

Il Tribunale di Alessandria, con decreto emesso in data 4 luglio 2019, ha ammesso la società ARAL spa alla procedura per concordato preventivo in continuità aziendale diretta, ritenendo il piano concordatario presentato attuabile nei termini e con le modalità proposte.
L’udienza per la convocazione dei creditori ed il relativo voto è stata fissata per il prossimo 29 novembre 2019.
“A nome del Sindaco e di tutta la Giunta Comunale esprimo il mio ringraziamento ai vertici aziendali, agli advisor e a tutti i dipendenti dell’azienda che con il loro lavoro ci hanno consentito di conseguire questo risultato importante non solo per l’amministrazione comunale, ma per la tutta la cittadinanza per le ricadute che può avere – ha commentato l’assessore all’Ambiente del Comune di Alessandria, Paolo Borasio -. Ringrazio, in particolare, il presidente, Angelo Marengo, che da quando ha preso in mano la gestione…

View original post 104 altre parole

Fallimento ATM Alessandria: le dichiarazioni del Sindaco Cabella, di Lia Tommi

FALLIMENTO ATM ALESSANDRIA
Dichiarazione del Sindaco di Novi Ligure Cabella

“Al fine di chiarire la mia posizione riguardo alle notizie di stampa recentemente apparse circa il fallimento dell’ATM di Alessandria, preciso di% aver ricoperto la funzione di Presidente del Consiglio di Amministrazione dell’azienda stessa dal 2011 ai primi di marzo del 2013.

In tale periodo ho sempre manifestato, con tutta la forza possibile, all’azionista di riferimento (Comune di Alessandria) lo stato della situazione finanziaria deficitaria di liquidità per i mancati pagamenti, da parte dello stesso socio, degli oneri derivanti dai regolari contratti di servizio in essere: per il trasporto in tutte le sue forme, il controllo della sosta e la gestione della segnaletica per conto del Comune.

Nonostante tale situazione determinata dal socio proprietario, con il valido aiuto del Consiglio di Amministrazione sono riuscito a contrarre i costi di gestione, tanto da chiudere in pareggio il conto economico per l’esercizio 2011; d’altronde l’imperativo dell’Azienda è sempre stato quello di garantire la continuità di un servizio pubblico essenziale per la città.
Nelle stesse azioni di contenimento, tra l’altro, ho chiuso gli uffici situati nel parcheggio di Via Parma, affidato all’azienda dal Comune, troppo onerosi per i costi di manutenzione, disponendo il trasferimento del gruppo degli ausiliari del traffico presso i locali di Lungo Tanaro Magenta, sede ufficiale dell’Azienda.

Dopo il dissesto dichiarato dall’Amministrazione Comunale di Alessandria, le mie iniziative furono sempre rivolte al mantenimento degli ingenti crediti vantati nei confronti del socio proprietario, al fine di salvaguardare l’integrità del patrimonio aziendale, fino a quando tutto il Consiglio di Amministrazione fu sostituito per scadenza imminente del mandato. “

Novi: presentato il programma di mandato, di Lia Tommi

NOVI LIGURE: CONSIGLIO COMUNALE DEL 10 LUGLIO 2019
Presentato il programma di mandato
Costituite le quattro Commissioni consiliari permanenti

Il Consiglio comunale tenutosi mercoledì 10 luglio 2019, si è aperto con una comunicazione con la quale il Sindaco, Gian Paolo Cabella, ha informato l’Assemblea di aver attribuito deleghe informali a tre Consiglieri: Francesca Chessa (sanità), Eleonora Gatti (pari opportunità e volontariato), Edoardo Moncalvo (progetti europei, lavoro e politiche giovanili). Le deleghe hanno ad oggetto lo svolgimento di approfondimenti con ruolo propositivo e di consulenza per l’esercizio diretto delle funzioni da parte degli organi comunali, in particolare del Sindaco e della Giunta comunale.

