Nella penombra astrusa

carpisce aliti d’esoterismo

a vanto di presagire segreti e malìe

la cartomante

Adopra tonalità offuscate

elabora mistici portenti

nello stupore della platea muta

ad amplessi ibridi

scivolati sull’umore delle tempie

Allegorie distorte assemblano

traiettorie di pensieri velati d’occulto

nelle lingue infuocate

Mordono setosi riti magici

nella bocca vorace

avida d’un bacio di pura follia

riflessa su sillabe nel fruscìo di velluto…

@Silvia De Angelis