Atunci,cândva şi acum în prezent

Viata ca o pagina dintr-o carte

Uneori trecutul nu îţi dă pace ,nu le lasă orice ai  încerca să faci ,orice ţi-ai  dori tot nu te lasă .Trecutul îl purtăm în suflet chiar  dacă am avut o copilărie care poate nu ne a plăcut dar tot au fost momente care ne-au plăcut .Crede în prezent şi în viitor luptă pentru tine dar şi pentru cei din jurul tău dar un lucru să nu uiti de Dumnezeu la El este cartea vieţii noastre .El ne-a dat o viaţă tot El ne-o ia .

Îndreaptă-ţi omule bun şi  privirea către Dumnezeu  şi fii un om cu credinţă .Ascultă-l mai întâi  pe Dumnezeu şi El te ba asculta pe tine .

Atunci când nu mai poţi Dumnezeu  îţi  va da putere .

Atunci când ai obosit Dumnezeu îţi va oferi odihnă .

Atunci când nu mai ai cuvinte Dumnezeu  îţi  va oferi  înţelepciune .

Atunci  când te-ai certat  cu…

View original post 300 altre parole

TU

Viata ca o pagina dintr-o carte

Tu ești un om creat de Dumnezeu ,ți-a oferit  o  viata  și o  inima ,o misiune pe acest pământ.Nu te-a creat ca sa te plângi  celor din jurul tău ce poate fii mai greu de atât  sa fi un  singur om .Scoate încăpățânarea din sufletul tău și mai ales invidia  și orgoliul și da-le la  o parte .

Dumnezeu nu te făcut perfect și sper ca nici tu sa iți dorești acest lucru .Viata nu este grea ,doar  ca noi   o complicam prin gândurile noastre ,faptele noastre totul începe de la tine .Uneori iți dorești sa ii ajuți pe cei din jurul  tău dar cum dacă tu pe tine însuti nu te cunoști și nu te iubești. Iți dorești sa fi singur vei fi singur  Iți dorești sa fi iubit vei fi  iubit .Iți dorești sa fi bun ,Dumnezeu iți va fi oferit acest sentiment.Iți dorești sa ai prieteni vor veni cu timpul în  drumul vieți tale.Iți dorești  sa scapi de sentimentele rele vei reuși acest lucru prin rugăciune și mai ales încredere și lupta cu tine însuti ,Dumnezeu ne cunoaște mai mult de cât ne cunoaștem pe noi înșine .

Nu poți sa spui ca nu mai vrei sa trăiești și sa iți iei viata pentru ce.Este un dar viata ai merita trăita asa cum este .Cu susținerea celor din jurul tău vei reuși sa treci peste .Hotărăște-te odată ce  vei face cu viata ta.Dumnezeu iți va fi mereu alături indiferent de situație în care vei fi.Plânge când vrei ,razi alături de prieteni tai ,iubește cât de mult poți tu și nu…

View original post 71 altre parole

Tristețea

Viata ca o pagina dintr-o carte

Asa cum esti si cum vei trăi asa iti va fii viata . Dumnezeu nu ti-a oferit in dar sentimentul de tristețe și mai ales de vinovăție . Uneori iti dai seama ca ai gresit si iti ceri iertare dar cum vei simti ca acele persoane te-au iertat .Pierzi persoane dragi prin felul de a fi de a vorbi si comportamentul pe care il ai zi .Vorbesti cu persoane dragi tie dar din cauza insistențelor tale pur si simplu le pierzi si nu le mai poti recupera oricât de mult ti ai dori tu .Totul depinde de noi si de sufletul nostru .Primesti incurajari dar stie cineva ce este există în sufletul tau . Un gând pe care l-am citit dintr-un articol ieri Nu uitati sa zâmbiti si nu faceti loc tristeți in viata voastră . Iubeste-te pe tine ,incredete in tine si vei intelege cu adevarat ce vrea viata…

View original post 256 altre parole

Visele vor deveni realitate

Viata ca o pagina dintr-o carte

Bună tuturor nu prea scriu în fiecare zi dar uite că de dată asta mi-a venit un pic de inspirație datorită că mi sau întâmplat multe lucruri .Credință și  puterea dată din partea lui Dumnezeu te va ajută să dobandeșți multă încredere în ține dar și în cei din jurul tău .