Subito dopo ha preso la parola il Consigliere Rocchino Muliere per chiedere al Sindaco informazioni in merito a due questioni di grande rilevanza per la città, vale a dire la situazione dell’ex Ilva e gli sviluppi del caso Pernigotti dopo l’annuncio dell’interruzione della trattativa per la cessione del ramo aziendale dei preparati per gelato. A questo proposito Cabella ha risposto che è sua intenzione incontrare a breve il responsabile dello stabilimento siderurgico novese, mentre per la Pernigotti si attende l’esito del tavolo convocato dal Ministero per lo sviluppo economico che si terrà a Roma il prossimo 17 luglio e al quale il Sindaco parteciperà.

Il Primo Cittadino ha poi illustrato il programma amministrativo di mandato attraverso una relazione il cui testo integrale è allegato al presente comunicato. La discussione in Aula è prevista in una prossima seduta del Consiglio che, come da regolamento, sarà convocata entro 30 giorni. Continua a leggere “Novi: presentato il programma di mandato, di Lia Tommi”

Un attimo di poesia. Cesare Moceo

Un attimo di poesia. Cesare Moceo

Buon giorno a tutti. ..

Signore,Ti prego,dammi tempo

Fugace chiasso di gente allegra

vedo frecciare
sulle candide piste della vita

tramonti che nei giorni

si spostano ancora più in là
ad arrancare negli anni

Languido e privo forze

ma pervaso ancora da ardenti desideri
anche se scherniti e umiliati

assorbo ceffoni ben assestati

a dar continuo fiato agl’inchiostri

e far fiorire emozioni mature
da acerbi sentimenti

E lascio che il mondo
parli e sparli a piacere

nel suo inventare
imbrogli con punteruoli ricurvi

appellativi abbelliti con fronzoli
da lingue biforcute sempre pronte

a finanziare trame
di romanzi da collezione

vuoti e senza alcun spessore

infondere asperità e odi negli animi

e disputare nei cuori
insistenze irriducibili e veementi
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Un attimo di poesia. La Musica, di Renato Papaccio

Un attimo di poesia. La Musica, di Renato Papaccio

La musica.jpg

La Musica

Prima che torni nuovamente
la sera,facciamo partire
quella nostra musica
che incanta il cuore.

Quelle note melodiose
nascoste in quei sentimenti
veri ,profondi ,armoniosi
ricchi d’amore

Quella musica e tu lo sai bene ,
si suona a due mani
quelle dolci mani non ti lasciano
mai

Nella nostra vita , quell’armonia
ci dona l’amore che non sappiamo
esprimere
Dobbiamo sentirla nostra,coglierla
a volo

La musica unise due cuori
in una sola anima
Amore

Renato Papaccio

Un attimo di poesia. Innamorato della mia vecchiaia, di Cesare Moceo

Un attimo di poesia. Innamorato della mia vecchiaia, di Cesare Moceo

Vorrei veder il mio inverno…

“…mostrerei agli uomini quanto sbagliano quando pensano di smettere di innamorarsi man mano che invecchiano, non sapendo che invecchiano quando smettono di innamorarsi.”
(Gabriel Garcìa Marquez)

Innamorato della mia vecchiaia

nell’immagine riflessa
del mio caos interiore

resto consapevole del mio egoismo

di rallegrarmi del destino
d’essere stato “il prescelto”

E mi piace tener in conto
la pace del tempo a venire

adesso

che sono ancora cosparso di “luce”
e posso lottare ad armi pari

col questo terribile nemico
che vorrebbe imprigionarmi

assecondandone col cuore l’ostinato abbraccio

nell’affettuosa speranza
di poterne scoprire le vulnerabilità
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

L’avvio del progetto “Alessandria Città Normale”, di Lia Tommi

L’avvio del progetto “Alessandria Città Normale”

Ha preso ufficialmente avvio questa mattina il progetto “Alessandria Città Normale”: un progetto il cui titolo – che fa esplicito riferimento alla “normalità” – nasconde in realtà una serie di azioni particolarmente interessanti e significative.

