Momenti di poesia. Camogli, di Grazia Torriglia

67113590_939371776409100_4342305622377627648_n

Camogli

Ha un mare
che sconfina nell’infinito

Ha una spiaggia di sassi e pietre
troppo dura per i miei piedi delicati .
Amo la sabbia calda sotto il telo da mare.

Eppure nei mesi estivi la gente vi si accalca
da sempre .

Camogli la vedevo nei quadri d’Autore
dipinti nell ottocento
e ancora adesso richiama il pennello degli artisti.

La città dalle strette vie
e dalle lunghe scalinate
si erge fiera:
un tempo fu baluardo contro gli assalti dei barbari.

Quando ho iniziato a dipingerla
non avrei mai pensato che un giorno ne avrei fatto parte.
Ma ora, sono qui anche io, cittadina senza storia, a scriverne con ammirazione.

gt@