Te gândești câteodată de unde ai atâta putere și curaj  de a îți îndeplini dorințele și uneri te descurajezi singur și îți vine să te retrag și îți spui asta a fost ce o fi  o fi .Dar există cineva care  te ajută și îți spun  vom fii lângă ține și te  vom susține ,ce poate fi mai frumos de atât,mergi înainte oricât de greu ar fi .Dacă ai dorințe vor deveni realitate chiar dacă  trebuie să faci sacrifici .Înainte de a te naște Dumnezeu știa  ceva va fii cu viață ta ,trăirile tale  și planurile tale .Nu…

View original post 394 altre parole

Accepta-te asa cum esti dar incearca sa te schimbi

Viata ca o pagina dintr-o carte

Un gând pentru fiecare dintre noi chiar dacă uneori ne este greu acest lucru .
Cauți în fiecare zi să schimbi ceva la ține însuți și dacă nu reușeșți,dacă te lași mai mult cuprinsă de gândurile de zi cu zi și mai ales de trecutul care uneori te macină și te fac să pari neom să nu mai fi acel om bun la suflet .Simți că ai pierdut lupta cu ține însuți primești sfaturi,le ceri sprijinul celor din jur dar tu ce le oferi în schimb ,nimic poate doar prezența ta .
Uneori simți că nu reușești să ajuți pe nimeni cu un sfat și cu o mângâiere cu o vorba bună care să îl facă să zâmbească și să uită de tristețea din suflet .Uni par că sunt bine dar ai idee ce există în sufletul lor ?Nu din păcate parcă uneori le oferi mai multă critică.Nimeni nu este…

View original post 267 altre parole

La forma del sesso

https://bonvinifranco.wordpress.com/2019/07/28/la-forma-del-sesso/

Fu in una sera qualunque
mentre stavo alla deriva
colorasti un sogno di mille colori su una mano sola.
E fu gioco di mani a seguire i contorni
le tue mani disegnanti orli frastagliati e indicibili abissi.
Fu in una sera qualunque
su un ponte in bilico tra due sere lontane
regalavi e ti davi il mistero della gioia.
Forse facevi finta
di piegare i ginocchi
ma ci sapevi fare e restavo incantato a sognare
tutti quei colori non mi hanno più lasciato
li porto sempre con me
nelle tasche pesanti
sono sempre con me nell’ aria, nei fiori e in tutte le cose.
Appari ovunque nei tagli lungo le dorsali
nei corpi con volti nascosti da ombre e tagli di stoffe
e di questo ringrazio la vita che è stata e quella che sarà
ringrazio il mistero di te e della gioia che non sai troppo trattenere
domani saranno sempre scenari di sogno dove fermarsi incantato a sognare.

Torino di carta: la guida letteraria di Alessandra Chiappori

- Radical Ging -

Che Torino sia una delle città più importanti per il panorama letterario italiano, con particolare riferimento a quello novecentesco, è un fatto noto. Tantissimi sono gli autori che sono nati o hanno vissuto anche solo per qualche tempo a Torino, e tutti hanno lasciato un segno sulla città così come la città, generosa in fatto di segni, ne ha lasciato uno su di loro. La Torino di carta di Alessandra Chiappori si prefigge di esplorare la città proprio attraverso le sue vie di carta, a partire da fine Ottocento, con Edmondo De Amicis, per poi arrivare ad autori contemporanei come MargheritaOggero e Alessandro Perissinotto, passando attraverso gli autori einaudiani, pilastro cittadino. Il volume fa parte della collana Le città di carta, della casa editrice palermitana Il Palindromo, e custodisce al momento cinque titoli, ciascuno dedicato a una diversa città italiana.

Alessandra Chiappori è giornalista, ha…

View original post 671 altre parole

#AspettandoIlSalone: gli incontri con gli autori aspettando #SalTo20

- Radical Ging -

Siamo particolarmente legati al Salone Internazionale del Libro di Torino, sia perché amiamo la città, sia perché il blog è nato proprio poco dopo la trentesima edizione Salone. Da lì il sodalizio non si è mai interrotto, a partire dalla sfida delle cinque domande del 2018 per arrivare alla guida scritta in occasione della più recente edizione.

Torino, come città del libro e delle librerie, non smette mai di lavorare e di svolgere il ruolo di centro di riflessione e discussione sul mondo editoriale, offrendo uno spazio  ospitale a case editrici, librai, scrittori e a tutte le altre professioni che con il libro ci vivono. Sulla scia di queste considerazioni, Aspettando il Salone è la nuova rassegna di incontri che partirà dal 10 settembre e continuerà per tutto l’autunno, portando in città autori e autrici del mondo, in attesa del piatto forte, la fiera di maggio.