Di che si tratta?
«L’obiettivo – dichiara il Sindaco Gianfranco Cuttica di Revigliasco – è quello di rendere il “verde” di Alessandria una dimensione sempre più curata, una realtà bella da vedere nonché una componente importante che può effettivamente contribuire alla valorizzazione della qualità complessiva della vita cittadina».
Il progetto “Alessandria Città Normale” è stato ideato e viene promosso dall’Amministrazione Comunale, insieme all’Associazione RNA-Natura & Ragazzi, alla Associazione di Promozione Sociale Social Domus e al Consorzio ABC Società Cooperativa Sociale (Enti, questi ultimi due, che si occupano della gestione delle persone richiedenti asilo).
Trattandosi di “verde” non poteva mancare il supporto operativo del Giardino Botanico “Dina Bellotti” di via Monteverde: la struttura comunale (posta sotto l’Assessorato Comunale al Verde Pubblico) che, nel progetto, ha fornito utili elementi di un percorso formativo ad hoc rivolto alle persone direttamente coinvolte in “Alessandria Città Normale”.
Previo accordo con Social Domus e Consorzio ABC, sono stati infatti individuati alcuni giovani richiedenti asilo africani (provenienti da Nigeria, Mali e Tunisia) che per due mesi hanno svolto, su base volontaria, un corso di formazione di n. 50 ore presso il Giardino Botanico Comunale finalizzato ad apprendere le necessarie competenze per gestire – non solo mediante accurata pulizia, ma anche mediante le più appropriate tecniche di potatura – le circa 370 fioriere e aree verdi con cespugli presenti ad Alessandria sul suolo pubblico.
Questa mattina le due squadre operative formate hanno ufficialmente avviato la fase di concretizzazione del progetto. Continua a leggere “L’avvio del progetto “Alessandria Città Normale”, di Lia Tommi”

“Nulla è eterno” , di Lia Tommi

Mercoledì 17 luglio 2019 alle ore 18,00 presso

BIO CAFÈ Via dell’Erba, 12 – Alessandria Tel. 0131-262932
si terrà l’inaugurazione della mostra fotografica
“NULLA È ETERNO ”
di Mario MARCHESINI
Progetto ARTE DIFFUSA

Fabrizio PRIANO
Presidente dell’Associazione Culturale Libera Mente-Laboratorio di idee commenta:
“Con la mostra dedicata al Fotografo Mario MARCHESINI proseguono gli appuntamenti del Progetto ARTE DIFFUSA, eventi dedicati all’Arte presso alcuni locali della nostra Città. Mario MARCHESINI, grande appassionato di fotografia fin dall’infanzia, regala testimonianze del proprio tempo attraverso immagini in cui si fondono passione e grande tecnica.”

Mario MARCHESINI nasce a L’Aia (Olanda) il 19.06.1955 da genitori bolognesi.
Nel 1975 si è trasferito a Bologna dove ha conseguito la laurea (medico chirurgo, dentista, ortodonzia). Lo stimolo ad usare la macchina fotografica gli viene dato anche dal fatto che i suoi compagni (in classe erano solo in due a recarsi all’estero per le ferie) al ritorno dalla vacanza estiva gli chiedevano che cosa avesse visto durante il viaggio in auto per l’Italia.
La sua prima macchina fotografica è stata una Diana (made in Cina) completamente, obiettivo compreso, di plastica. Più avanti, invece di acquistare il classico motorino, si compra una Asahi Pentax Spotmatic 1 tramite la quale riesce a fare foto di ottima qualità, che vengono anche pubblicate.
Purtroppo durante il rimpatrio nel 1975, tanti negativi /pubblicazioni vanno persi.
Si salvano, però, le foto incollate nei classici album.
Invece di trascorrere la maggior parte del tempo libero presso il solito Bar Sport, cinema, ecc. nel poco tempo a disposizione Mario frequenta la casa del rinomato fotoreporter Franco Zagari con il quale si reca ai vari eventi motoristici, tra i quali quelli tenuti a Imola, a Mugello e a Monza.
Tra le varie pubblicazioni sono da citare ad esempio la fotocopertina della autobiografia “Niki Lauda, i miei anni con Ferrari” e foto contenute nel libro “il Gran Premio d’Italia (1921-1989)”. Vincitore di vari premi internazionali.
Come dice lui stesso “a tutt’oggi lo stimolo di scattare foto è paragonabile a ciò che rappresenta la sigaretta per il fumatore “.

