Napoli ieri oggi e domani

Perché sui
vini c’è solo il luogo di produzione, mai la provincia?

Sull’etichetta di un vino è obbligatorio indicare
volume, imbottigliatore, gradazione, alcool effettivo, sede di produzione (se
il vino è Doc) o di imbottigliamento (negli altri vini).

Bisogna però indicare solo il Comune (o la frazione) e
lo Stato, mentre è vietato indicare la provincia. L’etichettatura dei vini è
regolata da una normativa europea, nata dall’esigenza di uniformare il tipo
d’informazione fornita, in modo che sia identica in tutti gli Stati comunitari.

Amministrativamente infatti, le province sono in
Italia, mentre in Francia ci sono i départements e in Inghilterra le county.

In realtà in Italia la sigla della provincia viene
riportata, ma la si trova accanto al numero del registro di imbottigliamento,
assegnato ad ogni produttore dall’Istituto Repressione Frodi, sulla capsula, in
alluminio, stagno o plastica, che avvolge il tappo.

View original post