Compensazioni equoree

Attesi il giorno migliore pensando
al tuo trasparente sguardo verace
senza disegni o fiori come quando
giunse il mio atto nel lampo più audace

E tu m’offristi un sorriso salace
che mi lasciò totalmente allo sbando
dentro un incantato limbo di pace
e riuscii solo a reagire parlando

Statico, distante sulla panchina
senza il piacere, il coraggio di un bacio
alla vista di una sera sbocciata

all’ombra di una carezza non data
Smarrito non mi sentivo a mio agio
avvertivo di salire una china

Seppi in una terzina
nel talamo di una sera radiosa
che aspettasti la mia umile rosa

View original post