Un attimo di poesia. Perdersi e ritrovarsi, di Anna Giancarlo

Un attimo di poesia. Perdersi e ritrovarsi, di Anna Giancarlo

perdersi.jpg

Perdersi e ritrovarsi

E ci perdiamo
per la via dell’impossibile,
per la via del tempo che
inesorabilmente passa
e non s’arresta.
Ignavia e’ la mancanza,
mancanza dell’essere…
Intorno c’e’ un universo
di splendore ma non
lo coglie lo sguardo
dell’anima…
Imperterriti e stremati
percorriamo quella via,
dove comprendere
diventa arduo…
Un attimo soltanto,
un attimo di pausa
ed ecco le emozioni,
i sentimenti
E’ sottile il confine.
Soltanto nel silenzio
ritroviamo noi stessi,
scrutiamo l’intelletto,
interroghiamo il cuore
e nella sospensione di
un sospiro ecco la vita
ecco l’amore….

Anna Giancarlo

Un attimo di poesia. IL SOGNO DELL’ERBA BIONDA, di Mariangela Ottonello Matteo Vigo

Un attimo di poesia. IL SOGNO DELL’ERBA BIONDA, di Mariangela Ottonello Matteo Vigo

l sogno.jpg

IL SOGNO DELL’ERBA BIONDA

Priva di vita, ormai inaridita,
l’erba bionda sfiorisce.

Oscilla al vento
come inanimata
e asciutta è la sua voce.

Eppure si erge fiera
nel momento
del suo morire.
Il suo sogno non è
finito ancora.

Nuova vita verrà
da chi ha saputo
nei verdi anni
spargere il suo seme.

Mariangela Ottonello

Un attimo di poesia. LA GABBIA, di Anna De Filpo

Un attimo di poesia. LA GABBIA, di Anna De Filpo

la gabbia.jpg

LA GABBIA

Ho una sola vita!
Spesso me lo ripeto
e piu’ della meta’ e’ vissuta.
Una sola vita, ora,
tuona di rabbia la gabbia!
Prima, spesso non c’ ero,
rincorrevo miraggi!
Ora che tutto e’ forte, ma vero,
saprei che cosa fare,
eppure vince il tempo,
mi blocca le certezze tra le mani.
Una sola vita!
E metto a punto circostanze,
leggo la traiettoria
del bene e del male!
Sto qui come le foglie.
Sibila in forza il vento,
tutto procede piano!

DIRITTI RISERVATI, Anna DE FILPO

@ COPYRIGHT. 13/07/2019. PHOTOWEB.

Momenti di poesia – T’immagino, di Paola Cingolani

T’immagino _ a volte _ e
in ognuna di queste
riesco persino a sentirti
quasi la pelle potesse trasformarsi
perdendo tutti i suoi limiti corporei
allargandosi a dismisura
raggiungendo la tua

per poi diventare
gli uomini
le donne
il mondo _ intero _
nella sua essenza sublime

la mia mente _ un museo _
conserva opere d’arte
che non hai visto ancora

ma come faccio _ io _
a farmi cielo
da sola?

io e il mare
  Poetry & Ph @lementelettriche 14/07/2019

Un attimo di poesia. Forse poesie… di Dario Menicucci

Un attimo di poesia. Forse poesie… di Dario Menicucci

forse poesie.jpg

Forse poesie… (La liseuse di Renoir)

Assorta
sorridi libera da vincoli,
giochi coi sogni,
li afferri.

Corri
lontana dagli affanni
rapita
da dolcissime emozioni.

Forse poesie
lievi sussurrano
sopra l’inchiostro
di quelle pagine.

