Migrante, di Ines Favorita

poesia sul fenomeno dell’immigrazione

poesia
Migrazione

 

Ah ssa terra mijia!
Na vota l’hajiu abbandunata
signu partuta ppi na terra stranira
ppi circari nu pocu i furtuna.
Nu grandi pajisi ca chiamanu Roma
mindi signu nnammurata
ma sempri a ttijia Calabbria mijia
avìjia ‘ntru cori
u mari e u suli dintru chist’ucchji.
Nun ti putivu scurdani
a nustalgia eradi forti e signu turnata.
Ma quanti cosi sunu cangiati
i viji e lla ggenti nun sunu cchjiu ugguali
l’ammici e i parinti si sunu ammucciati
‘ntra viculi e stirri ppi nun si fani truvani.
Ma risti tuni ohi terra mijia!
I campi spogli, u suli e u mari!

Migrante
Ah questa mia terra!
Una volta l’ho abbandonata
sono partita per  terra straniera
in cerca di un poco di fortuna.
Un grande paese che chiamano Roma
e me ne sono innamorata
ma sempre a te Calabria mia
avevo nel cuore
il mare e il sole dentro i miei occhi.
Non potevo dimenticarti
la nostalgia era forte e sono tornata.
Ma quante cose sono cambiate
le vie e le genti non sono più uguali
gli amici e i parenti si sono nascosti
nelle vie buie e nei vichi stretti.
Ma resti tu oh terra mia!
I campi spogli, il sole e il mare!

@inesfavorita18luglio2019

Ho voluto condividere la poesia con voi, in anteprima (programmata sulla mia pagina Facebook per il 25 luglio) per ringraziare Pier Carlo Lava del suo invito a far parte del suo team. Grazie di cuore

Mes pensées s’envolent vers vous

Les pérégrinations de Liondors

amitie virtuelMes pensées s’envolent vers vous, oui vous, devant votre écran à ce moment précis ou vous lisez mes mots,  je serais dans vos pensées. Peu de choses nous séparent juste un écran, il suffirait de tendre la main pour vous toucher mais seules, mes doigts effleurent votre esprit le temps de me lire.

Sommes nous réelles ou irréelles dans cet espace virtuel, l’errance de nos écrits passe d’un coup de clip vers un clap de fin. Et pourtant derrière cet écran nos mots dessinent un visage, notre imagination ébauche l’image d’une silhouette qui prend forme.

Au fur et à mesure que nos yeux lisent un texte, une citation, regarde une photo où tout simplement écouter de la musique, notre esprit devient créatif pour parfaire cette apparence invisible qui au fil du temps devient réalité et prend vie de jour en jour.

Devons nous lever ce voile de mystère ou cultiver…

View original post 53 altre parole

La beauté réside dans les yeux

Les pérégrinations de Liondors

regardLa beauté réside dans les yeux, c’est la porte d’entrée d’un cœur, la porte ou l’amour réside, mais c’est aussi par les larmes que l’on voit passer la transparence d’un cœur au plus profond des yeux.

Dans tes yeux, je vois beaucoup d’amour, de tendresse. Ils ont un peu de bleu qui est un océan d’amour en liesse, ils ont un peu de vert qui est une prairie ensoleillée d’été, ils ont un peu de marron qui est un tapis de larmes de feuilles d’automne et au fond de ton regard un charme qui a conquis tout mon être.

Ces yeux là ne peuvent pas s’oublier, ils m’obsèdent et me regardent en permanence avec tant d’amour que je voudrais les conserver pour l’éternité.

View original post

Simplement merci

Les pérégrinations de Liondors

87ff7716Il y a des moments dans la vie où la présence de l’autre nous manque tellement qu’on espère sans cesse sa présence. Rêve à ce qui te fait plaisir,  va où tu veux aller, sois où tu aimerais être parce que tu as seulement une vie pour faire ce que tu veux.

Que sur ton chemin,  tu trouves suffisamment de bonheur pour rester doux(ce), suffisamment d’épreuves pour devenir fort(e), suffisamment de peine pour rester humain(e), suffisamment d’espoir pour être heureux(se).

Les personnes plus heureuses n’ont pas nécessairement le meilleur de tout, simplement, elles exploitent au maximum tout ce qui se trouve sur leur route. Le bonheur attend ceux qui pleurent, ceux qui souffrent, ceux qui cherchent, ceux qui se dévouent, ceux qui s’aiment parce que seules ces personnes peuvent apprécier l’importance de ces choses qui laissent des traces dans la vie.