Autori…

View original post 768 altre parole

#OpereDiBottega: L’amante senza fissa dimora di Fruttero & Lucentini

- Radical Ging -

Siamo ormai nel pieno dell’estate, luglio volge al termine e così arriva l’appuntamento mensile con #OpereDiBottega, la challenge di lettura tutta a tema Fruttero & Lucentini. La coppia più famosa della letteratura italiana ci accompagnerà fino a ottobre, quando verranno pubblicati due volumi a loro dedicati nella collana dei Meridiani di Mondadori.

Se lo scorso mese la facevano da padrone le atmosfere a tinta gialla de La donna della domenica, in una Torino anni ’70, tra commissari, architetti e borghesi ormai fuori tempo, con la lettura di L’amante senza fissa dimora il lettore è catapultato in una Venezia a metà tra mondo reale e una sua versione idealizzata. La nuova edizione Mondadori, oltre alla copertina di Beppe Giacobbe (che è lo stesso illustratore della copertina de La donna della domenica), presenta una postfazione di Raffaele Manica.

Senza titolo-1 A sinistra la prima edizione, del 1986, a…

View original post 1.253 altre parole

Momenti poesia e riflessione: Io, clochard ossequioso della fede, di Cesare Moceo

Io, clochard ossequioso della fede, di Cesare Moceo

67472904_2154351618024073_7358252376551063552_n.jpg

Io, clochard ossequioso della fede

Percorsi di sincerità
impongono alla vita
sapori polverosi
che rendono difficile
il vivere dei pensieri
E dedico la mia dignità
a spolverare gesti e parole
nel sentire dei significati
dello scorrere dell’etica
nell’anima impoverita
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. Pioggia, di Agnese Giallongo

Momenti di poesia. Pioggia, di Agnese Giallongo

67186051_2378931222163289_1583833400161075200_n.jpg

Pioggia

Profumo di pioggia,
e di nostalgia
cristalli iridati
sul mare,
sui fiori,
cascate dal cielo
il mio corpo bagna
la mia
gocce sul cuore.
Ricordo me fanciulla
a conca
le mie mani,
a trattenere
le lacrime del cielo,
di gioia
sul mio viso,
sulla pelle nuda,
danzando come
una libellula
leggere le mie ali,
a lavar via
ogni dolore.

Agnese Giallongo
REG@

Impulsi selvaggi dell’anima. Poesie & Dipinti di Rosaria Magnisi

Impulsi selvaggi dell’anima ღ Poesie & Dipinti di Rosaria Magnisi

Schermata 2019-07-28 a 11.49.58.png

La favola e il destino

La favola e il destino…
il sogno e la fanciulla,
-il mondo tra sole e luna-.
Ricordi sommersi
riaffiorano tra trasparenze di destini
nelle ore mai consumate
dall’amore agognato.
Le stelle perdute nei momenti bui,
tra le nuvole si rincorrono..
masse infinite tra le folle!
E’ un attimo!
Un suono, magie di mille arpe..
accendono corpi
vibrazioni di luce
-nelle distese erbose-.
Ritrovata l’ebbrezza,
danza la vita!


-Rosaria Magnisi-
Impulsi selvaggi dell’anima ღ Poesie & Dipinti di Rosaria Magnisi
Copyright © 2017 – 2018 Rosaria Magnisi tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. L’incanto, di Agnese Giallongo

Momenti di poesia. L’incanto, di Agnese Giallongo

67527754_2381830688540009_3451010341209636864_n.jpg

L’incanto

Tremuli fiori
di rugiada l’incanto
il canto del vento sul viso,
al mio risveglio.
Ricordi fanciulli quando,
di margherite mi ornavo
e tra le distese fiorite
di tanti colori nell’aria pura
ti rincorrevo
come le farfalle
un dolce bacio leggero
che sapeva di fragole
era il mio incanto d’amore!

Agnese Giallongo
Reg@

Cane amico mio…

36589_3800860267319_1451674653_3342208_1060722701_n 

Cane amico di sempre

ogni tuo guaito è un tocco al cuore

amico mio tu mi scodinzoli

con ingenuo candore

dai solo amore

e coi tuoi occhi profondi

quando mi guardi

tocchi il mio animo

come se fossero dolci carezze.

