CISL Scuola: Incognite sul Concorso Nazionale Dirigenti Scolastici, preoccupazioni anche in provincia di Alessandria 

CISL Scuola: Incognite sul Concorso Nazionale Dirigenti Scolastici, preoccupazioni anche in provincia di Alessandria 

unnamed.gif

Alessandria today: A seguito delle notizie pubblicate dagli organi di stampa e trasmesse nei telegiornali nelle ultime settimane, la segreteria della Cisl Scuola Alessandria-Asti ritiene opportuno  fornire un chiarimento sulla questione in generale ed illustrare al contempo la situazione specifica provinciale relativamente alle Istituzioni scolastiche in attesa della nomina del Dirigente prima dell’avvio del prossimo anno scolastico.

Un’ennesima situazione caotica nella scuola è stata quella dell’annullamento da parte del Tar Lazio delle procedure relative alle prove scritte, e alla loro valutazione, del concorso nazionale per dirigente scolastico. I concorsi si dimostrano sempre più vulnerabili: “È inevitabile essere preoccupati per le conseguenze che si potrebbero avere dal 1 settembre, dal momentto che nelle scuole potrebbero mancare quasi 3000 dirigenti su 8300 istituzioni”, denuncia la Cisl Scuola.

Il Ministero dell’Istruzione ha presentato ricorso al Consiglio di Stato chiedendo di  sospendere in via cautelare la sentenza del Tar del Lazio impugnata, consentendo quindi di concludere la procedura concorsuale e di procedure alle nomine dei vincitori e alla loro presa di servizio il 1° settembre. In questo senso il Consiglio si è pronunciato, fissando  al contempo l’udienza pubblica per la discussione del ricorso nel merito al 17 ottobre 2019.  Il Ministero provvederà dunque alla pubblicazione delle graduatorie e all’assunzione dei vincitori, sebbene sub iudice.

Com’è la situazione in provincia di Alessandria?

Metà dei 52 Istituti scolastici presenti sul territorio non ha un Dirigente scolastico stabile e risulta quindi in reggenza. Con il prossimo anno scolastico andranno in pensione altri cinque Dirigenti, ed in mancanza di nuove immissioni la situazione si aggraverà ulteriormente: si rischia addirittura che qualche Dirigente abbia tre Istituti sotto la sua responsabilità. E’ del tutto evidente che un tale carico di lavoro sia insostenibile e assolutamente incompatibile con quella qualità che il iInistero dice di voler perseguire; in provincia di Alessandria i posti vacanti da DSGA (Direttore Servizi Generali Amministrativi) sono addirittura 24.

La situazione astigiana risulta, a tutt’oggi, particolarmente critica, ma lo è ancor di più quella alessandrina, dove l’istituto della reggenza ha raggiunto livelli decisamente elevati e preoccupanti.

Risulta pertanto necessario e urgente provvedere quanto prima alla copertura dei numerosi posti vacanti, al fine di dare la totale operatività a tutte le istituzioni scolastiche già dal 1° settembre 2019,  il tutto nella massima trasparenza e nel rispetto delle regole, presupposti essenziali ai quali il Sindacato CISL Scuola si è sempre ispirato nella sua quotidiana azione di tutela e di supporto a tutto il personale scolastico”.

CISL SCUOLA ALESSANDRIA-ASTI

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...