Oublie le passé, abandonne derrière toi tes erreurs et…

View original post 90 altre parole

Céleri rémoulade aux pommes et aux noisettes

Les pérégrinations de Liondors

Céleri rémoulade aux pommes et aux noisettesIngrédients pour 2 personnes
– 1 /2 boule de céleri rave (environ 400 g)
– 1 pommes
– 10 g de noisettes
– Le jus d’1 citron jaune
– 1 demi cuillère à soupe de mayonnaise
– 1 demi cuillère à soupe de crème fraîche épaisse
– 1 pointe de moutarde forte
– Sel et poivre du moulin

Préparation
1) Dans un bol, mélanger la mayonnaise, la crème fraîche et la moutarde. Assaisonner selon le goût (sel et poivre).
2) Peler le céleri et le râper. Arroser de jus de citron pour éviter qu’il noircisse.
3) Laver et râper la pomme (ou la couper en petits dés).
4) Concasser grossièrement les noisettes.
5) Dans un saladier, déposer le céleri râpé, les pommes râpées et les noisettes concassées.
6) Verser la sauce et bien mélanger.
7) Servir le céleri rémoulade bien frais.

Relaxnews

View original post

Jacopo Stellini

ƑɾíմƖíʍմƖեíҽեղíϲօҍƖօց 🇮🇹 🇸🇮 🇦🇹 🇪🇺

Jacopo Stellini nacque a Tribil di sopra/ Gorenji Tarbilj il 27 aprile 1699. Di famiglia modesta,il padre, Mattia Rodaro detto Stellino, era un sarto. E’ stato abate,scrittore,filosofo e professore di filosofia della Benecija.Studiò a Cividale e Venezia dove,mostrando spiccate doti intellettuali, fu avviato agli studi nella scuola cividalese tenuta dai padri somaschi in Santo Spirito. Venne attratto dalla vita e dagli ideali di quell’ordine, così che decise di entrarvi: nel 1718 ne vestì l’abito, trasferendosi poi a Venezia, ove nel 1719 fece la professione. Nel frattempo proseguì gli studi nel seminario patriarcale di Murano, legato ai somaschi in quanto essi ne curarono l’apertura nel 1579. Nel 1722 fu ordinato sacerdote, iniziando subito l’attività di insegnamento, dapprima nel seminario, poi dal 1724 al collegio dei nobili allaGiudecca. La fama di ottimo e preparato docente gli aprì le porte della prestigiosa casa dei patrizi Emo: Giovanni Emo, procuratore di S. Marco, lo…

View original post 126 altre parole

Lunghe strade Poesia di Grazia Denaro

Congress Street

Come brandelli di una bandiera

di pace

corrono nuvole bianche

sul mio capo. 

Il vento

tende in festoso pavese

i rami di una grande acacia

che  mi sovrasta.

Penso alle lunghissime vie

che corrono in rettilineo

divorate dal sole

che le illumina e le rende liete. 

Ammirandole i miei sogni misteriosi

hanno una continua evoluzione

appalesandosi di minuto in minuto.

In mezzo a tanta grandezza,

a tanto splendore

sono una piccola spora al cospetto

dell’immensità dell’universo.

@Grazia Denaro@

Di grano maturo sono le parole, di Grazia Denaro

7640600b2d10afc31b7548369b4d6ea8

Si ritirarono le nubi

e si accese il sole

in una sontuosa festa di fulgore

aprendo la luminosa superficie delle cose

quasi a rimarcare la gaiezza dei nostri cuori

usciti da quei momenti puerili

riversatisi in confini invalicabili di distanza…

ma sono ancora pagine di muschio

i nostri occhi.

 

Oggi lo stesso prato ieri spento

risulta lucente

e l’ortensia in tutto il suo splendore

esplode il suo colore.

 

Avvinti dalla luce come siamo

mai vorremmo che finisse il giorno,

splendido nei profumi della natura,

nell’incanto del cinguettio e dei voli degli uccelli.

 

Sento il canto di mille cascate

e di mille fontane che gorgogliano allegre

ed armoniose

a scaturire pensieri gioiosi.

 

 Di grano maturo sono le parole!

 

@Grazia Denaro@

TOPOLINO, “L’ASTROTOPO”, di Silvia De Angelis

1

Esattamente 50 anni fa l’astronauta Neil Armstrong, approdò sul suolo lunare “Un piccolo passo per l’uomo, ma un balzo enorme per l’umanità”.