Caro amico a quattro zampe

il tuo scodinzolare è il tuo modo di amare…

Con me ti vorrei portare

quando da te mi devo allontanare…

Una casa ti vorrei trovare

per saperti finalmente felice…

 

Momenti di poesia. NELLA TEMPESTA, di SENEX vs PUER

Momenti di poesia. NELLA TEMPESTA, di SENEX vs PUER

Ben trovati… Sul ring

67194993_652843568567617_6075909153535033344_n.jpg

NELLA TEMPESTA

Nella tempesta insieme
Si può cantare
E giocare all’esistenza
Col piglio dei giganti,
Nella tempesta insieme
Si può parlare
Edificando un Sole su
Una nave che
Chiameremo Sole,
Nella tempesta insieme
Si può crescere
Come le spine
Di una rosa dei venti,
Di una rosa tra i denti
Che può farci sanguinare sì
Per ricordarci che noi
Siamo fratelli
Non solo per il sangue ma
Anche per il mare.

V.P.
#senexvspuer

Momenti di poesia. Tracce, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. Tracce, di Cesare Moceo

Logo Alessandria today ok copia.png

Tracce

Qualunque cosa
tu possa sognare,
di fare,
incominciala,
così che
dietro il tuo passaggio
rimanga polvere
sulla quale lasciare…tracce…
<> <> <> <> <> <> <> <> <> <>
La mente in ostaggio
di pensieri e parole,
a Te,
che nel bene o nel male,
mi hai regalato
frammenti di vita normale,
vorrei affidare
un’impronta di me,
traccia in cui potrai
cercarmi e ritrovarmi;
e rivivermi,
in questi ricordi
che ti lascio,
incantevoli spazi immensi
dove sarà seducente
perdersi e ritrovarsi,
felice d’averli condivisi.
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Dying For The Fiction – a poem by Paul Vincent Cannon

parallax

dVerse Poets – Poetics – Climate Crisis

cartoon20091118.jpg

Cartoon found at sites.duke.edu

“The more clearly we can focus our attention on the wonders and realities of the universe about us, the less taste we shall have for destruction.”  Rachel Carson

Dying For The Fiction

They filled in the wetlands and gave me a house
of dreams filled with death,
and we cut down the trees that gave us life
that we might see the views of the city lights,
in a panic we scorched everything in the
belief that we must perpetuate production,
the very poison that kills all,
while giving happiness in spades of plastic that
smothers reality and makes us long for more
fictions that soothe and inspire
how self murder is so healthy for us,
I awoke this morning to find
my limbs removed,
my lungs cut down
and plastic in my gut,
I am Eco,
I…

View original post 10 altre parole

Would You? – a poem by Paul Vincent Cannon

parallax

Propose – Word of the Day

love-3581038__480.jpg

Photo: pixabay.com

Would You?

All at once the world collides
a quantum of leap
in a valley of lush spring,
the Eiffel Tower
subsumes to fish and chips
by the narrow creek,
a longing beyond language
a fragile knowing,
the universe
but also the mundane
of the everyday of ever year
without fail,
the most ordinary thing
in an extraordinary way
forever before,
and after much more,
holding breath as if
holding the universe accountable,
such weight
released in a humble
and ordinary lumiere,
would you,
will you,
lie with me
till the dawn of time?

©Paul Vincent Cannon

Paul, pvcann.com

View original post

…que nuestro mundo interior…

Donde las eLes encuentran su nombre

sea para encontrarnos y el exterior para perdernos.
que el viaje comience en el centro de mi ombligo,
que la sonrisa tonta se dispare cuando te veo,
y me subas el volúmen a la pieL de gallina mientras suenan canciones a golpe de besos… en las que poder hacer pausas,
que en el final del recorrido… seas tú, y menos miedo,
 que todas las notas musicaLes que me estremezcan…
se parezcan a tí.

pretty woman

Yo buscaba un lugar para perderme. —Y ella se ofreció de laberinto.

Dueño del silencio.

“quiero ese verso que dice que no te iras nunca que quieras querer, 
quiero llenar mis silencios contigo y mirar donde ya nadie ve, 
quiero que sueñes conmigo sentarme a tu lado besarte después, 
quiero encontrarte en mi vida diciendo te quiero mi amor y siempre te querré, 

se hace nítido el silencio y siento el ruido de este invierno, 
si hay un…

View original post 15 altre parole

…de un “te quiero mucho” y de un “yo también”…

Donde las eLes encuentran su nombre

…de eLLa y de sus increíbLes arcoíris de entusiasmo,
…del amor cuando chapotea risas de piscina,
…de los cuentos de sirenas en los que siempre ganan los buenos,
…de sus “quédate a comer, a dormir y a desayunar”,
…de sus ganas de tener ganas,
…de la manera que tiene de cambiar el mundo en cada aleteo de sus besos de mariposa,
…de su iris y de sus refLejos…
en los que siempre…
salgo sonriendo.

cola de sirenaFotografía: Donde las eLes encuentran su nombre. Iris. Julio 2019. Cola de sirena. Copyright ©.

