SPORE POETICHE

Perforata

la luna
argentea

trivellata da

spaghi
solari.

Immobile. Muta.

Perforato

il cranio.
Sguazza

la materia
grigia. Un’altra

giornata,
immersa

nella tediosa calotta cranica.

Nella tazza
di caffè

intingo il
cervelletto

croccante e
friabile

al palato.
Spirali

fumose
fragranti lunari

annebbiano la vista.

Perforati

i lobi temporali. Autunnali

sorrisi scortano l’inverno.


Le mie poesie potete trovarle QUI

View original post