Per ricordare questa meravigliosa impresa Topolino presenta l’Astrotopo.

Topolino si prepara per andare in missione nello spazio, e per questo speciale avvenimento indossa una tuta spaziale molto evoluta, infatti è dotata dell’impronta lunare sulla suola dello scarpone.

L’astrotopo, esclusiva figura dell’eroe disneyano, è alto tredici centimentri e con la testa, braccia e gambe snodabili. Possiede un casco removibile e indossabile, completo delle mitiche orecchie, diventando così un gadget esclusivo da collezione. L’astrotopo è stato in vendita insieme al numero di Topolino del diciassette luglio u.s.

4

Sullo stesso numero, completamente dedicato all’allunaggio nei fumetti e nei redazionali, si svolge una storia in due puntate, ambientata nello spazio : “Topolino e il castello sulla luna”.

Topolino e  Pippo si dirigeranno verso la luna, dove troveranno un vero e proprio castello. Inoltre scopriranno che la nostra galassia è frequentata anche da altri personaggi. Un “fantathriller”, che vede tra i suoi protagonisti anche Bippo, ex astronauta parente di Pippo.    2

Fumetto e cinema si fondono in una nuova pubblicazione edita da Panini, con protagonisti gli eroi Disney : la storia del cinema di Topolino, un volume i cui i grandi classi del cinema vengono reinterpretati e sdrammatizzati con la particolare ironia dei topi e paperi della Disney.

L’evento al Museo del Cinema di Torino, è stato inserito all’interno degli eventi della mostra” Gulp! Goal! Ciak Cinema a fumetti”, dedicata al rapporto tra questi due linguaggi, e nella quale la Panini dedica una sezione proprio a Topolino,il settimanale di fumetti più longevo d’Italia.

3

 

Chi è stato Enrico Foà, di Giuliana Callegari

Chi è stato Enrico Foà, di Giuliana Callegari

https://appuntialessandrini.wordpress.com

Alessandria: [La recente, bella notizia della chiusura per un anno della Sinagoga di via Milano per procedere finalmente a un suo ulteriore e più radicale restauro, e l’esperienza concomitante della redazione di una scheda a lui dedicata per l’imminente pubblicazione di Città Futura sugli 850 anni di Alessandria, mi hanno riportato alla mente questo articolo che Giuliana scrisse per l’allora mensile alessandrino La Città (marzo 1996). Era stato poi ripubblicato a introduzione degli Scritti di Enrico – Istituto Gramsci/Gruppo Cinema Alessandria, stesso anno – e di nuovo nella raccolta postuma dei testi di Giuliana: Cinema addio. Pagine ritornate 1975-1997, Falsopiano, Alessandria 2006. (Nuccio Lodato)].

teatro-comunale.jpg 

La luce che emana
dalle opere di una persona
entra direttamente nel mondo,
e vi rimane
anche dopo la sua morte.

Che sia grande o piccola,
transitoria o durevole,
dipende da come va il mondo
e dalle circostanze.

Ma la luce che si diffonde
dalla vita di una persona
– parole dette, gesti, amicizie –
sopravvive soltanto nei ricordi.

Per poter entrare nel mondo
deve trovare una nuova forma:
dev’essere registrata
e trasmessa.

(Elisabeth Young-Brühl,
Hannah Arendt
1906-1975.
Per amore del mondo)

 

Nella sua vita, Enrico Foà scrisse molto: quasi sempre senza firmarsi. Erano in genere sua la prima e l’ultima delle mani che si succedevano a stilare un documento, preparare una relazione, stendere un articolo, predisporre un comunicato. Spesso erano anzi le uniche, dopo tentativi preliminari, non di rado infruttuosi, di affidare ad altri collaboratori, solitamente più giovani, tali oneri.