View original post

snodo

Cipriano Gentilino

snodo cotone e corda

di lacrime trattenute

dall’erba della collina

dove scroscia il dirupo

delle esistenze incerte

odisseo di fantasmi

folli e ombre vuote

nel nulla del tempo

irrisolto dal dubbio

snodo fili di corda e

seta di amori finiti

odisseo di essenza sono

pioggia controvento

per il grano

della sacca di penelope

                         ⒸCipriano Gentilino

View original post

Il Vaticano e la Grande Truffa

aneri pictures

“I furbi ci fottono sempre al momento giusto, nel posto giusto, col sorriso giusto. Camminano con sprezzo anche sopra la loro merda”     Charles Bukowski 

“Gli uomini sono le città, non le mura, né le navi vuote di uomini”    Tucidide

“L’illusione è necessaria per mascherare il vuoto all’interno”    Arthur Erickson


“Eravamo bambini, ma ce lo ricordiamo ancora, qui c’erano vigneti e uliveti”  mi racconta R.,  custode e  pregiudicato.  “ Mi sono fatto qualche anno di villeggiatura” aggiunge, sorridendo, e senza troppi convenevoli.

R.  è il custode di una delle tante aziende fallite che hanno fatto da corollario al polo siderurgico. Un nugolo di aziende che,  per decenni,   hanno vissuto di subappalti, spesso gonfiati a dismisura.

Giornate trascorse in parte a vigilare il nulla, in parte trascorse nel  piazzale antistante il  palazzo in cui abita. “Vede come teniamo pulito? E ci fanno pure pagare le tasse”. Di…

View original post 1.129 altre parole

…¿es Lo que parece?…

Donde las eLes encuentran su nombre

…LiteraLmente “sí”…

es pinceL y objetivo.

giocondaFotografía: Katy Gómez. Museo del Louvre.

“La Gioconda o Mona Lisa de Leonardo da Vinci, es unos de los cuadros que más debate han provocado durante siglos. ¿Quién es realmente la mujer a la que representa? Ese es uno de los principales misterios que rodean a este lienzo, y sobre el que existen numerosas teorías.
Y otro de los grandes enigmas de este cuadro es el relativo a su sonrisa. Hay momentos en los que parece que el retrato está efectivamente sonriendo mientras que, en otros, especialmente cuando se mira desde cierta distancia, da la impresión de que la mujer del cuadro está triste.
No solo eso. La sensación de que La Gioconda sonríe es más intensa cuando se mira a cualquier parte del cuadro salvo a sus labios. Entonces, ¿realmente lo hace? ¿Está sonriendo o no?
Los autores de un nuevo estudio realizado…

View original post 227 altre parole

…si pudiéramos coLorear Los juegos en estéreo…

Donde las eLes encuentran su nombre

…sonaríamos como un pinceL…

…pisaríamos con un timbre…

…oiríamos con Los ojos…

…y…

soñaríamos más despiertos.

30726421_10216388057639625_6656558598463684608_n

Fotografía: Donde las eLes encuentran su nombre.

“En la pared de una fonda de Madrid, hay un cartel que dice: Prohibido el cante.

En la del aeropuerto de Río de Janeiro, hay un cartel que dice: Prohibido jugar con los carritos porta-valijas.

O sea; todavía hay gente que canta, todavía hay gente que juega.”

Eduardo Galeano.

View original post

Momenti di poesia. L’urlo degli alberi, di Agnese Giallongo

Momenti di poesia. L’urlo degli alberi, di Agnese Giallongo

67043223_2381109441945467_4293066553928187904_n

L’urlo degli alberi

Correre nei boschi
ricordo me bambina
sentirne il respiro
il silenzio del verde,
il soffio della magia.

Bisogno di tenerezza
sono come un bimbo
nella verde pineta,
ascolta il mio canto
la mia musica
cullata dal vento,
I nidi che ogni anno fanno
gli uccelli.

Sul mio grembo che vibra
dalle fronde
alle profonde radici
della madre terra,
il mio tronco ormai carbone
nessuno sente
il disperato urlo di noi tutti
alberi della pineta
un rivolo d’acqua passa accanto
troppo poco per salvarci.

S’alzano alte le fiamme
zittisce il canto degli uccelli
Il cielo s’annerisce,
piromani ci uccidono
non sentono il nostro
urlo di dolore!
Noi doniamo la vita!

