poesia
Migrazione

 

Ah ssa terra mijia!
Na vota l’hajiu abbandunata
signu partuta ppi na terra stranira
ppi circari nu pocu i furtuna.
Nu grandi pajisi ca chiamanu Roma
mindi signu nnammurata
ma sempri a ttijia Calabbria mijia
avìjia ‘ntru cori
u mari e u suli dintru chist’ucchji.
Nun ti putivu scurdani
a nustalgia eradi forti e signu turnata.
Ma quanti cosi sunu cangiati
i viji e lla ggenti nun sunu cchjiu ugguali
l’ammici e i parinti si sunu ammucciati
‘ntra viculi e stirri ppi nun si fani truvani.
Ma risti tuni ohi terra mijia!
I campi spogli, u suli e u mari!

Migrante
Ah questa mia terra!
Una volta l’ho abbandonata
sono partita per  terra straniera
in cerca di un poco di fortuna.
Un grande paese che chiamano Roma
e me ne sono innamorata
ma sempre a te Calabria mia
avevo nel cuore
il mare e il sole dentro i miei occhi.
Non potevo dimenticarti
la nostalgia era forte e sono tornata.
Ma quante cose sono cambiate
le vie e le genti non sono più uguali
gli amici e i parenti si sono nascosti
nelle vie buie e nei vichi stretti.
Ma resti tu oh terra mia!
I campi spogli, il sole e il mare!

@inesfavorita18luglio2019

Ho voluto condividere la poesia con voi, in anteprima (programmata sulla mia pagina Facebook per il 25 luglio) per ringraziare Pier Carlo Lava del suo invito a far parte del suo team. Grazie di cuore