E questo dagli anni Cinquanta agli Ottanta compresi: nel circolo “Carlo Cattaneo” e in quello del Cinema; nell’originario “De Sanctis” (dal settembre 1956), e poi nel Gruppo che assunse, in chiave di continuità, lo stesso nome dal ’75; nella Commissione Teatro del Comune, che condusse al primo Statuto della municipalizzata A.T.A. dal ’76, e in quelle successive e ultime, che accompagnarono i primi anni di vita del Comunale già attivo; infine, in pratica, per tutto l’ultimo decennio, nella prima sezione alessandrina, da lui fondata nel 1980, del Tribunale per i Diritti del Malato. Continua a leggere “Chi è stato Enrico Foà, di Giuliana Callegari”

Momenti di poesia. Mi sono persa in una sera d’estate, di Laura Neri poesie

Momenti di poesia. Mi sono persa in una sera d’estate, di Laura Neri poesie

10462895_804261389592391_3729002934234087390_n.jpg

Mi sono persa in una sera d’estate
quando il tramonto spegneva la sua luce
ed il mare iniziava ad illuminare l’onda…
tremante ho posato la mia testa sul tuo petto
una sensazione dolce,nuova
un cuore impazziva per me
ne sentivo l’urlo
Amami gridava ,amami e
ti ho donato un fiore
il mio ….
l’hai raccolto
ancor caldo, palpitante, rosso

Momenti di poesia. Un gemito, di Laura Neri poesie

Momenti di poesia. Un gemito, di Laura Neri poesie

37076696_1940806345937884_6443832909857030144_n.jpg

Un gemito .
Un sussulto
Il mio dono per te
Immagine lontana e viva
ho affidato il mio lamento
..A te…
sei dentro ..e la forza
mi riempie d armonia
Ebbrezza che scivola
…lontano
aiutami a non annegare
Poesia è il mio dono
….e questa notte
la regalo a te
@ Laura

Momenti di poesia. SONO PASSATI GIORNI, di Roberto Busembai

Momenti di poesia. SONO PASSATI GIORNI, di Roberto Busembai

37384265_10210044472143392_7321432747203887104_n.jpg

SONO PASSATI GIORNI

Sono passati giorni come fossero
stati anni per non dire secoli,
da quando vi ho lasciato
soli sulle righe di un ricordo,
frasi comuni e forse un poco
speziate e soffici
da farvi emozionare,
ma parole scritte che restassero
nel cuore.
Sono trascorsi i giorni
come sempre al sorgere di un sole
e al tramontare di un sogno
che ci porta inequivocabilmente
a sperare,
ognuno nel suo nido di passione
nel suo agire comune,
nel suo racchiuso paradiso
o inferno del vivere quotidiano,
ma vi ho lasciato
con un comune desiderio
e sentimento naturale,
l’ho scritto con il cuore
e con la penna del pensiero.
Sono passati giorni
ma l’amicizia che vi porto
non ha freno.

Roberto Busembai (errebi)

Immagine web

Carabinieri: Entra in un kebab, aggredisce un 19enne, rompendogli il setto nasale. Attività sul territorio – Arresto per furto cellulare, denunce e querele per falsa vendita online

Carabinieri: Entra in un kebab, aggredisce un 19enne, rompendogli il setto nasale. Attività sul territorio – Arresto per furto cellulare, denunce e querele per falsa vendita online

 

Casake

Nel corso degli ultimi giorni, la Compagnia Carabinieri di Casale Monferrato ha impiegato un elevato numero di uomini e mezzi in servizi istituzionali di prevenzione e repressione dei reati, dedicando particolare attenzione al controllo dei soggetti sottoposti a misure di restrizione, al contrasto ai reati predatori ed all’attività investigativa per la repressione delle truffe. In particolare, sono stati ottenuti i seguenti risultati:

i Carabinieri della Stazione di Casale hanno arrestato su disposizione dell’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura Repubblica di Vercelli G.T., 49enne casalese, pregiudicato, che dovrà scontare, in regime di detenzione domiciliare, una pena di otto mesi per reati commessi nel 2016;

i Carabinieri della Stazione di Casale hanno denunciato per evasione A.C., 48enne casalese, poiché a seguito di un controllo presso la sua abitazione si rendeva irreperibile, violando le disposizioni dell’Ufficio di Sorveglianza di Torino;

Rosignano.png

i Carabinieri della Stazione di Rosignano Monferrato, a conclusione degli accertamenti a seguito di una querela sporta da un 50enne residente in San Giorgio Monferrato, hanno denunciato in stato di libertà M.M., 43enne residente in Verona, pluripregiudicato, poiché in seguito a una falsa vendita online faceva ricaricare sulla propria carta di credito 2.500 euro, rendendosi successivamente irreperibile; Continua a leggere “Carabinieri: Entra in un kebab, aggredisce un 19enne, rompendogli il setto nasale. Attività sul territorio – Arresto per furto cellulare, denunce e querele per falsa vendita online”