Perché è magia
nel tuo sorriso,
in quella luce
che ti accarezza.

Per mano
ai tuoi pensieri
aleggiano nell’aria
piroette di parole

Dario Menicucci

Un attimo di poesia. UNA FOTO, di Sabrina Ferri

Un attimo di poesia. UNA FOTO, di Sabrina Ferri

UNA FOTO

Quella faccia di donna gli sorride

quando la tira fuori per guardarla.

‘Cosa la porto a fare?’ si domanda.

‘L’aspetto è sempre quello da tanti anni

nel tipico sorriso di chi posa.

Non è invecchiata, è bella come allora

quando m’innamorava il contemplarla’.

Associa a quell’immagine i momenti

d’estasi e di tripudio ai primi tempi

e, al par di lei, sorridere gli viene.

Però il prosieguo corre nella mente

di quella storia morta e ormai sepolta,

e ogni piacevolezza è cancellata.

Aveva dei difetti quell’amore.

Quell’immagine è solo un atteggiarsi

durevole pochissimo nel tempo,

il tempo d’uno scatto e poi dilegua

con le vicende che la vita accampa.

Le labbra, sì radiose sulle carta,

congelate in eterno, nel reäle

arrecavan lamenti ed improperi.

Ma il passato è ormai storia, non s’annulla,

e un ricordo, pur tale, non si storna.

Rimirata, la foto in tasca torna.

Sabrina Ferri

Un attimo di poesia. Cielo blu notte, di Ela Gentile

Un attimo di poesia. Cielo blu notte, di Ela Gentile

cielo

Cielo blu notte

L’aria è dolce qui fuori,

stupendo il panorama

incanta lo sguardo

e affascina il cuore.

Magiche luci colorate

illuminano un presepe vivente,

meraviglia per gli occhi

incanto per l’anima.

Sento il tuo respiro,

m’accorgo della tua presenza

alle mie spalle,

poi le tue mani mi stringono.

Per un attimo non ho nostalgia,

sei al mio fianco,

affacciato con me a respirare

l’abbraccio della luna.

Non mi lasci da sola,

in quest’ora di notte,

quando graffi e carezze

danno vita ai ricordi.

Siamo parte dell’universo

in un cielo blu notte,

due atomi dispersi

tra un fulmine e una nuvola grigia.

eg

Un attimo di poesia. S’arresta, di Vittorio Zingone

Un attimo di poesia. S’arresta, di Vittorio Zingone

S’arresta

S’arresta il cuore di battere,
A sera,
Dinanzi a innumeri stelle
Oltre cui invano si cela
Il divino Fattore del mondo.

L’azzurra distesa di nulla
Mi coinvolge in un grande disegno
Che travalica la fantasia
di uomini e donne.

Pure il Signore che imploro
Impregna di sé la mia anima
E mi trae in dimensioni propizie
Allo stato ancestrale di grazia.

Un attimo di poesia. CORPI, di Daniela Cobaich Mascaretti

Un attimo di poesia. CORPI, di Daniela Cobaich Mascaretti

corpi.jpg

CORPI

E quando spuntava l’alba
il corpo della donna al mio fianco
premeva leggero
nel riso di giovinezza
la seta della pelle nel cielo chiaro

Daniela Cobaich Mascaretti

BODIES

And when down came
the woman’s body is by my side
pressing lightly
in laughter of youth
the silk of the skin in the clear sky

Un attimo di poesia. DARSI, di Roberto Bontempi

Un attimo di poesia. DARSI, di Roberto Bontempi

DARSI

Domandarsi se si ama a sufficienza

chi vive la tua vita, e se fai tutto

per darle (o dargli) più di quel che occorre,

credo sia doveroso e intelligente

in un rapporto dove amarsi è tutto.

Se c’è corrispondenza negli affetti

la tua felicità rende felice

e quel che doni sempre ti ritorna.

Prodigarsi in amor, mai risparmiarsi,

mai coccole e riguardi siano scarsi!

Roberto Bontempi