Agnese Giallongo
REG@

[amm] XX – Escapade nocturne

Sur le balcon

À ma mort

[Chapitre précédent] – [Sommaire] – [Chapitre suivant]


Le soleil d’été venant de se coucher, nous roulons désormais à la seule lumière des phares au milieu de sombres et étroites routes de campagnes. Pour ne rien arranger, le revêtement de ces dernières n’est constitué que de terre et de caillasse agrémentées çà et là de nids de poule à vous en décoller la pulpe du fond.

– Alain, ne pourriez-vous pas rouler plus doucement, j’ai l’impression de voyager en calèche sur une vieille route pavée, ça me tire au cœur.

– Monsieur, sachant où nous nous rendions, je vous avais vivement conseillé le 4×4, la DB5 n’est pas faite pour ce genre d’escapade. Rouler moins vite ne ferait que prolonger votre calvaire, répond mon major d’homme de son flegme habituel.

– Ah, vous n’y comprenez rien ! J’ai acheté cette Aston Martin en attendant ce jour ! Ne sentez vous pas cette ambiance…

View original post 1.875 altre parole

Stillness In Movement – a poem by Paul Vincent Cannon

parallax

dVerse Poets – Poetics – Movement

Video: Another short video of the top end of Margaret River where it crosses a road.

Stillness In Movement

Somnambulant gyrovagues aimless
across the strictures of the brave new world
ever longing for surprise
secretly desiring to be planted
with corner stores and Lucille Balls,
still parched and thirsting for the real,
will sitting make it so?
Is local a virtue that leads to
salvation by mortar?
The normatives of routine beg questions,
the toilet brush and carving knife speak
of uncertainties of future days
as genealogies turn to ash
while news bulletins are chalk to taste,
and all that long road of passion
is that now spent?
Did we climb that ideal hill satisfied at last?
In the rhythms of these labyrinthine days
there is a stillness in movement
a contemplative balance
as my steps rotate the earth.

©Paul Vincent Cannon

Paul, pvcann.com

View original post

Momenti di poesia. L’amore se capita… Rosario Rosto

Momenti di poesia. L’amore se capita… Rosario Rosto

Che sia sempre viva
la speranza, in ogni cuore

°°°

67500898_10216064614317141_5311300121810436096_n.jpg
L’amore se capita,
capita una volta
sola nella vita.
Tutto il resto è,
una reale parvenza,
una verosimiglianza,
un’imitazione,
un suo alter ego.

Una mascheratura
di sentimento, misto
ad attrazione o similitudine.
L’amore è tutto,
la sua parvenza è il niente,
la sua ricerca è necessaria.

Ma come ogni cosa,
bisogna dare un volto
anche alla speranza.
Quel soffio, che irrompe
nella nostra vita, anche quando
hai riposto il tuo cuore,
nell’ultimo dei tuoi cassetti.

Rosario Rosto

Conversation – a poem by Paul Vincent Cannon

parallax

Agile – Word of the Dayphoto-1545463913-918cee01fe7c.jpeg

Photo: hauspa.com

Conversation

So relaxed
comes the anticipated moment
lulled by whale song
now languorous,
the pleasure of flesh on flesh,
a sensual conversation and
who knows its beginning or end,
the two now connected as
her supple hands,
a baroque composition
gliding his meridians
reading his body
responding with verbs,
uncoil his ravaged tension
releasing him to life.

©Paul Vincent Cannon

Paul, pvcann.com

View original post

Unravelling – a poem by Paul Vincent Cannon

parallax

Rejection – Word of the Day11.jpg

Photo: shutterstock.com

Unravelling

Her wreckage huddled alone
awaiting transfusions of love,
older now in this moment
her years undone by a
burden so great
she cannot focus,
life blurring at her center,
frittering and fraying,
the thread of her meaning
unravelling before her,
unable to hold it
fearing soon she will
disappear from all view.

©Paul Vincent Cannon

Paul, pvcann.com

View original post

Transported – a poem by Paul Vincent Cannon

parallax

Passage – RDP Tuesday

person-801903_1280.jpg

Photo: pixabay.com

Transported

He often sought the solace of the hallway,
to capture views and hold them
ever dreaming escapes
touching the light on the
gleaming window frames
then travelling to worlds yet to be discovered,
one day he was so utterly transported
he was unaware of the passage of time,
and he wakened in a cloister,
the air was welcoming and he
determined to stay as long as possible
feeling drawn to the stillness
and the faint sounds of
plainsong that washed over him,
he’d never known such peace.

©Paul Vincent Cannon

Paul, pvcann.com

View original post

Viaggio

"La casa nel bosco"

Il nonno della mia amica desidera rivedere, dopo 35 anni, la sorella in Sicilia, a Piazza Armerina. Partiamo dalla Liguria con la mia macchina, un’ avventura! Nel tragitto ci forano le gomme, il nonno non si sorprende. Osserviamo il vulcano con le pietre grigie e nere. Alla miniera di zolfo ci dice che da bambino, al posto di andare a scuola, caricava lo zolfo sui carri tirati dai cavalli. A Piazza Armerina ci fa vedere le meraviglie dei mosaici. La sorella anziana è nel letto perché fa freddo, non può comperare la legna per scaldarsi. Si abbracciano a non finire, non parlano, sono commossi. Prima del ritorno il nonno prende dalla sua ex casa molte talee ( pale) di fico d’ India (senza spine ) per fare una siepe intorno alla mia casa. Questo è il suo modo di dirmi grazie!

View original post

Dal Preside

"La casa nel bosco"

15454134

[…]

“Adesso come si rimedia?” domandò a se stesso Giuliano.
Molte altre volte in quell’anno aveva marinato la scuola e questa volta il Preside non si era accontentato di una delle indulgenti giustificazioni della mamma.
Aveva detto:
“Esigo la presenza di tuo padre”. Ma chi si sentiva di dire a papà…
Giuliano pensa e ripensa. Vuol riuscire ad essere riammesso a scuola per non essere escluso dagli esami. Ma come fare? Ed ecco che alzando gli occhi, scorge avanzare per la via lentamente una carrozza tirata da un cavallo. A cassetta sedeva un maestoso personaggio.
Era un uomo di mezza età, questo cocchiere; fornito di due grandi baffi grigiastri.
Aveva un aspetto pieno di dignità.
“Eureka!” gridò in greco Giuliano.
Gli era balenata per la testa un’idea meravigliosa.
Si avvicinò al cocchiere e gli domandò:
“Ti vuoi guadagnare cento lire?”
“Dove vuole che la porti?”
“Tu non mi devi portare…

View original post 460 altre parole

La conquista della 5° c

"La casa nel bosco"

6ab33c0d2993cc4973f4b1fd7aab5d4a

[…]
Avevo vent’anni quando, tenendo nella tasca del petto la lettera di nomina a maestro provvisorio, e sopra la tasca la mano, forte forte, tanta era la paura di perderla, chiesi del Direttore.
Il cuore mi faceva sbalzi enormi.
– Chi sei? – mi domandò la segretaria.
– So…Sono il nuovo maestro… – dissi, e le feci vedere la lettera.
Il Direttore mi vide, si mise le mani nei capelli.
– Ma che fanno – gridò – al Provveditorato? Mi mandano un ragazzino quando ho bisogno di un uomo con grinta, baffi e barba da Mangiafoco, capace di mettere finalmente a posto quei quaranta diavoli scatenati! Questo appena lo vedono se lo mangiano!…
Poi, battendomi una mano sulla spalla:
– Avete vent’anni? – disse. – Ma ne dimostrate sedici. Questo mi preoccupa molto.
Che Iddio ce la mandi buona! – Esclamò il Direttore.
Mi guardò in faccia, con fiducia:

View original post 546 altre parole

I due amici dell’usignolo

"La casa nel bosco"

i-due-amici-dellusignolo

[…]

Un usignolo aveva due amici.
Uno era un orso della montagna, un bell’orso dal pelame fitto, dai denti lucenti, che trottava tutto il giorno lassù, tra i sentieri delle pinete, tra i rovi e i cespugli selvatici, alla ricerca di bacche zuccherine e di frutti dolci con cui soddisfare la sua golosità.
Un giorno una lunga spina punse in profondità l’orso Martino e, mentre esso si batteva entro un cespuglio, un usignuolo, commosso dai suoi brontolii dolorosi, era venuto sino a lui volteggiando e con l’abile becco gli aveva strappata la spina..; poi improvvisatosi infermiere, aveva anche medicato la ferita con erbe di montagna, di cui conosceva le virtù.
In breve l’orso guarì e da quell’istante dimostrò un’immensa riconoscenza verso la fragile bestiola piumata.
E ogni giorno l’usignuolo volava fin sulla montagna a salutare il suo amico orso.
L’uccellino aveva pure un secondo amico, un uomo della valle, un…

View original post 223 altre parole

La madre

"La casa nel bosco"

images

[…]
Dalla fattoria lontana molte miglia il figliuolo è venuto a piedi, a trovare sua madre.
Nell’atrio ha chiesto notizie di lei al medico e ha bevuto le poche, le solite parole con un largo viso faticosamente attento, spiando a tratti, d’intorno, ogni porta, se la vedeva apparire.
Dopo un lungo attendere in parlatorio, il cappello fra le gambe, la madre è comparsa, trascinata per un braccio da una suora.
Mamma! o mamma! –
Non ha detto altro, non poteva dir altro.
Le sue grosse mani gonfie hanno afferrato quelle bianche della vecchia, alta, pallida, assente.
I due volti sono rimasti di fronte, senza toccarsi: quello di lui arso dal sole, quello di lei sbiancato e senz’anima.
Soltanto le mani hanno continuato un loro oscuro, tormentoso linguaggio.
Pareva che la vecchia avesse serbato nel tratto qualche traccia di vita perché le sue dita scarne cercavano, tentavano qualcosa, come…

View original post 310 altre parole

Soffitta

"La casa nel bosco"

Mia cugina mi racconta: sai perché rivedo le mie compagne di collegio? Voglio scoprire chi mi ha procurato un castigo tanti anni fa. Una di loro ha buttato parte del pranzo sotto il tavolo. La responsabile del refettorio vuole la confessione, o tutte senza cena. È tardi è passata un’ ora, due, tre, silenzio; e cosa faccio? Dico: sono stata io, ma non era vero, tutte finalmente cenano; io in castigo nella bassa e buia soffitta. Non sono triste perché là avevo nascosto una scatola con delle mele, noci, castagne, risparmiate a tavola per averle a Natale. Quel tesoro mi avrebbe fatto sentire meno sola quando tutte avrebbero ricevuto doni e io no. Do un bacio alla scatola e dimentico la cena.

View original post

Il ladro Luca

"La casa nel bosco"

il ladro luca - Bozza 2

[…]
Al ladro Luca, nella notte annuvolata, bastò la luce di poche stelle per scendere in una casa dall’abbaino e farvi un bottino di prim’ordine. Ora ne riusciva con piena la sacca e l’animo contento. Alzò gli occhi un attimo al cielo che si stava sgombrando, poi guardò il tetto lentamente in giro. Tutto il mondo era in silenzio e vuoto, non c’era nel mondo altro che lui Luca su quel tetto vicino al cielo. […]
La vista delle tegole lo riposava. Lui sa camminare sui tetti come un gatto. Pregustava la maraviglia dei suoi compagni e forse un elogio del Capo. […]
Ma girando frattanto lo sguardo verso la cresta del tetto, agghiacciò.
Da dietro quel vertice era spuntata una testa grossa e nera, due occhi lucidi traverso l’ombra lo saettarono, poi di colpo un uomo fu in piedi a sommo del tetto col braccio teso e la rivoltella…

View original post 639 altre parole

Umberto Eco: il monumento di Marco Lodola ad Alessandria, di Lia Tommi

La Milanesiana ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi vi invita all’ultimo evento della sua ventesima edizione, con un incontro storico.
Mercoledì 31 luglio alle 19.30 appuntamento in Piazza Vittorio Veneto ad Alessandria per l’inaugurazione del Monumento a Umberto Eco, cittadino di Alessandria, opera di Marco Lodola.

• Saluti istituzionali di Luciano Mariano (Presidente Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria) e di Gianfranco Cuttica di Revigliasco, sindaco di Comune di Alessandria
• Intervengono l’artista Marco Lodola, Mario Andreose, Elisabetta Sgarbi, Vittorio Sgarbi e lo scrittore Roberto Cotroneo
• Concerto degli eXtraLiscio

Vi aspettiamo! 🌹

Momenti di poesia. Il vento beffò, di Agnese Giallongo

Momenti di poesia. Il vento beffò, di Agnese Giallongo

67869879_2384298841626527_3958697135116910592_n

Il vento beffò

Furioso cattivo
il sibilo del vento
stordiva cuore e mente,
in lotta con tutto
quel che trovava,
canne di bambù
e giunchi vessava
piccoli fiori appena nati.

Un fiore sull’asfalto
in due si piegava,
mi sembrava
sentirlo piangere
piano tra foglie e scricchiolii
per nascondersi
dalla furia del vento
un fiore che amavo.

Ma lui forte nato
nello sporco con radici profonde
il vento beffò,
sorrideva felice anche il cielo.

Agnese Giallongo
REG@